Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 4 di 45 primaprima 12345678910111213141516171824 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 67 a 88 su 984

Discussione: produrre hho da una vecchia batteria per auto!!!

  1. #67
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito



    ciao atutti
    ciao marcorudu e grazie per il benvenuto.

    ciao pancia, veramente non ho nessuna esperienza con l'idrogeno.......anzi ho solo visto qualche bollicina dalla mia cella. che io sappia per certi versi si comporta come il metano ossia non va in autocobustione quindi può essere facilmente usato con elevate compressioni come il diesel ma il problema è che la candela oltre i 13 o 15 bar, non ricordo bene, non scocca più la scintilla. quindi potrai usare il tuo generatore usando però la mandata del gasolio al minimo per assicurare la combustione e il di più puoi mandare idrogeno per avere la potenza richiesta.

    spero di essere stato chiaro e di non aver detto cavolate.......shardana mi massacra!!!!

    che sia instabile ci credo... a freddo si comporta come il gasolio. shardana dice che a freddo picchia in testa, questa è la testimonianza che in tali condizioni ha la combustione irregolare quindi io proporrei una candela più calda per verificare se il rumoretto si smorsa prima. in seconda proporrei un preriscaldamento. questo afferma anche la sua dichiarazione quando dice fiamma fredda...........ma trancia il binario........questa mi mette un pò paura!!

    un dato che penso di aver riscontrato sui testi che ho letto (in inglese tradotto online...che disastro!!!) è della sua combustione più veloce anche della benzina. questo per me è fondamentale!!!

    da quello che capisco, il motore del suo generatore, gira bene perchè ha un pistoncino piccolino. 200 cc credo a circa 3000 giri. avvantaggiato anche perchè un sistema che non ha bisogno di minimo e di accelerazione!!!!............sono solo mie supposizioni.

    credo che un 12 cilindri a 8000 giri possa fare un solco sull'asfalto!!

    mi piacerebbe avere a che fare con questo gas irruento ma devo accontentarmi del gpl, caldo, lento e detona a caldo..........tutto il contrario!!!!!!!!

    ciao a tutti gli idrogeni

  2. #68
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Kind sir
    La stanza di Marcorudu è la più attrezzata a trattare con sincerità ed umiltà unita alla
    semplicità l'argomento HHO (acqua che brucia) in altre stanze ho visto che si lambiccano
    il cervello per la costruzione dei PWM (regolatori di tensione) tuttavia ritengo molto
    vantaggiosa per tutti anche questa ricerca e devo dire che in campo di competenze
    elettroniche alcuni forumisti mi fanno 10 a 0, anche perchè io ho superato già da tempo la fase larvale dell'elettronica e mi son trasformato in farfalla come Andel55,
    voliamo disordinatamente in mille pertugi seguendo mille orientamenti, ora siamo cascati
    nella retina di Marcorudu nelle sembianze della Vispa Teresa che poi metaforicamente
    è un "PARSIFAL" in tutto e per tutto un'eroe puro, un Zaratustra che scende dal monte per infondere coraggio agli uomini, mi auguro che Marcorudu non risalga sul monte
    deluso degli uomini come lo fu Zoroastro. Personalmente credo in Marco ed in voi tutti
    con una candidezza ed onestà virginale e profitto per ringraziarvi della vostra intensa e affabulante collaborazione. L'unione fa la forza ragazzi.
    Si Marco ti rispondo circa la scatoletta HHO Enancher plus che non è essenziale per i motori datati, serve solo per imbrogliare la sonda lambda (the map sensor) delle autovetture catalizzate, per monitorare la fuoriuscita di O2 che è sempre presente
    anche se in minime quantità in una cella elettrolittica ad HHO. La O2 in un motore ibrido
    mista al carbonio della combustione forma CO2 che va benissimo per la vegetazione ma non va bene per l'effetto serra. In un motore NON catalizzato il dispositivo "HHO ENHANCHER" non serve a niente (anche se è bello a vedersi e di semplice fattura).
    Dear Pancia la differenza tra idrogeno puro ed hho è che l'drogeno puro può esser separato dall'ossigeno puro in una cella elettrolitica classica di Hoffman come gas, ma non sarebbe sufficiente ad alimentare un motore di qualsiasi natura sia a fuel cell che a scoppio, per cui occorrerebbe sotto pressioni e temperature inverosimili liquefarlo
    e stoccarlo in pesantissimi serbatoi costitui di di polveri metalliche e metalloidiche porose sotto forma di idrossido con costi economici che ne rendono sconveniente l'uso. Mentre invece, l'hidroxy è stoccato nella stessa acqua senza il ricorso a pressioni o temperature folli per poterlo immagazzinare in pesantissimi serbatoi di polveri metalliche. Il HHO scaturisce sotto forma di gas a bassa pressione, bassa temperatura,
    quindi senza liquefazioni è subito usufruibile come combustibile con poco dispendio di energia. Ti spiego meglio, la formula dell'acqua che tu conosci meglio di me è H2O
    ovvero 2 atomi di idrogeno ed uno di ossigeno. se vuoi produrre ossigeno puro devi
    necessariamente utilizzare un cella Hoffman che ti da da una parte h2 e dall'altra O.
    Nel nostro caso invece abbiamo due molecole d'idrogeno separate ed una di ossigeno
    tutti separati atomicamente, tuttavia in questa separazione si formano molecole di
    ossigeno biatomico O2 che è altamente ossidante, questo per rispondere all'amico Marco dei 4 gas H+H+O+O2, ciò che ossida i metalli della camera di scoppio non è l'idrogeno ma quella frazione di O2 che mista ad h2o2 è acqua ossigenata, quella che usate per diventare biondi eheheheheheh.
    Andel sei un'amico del cuore come gli altri, Marco ci ha accolto con benevolenza nella sua stanza fino a quando si stufa e ci butta tutti fuori a calci nel culo eheheheheheh
    non è da Marco. Dear Andel tu sicuramente disponi di competenze di gran lunga superiori alle mie circa l'impiantistica a gas per cui giudicarti utile sarebbe un'offesa, un gesto di servilismo di cui non abbiamo bisogno almeno nella stanza di Marcorudu, ma la collaborazione in un lavoro d'equipe è indispensabile per la maturazione di noi tutti.
    Sai Andel che io utilizzo un'elettrovalvola per il mio elettrogeneratore? oltre ai dovuti
    flashback flame arrestor (valvole parafiamma)? Su dei CD room ho letto la non necessità del polmone del gas che nel nostro caso non serve basta un regolatore di cucina a gas a bassa pressione, però in alcune autovetture ad hho ibrido vengono montate anche 2 elettrovalvole e non riesco a recepire il perchè, probabilmente Andel
    e Pancia sapranno fornirci maggiori dettagli. Ora appena arriva mio genero mi faccio
    masterizzare dei cd made in USA (io non son capace a masterizzare) e ve li mando compresi dei materiali utili per la sperimentazione come la lana di bronzo per il safe flame arrestor curve raccordi e tubetti vari. I cd son in inglese ma ricchi di immagini dettagliate e schemi elettrici e meccanici di un' intuibilità smeraldina. ovviamente ve li mando gratis a voi della Marcorudu convenctio, è una promessa penso di poterla realizzare presto. Kind regards.

  3. #69
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao a tutti, oggi ho con me un sorriso accentato

    shardana, benvengano tutti i dati per l'elettrovalvola, puoi stare tranquillo ho fatto funzionare motori impossibili e senza spendere un soldo (le mie tasche sono sempre vuote!!)

    pancia, sei un bravissimo ragazzo e non vorrei mandarti allo spionaggio industriale ma se riesci a capire come hanno o stanno risolvendo i problemi di combustione ci avvantaggi di mesi di lavoro.

    marcorudu, dicci dove hai questa pasticceria.......non si sa mai!!!

    idrogeno72, non ci conosciamo direttamente ma non mancherà occasione...intanto goditi un bel mare e complimenti per l'esame!

    un caloroso saluto a tutti quelli che seguono con interesse.

    e veniamo a noi.

    prima di sedermi ho fatto una prova che avevo in mente da diverso tempo.

    la domanda è questa: quanto gas serve per far andare un'autovettura?
    dopo tante chiacchere ho la risposta concreta!

    anni fa (per valutare gli anni basta pensare che non cambio l'olio da più di 10 anni!!!) ho accoppiato un alternatore 380 V 4,5 Kw ad un motore di una 127 fiat 900 cc che alimento rigorosamente a gpl, con un semplice riduttore e una bombola da 25 Kg.
    bene, il risultato è che bastano 7 litri al minuto per far girare il motore a circa 2500 giri con un carico di un paio di Kw e intorno ai 10 L al minuto per avere quasi tutta la potenza, generata dall'alimentatore, impegnata.

    considerando che al motore in questione non ho apportato nessuna modifica direi che è proprio una bella notizia.

    devo correre al lavoro ciao!!!!

  4. #70
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Salve cari amici che bello veder che con il passare del tempo aumenta il numero delle persone, ed ognuno di noi come piu mette del suo, (ancora devo capire cosa metto io )

    Quindi come potrei mandarvi via con un calcio nel culo come diceva il sostro amico e simpatico Carlo, adesso che siete entrati dentro questa stanza vi tengo tutti per me!!!!!!

    beh forse una cosa l'ho capita a cosa posso mettere io in questa stanza un po di allegria con tutti questi pupazzetti.....

    Grazie come sempre della tua generosita carlo per l'invio del cd, sei un grande...
    nel mio piccolo ogni giorno cerco di costruire una cella per la produzione di hho, pare che ho trovato un filo in acciaio inox 316 peccato che è del diamentro di 1mm, non so se fare tante spire con questo filo, od intorcinarlo su se stesso per arrivare alla larghezza di 2mm, cosa mi consigliate...
    un saluto a tutti a presto.

  5. #71
    pancia 37
    Ospite

    Predefinito

    Ciao andel55, ciao ragazzi, io lo spionaggio industriale lo faccio volentieri , il problema è che secondo me sono due cose diverse , questo signore usa una mini cooper alimentata a idrogeno ( con questo impianto di elettrolisi PIEL Generatori di idrogeno e ossigeno a gas separati - Generatori di azoto - divisione di ILT Technology srl alimentato a panelli solari )con un impianto uguale a quello di metano , cioè i nuovi a iniezione diretta e fasatura variabile , l'idrogeno viene stocato nella bombola a 200 bar , poi da li va al riduttore che decomprime da 200 bar circa a 1,5 , loro mi spiegabano che per funzionare bene vanno da 0,7 a 1,2 bar circa , e cmq ancora non riescono a trovare il punto giusto , invece se ho capito bene la spiegazione di shardana , il hho non ha bisogno di bombole di stoccaggio , viene direttamente collegata la cella (che produce idrogeno e ossigeno )al carburatore o al sistema di inniezione, che secondo shardana produce abastanza hho , (miscela da inniettare) e mantenerlo in moto, per cui a noi servirebbero soltanto una valvola anti ritorno dalla cella verso gli inniettori , e poi il motore si prende quello che li serve , perchè dovrebbe essere l'elettronica a gestire il flusso di hho , mi raccomando se quello che ho capito è sbagliato corregetemi . ciao

  6. #72
    pancia 37
    Ospite

  7. #73
    pancia 37
    Ospite

    Predefinito

    questo video spiega molte cosette sulla cella a spirale ecome costruirla :

    YouTube - HHO SWISS INOX 5 HOW TO BUILD HIGH PRODUCTION SPIRALS

  8. #74
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    bella pancia, non ti fermi un attimo

    ebbene si, il sistema a iniezione sequenziale è l'ultimo ritrovato per l'alimentazione a gas.

    il riduttore di pressione è ad un solo stadio regolabile, come dice i link che offri, da 0,6 a 1,8 bar proprio per poter regolare la quantità di gas da immettere nei cilindri. il flusso viene fermato dall'iniettore che a sua volta si apre solamente in corrispondenza della parte finale in fase di aspirazione.

    questo ottimizza la resa in quanto il combustibile restain maggiore concentrazione nella parte superiore del cilindro, vicino alla candela e nella parte inferiore c'è più aria. la combustione comincia più rapidamente vicino alla candela, a metà strada dell'espansione si ha la massima spinta e nella parte finale è quasi inutile!! se resta qualcosa che brucia è anche controproducente.

    per ottenere tutto questo non è facile.

    bisogna dimensionare tutto, dai collettori, dimensioni valvole, apertura valvole, tempo di apertura, velocità del flusso, alesaggio cilindro, corsa pistone, forma della testa pistone, forma della camera di combustione, anticipo di accensione, rapporto di miscela, rapporto di compressione (azz. non ricordavo che ci volessero tutte queste cose) ecc.........

    ma tutto parte dal tipo di combustibile che hai.

    questo determina tutto il progetto!

    i motori che abbiamo sono progettati per benzina.

    quando vogliamo farli funzionare con altri combustibili abbiamo una fiamma che cammina con diverse velocità, temperature diverse, tempi di accensioni diverse e se ci penso ancora un pò ne vengono altri..........

    come vedi il fatto che introduciamo il carburante con carburatore o con iniettori è solo per ottimizzare la resa.

    i problemi di accensione ecc...sono gli stessi o quasi.

    probabile che non riescono ad ottimizzare per la differenza di "a freddo e a caldo" già questa notizia se mi viene data mi fa risparmiare 2 ore di lavoro. se poi c'è il dato che ha bisogno di più incremento a freddo me ne risparmi altre 2.

    velocità di fiamma, temperature insomma li devi torturareeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!

    fatti dire i problemiiii!!!

    non preoccuparti.........mi passa subito!!

    ciao simpatico pancia 37 a risentirci a presto

  9. #75
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao a tutti. Trovo questa pagina veramente interessante e vorrei aggiungere una notizia.
    Una nota marca di impianti a GPL ha già pronta una configurazione di centralina per Idrogeno.

  10. #76
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao a tutti!!!
    Guardate che botta !!!
    YouTube - HHo fuel cell explosion

    Framoro...

  11. #77
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    quale onore ragazzi!!!!!!!!

    marcorudu fai gli onori di casa..non lasciarmi solo!!!

    ma dov'è finito il nostro poeta? non si sente da un pezzo! non vorrei essere troppo invadente.....se lo sono basta dirlo e vado a cuccia!!!!!!!!!!!

    sto elaborando un progettino che vi posto appena ho tempo. nel frattempo avrei bisogno di sapere quanti w abbiamo bisogno per produrre 6-10 litri al minuto ma anche 4 vanno bene. ho letto su questo forum un sistema semplice e preciso. si taglia il fondo di una bottiglia di minerale, la si immerge in un secchio pieno d'acqua riempiendola della stessa acqua e la si mette in piedi. si immerge il tubo alimentatore e lo si incanala dal fondo aperto facendo risalire il gas nella bottiglia chiusa in alto dal tappo. da quel momento si cronometra e si ferma il cronometro quando la bottiglia è riempita.

    per cortesia avrei necessità di questo dato anche di un elettrolizzatore modesto!

    ciao

  12. #78
    pancia 37
    Ospite

    Predefinito

    Ciao andel ,questo è un mini generatore di idrogeno a gas separati

    PIEL Generatori di idrogeno e ossigeno a gas separati - Generatori di azoto - divisione di ILT Technology srl

    ragazzi inanzitutto stiamo attenti, perche questi cosi se lasciati insieme idrogeno e ossigeno esplodono , se vedete che per qualunque motivo dal tubicino non escono le bollicine spegnete tutto e guardate che non sia otturato .(bravo gianfranco hai fatto notare una cosa molto importante )

    ragazzi c'è qualcosa che non capisco, come fa la cella a produrre cosi tanta miscela da mantenerlo in moto un motore , da quello che ho visto io , questa minicooper fa con un metro cubo (1000 litri di gas di idrogeno )circa 3 km è per produrre questo metro cubo ci vogliono circa dai 5 hai 7 kw, siamo sicuri che la miscela idrogeno e ossigeno hanno bisogno di meno litri per funzionare ?

  13. #79
    pancia 37
    Ospite

    Predefinito

    Andel , quando apri la paggina vai su prodotti e poi clicca su generatore babypiel ,li ci sono tutti i dati dell piu piccolo generatore oggi in commercio.

  14. #80

  15. #81
    pancia 37
    Ospite

    Predefinito

    questo sito spiega come funzionano le vetture modificate a idrogeno puro gassoso:

    autoidrogeno - today energy for tomorrow people

  16. #82
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Kind friends,
    mi devo congratulare con voi per la vostra passione e le vostre intuizioni a dirlo
    eufemisticamente vivificanti. Ultimamente mi son visto il video mandatoci da Gianfranco
    sull'esplosione della cella elettrolitica ed ho capito immediatamente perchè è esplosa,
    intanto il contenitore della cella era in plastica molto sottile, simigliante ad un contenitore di macchina per i frappè che troviamo nei bar. Osservate bene il filmato di Gianfranco, appena data tensione nella cella elettrolitica si notano subito delle bolle
    ed un frizzio d'una certa consistenza (segno evidente che la cella era ben concepita)
    osservate poi la cella a fianco per la decantazione del gas in bagno d'acqua nessuna bolla in contemporanea con la cella elettrolitica. Segno evidente che l'ugello del gas
    della cella o era troppo sottile o era otturato, es claro Gianfrà? rivediti il filmato e vediamo se mi dai ragione. Anzitutto questi esperimenti vanno fatti all'aria aperta
    tenendosi a debita distanza dalla cella utilizzando dei cavi lunghissimi e non sul tavolo
    d'una cucina come è solito fare il nostro amico garibaldino Marcorudu che conferma punto per punto quanto da me diagnosticatogli che e un eiaculatore precoce nel senso metaforico del termine, adesso sarà intento nelle ore di libertà dal lavoro
    a pappagalleggiare nella spiaggia ostiense per attrarre con danze e moine nuziali le
    belle fig...ure che circolano. Marco te lo ripeto per l'ultima volta porta un vassoio di paste ai rottamatori per recuperarti le pompe a 12 volt montate sul serbatoio dell'acqua per detergere i cristalli, si estraggono a mano senza l'utilizzo di attrezzi,
    in una scatola di scarpe ce ne stanno anche 200. Adesso non mandarmi la scatola con le tue scarpe dentro perchè intendo passar a miglior vita in altra maniera piuttosto
    che asfissiato dalla tua puzza di piedi eheheheheheh. Recuperate anche i motorini
    per il raffreddamento dei radiatori per smontarli occorre una chiave N° 13 poi lelica potete anche smontarla e buttarla ma non azzardatevi a buttare via il dado fermaelica
    che è ad avvitamento sinistrorso. sappiate che questi motorini son autentiche dinamo.
    In seguito vi spiegherò più dettagliatamente, sopprattutto al grande Gianfranco che
    è incantato dalle energie alternative e dall'eolico, faremo una sorpresa anche all'amico Gianfranco. Ma se non vi muovete, nessuno vi porta a casa niente, dovete mettervi
    in zucca che occorre andare a rovistare negli immondezzai come faccio io da sempre
    senza vergognarmi di sminuire la mia dignità che rimane sempre austera. Sto scaricando il filmato dell'amico Pancia 37 di cui ho visto con una lentezza raccappriciante le prime immagini interessantissime Ho riscontrato in quel signore che adotta il mio stesso metodo per la costruzione delle spirali e per la montatura a stato solido su plexiglass usando calibri sia analogici che digitali, solo che lui usa una calandra da lui costruita e anche molto ingegnosa io avvolgo a mano su tubo,
    lui si serve di acciaio svizzero 304L io mi servo di piattine 304L di acciaio italiano
    (il migliore al mondo almeno in questo siamo forti) solo che per acquistare un filo
    d'acciaio come quello che vediamo nel filmato di Pancia, per conoscere il prezzo dalle
    ditte Italiane devi fargli vedere il culo il cesso e la carta igienica. Hanno un pessimo modo di vendere, per cui diserto sempre le ferramente che si servono di microfish
    per dirti il prezzo di un oggetto. Hanno il vizio di presentarsi, CHI SIAMO, IL LAVORO
    CHE FACCIAMO, DOVE SIAMO, CATALOGO SENZA PREZZI , CONTATTI, REGISTRAZIONE. Andatevene affanculo seller Italiani, il vostro acciaio lo recupero nei
    mondezzai con meno dispendio di tempo e di energie. Pancia, ho tovato interessantissimo il tuo post sopprattutto per quel che riguarda l'iniettore INJ-01 di cui
    vorrei approfondire le virtualità. Ormai sappiamo tutti che l'brido funziona con risparmi
    energetici che hanno dei picchi dell'80%, ma ci stiamo prodigando per la sola acqua
    come combustibile eliminando i combustibili fossili totalmente per nostro orgoglio personale. Andel tu come già dissi in tempi non sospetti sei simile a me, una conoscenza istrionica del sapere umano, ci siamo incontrati in questa stanza di Marcorudu per collaborare come stiamo collaborando in un lavoro d'equipe dove
    ognuno apporta le proprie esperienze e le proprie congetture analitiche. Aspetto con ansia l'amico Idrogeno77 ed auspico che a noi si unisca un chimico analitico, saremmo
    come gli scienziati di via Paninsperma. Marco se hai un filo di acciaio sottile come
    tu sostieni, 1,2mm di diametro, tu devi fare una prova con uno spezzone di quel
    filo avvolgendolo in un tubo anche in gheberit e misurando con un calibro una distanza
    di quattro millimetri tra le spire della lunghezza di spira che vuoi tu. Poi tendi il filo della spira misuri col metro la lunghezza del filo, mettiamo che sia 60 cm tagli o pieghi 8 fili
    da 60 cm, serri un capo di questi fili in un morsettino (da 4 euro che puoi montare sul tavolo della tua cucina) l'altro capo di questi otto fili lo tendi con una pinza ed avvolgi i fili sino ad otenere una cordicella molto omogenea che puoi utilizzare per formare
    quelle spirali che abbiamo visto nel filmato postato da Pancia. Siccome Marco in questo periodo hai il cervello pieno di testosterone per non dire di spermatozoi, ti consiglierei, per non sbagliarti di fare al fresco queste cose ehehehehehe. Kind regards.

  17. #83
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    pancia, sei un tesoro!!

    i tuoi video sono molto istruttivi....veramente speravo più gas meno corrente e poi con i rapporti di miscela che dice l'autore mi ha fatto a pezzi!!!!!!

    ritiro tutto quello che ho detto..praticamente non ho capito niente dell'idrogeno!

    ringrazio per l'incoraggiamento sentito di shardana che ripete sempre che siamo simili ma questo non sarà possibile perchè sono troppo un poverino, forse anche un pò illuso.

    ho un cuginetto chimico, lo inviterò al forum ma dove lavora ce l'hanno segregato quindi sarà difficile.

    sarò fuori diversi giorni per lavoro ma vi seguirò sempre.........per qualsiasi lavoro basta fare uno schiocco con le dita.

    un caloroso abbraccio

    ciao

  18. #84
    pancia 37
    Ospite

    Predefinito

    No andel , non ti arrendere , guarda che anchio non ci capisco, qui cè bisogno di tutti , adesso aspettiamo cosa dice shardana , ragazzi raggioniamo , se ho capito bene questo gas HHo , o hidroxi o bingo fuell , ormai mi sono perso con tutti questi nomi , funziona meglio se implode , si io capito cosi ,implosione , per cui forse dobbiamo trovare il mettodo per sfrutarlo in modo diverso , vuoi vedere che la incomprensione che c'è con la joe cell l'anno creata per depistare tutti ? l'implosione ha un potenziale enorme , guardate l'universo . ...........................forse è proprio li il segreto della free energy.

  19. #85
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Kind friends
    Mi addolora il fatto che Andel debba assentarsi speriamo per un periodo molto breve,
    anche se il lavoro e le ferie hanno la priorità assoluta su tutto. Andel essendo stato
    un'impiantista di auto a gas era un tassello che mancava nella nostra equipe, ed abbiamo potuto constatare la sua semplicità d'esposizione su ogni componente dell'impianto.
    Certamente io pur avendo avuto due macchine a GPL una fiat 128 ed un 131, non ho mai capito un Kaiser sul funzionamento del dispositivo e la nota curiosa è che non mi interessava nemmeno apprendere come funzionava una macchina a gpl, ora mi trovo
    spiazzato poichè mi trovo nell'esigenza di dover capire bene ed approfonditamente
    le varie fasi della combustione del gas e, non ho che un'infarinatura sbiadita e poco tecnica del principio di funzionamento di un'impianto gpl o a metano. Andel m'è parso
    come Beatrice parve a Dante "Un angiolo dal cielo in terra scieso a miracol mostrare",
    (reminiscenze classiche). Finalmente son riuscito a scaricare integralmente il filmato
    che l'amico Pancia ci ha gentilmente fornito, devo dire, da attento osservatore che,
    quel signore ha impostato molto bene il lavoro ed ha concepito le celle a stato solido
    montate su plexiglass esattamente come faccio io con la differenza che io utilizzo una sola spira e come elettrodo secondario un carboncino di batteria stilo inglobato nella spira, tuttavia voglio provare anche la soluzione di quel signore con due spire proprio come nel filmato solo che come Marco ho del filo inox sottile 1mm per cui ne devo
    intrecciare almeno 10 per ottenere lo stesso diametro del filo utilizzato da quel signore.
    Presumo che il filo così intrecciato quindi con più porosità sia sostanzialmente migliore
    di un filo grosso come quello utilizzato dall'americano. Io provengo da una famiglia di fabbri ferrai già dagli inizi del 1700, io stesso da ragazzo lavoravo il ferro battuto e ferravo asini e cavalli coi ferri fatti da me, oggi si comprano già fatti, non ferravo i buoi
    da lavoro perchè non volli mai imparare e vedevo mio padre che lo faceva pure lui malvolentieri e si accecava dal sudore che gli colava dalla fronte e gli penetrava negli occhi. I buoi si ferravano in una specie di catafalco con le zampe imbrigliate da funi e sorrette da alcuni uomini, ma i buoi domati da lavoro, pur essendo animali tradizionalmente mansueti, diventavano irruenti per la paura e scalciavano paurosamente, erano mostri di 500 600 kg e spesso la ferratura durava mezza giornata
    poichè toccava lasciar rilassare il bue ogni tanto, I proprietari si accorgevano subito
    che la bestia era impaurita perchè spalancava la bocca e gli lacrimavano gli occhi.
    Spesso le ferrature dei buoi o delle vacche da lavoro non venivano pagate in soldi
    ma solo con ricompense in farina o grano proveniente dai campi arati dagli stessi buoi o vacche domate all'aratro, e spesso anche con un pezzo di carne di maiale. Per dirti
    Andel che siamo tutti poveri non sei tu l'unica eccezione vivente, procediamo tutti alla meno peggio, si vive di sacrifici ma almeno non abbiamo l'angoscia ed anzi l'onore di vivere con onestà. Se mio padre disgraziatamente m'avesse visto picchiare col martello
    d'acciaio un tubo in acciaio inox o in ottone come ha fatto quel signore americano che abbiamo visto nel filmato del caro pancia m'avrebbe tramortito con un *****tto. Quelle cose vanno fatte con martelli gommati e la morsa isolata con stracci. poi ho visto che aveva una morsa elettrica con tanto di pressostato meccanico (questi americani non si fanno mancare proprio niente). Ti dicevo Pancia che l'idroxi è una cosa diversa dal bingo fuel. Il bingo fuel è una cazzata inventata dallo pseudoscienziato francese Naudin che fra l'altro ha fornito parametri strumentali da lui rilevati che fanno ridere
    i polli, contestato da tutti gli sperimentatori con un po di strumentazione seria come
    me che ho replicato il suo stesso esperimento con una saldatrice ad inverter ottenendo
    gli stessi suoi risultati (anche Naudin ha utilizzato una saldatrice) ma non come da lui affermato sulla overunity, c'è stato molto più assorbimento d'energia di quanta ne è stata resa, in più il carboncino si consuma a vista d'occhio. Molti si son chiesti: ma che
    strumenti usa questo benedetto Naudin per fornire dei parametri così assurdi? O siamo
    in errore noi o è in errore lui, ma lui è solo e noi siamo in tanti a smentirlo, lasciamo perdere me che ho umili strumenti diagnostici Unaohm, Tektronix ma vi son persone
    con strumenti Rhodes Schwarz che non son più precisi degli altri in quanto a parametri ma solo più affidabili. Il gas HHO come ebbi già modo di dirvi è un gas anomalo, in cella elettrolitica assume una bassa pressione immesso in una camera chiusa come quella del cilindro d'una macchina alla scocca della scintilla della candela implode all'uscita di una cella elettrolizzatrice, se acceso brucia con una fiamma relativamente fredda pare sui
    130 gradi ma se mettete un termometro ve lo fonde in pochi istanti, non vi scotta la pelle ma vi fonde la punta d'un elettrodo di tungsteno d'una saltatrice TIG e vi trancia un binario di ferrovia, quindi classificarlo gas anomalo è un'eufemismo in quanto vi ho elencato 3 situazioni differenti e in contrapposizione una con l'altra. Abbiamo visto il filmato mandatoci gentilmente dall'amico Gianfranco ed era un'autentica esplosione
    poichè se fosse stata un'implosione lo avremmo dedotto immediatamente dai pezzi di plasticache si sarebbero rannicchiati in se stessi senza andare ad aprire la braghetta
    e la cravatta d'uno degli sperimentatori. ho sempre raccomandato a voi amici di adottare cautale sino a quando non conosciamo bene la natura di questo fenomeno
    anomalo. adesso appena rientrerà Idrogeno 77, cercheremo di impostare una tavola
    rotonda fra noi per fare il punto della situazione ed agire di conseguenza. poi Pancia parleremo anche di sonofusione e cavitazione, siamo qui per questo Kind regards.

  20. #86
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    egno evidente che l'ugello del gas
    della cella o era troppo sottile o era otturato, es claro Gianfrà? rivediti il filmato e vediamo se mi dai ragione.
    Si, si !! ragione al 100 * 100.
    Stesse considerazioni ......cella esplosa per pressione..!

    P.S Ricordo di aver letto 2 anni fa, su questo sito,di uno sperimentatore che raccontava l'esplosione di una cella a fusione fredda (in pressione).....si era fato costriure da un vetraio una cella stagna per la fusione fredda e ricorso di aver letto di una bella,grossa e pericolosa ESPLOSIONE ,ricordo le foto del garage.......un bel casino......
    Framoro...

  21. #87
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Amici che bello vedere che questa stanza si stia riempiendo, ed ognuno mette del suo, sono onorato di tutto ciò spero che faremo tutti insieme del nostro meglio, anche l'inserimento di filmati è buonissimo come stanno facendo i nostri cari Pancia e Gianfranco, eccomi caro Andel a fare gli onori di casa a tutti i nuovi arrivati.

    Caro Carlo (shardanaelettronica) eccomi qui, rivedendo il video dell'esplosione, come avrete potuto notare, appena si da corrente alla cella incomincia la produzione di hho, come si puo vedere dalle bolle, che poi pero non fuoriescono dal tubicino a sinistra che era sommerso dentro un vaso portafiori, quindi la deduzione che come diceva il nostro amico Carlo il tubo fosse otturato, ma quello che volevo far notare, e che ho notato anche io in un mio esperimento... che quando si attura il tubo della fuoriuscita di hho la produzione della stessa termina perche?
    lo si vede bene nel video iniziano le bolle, si interrompono le stesse e poi scoppia come mai?
    Mi è capitata la stessa cosa pure a me quando ho applicato il tubo dentro un'accendino, non produceva piu le bolle... allora mi sono preoccupato ed ho staccato tutto.... Garibaldino si... ma sempre con prudenza ok...... e fateli all'aperto non fate come me al chiuso e dentro un laboratorio di pasticceria.....

    Non ti preoccupare Carlo che i motorini qui ne rimmedio tanti... sto pure vicino ad un mare di sfasciacarrozze!!!!!

    Vi posto le foto dei quello che ho fatto ieri e di alcune mie conclusioni...
    dopo 20 min di elettrolisi l'acqua mi è sembrata eccessivamente sporca! sul fondo aveva creato una patina tipo oleosa.... pensi Carlo che con il motorino dei tergicristalli e con un filtro si puo risolvere questo problema!
    Vi piace la mia nuova spirale ho fatto in tutto 6 piani ma ogni piano a sua volta aveva 4 spirali, ho notato che rimanevo incastrato alora per scavallare il piano successivo mi sono avvalso della guaina dei fili elettrici... ho notato che cosi facendo a parita di filo rispetto alla classica spirale dei video americani avevo prodotto molto piu hho!!!

    Credo, secondo le mie uminli esperimenti che l'uso di acqua distillata sia obbligatoria, perche ho notato sulla cella fatta con delle piastre la presenza di CALCAREE!!!!che quindi come la serpentina dello scaldabagno a lungo puo dare problemi giusto?
    Ho notato pure che immergendo la cella nell'acqua da rubinetto aveva un assorbimento di corrente di circa 4 ampere e producevo un po di hho,
    mentre nell'acqua distillata nessun assorbimento di corrente e poco o niente bollicine di hho, quindi deduco e corregetemi se sbaglio, che l'acqua distillata è meno conduttrice di corrente? ho risolto il problema mettendoci dentro un po di bicarbonato di sodio!
    si si lo so che non è buono ma non so e anzi vi volevo chiedere ma dove si compra la soda caustica?
    grazie amici a presto
    Anteprime Allegati Anteprime Allegati produrre hho da una vecchia batteria per auto!!!-pic_0038.jpg   produrre hho da una vecchia batteria per auto!!!-pic_0037.jpg   produrre hho da una vecchia batteria per auto!!!-pic_0036.jpg   produrre hho da una vecchia batteria per auto!!!-pic_0035.jpg  

  22. #88
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao carissimi amici, non preoccupatevi non mollo!!

    ho avuto solo un'attimo di depressione.........

    l'idrogeno ha una combustione veloce (pensavo!), ma quando ho sentito il rumore, nel video di quel signore, dello schioccare del gas mi sono reso conto che la combustione dell'idrogeno non è veloce ma troppo veloce per i nostri cari motori. e poi..il fatto che è fredda c'è poca espansione dei gas per cui poco rendimento per noi poveri mortali!!

    ma sto pensando........dovrà esserci un sistema per entrare in sintonia con questo alieno!

    al mio rientro contatterò un'amico meccanico e mi farò rimediare pistoni, cilindri e tutto quello che mi servirà per trovare la giusta forma.

    ho telefonato al mio cugino chimico che non potrà partecipare al forum ma parteciperà al progetto in privato. manderò una e-mail a shardana con il suo indirizzo.

    ciao parto per Foggia....chissà magari ci scappa anche un bagnetto!!!

Pagina 4 di 45 primaprima 12345678910111213141516171824 ... ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Kit per produrre Idrogeno e Kit per auto
    Da alex_biondo1981 nel forum Sistemi per auto a idrogeno/acqua
    Risposte: 87
    Ultimo messaggio: 04-01-2013, 20:07
  2. usare una vecchia batteria per auto per produrre hho
    Da marcorudu nel forum Idrogeno e Pile a Combustibile (Fuel Cells)
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 20-06-2008, 17:08
  3. ricaricare batteria auto
    Da mike9146 nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 03-03-2008, 19:35
  4. Alimentare pc da batteria auto
    Da nel forum ACCUMULAZIONE di ENERGIA
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 15-03-2006, 15:38

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •