Mi Piace! Mi Piace!:  11
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 3 di 3 primaprima 123
Visualizzazione dei risultati da 45 a 60 su 60

Discussione: Consiglio per Mini FV sotto gli 800W

  1. #45
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito



    puoi anche gentilmente dirci come e dove questa presa apposita deve essere per andare bene ?

  2. #46
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    É già stato spiegato alla pagina 2 di questo topic... Consiglio per Mini FV sotto gli 800W

  3. #47
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fabbietto Visualizza il messaggio
    No, c'è sempre il vincolo del circuito prese dedicato.....Se poi l'impianto esistente è incentivato allora il P&P non si può proprio mettere

    Ciao e grazie per aver risposto..
    I produttori di questi mini impianti P&P dicono di collegarlo ad una qualsiasi presa di casa; come bisogna fare questo circuito di prese dedicato ?
    Edit vista ora la figura a pagina 2

    Quando dici l'impianto esistente è incentivato ti riferisci al fatto che l'impianto esistente giovi dello SSP o dell'incentivazione che c'era con i vecchi conti energia (x eurocent per ogni kwh prodotto)?

    Se già c'è un impianto fv con SSP si può aggiungere un pannello P&P collegandolo ad una presa di casa adottando lo schema riportato a pagina 2? se si, il dispositivo di protezione in cosa consite? che caratteristiche deve avere?
    Ultima modifica di robix73; 04-10-2020 a 00:03
    Roberto Gerlando
    5,94KWp - 66 Moduli Sharp Na-901 - Inverter Powerone Aurora 6000

  4. #48
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da robix73 Visualizza il messaggio
    I produttori di questi mini impianti P&P dicono di collegarlo ad una qualsiasi presa di casa
    ...
    il dispositivo di protezione in cosa consite? che caratteristiche deve avere?
    I produttori possono dire quello che vogliono ma la Cei 0-21 è OBBLIGATORIA e dice che serve un circuito dedicato.
    Il P&P è cumulabile con SSP, invece non si può aggiungere su impianti incentivati in conto energia

    Il dispositivo di protezione è tipicamente un interruttore automatico magnetotermico, eventualmente anche differenziale.
    La scelta deve tenere conto delle specificità del tuo impianto e andrebbe fatta da chi progetta l'impianto, ovvero professionista se oltre 6 kW o installatore se fino a 6 kW. In ogni caso l'installazione va fatta realizzare ad un elettricista abilitato che rilascia la DICO.
    Per me tanto vale allora farsi fare un impianto fotovoltaico"vero", ma questa è la norma

  5. #49
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fabbietto Visualizza il messaggio
    I produttori possono dire quello che vogliono ma la Cei 0-21 è OBBLIGATORIA e dice che serve un circuito dedicato.
    Il P&P è cumulabile con SSP, invece non si può aggiungere su impianti incentivati in conto energia
    Grazie
    cercavo appunto questa informazione, che il P&P è cumulabile con impianto che ha SSP
    io ho un piccolo impianto da 2.5kwp nato pochi mesi fa, sempre nel 2020, quindi SSP e nessun conto energia che ahimè si è estinto diversi anni fa.
    Ero attratto dall'idea di aggiungere un pannello P&P da posizionare sul casotto del ricovero degli attrezzi
    grazie per la spiegazione
    Roberto Gerlando
    5,94KWp - 66 Moduli Sharp Na-901 - Inverter Powerone Aurora 6000

  6. #50
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da robix73 Visualizza il messaggio
    Grazie
    cercavo appunto questa informazione, che il P&P è cumulabile con impianto che ha SSP
    Mi correggo: non si può fare, o almeno non con le semplificazioni di cui alla delibera Arera 315/2020.
    Per la CEI 0-21 infatti il P&P si può installare se l'impianto precedente non è incentivato in conto energia, ma per la delibera 315, che è quella che ha introdotto le semplificazioni della procedura di connessione per i P&P, no:

    Art. 6.ter della delibera
    Le richieste di connessione tramite la Comunicazione Unica di cui al comma 1.2, lettera ff), possono essere presentate esclusivamente nel caso in cui si voglia connettere alla rete elettrica un impianto di produzione di potenza inferiore a 800 W utilizzando un punto di connessione esistente nel quale:
    i. è attivo un contratto di fornitura di energia elettrica con potenza già disponibile in prelievo non inferiore alla potenza dell’impianto di produzione da connettere;
    ii. non sono connessi ulteriori impianti di produzione.

    Qundi niente semplificazione: oltre al circuito dedicato, che ci vuole comunque e che è citato anche nella stessa delibera 315, devi fare anche la classica domanda di connessione con schemi unifilari, DI.CO. regolamento di esercizio, ecc.
    Ribadisco che secondo me tanto vale fare un impianto vero!

  7. #51
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Aspè ho riguardato la figura 11f e secondo me il p&p da 350 W può essere collegato a qualsiasi presa purchè abbia un dispositivo di protezione.Invece il micro generatore da 899 W quello si ha necessità di linea dedicata.A me sembra cosi.
    diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

  8. #52
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Per linea dedicata si intende il cavo che va dal dispositivo di protezione alla presa P&P. Il dispositivo di protezione va messo in parallelo al dispositivo di protezione delle prese, quindi tipicamente nel centralino di casa, poi da lì ci vuole un cavo fino alla presa P&P, non vedo differenze tra 350 e 800W...

  9. #53
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    chiarito che non si puo fare per il punto ii, chiedo
    se vi è un impianto esistente in ssp da 3kwp ma senza conto energia (niente incentivo a kwh prodotto), se ad una presa collego un pannello P&P da 350 wp, cosa succede? il contatore bidirezionale rileverebbe a parità di condizioni di rilevamento qualche w in più immesso, giusto? bisogna mettere sempre questo magnetotermico? cioè tutto il discorso è il magnetotermico? e di che potenza va messo? i due inverter ( quello dell'impianto sul tetto e quello de p&P ) lavorando sullo stesso pod si possono dare fastidio l'un l'altro? si possono rompere? alla fine mettere un p&P dove c'è gia un impianto esistente dal punto di vista finale sarebbe come aggiungere un pannello all'impianto esistente no? ma con il vantaggio di non dover rifare le stringhe, salire sul tetto, montare altri supporti, semplicemente si mette un pannello con il suo supporto nel balcone, si attacca la presa e via..
    Roberto Gerlando
    5,94KWp - 66 Moduli Sharp Na-901 - Inverter Powerone Aurora 6000

  10. #54
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fabbietto Visualizza il messaggio
    Il dispositivo di protezione va messo in parallelo al dispositivo di protezione delle prese,
    quindi ci sarebbero due dispositivi di protezione? un magnetotermico in parallelo ad altro magnetotermico? potete spiegare questo passaggio per favore. Premessa l'esistenza di un magnetotermico di 16A, nel caso di un p&p da 350wp quale deve essere il valore del magnetotermico? :-o
    Roberto Gerlando
    5,94KWp - 66 Moduli Sharp Na-901 - Inverter Powerone Aurora 6000

  11. #55
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno, ho notato che da qualche giorno sul portale e-distribuzione è apparsa la comunicazione unica
    Ho provato a fare due simulazioni
    Se inserisco plug&play e faccio un impianto di potenza nominale 350W non viene chiesta nessuna documentazione a parte marca e modello della apparecchiatura
    Se inserisco impianto <800W mi richiede di allegare la DICO e lo schema unifilare

    Ma esistono "pannelli" plug&play certificati? io non ne ho trovati

    Secondo me se il costo fosse "decente" non sarebbe proprio una assurdità

  12. #56
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da mini80 Visualizza il messaggio
    Se inserisco plug&play e faccio un impianto di potenza nominale 350W non viene chiesta nessuna documentazione a parte marca e modello della apparecchiatura
    Se inserisco impianto <800W mi richiede di allegare la DICO e lo schema unifilare
    Invece ' sempre e comunque una assurdità:
    il fatto che sotto i 350 W non chiedano di allegare documentazione non ti esime dal far installare un circuito prese DEDICATO per il plug&play (non puoi metterlo in una presa qualsiasi). Installare un circuito prese significa coinvolgere elettricista abilitato che rilascia DICO, installare interruttore, probabilmente passare cavi, se ti va male fare delle tracce, ecc.
    Tutto questo costa 3 volte il pannello, nessuno te lo chiede ma dovresti farlo lo stesso, vedi vecchie discussioni.
    Poi il P&P deve essere omologato CEI 0-21, e hai visto da te che non è facile trovarlo

    Dal punto di vista economico l'energia immessa in rete non te la pagano (se fai la domanda al distributore, per cui sostanzialmente ti auto-denunci perché ovviamente nel caso fari tutto senza elettricista, DICO, ecc. così se malauguratamente crei un problema a qualcuno non puoi neanche dire di non aver messo il pannello) oppure la paghi come consumata (se non dici niente a nessuno).

    In ogni caso il riewntro economico non c'è mai.

    Poi se ti piace lo stesso fai pure...

  13. #57
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Generando il documento per il plug&play si dichiara:

    Ai sensi degli Art. 46 e 47 del D.P.R. 445 del 28/12/2000, consapevole delle sanzioni penali nel caso didichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate dall’Art.76 dello stesso D.P.R., nella qualità di:
    ProprietarioCOMUNICAche in data 30-11-2020• Presso il punto di prelievo identificato con il codice POD IT001E_____, sarà installato econnesso alla rete con obbligo di connessione di terzi un impianto di produzione di potenzainferiore a 800 W avente le seguenti caratteristiche:
    Fonte/tipologia Solare, Fotovoltaico, marca , modello , potenza attiva nominale pari a 0,3 [kW] epotenza nominale complessiva degli inverter (se presenti) pari a 0,3 [kW]
    DICHIARA
    a) che l’impianto di produzione di potenza inferiore a 800 W rispetta tutte le seguenti caratteristiche:- sarà realizzato nel rispetto delle disposizioni di cui agli articoli 6ter e 13ter del Testo IntegratoConnessioni Attive, nonché delle Norme CEI;- sarà connesso alla rete elettrica tramite un punto di connessione sul quale è attivo uncontratto di fornitura di energia elettrica con potenza in prelievo maggiore o uguale allapotenza dell’impianto di produzione per il quale si richiede la connessione;- sarà connesso tramite un punto di connessione sul quale non sono connessi ulteriori impiantidi produzione;
    b) l’impianto di produzione oggetto della richiesta di connessione è progettato e realizzato persoddisfare i fabbisogni energetici dell’utenza cui è connesso e che pertanto l’energia elettricaprodotta dal predetto impianto è per lo più autoconsumata dalla predetta utenza;
    c) di essere consapevole che avvalendosi di questa modalità per la connessione alla rete delproprio impianto di produzione rinuncia a qualsiasi pretesa in merito alla remunerazionedell’energia elettrica prodotta e immessa in rete dal predetto impianto;
    d) di conferire mandato con rappresentanza all’impresa distributrice per l’attività di censimentodell’impianto di produzione nel sistema GAUDÌ;
    e) che darà tempestiva informazione circa ogni eventuale variazione dei dati dichiarati.

    ALLEGA
    - Copia del documento di identità
    - Eventuale delega alla presentazione della comunicazione

  14. #58
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fabbietto Visualizza il messaggio
    Invece ' sempre e comunque una assurdità:
    il fatto che sotto i 350 W non chiedano di allegare documentazione non ti esime dal far installare un circuito prese DEDICATO per il plug&play (non puoi metterlo in una presa qualsiasi). Installare un circuito prese significa coinvolgere elettricista abilitato che rilascia DICO, installare interruttore, probabilmente passare cavi, se ti va male fare delle tracce, ecc.
    Tutto questo costa 3 volte il pannello, nessuno te lo chiede ma dovresti farlo lo stesso, vedi vecchie discussioni.
    Poi il P&P deve essere omologato CEI 0-21, e hai visto da te che non è facile trovarlo

    Dal punto di vista economico l'energia immessa in rete non te la pagano (se fai la domanda al distributore, per cui sostanzialmente ti auto-denunci perché ovviamente nel caso fari tutto senza elettricista, DICO, ecc. così se malauguratamente crei un problema a qualcuno non puoi neanche dire di non aver messo il pannello) oppure la paghi come consumata (se non dici niente a nessuno).

    In ogni caso il riewntro economico non c'è mai.

    Poi se ti piace lo stesso fai pure...
    Non è detto.....
    - Spesso la presa esterna sul terrazzo o nel giardino è singola e alimentata da proprio interruttore, quindi il circuito dedicato c'è già
    - se fai la domanda sei perfettamente in regola, hai il circuito lo colleghi alla presa come un utilizzatore, quindi non hai problemi
    - dal punto di vista economico se non te la pagano te ne frega poco, perchè in rete metti ben poco visto che sul misuratore di casa mia vedo costantemente 150/200W di consumo.... quindi quel che produco consumo quasi sempre
    - se malauguratamente hai un problema, se hai la presa dedicata già installata, e hai fatto la comunicazione unica sei perfettamente in regola con tutte le norme

    Il rientro economico è da valutare.... il problema è trovare l'apparecchiatura....

  15. #59
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    se hai presa dedicata in terrazzo e consumi sempre almeno 200 W allora ok sia per le norme che per i soldi: fai la domanda e vai, ma prima devi trovare qualcosa di omologato.
    La convenienza dipende da quanto paghi questo famoso kit omologato

  16. #60
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Facciamo un ipotesi.... quanto può produrre un pannello da 350W?
    Nelle peggiori delle ipotesi direi da 250 ai 300 kWh/anno, può essere??
    Calcoliamo un costo di 0.2€ al kWh sono dai 50 ai 60€ di risparmio annuo
    Il problema è trovare il prodotto.... se stiamo su un costo di 300/350€ non sarebbe poi un operazione così non sostenibile, secondo me

Pagina 3 di 3 primaprima 123

Discussioni simili

  1. CEI consultazione impianti sotto 800W e plug&play
    Da marcober nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 16-04-2018, 08:10
  2. importazione kit 800w dagli USA
    Da Dupagu nel forum FOTOVOLTAICO
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 11-02-2014, 13:45
  3. Mini eolico e impianti sotto i 200 KW
    Da sorpreso nel forum EOLICO
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 02-08-2008, 09:27
  4. centralina per motore da 800w
    Da jeshinji nel forum Categoria L1/L3 (es. scooters/moto trasformate elettriche)
    Risposte: 17
    Ultimo messaggio: 23-05-2008, 16:15
  5. alternatore 800w a 500 rpm da 150 euro
    Da pellerob nel forum EOLICO
    Risposte: 23
    Ultimo messaggio: 15-11-2006, 13:31

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •