Mi Piace! Mi Piace!:  1,085
NON mi piace! NON mi piace!:  58
Grazie! Grazie!:  239
Pagina 663 di 671 primaprima ... 163463563613643649650651652653654655656657658659660661662663664665666667668669670671 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 13,241 a 13,260 su 13419

Discussione: Sistemi di accumulo per Fotovoltaico

  1. #13241
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito



    quindi confermi che sono dati inattendibili o meglio inutili?
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  2. #13242
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Non posso confermare nulla, non ho le conoscenze né gli strumenti per farlo.
    Sempre in giro ho letto che queste batterie si autolimitano a basse temperature, ma dovrebbero farlo sul lato della corrente e non della tensione.
    Aspettiamo che torni Ligabue, magari lui sa.
    Impianto: 2,8Kw - Accumulo 4,8Kwh

  3. #13243
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ligabue82 Visualizza il messaggio
    Impianto da 3 kWp con 7,2 kWh (sfruttabili all'80%) con sistema di accumulo in CC.

    saluti
    Anche io ho accumulo aton ra store 5k con 7.2 kw di batterie. Sono un pò deluso xche monitorando con app e domotica, dovrebbe restituire circa 6k mentre invece reali sono 5. Frega un 30% in realtà, non un 20. Poi ho notato più Potenza chiedo la sera e meno ne restituisce...cioè..se consumo 0,5kw all'ora me ne ridà 5....se consumo 2,5kw/h me ne restituisce poco piu di 4 in totale...

  4. #13244
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    "cioè..se consumo 0,5kw all'ora me ne ridà 5....se consumo 2,5kw/h me ne restituisce poco piu di 4 in totale…"
    Nicotek è il tipico comportamento degli accumuli quando hanno batterie medie come le Aton /Pylontec
    altre batterie come Tesla ed LG, sotto l'aspetto potenza erogata, sono più stabili e perdono meno energia.
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  5. #13245
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    A mio avviso bisognerebbe confrontare sistemi di pari capacità nelle medesime situazioni di sforzo.
    E' logico presumere che, a parità di consumo, lo sforzo richiesto ad un accumulo composto da 2 moduli sia notevolmente superiore allo stesso richiesto a 4 o più moduli, variando notevolmente il C-rate e di conseguenza le perdite di sistema: se un sacco di cemento lo porto da solo farò molta fatica e mi stancherò in fretta, se lo porto assieme ad altre 3 persone farò 1/4 dello sforzo e mi stancherò in un tempo molto più lungo.
    Tesla è bello grosso e in virtù di questo è probabile che abbia meno perdite in scarica...
    Impianto: 2,8Kw - Accumulo 4,8Kwh

  6. #13246
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    il concetto è esatto, quello che conta è la C delle batterie, che è il fattore di scarica massima ammessa dalle celle,
    se quella Aton hanno celle a C20 e Tesla le ha a C30 il peso della scarica su queste ultime sarà molto meno violenta se hanno lo stesso assorbimento,
    diciamo che la grandezza in se della batteria è meno importante del fattore di scarica, C appunto.
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  7. #13247
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Nicotek Visualizza il messaggio
    Anche io ho accumulo aton ra store 5k con 7.2 kw di batterie. Sono un pò deluso xche monitorando con app e domotica, dovrebbe restituire circa 6k mentre invece reali sono 5. Frega un 30% in realtà, non un 20. Poi ho notato più Potenza chiedo la sera e meno ne restituisce...cioè..se consumo 0,5kw all'ora me ne ridà 5....se consumo 2,5kw/h me ne restituisce poco piu di 4 in totale...
    Sono informazioni che conoscevo già. Fino a quando non sarà obbligatorio una severa certificazione ( non autocertificazione) per questi oggetti, i truffatori ci andranno a nozze con queste cose, nascondendo i dati reali di funzionamento e le perdite. Chi credeva di puntare sulla tanto sbandierata qualità italiana di Aton, si trova ad avere acquisito una mediocre cinesata.

  8. #13248
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da dolam Visualizza il messaggio
    ovviamente la maggior parte in Lombardia, Veneto e Emilia e Romagna che sono le regioni che danno gli incentivi.
    è questo il problema
    se dessero incentivi per la famosa "macchina per buttare la me.da sui tetti" se ne installerebbero un sacco, detrai la spesa residua, prendi soldi, ti vanti all'osteria e ti metti in tasca alla fine qualche centisimo sulle spalle degli altri
    al contrario se vedi emergere una tecnologia NON AFFATTO incentivata è un dato estremamente significativo, vuol dire che è al di sopra di ogni dscussione
    ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato

  9. #13249
    Amministratore

    User Info Menu

    Predefinito

    B_N.... alcune tecnologie hanno bisogno, nella fase inziale, di una spinta per poter competere sul prezzo fino a che non raggiungono la maturità tecnica o i volumi necessari.

    Ed è giusto sia così se la tecnologia aiutata serve a migliorare la vita di tutti.
    Poi i finanziamenti scemano e finiscono da soli... è inutile che ti accanisci così quindi. C'è una logica ed è anche corretta.
    Torniamo in tema e non danneggiare la discussione tecnica.
    Eroyka
    Comprogreen.it: soluzioni di alta ecologia che supportano il forum. Acquista in piena sicurezza!
    Essere realisti e fare l'impossibile

  10. #13250
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Complimenti eroyka, condivido in pieno.
    Casa passiva 170mq, Zona E, FV 5,72Kwp, VMC Zehnder 350Luxe con controllo CO2 selfmade, PdC Aermec accumulo 300l. No Gas, piccola stufa a legna ermetica Elements Skantherm
    Guido ibrido dal 2007 con grande soddisfazione!

  11. #13251
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    guarda che è un discorso tecnico
    io l'accumulo l'ho fatto !
    era piccolo perchè era solo una prova tecnica che il cliente ha finanziato di tasca sua per vedere nella pratica come si comportava, è sttao realizzato un pilotino da 60 kW che se avesse dato i risultati ipotizzati sulla carta avrebbe portato direttamente alla realizzazione prima di un 250 kW o subito dopo ad un 0,5 MW
    le persone serie esistono !
    l'impianto funziona bene ma ha prorpio dimostrato che nella pratica non ne vale la pena per cui pilotino è rimasto

    gli incentivi servono solo a far guadagnare di più chi specula permettendogli di ottenere comunque guadagni anche senza cercare l'ottimo, ma questo è la negazione del progresso umano
    se non ci fossero non si avrebbero boom fasulli ma si avrebbe un giusto innesto delle nuove tecnologie che, come è giusto, richiede il giusto tempo

    e l'esempio principe è proprio quella della telefonia, funziona prorpio perchè "in sè" funziona, se fosse stata incentivata avrebbe generato mostri e oggi sarebbe peggio

    di contro vedi come si penalizzi (NON E' FUORI TEMA) le diesel e si incentivi le elettriche per permettere ai produttori di realizzare guadagni anche senza dover accollarsi l'onere di ottimizzare la catena, sarebbe interessabte che qualche "amante" dell'analisi della Dx e della Sx in questa luce elucubrasse se questo è un discordo di destra o di sinistra
    così almeno ridiamo un po', qualsiasi sia la tesi (certo non sarò io a promuovere questa analisi demente)
    ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato

  12. #13252
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da eroyka Visualizza il messaggio
    ....Ed è giusto sia così se la tecnologia aiutata serve a migliorare la vita di tutti.........
    Il problema è che l'accumulo domestico NON seve a migliorare la vita di tutti.
    Il fatto che alcune regioni "sperperino" i soldi dei contribuenti non vuol dire che sia giusto.
    Impianto FV da 2,7 kWp, 15 pannelli SHARP NU 180W, inverter SMA SB2500, Azimut 162,2°, Tilt 17°.
    attivo dal 06/12/2008, 2° CE, SSP (posizione lat. 45,47N, long. 10,26E)

  13. #13253
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    L'accumulo domestico è in fase di sperimentazione, io non lo metterei perchè economicamente non conviene (opinione personalissima) ma in un prossimo futuro potrebbe avere un ruolo chiave nelle smart grid e nell'incremento delle rinnovabili nel mix energetico.

    Quindi se lo incentivano è proprio per questa utilità pubblica
    Ambientalista, esperto di risparmio energetico, veicoli elettrici e energie rinnovabili.
    Possessore di una rara FIAT Seicento Elettra: Eli!

  14. #13254
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Nonostante abbia perdite maggiori rispetto alla condivisione in rete (SSP)?
    Bel discorso ecologista.......alla faccia de "esperto di risparmio energetico" come autoproclamato in firma.
    Impianto FV da 2,7 kWp, 15 pannelli SHARP NU 180W, inverter SMA SB2500, Azimut 162,2°, Tilt 17°.
    attivo dal 06/12/2008, 2° CE, SSP (posizione lat. 45,47N, long. 10,26E)

  15. #13255
    Amministratore

    User Info Menu

    Predefinito

    Il fatto che alcune regioni "sperperino" i soldi dei contribuenti non vuol dire che sia giusto.
    giusto per chiarimento... io non sostengo particolarmente gli incentivi all'accumulo... infatti ho scritto
    Ed è giusto sia così se la tecnologia aiutata serve a migliorare la vita di tutti.
    La mia speranza è solo che investimenti fatti oggi nel campo delle batterie (e quando ci sono incentivi gli investimenti nel campo aumentano), portino ad una accelerazione delle performance e della duratta e affidabilità delle stesse su tutti i fronti ed in particolare in quello automotive.

    Le batterie sono rimaste l'ultimo cono di bottiglia per il lancio su grande scala dell'elettrico... speriamo che questo gap finisca quanto prima.
    Comprogreen.it: soluzioni di alta ecologia che supportano il forum. Acquista in piena sicurezza!
    Essere realisti e fare l'impossibile

  16. #13256
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    "Le batterie sono rimaste l'ultimo cono di bottiglia per il lancio su grande scala dell'elettrico... speriamo che questo gap finisca quanto prima"

    E' tutta qui la giusta chiave di lettura , dobbiamo attendendere il lancio di batterie più performanti, esistono le hanno già quelle a densità raddoppiata ma aspettano "ragioni di mercato" per piazzarle su larga scala, così come condivido che l'accumulo domestico sarà trainato dalla mobilità elettrica.
    Altra sfida sarà il recupero delle perdite di sistema che ora sono penalizzanti anche per l'ambiente.
    Roy concordo nel dare ancora più incentivi a FV ( tenere gli attuali anche in futuro) e mobilità elettrica , l'accumulo domestico sarà "trascinato" dai primi due per questo non gli darei soldi ora.
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  17. #13257
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    I problemi sono diversi:
    1) la rete, attualmente, specie fuori dai grandi centri abitati è sottodimensionata, ovvero il gestore non ha potenziato o non lo ha fatto a sufficienza rispetto il boom di abitazioni costruite negli scorsi anni.
    2) Sono e di molto aumentati i consumi, ma solo in alcune fasce (asciugatrici, lavastoviglie, condizionatori, ecc)


    Il fotovoltaico, oltre a ridurre la dipendenza dai paesi venditori di metano, permette una produzione distribuita sull'intero territorio, il passo successivo è quello di un accumulo distribuito che aiuta ad assorbire i picchi momentanei sulla rete. Se produciamo EE in eccesso di giorno, che ce ne facciamo? Dove la possiamo immagazzinare?
    Possiamo riempire serbatoi di aria compressa per recuperare energia di notte. Rendimento ridicolo, certo ma è una possibilità.
    Possiamo scindere l'acqua e riempire serbatoi di idrogeno ed usarli quando serve con le fuel-cell. Non ho idea di rendimenti, ma implica sicuramente problemi di sicurezza che possono comunque essere risolti, ma a che costi?
    Pompare acqua e riempire i bacini artificiali. Si fa già.
    Caricare delle batterie? E' una possibilità, e credo che al momento sia quella con un rapporto rischi/costi/vantaggi migliore.
    Lo SSP, è una gran bella cosa, ma se la rete non riesce ad assorbire tutta l'energia che produci, che fai? Provi ad immagazzinarla o lasci perdere?
    Io ci provo. Sbaglierò, ma ci voglio provare.
    Ciao
    Casa passiva 170mq, Zona E, FV 5,72Kwp, VMC Zehnder 350Luxe con controllo CO2 selfmade, PdC Aermec accumulo 300l. No Gas, piccola stufa a legna ermetica Elements Skantherm
    Guido ibrido dal 2007 con grande soddisfazione!

  18. #13258
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da egimark Visualizza il messaggio
    Nonostante abbia perdite maggiori rispetto alla condivisione in rete (SSP)?
    Bel discorso ecologista.......alla faccia de "esperto di risparmio energetico" come autoproclamato in firma.
    Sei un po' arrogante, e anche ignorante.
    Nell'accumulo non c'è nessun "risparmio", è uno STRUMENTO per coprire i "buchi" delle rinnovabili, sia se usato privatamente che collettivamente.

    Non sono io a incentivarlo (nè te), ma esperti veri.
    Ambientalista, esperto di risparmio energetico, veicoli elettrici e energie rinnovabili.
    Possessore di una rara FIAT Seicento Elettra: Eli!

  19. #13259
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Difatti c'è uno spreco nelle perdite di conversione. Se evito lo spreco, non risparmio?
    Impianto FV da 2,7 kWp, 15 pannelli SHARP NU 180W, inverter SMA SB2500, Azimut 162,2°, Tilt 17°.
    attivo dal 06/12/2008, 2° CE, SSP (posizione lat. 45,47N, long. 10,26E)

  20. #13260
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    "è quello di un accumulo distribuito che aiuta ad assorbire i picchi momentanei sulla rete."
    sfatiamo un mito per favore, i picchi sulla rete si hanno in condizioni particolari e soprattutto da Aprile ad Agosto, chi ha avuto esperienze con l'accumulo potrà
    raccontarvi, se dice la verità, che il consumo serale-notturno nel periodo indicato non supera mai i 3/4 kWh al netto di eventuali condizionatori.
    Nel periodo indicato un impianto da 6kW alle 11/12 ha già riempito la capacità dell'accumulo domestico ed i picchi di produzione vanno dalle 12 alle 15, quindi di nessuna utilità al ribasso.
    Gli accumuli al più possono tornare utili nelle giornate di picchi di assorbimento nelle grandi città per Afa particolare dove frigo e condizionatori girano a palla ma in quel caso anche le nostre abitazioni stanno assorbendo il massimo dal nostro FV .
    Non contesto che esperti della materia possono aver indirizzato questa scelta ma è innegabile che molti di essi lavorino per industrie del settore.
    Per me una soluzione palliativa può essere il grande accumulo condiviso in condominio e o quartiere, più adatto a far fronte ad emergenze di uno o due giorni.
    Quello domestico al momento è condizionato da costi alti e bassa efficienza, cose che certamente muteranno in futuro per materiali più performanti ma per ora non è meglio investire nell'incrementare ulteriormente l'uso del FV e della domotica di gestione?
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  21. RAD
Pagina 663 di 671 primaprima ... 163463563613643649650651652653654655656657658659660661662663664665666667668669670671 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Autocostruzione sistemi di accumulo
    Da remtechnology nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 68
    Ultimo messaggio: 22-04-2015, 15:24
  2. CEI 0-16 e CEI 0-21 in inchiesta pubblica per sistemi di accumulo
    Da Gate Array nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 25-10-2014, 08:42
  3. sistemi di accumulo in commercio
    Da neoworld nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 12-04-2013, 00:41
  4. Sistemi di accumulo
    Da Acmeman nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 25-03-2013, 11:47
  5. Sistemi di accumulo di energia
    Da Luca984 nel forum ACCUMULAZIONE di ENERGIA
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 28-12-2012, 23:47

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •