templari energie rinnovabili
Mi Piace! Mi Piace!:  25
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  7
Pagina 1 di 8 12345678 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 22 su 159

Discussione: Consiglio per PDC con termosifoni

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Consiglio per PDC con termosifoni



    Ciao! Rieccomi a chiedere un consiglio. Sto valutando, in alternativa alla caldaia a legna, per riscaldamento e acs, la pompa di calore.
    Premetto che esiste già un impianto predisposto per i termosifoni ( cioè sono stati passati i tubi ma i termosifoni ancora non ci sono, e che farei anche l' impianto fotovoltaico.
    Sul fatto di poter avere una buona resa con l'abbinata PDC+ termosifoni ho letto pareri opposti, dall'entusiasmo totale allo scetticismo altrettanto totale.
    Vorrei capire cosa potermi onestamente aspettare, in termini di calore e di costi.
    La casa ha muri spessi in pietra, tetto coibentato, intonaco termoisolante in terra cruda, infissi in legno con vetrocamera. Siamo in provincia di Ragusa quindi fascia b. Termperature vicine allo zero per pochi giorni, ma mai sotto.
    Metri cubi totali 540. Cerco esperienze di altri, consiglio sul dimensionamento della PDC e dei termosifoni ( se esiste un calcolo per determinare il numero di elementi dal volume della stanza)
    Vorrei anche che qualcuno mi spiegasse in maniera convincente come è possibile che l'acqua a 35 gradi e quindi termosifoni quasi freddi, possa scaldare un ambiente.
    Grazie per i consigli
    Anna

  2. #2
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    in zona b con un minimo di attenzione all'impianto è facile spendere come la legna per scaldare ma senza doverla gestire.
    infissi di che anno sono? tetto coibentato con cosa, quanti cm e quando? dovresti poi misurare lo spessore delle pareti.
    hai per caso anche dei dati/calcoli sulle dispersioni?
    dovendo ancora mettere i termosifoni, in caso di pdc è meglio metterli un po' più grandi del solito.
    termosifoni a 35°C sono comunque 15°C più caldi dell'ambiente quindi scaldano, poco ma scaldano.

  3. #3
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Annaluisa vedo che francy ha già fatto le domande giuste
    Prova a descrivere spessore muri e coibentazione del tetto in modo da capire meglio le dispersioni
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  4. #4
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Io ho l'impianto di casa con termosifoni usati a bassa temperatura con climatica da 35 a 50 gradi.
    Qualsiasi oggetto più caldo della temperatura ambiente riscalda, la differenza tra un termosifone usato a 35 gradi e uno usato a 65 é ovviamente il tempo che impiega a riscaldare, e il comfort percepito.
    Inoltre per far andare i termosifoni a bassa temperatura si deve "caricare" di elementi per bene l'ambiente che si desidera riscaldare, quindi devi farti bene i conti su ciò che vai ad acquistare e la relativa resa a bassa temperatura.
    Io in casa ho messo elementi Sira bimetal,interno acciaio esterno alluminio.
    Ci va un quarto dell'acqua dei termosifoni classici in alluminio e hanno una resa eccellente, ovviamente per farli andare a bassa temperatura ho dovuto praticamente raddoppiare il numero di elementi necessari a riscaldare.
    Con una pompa di calore andresti decisamente tranquilla usando questo tipo di termosifone, da dire che ogni elemento costa circa il doppio rispetto a quelli in alluminio standard

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk

  5. #5
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da bravo666 Visualizza il messaggio
    Io in casa ho messo elementi Sira bimetal,interno acciaio esterno alluminio.
    Ci va un quarto dell'acqua dei termosifoni classici in alluminio e hanno una resa eccellente, ovviamente per farli andare a bassa temperatura ho dovuto praticamente raddoppiare il numero di elementi necessari a riscaldare.
    In che senso una resa eccellente? Cos'hanno di particolare?
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  6. #6
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Rendono meglio dei tradizionali grazie al circuito interno in acciaio con l'esterno in alluminio per dissipare meglio il calore.
    I radiatori classici si raffreddano in fretta appena smette di passare il fluido all'interno (stacco del termostato) mentre questi rimangono caldi più a lungo proprio grazie all'impiego dell'acciaio che disperde più lentamente il calore rispetto all'alluminio.
    Inoltre vengono risempiti con circa un quarto dell'acqua necessaria rispetto agli altri, per ogni elemento a seconda dell'interasse usato si va dai 165 ai 250 cl, il che significa che l'acqua necessaria al circuito di riscaldamento si riduce moltissimo con grandi benefici per i consumi.
    Tanto per dire, io riscaldo 300 mq di casa in zona climatica E con meno di 65 litri di acqua nell'impianto e ho una mandata con controllo climatico esterno che varia da 35 a 50 gradi massimi,e mi sono pentito di aver messo la caldaia a pellet col puffer.
    Visti i risultati ottenuti avrei potuto mettere direttamente una bella pdc che la spesa per il riscaldamento sarebbe forse stata la stessa, ma sará il passo da fare appena "ripagato" l'investimento fatto

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk

  7. #7
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Francy, i muri sono spessi 60 cm, in pietra, è una costruzione che avrà un centinaio d'anni, se non di più. È intonacata internamente con un intonaco a base di argilla paglia e canapa. Il tetto è in legno, con 2 strati di tavolato, sughero 6cm, telo isolante, camera d'aria 8 cm, ondulina di cemento, e tegole. Gli infissi messi l'anno scorso sono in legno di okume, con vetrocamera. In estate la coibentazione funziona bene, infatti non sentiamo necessità di raffrescare, tranne per i pochi giorni di picco a luglio. In inverno invece la casa è umidiccia e freddina. Lo scorso inverno ci siamo scaldati con due stufe a legna.

  8. #8
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da bravo666 Visualizza il messaggio
    Rendono meglio dei tradizionali grazie al circuito interno in acciaio con l'esterno in alluminio per dissipare meglio il calore.
    Rendono come quelli in alluminio ho guardato ora la scheda tecnica.
    Prendendo ad esempio elementi da 800mm di interasse hanno 172w di potenza a delta T 50° (direi anche un pelo inferiore a un radiatore global vox che ne eroga 181w)
    Forse l'unico vero vantaggio è l'acciaio a contatto con l'acqua, per il resto mi sembra solo marketing, senza offesa ma è solo per essere obiettivi

    Non so chi ti abbia raccontato che avere meno acqua nell'impianto riduce i consumi.... ma è una baggianata

    Per Annaluisa sicuramente vale il discorso di avere elementi un po' sovradimensionati ma direi che quelli in alluminio, se non si vuole spendere una fortuna, sono ottimi per la pdc.
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  9. #9
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Bé, posso assicurarti che il cambio di consumi l'ho notato però, al di lá della pubblicitá...i tempi di riscaldamento di 200 litri di liquido sono differenti rispetto a 100 litri, questo credo sia normale.
    Considera che prima avevo circa 180 litri di acqua nel circuito, prima che arrivasse a regime con mandata costante a 45 e ritorno a 35 ci metteva quasi 4 ore per raggiungere i 21 fissi in casa partendo da 18, ora stessa identica caldaia pellet da 35 kw e puffer da 1000 litri in due ore scarse arriva a temperatura l'acqua del circuito e la casa.
    La questione resa, credo di essermi espresso male, nel senso che non intendo la resa all'ambiente in termini di potenza, ma intendo il mantenimento del calore, restano caldi più di un'ora dallo spegnimento del circolatore cosa che prima con elementi puramente in alluminio tempo 20 minuti ed erano freddi, anche questo aiuta nell'ottica del mero risparmio.
    Poi hai ragione, di barzellette me ne hanno raccontate tante, però posso dirti che per quanto non abbia raggiunto i risultati decantati ho avuto indubbiamente un netto miglioramento rispetto la situazione precedente

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk

  10. #10
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Su un impianto a biomassa come il tuo concordo che l'inerzia dopo lo spegnimento è utile.
    Nel caso della pdc questo è assolutamente ininfluente perché rimane accesa H24

    sul discorso che scaldi la casa in metà tempo è dovuto al semplice fatto che hai raddoppiato i termosifoni
    Una caldaia come la tua ci mette qualche minuto a portare in temperatura 200 litri di acqua quando è partita a pieno regime...

    Sul fatto che ti abbiano raccontato qualche baggianata questo mi dispiace comunque l'importante è che hai raggiunto un buon risultato

    Per essere chiari non volevo criticare la tua scelta ma semplicemente far capire che in caso di pdc spendere il doppio per quei termosifoni rispetto a quelli in alluminio non è assolutamente conveniente.
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  11. #11
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    No no per caritá, critiche e consigli o semplici opinioni servono sempre per far vedere più chiaro le cose anche a chi come me ha magari visioni diverse o non pienamente consapevoli, ci mancherebbe.
    Effettivamente ragionando su una pdc va bene qualsiasi radiatore (tranne quelli in ghisa, ma credo non li abbia più nessuno se non qualche ufficio pubblico), é che non consideravo il discorso di funzionamento h24 effettivamente

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk

  12. #12
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Si si siamo qui per ragionare insieme e abbiamo fatto scelte giuste o errate un po' tutti prima di arrivare alla corretta soluzione.

    Pensa che tu adesso dalla biomassa vorresti passare ad una pdc in zona E...
    Annaluisa al contrario sembra avere molto timore della pdc in Sicilia....
    Magari come molti che si approcciano per le prime volte sul forum anche lei ha il terribile timore di rimanere al freddo....
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  13. #13
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da max.c Visualizza il messaggio

    Annaluisa al contrario sembra avere molto timore della pdc
    Magari come molti che si approcciano per le prime volte sul forum anche lei ha il terribile timore di rimanere al freddo....
    Hai ragione max vi sto facendo un capoccione con tutti i miei dubbi!
    Per questo invito se c'e qualcun altro con situazione simile, cioè casa singola, muri in pietra, soffitti alti, termosifoni... a palesarsi..mi sarebbe molto utile un confronto..grazie!

  14. #14
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da bravo666 Visualizza il messaggio
    ....
    Io in casa ho messo elementi Sira bimetal,interno acciaio esterno alluminio.
    Ci va un quarto dell'acqua dei termosifoni classici in alluminio
    Vanno bene tutti i tipi di radiatori, anche quelli in ghisa.
    L'unico accorgimento ( non obbligatorio ) è di preferire elementi con alto contenuto di acqua... la PDC ha bisogno di una certa inerzia che può essere offerta anche inserendo un inerziale, ma meglio sarebbe agire sulla quantità di acqua negli elementi stessi.

    Il fatto che siano a basso contenuto di acqua non li rende particolarmente adatti ad essere usati con le PDC.

    F.
    Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
    Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

  15. #15
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Sono 5 anni che ho pdc con radiatori ( in ghisa ) , l'ultimo inverno ho consumato per riscaldamento e acs 2.500 kw elettrici
    Casa 180 mq, provincia di Roma
    Temperatura di mandata intorno ai 36° - 40°
    Radiatori appena tiepidi
    Accensione minimo 12 ore al giorno, h 24 una settimana l'anno
    Confort ottimo
    Se aggiungi fotovoltaico , chiudi il cerchio

  16. #16
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da federico2 Visualizza il messaggio
    Sono 5 anni che ho pdc con radiatori ( in ghisa ) , l'ultimo inverno ho consumato per riscaldamento e acs 2.500 kw elettrici
    Casa 180 mq, provincia di Roma
    Temperatura di mandata intorno ai 36° - 40°
    Radiatori appena tiepidi
    Accensione minimo 12 ore al giorno, h 24 una settimana l'anno
    Confort ottimo
    Se aggiungi fotovoltaico , chiudi il cerchio
    Grazie Federico tu che PDC hai messo? 2500 kW elettroni tradotto in soldi quanto fa?

  17. #17
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da federico2 Visualizza il messaggio
    Casa 180 mq, provincia di Roma
    fabbisogno energetico abitazione ? (kW/mt2 annuo, ovvero classe energetica)
    storico precedente con altro combustibile ?
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , riscaldamento a biomassa e PDC
    Scopri e guarda chi sono: www.erregisas.org / 348-8581140
    Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG


  18. #18
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Annaluisa r Visualizza il messaggio
    Grazie Federico tu che PDC hai messo? 2500 kW elettroni tradotto in soldi quanto fa?
    Sul comparatore offerte Arera 2500 kw spendi da 450 euro mercato libero a 550 in maggior tutela.
    Ho anche fotovoltaico da 3 kw , la mia spesa totale si riduce a 400 euro per anno,
    grazie allo scambio sul posto del fotovoltaico

    Pdc carrier da 8kw temici

  19. #19
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao federico2, potresti dare risposta a questi quesiti? grazie


    fabbisogno energetico abitazione ? (kW/mt2 annuo, ovvero classe energetica)
    storico precedente con altro combustibile ?
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , riscaldamento a biomassa e PDC
    Scopri e guarda chi sono: www.erregisas.org / 348-8581140
    Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG


  20. #20
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Annaluisa r Visualizza il messaggio
    Ciao Francy, i muri sono spessi 60 cm, in pietra, è una costruzione che avrà un centinaio d'anni, se non di più. È intonacata internamente con un intonaco a base di argilla paglia e canapa. Il tetto è in legno, con 2 strati di tavolato, sughero 6cm, telo isolante, camera d'aria 8 cm, ondulina di cemento, e tegole. Gli infissi messi l'anno scorso sono in legno di okume, con vetrocamera. In estate la coibentazione funziona bene, infatti non sentiamo necessità di raffrescare, tranne per i pochi giorni di picco a luglio. In inverno invece la casa è umidiccia e freddina. Lo scorso inverno ci siamo scaldati con due stufe a legna.
    il buon tetto e i serramenti nuovi danno una bella mano.
    non avrai problemi a scaldare con pdc in modo conveniente (almeno alla pari della legna), basta solo dimensionare con un po' di criterio i termosifoni.
    se hai qualcuno che ti segue, può dimensionarli facilmente.
    in alternativa anche se posti una piantina si può fare un dimensionamento di massima

  21. #21
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Benvenuto dott nord est nella sezione pdc.
    Mi permetto di fare gli onori di casa.
    Federico sappiamo bene che abita sui castelli e la sua casa non è certo l'ultimo ritrovato di isolamento.
    Poi la carrier per carità ha fatto storia ma non è certo l'ultimo ritrovato di tecnologia.

    Perdonami Federico nessun offesa e ti prego non volermene ma è per far capire a dott!
    Sai a lui sembra strano 400€ su 180mq.... Valli a fare con la biomassa.... Mi viene da ridere....
    Ma questa è l'ItaGlia in mano a chi ancora vuole difendere la legna...
    Ragazzi sveglia!!! Siamo nel 2019!!!! Sai magari qualcuno ancora non se ne è accorto. Povero lui....
    Un abbraccio a tutti quelli intrappolati nella schiavitù vi compatisco e vi sono vicino.
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  22. #22
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Max figurati se mi offendo.
    Ho controllato bene le bollette e i rimborsi
    Il totale delle bollette elettriche dell'ultimo anno è stato di 970 Euro, di cui 100 E di canone Rai, per 4000kw ( maggior tutela)
    Il rimborso ssp è stato di 311 Euro
    Ricapitolando : Spesa energia 870 - rimborso 311 = 559 Euro per il 2018

Pagina 1 di 8 12345678 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Consiglio sostituzione caldaia e termosifoni con PDC e Fancoil
    Da mariolino320 nel forum Pompe di Calore e Condizionatori
    Risposte: 38
    Ultimo messaggio: 15-10-2019, 11:53
  2. Consiglio risparmio energetico Termosifoni in ghisa
    Da jack-water nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 59
    Ultimo messaggio: 23-01-2019, 17:11
  3. consiglio per acquisto termosifoni con basso coefficiente KCHF
    Da duroon nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 03-12-2018, 14:21
  4. Consiglio su termosifoni
    Da Meinardi nel forum BIOMASSE
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 18-03-2018, 09:53
  5. Consiglio caldaia/termosifoni per riscaldamento e acs metano
    Da gallas nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 20-03-2014, 11:50

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •