PDA

Visualizza la versione completa : piccolo bacino privato



Danilo_
12-06-2009, 01:24
Girando un pò ho trovato una nuova situazione che vorrei
esporre( cmq questo Blog è davvero interessante, complimenti!!!):

c'è un bacino artificiale che è totalmente privato compresa una parte dove forma un torrente artificiale che di li a 300 metri sfocia in un fiume(demaniale).

Ho cercato di schematizzare la situazione nella foto allegata,
ho però diversi dubbi:

1) posso calcolare Q dalla formula presente al link

Calcoli on-line, idraulica (http://www.oppo.it/home-calcoli.htm)

luci a battenti con tubi addizinali?

2) una volta ottenuta la portata e conoscendo il salto potrei quindi calcolarmi indicativamente la potenza nominale dell'impianto...
Per valutare la portata nel corso dell'anno sarebbe opportuna quindi la sola misura dell'altezza H 1 (vedi figura allegata)...avrei quindi una misura della variazione della portata e salto durante l'anno?

Diciamo che la sezione del tubo è circa 1,00-1,20 metri e il salto H(vedi foto) è circa 3 metri. La portata (considerando D=1,00 metri) mi viene pari a 4,9 m^3/s. Possibile?

3) nel calcolo del salto va anche considerata la differenza tra il livello del tubo e il livello del torrente che sarà di circa 40 cm?

Quindi P=9,81*Htot*Q*0,75=9,81*4,9*0,75*(2,5+1,00+0,40)= 140 KW

Giusto???

4) come ho specificato il bacino è privato: qual'è quindi la procedura amministrativa??? è necessaria la concessione ad uso idroelettrico della regione o deve stabilirsi un'accordo solo con i proprietari?
Altro problema il bacino e collegato con un'altro piccolo bacino piu a monte dove ci sono dei pesci...che irrimediabilmente fluiranno credo anche attraverso il tubo...Ci sono griglie che garantiscono in questo caso l'incolumità dei pesci nonchè la sicurezza di un funzionamento senza problemi?


Vi ringrazio...

car.boni
12-06-2009, 07:39
Buongiorno Danilo,
prima di entrare nel merito delle ipotesi e dei calcoli inseriti nel Tuo messaggio e' necessario chiarire un particolare : acque private nn esistono anche se si tratta di bacini artificiali.
Tutte le acque sono pertanto pubbliche ed ogni iniziativa e' soggetta al rilascio delle autorizzazioni per il suo sfruttamento.
Prima di arrivare a quello devi comunque concludere un accordo con il proprietario del lago il quale e' sicuramente avvantaggiato nell'ottenimento della concessione.
Nn demordere.
ciao car.boni

Danilo_
13-06-2009, 11:26
grazie car.boni per la puntuale precisazione!!

Cmq credo che in ogni caso per parlare con il padrone del lago (e soprattutto convincerlo a richiedere una concessione ad uso idroelettrico) devo essere in grado di quantificare, almento in prima ipotesi, sia l'investimento che la redditività dell'impianto.

L'obbiettivo minimo mi sembra quindi la determinazione di portata e salto:
come vi sembra il calcolo che ho fatto nel primo messaggio??

sandroturbine
13-06-2009, 13:10
ciao ,
I clcoli teotici della potata sono esatti ,non sono state clcolate le perdite addizionali di curve ,griglie e irregolarità del tubo . Nemmeno il diametro netto del tubo è sicuro .
Ricorda che da un tubo da 1 mt di diametro con 5m cubi di portata l'acqua esce a 6 mt/sec con un gran fragore .
140 kW (con 5 mt /sec e 4 mt di dislivello) sono possibili . L'unica turbina utilizzabile è una kaplan biregolante se la portata è variabile ,mentre se il bacino può compensare le differenze di portata modificando il suo livello , si può usare un'elica semifissa ,molto più economica .
Sandro

Danilo_
13-06-2009, 14:16
Grazie per la risp. Sandro

Il diametro netto del tubo e il salto nn sono sicuri perchè l'ultima volta che sono stato li nn era possibile misurare con precisione: mi sto dotando di scala !!!

Per le irregolarità potrei considerare la formula classica (col coeff. di Funning).....mentre per le perdite addizionali di curve e griglie?

sunny life
18-11-2009, 10:03
allora Danilo ...sono passati alcuni mesi, sei riuscito nel tuo intento?