Benvenuto in EnergeticAmbiente.it.
+ Rispondi
Pagina 8 di 20 primaprima 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 141 a 160 su 390
Like Tree131Mi piace!

Discussione: Emancipazione delle gerarchie terrestri

  1. #141
    mgc
    mgc non è in linea
    Monumento
    Registrato dal
    Aug 2012
    residenza
    Pavia
    Messaggi
    2,240

    Predefinito



    Ho versato 2,000,000.00 di Euro di tasse e contributi in 20 anni, ora mi sono informato e ho scoperto che posso andare in pensione con 860 Euro mensili. Se campasi come dicono le statistiche, incasserei 180,000.00 Euro in tutto. La matematica mi dice che è il 9%. Mi fa piacere aver mantenuto tante vecchiette con la minima.
    Je suis Charlie e amo mamma e papà.

  2. #142
    Seguace
    Registrato dal
    May 2012
    Messaggi
    348

    Predefinito

    BE, le entrate dello Stato si suddividono in tributarie (tasse e imposte) ed extra-tributarie (concessioni di sfruttamento di risorse, rendite da capitale e redditi da imprese pubbliche). Le quote sono approssimativamente 450mld di entrate tributarie, 70 extra-tributarie, poi a parte ci sono i 240 di entrate previdenziali.

    Renato, quello che non si dovrebbe riconformare (secondo me) è un sistema pensionistico pubblico a scaglioni come ora, che tratta in modo diverso i cittadini. A conti fatti, le pensioni sotto soglia di povertà sono compresse per poter mantenere i trattamenti più alti (mi spiace se sembra demagogico) e l'inps con questi presupposti non opera più come un ente previdenziale ma come un'assicurazione privata.
    I contributi previdenziali formalmente non sono tasse o imposte da organizzarsi con criteri di progressività reddituale, percui non vi è ragione di scaglionare per costituzionalità.

    Anche ciò che dice mgc è un'ulteriore ragione per trattare tutti allo stesso modo.
    In effetti è comprensibile prelevare dal "calderone pubblico" ciò che serve per garantire un sostentamento minimo, ma non è più tollerabile che vi sia chi fa il miliardario, comprandosi yacht e ville in località extralusso in giro per il mondo, tutto coi soldi della pensione pubblica (tipo il topo A.A.).

  3. #143
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,373

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da max001 Visualizza il messaggio
    BE, le entrate dello Stato si suddividono in tributarie (tasse e imposte) ed extra-tributarie (concessioni di sfruttamento di risorse, rendite da capitale e redditi da imprese pubbliche). Le quote sono approssimativamente 450mld di entrate tributarie, 70 extra-tributarie, poi a parte ci sono i 240 di entrate previdenziali.
    Si, più o meno ci siamo. In realtà le tributarie sono sui 420, ma vabbè. A questo si contrappone una spesa pubblica che nell'ultimo dato disponibile 2014 è di €. 835 miliardi compresi interessi passivi. La differenza fra le due cifre la copre ANCHE il ricorso al mercato titoli, che continua tuttora. (http://www.dt.tesoro.it/export/sites...6.05.2016x.pdf).
    Andare ad analizzare all'euro preciso quanto viene emesso per coprire titoli in scadenza, quanto per coprire interessi, ecc. non è per nulla facile, trattandosi di contabilità piuttosto complesse.
    Di sicuro si può dire che quei famosi 80 miliardi NON sono per nulla un'imposizione dei perfidi banchieri tedeschi o un tentativo di affossare la nostra economia. Ma semplicemente il costo del finanziamento dello stato sul mercato. Finanziamento a sua volta adottato non certo per pagare i vitalizi di quattro sanguisughe, ma per finanziare spese di cui hanno goduto in parecchi, specie fra coloro che sono già in pensione da anni. E che NESSUNO ci ha imposto di fare, mai!
    Mandare l'Italia in default e rifiutare non solo di pagare gli interessi, ma addirittura di restituire ciò che ci è stato prestato (il famoso "debito") è certamente possibile. Ma di sicuro qualcuno che sui quei crediti fonda la propria esistenza ne rimarrebbe parecchio "scottato" e di sicuro a quel punto, senza nemmeno la garanzia della BCE, l'Italia vedrebbe andare deserte TUTTE le aste titoli. A meno di non obbligare le banche italiane a sottoscriverli, ma l'Italia non è il Giappone e illudersi di aver inventato il circolo chiuso perfetto per il benessere della popolazione potrebbe rivelarsi molto illusorio...
    Quote Originariamente inviata da mgc Visualizza il messaggio
    Ho versato 2,000,000.00 di Euro di tasse e contributi in 20 anni, ora mi sono informato e ho scoperto che posso andare in pensione con 860 Euro mensili.
    In Italia la pressione fiscale e contributiva è ormai quasi offensiva per chi lavora. Ma i tuoi calcoli, perdonami, mi lasciano un pelo perplesso.
    2 milioni in 20 anni significano una contribuzione totale di 100.000€/anno. Cioè un reddito lordo sui 200.000€. Una contribuzione pensionistica su redditi di quel livello determina pensioni ben superiori. Anche se ipotizzata per soli 20 anni.
    Ultima modifica di BrightingEyes; 09-05-2016 a 13:52

  4. #144
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,134

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BrightingEyes Visualizza il messaggio
    ,
    Mandare l'Italia in default e rifiutare non solo di pagare gli interessi, ma addirittura di restituire ciò che ci è stato prestato (il famoso "debito") è certamente possibile. Ma di sicuro qualcuno che sui quei crediti fonda la propria esistenza ne rimarrebbe parecchio "scottato" ..i.
    No,no,no, vedi che non ci siamo ?

    Ti debbo dire che non hai capito ?
    Piuttosto direi un far finta di non capire .
    Non c'è default , ma una progressione logica programmata come è stato per l'euro .

    Ti ho postato decine di link e video di economisti che ti dicono come fare , ma sembra che non ti piacciono .

    Non voglio ripetermi ,per riprendere la solita tiritera , tira e molla.

    Vabbè , ne prendo atto ! Non tutti possiamo essere d'accordo sulla stessa cosa , per questo esiste la democrazia , per esprimere col proprio voto il proprio parere, ma sembra che da 5 anni a questa parte, la democrazia sia finita e comanda l'Europa e con essa le banche .
    Non si tratta di azzerare il debito pubblico , ma di non farlo cresce più .
    Non si tratta di non pagare i creditori , moralmente mi sento vicino ai piccoli investitori che comprano BOT e simili .
    Tutto deve essere pagato e sarà pagato ed onorato come da accordi presi in precedenza , se tu pensi che io dicessi il contrario hai sbagliato .

    Il nocciolo della questione è ,carissimo BE, la SOVRANITA' MONETARIA .
    Deve essere lo stato Italiano a stampare la moneta e non le banche private , sia euro o lira o lira pesante . Stampando moneta lo stato può pagare tutti i debitori e non deve dire grazie a nessuno .
    Lo stato non deve emettere BOT o CCT o altro , non deve fare ulteriore debito .
    Vedrai che le tasse allora si che caleranno ed io e te pagheremo di meno .

    Questo spero ora che lo hai capito .
    Ultima modifica di zagami; 09-05-2016 a 20:29
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  5. #145
    Seguace
    Registrato dal
    May 2011
    residenza
    Lombardia
    Messaggi
    572

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    Il nocciolo della questione è ,carissimo BE, la SOVRANITA' MONETARIA .
    Deve essere lo stato Italiano a stampare la moneta e non le banche private , sia euro o lira o lira pesante . Stampando moneta lo stato può pagare tutti i debitori e non deve dire grazie a nessuno .
    Lo stato non deve emettere BOT o CCT o altro , non deve fare ulteriore debito .
    Se il livello della conoscenza è questo direi che è inutile andare avanti.
    Il risultato della grande pensata di Zagami è visibile in Venezuela, che stampa così tanta moneta che non è nemmeno in grado di pagare gli stampatori. Altro che pagarti la pensione.

  6. #146
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,373

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    No,no,no, vedi che non ci siamo ?Ti debbo dire che non hai capito ?
    Puoi dirmi cosa credi, tanto la realtà non cambia!
    Sei TU (e altri, purtroppo) che continuate a non voler capire!
    La sovranità monetaria non è una bacchetta magica!
    Siamo tutti d'accordo e l'ho scritto più volte che una politica monetaria rigida in area euro è deleteria. E che questo sta creando problemi e molta ostilità verso l'euro!
    Ma è da boccaloni credersi la favoletta che questo problema si risolve andando a stampare a manetta bigliettoni di banca!
    Ma scusa tanto... esistono centinaia di paesi che non sono nell'euro e possono stamparsi alla grande anche vagonate intere di carta moneta! Come mai moltissimi sono anche più in crisi degli stati europei o hanno redditi medi ben più bassi?? Come mai in Bulgaria, Tunisia, ecc. è pieno di pensionati dell'area euro che riescono a vivere alla grande con pensioni che negli stati di origine sono basse? Cosa impedisce a questi stati di stamparsi una carrettata di dinari, fiorini o quel che è e permettere ai propri cittadini di scambiarsi in letizia stipendi tripli degli attuali?
    Mi hai postato decine di video certo! Di questi un terzo dà una ricetta, un terzo ne dà una opposta e il terzo restante non ha ricette! E' evidente a un bambino che molti di quei video manco li hai "afferrati" e ti limiti a ammucchiarli in quanto genericamente critici verso un qualcosa che associ all'euro e alla UE!
    Appena ti segnalo le incongruenze tu, elegantemente, sorvoli e passi a linkare un altro video. Che dice spesso il contrario di quello precedente, ma chiessenef.. basta che sia da "indignati", poi va benissimo!
    Ok, nessun problema. Ognuno è libero di bersi cosa crede, ci mancherebbe!
    Ma evita perlomeno di offendere l'intelligenza altrui coi tuoi ormai patetici "non hai capito", che sanno tanto di terrapiattista che si sbellica di fronte a chi "si beve" la frottola che siamo andati sulla Luna!

