PDA

Visualizza la versione completa : Hydrotank e Zubadan unità esterna... quale taglia scegliere?



supertopis
24-07-2014, 21:40
sull'Hydrotank 300 litri sono convinto, ma sull'unità esterna non saprei che potenza sia meglio per me...Reggio Emilia (Fra Parma e Modena) 160 m2 in classe B (cappotto da 12) circa 55.5W al metro quadro di consumo. questi i dati su carta.
Attualmente ho una Immergas Hercules Solar da 24 KW (una esagerazione assoluta... il costruttore ci ha preso dei soldi...) ed ho il GPL (purtroppo...).
Il consumo dell'inverno di 2 anni fa è stato 400 m3 GPL equivalenti a 9600KW (24 KW al m3 x 400 m3) di potenza per riscaldare e per ACS. L'inverno scorso invece ho consumato 300 m3 GPL equivalenti 7200.
Due anni fa nella giornata più fredda consumavo al max 4 m3 di GPL (tutti i giorni prendo i dati...) per cui al giorno al max ho bisogno di 24 KW x 4 m3 equivalenti a circa 100 KW.
Con l'unità esterna sotto riportata mi può fare anche nei giorni più freddi 11 KWH che per 20 ore fanno circa 220 KW... ma anche se facesse 6 KWH mi sa che ci starei lo stesso...Sto facendo un calcolo sicuramente sbagliato, mi potete spiegare e consigliare?

Unità esterna attualmente consigliata dal tecnico:MITSUBISHI ELECTRIC UNITA' ESTERNA ZUBADAN PUHZ-SHW112YHA POMPA DI CALOREkW.11,2 DI POTENZA RESAGrazie in anticipo

fabioe
24-07-2014, 23:22
io ho appena fatto i medesimi conti per dimensionare la PDC che andrò ad installare, si tratta di un' Aquarea.
Non so se hai anche impianto fotovoltaico, ma questo non cambia l' approccio per risalire al fabbisogno energetico in base ai consumi storici di gas della tua abitazione.
Se vuoi puoi leggere i post di questa discussione e trovare qualche spunto e consigli che per me sono stati molto utili.

http://www.energeticambiente.it/riscaldamento-e-o-acqua-calda-sanitaria-acs-non-integrati/14749104-pdc-panasonic-aquarea-10.html#post119544558

Nel conto dei Kwh termici giornalieri necessari al riscaldamento devi tener conto della resa della caldaia, se non si tratta di condensazione devi sottrarre circa un 8/10 % in base alla resa della stessa.

E' importante non sovradimensionare la PDC in base al fabbisogno termico reale per evitare che ci siano continui "attacca e stacca" del compressore.
Se ben dimensionata si sfrutta al meglio la modulazione di potenza della macchina.

Nella discussione in link c' è tutta una parte relativa al FTV ed allo scambio sul posto che potrebbe non interessarti se non hai pannelli sul tetto, importanti ed applicabili in modo generalizzato sono invece le considerazioni che riguardano la produzione di ACS con la pompa di calore.

supertopis
25-07-2014, 00:34
ottimo, leggo.
grazie
altri consigli sono ben accetti

Jekterm
25-07-2014, 07:09
Alcune domande: Zona climatica? Tipo di impianto distribuzione? Temperature mandata? Gestione temperature ambiente? Fabbisogno energetico annuo?

supertopis
25-07-2014, 08:02
-zona E
-riscaldamento Pavimento
-Mandata max 29
-purtroppo la caldaia è troppo potente ed ho dovuto mettere dei termostati sulle mandata per non far superare i 29 gradi (quindi un accendi e spegni del circolatore...). ho le testine tutte aperte ma trimmate in base alla stanza
-di riscaldamento + Acs 2 anni fa ho consumato 400 m3 di GPL equivalenti a 9600 KW

Grazie per l'interessamento

Jekterm
25-07-2014, 08:24
Ma nei bagni hai scaldasalviette in circuito HT? Meglio incrociare i dati della classificazione energetica, penso che l' abitazione sia di recente costruzione e che quindi possiedi la documentazione cartacea.

supertopis
25-07-2014, 09:02
Si, ha 2,5 anni di vita.

Nei bagni ho scaldasalviette nel circuito del riscaldamento a pavimento. Mi servono esclusivamente per asciugare un po le salviette, non fanno caldo. Ho solo bassa temperatura.

La legge 10 purtroppo non è più valida perchè ho fatto fare modifiche sostanziali.. da 8 cm di cappotto a 12 + spalle finestre + gas argon nei doppi vetri (ma comunque i dati erano simili alla classificazione energetica...).

La classificazione energetica dice (su carta):
- Classe B 55,5 Wh al m2
- 160 m2
- fabisogno energetico ora per cui 55,5 x 160 = 8,9 KWh
- fabisogno energetico giornaliero per cui 8,9 KWh x 24 = 213,6 KW
Vista così la PUHZ-SHW112YHA sarebbe perfetta


La pratica dice invece dice (dati reali di 2 anni fa):
- 400 m3 GPL consumati (avevo 19,4° piano terra e 17,6° primo piano)
- potere calorico GLP al m3 = 24 KW
- consumo max giornate molto fredda = 4 m3
- consumo giornaliero è stato 4 m3 x 24 KW = 96 KW (possiamo approssimare a 100 KW)
Vista così la PUHZ-SHW112YHA sarebbe eccessiva

Accetto i vostri preziosi consigli e ringrazio ancora

Jekterm
25-07-2014, 09:56
Da classificazione energetica hai un fabbisogno energetico per riscaldamento di poco inferiore a 10000 kWh/anno. Secondo me li copri tranquillamente con una macchina che sviluppa 5 kW a temperatura progetto.Mettici un pò di margine e ti basta e avanza tranquillamente una Zubadan da 8 kW.

fabioe
25-07-2014, 10:09
Il fabbisogno energetico è simile a quello della mia abitazione 9000 Kwh/a, ed anche l' impianto di distribuzione
Io ho scelto una macchina da 7Kw in base ai conti fatti sullo storico consumi gas ed ai consigli ricevuti qui sul forum

supertopis
25-07-2014, 10:59
Grazie Jekterm e fabioe,
veramente molto cordiali e disponibili.
Se con una 8 KW (mi sa che la zubadan da 7 non c'è) ci sto in abbondanza e soprattutto senza incappare nell'ON/OFF a ripetizione ("troppo capiente "con calo del COP) allora perfetto.

Io vi ringrazio tantissimo, se comunque qualcuno volesse aggiungere altro è sempre ben accetto.

massimo72
25-07-2014, 16:32
Per la cronaca gli on/off a ripetizione è un concetto derivato dalle macchine on off, non per le inverter.
Tra le due macchine c'è una notevole differenza, se usi panasonic sappi che la resistenza è bella grossa e fatti 2 conti se il contatore la sostiene.
se abiti in zona climatica fredda, quella che risparmi nell'acquisto col panasonic lo paghi in corrente elettrica in un paio di anni.

supertopis
25-07-2014, 16:57
Ciao massimo72,

ok, ora mi è chiara la questione on/off, meglio così.
sicuramente prendo la MITSUBISHI Zubadan (anche perché c'è pure umido da me...) perché il rivenditore ci fa pure assistenza, e sono "in piedi" da quando io ero bambino (mi da abbastanza fiducia).

ho visto comunque che:

PUHZ-SHW112VHA
Aria -7° / Acqua 35°:
min: 4,91 nom: 11,20 max: 14,91

PUHZ-SHW80VHA
Aria -7° / Acqua 35°:
min: 4,93 nom: 8 max: 11,35

Che strano... modula di più quella più potente. Boh

fabioe
25-07-2014, 17:07
@massimo
è chiaro che le macchine di cui si parla sono ad inverter e quindi modulano la potenza ..
Ma se la Pdc è parecchio sovradimensionata rispetto alla richiesta dell' impianto radiante, modulerà si al proprio minimo ma se anche questo è superiore a quanto richiesto dall' impianto, inevitabilmente farà cicli con diverse accensioni e spegnimenti.

Per la resistenza nella Panasonic mi stai dicendo che non è in nessun modo escludibile ..?

marcober
26-07-2014, 09:45
Super, modula più la più potente perché alla fine è la stessa macchina, penso stesso compressore, che viene limitato in potenza e assorbimento nelle 3 taglie. Anche la 16 kW modula uguale in basso.Il problema è che anche il minimo può essere esuberante per te....non certo in pieno inverno con meno 7, ma nei mesi più miti...penso potrai comunque risolvere facendo andare solo di giorno e sfruttando il FV...la limite impostando,pause e ripartenza, che la tua macchina lascia impostare senza limiti di quantità di on e off.Valuta magari questa cosa col termotecnica, i modelli power inverter modulano molto di più, e siccome il tuo fabbisogno massimo nel giorno peggiore su 24 ore è di 4 kWh.....penso che nei mesi miti sia 1,5....se concentri in ore diurne sono 3 kWh...la zuby scende a 5 ...la power inverte a 2 o 3,8 a seconda del modello... E costa anche meno....cop in uso medio e minimo anche migliore

massimo72
26-07-2014, 12:24
Il concetto del parecchio sovradimensionato non deve esistere, il parecchio sovradimensionato lascialo alle strutture pubbliche e ai termotecnici impreparati ma paraculati. A casa tua un parecchio sovradimensionato costa nei fissi del contatore che magari hai dovuto prendere più "grosso" per alimentare una macchina più grande del dovuto. A parte il fatto del costo maggiore della macchina grande rispetto una giusta costa di più vedila come una tantum, il fisso del contatore ti costa di più mese per mese.
Accostiamo una pdc inverter ad una automobile, l'inverter ha una resa COP che è una "curva" al massimo regime consuma di più come una automobile, ma anche sotto una velocità minima conviene spegnere e fermarsi.
Allora la velocità massima viene data dalla richiesta del tuo edificio alla temperatura esterna di picco.
Prendiamo il caso dei 100kW che son serviti in un giorno freddo...

<colgroup><col span="6"></colgroup><tbody>

MIN
MAX
MED


MESE
MED
ESTR
MED
ESTR


1
-1,6
-10,0
4,2
10,4
1,3


2
0,1
-7,4
7,2
14,5
3,7


3
4,2
-2,0
12,8
20,0
8,5


4
8,1
2,5
17,2
23,6
12,6


5
12,3
6,5
22,3
29,0
17,3


6
16,2
11,0
26,8
32,8
21,5


7
18,5
13,5
29,6
35,0
24,0


8
18,1
13,0
28,8
34,0
23,4


9
14,7
9,2
24,2
30,4
19,5


10
10,0
3,0
17,5
24,0
13,7


11
4,9
-2,2
10,5
17,0
7,7


12
0,4
-7,0
5,5
11,8
2,9


Anno
8,8
-10,0
17,2
35,0
13,0









</tbody>
A reggio hai avuto picchi da -10 e media da 1,3 in Gennaio.
Puoi far la scelta giusta prendendo una macchina ... puoi fare valutazioni... una da 10 a -10°C sai che tra defrosting andrà 13 ore... puoi prendere una da 7kw che quindi andrà 14 ore più defrostin altre 2, 3 ore... sotto i 7kw non scenderei.
La macchina inverter avrà massimi consumi duranti i picchi ma poi modulerà e consumerà meno.Precisamente una macchina inverter passa il 90% del suo tempo in modulazione e intorno alle frequenze ottimali.
Quindi massima velocità perchè ne hai bisogno per scaldarti, poi tutto il periodo ottimale, poi periodi in cui invece di continuare a far viaggiare la tua macchina trooopo piano è meglio fermarsi (se vuoi consumare poco in automobile, vai via ai 20 all'ora?
Ecco perchè sotto una certa velocità spegniamo anche le inverter.
Il discorso resistenza elettrica è un'altro, serve perchè delle macchine derivate dal condizionatore inpaccano velocemente la batteria esterna si devono scongelare spesso e nel frattempo con la resistenza elettrica scaldano. Oppure perchè sotto certe temperature dell'aria il compressore va in difficoltà. Sono maccihne stupide? no non lo sono, vanno benissimo dove la corrente elettrica costa poco, Francia esempio o dove il clima lo permette.Centro e sud Italia, quindi si spende poco al momento dell'acquisto che tanto il defrosting non è un problema.
Vanno benissimo anche al nord, se ad acquistarla è un impresario edile il quale ti fornisce la casa con la pdc, lui la paga poco ed è contento tu sei contento perchè hai una nuova tecnologia in casa... quando ti accorgi delle bollette salate è troppo tardi la macchina te la tieni e te la ciucci.
Sai qual'è la prima domanda ad un potenziale cliente che mi chiama? la casa è tua o la vendi? Se la casa è sua, ho tutti gli argomenti per fornire una macchina delle mie, se la casa la costruisce, so che si cerca solo il prezzo e il marchio che commercialmente aiuta, non è un mio cliente.
la resistenza comunque si può escludere (a volte alcuni clienti lo devono fare per non far saltare il contatore) rimani un po al freddo. o la comperi più grande e butti soldi in consumi e fissi. Dal ragionamento non si esce.
Se ho la mia casetta che vale 100, ho un impianto di riscaldamento che vale 20, e per risparmiare 1 sulla pdc rischio il freddo... beh diciamo che piuttosto mi do una martellata sulle...

fabioe
26-07-2014, 15:38
@massimo72
Sul parecchio sovradimensionato mi sembra che siamo d'accordo, nel senso che non bisogna installare macchine eccessive anche per problemi, non tanto di costo iniziale, ma anche di esercizio (inteso come fisso contatore e consumi legati alla resistenza)
Ti seguo anche nel ragionamento che hai fatto riguardo la curva di efficienza delle PDC, capisco che sotto un regime minimo il rendimento della macchina non è più accettabile.
Detto questo, mi sembra di capire che sei nel settore come professionista, posso chiederti cosa pensi di una PDC panasonic Aquarea alta connettivita split da 7 Kw installata in zona pavia (quindi temperature simili a reggio) per riscaldare mandata 29/30° edificio che necessita di circa 90 Kw termici/giorno a 0° ?
Aggiungo anche che ho a disposizione integrazione con termocamino già in impianto.
La scelta è stata indirizzata dalla possibilità, tramite apposita centralina, di gestire la macchina in funzione dei consumi domestici di energia elettrica e della produzione del fotovoltaico. (proprio per evitare di installare nuovo contatore dedicato o aumentare la potenza disponibile su quello esistente)
Non ho trovato niente altro già predisposto in questo senso.
Qui siamo un poco OT con questa PDC rispetto il titolo della discussione, se vuoi puoi rispondermi in quest' altra dove ho già parlato della mia scelta:

http://www.energeticambiente.it/riscaldamento-e-o-acqua-calda-sanitaria-acs-non-integrati/14749104-pdc-panasonic-aquarea-13.html#post119550479

Grazie

marcober
26-07-2014, 17:10
Fabio, anche io sono in zona Pavia...è uso FV e PDC. La mia immissione in dicembre e gennaio è stato di 10 kWh mentre in marzo la uso solo nelle ore di FV, per cui se ho della immissione è perché comunque in quel giorno non serviva fare di più. Inoltre se vuoi sovra scaldare in alcune ore perché hai più sole, devi alzare la t di mandata e il cop cala ....insomma, sono penso sistemi che ottimizzano credo poco....fai conto che il costo di riscaldamento di 250 mq è stato di 600 euro, per cui se anche ti ottimizza un po' autoconsumo secondo me somopochi euro a fine anno.Piuttosto metti INA PDC che anche a t rigide produca la potenza che serve e poi non dia esuberante a marzo...

fabioe
26-07-2014, 22:03
Marco concordo con te per quanto riguarda l' ottimizzazione dell' autoconsumo, alla fine si tratterà sicuramente di pochi euro ..
Quello che per me è importante è la gestione della PDC in funzione dei carichi domestici per evitare di cambiare la fornitura D2.
Ho acquistato la 7KW che dai conti fatti è più che sufficiente senza l' apporto aggiuntivo della resistenza sino a temperature sotto zero.
La macchina me la consegneranno dopo ferragosto e conto di averla installata e funzionante per i primi di settembre, vi terrò informati ..

marcober
26-07-2014, 23:36
Nel sensi che la PDC misura assorbimento globale casa e se necessario si auto limita per non far scattare il contatore? Non pensavo avesse una logica del genere, avevo letto che aveva una logica che in caso di esubero di FV (immissione) aumentava frequenza lavoro .... Ma non che si auto limitasse se tu accendi un forno, una piastra induzione, un Phon...

Jekterm
27-07-2014, 07:27
evitare di cambiare la fornitura D2.È una genialata! Se funziona è molto utile e se non funziona comunque piace molto al commerciale!Massimo non perdere l'occasione!

marcober
27-07-2014, 10:19
Non riesco tanto a capire come funziona.

Mettiamo che non ci sia produzione fotovoltaica. Cosa devo fare? Impostare la macchina dicendoglie quale è il limite del contatore e lei in base a quanto rileva in prelievo globale della casa adatta inverter affinché il prelievo sia sempre sotto 3,3 kW? Se serve spegnendo momentaneamente la PDC? Perché se posso solo limitare assorbimento massimo della macchina, come è possibile su alcune, sto solo castrando la macchina, perché la devo impostare con un certo margine per alimentare alti consumi casa, diciamo 2 kW su 3 disponibili...ma spesso la casa non assorbe 1 kW...e magari ne ho anche 1 i più solare, e potrei lavorare assorbendo 4 diverse volte..

Mettiamo che abbia un apporto solare di 1 kW e che la PDC debba in teoria funzionare . ....co sa fa? Misura l'apporto e capisce che il limite diventa 4.3 kW? Mettiamo che abbia un apporto di 3 kW di solare e che la PDC più casa sia soddisfatta con 4 kW..cosa fa? Si limita a girare su un consumo globale di 3 kW per non prelevare da rete ....oppure sale a 4 perché il suo obiettivo è solo di non immetterei in rete?

E infine, mettiamo che il FV dia 3 e la casa più pdc richiedano 2.... Cosa fa, spinge per usare3 al fine di non immettere nulla?

Per fare tutto ciò dovrebbe misurare sia produzione del FV, che l'immissione, che il prelievo e bisogna impostare il limite del contatore...e avere un bel software che gestisce tutto...se fa tutto questo mi pare ottima, se il risultati è solo limitato a non immettere in rete, è un risultato interessante ma di valore in euro a fine anno modesto.Il fatto di voler restare in d2 con la PDC ha una sua logica economica ma soprattutto in assenza di fotovoltaico e in assenza di D1....altrimenti se esiste SSP , il costo unitario del d3 o del d1 è identico l d2.....e col d1 un aumento del costo fisso rispetto al d2 è un onere abbastanza limitato.

Jekterm
27-07-2014, 10:52
Marco lascia perdere per un attimo la parte tecnica e valuta solo la parte commerciale che deve solo vendere.Secondo me sotto questo aspetto è una genialata.Per farla funzionare come hai descritto non è difficilissimo, certo devi investire ma se si vende bene l'investimento è giustificato

fabioe
27-07-2014, 12:23
Non è la pompa ma la centralina HPM di gestione (optional) che dovrebbe fare questo lavoro cioè monitorare i carichi e la produzione del FTV.
Negli schemi vengono indicati due contatori con uscita S0 (uno su uscita inerter e l'altro su linea dei carichi) collegati a due appositi ingressi della centralina che a sua volta è collegata con un cavo apposito alla PDC.
Tramite programmi preimpostati e parametri da settare si dovrebbe riuscire ad ottimizzare il funzionamento in base al bilancio energetico istantaneo ...
Questo è quanto dice il produttore nei suoi depliant

41326

marcober
27-07-2014, 12:46
Dallo schema che alleghi mi pare impossibile che possa ottimizzare in base alla potenza del contatore. Mi pare un sistema sviluppato per la Germania dove la potenza del contatore non è un problema e dove lo Ssp non esiste....ma come dice Jekterm, se serve a vendere una PDC in più, ottimo investimento, almeno per loro

fabioe
27-07-2014, 12:54
dovrebbero esserci dei parametri da impostare come la taglia della fornitura, che consentono alla centralina di non superare (per colpa della pdc) il limite del contatore + la produzione ftv ...

marcober
27-07-2014, 12:59
Ma non hai il manuale della centralina?

fabioe
27-07-2014, 13:23
Non ancora, mi arriva il tutto il materiale mercoledì, ma non so se riesco a ritirarlo prima delle feriesul sito non c'è ..

Jekterm
27-07-2014, 13:50
Costo centralina? Intanto si capisce solo che alza la temperatura di accumulo ACS di 5°…

fabioe
27-07-2014, 14:27
310 € prezzo installatore
Vedremo se sarà veramente versatile nella personalizzazione.

Jekterm
27-07-2014, 14:33
Il sovraprezzo da pagare è veramente basso, aspettiamo il manuale istruzioni per capire la logica.

fabioe
27-07-2014, 14:48
aspetto anch'io ..
qui siamo OT rispetto il modello di PDC ...

massimo72
28-07-2014, 11:58
Tutte queste funzioni di solito vengono fatte con centraline esterne di gestione impianto e chicche varie. una volta fatto lo hanno preso e messo a disposizione di tutti a basso prezzo, fatto bene.
Nel caso tuo vedo che hai pensato a tutto per l'ottimizzazione di costi, niente da aggiungere, solo se se la macchina è tirata di suo e la blocchi se nn c'è sole, la blocchi se hai il forno acceso, la blocchi di notte nn so forse, corri il rischio che scaldi casa con il termocamino nei 2 mesi freddi.
Visto che il termocamino esiste, hai il paracadute e fai bene stare su una macchina strettina

marcober
28-07-2014, 12:04
http://www.kaelte-bast.de/dateien_neu13/Panasonic/01-produktunterlagen/01-produktunterlagen/aquarea/Waermepumpenmanager_(hpm)/parameterbeschreibung/hpm_handbuch_parameterbeschreibung_it_release_febr uar_2013.pdf

ho dato oicchiata veloce, mi pare non ne parli, ma avranno fatto una implementazione nuova.

Dalla brochure , coem dice Jek, si aprla di ACS +10 gradi oppure di +1/+5 gradi in un polmone per riscaldamento...insomma...se poi serv eil polmone e non vai in diretta, quel che guadagni non è che si perde con gli intressi dovendo usare per forza un secondo circolatore? e dovendo installare un polmone che magari non serviva? e che ha le sue perdite?

fabioe
28-07-2014, 12:28
Grazie Marco.Non ero riuscito a trovare il manuale on Line.Sono in ferie me lo studio per capire nel dettaglio ..

fabioe
28-07-2014, 12:39
Grazie Marco.Non ero riuscito a trovare il manuale on Line.Sono in ferie me lo studio per capire nel dettaglio ..

marcober
28-07-2014, 12:48
Su questa versione non si parla nemmeno di fotovoltaico...probabilmente sarà un modulo opzionale

viaorselli
08-02-2015, 21:26
per marcober. Scusa se disturbo ma non capisco come fai a consumare solo 3/4 euro al giorno di energia. Ho un zubadan 11 kw appena montata. Radiante relax. Centralina zhender per deumidificatore 5,88 kw di fotovoltaico. Ho accumulo solo acs di 300 lt. Cappotto 11 cm. Per il radiante la pdc lavora in diretta a parte miscelatrice. Lunedì mi montano 2 pannelli solari. Ore la mia storia è questo. La pdc mi lavora se.mpre in costante. Fino a qualche giorno fa ho sempre la mandata a 36 gradi giorno e notte ma poi mi è arrivata una sassate di bolletta. 60kw al giorno. È possibile? Ora invece ho calato la temperatura fino a 31 e in casa ora ho 20.5. Ora in media mi consuma 1,65. 1,65 x 33 centesimi di Enel x 24 ore.. Spendo quindi almeno 10 euro. Qualcosa non torna. Giusto?

massimo72
09-02-2015, 08:31
Ciao, no sbagliato. Se decidi di pagare 0,33€ kwh di enel non è colpa di nessuno, esiste una apposita tariffa che si chiama D1.
Non puoi fare le medie con i giorni più freddi dell'anno, sai bene che le rese delle pdc cambiano al variare della temperatura dell'aria esterna e sicuramente marco ti ha postato una media stagionale e non la media calcolata sul mese più freddo.

viaorselli
09-02-2015, 11:28
Ok. Della d1 ho visto e si parla di 22 centesimi? Il mio obiettivo era lasciare accesa la pdc di giorno a 33 gradi di mandata e poi la sera metterla a 25 o spegnerla addirittura. Non so se valga la pena e chiedevo gentilmente un consiglio. Grazie ciao

Jekterm
09-02-2015, 11:43
Ma cosa vuol dire " a parte miscelatrice".La macchina è in regolazione climatica e quindi non hai nessun termostato ambiente?

viaorselli
09-02-2015, 11:54
Si. Ho i termostati nelle varie stanze più master termostato Zender che è collegato alla centralina Zender. Tale master comanda tutto l impianto. Se quello stacca, non va più nulla. Mentre i singoli termostati mi staccano le singole zone ma la pdc continua a consumare energie elettrica tutte le ore. Volevo capire se aveva senso calare la temperatura del master per far spegnere la pdc durante la notte.. O abbassare temperatura mandata di notte della pdc...

Jekterm
09-02-2015, 12:03
C'è una miscelatrice? Ma se tutti i circuiti sono fermi come fa la macchina a "continua a consumare energia elettrica tutte le ore"???
Ma se rimane aperto un solo circuito la macchina lavora su un volume H2O inferiore al minimo consigliato???
Spiega meglio come hanno collegato il tutto...

viaorselli
09-02-2015, 12:11
Scusa ma non so bene.. E la miscelatore che miscela acqua calda e fredda... Cosi mi diceva idraulico. A parte questo, mi chiedo se zubadan abbia la possibile di impostare mandata a diversi orari del giorno. Altra cosa che mi chiedevo è se sia meglio lasciare accesa la pdc di notte a 25 gradi di mandata o spegnerla con il master e poi farla ripartire alle 7 del mattino...

Jekterm
09-02-2015, 12:31
Sulle risposte che dai ci sono delle incongruenze da non sottovalutare e per dare una risposta mirata bisogna capire come è collegata la macchina. Puoi fare qualche foto dell' impianto?

marcober
09-02-2015, 12:33
Orselli, io la faccio andare H 24 e cerco di usare la mandata più bassa possibile. Nel tuo caso, così ben isolato, forse potresti anche spegnere di notte, bisogna provare....Tu non ci dici dove vivi e quanto è grande la casa...ma visto come sei coibentato mi pare consumi un pò tropo. Poi come ti hanno detto io uso la D1 è il mio prezzo lo considero poi al netto del contributo SSP, che siccome produco tanto quanto consumo, mi abbatte costo globale del 60%. Io pure ho la mìscelatrice ma la lascio tutta aperta e uso il controllo della pdc e non un controllo esterno. Altro consiglio che ti hanno già dato, evita di far chiudere dei termostati interni...se succede significa che devi bilanciare il tuo impianto radiante. Di certo il fatto che dici che hai 20,5 con mandata 31 e prima mandavi a 37 , significa. He prima usavi male la pdc e magari anche ora non la stai usando al meglio..se hai dei termo arredi , con un circuito non miscelato, spegnili , apri tutta la mìscelatrice e usa il controllo dela pdc...a T fissa o con la climatica, vedi tu...io vado a t fissa...ma importante è non farsi bypassare la pdc da una stupida mìscelatrice...la pdc vuole tanta acqua e bassa T

viaorselli
09-02-2015, 13:51
grazie marcober e jack per le risposte e consigli.
sono di forli e sono in zona residenziale. di radiante sono 166 mq ma un 50% è sottotetto abitabile con volumi ridotti (zona letto). stasera faccio due foto all impianto.
l'idraulico mi diceva che se una zona del radiante si chiude per via della risposta della testina, sulla base della temperatura rilevata dal singolo termostato (non ho cronotermostatiti ma solo termostati..), allora la pdc fa meno fatica e lavora meglio sulle altre zone... .. il termotecnico dice che questo è un problema che c'era senza pompa e perchè l hydrobox da solo poteva far fatica mentre ora non piu'.
non so se la miscelatrice e o qualche altra diavoleria sia tra le balle...

I miei ragionamenti sono i seguenti (e ditemi se sbaglio).
Per ora ho programmato il funzionamento dell'acs solo dalle 11 alle 16, quando c'è il sole ed è piu caldo con > cop. Ho alzato di qualche grado l'acs in modo da avere 300 lt di accumulo fino alla mattina successiva x farsi la doccia calda.
Poi se mi montano oggi e domani il solare, nei giorni di sole dovrei avere un ulteriore aiuto, riducendo lo sforzo della pdc, spero.
Per il radiante devo assolutamente :
a) ridurre il consumo di en elettrica perfchè ad oggi 40/45 kwh sono un botto, riducendo temperatura di mandata.
b) forse passare a D1 perchè tanto il consumo energetico lo devo fare quando c'è il sole e la tariffa bioraria non serve a nulla e andare dai 0,33 di adesso (compreso iva) a qualcosa in meno..
c) ora ho i 4,5 kw e ci sto con i consumi perchè ho solo led e l'induzione è usato con senso...
d) ridurre la fascia di funzionamento della pdc ? questo è il mio dilemma...

viaorselli
09-02-2015, 21:21
Come faccio ad allegare foto Dell impianto?

Jekterm
09-02-2015, 22:23
Da modalità avanzata, fra le varie icone trovi "allega file".
Selezioni il file e lo carichi.

massimo72
10-02-2015, 11:27
no, ridurre la fascia di funzionamento della pdc è sbagliato. provo sempre a riportare esempi paragonabili alle automobili che conosciamo tutti, le pdc per il momento le conosciamo un po' meno.
dpc inverter, come la auto più fai girare forte il motore più consuma, a volte devi andare alla velocità max, altre volte hai tempo.
Se tu devi percorrere 100kw, puoi farli in un'ora e consumare 10 litri.
puoi anche viaggiare ai 200km all'ora e percorrerli in metà tempo.
Quindi mia figlia di 6 anni mi direbbe, papà siamo stati solo mezz'ora con la macchina accesa viaggiando ai 200kwh, abbiamo consumato meno della mamma che è rimasta un'ora sopra la macchina per fare i 100km ai 100kmh..
Peccato che sappiamo bene che chi ha corso forte ha consumato molto di più di chi ha viaggiato più piano.
Se hai tempo, devi lasciare andare la pompa di calore con il suo ritmo, se la costringi a correre per colpa delle tue limitazioni di tempo questa ti consumerà di più.
Poi, se riesci lasciarla viaggiare durante il giorno con l'aria più calda è molto meglio che di notte. la temperatura tra giorno e notte varia anche di 10 gradi e lascio a te vedere da differenza di cop con 10 gradi di differenza aria.

marcober
10-02-2015, 12:24
Orselli, anche la D1 è bioraria , e può essere con la parte "energia" del mercato libero...per cui se hai un fornitore che ha un Delta notte giorno importante e lo vuoi usare, puoi. Questo nel caso adotti la mia strategia, cioè T minima è acceso H24. Se sei ben isolato allòra puoi cercare di spegner di notte, pur mantenendo T mandata basse, e sfruttare di più il FV e le ore calde che danno cop migliore, anche se energia costa di più di giorno. In tal caso usa la Maggio tutela che ha Delta giorno notte minimo, cioè trascurabile.

Se poi vuoi parlare di miscelatrice, manda schema impianto , anche fatto a mano..spesso le foto non bastano.