Le novità 2013 dalla MDI (Eolo - air pod) - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Le novità 2013 dalla MDI (Eolo - air pod)

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Le novità 2013 dalla MDI (Eolo - air pod)

    Ciao a tutti,
    Il 13 novembre 2013 sono stato alla fabbrica della MDI nella zona industriale di Nizza e ho potuto visionare tutto l'impianto esistente.
    In due parole la visita è stata abbastanza positiva.
    E' quasi pronta la prima linea di produzione che dovrebbe essere terminata per febbraio (2014). E' in partenza anche una linea produttiva in Italia in Sardegna che dovrebbe partire in primavera-estate o al massimo a settembre 2014.
    Vi sono diverse tipologie di veicoli e la prima sarà una piccola citycar a 2 posti tipo smart. Le auto sono leggerissime (carrozzeria in resine di fibra di vetro) e il motore piccolissimo (circa 40kg di peso!). Le potenze sono basse ma sufficienti per la città (70 Km/h max e circa 130Km di autonomia con un pieno da circa 2,5 euro). L'efficienza dell'auto in se è buona, circa 60% (contro un 15-18% di un'auto a combustione) peccato che il primo step di compressione dell'aria se fatto con il compressore interno all'auto (anche dalla spina di casa) butta via già il 60% dell'energia.... quindi efficienza finale di circa 22-25%. Non molto ma comunque meglio delle auto normali.

    Da aggiungere che pesando molto meno l'auto l'efficienza globale aumenta del 10-15% circa portando nel confronto totale finale a paragonarla ad un auto che riesca a fare circa 50 km con un litro di benzina.
    Iinfine tutto il ciclo può essere a emissione ZERO se alimentate il compressore con energia rinnovabile.

    Ho potuto fare un giro su due modelli. Le auto sono abbastanza silenziose (decibel paragonabili a quelli di un'auto a gasolio) e
    dal tubo di scarico esce aria (e solo aria) a circa -15°C. Infatti l'aria compressa espandendosi si raffredda (tutta la tecnologia dell'espansione è gestita finalmente in modo molto intelligente con varie camere e step successivi di dilatazione che non permettono al motore di congelarsi e sfruttano bene tutta l'energia accumulata nella compressione) e così si ha aria fredda gratis a volontà (aria condizionata) e soprattutto pensando in furgoni come mantenimento di celle frigorifere per alimenti senza sprecare una goccia di petrolio...
    Insomma la tecnologia del motore e del veicolo sembra finalmente matura (i veicoli saranno alimentati con un motore diciamo di seconda evoluzione ed una terza è in fase di definizione) e vedo possibile, se i prezzi finali saranno davvero bassi come anticipato (intorno ai 7.000-8.000 euro), il ritaglio di una bella nicchia di utilizzo.

    La cosa, così come organizzata tecnicamente ha una discreta possibilità di successo. Ha degli aspetti positivi (quali la ricarica rapida in 3 minuti da appositi "distributori", bassi costi di acquisto, manutenzione bassissima, ecologia ed altri) che potrebbero far ritagliare una bella nicchia di mercato all'auto ad aria compressa. Non sono molto convinto del metodo di sviluppo industriale che a mio parere ha costi troppo alti e tempi lunghi... ma nei prossimi mesi avremo le risposte necessarie.

    La Tata è in prima linea in questa tecnologia (ho visto con i miei occhi auto tata con motore MDI) e se davvero, come mi hanno detto, la Tata partirà a brevissimo giro, anche qui in europa si seguirà a ruota.

    Vediamo se questa sia davvero la volta buona!
    se avete domande sono qui!
    Roy
    File allegati
    Ultima modifica di eroyka; 27-11-2013, 11:15.
    Essere realisti e fare l'impossibile

  • #2
    Originariamente inviato da eroyka Visualizza il messaggio
    E' in partenza anche una linea produttiva in Italia in Sardegna che dovrebbe partire in primavera-estate o al massimo a settembre 2014.
    Ciao Roy,
    confermo, la fabbrica si trova a pochi chilometri da casa mia e pare sia tutto in fase di ultimazione.
    Appena ho notizie certe le posterò volentieri, magari con qualche foto.
    Concordo con te sulla maturazione quasi al top delle motorizzazioni, anche se restano ancora da affinare alcuni processi annessi alla produzione casalinga dell'aria compressa e alla distribuzione della stessa presso le stazioni di servizio.
    Teniamoci aggiornati!!

    Saluti
    Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

    Commenta


    • #3
      beh, a me interessa sapere se il bocchettone per la ricarica dell'aria è uno normalmente reperibile o lo forniscono loro o un qualche adattatore, ho un compressore sicuramente adeguato, non voglio quel coso della terza foto ... ah, io la richiesta sul sito mdi per l'airpod all'epoca la feci

      mi auguro l'alluvione sarda non abbia causato danni

      Commenta


      • #4
        Fortunatamente la fabbrica in questione si trova a 472 m s.l.m ed è scampata agli allagamenti, quelle più colpite sono le città e i paesi a pochi metri s.l.m. o nei pressi di fiumi e torrenti. E' stata un'esperienza terribile e drammatica in tutti i sensi. Sarà dura riprendersi.

        Saluti
        Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

        Commenta


        • #5
          Ciao Paleoprog,
          per la ricarica da casa ti basta una presa elettrica. Di fatto si utilizza il motore dell'auto in senso inverso come compressore (per questo l'efficienza è bassa).
          Quello che vedi in foto è il "distributore" rapido che potranno montare in distributori odierni, in posti ad hoc, in punti di noleggio auto, ecc e carica la macchina in soli 3 minuti!
          Di fatto dietro vi è un compressore ad alta efficienza che riempie molti bomboloni. Quando un auto va a fare il pieno di fatto si passa semplicemente l'aria compressa da una bombola a un'altra (quella del veicolo) in pochissimi minuti.

          Tenete conto che questi bomboloni, non essendo pericolosi, possono essere anche montati su un furgoncino che di notte può (magari nei centri storici) fare il pieno a richiesta semplicemente con un sistema GPS che segnala la posizione dell'auto. La mattina l'auto ha il pieno!

          Roy
          Essere realisti e fare l'impossibile

          Commenta


          • #6
            ciao Eroika, lo avevo capito, io il compressore decente (piccola azienda) già ce l'ho, attaccare la spina del veicolo ed aspettare ore (utilizzando pure il motore del veicolo) per la ricarica non mi sembrerebbe il caso, farei anch'io la ricarica in un paio di minuti massimo con il mio compressore professionale senza dover pagare un 'distributore' esterno, a me servirebbe solo il bocchettone del 'distributore' adatto all'ingresso aria dell'airpod ... lo daranno ? non penso di utilizzarlo per fare tragitti superiori all'autonomia garantita, tutte le ricariche le farò a casa

            Commenta


            • #7
              Interessante

              ma in inverno come si riscalda l'abitacolo? perche in estate potrei anche far ameno dell AC su una citycar leggera ..ma in inverno? e gli ausiliari elettrici? usa motore elettrico come generatore di EE e ha quindi una batteria? e fa riscaldamento con resistenza elettrica?

              Presumo che scambi con aria ambiente per non congelare motore..ci sono quindi dei limiti di T ambiente per utilizzo?

              Pieno da 2,5 euro..ma con prezzi Francesi o Italiani?
              E fatto con compressore esterno o interno?

              L'energia di frenata viene recuperata in qualche modo (energia elettrica) o va sprecata?

              Ricarica..è vero che potrebbe essere fata di notte da terzi..ma se si diffondesse veramente sarebbe impensabile che ogni auto fosse rifornita ogni notte..a domicilio..altro che 2,5 euro a pieno...
              Il vantaggio dell'elettrica secondo me risiede proprio nell'indipendenza del rifornimento da una stazione..se si dovesse ad esempi andare a fare il cambio-batteria rapido da un "distributore" come ipotizzato da qualche costruttore di auto elettriche, penso che non avrebbero futuro nemmeno le elettriche.
              E' quidi ipotizzabile fare il pieno con compressori domestici a basso costo? o l'efficienza globale carico-scarico resterebbe piu o mneo quella della ricarica col compressore di bordo?

              Ma alla fine..fra la tecnologia pura elettrica e questa..in base alla tecnologia disponibile oggi..chi la vince?
              Cioè..quando parli di 22 % di efficienza, intendi il rapporto fra energia spesa a comprimere aria su energia meccanica disponibile all'albero?
              E in caso di auto elettriche, compreso le perdite di carica-scarica batterie , a che livello siamo?

              Ma non è che se poi ci accontentiamo di auto cosi..diciamo..basiche..sia per quanto riguarda peso, sicurezza, estetica, rifiniture, accessori... allora anche un micro motore a CI fa meglio? perche fare 100 km con 2-3 litri non penso sia impossibile..mi pare VW lo ha gia dimostrato..e il costo (industriale..senza tasse) della benzina è di 0,5 euro litro...ala fine 130 kw si farebbero con meno di 2 euro di carburante.

              Oggi mi pare nei carburanti ci sia gia 5-7% di bio..percentuale che potrebbe salire..magari arrivando anche al 20-25% come nell'elettrico (%FER su cosnumo totale..che sarebbe il carburante di questa ad aria).

              Lo dico non perche sia contro tale esperienza..che è sempre utile..ma perchè se eliminiamo le accise sui carburanti fossili..poi lo Stato deve tassare qualche cosa d'altro..quindi i conti vanno sempre fatti sui PREZZI INDUSTRIALI dei carburanti..sterilizzando l'effetto fiscale.
              Per assurdo, a compensazione gettito, dovrebbero introdurre una ugual gettito con una accisa sull'uso dell'aria compressa...o semplicemente aumentare accisa su EE.
              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                ma in inverno come si riscalda l'abitacolo? perche in estate potrei anche far ameno dell AC su una citycar leggera ..ma in inverno? e gli ausiliari elettrici? usa motore elettrico come generatore di EE e ha quindi una batteria? e fa riscaldamento con resistenza elettrica
                Marco, penso che questo veicolo, vada più visto come un'alternativa alla moto che ad un'auto vera e propria, con i vantaggi di avere un tetto sopra la testa e inquinamento=0. Scusami: nella moto come ti scaldi???
                Riguardo i servizi elettrici di bordo: penso che si potrebbero gestire con la tecnologia led, una piccola batteria sui 20A ed un piccolo alternatore azionato dal motore ad aria stesso e dal recupero di energia dato dal sistema frenante (tecnologia già messa a punto dalla Peugeot).
                Riguardo la produzione casalinga di aria compressa, ritengo che ci sia veramente tanto da fare e da scoprire e non solo per ricaricare il veicolo in questione, ma anche come tecnologia a bassissimo costo ed a inquinamento=0 per accumulare l'energia FER da utilizzare alla bisogna nelle nostre abitazioni.
                Bisogna studiarci e lavorarci su per bene, le tecnologie e le conoscenze necessarie sono già disponibili, si tratta di metterle in atto!!!

                Saluti
                Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

                Commenta


                • #9
                  ok, come al solito mi tocca fare lo scettico rompixxx...

                  Ma la novità dov'è? E' la terza o quarta volta che fanno annunci! E soprattutto, la CONVENIENZA dov'è?

                  Per me parlare di rendimenti del 20 o 30% è assurdo, un'auto elettrica è MOLTO superiore!

                  Altro aspetto: perchè dovrebbe convenire passare per un vettore energetico come l'aria compressa se lo si ottiene con energia elettrica? Le batterie stanno migliorando rapidamente...

                  E quindi la domanda finale: da dove saltano fuori i 2,5€ per 130 km? Credo sia assolutamente impossibile con le tariffe italiane, non è che è calcolato col costo per kWh che pagano in Franzia grazie a tutte le loro belle centrali NUCLEARI?

                  Scusate il tono, ma proprio non ce l'ho fatta a tacere....
                  I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
                  https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao a tutti,
                    bene, vedo che la discussione si è animata!

                    Cerco di rispondere alle tante domande di marcober:
                    1) Il riscaldamento dell'abitacolo non approfondito come viene fatto. Comunque l'auto ha una normale batteria da auto e un impianto elettrico per cui la possibilità vi è ma su questo punto non ho fatto domande (scusate ma non mi è venuto in mente);

                    2)Non vi sono temperature limite di utilizzo del veicolo perchè oltre allo scambio termico con l'aria esterna vi è un piccolissimo bruciatore che riscalda l'aria durante il principale passaggio di espansione aumentando efficienza e eliminando i problemi di tempetrature esterne.;

                    3) Pieno da 2,5 euro (circa!) l'ho calcolato io su prezzi italiani e stando largo (20 cent/kwh) con il compressore interno all'auto. Utilizzando compressori a maggiore efficienza il costo diminuisce.

                    4) Il recupero in frenata ci sarà, l'ho scritto.

                    Ovviamente questa tecnologia (anche rispondendo a Urciuoli) non è paragonabile ne per efficienza e ne per futuro all'elettrico puro.
                    Però offre dei vantaggi (quali basso costo di acquisto, ricarica veloce, bassa manutenzione, durata illimitata della bombola (più di 30-40 anni!), migliore efficienza globale rispetto a qualsiasi auto a combustione oggi esistente che ne fa un prodotto comunque molto migliore delle piccole auto ora in circolazione e che può ritargliarsi una fetta di mercato significativa.

                    I vantaggi ambientali ci sono (non ai livelli dell'elettrico...) e se davvero la vettura sarà venduta a breve (questo è tutto da dimostrare ma ciò che ho visto mi ha dato molta fiducia che prima non avevo) può essere un buon primo passo in attesa che l'elettrico cali di prezzo e aumenti di prestazione (anche grazie al grafene).

                    Poter circolare su veicoli ad emissione zero allo scarico (e anche maggior efficienza globale) è comunque importante anche solo per un fatto di cultura...
                    Roy
                    Essere realisti e fare l'impossibile

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da eroyka Visualizza il messaggio
                      ....
                      Ovviamente questa tecnologia (anche rispondendo a Urciuoli) non è paragonabile ne per efficienza e ne per futuro all'elettrico puro.
                      Però offre dei vantaggi (quali basso costo di acquisto, ricarica veloce...
                      Roy
                      esattamente
                      non mi pongo problemi di efficienza del sistema, specie con le prospettive attuali di autoproduzione energia in eccesso con costi abbordabili .... ora non ricordo se l'airpod potrà essere utilizzato anche come generatore elettrico di emergenza ...
                      mi correggo da solo ... è anche generatore

                      In vendita a metà del prossimo anno la famosa MDI che ha fatto innamorare anche il colosso Tata. Il primo modello sarà un quadriciclo leggero. Ecco l'incredibile storia raccontata direttamente dal papà di questa macchina, Cyril Negre Tutto pronto: entro la metà del

                      Commenta


                      • #12
                        Che dire? Vorrei avere la vostra fiducia... ho riletto velocemente l'altro 3d in questa sezione, ecco cosa scriveva Livingreen nel 2010:




                        Originariamente scritto da livingreen
                        (...)
                        A dieci anni di distanza,(...), siamo ancora alla stessa dichiarazione sentita e risentita fin dall'inizio:"(...) ci vorranno minimo due altri anni)"



                        Mi autocorreggo: ho trovato gente che giura di aver firmato i moduli di prenotazione per la "Eolo" diciannove anni fa.

                        Quindi sono più di 20 anni che se ne parla.... e nel 3d si parla anche di quello che purtroppo, secondo me, è l'unico motivo che tiene in vita questa idea: i contributi pubblici e la pelle dei lavoratori poi messi in mobilità.

                        detto questo spero che Eroyka abbia qualche dato in più su queste domande:

                        -l'energia contenuta nelle bombole è ancora nell'ordine dei 15kWh, cioè 1,5l di benzina o un pacco Litio da qualche migliaio di euro?
                        - quanta strada fa con tale pieno?
                        - a me risulta che l'energia elettrica costa 0,3€/kWh per i kWh che si aggiungono a quelli già consumati annualmente da una famiglia media...vedi 3d nella sezione veioli elettrici. 0,2€/kWh si basa su tariffe speciali (tipo BTA e simili)?
                        -la ricarica veloce andrà fatta presso distributori. Ci interessa tornare nelle mani delle lobbies? Di solito l'energia elettrica dalle colonnine, se non è gratuita per motivi pubblicitari (es presso centri commerciali) costa ancora più di quella di casa, 0,4€/kWh o giù di lì...
                        I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
                        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                        Commenta


                        • #13
                          0,2 è un BTA ma SENZA I FISSI..che però ci sono e quindi vanno contati..ese metti un BTA per assorbire PCOO , il kwh costa anche 0,5..attenzione!!
                          Quindi direi che 0,26 è il costo medio per la famiglia (italiana)

                          Se col freddo deve scaldare aria ..e se usa batteria e resistenza..bisogna vedere anche i consumi di tale apparato e la sua autonomia.

                          Se la devo considerare come una moto col tetto..francamente i numeri che hanno in mente loro non li faranno mai.. perche chi ama la moto vuole una moto, gli piace la sua moto e vuole l'emozione della sua moto, non di un trabicolo del genere..e chi vuole un'auto, vuole stare al caldo.
                          magari però in certi ambiti..come ad esempio vetture per usi turistici (caddy car pe ril golf ..etc.) dove non hai un uso continuo ma molto discontinuo..e di solito in climi non proibitivi..potrebbe avere suoi vantaggio..perche dura + a lungo dell'elettrico..cioè ove devi fare pochi km e tante ricariche...
                          comuqnue speriamo di vederlo..per poterlo giudicare..
                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                          Commenta


                          • #14
                            Visti i rendimenti, mi sembra che l'unico vantaggio di questa auto (ma non è roba da poco) sia l'indipendenza del petroloio (sempre se si riesce a far diventare elettrico il "piccolissimo riscaldatore", sennò risiamo da capo).
                            Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
                            -- Jumpjack --

                            Commenta


                            • #15
                              Salve, volevo chiedere a quanti Bar viene caricata la bombola. Grazie.

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da jumpjack Visualizza il messaggio
                                l'indipendenza del petroloio ).
                                sempre "relativa" perche il 70% dell'energia i Italia è fossile..in francia va meglio perche hanno il nucleare...
                                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                Commenta


                                • #17
                                  ma una vetturetta con queste caratteristiche esiste gia ed e' elettrica : la Twizzy.Collaudata e prodotta in serie da una societa seria ad un prezzo ragionevole, in Italia se ne vedono in giro gia parecchie nele grandi citta.Alla fine perche dovrei usare energia elettrica per creare aria compressa che muove l'auto quando potrei usarla direttamente per caricare una batteria con un rendimento generale nettamente migliore ? Senza limiti di impiego legati alla temperatura, con un'affidabilita generale assolutamente superiore (un motore elettrico e' dieci volte piu affidabile di uno pneumatico e un cavo elettrico cento volte piu affidabile di un tubo pressurizzato )A me me pare proprio una bella manovra per accapararsi fondi pubblici sfruttando il momento favorevole della green economy.
                                  Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                                  Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Ciao a tutti,
                                    @caldeo: 248 bar. Usa bombole standard uguali a quelle del metano garantite fino 500 bar ma con pressione di utilizzo a max 248 bar

                                    @ serman: hai provato a prendere una twizzy? Fra assicurazioni obbligatorie, costi fissi aggiuntivi raggiungi, oltre il prezzo del veicolo quasi 100 euro/mese eliminando qualsiasi convenienza economica.
                                    Se togliessero questi balzelli la twizzi sarebbe fra i quadricicli più venduti ma purtroppo non è così.

                                    Speriamo che le cose cambino...

                                    Rispondo a Riccardo che aveva fatto le seguenti domande:
                                    -l'energia contenuta nelle bombole è ancora nell'ordine dei 15kWh, cioè 1,5l di benzina o un pacco Litio da qualche migliaio di euro?
                                    - quanta strada fa con tale pieno?
                                    - a me risulta che l'energia elettrica costa 0,3€/kWh per i kWh che si aggiungono a quelli già consumati annualmente da una famiglia media...vedi 3d nella sezione veioli elettrici. 0,2€/kWh si basa su tariffe speciali (tipo BTA e simili)?
                                    -la ricarica veloce andrà fatta presso distributori. Ci interessa tornare nelle mani delle lobbies? Di solito l'energia elettrica dalle colonnine, se non è gratuita per motivi pubblicitari (es presso centri commerciali) costa ancora più di quella di casa, 0,4€/kWh o giù di lì...
                                    1) si, l'energia è circa quella. Ma fai conto che il motore del primo quadriciclo leggero ha meno di 1 cavallo di potenza!!!! eppure cammina e non male... fai conto che deve trasportare meno di 500 kg di auto e meno di 200 kg di persone...

                                    2) l'energia elettrica per prima abitazione costa circa (tutto incluso) 0,18cent/Kwh. Se aumenti la potenza installata ti costa un po di più in base al fornitore. Ma la questione andrà affrontata quando ci saranno le auto (la cosa vale identicamente per le elettriche pure).

                                    3)La ricarica veloce non sarà assolutamente legata ai distributori classici. Qualsiasi industria che ha già compressori o qualsiasi centro commerciale, benzinaio (ovviamente), cinema, ecc. potrà installarsi il sistema di ricarica (che altro non è che un buon compressore e un pacco di bombole). Percui nessun collegamento forzoso a lobby. Addirittura un bel parco fotovoltaico o eolico potrà essere destinato a ricariche ad hoc (idem per veicoli elettrici). Certamente te la faranno pagare un po di più... ma considerando che loro utilizzeranno meno energia (vista la maggior efficienza dei grossi compressori) alla fine il pieno ti verrà a costare sempre circa uguale.

                                    Bisogna comunque, a mio parere, vedere la cosa come una svolta culturale. Ci vorranno anni ma bisognerà abituarsi a essere più dinamici nel fare il pieno di energia staccando il nostro cordone ombelicare con i distributori di petrolio.... questo è un primo importantissimo fatto.

                                    Il resto, con un po di fantasia e buon senso, verrà di conseguenza.
                                    Roy
                                    Essere realisti e fare l'impossibile

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                                      sempre "relativa" perche il 70% dell'energia i Italia è fossile....
                                      ma de che ... aggiornarsi please

                                      'Le fonti rinnovabili (compresi gli impianti a biomassa, inclusi nel termoelettrico), con circa 91 TWh generati in 10 mesi, hanno soddisfatto circa il 39% della produzione netta nazionale. Rispetto alla domanda di elettricità hanno coperto circa il 34,2%. ' e quella che importiamo (il 13% del totale) è nucleare, ormai le fossili in Italia coprono poco più del 50%, via via in calo

                                      Domanda elettricità in Italia: cala del 3,6% nei primi 10 mesi del 2013 | QualEnergia.it



                                      scegliere un veicolo fossil-free è in ogni caso una scelta saggia


                                      a me attizza parecchio anche il generatore ad aria (con concentratore solare) in fondo al documento che allego ... mi piacerebbe avere informazioni in merito, un bel serbatoio ad aria compressa da 10.000 litri magari pure usato e il gioco sarebbe fatto ... http://download.repubblica.it/pdf/mo...2/products.pdf
                                      Ultima modifica di Ospite; 29-11-2013, 08:01.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Per la parte Biomassa non mi pare esista alcun dato ufficiale..accreditarne 11 Tera può essere una stima..ma da dove arriva?

                                        Poi... l'energia elettrica non ha mica la targhetta su..quindi quella che importiamo è valutata secondo il MIX del Paese di importazione...dalla Francia c'è una prevalenza nucleare..dalla Svizzera molto meno.
                                        Ma poi... il nucleare è pur sempre lo sfruttamento di un (ottimo) carburante..ma comunque destinato ad esaurirsi..quindi non rinnovabile.

                                        Qui si sventolava la bandiera dell'affrancamento dal petroli... non credo lo si volesse dire che lo è nella misura i cui di schiavizza il nucleare francese (giusto Jumpjack??)

                                        E allora i conti sono

                                        Termoelettrica 151.731
                                        Importazione 36.389
                                        Totale 188.120

                                        188.120/265.404= 70,88%

                                        Poi..se l'incenerimento di biomasse contenuti nei RIFIUTI (perche di questo parliamo!) viene statisticamente calcolato in 11 Tera..giusto perche serve una base su cui erogare INCENTIVI..va bene...il 70 diventa 64%...però..si sappia cosa cosa viene bruciato per dire che è energia FER.

                                        Ma 65 invece di 70% cambia tutto?

                                        Tieni conto che il salto FER 2013 è dovuto in gran parte al CALO DEI CONSUMI..se (si spera) i consumi torneranno a crescere per un minimo di ripresa e grazie alla diffusione delle PDC..l'offerta FER resta rigida (tutta quella prodotta viene gia usata), e quindi la crescita sarà appannaggio di termoelettrico (Le FER non FV mi sembrano a crescita veramente ridotta con gli incentivi attuali).
                                        Quindi le % attuali sono destinate ad essere perlomeno stabili (se non in diminuzione dato il fisiologico calo tecnico del FV dello 0,5-1% anno)
                                        Fai conto che a Novembre 2013 eolico+FV hanno prodotto MENO del 2012...insomma la crescita vertiginosa della potenza installata sembra assestata..

                                        Chi deve aggiornarsi?

                                        @Eroika..0,186 è il secondo scaglione maggior Tutela del D2 ma SENZA iva e accise..se le metti arrivi a 0,226
                                        E poi..se avesi un 'auto del genere..impossibile restare nel secondo scaglione..quindi i tuoi kwh MARGINALI (perche quelli devi valutare..nel confronto con metano o altri carburanti) costano 0,297
                                        Secondo me il tu ragionamento va ribaltato..cioè..non è che la questione andrà affrontata quando ci saranno le auto..ma le auto ci saranno (o non ci saranno ) in base alle tariffe elettriche..esattamente come le pdc (che sono sempre esistite) si diffondono (o non si diffondono) in base ai costi elettrici..e non viceversa.
                                        Altrimenti rischiano di restare un interessante giocattolino per fighetti che vanno in Brera con l'auto ad aria e parcheggiano sul marciapiede perchè non sono omologati quadriciclo o auto.. e a quel livello del costo elettrico..perche 1 minuto dopo se decidono di andare a Santa Margherita a ballare, ci vanno con un SUV 5000 a benzina..
                                        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Marcober, aveva scritto 'fossili'
                                          qualsiasi cosa si esaurisce, anche il sole
                                          sulla ripresa dei consumi elettrici (mi gratto) sono finalmente riuscito a far cambiare frigo e lavatrice secolari a mia mamma, i nuovi consumano meno di un terzo, la televisione e le lampadine a led già le avevo messe anche a casa sua ... i consumi sono destinati inevitabilmente a proseguire il calo causa la diffusione dell'efficienza ... lampioni a led, ristrutturazioni immobili, nuovi macchinari nell'industria, ristrutturazione rete trasmissione (basta pensare solo al sapei), il suo 'calo fisiologico' è ampiamente compensato dalle nuove installazioni, ecc. ecc.
                                          'se l'incenerimento di biomasse contenuti nei RIFIUTI (perche di questo parliamo!) ' .. di nuovo, ma de che ... http://www.gse.it/it/EnergiaFacile/g...s/default.aspx

                                          'chi deve aggiornarsi ?'
                                          lei

                                          dimenticavo ... non credo aspetterò tanto tempo per staccarmi dalla rete elettrica ... di certo in un prossimo futuro io consumerò ZERO fossili
                                          Ultima modifica di Ospite; 29-11-2013, 09:13.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Questa tecnologia di auto ad aria compressa, se confrontata anche con un'auto a metano perde la sfida, perciò concordo con Riccardo che attualmente i veicoli elettrici sono il vero progresso per diminuire l'inquinamento. Sarebbe molto interessante invece un ibrido ELETTRICO-METANO. Spesso quando facciamo i confronti economici, ci dimentichiamo dei carburanti alternativi alla BENZINA: DIESEL, GPL e METANO.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Paleo..checche ne dica tu, i coinsumi domestici sono l'unica cosa che non cala quasi..2012 su 2011 meno zerovirgola.
                                              Mentre il calo è stato nell'industria..e non per quel che dice lei (efficinetamento sbalorditivo) ma per calo ordini e licenziamenti e delocalizzazioni.

                                              Se mai si tornasse all'economia dle 2008..le FER ATTUALI sarebbero il 30% del cosnumo..e non piu il 34..
                                              Ma lei davvero pensa che 4% sia una diiferenza importante nel dire che un'auto elettrica o ad aria sia indipendente dalle fossili?
                                              per me è una finzione.. per lavarsi la coscienza ..ma non risolve quasi nulla (se non l'inquianmento che dal cenrto di Milano di sposta a Lodi dove si genera piu energia fossile)
                                              resta il fatto che queste non sono auto vere..le vere auto anche loro le prevedono IBRIDE, cioè col motore a benzina!! come mai?

                                              Roby..parole sante..anche se un ibrido metano-elettrico--fra batterie e bombole...qaunto peso di porta dietro?
                                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                              Commenta


                                              • #24
                                                io non ho scritto che il calo dei consumi rilevato è dovuto a 'efficientamento sbalorditivo' industriale né che mi attendo chissà cosa dai consumi domestici, non mi metta in bocca cose mai dette, ho detto che in FUTURO sicuramente anche l'industria consumerà MENO ... l'industria è più o meno il 40% del totale dei consumi elettrici

                                                Consumi Energia Elettrica per Settore Merceologico

                                                la produzione industriale è per ora in calo del 3,9% http://www.repubblica.it/economia/20...calo-70717810/

                                                dato che finora (dal documento terna precedente) il calo dei consumi elettrici è del 3,6% e considerando che l'industria rappresenta più o meno il 40% dei consumi e presenta un calo del 3,9% da qualche altra parte avremo pur consumato meno, o no ? e da oggi pure mia mamma contribuirà, o no?
                                                un veicolo elettrico o ad aria è sicuramente POTENZIALMENTE indipendente dalle fossili ... o no ?
                                                un airpod non è di sicuro un'auto vera, a me serve per fare pochi chilometri, la spesa più che altro senza problemi di parcheggio, poi se voglio parcheggio pure gratis nelle striscie blu o giro in centro fregandomene delle ztl e se voglio esagerare viaggio pure nelle corsie preferenziali per autobus e taxi
                                                come auto vera fra un anno, quando ci sarà il supercharger dalle mie parti, prendo la tesla e faccio la ricarica GRATIS e RINNOVABILE a vita, altro che quei bidoni tedeschi
                                                Ultima modifica di Ospite; 29-11-2013, 09:50.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                                                  .....un'auto elettrica o ad aria sia indipendente dalle fossili?
                                                  per me è una finzione.. per lavarsi la coscienza ..ma non risolve quasi nulla (se non l'inquianmento che dal cenrto di Milano di sposta a Lodi dove si genera piu energia fossile)....
                                                  Mentre un'auto a benzina è totalmente dipendente dal FOSSILE, un'auto ELETTRICA o ad ARIA (anche se non condivido la tecnologia dell'aria compressa), lo è solo in parte, perchè l'energia elettrica è prodotta anche con il FOTOVOLTAICO, EOLICO, IDROELETTRICO, GEOTERMICO (poco), TERMOVALORIZZATORI, ecc. Quindi non condivido nemmeno il discorso dell'inquinamento che si sposta dove si produce l'energia elettrica, anche se fosse prodotta interamente col petrolio, il rendimento di un'auto elettrica è di circa l'80% dell'energia immagazzinata, contro il 18% dei motori endotermici, che ne disperdono molta in calore.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    se tanto mi da tanto ...
                                                    ho letto da qualche parte che la bpombola è da 150 lt caricata a 248 bar.
                                                    per cui se con il mio compressore del metano che porta la pressione max 207 bar e pompa 3.1 mch consuma 1.1 kw occorreranno circa 10 ore consumando 11 kw l prezzo corrente di 0.195€ kwh fanno 2.1 €
                                                    ma se prendo il prezzo di vendita energia pagatro dal gse ( per quest'anno 0.88 €) diventano solo 0.97 € , per quanti km percorsi ???

                                                    peleoprog i soliti compressori da officina arrivano max a 100 bar non di + , cmq caricheresti in pochi minuti metà serbatoio possibile , di conseguenza l'autonomia diventerà meno della metà.
                                                    Ultima modifica di Alby62; 29-11-2013, 10:53.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Originariamente inviato da eroyka Visualizza il messaggio
                                                      Ciao a tutti,
                                                      1) Il riscaldamento dell'abitacolo non approfondito come viene fatto. Comunque l'auto ha una normale batteria da auto e un impianto elettrico per cui la possibilità vi è ma su questo punto non ho fatto domande (scusate ma non mi è venuto in mente);
                                                      Per il riscaldamento credo che bisognerà accontentarsi di un cappotto, più o meno come sulle moto, con il vantaggio che non tira vento... Una batteria non è in grado assolutamente di dare un riscaldamento accettabile se non per poco tempo

                                                      2)Non vi sono temperature limite di utilizzo del veicolo perchè oltre allo scambio termico con l'aria esterna vi è un piccolissimo bruciatore che riscalda l'aria durante il principale passaggio di espansione aumentando efficienza e eliminando i problemi di tempetrature esterne.;
                                                      Ecco il busillis. L'aria espandendosi si raffredda e il ghiaccio blocca il motore ? Con un bel bruciatore si scalda.
                                                      Ma il bruciatore consuma benzina, per cui tutto comincia a assomigliare a un motore a combustione interna, con la differenza che la combustione è esterna.
                                                      Se ne è tenuto conto per calcolare i consumi ?
                                                      Davvero l'efficienza è superiore a quella di un motore a scoppio di 50-100 cc ?

                                                      I vantaggi ambientali ci sono (non ai livelli dell'elettrico...) e se davvero la vettura sarà venduta a breve (questo è tutto da dimostrare ma ciò che ho visto mi ha dato molta fiducia che prima non avevo) può essere un buon primo passo in attesa che l'elettrico cali di prezzo e aumenti di prestazione (anche grazie al grafene).

                                                      Poter circolare su veicoli ad emissione zero allo scarico (e anche maggior efficienza globale) è comunque importante anche solo per un fatto di cultura...
                                                      Roy
                                                      Eh no. Quello non è un veicolo a emissione zero, perchè c'è il bruciatore.
                                                      E' solo un accrocchio più complicato, che in parte usa l'energia elettrica di casa per riempire la bombola di aria compressa, in parte usa il calore fornito dalla benzina per il bruciatore. Separare queste due fonti di energia ha permesso di sostenere che c'è un vantaggio, ma non è vero, almeno finché l'energia elettrica non sarà prodotta da fonti rinnovabili.
                                                      Allora sono più ecologiche le auto a batterie.
                                                      Si fa prima usando un motorino da ciclomotore, che costa poco e può spingere fino a 70 all'ora un'auto del genere consumando 1 litro di benzina ogni 50 km e scaldando anche in cabina coi gas di scarico.
                                                      La sfida vera è costruire un'auto biposto che pesa 2-3 quintali.
                                                      Forse le vecchie Trabant avrebbero potuto andar bene.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        si è andati un po' OT ma era prevedibile...

                                                        Qualche precisazione tanto per dire la mia, che l'auto elettrica ce l'ho...

                                                        Riguardo i costi chilometrici, sia energetici che in euro:

                                                        1- le auto a scoppio sono le peggiori, con rendimenti teorici MASSIMI del 30% circa ma che nella reltà (traffico, soste) sono sotto il 10-15%

                                                        2- eolo e vetture elettriche prelevano energia dalla stessa rete, quindi possiamo ignorare il contenuto 'rinnovabile' del nostro mix energetico, ne usufruiscono entrambe. Però il rendimento di un'auto elettrica viaggia oltre l'80%, quella di Eolo boh... ancora non è chiaro

                                                        3a- il costo dell'energia elettrica è circa 0,3€/kWh, già spiegato nell'altro 3d ma se a casa AGGIUNGO un veicolo che consuma kWh agli altri utilizzi io per lui considero il costo del relativo scaglione! E tra noi senza FV non credo ci siano molti a restare nello scaglione da 0,2 anche aggiungendo i consumi di un veicolo.Purtroppo.
                                                        3b- considerando quindi che il gasolio costa circa 0,16€/kWh e la energia elettrica 0,3... con l'auto elettrica riesco a risparmiare grazie al rendimento (diciamo 0,7 contro 0,1); con eolo...se rende solo il 25% rischio di andare a malapena in pari!

                                                        4-le prestazioni contano! Eolo al momento sembra una Twizy in quanto a stazza e omologazione, con tutti i limiti di sicurezza, portata (in persone e merci) e libertà di movimento (no tangenziali e autostrade).
                                                        La mia Eli è 4 posti e vado dove voglio... la Twizy (che però è comunque più potente della Eolo) consuma MENO DI 80Wh/km!

                                                        5-i problemi di riscaldamento ce l'hanno tutti i veicoli elettrici. Io mi rifiuto di accendere il Webasto (riscaldatore a gasolio), ho comprato un coprisedile riscaldato e uno sbrinatore per il parabrezza. Riduco (poco) l'autonomia, ma l'energia elettrica per alimentarli sulla mia ce l'ho già... su Eolo?
                                                        Però...un cappotto e un paio di guanti li abbiamo tutti!

                                                        Detto questo a mio avviso resta solo l'aspetto positivo di sganciarsi .. diciamo dal benzinaio più che dallo sceicco...

                                                        Però resta ancora da capire se e quanto costano, sono efficienti e silenziosi i compressori per privato. Va bene le colonnine ma io un mezzo alternativo VOGLIO ricaricarlo soprattutto a casa scegliendo la tariffa, gli orari e la modalità che preferisco
                                                        I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
                                                        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          2- eolo e vetture elettriche prelevano energia dalla stessa rete, quindi possiamo ignorare il contenuto 'rinnovabile' del nostro mix energetico, ne usufruiscono entrambe. Però il rendimento di un'auto elettrica viaggia oltre l'80%, quella di Eolo boh... ancora non è chiaro

                                                          Sul rendimento 80% sarei cauto visto che la batteria da sola tra carica e scarica mi perde un buon 25/30 % che sommato al rendimento del caricatore e a quello del motore elettrico ridimensionano il valore reale ad un 60% scarso comunque nettamente superiore a quello di un motore endotermico.
                                                          Ultima modifica di serman; 29-11-2013, 12:56. Motivo: edit
                                                          Viva la tecnologia che semplifica la vita.
                                                          Non discutere mai con un idiota, la gente potrebbe non notare la differenza.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Si ho una domanda

                                                            Si ho una domanda, come hai fatto a farti rispondere, personalmente li ho contattati svariate volte per email ma non mi hanno mai risposto. hai qualche contatto, magari da fornirni in privato?
                                                            Grazie.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X