  7. #147
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,134

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Darwin Visualizza il messaggio
    Se il livello della conoscenza è questo direi che è inutile andare avanti.
    .
    Voilà , l'oracolo di Delfi ha parlato ?
    Certo appena appena un rigo , come il vecchio oracolo , sta a noi comuni mortali interpretare il vero significato ...
    l'Italia non è il Venezuela , almeno questo lo hai capito ?


    Quote Originariamente inviata da BrightingEyes Visualizza il messaggio
    La sovranità monetaria non è una bacchetta magica!
    Siamo tutti d'accordo e l'ho scritto più volte che una politica monetaria rigida in area euro è deleteria. E che questo sta creando problemi e molta ostilità verso l'euro!
    !
    Siamo d'accordo che non è la bacchetta magica , ma l'Italia ha enormi potenzialità che non vengono espressi a causa della burocrazia e della alta tassazione a famiglia ed imprese .
    Ora io non ho la bacchetta magica, ma le soluzioni proposte possono essere diverse .
    Intanto vi è la palla al piede del debito pubblico e degli interessi di 80 miliardi di euro che bisogna versare agli investitori .
    Questi sono vincoli che frenano l'economia aumentando la tassazione mia e tua e frenano l'economia italiana .
    Prima ipotesi , ma non ultima , per azzerare questo debito di 80 miliardi l'Italia potrebbe stampare 7 miliardi al mese di monete euro-lira da 5 euro per il mercato interno . Questo è possibile perché le monete possono essere stampate nella sede dello stato stampatore senza passare per la BCE .
    Ultima modifica di zagami; 10-05-2016 a 05:39
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  8. #148
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,134

    Predefinito

    Il “buco” del Jobs Act: assunzioni fasulle per intascare soldi pubblici.

    http://quifinanza.it/lavoro/il-buco-del-jobs-act-assunzioni-fasulle-per-intascare-soldi-pubblici/66673/?ref=virgilio


    ~Il danno per le casse dello Stato non è di poco conto, perché per stessa ammissione dei funzionari dell’Inps così si sono persi 600 milioni di euro, cioè soldi dei pensionati e dei contribuenti.
    Circa 100mila lavoratori su un milione e mezzo assunti nel 2015 con l’esonero totale di contributi previdenziali non avevano diritto allo sgravio: le aziende coinvolte sono circa 60mila.
    ~Posizioni create al solo scopo di usufruire delle indennità di disoccupazione, una truffa escogitata per poter raggirare l’ istituto previdenziale, con un danno stimato in 160 milioni. Anche questa volta a danno dei pensionati e dei contribuenti.

    ~Siamo proprio messi bene , questo perché si doveva creare lavoro che non c'era dal nulla e l'Italia riparte , si a truffare ...
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  9. #149
    Seguace
    Registrato dal
    Jan 2007
    Messaggi
    781

    Predefinito

    Il nocciolo della questione è , , la SOVRANITA' MONETARIA .
    E’ parte del nocciolo e neanche la più importante.
    Il vero nocciolo è la capacità dell’emittente di mantenere le promesse.
    Posseggo un francobollo dell’epoca della repubblica di Weimar del valore di 2 milioni di marchi tedeschi.
    Evidentemente il credito di cui godeva l’ente emittente era prossimo allo zero. 50 anni dopo, con un governo credibile, con due milioni di marchi potevi contare su una vecchiaia tranquilla, all’epoca ci spedivi una cartolina.
    Negli anni sessanta se andavi in Bulgaria dovevi comprare valuta locale dal cambiavalute “autorizzato”ad un prezzo deciso dalla “SOVRANITA’ MONETARIA” diciamo 100 Lev contro dollaro e poi in piazza Sofia con un dollaro ne ricavavi 400. Perché? Perché i più accorti si rendevano conto che era più sicuro avere pochi dollari piuttosto che paccate di carta multicolore garantite da una “sovranità” da operetta.
    Le vecchie lire erano in pratica degli assegni al portatore emessi dalla banca d’Italia (ricordi la dicitura “pagabili al portatore”?). Ed è proprio in quel periodo che sono iniziati i guai.
    Per un certo periodo, a causa di carenza di monete da 50 e 100 lire alcune banche emettevano assegni al portatore di tale valore stampati su carta comune. Circolavano tranquillamente. Nessuno ha intentato cause per emissione di moneta falsa.

    Deve essere lo stato Italiano a stampare la moneta e non le banche private
    Queste sono osservazioni da bar penta stellato. Chi sia lo stampatore non ha nessuna rilevanza. E’ importante che chi mette in circolazione il titolo di credito sia credibile e solvibile (o ritenuto tale)
    Anche Tersite nel suo piccolo può emettere moneta: va dal tabaccaio, compra un pacco di cambiali ci scrive sopra un valore ragionevole ed il gioco è fatto….Quasi perché deve trovare qualcuno che gli dia credito e le accetti in pagamento.
    Io accetterei un assegno da Marchionne, avrei problemi ad accettarlo da un barbone. E lo stato italiano, con i debiti che ha, assomiglia in modo inquietante al barbone.
    Stampando moneta lo stato può pagare tutti i debitori e non deve dire grazie a nessuno .
    Lo stato non deve emettere BOT o CCT o altro
    Tanto per farsi due risate: il debito italiano è sui 2200 miliardi di euro.
    Se avesse emesso banconote da 50 euro in quantità tale da finanziare tutto questo debito ce ne sarebbe a sufficienza per coprire 440 km quadrati di territorio italiano (una città come Roma) o se preferisci, messi una dietro l’altra, per il senso della lunghezza per andare dalla Terra alla Luna e ritorno per otto volte.
    Visto così ti rendi conto che le opinioni degli economisti da you tube sono boutade. Ti rendi conto che il tuo stipendio/pensione sarebbe pagato con perline colorate.
    Purtroppo potrebbe essere anche essere vero, ma meglio non saperlo.
    a Darwin piace questo messaggio.
    Ogni problema complesso ha una soluzione semplice. Ma è sbagliata

  10. #150
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,373

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    ...l'Italia potrebbe stampare 7 miliardi al mese di monete euro-lira da 5 euro per il mercato interno . Questo è possibile perché le monete possono essere stampate nella sede dello stato stampatore senza passare per la BCE .
    Forse ero un pelo ottimista citando i terrapiattisti...
    a Darwin piace questo messaggio.

  11. #151
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,134

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da tersite3 Visualizza il messaggio
    E’ parte del nocciolo e neanche la più importante.
    Il vero nocciolo è la capacità dell’emittente di mantenere le promesse..
    Ma perché lo stato italiano non è credibile ?
    Se parti da queste premesse allora come potrebbe essere credibile in un mercato globalizzato in concorrenza con corazzate come Germania , Inghilterra, Usa, Cina?
    Mi sembra assurdo poter fare concorrenza con una moneta unica europea . Allora come la mettiamo ?
    La tua proposta ?

    Le vecchie lire erano in pratica degli assegni al portatore emessi dalla banca d’Italia (ricordi la dicitura “pagabili al portatore”?). Ed è proprio in quel periodo che sono iniziati i guai..
    None,none.
    Ma che stai a dire ?
    I guai sono iniziati quando non abbiamo più emesso lira ed abbiamo emesso BOT con aumento del debito pubblico con relativi interessi da pagare .

    Queste sono osservazioni da bar penta stellato. Chi sia lo stampatore non ha nessuna rilevanza. E’ importante che chi mette in circolazione il titolo di credito sia credibile e solvibile (o ritenuto tale)..
    Non solo quello !Lascia perdere i partiti per il momento e cerca di ragionare con la tua testa , non con la testa dei banchieri e delle trasmissioni televisive telepilotate a condizionare il cervello .
    Ripeto perché l'Italia non è credibile ? E' un cattivo pagatore ? Ti risulta questo ?

    o se preferisci, messi una dietro l’altra, per il senso della lunghezza per andare dalla Terra alla Luna e ritorno per otto volte.
    .
    Ottimo calcolo ,mi fai vedere come lo hai fatto ?
    Ultima modifica di zagami; 10-05-2016 a 19:30
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  12. #152
    Seguace
    Registrato dal
    Jan 2007
    Messaggi
    781

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    Ma perché lo stato italiano non è credibile ?
    Se avesse continuato con l'andazzo di anni fa il banco sarebbe già saltato. Meno male che c'è la kapò Angela che prova a farci rigare dritti ( a volte esagera un pochino) altrimenti saremmo al livello del Venezuela. Pensa a quel che succede in Grecia, al di là di tutte le fisime politiche se vogliono avere credito devono dimostrare di esserne degni, altrimenti il fallimento è dietro l'angolo dracma o bolivar poco importa



    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    I guai sono iniziati quando non abbiamo più emesso lira ed abbiamo emesso BOT con aumento del debito pubblico con relativi interessi da pagare .
    Te lo rispiego con parole povere: il BOT è un assegno postdatato emesso dallo stato a fronte di un debito, la banconota è un assegno al portatore emesso dallo stato.
    Il problema è che si sono fatti dei debiti che abbiamo difficoltà a pagare, che questi debiti siano stati coperti da cambiali, assegni postdatati, obbligazioni o quant'altro sono tecnicismi.


    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    stampare 7 miliardi al mese di monete euro-lira da 5 euro per il mercato interno .
    Benedetti ragazzi rileggetevi le istruzioni del pallottoriere e provate ad usarlo.
    7 miliardi di monetine da 5 € fanno 1,4 miliardi di monetine; siamo in 60 milioni quindi ogni italiano, poppanti compresi dovrebbero accumulare 23 monete al mese, a fine anno 280 dischetti a testa. Una famiglia media di tre persone enterebbe in possesso di 840 cose cilindriche scarsamente commerciabili (vedi moneta bulgara del post precedente]



    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    Ottimo calcolo ,mi fai vedere come lo hai fatto ?
    Per la serie mi si è scaricata la batteria della calcolatrice, ma parlare di economia è comunque figo.
    Una banconota da 50 è lunga 14,5 cm, in un metro ce ne stanno 7 (arrotondato) in un metro lineare ci sarebbe il valore di 350 euro
    2200 miliardi diviso 350 fa 6,3 miliardi di metri ovvero 6,3 milioni di km. Distanza Terra Luna media 380 000 km, andata e ritorno 760 mila km piccola divisione et voila.
    Strano che gli economisti del bar abbiano problemi a fare questi calcoli
    a Darwin piace questo messaggio.
    Ogni problema complesso ha una soluzione semplice. Ma è sbagliata

  13. #153
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,373

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da tersite3 Visualizza il messaggio
    Strano che gli economisti del bar abbiano problemi a fare questi calcoli
    Avessero solo questi di problemi...
    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    Ma perché lo stato italiano non è credibile ?
    Se parti da queste premesse allora come potrebbe essere credibile in un mercato globalizzato in concorrenza con corazzate come Germania , Inghilterra, Usa, Cina?
    Mi sembra assurdo poter fare concorrenza con una moneta unica europea . Allora come la mettiamo ?
    Lo stato italiano è discretamente credibile appunto perchè NESSUNO di dotato di capacità cognitive minimali pensa minimamente a mettere in pratica le tue "ricette"!
    Se domani vai al potere e cominci a stampare le euro-lire () da 5 (euro o lire? ) diventiamo meno credibili della Corea del Nord dopo 5 minuti!
    Ti vuoi rendere conto che qui l'unico che non ha capito sei tu?
    NON esiste la strada semplice, fatta di biglietti stampati a capocchia, per ridare all'Italia una competitività che l'idiozia politico-sindacale degli anni 70-80 ha ormai distrutto!
    Se l'intero mondo civile (UE, BCE, FMI, Germania, Olanda ecc. ecc.) ci "consigliava caldamente" di mettere mano alle riforme (pensioni, lavoro, fisco, ecc) dai primi anni 90 un motivo c'era!
    Vuoi una ricetta? Il modo più efficace per diminuire il valore del debito è far ripartire una forte inflazione. Come succedeva negli anni 80.
    Per quanto riguarda gli interessi, cioè gli 80 miliardi che tanto ti infiammano le pupille, il modo migliore per farli quadruplicare nel giro di pochi mesi è mandare a governare uno che si proponga di mettere davvero in atto le tue "ricette".
    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    cerca di ragionare con la tua testa , non con la testa dei banchieri e delle trasmissioni televisive telepilotate a condizionare il cervello.
    Io capisco perfettamente che gli occhiali rosa della demagogia aiutino molto a vedersi più alti, belli e furbi la mattina davanti allo specchio. Ma credo che un minimo di prudenza per evitare la comicità involontaria dovrebbe essere patrimonio comune!
    Qui l'unico che si beve le panzane di ogni cialtrone che si inventa economista faidate per ora sei tu! Non continuare ad insultare gli altri attribuendo loro comportamenti che sono solo tuoi!
    Ultima modifica di BrightingEyes; 11-05-2016 a 00:14
    a Darwin piace questo messaggio.

  14. #154
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,134

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da tersite3 Visualizza il messaggio
    . Pensa a quel che succede in Grecia, al di là di tutte le fisime politiche se vogliono avere credito devono dimostrare di esserne degni, altrimenti il fallimento è dietro l'angolo dracma o bolivar poco importa ...
    Infatti la Grecia sta fallendo nonostante il tuo amato euro.

    Te lo rispiego con parole povere: il BOT è un assegno postdatato emesso dallo stato a fronte di un debito, la banconota è un assegno al portatore emesso dallo stato.
    Il problema è che si sono fatti dei debiti che abbiamo difficoltà a pagare, che questi debiti siano stati coperti da cambiali, assegni postdatati, obbligazioni o quant'altro sono tecnicismi.
    Tecnicismi un cavolooo!
    Una domanda senza offesa , che mestiere fai , per caso il banchiere ?

    Il problema è che con i BOT lo Stato deve pagare gli interessi anno per anno , con la banconota al portatore non paghi nessun interesse.
    Questo almeno lo capisci o cerchi di travisare la realtà dei fatti ?

    --------

    ~Altra proposta per i più esperti , la banca centrale europea sta stampando euro a la sta consegnando alle banche al costo zero , come mai lo stato italiano non preleva questi euro a costo zero senza interessi e paga il debito da 2200 miliardi ai debitori in modo tale da non pagare più gli interessi ?
    In parole povere l'Italia avrebbe ancora un debito da pagare di 2200 miliardi con la BCE ma non gravato da interessi dei BOT il cui valore in euro verrà restituito al detentore.

    QUESTO GIà AZZEREREBBE IL DEBITO DI 80 MILIARDI ANNO .
    Ultima modifica di zagami; 11-05-2016 a 04:46
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  15. #155
    Appassionato/a
    Registrato dal
    Sep 2014
    Messaggi
    52

    Predefinito

    In effetti Tersite3 sulle cambiali e sui titoli di Stato si pagano gli interessi , mentre sulla banconota no .
    Anche sulle carte di credito si pagano gli interessi , forse non ve ne siete accorti .
    CHI VUOL ESSERE LIETO SIA DEL DOMAN NON VI E' CERTEZZA .
    BACCO ,TABACCO E VENERE RIDUCONO L'UOMO IN CENERE .

  16. #156
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,373

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    Infatti la Grecia sta fallendo nonostante il tuo amato euro..
    Veramente se non era nell'euro nessuno le avrebbe prestato i famosi miliardi che poi le banche si sono riprese (cosa che indigna moltissimi, ma è normalissima invece).
    La Grecia comunque non sta fallendo. È fallita di fatto 4 anni fa e grazie (e NON "a causa") al fatto che è in area euro sta usufruendo praticamente di un supporto fjnanziario perenne o quasi. Ovviamente chi ti presta soldi per sopravvivere non lo fa per garantirti il parrucchiere settimanale. Quindi i greci hanno dovuto e dovranno ancora rinunciare a parecchie comodities. Che, bizzarramente, non sono solo vitalizi e prebende politiche, ma anche le cose molto più utili alla gente comune e che, evidentemente, anche in Grecia come in Italia qualcuno ha pensato di appaltare ad un debito infinito che è improvvisamente finito!
    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    In parole povere l'Italia avrebbe ancora un debito da pagare di 2200 miliardi con la BCE ma non gravato da interessi dei BOT il cui valore in euro verrà restituito al detentore.QUESTO GIà AZZEREREBBE IL DEBITO DI 80 MILIARDI ANNO .
    Cioè in pratica tu vorresti "appioppare" al resto dei cittadini europei il debito italiano, in parole davvero povere!
    Se i tedeschi accettano avrai il mio pieno supporto, ma a proporlo ci vai tu da solo eh!... ;p
    a Darwin piace questo messaggio.

  17. #157
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,134

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BrightingEyes Visualizza il messaggio
    Cioè in pratica tu vorresti "appioppare" al resto dei cittadini europei il debito italiano, in parole davvero povere!
    I cittadini europei non escono manco una lira , questa è solo una tua illazione senza senso .

    Il problema è che la BCE stampa moneta e la consegna gratis alle banche , mentre gli stati debbono dare gli interessi .
    La banca depositi e prestiti è la banca italiana delle poste , come mai non viene prelevato tramite questa banca e poi versato nelle casse dello stato a costo zero?

    https://www.google.it/url?sa=t&rct=j...YCsoUQo7VTAdYN

    https://www.google.it/url?sa=t&rct=j...JJBlERaOeihPlO

    https://www.google.it/url?sa=t&rct=j...cBeJstOqQIGJGC
    Ultima modifica di zagami; 12-05-2016 a 06:53
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  18. #158
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,134

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Darwin Visualizza il messaggio
    Il risultato della grande pensata .........., che stampa così tanta moneta che non è nemmeno in grado di pagare gli stampatori. .
    MI sembra una cavolata quello che dici , ma informati prima di parlare a vanvera.

    ~Euro- Banconote. Per produrre banconote, in confronto alla produzione di monete è un affare relativamente poco costoso. Sono costituite per lo più di cotone. I cinque- Euro costano circa nove centesimi. Le banconote più grandi hanno un costo circa dodici centesimi fino ad un massimo di 18 centesimi.

    ~https://www.google.it/url?sa=t&rct=j...uI_xsdw40kUcUw

    Semplificando al massimo (non se abbiano a male i grandi esperti), il meccanismo di vendita del denaro per frodare la popolazione, funziona pressappoco così: lo Stato prepara sulla carta una “manovra finanziaria” la quale consiste in una specie di preventivo; tipo il preventivo che richiediamo al meccanico o all’operaio, tale e quale. In base ai calcoli (sempre sbagliati ed imprecisi), lo Stato rende noto che, per pagare la cosiddetta macchina statale (stipendi, opere pubbliche ecc…), avrà bisogno di X soldi. E li chiede direttamente alla Banca Centrale Europea (BCE). A sua volta, la BCE, prepara gli X soldi da inviare NON ALLO STATO ITALIANO! ATTENZIONE! Ma li prepara e li spedisce alle BANCHE che operano sul suolo nazionale e per questa operazione la BCE pretende la STECCA dell’1%. Ad esempio: se lo Stato italiano necessita di 10 euro, la BCE prepara 10 euro e li vende all’1% in più ad una banca presente sul suolo italiano. Questa manovra si chiama MANOVRA DI SCONTO. Ma, come potete tranquillamente osservare, qui non c’è nemmeno l’ombra di sconti. Semmai il contrario! E non deve stupire. Questi maestri dell’usura, sono anche maestri nell’inventare termini dall’aspetto invitante ma dal contenuto opposto e cocente.
    La storiella dei soldi X non è finita qui!!! Manca l’ultimo passaggio, quello dalla banca allo Stato.
    Per far sì che i soldi passino dalla banca allo Stato, la banca chiede che lo Stato stesso depositi una garanzia nei confronti della banca. Questa garanzia altro non è che l’emissione di TITOLI DI STATO, delle vere e proprie cambiali. E queste cambiali che la banca richiede allo stato, sono gravate del 5, 6 o addirittura 7% di interessi in più.
    Ricapitolando: se lo Stato chiede 100, alla fine dovrà sborsare: 100 + 1%= 101. Più: 101 + 5% = 106,05.

    Ed eccoci giunti alla conclusione! Ebbene sì, Signore e Signori, lo Stato italiano sborsa 106,05 euro per averne 100! la differenza (i 6,05 euro) si chiama DEBITO PUBBLICO. Ora, anche una scimmia ritardata congolese riuscirebbe a comprendere che è un inganno e che il DEBITO PUBBLICO è semplicemente impossibile da ripagare POICHE’ ogni giorno che passa non può che aumentare.
    Ultima modifica di zagami; 12-05-2016 a 03:37
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  19. #159
    Seguace
    Registrato dal
    May 2011
    residenza
    Lombardia
    Messaggi
    572

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    MI sembra una cavolata quello che dici , ma informati prima di parlare a vanvera.
    A differenza di te tendo a discutere di ciò che conosco: Il Venezuela non ha più soldi per fare i soldi - Il Post

  20. #160
    Seguace
    Registrato dal
    May 2012
    Messaggi
    348

    Predefinito

    Zagami, la questione della stampa valuta è un po' bambinesca. Il denaro materiale in banconote è una piccolissima parte della massa monetaria complessiva esistente che è sottoforma di numeri all'interno di una rete informatica e titoli al portatore di varia natura. Se poi consideri che il reddito da signoraggio della BCE viene spartito tra le varie banche centrali nazionali, che a loro volta lo girano allo Stato, capisci che si battibecca solamente su un formalismo burocratico.

    Per quanto riguarda l'esborso forzoso tramite fiscalità per far fronte al pagamento dei titoli di stato in scadenza, vanno fatte alcune considerazioni:

    - E' vero che c'è un esborso di bilancio per questi interessi, ma se il debito cresce è come se non venissero pagati gli interessi corrispondenti all'aumento di debito (appaiono come uno stratagemma contabile, una regola del gioco internazionale di cui noi siamo uno dei tanti partecipanti). Nonostante ciò restano una spada di damocle sulla testa del paese, spesso utilizzata per giustificare aumenti di pressione fiscale (percui si arriva sempre al punto che è un problema di equa fiscalità e redistribuzione della ricchezza, e non della moneta in sè).

    - Essendoci un meccanismo di espansione monetaria (già indicato nel messaggio #78), è necessario avere uno stumento di regolazione della quantità di denaro presente nel sistema. Il tasso di "sconto" è quello strumento: Se positivo, la BC può assorbire parte della massa monetaria e decidere di non rimetterla in circolazione. Se a Zero oppure negativo, ci si aspetta una richiesta maggiore di denaro con conseguente espansione, e naturalmente questo genera una inflazione valutaria (ciò che draghi ha perseguito nelle ultime politiche monetarie).
    Poter assorbire massa monetaria serve per mantenere un valore della moneta stabile con un'inflazione più bassa possibile, dato che i beni e servizi disponibili nel Paese sono variabili nel tempo.
    Non dimentichiamo che l'inflazione non è una bella cosa (in un sistema perfetto non dovrebbe verificarsi).

    - L'effetto leva sulla produttività scaturito da un prelievo di ricchezza programmato.
    La bottom-line è l'aumento di produzione, e il resto è un semplice calcolo a tavolino: Stimolare la voglia di acquistare per stimolare la domanda di lavoro e la produzione. Percui troppa ricchezza "diffusa" ingolferebbe il meccanismo.
    Purtroppo però questa leva non è più molto efficace, perchè dagli anni '80 in avanti si è innescato un processo di automazione/robotizzazione che esclude sempre più l'uomo dalla catena produttiva, creando una categoria di persone che non hanno accesso ad un reddito, lo strumento per acquistare i prodotti. Questo è molto controproducente per il sistema stesso, perchè limita la produzione riservando la vendita di merci e servizi solo a chi rientra nel sistema (non è raro vedere parchi di stoccaggio delle grandi case automobilistiche, con decine di migliaia di auto nuove di zecca invendute a deperire per mesi o anni sotto gli agenti atmosferici..).
    La possibilità di ritrovarsi senza un reddito incombe su tutti noi, e ad oggi la parte di popolazione esclusa dal sistema produttivo è in crescita. Queste sono delle avvisaglie e sarebbe da stupidi rimanere indifferenti.

    Se qualcuno presentasse un modello di sistema migliore (con regole etiche e norme costituzionali davvero rispettate) di quello attuale, in grado di competere a livello internazionale, probabilmente ci sarebbero partiti che ne farebbero un cavallo di battaglia da portare a referendum.
    Sono però fortemente convinto che la mossa magistrale verterà sul meccanismo di prelievo e redistribuzione della ricchezza, e non sul quanta moneta stampare che alla fine è solo uno strumento.
    Per farti un esempio banale: Se nel sistema sono presenti 100 sesterzi di massa monetaria (che in qualche modo sono necessariamente corrispondenti ai beni e servizi disponibili nel sistema) incrementando di 10 sesterzi la massa senza un corrispondente aumento di merci e servizi, viene solamente eroso del 10% il valore dei 100 iniziali che rappresenta un valore "rubato" a chi li possiede.
    La vera ricchezza non è la moneta... sono le merci, i servizi, le idee e la tecnologia.
    a BrightingEyes, tersite3, renatomeloni e 2 altri Piace questo messaggio


 

Discussioni simili

  1. Criticità delle aste per l'incentivazione delle rinnovabili.
    Da PaolP7 nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 19-10-2011, 10:55
  2. ingegnere delle tlc e FV?
    Da sole&luna nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 48
    Ultimo messaggio: 02-10-2009, 21:57
  3. Conto energia, aggiornamento delle modalità per la stipula delle convenzioni
    Da gigisolar nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 02-07-2009, 07:03
  4. Bando delle PMI
    Da marco1212 nel forum Aspetti economici e bancari
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 23-02-2008, 17:25

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi