templari energie rinnovabili
Mi Piace! Mi Piace!:  20
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 2 di 5 primaprima 12345 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 23 a 44 su 103

Discussione: Pompa di calore Riello Domus 12ES e ACS insufficiente

  1. #23
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Quote Originariamente inviata da sergio&teresa Visualizza il messaggio
    Cambi macchina....
    Sono disposto a tutto, mi suggerisca quale, mi aiuterebbe a mettere tutti con le spalle al muro. Perche' qui c'e' anche da capire chi fa l'interesse di chi.
    grazie

  2. #24
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da rrrmori53 Visualizza il messaggio
    Quella "cosa " li, da scheda tecnica

    11) Massimo volume d’acqua utilizzabile con temperatura minima di 40°C, temperatura del serbatoio di 53°C, portata di 10l/min. Valori conformi
    allo standard EN 16147....................................135 litri

    COME UNA COMUNISSIMA caldaia a gas, solo che con il gas i 10 Litri minuto non finiscono dopo 2 docce
    Se i dati sono questi è ovvio che puoi avere problemi nel fare 2 docce contemporaneamente/usare lavello e doccia insieme.
    Con una portata ad esempio di 20l/min ovviamente hai molto meno dei 135 litri dichiarati.
    Indubbiamente non dovresti invece avere problemi facendo le docce una dietro l'altra mantenendo la portata a 10litri/min. (Ovviamente max 67,5 litri per doccia)

    Probabilmente avrebbero dovuto prevedere un PIT da almeno 500litri per stare tranquillo anche in futuro. (4 persone)

  3. #25
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Luca81.2020 Visualizza il messaggio
    qui c'e' anche da capire chi fa l'interesse di chi.
    Per quanto mi riguarda io mi faccio i miei, e già faccio fatica.

    Se leggi il forum ci sono discussioni aperte su diverse pdc, da modelli più costosi a modelli più economici. Tutte fanno sia acs che riscaldamento.

    Il problema della macchina che hai è che l’accumulo è un po’ piccolo, e va anche capito se/quanto disperde, e se effettivamente l’installazione che ti hanno fatto ti riscalda tutto l’accumulo o solo una parte: nel qual caso i 135 litri di acs non li hai.

    C’è perciò un problema di fondo che quella macchina, o come è installata, ha, e cioè che sta troppo tempo a cercare di fare acs e non a riscaldare la casa. Questo problema una pdc non dovrebbe averlo, una volta dimensionato correttamente l’accumulo acs e controllato il livello di dispersioni l’acs si carica una-due volte al giorno e per il resto la pdc scalda la casa.
    PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

  4. #26
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Per essere chiari, l'accumulo della Domus e' standard: 200 litri. Non ci sono volumi maggiori a disposizione. La PDC viene venduta macchina esterna e modulo interno. Il modulo interno ha un accumulo di 200litri uguale per tutte le potenze esterne, non c'e' modo di aumentare il volume se non sostituendola.

    Luca S.

  5. #27
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ottimo... allora devi prendertela con chi (idraulico) non ti ha avvertito che avresti avuto solo 135litri di ACS con una portata di 10litri/min.
    Perchè immagino che lui avrebbe dovuto calcolare la possibilità di utilizzare 2 bagni "insieme"

  6. #28
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da luckysquid Visualizza il messaggio
    Ottimo... allora devi prendertela con chi (idraulico) non ti ha avvertito che avresti avuto solo 135litri di ACS con una portata di 10litri/min.
    Perchè immagino che lui avrebbe dovuto calcolare la possibilità di utilizzare 2 bagni "insieme"
    Gia' fatto anche con lettera legale, ora devo andare oltre, devo fare le docce calde e scaldare casa. QUindi alimenta la PDC con ACS e' bocciata, rimane smontare tutto.

  7. #29
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da luckysquid Visualizza il messaggio
    Se i dati sono questi è ovvio che puoi avere problemi nel fare 2 docce contemporaneamente/usare lavello e doccia insieme.
    Pompe di Calore
    Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
    Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
    Utente EA dal 2009

  8. #30
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Luca81.2020 Visualizza il messaggio
    Per essere chiari, l'accumulo della Domus e' standard: 200 litri. Non ci sono volumi maggiori a disposizione.
    Va bene ma ci sono millemila altri modelli di pdc che puoi installare, con accumulo che ti puoi scegliere tu a parte eventualmente, oppure scegliere un altro modello compatto con accumulo integrato più grande.
    PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

  9. #31
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    @rrrmori53: Immagino che hai guardato qui per la quantità di ACS: https://www.riello.it/catalogo/pompe...kpuu585ffh.609

    @luca: aspetta info da chi ha il PIT su PDC, ma credo montino tutti roba "adeguata" tipo PIT da 500 litri che ti produce 250/300 litri effettivi. Se non puoi montare un PIT più grosso in realtà non è che ci siano tante soluzioni. O prendi una pdc solo per acs o usi la caldaia per tamponare la poca quantità di acqua che hai. La cosa sconvolgente è che il tuo idraulico ti ha montato un accumulo assolutamente piccolo per una famiglia "tipo". 135 litri se "reali" sono per 2 docce abbondanti..

  10. #32
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Si......................nota 11 specifica tutto
    Anche troppo chiaro
    Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
    Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
    Utente EA dal 2009

  11. #33
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Se la matematica non e' un'opinione, 10 minuti di doccia a 9 l/min sono 90 litri...la seconda doccia e' mezza doccia.

    Non si puo' montare un PIT piu' grande, la macchina esterna viene fornita con il suo PIT che ha il volume di acqua tecnica da 200 litri e ACS 135 litri.

    La sola soluzione che vedo prima di smantellare tutto e' quella di tentare di preriscaldare l'acqua in entrata con un ACS dedicato (in verita' mi sta venendo in mente che potrei fare una prova preriscaldando con un vecchio scaldabagno...)
    Se preriscaldo l'acqua sanitaria in entrata, il serpentino interno non raffredda l'acqua tecnica e quindi la PDC fara' sempre riscaldamento o raffrescamento senza pendolare a causa delle richiese di acqua calda.

  12. #34
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Luca81.2020 Visualizza il messaggio
    Con questa soluzione io non raffreddo il contenuto di acqua tecnica di 200 litri e la PDC non pendola.

    Secondo voi, dove sto sbagliando in questo ragionamento?
    Il tuo sistema ha un problema che non risolverai mettendoci un altra PDC in serie.. al limite lo mitighi.

    Tu scaldi gia 200 Lt di acqua a 55 gradi ( se ho capito bene .. ) e questo fa si che sia IMPOSSIBILE che denunci problemi di disponibilità di ACS cosi marcati.. è evidente che quel calore lo stai disperdendo da qualche parte.
    E' sufficiente una installazione errata che non rispetti pendenze e posizionamento dei tubi che il calore puo sfuggire per fughe termiche... per questo io sostengo che avere un impianto svincolato che fa ACS in un accumulo dedicato e separato dall'impianto di riscaldamento, mette al riparo da molti e comuni errori di installazione.

    .. poi il solare termico , oltretutto a tubi sottovuoto, proprio non si puo sentire dove c'e' una PDC + FV ....

    Auguri.

    MODIFICO il post dopo aver letto meglio le caratteristiche del tuo accumulo.

    La qualita sembra buona e il problema è probabilmente dovuto alla quantita di ACS che risulta sottodimensionata rispetto alle tue esigenze.

    Se è questo il caso l'idea di aggiungere una PDC solo x acs puo essere risolutiva.

    La soluzione migliore tuttavia non è quella che hai pensato tu ma esattamente l'opposto... cioè con la Domus preriscaldi la ACS mettendo il set point ACS al minimo possibile.

    In uscita entri nell'accumulo in PDC nuovo che fa solo ACS cosi aumenti di molto la disponiblità di ACS.

    Ti consiglio una macchina che abbia un evaporatore esterno perche è molto piu' performante rispetto ad una con compressore installato all'interno. ( tipo Daikin ECH2O )

    F.
    Ultima modifica di fcattaneo; 29-10-2020 a 18:04
    Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
    Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

  13. #35
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fcattaneo Visualizza il messaggio

    MODIFICO il post dopo aver letto meglio le caratteristiche del tuo accumulo.

    La qualita sembra buona e il problema è probabilmente dovuto alla quantita di ACS che risulta sottodimensionata rispetto alle tue esigenze.

    Se è questo il caso l'idea di aggiungere una PDC solo x acs puo essere risolutiva.

    La soluzione migliore tuttavia non è quella che hai pensato tu ma esattamente l'opposto... cioè con la Domus preriscaldi la ACS mettendo il set point ACS al minimo possibile.

    In uscita entri nell'accumulo in PDC nuovo che fa solo ACS cosi aumenti di molto la disponiblità di ACS.

    Ti consiglio una macchina che abbia un evaporatore esterno perche è molto piu' performante rispetto ad una con compressore installato all'interno. ( tipo Daikin ECH2O )

    F.


    Sembra una soluzione ragionevole, in questo modo la PDC del riscaldamento non pendolera' mai e allo stesso tempo ACS fa meno fatica a raggiungere la T desiderata. Nei mesi di dicembre gennaio posso preriscaldare anche a 40 gradi, tanto va il riscaldamento. Nei mesi estivi imposto 30 e si accendera' una due volte al giorno.

    Con questa configurazione posso far fuori il pannello sottovuoto

  14. #36
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    a me viene il dubbio che ci sia qualche altro problema.
    d'estate arriva acqua tiepida dall'acquedotto, è impossibile non riuscire a farsi 2 docce con 200lt di accumulo, per quanto possa essere mal progettato.

  15. #37
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    non sono 200L di accumulo acs, ma di acqua tecnica che scalda l'acs con scambiatore a piastre... un successone

    praticamente produce la tessa acs di un boiler da 100L tenuto a 60g, questo però costa 150E e non 7500...

  16. #38
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    certo, però d'estate il fabbisogno è ridicolo. mi sembra strano non riuscire a soddisfarlo

  17. #39
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    appunto, se non ce la fa adesso, figurati quando viene inverno

  18. #40
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    @Luca81.2020
    Io proverei a sentire via mail la Riello direttamente cosi vedi
    1) se la Riello è una azienda attenta al cliente
    2) se puo darti qualche suggerimento
    3) se può mandare fuori un loro ispettore per verificare che l'impianto sia fatto 'a regola d'arte' cosi ti assicuri che l'idraulico che ha montato il tutto non ci abbia messo troppo del suo...

  19. #41
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Luca81.2020 Visualizza il messaggio
    ........

    Con questa configurazione posso far fuori il pannello sottovuoto
    esatto.. ed investire in una PDC X ACS che sia degna ( quella che ti ho indicato dispone di PIT e non di comune boiler, inoltre ha l'unita esterna split) .
    E sicuramente ti costa molto meno di un bidone con compressore integrato e pannelli sottovuoto.

    F.
    Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
    Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

  20. #42
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    premetto che dallo schema la pdc lavora o sul radiante o sull' accumulo, tramite la valvola a 3 vie.


    ... provato a verificare se:

    1- l' accumulo riesce a caricarlo alla max T impostabile da cima a fondo? O solo in parte? Dov'è posizionata la sonda di T sull' accumulo?

    2- quando lavora su acs va alla max potenza (testata con amperometro?)

    3- circolatore e circuito funzionano bene? Ovvero portate corrette? T di mandata e ritorno compatibili con il funzionamento? Non è che c'è qualcosa ... dimenticato dall' installatore (stoppa, residui vari...)

    4- programmato i vari valori in modo corretto ( T minima accumulo, tempi di intervento pdc sullo stesso, etc)?

    200 lt di acqua a 55 gradi dovrebbero produrre sufficienti minuti di acs a 43 ° da dare il tempo alla pdc di partire e ricaricare l' accumulo in caso di bisogno.

    Mi sembra strano che i progettisti non abbiano tenuto conto del tutto.....

  21. #43
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da scresan Visualizza il messaggio
    premetto che dallo schema la pdc lavora o sul radiante o sull' accumulo, tramite la valvola a 3 vie.


    ... provato a verificare se:

    1- l' accumulo riesce a caricarlo alla max T impostabile da cima a fondo? O solo in parte? Dov'è posizionata la sonda di T sull' accumulo?

    2- quando lavora su acs va alla max potenza (testata con amperometro?)

    3- circolatore e circuito funzionano bene? Ovvero portate corrette? T di mandata e ritorno compatibili con il funzionamento? Non è che c'è qualcosa ... dimenticato dall' installatore (stoppa, residui vari...)

    4- programmato i vari valori in modo corretto ( T minima accumulo, tempi di intervento pdc sullo stesso, etc)?

    200 lt di acqua a 55 gradi dovrebbero produrre sufficienti minuti di acs a 43 ° da dare il tempo alla pdc di partire e ricaricare l' accumulo in caso di bisogno.

    Mi sembra strano che i progettisti non abbiano tenuto conto del tutto.....
    Provo a rispondere alle tue domande partendo dal commento finale: i progettisti non hanno calcolato niente, da quello che ho capito hanno subappaltato tutta la soluzione a Riello, salvo poi farmi installare un venticonvettore a soffitto di sottomarca e insufficiente rispetto a quello di progetto. Conclusione, per cominciare a capire dove fosse il problema ho dovuto anche sfondare il controsoffitto per mettere la macchina canalizzata giusta (grazie ad un mio amico con cui ho condiviso i famosi calcoli).

    Alle domande 1, 2, 3 rispondo che il rappresentante Riello ha fatto intervenire per ben 15 volte uno dei suoi tecnici di fiduci a casa mia. Quindi presumo che abbiano verificato tutto. Anche che l'installazione sia stata fatta correttamente.

    Domanda 4: la temperatura del sanitario e' impostata su 52 gradi, il che significa che sopra in casa arriva a circa 50. Meno di cosi' gli altri membri della famiglia lamentano che la doccia e' fredda. La PDC quindi si spinge sempre al massimo, perche', mi hanno detto, essendo a gas ha dei tempi di isteresi che sono ampi e non sono modificabili.

    Il punto fondamentale secondo me e' che quando si chiama l'acqua calda, nella macchina entra acqua fredda diretta che abbatte drasticamente il potenziale termico dell'acqua tecnica. La macchina e' molto potente, ma ha dei tempi di reazione di 20 minuti mezz'ora invece il bollitore a me sembra concipito come quello di una caldaia.

  22. #44
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    50° sul telefono della doccia non sono sopportabili.

    42-43 secondo me sono ancora troppi e vanno miscelati con acqua fredda.

    Hai un termometro di precisione per misurare la T del boiler quando caldo?

    20 min affinchè la valvola a 3 vie bypassi il radiante? Cioè ?

    1- la valvola quando il boiler chiede "gira" subito ma la pdc ci mette 20 minuti ad andare in HT? e nel frattempo entra acqua a bassa T (quella tarata per il radiante)

    2- la valvola "gira" solo dopo 20 minuti dalla richiesta di calore della sonda nel boiler, con un ritardo che ti crea il problema.

    Per il resto leggo pdc da 12 kw.... quindi di potenza teorica ce n'è.

    .... non ho altre idee e mi spiace che non ce l' abbiano neanche i tecnici della riello!

Pagina 2 di 5 primaprima 12345 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Per la mia abitazione...pompa di calore si o pompa di calore no!!
    Da Lorenzo energia nel forum Pompe di Calore e Condizionatori
    Risposte: 79
    Ultimo messaggio: 22-07-2019, 08:26
  2. Domande caldaia Domus Riello KV (ISCN)
    Da paooolino nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 24-04-2019, 08:20
  3. Risposte: 15
    Ultimo messaggio: 09-01-2019, 19:46
  4. Ace - pompa di calore di potenza insufficiente
    Da SIMONE NICOLINI nel forum Solare TERMICO
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 15-12-2013, 12:51
  5. bruciiatore riello micro domus anni 60
    Da ermobg nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 02-08-2013, 21:24

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •