Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 7 1234567 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 22 su 134

Discussione: MEG: funziona o è bufala?

  1. #1
    Ospite

    Predefinito



    ho scoperto da qualche ora l' esistenza di questo interessantissimo forum e nn ho esitato a registrarmi.
    sono poi andato a leggere la relativa documentazione tecnica del MEG e numerose discussioni su questo forum....
    - nn sono ancora riuscito però a capire se qualcuno è ruscito a realizzare o meno un prototipo di macchina funzionante.
    - tra le varie configurazioni di macchine che ho visto nelle discussioni quale sarebbe la più attendibile per realizzare le condizioni di + alto rendimento?
    - avete realizzato una sorta di comunità-organizzazzione in cui state effettuando gli esperimenti "in-rete" oppure ognuno va avanti per conto suo?

  2. #2

    Predefinito

    Grande nick...... che ti sei scelto! MEG: funziona o è  bufala?
    Benvenuto, in questo angolo di rete.
    Scusa se nessuno si è accorto del tuo post, ma il forum ha avuto una espansione cubica e i thread sul MEG sono stati disertati perchè l'argomento è un pò....peloso ma più che altro perchè tutti sono infervorati con le varie fusioni e l'olio di colza.
    Comunque, se hai letto i vari thread ed i link contenuti, ti sarai fatto una tua idea.
    Cosa ne pensi? Quale è questa idea? Non ti preoccupare, male che vada sarai ostracizzato. MEG: funziona o è  bufala?
    Ciao.

  3. #3
    Amministratore

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao 1.21 gigawat e un ciao a lawrence,

    Il fatto è che il MEG è un gran casino! Noi (e con questo noi intendo tutto il lavoro svolto da sandro-meg con l'aiuto di molti internauti e i cui passi e conclusioni trovi nel sito www.progettomeg.it) non siamo giunti ad ottenere overunity. Ma non possiamo neppure dire che sia una bufala.
    I principi di base su cui si fonda la dichiarata overunity sono validi. Sono i metodi pratici di realizzazione di questi principi che non sono ancora stati verificati. Almeno da noi. Bearden e anche Naudin dichiarano di ottenere questa fatidica overpotenza (se leggi i nostri documenti ti accorgerai però che la replica minuziosa del progetto naudin non ci ha portato ad alcuna overunity...)

    Comunque è presto per chiudere l'argomento e un pò di tempo e di soldini servirebbero ad arrivare a conclusioni migliori.
    Per ora un saluto e facci sapere se vuoi unirti nella sperimentazione.
    Roy

  4. #4

    Predefinito

    Roy, se mi consenti, per precisione, anche i principi teorici di base sono tutti da verificare, anzi, con precisione nessuno li conosce. L'unica cosa che si sa è che T. Bearden ha registrato un brevetto ed esponendosi di persona ha dichiarato che lui ha un dispositivo che funziona. J. Naudin ha detto che è riuscito a replicarlo con successo. Possiamo credergli o no, ma questo è quello che sappiamo, nulla di più nulla di meno. Credo che essere precisi non guasti mai.
    Ciao.

  5. #5

    Predefinito

    CITAZIONE

    Roy, se mi consenti, per precisione, anche i principi teorici di base sono tutti da verificare, anzi, con precisione nessuno li conosce.


    I principi fisici di funzionamento del MEG dichiarati da Bearden sono conosciuti eccome.
    Nelle trattazioni di Bearden si parla di effetto Aharonov-Bohm alla base del funzionamento del MEG , legge fisica trattata ovunque nei testi di fisica quantistica .


    Maury

    Edited by maurjzjo - 8/6/2005, 23:52

  6. #6
    Amministratore

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Lawrence,
    Maurjzjo ha ragione. I principi di base su cui si dovrebbe fondare l'ipotetica overunity del MEG sono scientificamente provati. E lo dovresti sapere anche tu visto che segui la cosa praticamente dalle origini.

    Il principio Aharonov-bohm, la fase di Berry, il picco di lenz e, aggiungerei io, il teorema di Bell come verificato da Aspect nel 1982.

    Quindi direi che i principi di base sono validi. Bisogna vedere se le speculazioni di Bearden e soprattutto il modo pratico di "sfruttare" questi metodi sia realmente valido... verificare questo è il nostro obbiettivo.

    Salut!!

  7. #7

    Predefinito

    Ciao,
    Non vorrei ritornare sulle vecchie querelle.
    Non ho mai detto e non l'ho detto neppure quì, che tali effetti non siano nè reali e nè dimostrati. Tutto reale e dimostrato.
    Quello che non è dimostrato da nessuna parte è che il MEG abbia una virgola a che fare con quei fenomeni.
    Io posso dichiarare che ho inventato una macchina per fare la birra sfruttando l'effetto placebo. Ciò non significa che io non abbia inventato la macchina per fare la birra e neppure che non esiste l'effetto placebo. Ma non significa che la mia dichiarazione sia vera e neppure che si possa sfruttare l'effetto placebo per fare la birra. Il succo del discorso è questo.

    Se guardate bene gli scritti di bearden, e io li ho guardati, egli è erroneamente convinto che i picchi di lenz in una bobina rendano più energia di quella consumata. Questo è tremendamente falso. Rendono più tensione di quella applicata inizialmente alla bobina ma non più energia. Lo stesso dicasi per l'effetto Bohm, e per tutte le altre applicazioni di altri effetti. Bearden decontestualizza la fisica dando un significato diverso a dimostrazioni reali e perciò confonde i lettori meno preparati. Se lo fa apposta o per ignoranza questo non sta a me dirlo.
    Fatto è che non si può dire di conoscere esattamente perchè in teoria il MEG dovrebbe funzionare, non è scritto da nessuna parte. Non lasciatevi fuorviare dai suoi scritti, sono solo parole, complicate e condite con sprazzi di realtà ma da nessuna parte è descritto perchè il MEG dovrebbe funzionare, neppure nel brevetto.
    Forse mi è sfuggito qualcosa che invece voi conoscete?
    Ciao.


    A proposito, del teorema di Bell, guardate di cosa si tratta e ditemi che ha a che fare con il MEG.

    http://www.upscale.utoronto.ca/GeneralInte...llsTheorem.html

    Edited by Lawrence - 9/6/2005, 09:53

  8. #8
    Amministratore

    User Info Menu

    Predefinito

    Lawrence...
    in fondo hai ragione. Nessuno ci può garantire che il MEG, se funziona, sfrutti questi parametri e leggi. Ma da qualcosa bisogna pur iniziare! E poi Bearden qualcosa deve pur aver scoperto...

    Comunque ti dò ragione un pò su tutti i fronti. Noi siamo andati sulla fiducia oltre che su una base scientifica che, in ogni caso, può quadrare. Poi in questi argomenti se non provi non saprai mai se vi è un fondo di verità!!
    Roy

  9. #9

    Predefinito

    Io continuo ad essere dell'idea che prima di inficiare un uomo come Bearden (che ha piu' anni di noi e maggiore esperienza) sia bene possedere una completa padronanza della fisica quantistica.

    CITAZIONE

    Se guardate bene gli scritti di bearden, e io li ho guardati, egli è erroneamente convinto che i picchi di lenz in una bobina rendano più energia di quella consumata. Questo è tremendamente falso. Rendono più tensione di quella applicata inizialmente alla bobina ma non più energia. Lo stesso dicasi per l'effetto Bohm, e per tutte le altre applicazioni di altri effetti.



    La legge di Aharonov-Bohm afferma che un campo di potenziale vettore magnetico (vettore A), in assegna di campo magnetico (vettore B), crea uno shift di fase della funzione d'onda dell'elettrone e quindi l'energia che compete al potenziale vettore A (sia esso del punto zero o artificiale) puo' essere tradotta in variazioni di fase e di conseguenza in variazioni di energia dei portatori di carica elettrica.

    Se tale shift viene scelto in maniera opportuna si puo' fare in modo che l'incremento di energia sia utilizzabile in corrispondenza dei picchi (della funzione d'onda) coincidenti con un solenoide tagliato conformemente a tale funzione d'onda.

    Maury

    Edited by maurjzjo - 9/6/2005, 13:29

  10. #10
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao
    sono anora vivo anche se mooooolto assente.Leggo di tanto in tanto i form ma ancora per un po sono impossibilitato a fare esperimenti.
    Ho ancora voglia di fare l'ultima prova con il metodo descritto negli ultimi post anche se so che Lowrence non e' per niente d'accordo con la mia interpretazione del MEG.Le due bobine di controllo sono terminate e mi mancano le due bobine secondarie (anche se non le possiamo chiamere cosi'.....) forse per fine estate riusciro' a dirvi se si riescono ad ottenere dei dati interessanti .
    Ciao e a risentirci

    Edited by sandro-meg - 9/6/2005, 18:28

  11. #11

    Predefinito

    Ciao Sandro, ben risentito, beato te che puoi stare mesi e mesi in ferie!
    Non è proprio vero che non sono d'accordo con tutte le tue ipotesi, solo con qualcuna.

    Per Roy, quello che ho sempre sostenuto, è questa filosofia, o crediamo che funzioni, o non ci crediamo a lume di naso e senza troppo pensarci. Se non ci piace credere che il MEG funzioni non ci perdiamo tempo. Se gli diamo qualche opportunità, possiamo fare esperimenti e perderci tempo e qualche soldo per fare ricerca prove ed esperimenti senza nulla precludere. Possiamo credere che Bearden e Naudin hanno dei prototipi che funzionano e cercare di capire perchè funzionano. Ma sicuramente, e chiedete a chi vi pare, gli scritti di Bearden contengono più bufale che la campagna di Caserta. Come sempre ho detto e sostenuto ed il tempo che ci ho perso mia ha sempre dato più conferma, se Bearden ha scoperto qualcosa di nuovo non è perchè lui conosce la fisica e neppure l'elettronica, ma è una cosa casuale e non è sicuramente per i motivi descritti nei suoi documenti. Questo non è per denigrarlo, ma spesso si fanno scoperte che non si comprendono e non se ne comprende la causa se non dopo molti anni di attento ed onesto studio. Spesso le persone che scoprono il motivo del reale funzionamento non sono neppure le stesse che hanno scoperto il fenomeno. Certo è che Bearden non dimostra di conoscere nè la fisica classica e neppure quella quantistica, e se si va a vedere neppure l'elettronica. Per giustificare queste sue mancanze tira sempre in ballo che la scienza ufficiale nasconde qualcosa o trascura qualcos'altro. L'effetto Aharonov Bohm è accertato e dimostrato ma vi pregherei di andarvelo a studiare prima e capire esattamente di cosa si tratta. Quando avrete capito, capirete che Aharonov Bohm sta al MEG come il cavolo a merenda.
    Tanti saluti a tutti e buona sperimentazione.

  12. #12

    Predefinito

    CITAZIONE
    Possiamo credere che Bearden e Naudin hanno dei prototipi che funzionano e cercare di capire perchè funzionano. Ma sicuramente, e chiedete a chi vi pare, gli scritti di Bearden contengono più bufale che la campagna di Caserta.............
    Spesso le persone che scoprono il motivo del reale funzionamento non sono neppure le stesse che hanno scoperto il fenomeno. Certo è che Bearden non dimostra di conoscere nè la fisica classica e neppure quella quantistica, e se si va a vedere neppure l'elettronica. Per giustificare queste sue mancanze tira sempre in ballo che la scienza ufficiale nasconde qualcosa o trascura qualcos'altro.

    Salve a tutti, qualcuno già mi conosce (forum di xmx).

    Dietro suggerimento di Lawrence mi sono spupazzato un pò di scritti di questo Bearden.

    Mahhh......

    Mette insieme la meccanica di Newton con la meccanica quantistica, sostiene che se si applicano differenze di potenziale ad un carico e si toglie la fonte forza elettromotrice dal circuito abbastanza rapidamente non si produce un lavoro, pensa di poter estrarre più energia di quella necessaria a produrle dalle sovratensioni e sovracorrenti di chiusura/apertura di un circuito.......

    Dal punto di vista teorico direi che non ci siamo proprio, una sola di queste cose, dette durante un esame di fisica o elettronica o elettrotecnica, lo farebbe bocciare sui due piedi, indipendenemente da quanto può aver detto in precedenza.

    Ma supponiamo, per amore di ipotesi che abbia ragione lui.

    Stiamo parlando di produrre energia, magari non viene dal nulla ma, comunque, si tratta di energia abbondante e a bassissimo costo.

    Cosa impedisce a Naudin, Bearden e compagnia di diventare oscenamente ricchi ??
    Non avrebbero nemmeno la necessità di giustificare dal punto di vista teorico la loro tecnologia.
    Si costruiscono una piccola centrale e cominciano a vendere corrente elettrica, poi potrebbero vendere piccoli apparati a comunità isolate.
    Nel giro di dieci anni, non importerebbe più un fico secco della preparazione teorica di questi signori, sarebbero altri, ben più preparati di loro a cercare di comprendere l'arcano.
    Loro potrebbero stare in panciolle in qualche isoletta della polinesia a godersi i lauti guadagni.

    Se ciò non avviene e, se nessuno riesce a riprodurre i loro risultati, quale motivo può esservi ??

    Addiritura Bearden è arivato a sostenere che il problema per gli inventori/ricercatori, sarebbe la buona qualità dei materiali utilizzati, quindi, non ci sono nemmeno scuse di tipo tecnologico.



    Odisseo

  13. #13

    Predefinito

    CITAZIONE

    L'effetto Aharonov Bohm è accertato e dimostrato ma vi pregherei di andarvelo a studiare prima e capire esattamente di cosa si tratta. Quando avrete capito, capirete che Aharonov Bohm sta al MEG come il cavolo a merenda.


    Allora dimostra con affermazioni SCIENTIFICHE e non con pregiudizi che "l'effetto Aharonov-Bohm sta al MEG come il cavolo a merenda".
    E per affermazioni SCIENTIFICHE intendo utilizzando il linguaggio su cui si fonda la fisica quantistica , ossia la matematica e le leggi scoperte dai ricercatori.

    La semplice lettura e studio della seguente relazione di Aharonov-Bohm , ossia :
    user posted image
    farebbe rendere conto chiunque di usare maggiore onesta riguardo l'estrazione di energia che sembrerebbe possibile ; chi nega questa relazione e' uno sciocco.

    Affermazioni pressapochistiche sparate a priori senza dimostrare tali inconsistenze potrebbero bruciare una potenzialita'.



    Maury

    Edited by maurjzjo - 10/6/2005, 14:49

  14. #14

    Predefinito

    La pistola fumante (come dicono gli americani) un modello di meg funzionante e commercializzato.
    Attenderò con pazienza fino a quel momento.

    Odisseo

  15. #15

    Predefinito

    Maurizio, come al solito sei sempre provocatorio, per dimostrarti che il MEG sta come il cavolo a merendo con l'effetto Aharonov Bohm mi basta dirti che tale effetto è legato a livello quantistico ad un flusso di elettroni singoli che viaggiano nel vuoto. Dove è il vuoto nel MEG? La corrente elettrica che non è esattamente un flusso di elettroni viaggia dentro i conduttori di rame delle bobine. Allora dove dovrebbe verificarsi l'effetto? Non basta buttare lì il solito integrale, occorre anche spiegare dove avviene l'effetto di polarizzazione di fase. Dicci dove avviene dai....
    Ciao.

  16. #16

    Predefinito

    CITAZIONE

    per dimostrarti che il MEG sta come il cavolo a merendo con l'effetto Aharonov Bohm mi basta dirti che tale effetto è legato a livello quantistico ad un flusso di elettroni singoli che viaggiano nel vuoto. Dove è il vuoto nel MEG?


    Il vuoto risiede all'interno del metallo costituente il solenoide e attraverso il quale migrano gli elettroni in parallelismo all'esperimento della diffrazione di Aharonov-Bohm.

    CITAZIONE

    La corrente elettrica che non è esattamente un flusso di elettroni viaggia dentro i conduttori di rame delle bobine.


    E allora che cosa e' ?

    CITAZIONE

    Allora dove dovrebbe verificarsi l'effetto?


    Secondo quanto dice Bearden l'effetto di Aharonov-Bohm viene attualizzato all'interno del metallo costituente il solenoide.

    CITAZIONE

    Non basta buttare lì il solito integrale,


    L'ho buttato li' perche' dici di essere un esperto di fisica quantistica ed allora sono superflue prolissita' inopportune per chi conosce l'argomento.

    CITAZIONE

    occorre anche spiegare dove avviene l'effetto di polarizzazione di fase. Dicci dove avviene dai....
    Ciao.


    L'ho scritto nel post precedente.
    Lo shift di fase avviene sulla funzione d'onda rappresentante il comportamento ondulatorio degli elettroni all'interno del metallo costituente il solenoide.
    Chi ha studiato i principi elementari della fisica quantistica sa cosa intendo e comunque su internet puoi trovare un mare di principi di base per comprendere cio' che dico.

    Maury

    Edited by maurjzjo - 10/6/2005, 20:50

  17. #17
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Speriamo di non ricadere nuovamente come nelle disussioni precedenti in cui noi tre ci sbranavamo......quindi dico subito CALMA RAGAZZI ,NON SCALDATEVI !!
    Io logicamente parteggio per Mauryzyo,ma molti fatti sopratutto dopo le ultime mail di Bearden nel suo sito, mi fanno pensare che forse anche Bearden e' alla ricerca di soldi e il MEG non esiste.....ma qui lo dico e qui lo nego.
    Ritornando al discorso di Low,come sai bene l'effetto AB e' un effetto quantistico ma, esistono dispositivi gia' funzionanti a livello solido(logicamente non MEG ma sensori a effetto AB).Ho gia' dato numerosi documenti e link e quindi mi limito a dirti che l'effetto esiste anche quando non si lavora nel vuoto trammite un fascio di elettroni .....
    ma bensi' usando conduttori e corrente elettrica.Quel che e' vero e' che l'effetto si verifica quando le lunghezze in gioco sono molto piccole.....ma forse il trucco per riuscire ad avere il fenomeno anche a grandezze piu' grandi (per intenderci nel nostro nucleo) sta nel usare una frequenza tale da massimizzare il fenomeno.(risonanza)
    Il trucco starebbe quindi nell'avvolgimento particolare delle bobine del secondario,nel modo di alimentare il circuito,nella frequenza di lavoro e anche dal tipo di carico utilizzato che non deve essere di tipo lineare (carico resistivo variabile)
    Quando avro' tempo (a proposito non sono piu' in vacanza come pensa Low,magari...) finiro il lavoro che ho cominciato e poi vedremo se la bobina AB si comportera' da semplice resistenza o come nuovo tipo di generatore.
    Ben venga se qualcun'altro mi possa dare una mano,mi rivolgo a te Lowrence gia' che sei molto interessato al MEG ma non all'idea di farlo funzionare secondo la teoria di Bearden.
    Ciao

    Edited by sandro-meg - 11/6/2005, 19:20

  18. #18

    Predefinito

    CITAZIONE

    Speriamo di non ricadere nuovamente come nelle disussioni precedenti in cui noi tre ci sbranavamo......quindi dico subito CALMA RAGAZZI ,NON SCALDATEVI !!


    Per quanto mi riguarda non posso far altro che riportare delle verita' scientifiche ma se queste non vengono accettate da chi mi da' ingiustamente del provocatore non posso farci nulla. Io svolgo solo il mio ruolo di utente del forum che ripropone verita' pubblicate sui testi di fisica , non sono mica io che me le invento.


    CITAZIONE

    Ritornando al discorso di Low,come sai bene l'effetto AB e' un effetto quantistico ma, esistono dispositivi gia' funzionanti a livello solido(logicamente non MEG ma sensori a effetto AB).


    Sensori che se non sbaglio , in particolari condizioni oppongono resistenza negativa.


    Maury


  19. #19
    Ospite

    Predefinito

    allora perchè le linee dell'enel non usano questi "sensori " per portare la corrente?
    ma dai non diciamo fesserie..
    cmq una resistenza elettrica negativa la puoi simulare con un circuito ad operazionale.... senza tante teorie..

  20. #20

    Predefinito

    CITAZIONE

    allora perchè le linee dell'enel non usano questi "sensori " per portare la corrente?


    Semplicemente perche' in quanto "sensore" non e' in grado di erogare forte potenza elettrica.
    I sensori sono componenti nati per produrre informazione e non per produrre energia da distribuire.

    CITAZIONE

    cmq una resistenza elettrica negativa la puoi simulare con un circuito ad operazionale.


    A che serve ottenere resistenza negativa con operazionali alimentati a partire da una fonte energetica precostituita (l'alimentatore) quando noi parliamo di generazione di energia a partire dal vuoto (ZPE) ??!?!?!?!?

    CITAZIONE

    .... senza tante teorie..



    Nel campo della fisica se non crei modelli e teorie per spiegare i fenomeni non ottieni rispettabilita' e soprattutto credibilita' come esponente.

    CITAZIONE

    ...ma dai non diciamo fesserie..


    Seguendo il mio modello di contraddittorio ti pregherei , sulla base di tue dimostrazioni , di abbattere o rinforzare le mie tesi confutando o affermando e null'altro.


    Maury

    Edited by maurjzjo - 12/6/2005, 19:33

  21. #21

    Predefinito

    Ciao fissati con il MEG! MEG: funziona o è  bufala?

    No, Maurizio, non lo hai ancora capito, io non sono laureato in fisica, e non conosco neppure la fisica quantistica che conosco solo per sentito dire e non mi sta simpatica. Io conosco solo quello che serve di fisica ordinaria per capire i fenomeni legati all'elettronica. Ma non serve un granchè di laurea in fisica ed avere studiato 6 anni meccanica quantistica per capire le cavolate che introduce Bearden nei suoi documenti, a proposito o per caso.
    Comunque aldilà delle polemiche questi sono i motivi che giustificano le mie domande di prima:

    All'interno di un metallo non c'è il vuoto. C'è il metallo stesso. Gli elettroni si spostano in "gruppi" non nel caso dell'effetto Bohm ma nei superconduttori modificando al loro passaggio la strutture del lattice del conduttore a bassa temperatura. L'effetto Bohm è un' altra cosa.
    A proposito di sensori basati sull'effetto Aharonov Bohm, pare che ci siano, ma nulla hanno a che fare con la struttura del MEG, se ti ricordi Sandro ne abbiamo parlato ed insieme abbiamo anche visto che sono cose molto diverse. Per quello che riguarda la resistenza negativa, una pila è una resistenza negativa. Da non confondersi con le resistenze a variazione negativa del valore o NTC, che nulla hanno a che vedere con il nostro discorso.

    La corrente elettrica in un conduttore, non è rappresentata dal flusso di elettroni. Il flusso di elettroni ha una velocità media di qualche centimetro al secondo, le cariche elettriche invece si spostano alla velocità della luce. Non so dove mandarti a cercare queste informazioni ma in molti libri di testo di elettronica e di fisica per l'elettronica ci sono. Sembra una stronzata, ma il flusso elettronico nei conduttori è realmente molto lento.
    Lo shift di fase dello spin degli elettroni in un conduttore non è determinato. In un conduttore il campo elettrico è nullo proprio per questo motivo e proprio per questo è un conduttore. Pensaci abbastanza. L'esperimento dimostrativo è stato fatto con un fascio di elettroni nel vuoto, in un tubo ad interferenza schermato proprio per evitare l'interazione di campi esterni.
    La funzione di fase di un elettrone non ha niente a che vedere con la fase di una forma d'onda di una corrente o tensione elettrica. La prima è fisica quantistica e riguarda uno o un gruppo o un fascio di elettroni con lo stesso spin e può essere 1 o -1.
    La seconda è una funzione della corrente o della tensione come espressione della variazione del valore nel tempo.
    In rete si trova di tutto ed il contrario di tutto. Non si può dare credito a dei siti fatti per disinformare o per prendere per il bavero la gente, come quello sul DHMO.
    Per quel che riguarda gli integrali che ogni tanto tiri fuori, io e nessuno credo ti contesta il fatto che siano falsi, non veri o sbagliati. Dipende solo dal contesto in cui vengono usati e come i valori che nella realtà influenzano l'esperimento ci vengono inseriti. L'energia E=mc². Non significa che se io tiro un sasso l'energia che assume quel sasso è uguale alla sua massa per la velocità della luce al quadrato, intendo in questo senso.
    L'opinione che mi sono fatto durante questi mesi nei quali ho letto molta documentazione e fatto qualche esperimento è che Bearden abbia fatto molta confusione nelle sue prove che hanno portato dei risultati sbagliati in termini di rendimento, e molte sue affermazioni insieme alla storia delle sue esperienze me ne danno conferma.
    Io ho smesso con il MEG, lascio la patata bollente a voi augurandovi di ottenere qualche risultato.
    Ciao.

  22. #22

    Predefinito

    Ciao Lowrence,

    CITAZIONE

    No, Maurizio, non lo hai ancora capito, io non sono laureato in fisica, e non conosco neppure la fisica quantistica che conosco solo per sentito dire e non mi sta simpatica.


    Perche' il fatto che la fisica quantistica non ti stia simpatica deve permetterti di chiudere una porta al di la' della quale potrebbero esistere altre soluzioni ?
    Ricorda che con la fisica quantistica si sono fatti passi avanti negli ultimi decenni e costituisce un baluardo importante. Solo per citare un componente elettronico , il diodo tunnel senza la fisica quantistica non avrebbe spiegazioni.

    CITAZIONE

    Io conosco solo quello che serve di fisica ordinaria per capire i fenomeni legati all'elettronica.


    Si' ma se Bearden raccomanda di non trattare il MEG con l'elettromagnetismo classico qualche motivo ci sara'.

    CITAZIONE

    Ma non serve un granchè di laurea in fisica ed avere studiato 6 anni meccanica quantistica per capire le cavolate che introduce Bearden nei suoi documenti, a proposito o per caso.


    Il fatto che Bearden a volte dica cavolate , tutte da verificare , non significa che la sua intuizione sia errata.

    CITAZIONE

    All'interno di un metallo non c'è il vuoto. C'è il metallo stesso.



    Sin dai primissimi tempi della fisica della materia un certo Rutherford , fisico inglese , constato' che la materia e' costituita maggiormente da vuoto e particelle tra di loro vincolate pertanto un metallo non viene ritenuto come un corpo pieno di materia fino alla saturazione altrimenti le particelle elementari non potrebbero muoversi per conferire al metallo le relative proprieta'.

    Al contrario i metalli vengono considerati come una matrice regolare di protoni disposti nel vuoto nel quale si anima un gas di elettroni. Questa configurazione viene descritta dal modello di uno scienziato che si chiamava Drude. Se cerchi su internet troverai conferme che quindi un metallo e' costituito anche da spazio vuoto e non e' saturo di materia.

    CITAZIONE

    Per quello che riguarda la resistenza negativa, una pila è una resistenza negativa. Da non confondersi con le resistenze a variazione negativa del valore o NTC, che nulla hanno a che vedere con il nostro discorso.


    Nessuno ha parlato di NTC e poi anche i diodi tunnel oppongono resistenza negativa in particolari condizioni eppure non sono pile.

    CITAZIONE

    La corrente elettrica in un conduttore, non è rappresentata dal flusso di elettroni.


    Dovresti allora spiegarci da quali cariche e' costituita (!?!?)

    CITAZIONE

    Lo shift di fase dello spin degli elettroni in un conduttore non è determinato.



    Nessuno ha parlato di "shift di fase dello spin" . Stai confondendo alcuni concetti e poi che significa "shift di fase dello spin" ?
    Io parlavo dello "shift di fase sulla funzione d'onda che descrive il comportamento ondulatorio dell'elettrone".

    CITAZIONE

    La funzione di fase di un elettrone non ha niente a che vedere con la fase di una forma d'onda di una corrente o tensione elettrica. La prima è fisica quantistica e riguarda uno o un gruppo o un fascio di elettroni con lo stesso spin e può essere 1 o -1.


    E chi ha mai detto che la fase elettrica e' la stessa cosa della fase materiale ?

    CITAZIONE

    In rete si trova di tutto ed il contrario di tutto. Non si può dare credito a dei siti fatti per disinformare o per prendere per il bavero la gente,


    Veramente ci sono i siti delle universita' che non sono fatti per prendere per il bavaro la gente.

    CITAZIONE

    Per quel che riguarda gli integrali che ogni tanto tiri fuori, io e nessuno credo ti contesta il fatto che siano falsi, non veri o sbagliati. Dipende solo dal contesto in cui vengono usati e come i valori che nella realtà influenzano l'esperimento ci vengono inseriti.


    ... e dipende da come vengono interpretati da chi li legge. Se vengono letti da coloro che affermano di odiare la fisica quantistica e' evidente che le conclusioni saranno disastrose.
    Per quanto riguarda il contesto mi pare ovvio che fosse opportuno , si tratta solo di saper eseguire i calcoli servendosi delle nuove leggi fisiche proposte.
    E' ingiusto rigettare una legge solo perche' la si ritiene acontestuale perche' non la si comprende.

    CITAZIONE

    L'energia E=mc². Non significa che se io tiro un sasso l'energia che assume quel sasso è uguale alla sua massa per la velocità della luce al quadrato, intendo in questo senso.


    Significa che tale formula va applicata solo da parte di chi sa realmente leggerla ed interpretarla perche' chi non e' in grado di farlo riterra' che non esistono contesti utili.
    L'energia E=mc² e' l'energia che compete alla massa a riposo e contrariamente a cio' che dici , un sasso lanciato possiedera' COME MINIMO e a titolo di ENERGIA TOTALE , proprio quel valore piu' altri contributi (cinetico , potenziale , ecc).

    CITAZIONE

    L'opinione che mi sono fatto durante questi mesi nei quali ho letto molta documentazione e fatto qualche esperimento è che Bearden abbia fatto molta confusione nelle sue prove che hanno portato dei risultati sbagliati in termini di rendimento, e molte sue affermazioni insieme alla storia delle sue esperienze me ne danno conferma.


    Sinceramente tra cio' che fin'ora ho letto qui e cio' che ho letto dagli scritti di Bearden , preferisco gli "sbagli" di Bearden.

    Maury

    Edited by maurjzjo - 13/6/2005, 13:36

Pagina 1 di 7 1234567 ultimoultimo

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •