PDA

Visualizza la versione completa : Pannelli solari + Climatizzatori..... con o senza termosifoni?



fefone
15-03-2008, 18:13
Salve a tutti.<br>Da un po di tempo seguo il vostro forum e lo trovo molto interessante e, soprattutto, utile.<br>Adesso è arrivato il momento, se possibile, di chiedere il vostro aiuto.<br><br>Sto comprando un immobile in costruzione che si trova a 4-5 km dal mare a sud di Roma.<br>Da progetto verranno installati dei pannelli solari con accumulatore di 80-100 litri per l&#39;acqua calda sanitaria , e dei climatizzatori a pompa di calore per quanto riguarda il riscaldamento.<br>L&#39;immobile è un appartamento in villetta di 3 vani con 2 pareti confinanti e 2 libere. La superficie è di circa 55mq con l&#39;altezza del solaio di 270cm. Le pareti perimetrali hanno uno spessore di 35cm con intercapedine e materiale isolante all&#39;interno.<br><br>Premesso ciò non vi nego che quando ho sentito che non sarebbero stati installati i termosifoni sono rimasto letteralmente scioccato.<br>Il costruttore mi ha detto che riscaldando la casa con i climatizzatori anzichè con i termosifoni si ha un vantaggio economico non indifferente e che grazie ai pannelli solari avrò l&#39;acqua calda &quot;gratis&quot;.<br><br>Secondo me ci sono diversi problemi:<br><br>1 ENERGIA ELETTRICA In inverno volendo tener accesi 3 climatizzatori un termoarredo elettrico in bagno e qualsiasi altra cosa(riscaldamento acqua), di sicuro non sono sufficienti i 3KWh di un normale contratto.<br><br>2 COMFORT Il caldo dei climatizzatori non è come quello dei termosifoni....<br><br>3 VANTAGGIO ECONOMICO Io non sono convinto che si spende meno rispetto ad un impianto di termosifoni con caldaia a metano.<br><br>4 ACQUA CALDA In inverno l&#39;acqua scaldata dai pannelli solari di sicuro non sar&agrave; sufficiente e quindi bisogna ricorrere nuovamente all&#39;energia elettrica..<br><br>Dopo tutte queste considerazioni ho chiesto che venga fatta la predisposizione per un impianto di riscaldamento con termosifoni e caldaia a metano a integrazione di tutto il resto. Qui sorge un altro dubbio..<br>Siccome il soggiorno/cucina è lungo più di 8m bisogna mettere due caloriferi in punti diversi della stanza occupando così 2 punti diversi di 2 pareti, oppure un unico TERMOCONVETTORE che occuperebbe un unico punto di una parete guadagnando così spazio. Mi hanno detto che quest&#39;ultimo però non da lo stesso comfort dei termosifoni.<br><br><br>Voi cosa ne dite? Le mie considerazioni sono corrette? E per quanto riguarda il termoconvettore che mi consigliate di fare? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9f6f2ebd98cc445326ffc58e7036a62c.gif" alt=":wacko:"><br>GRAZIE e a presto.<br><br><br>

dotting
15-03-2008, 18:58
Sud di Roma 4 km dal mare, quasi sicuramente sei in zona climatica C.<br>Se le due pareti libere sono esposte a sud e ovest, il tuo problema non è riscaldare, ma raffrescare, qui è importante sapere se hai tetto o un&#39;altra casa sopra.<br>Per raffrescare 55 mq. di appartamento altezza 270 cm. potrebbe essere sufficiente un trisplit con unit&agrave; da 7000 btu oppure un 12000+7000.<br>Le unit&agrave; interne potresti metterle in alto fuori dai piedi.<br>Il sistema ad aria calda prodotta dagli split, quanto a benessere termoigrometrico invernale, è lo stesso di quello generato dai ventilconvettori con caldaia a metano, scarso.<br>Però il sistema ad aria fresca è il migliore in assoluto in estate.<br>Nella scelta potrebbe essere condizionante l&#39;utilizzo della casa.<br>Se la casa viene usata tutto il giorno sono da preferire i termosifoni, se la casa viene usata da pendolare: aria calda, rapida ed immediata.<br>I costi di produzione di energia termica con split in zona C sono paragonabili a quelli di una caldaia a metano.

fefone
15-03-2008, 22:27
Grazie dotting.<br>Scusa il ritardo ma gli impegni sono tanti.<br>La casa, se non sbaglio, è esposta ad Est ed Ovest e solo in parte il solaio è &quot;scoperto&quot;.L&#39;uso della casa è continuo(residenza) e per il primo periodo saremo in due poi si spera in qualche nuovo arrivo.<br>Se ho ben capito:<br><br>meglio 2 TERMOSIFONI che il termoconvettore;<br><br>COSTO RISCALDAMENTO CON CALDAIA A METANO =COSTO RISCALDAMENTO CON GLI SPLIT.<br><br>A tal proposito, conviene installare tre macchine distinte oppure 2 di cui una con doppio split?<br>E faccio bene a integrare il sistema di riscaldamento dell&#39;acqua con pannello solare con quello a metano o come costo converrebbe lasciare solo quello elettrico?<br>e questi pannelli solari in inverno sono utili o quasi niente?<br><br>Grazie ancora e complimenti per la disponibilit&agrave; e soprattutto per la competenza.<br><br>Fefè<br><br><br><br>

scu
16-03-2008, 02:20
se decidi di far mettere un&#39;integrazione al riscaldamento e la casa non è in dirittura di arrivo puoi valutare un&#39;impianto a pavimento, il comfort è sicuramente maggiore rispetto a quello dei caloriferi (soprattutto se ci saranno nuovi arrivi)...<br>Il fatto che l&#39;isolamento sia tutto dentro e il riscaldamento pensato ad aria mi fa pensare che la casa sia studiata per un&#39;uso molto discontinuo, tempi di messa a regime ridotti e possibilit&agrave; di abbassare la temperatuara quando non si è presenti, in questo ti devi confrontare con l&#39;uso che pensi di fare, se esci al mattino e torni la sera, forse il sistema studiato si adatta, avere tutti i casini che ti aggiunge il gas per la sola acqua sanitaria avrebbe poco senso, se invece la casa è usata molto durante l&#39;arco della giornata io mi affiderei ad un riscaldamento con termosifoni o a pavimento.