PDA

Visualizza la versione completa : Centrale a biogas a 70 metri da casa, qualche dubbio



barrux
12-04-2012, 20:25
Ciao a tutti, mi sono iscritto su questo forum perchè ho qualche dubbio riguardo una centrale biogas che mi costruiranno praticamente sotto casa. Nel raggio di 500 metri ci sono una decina di abitazioni, la zona dove abito è una zona industriale con 6-7 fabbriche e un ristorante. Tutte le costruzioni si trovano all' interno del raggio di 500 metri. Leggendo qua e la ho visto che le centrali a biogas possono produrre escherichia coli e botulismo, producono molta puzza e possono inquinare il terreno. Visto che ho anche un orto sotto casa (e non solo io) mi chiedevo se si potevano riscontrare problemi riguardo ciò che coltivo e sopratutto per la salute della gente che abita qui intorno compresa la mia. Sinceramente non mi sento molto sicuro ad averla così vicino, mi rassicurate o dite che devo intervenire in qualche modo ? (il sindaco del comune appoggia la costruzione della centrale) cosa si può fare ? grazie per le risposte.

PS: Aggiungo che la centrale è da 1 Mw

Magister
12-04-2012, 20:58
Ciao a tutti, mi sono iscritto su questo forum perchè ho qualche dubbio riguardo una centrale biogas che mi costruiranno praticamente sotto casa. Nel raggio di 500 metri ci sono una decina di abitazioni, la zona dove abito è una zona industriale con 6-7 fabbriche e un ristorante. Tutte le costruzioni si trovano all' interno del raggio di 500 metri. Leggendo qua e la ho visto che le centrali a biogas possono produrre escherichia coli e botulismo, producono molta puzza e possono inquinare il terreno. Visto che ho anche un orto sotto casa (e non solo io) mi chiedevo se si potevano riscontrare problemi riguardo ciò che coltivo e sopratutto per la salute della gente che abita qui intorno compresa la mia. Sinceramente non mi sento molto sicuro ad averla così vicino, mi rassicurate o dite che devo intervenire in qualche modo ? (il sindaco del comune appoggia la costruzione della centrale) cosa si può fare ? grazie per le risposte.

PS: Aggiungo che la centrale è da 1 Mw

Per rispondere alla tua domanda mi devi dire:
- con cosa si alimenta l' impianto (liquami zootecnici, insilati, sottoprodotti)
- quanti digestori sono e se la vasca di stoccaggio é coperta
- é un sito ventilato con il vento nella tua direzione
- il motore di cogenerazione dov'é posizionato
- la ditta costruttrice dell' impianto

appena mi dai risposta ti do un parere tecnico !

barrux
12-04-2012, 21:08
Intanto ti ringrazio per la risposta, scusatemi se ho tralasciato queste informazioni:
- l' impianto è alimentato con liquami, insilati, sottoprodotti, letame
- La vasca di stoccaggio sul disegno non è coperta , ne dovrebbero costruire più di 2.
- le correnti d' aria rimangono in zona, essendo una zona circondata da colline (3 lati su 4).
- Il motore non lo so dove sarà posizionato
- la ditta non so di preciso il nome mi sembra "VBio"

Magister
14-04-2012, 16:16
Intanto ti ringrazio per la risposta, scusatemi se ho tralasciato queste informazioni:
- l' impianto è alimentato con liquami, insilati, sottoprodotti, letame
- La vasca di stoccaggio sul disegno non è coperta , ne dovrebbero costruire più di 2.
- le correnti d' aria rimangono in zona, essendo una zona circondata da colline (3 lati su 4).
- Il motore non lo so dove sarà posizionato
- la ditta non so di preciso il nome mi sembra "VBio"

1. Gli svantaggi principale che possono derivare da un impianto vicino sono praticamente tre:

odori
rumori
traffico mezzi
Odori:

Liquami zootecnici, specialmente quello suino, comportano un rischio di odori se non vengono caricati in prevasca coperta ed aspirata oppure se stoccati in ambiente all' aperto. Questo vale ovviamente anche per lo stoccaggio di letame / pollina ecc. Una volta inserite nel digestore subiscono una trasformazione organica che li migliora sia da un punto di vista odorivo che come valored fertilizzante.

Anche i sottoprodotti possono dare dei fastidi se stoccati all' aperto senza essere subito inseriti nei digestore. Qui peró bisogna capire di quali sottoprodotti si parla.

Lo stoccaggio finale nella vasca di stoccaggio puó creare problemi se il tempo di permanenza idraulica nel digestore é molto corto ed il prodotto non esce cosí completamente digerito con lievi emanazione di biogas ed ammoniaca. Qui ci si aiuta lasciando crescere sullo stoccaggio finale una crosta (alimentando l' impianto con insilati si ottiene automaticamente) inserendo il digestato talquale (senza separazione) nella vasca stessa.
23063
Il gestore impianto inoltre puó prevedere nella vasca di stoccaggio finale anche una colonna in cls che nel caso di odori intensi rende possibile in seguito anche all' installazione di una copertura antiodore della vasca stessa.

Avere inoltre una copertura della tramoggia di carico (cassone alimentatore) evita ulteriori propagazioni di odore.

Sottoprodotti su base di scarti di macellazione, basi proteiche, ecc. devono essere gestiti con attenzione ed evitare assolutamente un deposito all' aperto.

Rumori:

Il motore di cogenerazione per sé é molto silenzioso. Evitare comunque se possibile il posizionamento sul frontale di case o vicinati e evitare propagazioni di rumore se posizionato vicino a muri (trincee di stoccaggio o vasche in cls)

Traffico mezzi:

Se il liquame non é aziendale bisogna capire quante botti si portano all' impianto ogni giorno e dove passano i mezzi di trasporto. Lo stesso discorso vale per i sottoprodotti.

tonytorri
15-04-2012, 07:50
Io ho un impianto simile vicino a casa mia.
E devo dire che grossi problemi non li da.
forse l'unica cosa è un pò il traffico.
Per gli odori come detto se prendono alcune precauzioni sono molto contenuti.
Addirittura spesso e volentieri non si sentono neppure quando si è molto vicini.
Poi ovvio che non so la differenza tra un impianto e l'altro.