Mi Piace! Mi Piace!:  1,085
NON mi piace! NON mi piace!:  58
Grazie! Grazie!:  239
Pagina 664 di 671 primaprima ... 164464564614644650651652653654655656657658659660661662663664665666667668669670671 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 13,261 a 13,280 su 13419

Discussione: Sistemi di accumulo per Fotovoltaico

  1. #13261
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito



    sperimentate l'accumulo serio,non minchiative da 10 kWh
    DOPO scrivete
    io l'ho fatto, e ti garantisco che pur con solo 60 kW qualcosa di serio vedi
    altrimenti veramente state parlando di giocattolini di pochissimi a spese di tutti che non servono a nulla

    attendo risposte da chi ha fatto almeno un accumulo almeno sopra i 30 kW .................................................. .......
    (salvo diversa dimostrazione do per scontato che non lo rifarebbe più)
    nemmeno leggo risposte basate su pettegolezzi ed incentivi pagati da altri, altrimenti incentivatemi i miei di giocattoli
    ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato

  2. #13262
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Non decidi tu chi può scrivere e chi no ;-)

    Ripeto, io sono molto scettico sugli accumuli domestici proprio per l'efficienza e perchè chi li valuta lo fa per una concezione "autarchica" che porta alla tendenza a criticare "mamma Enel" e volersi staccare il più possibile dalla rete.
    E' questo approccio che reputo negativo e poco efficiente, oltre che irrazionale.

    invece gli incentivi e lo studio delle smart grid...per quanto mi vedono comunque scettico... sono studiati in tutto il mondo, si chiama SPERIMENTAZIONE.

    Non tutte le sperimentazioni finiscono bene, vedremo.

    Io ho sempre detto che non "condividerei" la mia auto elettrica come accumulo per la collettività senza un adeguato incentivo.

    E' chiaro che vale lo stesso anche per gli accumuli stazionari, e a mio avviso anche quelli dovrebbero essere incentivati, in futuro, se utili alla getsione della rete di distribuzione.
    Ambientalista, esperto di risparmio energetico, veicoli elettrici e energie rinnovabili.
    Possessore di una rara FIAT Seicento Elettra: Eli!

  3. #13263
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    RiQuoto

    Quote Originariamente inviata da eroyka Visualizza il messaggio
    Ed è giusto sia così se la tecnologia aiutata serve a migliorare la vita di tutti.
    Quoto

    Quote Originariamente inviata da richiurci Visualizza il messaggio
    Nell'accumulo non c'è nessun "risparmio", è uno STRUMENTO per coprire i "buchi" delle rinnovabili, sia se usato privatamente che collettivamente.
    e sottolineo che dici anche "privatamente" anche se ho capito che non vedi
    molto di buon occhio l'uso privato. Almeno in prima analisi.

    Quote Originariamente inviata da B_N_ Visualizza il messaggio
    sperimentate l'accumulo serio,non minchiative da 10 kWh
    DOPO scrivete...
    Non è serio se grande, ma è serio se STRUMENTO che risolve un problema
    come lo è una batteria stilo per far funzionare una sveglia o una torcia per portare
    luce dove non c'è..


    Quote Originariamente inviata da richiurci Visualizza il messaggio
    Ripeto, io sono molto scettico sugli accumuli domestici proprio per l'efficienza e perchè chi li valuta lo fa per una concezione "autarchica" che porta alla tendenza a criticare "mamma Enel" e volersi staccare il più possibile dalla rete.
    E' questo approccio che reputo negativo e poco efficiente, oltre che irrazionale.
    Appunto la tua attenzione all'utilità pubblica ok.
    Ma in questa fase chi lo fa (anche con aspirazioni autarchiche) permette a chi verrà di beneficiare
    delle ricadute in know-how.

  4. #13264
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Io se potessi tornare indietro non credo lo rifarei l accumulo...Non ricordo di preciso, ma ra store 5k della aton con 3 batterie cinesi da 7,2kw (restituiti reali max 5,2) mi deve esser costato intorno agli 8500...che con detrazione diventano 4250. Ogni anno autoconsumo da batteria (che si riempie solo da marzo a ottobre) quanto? circa 1000kw? Sono 230/250 euro risparmiati. Già così ci vorrebbero 20 anni a ripagarsi della spesa!!! Se poi considero senza accumulo quei kw li avrei venduti a 0,1 con SSP, il guadagno cala a 150 euro l anno a esser ottimisti!! Ovvero 30 anni x rifarsi...peccato dopo 10 anni sono marce le batterie! Ora, correggetemi se sbaglio e spero di sbagliarmi. Certo è xchè è una ***** aton, con tesla non credo ci si rimetta...

  5. #13265
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    "(che si riempie solo da marzo a ottobre)"

    Nicotek sei molto, molto onesto intellettualmente per i risultati che hai postato. Dico sempre che l'accumulo non conviene , per quello che hai scritto e finalmente uno serio che dice la verità dopo aver fatto l'esperienza (come del resto la feci io a suo tempo).
    però se può consolarti "Certo è xchè è una ***** aton, con Tesla non credo ci si rimetta…"
    devo dirti che anche con Tesla avresti rimesso egualmente , un pò meno ma rientro a 20 anni = , solo che probabilmente Tesla avrebbe avuto un valore anche dopo 5 anni e magari potevi rivenderla a qualche altro che voleva provare.
    Tralascio i conteggi , che forse sono anche peggio, ma ringrazio te della testimonianza e spero serva ad altri per capire. A latere ti dico che quel tuo impianto oggi costa molto meno se fornito dall'installatore giusto ma ha poca importanza.


    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  6. #13266
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Comunque a chi fosse interessato comunico che la Regione Friuli Venezia Giulia ha in scadenza il bando per finanziare gli accumuli
    per chi malgrado tutto fosse interessato metto il link


    Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Contributi per acquisto e installazione di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici

    SCADENZA: 30 GENNAIO 2020 ORE 16
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  7. #13267
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Io non voglio sganciarmi da "mamma Enel", ma la cara mamma Enel dovrebbe mettermi nelle condizioni di produrre ed assorbire tutta l'energia che il mio impianto può fare, invece non lo fa. E parlo della stessa mamma Enel che ha autorizzato l'impianto.
    Casa passiva 170mq, Zona E, FV 5,72Kwp, VMC Zehnder 350Luxe con controllo CO2 selfmade, PdC Aermec accumulo 300l. No Gas, piccola stufa a legna ermetica Elements Skantherm
    Guido ibrido dal 2007 con grande soddisfazione!

  8. #13268
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    non ho capito, perchè dici che non lo fa?
    A parte che enel non centra nulla, lo scambio sul posto ancora esiste e ti permette di produrre in estate e recuperare in inverno, cosa che con un accumulo fisico non puoi fare, con "perdite" paragonalbili ad un accumulo fisico senza necessità di acquistarlo.
    Io sono soddisfatto del SSP e gli auguro lunga vita.
    Impianto fotovoltaico 2,94 kWp 23° -85 est 1° CE e 3 PDC Riello aria 13 kWt (assorbimento 2 da 1,1 kW ed una da 1,3 kW) dal 2007
    Caminetto aria Montegrappa CMP05 10,5 kWt, 4* dal 2011
    Caldaia a metano Riello Family 26K
    Zona Climatica D, GG 1532

  9. #13269
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    se fossi stato il Fontana della situazione , coi soldi degl'incentivi per l'accumulo avrei installato impianti fv sui tetti di molti edifici statali lombardi, almeno ho un ritorno ecologico energetico oggettivo e funzionale , ma così faccio contento solo chi li costruisce, ne l'installatore , ne sopratutto il cliente .

  10. #13270
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da dolam Visualizza il messaggio
    "(che si riempie solo da marzo a ottobre)"

    Nicotek sei molto, molto onesto intellettualmente per i risultati che hai postato. Dico sempre che l'accumulo non conviene , per quello che hai scritto e finalmente uno serio che dice la verità dopo aver fatto l'esperienza (come del resto la feci io a suo tempo).
    però se può consolarti "Certo è xchè è una ***** aton, con Tesla non credo ci si rimetta…"
    devo dirti che anche con Tesla avresti rimesso egualmente , un pò meno ma rientro a 20 anni = , solo che probabilmente Tesla avrebbe avuto un valore anche dopo 5 anni e magari potevi rivenderla a qualche altro che voleva provare.
    Tralascio i conteggi , che forse sono anche peggio, ma ringrazio te della testimonianza e spero serva ad altri per capire. A latere ti dico che quel tuo impianto oggi costa molto meno se fornito dall'installatore giusto ma ha poca importanza.


    Si mi hanno detto si trova a meno, ma anno scorso per esempio con enel x costava anche qualcosa in più...poi nn ho.piu guardato. Ma 3 pioltech so che costano 4500 solo quelle. Poi tutto il sistema di accumulo non so se 8500 è corretto o mi hanno fregato

  11. #13271
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Nicotek, 3 Pylontech costano 2640€ IVA e trasporto compreso, l'inverter 800€ , da aggiungere montaggio e sottrarre detrazione
    ma ciò non significa nulla, quando l'hai fatto tu c'erano altri prezzi, al massimo ti posso indicare dove acquistare una quarta batteria a poco più di 800 euro (Pylontech 2,8kWh, effettivo 2,3kWh)

    Infatti ripeto da tempo che bisogna attendere ancora un pò, le batterie sono sempre al ribasso e soprattutto finché c'è lo SSP non c'è gara tra i due , meglio l'accumulo virtuale in rete.
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  12. #13272
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da gigisolar Visualizza il messaggio
    non ho capito, perchè dici che non lo fa?
    A parte che enel non centra nulla, lo scambio sul posto ancora esiste e ti permette di produrre in estate e recuperare in inverno, cosa che con un accumulo fisico non puoi fare, con "perdite" paragonalbili ad un accumulo fisico senza necessità di acquistarlo.
    Io sono soddisfatto del SSP e gli auguro lunga vita.
    Perché appena il mio impianto produce più di 3,3kw circa (ma dipende dai giorni, a volte anche 2,9) l'inverter stacca per sovratensione di rete, ovvero non c'è abbastanza consumo, oppure enel non riesce a "portare via" la corrente che produco. Questo succede da un buon aprile fino a metà ottobre. E da giugno ad agosto accade anche ed oltre 20 volte al giorno; il reset dura circa 5min. Quanti kw non mi fa produrre? Il servizio enel misura, non darà risultati sperati perché quando l'inverter stacca, la tensione si abbassa e rientra nei limiti, quindi per enel tutto ok.
    In soldoni, da me lo ssp funziona a singhiozzo.
    Casa passiva 170mq, Zona E, FV 5,72Kwp, VMC Zehnder 350Luxe con controllo CO2 selfmade, PdC Aermec accumulo 300l. No Gas, piccola stufa a legna ermetica Elements Skantherm
    Guido ibrido dal 2007 con grande soddisfazione!

  13. #13273
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    "Questo succede da un buon aprile fino a metà ottobre. E da giugno ad agosto accade anche ed oltre 20 volte al giorno; il reste dura circa 5min. Quanti kw non mi fa produrre? Il servizio enel misura, non darà risultati sperati perché quando l'inverter stacca, la tensione si abbassa e rientra nei limiti, quindi per enel tutto ok.
    In soldoni, da me lo ssp funziona a singhiozzo."

    Ma questa è un'anomalia bella e buona che devono sanarti, non è così che deve funzionanre un impianto.
    Lo scorso anno lo faceva anche ad un mio vicino, abbiamo chiamato ENEL, gli ho scaricato la SD dell'inverter con gli errori per sovratensione, abbiamo consegnato i fogli stampati e dopo tre giorni hanno abbassato tre tacche al trasformatore di zona.
    Tutto rientrato nei parametri corretti ora arriviamo al massimo a 248V ( il mio non staccava perchè può arrivare fino a 262V con la vecchia DK5940).

    Perciò battiti affinché ti abbassino la tensione di rete.
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  14. #13274
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    grazie Dolam, questa non la sapevo, proverò a chiamare, ma a questo punto devo attendere produzioni migliori.
    Ho chiesto informazioni per il monitoraggio, ma la ditta installatrice mi ha fatto vedere che avrei pagato il servizio per un nulla di fatto. per dimostrare che il problema è causato da e-distribuzione, dovrei rimuovere i limiti della cei-21 dall'inverter, o per lo meno modificarli lasciando aumentare la tensione. Per poterlo fare, l'SMA necessita di apposito codice di autorizzazione che viene rilasciato solo agli installatori, per cui ciccia.
    Qualcuno sa se con SolarEdge è più semplice questa operazione?
    Casa passiva 170mq, Zona E, FV 5,72Kwp, VMC Zehnder 350Luxe con controllo CO2 selfmade, PdC Aermec accumulo 300l. No Gas, piccola stufa a legna ermetica Elements Skantherm
    Guido ibrido dal 2007 con grande soddisfazione!

  15. #13275
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Sei nel giusto, quindi fatti alzare momentaneamente la tensione sull'inverter (almeno finchè non ti fanno la misura), poi rimettila al valore corretto dal punto di vista normativo.
    Enel ha 3 soluzioni per risolvere il problema:
    1) abbassare la tensione in cabina agendo sul trasformatore
    2) potenziare la linea aumentando la sezione
    3) se impianto monofase, spostarti su un'altra fase magari più scarica
    Dal canto suo il cliente può effettuare derating potenza oppure erogazione potenza reattiva (capacitiva) con cosfi>1 (ma qui sulla carta ci sarebbe da chiedere permesso ad Enel)

    Per poterlo fare, l'SMA necessita di apposito codice di autorizzazione che viene rilasciato solo agli installatori, per cui ciccia.
    E allora chiedi al tuo installatore di procurarsi il codice...

    Qualcuno sa se con SolarEdge è più semplice questa operazione?
    Sì, è più semplice...


    Tutto rientrato nei parametri corretti ora arriviamo al massimo a 248V ( il mio non staccava perchè può arrivare fino a 262V con la vecchia DK5940).
    Goditelo finchè regge, perchè purtroppo i nuovi inverter non raggiungono più quelle soglie (che in realtà risultano un pò troppo elevate per l'elettronica in casa).

    Per quanto concerne il discorso accumulo, faccio presente che da tecnico, sono contrario, ma poichè mi trovo in una realtà dove i clienti chiudono i contratti direttamente con gli odiosi commerciali fuffa, io mi ritrovo a dover gestire impianti non venduti da me e puntualmente i clienti mi dicono: ah se avessi parlato prima con te...
    L'accumulo non l'avrebbero messo.
    Poi ci sono clienti (la maggior parte) soddisfatti semplicemente perchè non arrivano a capire tecnicamente quello che succede nell'accumulo e non hanno presente come funziona lo SSP.
    Ma io non ci posso far granchè...

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  16. #13276
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ho 2 impianti fotovoltaici da 2.9 kw in funzione dal 27 luglio scorso in una casa bifamigliare.
    Ho avuto 280 allarmi da sovratensione.
    Dopo aver richiesto a settembre l'intervento di E-Distribuzione sembra
    che finalmente il 31 gennaio verranno a sostituire una parte della linea
    che se non ho capito male dovrebbe arrivare in trifase con una fase dedicata
    ad ogni singola utenza.
    Per vedere i risultati pero' dovro attendere i mesi di maggior produzione ma loro
    dicono che l'intervento sara' risolutivo.
    A proposito di batterie a suo tempo avevo chiesto un preventivo per una Tesla
    che avendo io un inverter Huawei dovrebbe essere possibile collegare direttamente.
    Il costo era di 8000 euro.Ora abitando in Friuli si ridurrebbe a 5000 post incentivo
    e a 2500 post detrazione.
    La domanda e' questa:la batteria potrebbe servire entrambi gli inverter e in questo
    caso potrebbe essere conveniente'
    Grazie a chi vorra' rispondere

  17. #13277
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Sono abbastanza ignorante in materia ma anch'io avevo il tuo problema con stacchi continui dell'inverter. Il mio istallatore ha tolto quel meccanismo che fa impiegare 5 minuti all'impianto per ripartire e ,ogni volta che si stacca da solo riparte in pochi secondi e arriva subito alla produzione ottimale senza dover aspettare minuti. Spero di non rovinare l'inverter che va avanti da 6 anni..
    Purtroppo non sono capace di chiamare enel e dimostrare che lo stacco per sovratensione dipende da loro e dovro' andare avanti cosi' finche non cambiero' inverter
    4.25 kWp - 18 pannelli trina solar da 235 w-Posizionato sul terreno: Pistoia Lat 43°49'
    Inverter Aurora Power One P V I 4.2 -
    Azimut 15° sud est-tilt 30.

  18. #13278
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    ragazzi non è questo il posto per discutere del blocco inverter c'è una discussione specifica qui dove avrete molti utili suggerimenti
    inverter in blocco per tensione alta

    Ligabue82 per dare una mano a chi e impedire che altri facciano investimenti errati
    posta per favore dati corretti degli accumuli dove si evidenzi la quantità d'energia immesse e quella prelevata e soprattutto, se possibile , con dati leggibili
    ( devi aumentare la risoluzione della schermata del telefono.
    grazie
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  19. #13279
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Mi viene in mente il concetto di democratizzazione... non guardiamo il dito che indica, guardiamo la luna indicata dal dito...
    Mi spiego meglio: lo sappiamo che l'accumulo non è economico, ha una serie di svantaggi, non consente l'autonomia totale, non funziona da sistema anti black out, è inefficiente... bla bla bla.
    Ho inoltre sempre ritenuto gli incentivi un errore, come le tassazioni o le franchigie o gli sgravi per altri versi, è un metodo poco ortodosso per drogare il mercato, immettono nel settore competitor contro i quali non si può competere per disparità di 'armi' a disposizione.
    Ma esistono alcune eccezioni, sono quelle legate ad un piano strategico.
    Spesso per perseguire tali obiettivi si necessita di tali strumenti forzando il mercato ad una scelta che altrimenti in autonomia difficilmente avrebbe potuto ottenere lo sviluppo necessario per autosostenersi e progredire.
    Questo è stato il caso del fotovoltaico nei due decenni precedenti, ma nessuno si 'lagnava' per gli incentivi concessi generosamente, anzi vi era la corsa al calcolo del maggiore profitto ottenibile.
    Lo stesso accadrà con gli accumuli, attualmente limitati come i fotovoltaici di 25~30 anni fa, ma con indubbi vantaggi se si considera la proiezione e la diffusione a lungo periodo.
    Lo stesso accadrà con i veicoli elettrici.
    E' un treno ormai partito ed inarrestabile, il mercato ovviamente farà le sue scelte, gli incentivi gradatamente spariranno o diminuiranno drasticamente (vedi SSP)
    Il vantaggio è per tutti e di tutti, con buona pace per chi, agli inizi di queste rivoluzioni, magari avrà pagato un accumulo migliaia di euro in più, cosa accaduta ai pionieri del fotovoltaico quando i prezzi erano oltre i 5.000 euro a kWp, ma oggi il vantaggio è per tutti.

  20. #13280
    Banned

    User Info Menu

    Predefinito

    Ieri è venuto in tecnico per conto di Sonnen, che poi non era un tecnico ma un venditore, quindi al mio quesito di dirmi quali fossero le perdite di conversione della batteria non mi ha saputo rispondere ed ha chiamato il tecnico, quello vero. E niente, dice che non ce ne sono, la batteria è collegata in corrente alternata dopo il contatore di scambio, si scarica fino al 95% e secondo loro perdite di conversione non ce ne sono. Mi ha fatto vedere l'app di un cliente che produce 6.000 e consuma 6.000, ha un autoconsumo del 60% con una batteria da 11 kW, se non ricordo male. Io dovrei metterne una da 5,5 perché produco 4.000 e consumo 4.000 o più. La batteria più di 365 x 5,225 kWh non può immagazzinare in un anno, lui sosteneva che io avrei autoconsumato 3.000 kWh, si ciao nei sogni.

    Alla fine facendo i conti mi danno a 125€ al mese una batteria da 5,225 kWh utilizzabili, 1.500 kWh all'anno in regalo e comunque andrei a prelevare dalla rete 1.000 kWh.

    Se al conteggio togliamo anche i soldi che finirebbero nella batteria anziché andare in rete è il solito bagno di sangue, risparmierei 900€ all'anno (se tutto va bene, cosa che non credo) e spenderei 10.050€, in 11 anni rientrerei.

    Cioè non è che sia proprio antieconomico, loro con 100€ danno la garanzia per 20 anni sulla batteria, la manutenzione è inclusa, i 1.500 kWh in regalo a breve diventeranno 2.000 kWh, l'energia Sonnen te la vende a meno di 0,19 €cent, potrei quasi farlo. Io alla fine se accumulo 1.900, + 1.500 regalati che diventano 2.000, copro quantomeno il mio consumo e non vado a prelevare quasi niente se ottimizzo un po' il consumo, sempre se ci riesco e se sia possibile.

    Penso che aspetterò la conferma dei 2.000 kWh per capire se voglio farlo o no. L'altro vantaggio è che ogni anno ti risparmi 60-80€ di costi amministrativi per il cambio di gestore. Perché il tuo gestore diventano loro.

  21. RAD
Pagina 664 di 671 primaprima ... 164464564614644650651652653654655656657658659660661662663664665666667668669670671 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Autocostruzione sistemi di accumulo
    Da remtechnology nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 68
    Ultimo messaggio: 22-04-2015, 15:24
  2. CEI 0-16 e CEI 0-21 in inchiesta pubblica per sistemi di accumulo
    Da Gate Array nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 25-10-2014, 08:42
  3. sistemi di accumulo in commercio
    Da neoworld nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 12-04-2013, 00:41
  4. Sistemi di accumulo
    Da Acmeman nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 25-03-2013, 11:47
  5. Sistemi di accumulo di energia
    Da Luca984 nel forum ACCUMULAZIONE di ENERGIA
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 28-12-2012, 23:47

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •