Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 5 di 8 primaprima 12345678 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 89 a 110 su 156

Discussione: Rossi-Focardi; la spiegazione!!!

  1. #89
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito



    @Vettore
    Credo tu abbia ragione nei solidi la cavitazione come la si conosce nei liquidi è abbastanza improbabile.
    E credo sia un errore cercare di eguagliare i due fenomeni perchè un conto è la forma e un conto è la sostanza.
    La forma è indiscutibilmente quella del vortice proprio per la natura stessa della materia, ma che questa influisca sulla materia stessa è tutta un'altra cosa e tutta da dimostrare ancora.
    Ultima modifica di GabriChan; 01-05-2011 a 11:36

  2. #90

    Predefinito

    @Belseken
    http://www.energeticambiente.it/l-e-...#post119200306

    Entro martedì sarà online l'intero seminario.

  3. #91
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Armando de Para Visualizza il messaggio
    Entro martedì sarà online l'intero seminario.
    Ok, quella è la dimostrazione. Ma la spiegazione io non la vedo. Soprattutto non capisco cosa e come possa c'entrare la cavitazione quando è assente la fase liquida...
    Spero che, una volta messo il seminario online, se ne capisca di più.

  4. #92

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BesselKn Visualizza il messaggio
    Soprattutto non capisco cosa e come possa c'entrare la cavitazione quando è assente la fase liquida...
    Con l'estensione ai solidi la ricerca sulle reazioni piezonucleari ha prodotto nuovi e incoraggianti risultati. Questo è stato possibile anche grazie al contributo di valenti ricercatori con i quali il Prof Cardone e il suo staff hanno potuto fattivamente collaborare.
    Primo fra tutti il Prof. Carpinteri, del Politecnico di Torino e l'equipe di ingegneri della STARTEC di Milano.
    Proprio questa azienda, su indicazioni dei Proff. Cardone e Carpinteri, ha realizzato un reattore avanzato (ne vediamo in foto la sola parte contenitiva).
    Il reattore, che può essere considerato come un primo tentativo di prototipo industriale, ha prodotto con un'esigua immissione di energia sottoforma di ultrasuoni (19 W contro i 100w immessi nei liquidi tramite il primo prototipo sperimentale), un flusso neutronico ben più consistente di quanto precedentemente ottenuto. Il tutto in soli 5 min. di attivita' contro i 90 impiegati nelle prime indagini sperimentali. Riconfermata definitivamente anche nei solidi l'assenza di radiazioni ionizzanti alfa, beta e gamma. Il "piezo-nucleare" dal ferro è pulito.
    Aldilà di qualsiasi entusistica speculazione è a riguardo auspicabile un’intensificazione della ricerca proprio dal punto di vista dello sfruttamento industriale.
    C’è da considerare che i risultati fin qui ottenuti con una disponibilità di risorse contenuta, lasciano intravedere ben altre possibilità di sfruttamento. Sembra sempre più plausibile l’inconsistenza della fusione fredda e che ogni qualvolta siano stati osservati fenomeni a lei ricondicibili in realtà ci si trovasse al cospetto di reazioni piezonucleari.
    NUOVO NUCLEARE

    http://www.energeticambiente.it/l-e-...#post119201312

    http://www.energeticambiente.it/l-e-...#post119200558

    http://www.energeticambiente.it/l-e-...#post119200861
    Ultima modifica di Quantum Leap; 02-05-2011 a 07:36 Motivo: riduzione urla

  5. #93
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Be', avevo già letto che si trattava di reazioni piezonucleari. Piezo viene dal greco e significa schiacciare, comprimere, spremere.
    Il fenomeno della cavitazione necessita (ma non è sufficiente!), per definizione, che esista la fase liquida. Quindi, a meno che non si dimostri che durante la frattura avviene una liquefazione locale del materiale, non vedo come si possa anche solo ipotizzare che la cavitazione abbia un qualche ruolo.

    Io cercherei le spiegazioni in altre direzioni...

  6. #94
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito saldatura a ultrasuoni

    Ciao a tutti.

    Mi permetto di intervenire con un link http://www.ing.unitn.it/~luttero/TecnologieSistemiLavorazione/SaldaturaI.pdf.

    E' un documento sulle tecniche di saldatura, dove a pagina 36 si cita brevemente la saldatura ad ultrasuoni, normalmente utilizzata nei processi industriali.
    In questa breve descrizione si può vedere che attraverso l'applicazione di ultrasuoni avviene una fusione (ufficialmente solo per le materie plastiche) nelle superfici da unire.
    Ammettendo che questa transizione solido-liquido avvenga anche nei metalli, seppure in modo puntiforme (d'altronde mi pare il modo più semplice per spiegare il fatto che si uniscono), allora possiamo anche ammettere per estensione logica che la parte solida del metallo trasmetterà gli ultrasuoni a quella liquida, di conseguenza possiamo avere micro-cavitazione puntiforme e localizzata, senza incappare nel problema della transizione solido-gas che sembra essere così inaccettabile... D'altronde, personalmente mi è più facile credere che TUTTE le transizioni solido-gas passino attraverso una membrana liquida, magari di spessore infinitesimo...
    Qualcosa di simile alle esplosioni chimiche, che in realtà sono combustioni molto veloci, dove in effetti si ha un fronte di fiamma, che altro non è che una membrana tra esplosivo e gas combusto, che si sposta molto velocemente...

    La mia, ovviamente, è solo un'ipotesi. Non ho intenzione di prendere posizione nella diatriba nata in queste ore tra due utenti. Anzi, con questo mio intervento vorrei semmai trovare un punto di unione tra due punti di vista che ritengo entrambi corretti...

    In realtà, ho trovato questo link mentre cercavo informazioni sulle possibilità di autocostruzione di un sonotrodo, allo scopo di replicare il dispositivo descritto qui NUOVO NUCLEARE (link postato qualche messaggio fa) che è composto semplicemente da un sonotrodo a ultrasuoni che agisce su una barra di ferro.
    E questo, a sua volta, allo scopo di costruire un generatore per testare sistemi di misura casalinghi per i neutroni, oggetto questo di un'altra discussione da me aperta in questo forum.

    Sperando di aver contribuito in qualche modo, e sperando di non aver scritto troppe stupidaggini, continuo il discorso del sonotrodo nell'altra discussione, dove è più corretto.

  7. #95
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da lostdog Visualizza il messaggio
    personalmente mi è più facile credere che TUTTE le transizioni solido-gas passino attraverso una membrana liquida, magari di spessore infinitesimo...
    Purtroppo ti sbagli: durante la sublimazione, per definizione, NON si passa per la fase liquida.

  8. #96
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Armando de Para Visualizza il messaggio
    @Vettore
    Pensavo fosse superata questa fase di comprensione dei fenomeni della cavitazione.
    No, non lo è affatto, perchè a parte ribadire la tua versione non hai fornito alcuna spegazione dettagliata o dato di supporto. Così come (tal'hanno fatto notare anche altri), neanche i fenomeni che avvengono nei reattore di Rossi sono spiegati, come prometteva il titolo del 3d. Non c'è la minima prova che nel reattore avvenga cavitazione (non si sa nemmeno che cosa ci sia di preciso dentro! Come pretendi di avere la spiegazione!), e comunque le reazioni piezonucleari producono fissioni a quanto pare, non fusioni come nel caso del reattore di Rossi...

    Sicuramente sarai molto bravo ed esperto nel campo in cui ti occupi, ma di certo non sei un esperto di cavitazione, ti invito a non scrivere in merito a cose che non conosci dando per assoluto e certo quanto affermi, metti in confusione chi si sta avvicinando a queste nuove tecnologie e aplicazioni.
    Quello che affermo è credibile se è supportato da logica, teorie verificate ed accettate, dati sperimentali o reference, non per il solo fatto che lo scriva io. La stessa cosa si può dire per quello che hai scritto tu fino ad ora: la sua credibilità dipende dalle argomentazioni che porti. Fino ad ora sinceramente non ho letto ne ragionamenti convincenti da un punto di vista scientifico, ne tantomento riferimenti adeguati alla letteratura.
    In più noto una certa veemenza in quello che scrivi, che sinceramente non capisco, e che è estranea sia allo spirito del forum, sia a quello della scienza in generale (dove parlano i fatti, non le persone).

    Al contrario puoi fare domande o porre delle ipotesi, troverai risposta!!!
    Refence! Questo ti chiedo. Quando fai delle affermazioni, cita 4 o 5 riferimenti bibliografici, possibilmente indipendenti tra loro. Tipo, tanto per cominciare: dove l'hai letto che la cavitazione può avvenire nei solidi? E' un fatto noto, risaputo ed accettato? Vediamo, o sono davvero un ignorante, o ci saranno vagonate di reference...

  9. #97
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ragazzi, ma ci fate o fate finta di non esserci?
    Questi sono i primi tre risultati di google con "cavitation solids":


    ScienceDirect - Studies in Applied Mechanics : On the dynamic cavitation in solids
    The sudden formation of voids in solids (a phenomenon named "cavitation" as in fluid mechanics has been observed in various kinds of materials (rubbers, elastomers, metals, composites) submitted to tension loadings.
    http://me.eng.sunysb.edu/~oscar/Publications_files/Proceeding_Lopez-Pamies_for_JSME_M&M_YRS.pdf
    Physical evidence has shown that sufficiently large tensile loads can induce the sudden appearance of internal cavities in elastomeric solids. The occurrence of such instabilities, commonly referred to as cavitation, can be attributed to the growth of pre-existing defects into finite sizes.
    http://scitation.aip.org/getabs/serv...ifs=yes&ref=no
    The impetus for much of these theoretical developments has been supplied by pioneering work of Ball in 1982. This model may also be interpreted in terms of the sudden rapid growth of a pre-existing microvoid.
    Per i più pigri c'è anche un video su youtube:
    http://www.youtube.com/watch?v=rw9QLIRr6zk

  10. #98
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Rimane il fatto che Rossi & co sostengono che il loro reattore emetta gamma, mentre di gamma nelle reazioni piezonucleari proprio non ne ho visti.

    E' chiaro che le tensioni che si sviluppano in fenomeni come la cavitazione o le sollecitazioni meccaniche a cui sono stati sottoposti i solidi POSSONO avere punti in comune, ma questo non dice nulla circa l'eventuale spiegazione circa il funzionamento del reattore Focardi Rossi. O per lo meno lascia il tutto aperto, parlare della spiegazione è al momento assolutamente prematuro.

  11. #99
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da zintolo Visualizza il messaggio
    Questi sono i primi tre risultati di google con "cavitation solids"
    Io ero già al corrente che stress meccanici (ma non solo quelli!) potessero provocare dei vuoti all'interno dei solidi. Mi sembra però fuorviante battezzare questo fenomeno come "cavitazione" dal momento che la cavitazione come la s'intende nei liquidi comporta anche l'implosione delle bolle, cosa che non accade coi solidi; o sbaglio?

    Ad ogni modo, che relazione c'è tra le microcavità e le reazioni nucleari? Ce lo può spiegare chi ha aperto la discussione con l'intento appunto di spiegarlo? O ce lo spieghiamo da soli (e, quindi, che senso avrebbe questa discussione)?

  12. #100

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Vettore Visualizza il messaggio
    Refence! Questo ti chiedo. Quando fai delle affermazioni, cita 4 o 5 riferimenti bibliografici, possibilmente indipendenti tra loro.
    Quote Originariamente inviata da BesselKn Visualizza il messaggio
    Ad ogni modo, che relazione c'è tra le microcavità e le reazioni nucleari? Ce lo può spiegare chi ha aperto la discussione con l'intento appunto di spiegarlo? O ce lo spieghiamo da soli (e, quindi, che senso avrebbe questa discussione)?
    References
    [1] B. Finzi: “Relativit`a Generale e Teorie Unitarie,” in Cinquant’anni di
    Relativit`a (in Italian), ed. M. Pantaleo (Giunti, Firenze, Italy, 1955),
    pg. 194.
    [2] E. Recami and R. Mignani: Riv. Nuovo Cimento 4, n.2 (1974), and
    references therein.
    [3] R. Penrose: The Emperor’s New Mind (Oxford University Press,
    1989).
    [4] J. Ehlers, F.A.E. Pirani and A. Schild: in Papers in Honour of J. L.
    Synge, edited by L. O’Raifeartaigh (Clarendon Press, Oxford 1972).
    [5] J.S. Anandan: in Potentiality, Entanglement and Passion-at-adistance
    – Quantum Mechanical Studies for Abner Shimony, vol. 2,
    edited by R.S. Cohen, M. Horne and J. Stachel (Kluwer, Dordrecht,
    Holland 1997), p. 31.
    [6] F. Cardone and R. Mignani: Energy and Geometry – An Introduction
    to Deformed Special Relativity (World Scientific Series in Contemporary
    Chemical Physics, vol. 22) (World Scientific, Singapore, 2004);
    and references therein.
    [7] For a review of Finsler geometry, see e.g., Z. Shen: Lectures on Finsler
    Geometry (World Scientific, Singapore, 2001).
    [8] For a review, see G.Yu. Bogoslovsky: Fortsch. Phys. 42, 2 (1994).
    482 References
    [9] For a review of Lie-isotopic theories, see R.M. Santilli: Found.Phys.
    27, 625 (1997).
    [10] H. Nielsen and I. Picek: Nucl.Phys. B 211, 269 (1983).
    [11] See e.g., A.U. Klimyk and K. Schmudgen: Quantum Groups and
    Their Representations (Texts and Monographs in Physics) (Springer-
    Verlag, New York, 1997).
    [12] See e.g., R. Miron and M. Anastasiei: The Geometry of Lagrange
    Spaces: Theory and Applications (Kluwer, 1994); R. Miron, D.
    Hrimiuc, H. Shimada and S.V. Sabau: The Geometry of Hamilton
    and Lagrange Spaces (Kluwer, 2002); and references therein.
    [13] R. Miron, R.K. Tavakol, V. Bˇalan, and I. Roxburgh: Publ. Math.
    Debrecen 42, 215 (1993).
    [14] See e.g., G. Amelino-Camelia: Int. J. Mod. Phys. D 11, 1643 (2002),
    and refs. therein
    [15] S. Coleman and S.L. Glashow: Phys. Lett. B 405, 249 (1997).
    [16] T. Levi-Civita: The Absolute Differential Calculus (Blackie and Son,
    1954), p.403.
    [17] H.A. Lorentz: in Lectures on Theoretical Physics, Vol. III (Macmillan
    & Co., London,1931). p. 208, and refs. therein.
    [18] H. Poincar´e: La Science et l’Hypothese (Flammarion, Paris, 1902).
    [19] T. Van Flandern: MetaRes.Bull. 12, 33 (2003).
    [20] See M.C. Combourieu and J.P. Vigier: Phys. Lett.A 175, 269 (1993),
    and references therein.
    [21] M. Consoli and E. Costanzo: Phys. Lett. A 333, 355; Nuovo Cim.
    119 B, 393 (2004).
    [22] See e.g F. Selleri: in Redshift and Gravitation in a Relativistic Universe,
    ed. K. Rudnicki, (Apeiron Press, Montreal, 2001), p.63, and
    refs. therein.
    [23] F.R. Tangherlini: Suppl. Nuovo Cimento 20,1 (1961).
    [24] See e.g., E. Di Grezia, S. Esposito and G. Salesi: Mod. Phys. Lett.
    A 21, 349 (2006), and refs. therein.
    [25] See e.g., V.A. Rubakov: Phys-Usp 44, 871 (2001), and refs. therein.
    [26] T.E. Hartman: J. Appl. Phys. 33, 3427 (1962).
    References 483
    [27] J.R. Fletcher: J. Phys. C 18, L55 (1985).
    [28] G. Barton and K. Scharnhorst: J. Phys. A 26, 2037 (1993), and refs.
    therein.
    [29] See H.E. Puthoff: Found. Phys. 32, 927 (2002), and refs. therein.
    [30] I.T. Grummond and S.J. Hathrell: Phys. Rev. D 2, 345 (1980).
    [31] A. Enders and G. Nimtz: J. Phys. I (France) 2, 1693 (1992).
    [32] A. Enders and G. Nimtz: J. Phys. I (France) 3, 1089 (1993).
    [33] A. Enders and G. Nimtz: Phys. Rev. E 48, 632 (1993).
    [34] A. Ranfagni, D. Mugnai, P. Fabeni and G.P. Pazzi: Appl. Phys. Lett.
    58, 774 (1991).
    [35] A. Ranfagni, P. Fabeni, G.P. Pazzi and D. Mugnai: Phys. Rev. E 48,
    1453 (1993).
    [36] S.H. Aronson, G.J. Bock, H.-Y. Chang and E. Fishbach: Phys. Rev.
    Lett. 48, 1306 (1982); Phys. Rev. D 28, 495 (1983).
    [37] N. Grossman et al.: Phys. Rev. Lett. 59, 18 (1987).
    [38] UA1 Collaboration: Phys.Lett. B 226, 410 (1989).
    [39] C.O. Alley: in Quantum Optics, Experimental Gravity, and Measurement
    Theory, P. Meystre and M.O. Scully eds. (Plenum Press, 1983),
    p.363.
    [40] L. Kostro and B. Lange: Phys. Essays 10 (1999), and references
    therein.
    [41] F. Cardone, A. Marrani and R. Mignani: Found. Phys. 34, 617
    (2004).
    [42] F. Cardone, A. Marrani and R. Mignani: Found. Phys. 34, 1155
    (2004).
    [43] F. Cardone, A. Marrani and R. Mignani: Found. Phys. 34, 1407
    (2004).
    [44] R. Miron, A. Jannussis and G. Zet: in Proc. Conf. Applied Differential
    Geometry – Gen. Rel. and The Workshop on Global Analysis, Differential
    Geometry and Lie Algebra, 2001., Gr. Tsagas ed. (Geometry
    Balkan Press, 2004), p.101, and refs. therein.
    [45] J.L. Anderson: Principles of Relativity Physics (Academic Press, New
    York, 1967), pg.150.
    484 References
    [46] See e.g., N. Steenrod: The Topology of Fibre Bundles (Princeton University
    Press, 1951).
    [47] See e.g., J.D. Bjorken and S.D. Drell: Relativistic Quantum Fields
    (McGraw-Hill, N.Y., 1965) Sect. 11.1.
    [48] R. Mignani and E. Recami: Int. J. Theor. Phys. 12, 299 (1975).
    [49] J.D. Bjorken: Annals of Phys. 24, 174 (1963).
    [50] D.I. Blokhintsev: Phys. Lett. 12, 272 (1964); Sov. Phys. Uspekhi 9,
    405 (1966).
    [51] L.B. Redei: Phys. Rev. 145, 999 (1966).
    [52] P.R. Phillips: Phys. Rev. 139, B491 (1965).
    [53] S. Coleman and S.L. Glashow: “Evading the GZK cosmic-ray cutoff”,
    preprint\medskip\ HUTP-98/A075 Harvard University (hepph/
    9808446 ), 1998.
    [54] R. Jackiw: “Chern-Simons violation of Lorentz and PCT symmetries
    in electrodynamics” (hep-ph/9811322),1998, and references therein.
    [55] See e.g., CPT and Lorentz Symmetry I, II, III, V.A. Kostelecky ed.
    (World Scientific, Singapore, 1999, 2002 ,2004).
    [56] See C.M. Will: Theory and Experiment in Gravitational Physics
    (Cambridge University Press, rev.ed. 1993), and references therein.
    [57] H.P. Robertson: Rev. Mod. Phys. 21, 378 (1949).
    [58] R.M. Mansouri and R.U. Sexl: Gen. Rel. Grav. 8, 497; 515; 809
    (1977).
    [59] S. Buchman et al.: in Proc. 52nd Frequency Control Symp., IEEE
    (Washington, DC, 1998) p.534.
    [60] C. L¨ammerzahl et al.: Classical Quantum Gravity 18, 2499 (2001).
    [61] See R.Y. Chiao and A.M. Steinberg: “Tunneling Times and Superluminality”
    , E.Wolf ed., Progress in Optics 37, 346 (Elsevier Science,
    NY, 1997), and references therein.
    [62] See G. Nimtz and W. Heitmann: Progr. Quantum Electr. 21, 81
    (1997), and references therein.
    [63] F. Cardone, R. Mignani, W. Perconti and R. Scrimaglio: Phys. Lett.
    A 326, 1 (2004).
    References 485
    [64] F. Cardone, R. Mignani, W. Perconti, A. Petrucci and R. Scrimaglio:
    Int. J. Modern Phys. B 20, 85 (2006).
    [65] F. Cardone, R. Mignani, W. Perconti, A. Petrucci and R. Scrimaglio:
    Int. J. Modern Phys. B 20, 1107 (2006).
    [66] A. Petrucci: “La correlazione relativistica in Meccanica Quantistica”
    (in Italian), Graduate Thesis in Physics (R. Mignani and
    R. Scrimaglio supervisors), Dipartimento di Fisica “E.Amaldi”, University
    “Roma Tre” (2006).
    [67] A. Ranfagni, D. Mugnai and R. Ruggeri: Phys. Rev. E 69, 027601
    (2004).
    [68] A. Ranfagni and D. Mugnai: Phys. Lett. A 322, 146 (2004).
    [69] D. Mugnai, A. Ranfagni, E. Allaria, R. Meucci and C. Ranfagni:
    Modern Phys. Lett. B19, 1 (2005).
    [70] L. de Broglie: La r´einterpretation de la M´ecanique Ondulatoire
    (Gauthier-Villars, Paris, 1971), and references therein.
    [71] D. Bohm: Causality and Chance in Modern Physics (with a foreword
    by L. de Broglie) (London, 1957), and references therein.
    [72] J.S. Bell: Speakable and Unspeakable in Quantum Mechanics (Cambridge
    University Press, Cambridge, 1987); and references therein.
    [73] L. de Broglie and J. Andrade y Silva: Phys. Rev. 172, 1284 (1968).
    [74] P.S. Wesson: Gen. Rel. Grav. 38, 937 (2006).
    [75] U. Bartocci, F. Cardone and R. Mignani: Found. Phys. Lett. 14, 51
    (2001).
    [76] F. Cardone, R. Mignani and R. Scrimaglio: Found. Phys. 36, 263
    (2006).
    [77] M.A. Heald: Amer. J. Phys. 52, 522 (1984).
    [78] U. Bartocci and M. Mamone Capria: Found. Phys. 21, 787 (1991).
    [79] A.K.T. Assis, W.A. Rodrigues Jr. and A. Mania: Found. Phys. 29,
    729 (1999).
    [80] O.D. Jefimenko: Amer. J. Phys. 30, 19 (1962).
    [81] R. Sansbury: Rev. Sci. Instrum. 56, 415 (1985).
    [82] W.F. Edwards, C.S. Kenyon and D.K. Lemon: Phys. Rev. D 14, 922
    (1976).
    486 References
    [83] S. Maglic and D.F Bartlett: Rev. Sci. Instrum. 61, 2637 (1990).
    [84] D.K. Lemon, W.F. Edwards and C.S. Kenyon: Phys. Lett. A 162,
    105 (1992).
    [85] J.H. Taylor: Rev. Mod. Phys. 66, 711 (1994); and refs. therein.
    [86] R.A. Hulse: Rev. Mod. Phys. 66, 699 (1994); and refs. therein.
    [87] T. Van Flandern and J-P. Vigier: Found. Phys. 32, 1031 (2002).
    [88] T. Van Flandern: Phys. Lett. A 250,1 (1998).
    [89] W.D. Walker and J. Dual: in Gravitational Waves – Proc. of
    the Second Edoardo Amaldi Conference, E. Coccia, G. Pizzella and
    G. Veneziano eds. (World Scientific, Singapore, 1997).
    [90] S.M. Kopeikin: Astrophys. J. 556, L1 (2001).
    [91] H. Asada: Astrophys. J. 574, L69 (2002).
    [92] C.M. Will: Astrophys. J. 590, 683(2003).
    [93] L. Crum and D.F. Gaitan: Frontiers of Nonlinear Acoustics, 12th Int.
    Symp. On Nonlinear Acoustics (Elsevier Applied Science, New York,
    1990).
    [94] C.E. Brennen: Cavitation and bubble dynamics (Oxford University
    Press, 1995).
    [95] H. Metcalf: Science 279, 1322 (1998).
    [96] F. Cardone and R. Mignani: in Proc. Int. Conf. On Cosmoparticle
    Physics “Cosmion 2001” (Moscow, Russia, May 2001), Grav. Cosmol.
    Suppl. 8, 216 (2002).
    [97] F. Cardone and R. Mignani: Int. J. Mod. Phys. B 17, 307 (2003).
    [98] F. Cardone, R. Mignani, W. Perconti, E. Pessa and G. Spera:
    J. Radioanal. Nucl. Chem. 265, 151 (2005).
    [99] L.I. Urutskoev, V.I. Liksonov and V.G. Tsinoev: Appl. Phys. (Russia)
    4, 83 (2000); Ann. Fond. L.de Broglie. 27, 701 (2002).
    [100] V.D. Kuznetsov, G.V. Myshinskii, V.I. Zhemennik and V.I. Arbuzov:
    “Test Experiments on Observation of Cold Transmutation of Elements”,
    Proc. 8-th Russ. Conf. on the Cold Transmutation of Nuclei
    of Chemical Elements (Moscow, 2001), p.308.
    [101] A.G. Volkovich, A.P. Govorun, A.A. Gulyaev, S.V. Zhukov, V.L.
    Kuznetsov, A.A. Rukhadze, A.V. Steblevskii and L.I. Urutskoev:
    Bull. Lebedev Physics Inst., 2002 (8).
    References 487
    [102] For a review, see L.I. Urutskoev: Ann. Fond. L. de Broglie 29, 1149
    (2004).
    [103] R.P. Taleyarkhan et al.: Science 295, 1868 (2002); Phys. Rev. E 69,
    036109 (2004); Phys. Rev. Lett. 96, 034301 (2006).
    [104] D. Shapira and M. Saltmarsh: Phys. Rev. Lett. 89, 104302 (2002).
    [105] R.P. Taleyarkhan et al.: “Comments on the Shapira and Saltmarsh
    report”, Oak Ridge National Laboratory Internal Correspondence
    Report, March 2, 2002.
    [106] B.P. Barber, C.C.Wu, R. L¨ofstedt, P.H. Roberts and S.J. Putterman:
    Phys. Rev. Lett. 72, 1380 (1994).
    [107] W.C. Moss, D.B. Clark, J.W. White and D.A. Young: Phys. Fluids
    6, 2979 (1994).
    [108] T. Horigouchi, H. Koura and J. Katakura, eds.: Chart of Nuclides
    2000 (Jap. Nucl. Data Com., JNDC); Nucl. Data Evaluation Lab.
    Korea Atomic Energy Res. Inst. 2000–2002 BNL, USA version.
    [109] F. Cardone and R. Mignani: Int. J. Modern Phys. E 15, 911 (2006).
    [110] See e.g., Fusion Dynamics at the Extremes, Yu. Ts. Oganessian and
    V.I. Zagrebaev eds. (World Scientific, Singapore, 2000), and references
    therein.
    [111] Th. Kaluza: Preuss. Akad. Wiss. Phys. Math. K1, 966 (1921).
    [112] O. Klein: Zeitschr. Phys. 37, 875 (1926).
    [113] G. Nordstr¨om: Zeitschr. Phys. 15, 504 (1914).
    [114] P. Jordan: Zeitschr. Phys. 157, 112 (1959), and references quoted
    therein.
    [115] Y.R. Thiry: C.R. Acad. Sci. (Paris) 226, 216 (1948).
    [116] For the early attempts to geometrical unified theories based on
    higher dimensions, see e.g., M.A. Tonnelat: Les Th´eories Unitaires
    de l’Electromagnetisme et de la Gravitation (Gautier-Villars, Paris,
    1965), and references quoted therein.
    [117] R.L. Ingraham: Nuovo Cim. 9, 87 (1952).
    [118] J. Podolanski: Proc. Roy. Soc. 201, 234 (1950).
    488 References
    [119] See e.g., J. Polchinski: String Theory, Vol. 1 : An Introduction to the
    Bosonic String; Vol. 2 : Superstring Theory and Beyond (Cambridge
    University Press, Cambridge, UK, 1998); and references therein.
    [120] See e.g., S. Weinberg: The Quantum Theory of Fields, Vol. 3: Supersymmetry
    (Cambridge University Press, Cambridge, UK, 1999), and
    references therein.
    [121] See e.g., M.B. Green, J.H. Schwarz and E. Witten: Superstring
    Theory, vol.1 : Introduction; vol.2 : Loop Amplitudes, Anomalies
    and Phenomenology (Cambridge University Press, Cambridge, UK,
    1988); and references therein.
    [122] See e.g., T. Appelquist, A. Chodos and P.G.O. Freund (editors): Modern
    Kaluza–Klein Theories (Addison-Wesley, Menlo Park, California,
    1987), and references therein.
    [123] P.S. Wesson: Space–Time–Matter – Modern Kaluza-Klein Theory
    (World Scientific, Singapore, 1999), and references therein.
    [124] See e.g., Supergravity in Diverse Dimensions, A. Salam and E. Sezgin
    eds. (North-Holland & World Scientific, 1989), and references quoted
    therein.
    [125] J.M. Overduin and P.S. Wesson: Phys. Rept. 283, 303 (1997), and
    references quoted therein.
    [126] T. Fukui : Gen. Rel. Grav. 20, 1037 (1988); ibidem, 24, 389 (1992).
    [127] N. Arkani-Hamed, S. Dimopoulos and G. Dvali: Phys. Lett. B 429,
    263 (1998).
    [128] L. Randall and R. Sundrum: Phys. Rev. Lett. 83, 3370, 4690 (1999).
    [129] See e.g., K. Cheung, J. F Gunion and S. Mrenna (editors): Particles,
    Strings and Cosmology (PASCOS 99) (Proc. 7th Intern. Symposium,
    Lake Tahoe, California, 10–16 December 1999) (World Sci.,
    Singapore, 2000).
    [130] F. Cardone, M. Francaviglia, and R. Mignani: Gen. Rel. Grav. 30,
    1619 (1998); ibidem, 31, 1049 (1999).
    [131] F. Cardone, M. Francaviglia, and R. Mignani: Found. Phys. Lett. 12,
    281, 347 (1999).
    [132] T.D. Lee: Phys. Lett. B 122, 217 (1982); J. Statis. Phys. 46, 843
    (1987).
    [133] P.A.M. Dirac: Proc. R. Soc. (London) A333, 403 (1973); ibidem,
    A 338, 439 (1974).
    References 489
    [134] See e.g., F. Hoyle and J.V. Narlikar: Action at a Distance in Physics
    and Cosmology (Freeman, NY, 1974).
    [135] V. Canuto, P.J. Adams, S.-H. Hsieh and E. Tsiang: Phys. Rev. D 16,
    1643 (1977).
    [136] A. Marrani: “Aspetti matematici della Relativit`a Deformata in
    cinque dimensioni” (in Italian), Ph.D. Thesis in Physics (R. Mignani
    supervisor), Dipartimento di Fisica “E.Amaldi”, University “Roma
    Tre” (2003).
    [137] P.S. Wesson and J. Ponce de Leon: Astron. Astrophys. 294, 1 (1995).
    [138] P.S. Wesson: Mod. Phys. Lett. A 10, 15 (1995).
    [139] D. Youm: Phys. Rev. D 62, 084002 (2000).
    [140] P.S. Wesson: Gen. Rel. Grav. 36, 451 (2004).
    [141] See Marc Hindry, M. Hindry and J.H. Silverman: Diophantine Geometry
    (Springer-Verlag, Heidelberg, 2000), and refs. therein.
    [142] See e.g., G.L. Naber: Topology, Geometry, and Gauge Fields: Interactions
    (Springer-Verlag, Heidelberg, 2000), and refs. therein.

    Deformed Spacetime (Reviews)

    F. Cardone, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma, Italy; R. Mignani, Università "Roma Tre", Roma, Italy

    Geometrizing Interactions in Four and Five Dimensions This volume provides a detailed discussion of the mathematical aspects and the physical applications of a new geometrical structure of space-time, based on a generalization ("deformation") of the usual Minkowski space, as supposed to be endowed with a metric whose coefficients depend on the energy. Such a formalism (Deformed Special Relativity, DSR) allows one to account for breakdown of local Lorentz invariance in the usual, special-relativistic meaning (however, Lorentz invariance is recovered in a generalized sense); to provide an effective geometrical description of the four fundamental interactions (electromagnetic, weak, strong and gravitational). Moreover, the fourdimensional energy-dependent space-time is just a manifestation of a larger, five-dimensional space in which energy plays the role of a fifth (non-compactified) dimension. This new five-dimensional scheme (Deformed Relativity in Five Dimensions, DR5) represents a true generalization of the usual Kaluza-Klein (KK) formalism.

    more on http:// springer.com/978-1-4020-6282-7


    ▶ Provides an exhaustive exposition of the theory of deformed spacetime, in four and five dimensions

    ▶ Discusses in detail the mathematical aspects of the formalism, including some new, unpublished results

    ▶ Provides a thorough account of the main experimental evidences for a possible deformed geometry of spacetime, including experiments
    in optics, gravity, cavitated fluids.


  13. #101

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da endymion70 Visualizza il messaggio
    O per lo meno lascia il tutto aperto, parlare della spiegazione è al momento assolutamente prematuro.
    Sono d'accordo con te, è prematuro per tutti eccetto per chi ha vissuto questa fantastica avventura, la storia definirà i punti e le virgole, ma per il momento noi ci accontentiamo di aver capito che cosa sta alla base delle trasmutazioni nucleari a debole energia.

    Come sempre nel forum (ho solo 11 anni di esperienza) si arriva a questo punto che personalmente definisco "punto zero".

    Il punto dal quale qualcuno riesce a prendere spunto dalle informazioni senza troppo discuterle e di propria iniziativa si mette a replicare, sperimentare, migliorare e scoprire nuove vie...
    Per tutti gli altri c'è MASTERCARD.. :-)

    Le indicazioni, spiegazioni, i link, i libri, le referenze sono state indicate praticamente tutte...ma una tra tutte la più importante è una parola:

    CAVITAZIONE.....come usate bene un forum potete utilizzare altrettanto bene i motori di ricerca e più di qualcuno qui dentro ha accesso GRATUITO a banche dati e biblioteche universitarie...non c'è praticamente più nulla da scoprire, basta mettere assieme e usare un pizzico di cervello.

    Il resto quindi lo potete fare da soli, buona fortuna.

    A chi si cimenterà veramente e per chi ha intenzione di impegnarsi a FARE, sono a completa disposizione privatamente.

  14. #102

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BesselKn Visualizza il messaggio
    Ce lo può spiegare chi ha aperto la discussione con l'intento appunto di spiegarlo? O ce lo spieghiamo da soli (e, quindi, che senso avrebbe questa discussione)?
    Forse te lo sei perso:
    Quote Originariamente inviata da Armando de Para Visualizza il messaggio
    @Belseken
    http://www.energeticambiente.it/l-e-...#post119200306

    Entro martedì sarà online l'intero seminario.
    Hai per caso bisogno del sonoro che ti leggano i post?
    Attendi fino a martedì o continuerò a riponderti attendi fino a martedì che sarà online tutto il seminario...la spiegazione è stata data durante il seminario con l'intervento del prof. Cardone.
    Inutile che ti do io la spiegazione quando chi ha più titolo di me l'ha data e la puoi contestare direttamente a lui...
    Non so se sono stato abbastanza chiaro.

  15. #103
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Armando de Para Visualizza il messaggio
    Attendi fino a martedì
    Be', quando martedì sarà data la spiegazione, allora queste 5 pagine di non-spiegazione si potrebbero pure cancellare in quanto inutili, no?

  16. #104

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BesselKn Visualizza il messaggio
    allora queste 5 pagine di non-spiegazione si potrebbero pure cancellare in quanto inutili, no?
    Anche qui ti sbagli, sono utili a ricordare quante persone inutili, incapaci di leggere e di fare una semplice ricerca, frequentano questo forum.

    Tanto per tener memoria

  17. #105
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Armando de Para Visualizza il messaggio
    incapaci di leggere e di fare una semplice ricerca
    Più inutile dell'aprire una discussione incoerente (che mette insieme le reazioni piezonucleari a Rossi-Focardi), che in 20 giorni non chiarisce per niente quale sarebbe il presunto meccanismo che porta alle reazioni nucleari e che, a chi chiede delucidazioni, gli si risponde più o meno cortesemente di arrangiarsi con Google...

  18. #106
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Copio - incollo da JONP

    Andrea Rossi
    May 1st, 2011 at 12:58 PM
    Dear Mr Daniel De Francia:
    Thank you: very interesting.
    Warm regards,
    A.R.

    Daniel de França MTd2
    May 1st, 2011 at 12:36 PM
    Dear Mr. Rossi,

    I am sorry, but there was a misunderstanding. I did not say your website is not interesting for us, it is very interesting for me, at least! But, the problem is, we can speculate, like I do, all the time, but will all that speculation be useful for you? It is nearly impossible to make good guesses if we don’t know the experimental set up! So, I think it is not likely to be interesting for you, because we will likely not find the correct result because of the lack of experimental data.

    Well, as for the ultrasound, the reason concerns about what heats the water. I a paper of 2010 or 2009, according to an electronic microscope, the powder used has grains with an average diameter of 5 micrometers, at least it is the impression I have. If there is cavitation, the presence of a 3bar pressure causes the formed bubbles, I suppose, to be mostly made of hydrogen, which as 60 celsius have a speed of sound of ~2000m/s. That means the fundamental frequency of the bubble will on the order of 5GHz. This close to the microwave oven frequency. Considering that hydrogen is ionized, it will produce microwaves that will heat the water inside the bubble.

    Best,

    Daniel.

  19. #107

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BesselKn Visualizza il messaggio
    a chi chiede delucidazioni, gli si risponde più o meno cortesemente di arrangiarsi con Google...
    No, ti è stato cortesemente risposto:

    Quote Originariamente inviata da Armando de Para Visualizza il messaggio
    @Belseken
    Entro martedì sarà online l'intero seminario.
    Quindi o sei sordo, nel senso che non sai leggere o non hai pazienza di attendere e spapoli le scatole perchè non hai di meglio da fare.


  20. #108

    Predefinito

    @ifftb
    Questa invece non ha avuto risposta:

    #
    Daniel de França MTd2
    April 11th, 2011 at 1:21 PM

    Maybe it is the flux of water passing through a foam that ignites the fusion. Certainly, inside a rigid porous material, there is a lot of turbulance and thus a lot of high differential zones of pressures. It causes cavitation:

    C - Wikipedia, the free encyclopedia...

    “Other ways of generating cavitation voids involve the local deposition of energy, such as an intense focused laser pulse (optic cavitation) or with an electrical discharge through a spark. Vapor gases evaporate into the cavity from the surrounding medium; thus, the cavity is not a perfect vacuum, but has a relatively low gas pressure. Such a low-pressure cavitation bubble in a liquid begins to collapse due to the higher pressure of the surrounding medium. As the bubble collapses, the pressure and temperature of the vapor within increases. The bubble eventually collapses to a minute fraction of its original size, at which point the gas within dissipates into the surrounding liquid via a rather violent mechanism, which releases a significant amount of energy in the form of an acoustic shock wave and as visible light. At the point of total collapse, the temperature of the vapor within the bubble may be several thousand kelvin, and the pressure several hundred atmospheres.”

    So, if there is fusion, it is very similar to the idea of bubble fusion:

    B - Wikipedia, the free encyclopedia...

    “Bubble fusion, also known as sonofusion, is the non-technical name for a nuclear fusion reaction hypothesized to occur during a high-pressure version of sonoluminescence, an extreme form of acoustic cavitation. Officially, this reaction is termed acoustic inertial confinement fusion (AICF) (see ICF) since the inertia of the collapsing bubble wall confines the energy, causing an extreme rise in temperature. The high temperatures that sonoluminescence can produce raise the possibility that it might be a means to achieve thermonuclear fusion.”

    What might happen it is that now, we have a bubble collapsing on a microcavity of nickel. So, vapor, is now a plasma of oxygen and hydrogen. Maybe there are x-rays, or gamma rays, but they are contained due the ultra high density of the bubble. Or maybe this is characteristic of the fusion of the nickel, to emit a lot of low energy photons, which are blocked by the collapsing bubble.

  21. #109
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da zintolo Visualizza il messaggio
    Ragazzi, ma ci fate o fate finta di non esserci?
    Questi sono i primi tre risultati di google con "cavitation solids":
    Non si tratta dello stesso fenomeno. Quelli che hai citato si riferiscono alla creazione di vuoti interni a seguito di stress meccanici nei solidi (tra l'altro alcuni di quei documenti parlano di elastomeri, non di solidi veri e propri), è un fenomeno molto diverso dalla cavitazione nei liquidi, sia come meccanismi fisici coinvolti che come dinamica...

  22. #110
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Armando de Para Visualizza il messaggio
    Le indicazioni, spiegazioni, i link, i libri, le referenze sono state indicate praticamente tutte...
    Si, taltemente tutte che non si capisce quale si riferisce a cosa, ed a naso buona parte non c'entrano niente con quello di cui si stava parlando... (cito a caso: [1] B. Finzi: “Relativit`a Generale e Teorie Unitarie,”; [16] T. Levi-Civita: The Absolute Differential Calculus...)

    ma una tra tutte la più importante è una parola:
    CAVITAZIONE.....
    Che strano, dando un'occhiata alle reference io avrei detto che la parola più importante è "spazio deformato"...

Pagina 5 di 8 primaprima 12345678 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Apparato Focardi-Rossi
    Da mgb2 nel forum Sistemi Idrogeno-Nikel
    Risposte: 1788
    Ultimo messaggio: 26-08-2015, 07:15
  2. Apparato Rossi - Focardi? Verita o bufala?
    Da milliwatt nel forum Sistemi Idrogeno-Nikel
    Risposte: 4980
    Ultimo messaggio: 25-05-2012, 11:38
  3. Mi serve una spiegazione...
    Da nottolotto nel forum Aspetti economici e bancari
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 27-03-2011, 20:56
  4. Rossi Focardi - Catalizzatore d' Energia Riproduzione apparato
    Da alexej89 nel forum REAZIONI NUCLEARI a BASSA ENERGIA (Fusione Fredda)
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 24-01-2011, 11:58
  5. Progetti di impiego tecnologia Focardi - Rossi
    Da mcfab nel forum REAZIONI NUCLEARI a BASSA ENERGIA (Fusione Fredda)
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 22-01-2011, 22:06

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •