Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 23

Discussione: termostufa pellet + scaldacqua misto termo

  1. #1
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito termostufa pellet + scaldacqua misto termo



    Salve a tutti...
    In questi giorni sto installando una termostufa della EDILKAMIN modello ECOIDRO. L'idraulico mi ha consigliato di montare uno scaldacqua misto termo al posto del kit istantaneo per ACS. il dubbio che mi è venuto in questi giorni è questo:
    Lo scaldacqua funziona solo quando accendo il riscaldamentio, giusto? Quindi se arrivo a casa e il riscaldamento non è acceso, devo aspettare un sacco di tempo per potermio fare la doccia, giusto? Correggetemi se ho sbagliato, e se possibile, datemi qualche altra in formazione su come poter fare al meglio l'impianto... Grazie a tutti...

  2. #2
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    In inverno non avrai problemi perchè la caldaia accesa (anche ad intermittenza) ti scalda l'acqua dello scaldacqua (scusa il gioco dii parole).
    In estate però, secondo me, devi farlo funzionare ad elettricità per non tenere accesa la caldaia solo per l'acqua sanitaria.
    Ti consiglio però di prendere uno scaldacqua più capiente rispetto il tuo reale fabbisogno.
    Spero di essere stato chiaro.
    Ciao Enzo

  3. #3
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Il mio ragionamento è questo: io esco di casa alle ore 8.00 del mattino e abbasso il termostato a 16° fino alle 17.00. Mettiamo che in questo intervallo di tempo la stufa mi parta 3 volte per mantenermi la temperatura di 16°. Se arrivo a casa alle 19.00 e la stufa dalle 17.00 ancora non è ripartita per mantenere la temperatura di 16°, non è xche trovo l'acqua fredda e devo aspettare molto per farmi la doccia? Sennò avevo pensato a questa soluzione: faccio montare all'idraulico una valvola di zona a 1 via sull'andata del riscaldamento, la stufa la tengo sempre a regime e quindi il circolo sarà tra caldaia e scaldacqua (in poche parole come se avessi un bollitore su una caldaia a gasolio). mil termostato ambiente lo collego alla valvola di zona invece che alla caldaia, così quando ha bisogno di calore in casa apre la valvola e scalda anche i termosifoni e nello scaldacqua così facendo, ho sempre l'acqua tra 60° e 70°.

  4. #4
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Metti uno scaldacqua misto termo da 100 litri.
    Una volta riscaldati non è che perdano tanta temperatura dalle 8 alle 17.
    Con un 10 kW all'acqua quella termostufa non è in grado di assicurarti un flusso di ACS decente.
    Il KIT istantaneo per quella termostufa sarebbe solo uno spreco di soldi.
    Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

  5. #5
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Salve a tutti, ho finalmente potuto constatare il funzionamento della mia termostufa con lo scaldabagno misto-termo. Allora, quello che mi succede è questo: d'inverno con termostufa accesa e scaldabagno spento, nessun problema, a parte il tempo maggiore che impiega per portare l'acqua a temperatura, la cosa più curiosa è quello che succede d'estate, cioè: a stufa spenta e scaldabagno acceso, mi si scalda anche il radiatore più vicino alla stufa.n Ho provato a domandare all'idraulico e sapete cosa mi ha risposto: CHIUDI L'ENTRATA ALLO ASCLADABAGNO CHE VIENE DALLA STUFA!!! Roba da pazzi... Possibile che non ci sia un'altro sistema un pò meno complicato per passare dall'estate all'inverno senza girare tante manopole??? Spero ci sia qualcuno di voi che mi aiuti...

  6. #6
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    giusto mototopo, basta chiudere valvola e detentore come in un semplice radiatore, altrimenti l'acqua che è nella serpentina si tira il calore fuori nei tubi e si consuma più corrente elettrica....

  7. #7
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Non si potrebbe mettere un'elettrovalvola a 2 vie collegato al termostato che quando la stufa non va, lei è chiusa, mentre quando il termostato chiama lei si apre?

  8. #8
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    si può mettere, ma quanto ti costa? a girare una manopola due volte l'anno non è certo un lavorone

  9. #9
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Potresti montare delle valvole termostatiche nei radiatori ( risultano comode anche in inverno) e in estate selezionarle al massimo, sperando che la temperatura ambiente non lo superi. Oppure ,con 2 valvole di zona ,dividere i radiatori dallo scaldabagno.

  10. #10
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Volevo chiedervi una cosa su come finire di costruire il mio impianto di riscaldamento con una termostufa a pellet e uno scaldabagno mistotermo (inverno pellet - estate elettrico).
    Il C.A.T. edilkamin mi mi ha consigliato di installarlo allacciando lo scaldabagno sulla tubazione dell'andata dalla stufa al collettore, metterci una valvola a 3 vie, di modo che quando parte la stufa, porta lo scaldabagno alla temperatura impostata, poi commuta, e tuitto il calore lo cede ai termosifoni.
    Io però non sono convinto di quest'allacciamento e mi chiedevo: se facciamo la doccia in 3 persone e consumiamo l'acqua calda dello scaldabagno e la stufa è spenta, c'è rischio che la seconda persona che si fa la doccia, la faccia da acqua fredda. Giusto?
    Invece pensavo: non sarebbe meglio allacciarlo come consiglia l'Edilkamin in presenza di un bollitore (anche se io in realtà ho uno scaldabagno)?
    Lo schema che consiglia Edilkamin è il seguente:

    Presentazione1.jpg
    Io in aggiunta a questo andrei ad inserire un flussostato che mi faccia aprire la valvola a 2 vie che va allo scaldabagno e chiudere quella a 3 vie che va al riscaldamento.
    La temperatura dello scaldabagno la impostato con due termostati: quello corredato con lo scaldabagno che mi mantiene una temperatura minima, mentre un altro ad immersione che mi comanda la temperatura massima.
    In parole povere: lo scaldabagno è sempre acceso elettrico e quando la stufa è spenta mantiene una temperatura X impostata (es.45°), quando qualcuno si fa la doccia e quindi il flussostato sente il passaggio dell'acqua, fa aprire la valvola a 2 vie e quindi se la stufa è in funzione mi entra l'acqua calda della stufa dentro lo scaldabagno, chiudendo ovviamente quella a 3 vie del riscaldamento, mentre se la stufa è spenta, non succede praticamente niente, ma ho comunque all'interno dello scaldabagno acqua a 45°.
    Che ne pensate, è fatto bene o male?

  11. #11
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Salve amici, io prima avevo una caldaia a gas e una termostufa collegata ai termosifoni, chiaramente con scambiatore per separare i due circuiti. Adesso ho eliminato scambiatore e caldaia. Ho preso uno bollittore, uno scaldabagno termoelettrico della Braun Baldini da 150 litri.

    Come collegarlo, posso usare lo schema posto sopra. Grazie

  12. #12
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno a tutti mi sono appena registrato sul forum spero di essere nel posto giusto per porvi la seguente domanda; Ho installato uno scaldabagno termoelettrico da 100 litri Ariston premetto che la caldaia è una stufa a pellet idro Palazzetti 24KW all'acqua. Il mio problema è questo, quando la stufa è accesa mi parte il circolatorie a 53gradi e mi va a regime a 70 gradi perciò l'acqua oltre che ai termosifoni entra anche nello scaldabagno e fin qui tutto ok il problema avviene quando spengo la stufa, in quanto il circolatorie lavora fino a 48 gradi questo significa che l'acqua che avevo dentro lo scaldabagno a 70 gradi me la abbassa. Pensavo di mettere un termostato a braccialetto su un tubo o di mandata o ritorno che comandi un elettro valvola posta sempre su uno sei 2 tubi che entrano nello scaldabagno per far si che non appena la temperatura dell'acqua inizia a scendere di un certo valore il termostato mi comanda l'elettrovalvola e mi chiuda il passaggio dell'acqua . A questo punto avrei acqua a poco meno di 70 gradi dentro lo scaldabagno che comunque mi permetterebbe di avere acqua calda sanitaria anche la mattina seguente. Che ne dite voi? Potete darmi dei consigli a riguardo? Non saprei cosa fare grazie anticipatamente

  13. #13
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Premetto che non sono un tecnico, ma ti parlo per esperienza personale. Anch'io avevo l'impianto fatto al tuo stesso modo. Questo è il modo "classico" con cui tutti gli idraulici collegano gli scaldabagno misto-termo. Questo sistema andava bene con le termocucine che stavano accese 12/16 ore al giorno, non con le stufe a pellet he si accendono e si spengono ogni tot. ore. Innanzitutto c'è da capire una cosa? La termostufa la usi anche d'estate per ACS o d'estate la fai eletrica con il boiler? Di dico questo perchè a seconda dei modi con cui fai l'ACS cambia il modo di collegamento.

  14. #14
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Intanto grazie per la tua risposta. Allora la stufa io la utilizzo solo nel periodo invernale mentre da maggio ad ottobre vado con il pannello solare e anche alla grande premetto che vivo a Sassari in Sardegna. I collegamenti li ho fatti io e va tutto bene l'unico accorgimento secondo me sarebbe appunto quello di non far più circolare l'acqua dell'impianto di riscaldamento subito dopo aver spento la stufa e ciò lo deve fare con una automazione in quanto il tutto c'è l'ho nel cavedio ecco perché pensavo ad un termostato a braccialetto posto su uno dei due tubi (mandata e ritorno ) che comandi una valvola elettrica quando la temperatura dell'acqua riscaldamento tende a scendere. Ripeto il circolatorie della mia stufa dopo che la spengo continua a girare fino a che l'acqua non scende al di sotto di 48 gradi

  15. #15
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Il mio idrualico ha fatto così: ha separato i due circuiti riscaldamento e acs del boiler. Tutto questo con una valvola a tre vie collegata ad un termostato a contatto.

  16. #16
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao, attualmente sto facendo un nuovo impianto con stufa idro palazzetti e volevo accoppiare un boiler misto termo ariston uguale uguale a quello che aveva fatto mototopo.
    Purtroppo non ho i soldi e i permessi necessari per fare il solare, quindi sto predisponendo tutto e nel frattempo devo temporeggiare con questa soluzione.
    Le domande sono le classiche, d'estate cosa succede?in inverno la resistenza parte o non parte?
    Calcolate che io avrò una pompa dedicata per l'accumulo (ora il boiler misto-termo) quindi posso comandare la pompa in modo che stacchi quando arriva a temperatura in inverno, ma veramente non riesco a capire se questi misto termo hanno la possibilità di staccarsi ad una determinata temperatura.

  17. #17
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    hai due possibilità:
    - puffer riscaldamento/acs predisposto futuro solare termico
    - boiler PDC scaldato in inverno dalla stufa e in estate da PDC (costo medio circa 20 centesimi a persona al gg)
    http://www.erregisas.org/wp-content/...2044703798.jpg
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , riscaldamento a biomassa e PDC
    Scopri e guarda chi sono: www.erregisas.org / 348-8581140


  18. #18
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    hai due possibilità:
    - puffer riscaldamento/acs predisposto futuro solare termico
    - boiler PDC scaldato in inverno dalla stufa e in estate da PDC (costo medio circa 20 centesimi a persona al gg)
    non ti nascondo che il progetto iniziale aveva la seconda ipotesi un bollitore con PDC integrata, ma è veramente fuori budget quindi devo ripiegare e quei soldi quando li avrò li investirò in un solare.
    quindi come alternativa low budget ho pensato a un misto termico per poi mettere la prima ipotesi che mi dici. Puoi indicarmi un modello?sono tutti a basamento vero? (altro grosso problema visto che non saprei dove mettere la lavatrice poi, lo so problema insulso ma rimane).

  19. #19
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    cosa intendi fuori budget?
    metti delle cifre
    http://www.erregisas.org/wp-content/...2044703798.jpg
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , riscaldamento a biomassa e PDC
    Scopri e guarda chi sono: www.erregisas.org / 348-8581140


  20. #20
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
    cosa intendi fuori budget? metti delle cifre
    Allora boiler con pdc costava 2150 euro più Iva. In termobolier ne costa 200. Direi che il mio budget è sotto i 500 per spendere 2500euro lo tengo e poi li investo sul solare appena posso che dici?

  21. RAD
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Termostufa O Caldaia A Pellet ?
    Da stefano1973 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 43
    Ultimo messaggio: 26-10-2015, 12:18
  2. PELLET di ABETE O FAGGIO misto ROVERE
    Da gagliaudo nel forum BIOMASSE
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 29-03-2010, 20:11
  3. Termostufa a pellet in parallelo a caldaia gpl
    Da Elenaela2 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 11-01-2010, 10:57
  4. Scelta termostufa o stufa a pellet
    Da arkansa nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 01-12-2009, 22:19
  5. consiglio su scelta termostufa pellet
    Da plinio73 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 35
    Ultimo messaggio: 19-11-2009, 17:07

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •