PDA

Visualizza la versione completa : Red365 o SolarBayer?



emanuele08
11-06-2015, 20:00
Ciao a tutti, continuo a ragionare sulla caldaia da adottare. Ho due preventivi, abbastanza diversi, con la proposta di due caldaie diverse.
Una è la Red365 Tecnika 28, la seconda è una SolarBayer HVS 25 E.
Quali sono le differenze sostanziali tra le due caldaie? Come prezzo mi sembrano abbastanza simili, ma non so quale elemento meriti maggiore attenzione.
Qualcuno sa dirmi di più sulle due caldaie?
Grazie!

FaGa86
11-06-2015, 20:09
Scegli in base al vano di carico, facilità di pulizia.

emanuele08
11-06-2015, 20:17
Ciao, purtroppo non riesco a vedere nessuna delle due dal vivo e dalla scheda tecnica non si capisce bene quale delle due abbia dei pregi particolari in tal senso... per questo cercavo esperienze dirette da parte di qualche utente del forum...

Dott Nord Est
11-06-2015, 20:52
emanuele, di che zona sei ?

sono due caldaie completamente diverse: peso, resa, capacità di carico, e pure come prezzo.

emanuele08
11-06-2015, 20:56
Sono di Milano.
Quale reputi più interessante delle due? [ehm, ho visto che vendi SolarBayer tu...]

Dott Nord Est
11-06-2015, 20:58
le vendo (forse meglio dire che sono un pò oltre il semplice "vendo") entrambe... per questo ti dico delle differenze...

emanuele08
11-06-2015, 22:00
Quindi sai indicarmi pregi e difetti delle due soluzioni? Grazie mille!

Dott Nord Est
11-06-2015, 22:02
emanuele.....
inizia a guardare le due schede tecniche.
altrimenti dovrei scrivere un libro ogni volta.... "sforzati un pò"

emanuele08
11-06-2015, 22:07
Dalle specifiche vedo che la SolarBayer è più pesante, con un rendimento dichiarato maggiore e, forse con un vano di carico più grande. Sulla carta sembra, per questi aspetti, migliore. Vorrei capire se siano elementi utili per capire o se alla fine quell'85% di rendimento dichiarato dalla Red sia paragonabile a quello della HVS25 della SolarBayer...
Come pulizia e manutenzione come sono messe entrambe?

Dott Nord Est
11-06-2015, 22:10
emanuele,
secondo te 85 o 92 sono la stessa cosa?
280 kg o 420 kg sono la stessa cosa?
20 kg di legna o 30 kg di legna sono la stessa cosa?
scusa se sono così diretto, ma mi piace che la gente impari a ragionare con la testa.

emanuele08
11-06-2015, 22:14
No, non sono assolutamente la stessa cosa, ma vorrei capire quanto influiscano nell'uso quotidiano. Anche chi vende i cellulari ci insegna a guardare il numero dei processori, ma poi alla fine 4-6-8 non è che cambi poi molto.
Inoltre quello dell'efficienza è un dato dichiarato, un po' come i consumi delle auto... alla fine qual è la realtà in questo settore?
Faccio domande a chi conosce o possiede queste caldaie proprio per questo. Basarsi sui semplici numeri può dir tutto e niente allo stesso tempo.

Dott Nord Est
11-06-2015, 22:19
ah.... secondo te non influisce avere 20 o 30 kg di carico legna ?
non influisce avere una resa dell'85 o del 92 ?
il peso non influisce sulla robustezza del pezzo ?

le tue sono domande troppo generalistiche. Prova a fare domande più specifiche o che abbiano un senso logico.

emanuele08
11-06-2015, 22:49
Mai avuto una caldaia a legna. Come posso stabilire se 100kg di peso della caldaia saranno fondamentali nel funzionamento della stessa? Mi sembra che un forum esista proprio per riportare esperienze, ed è quella che io cercavo in questa discussione. Idem la resa dichiarata: di quanto si discosta dalla realtà quella delle due marche?
Se per scegliere devo semplicemente guardare i numeri dichiarati dai costruttori e mi dite che entrambi i datasheet sono assolutamente coerenti con la realtà allora discorso finito.
In ogni caso, dagli stessi, non si evince la differenza tra i sistemi di pulizia e la facilità di manutenzione quotidiana.

Dott Nord Est
11-06-2015, 22:53
la pulizia di routine si fa mediamente una volta la settimana, togliendo la cenere dal fondo.
manutenzione? nessuna manutenzione quotidiana, se non caricare e accendere.
poi una volta ogni tot tempo (dipende dalla legna, dal tiraggio canna fumaria, ecc ecc, mediamente una volta ogni mese/mese e mezzo) si puliscono i fasci tubieri

emanuele08
11-06-2015, 22:55
Differenze da questo punto di vista tra le due?

Dott Nord Est
11-06-2015, 22:57
Se per scegliere devo semplicemente guardare i numeri dichiarati dai costruttori e mi dite che entrambi i datasheet sono assolutamente coerenti con la realtà allora discorso finito.


mia umile idea ?
per scegliere, tu, da utente normale difficilmente avrai i mezzi per farlo.
devi affidarti a una persona che abbia molta esperienza e referenze nel settore, altrimenti fai solo errori.
un'impianto si compone e si sceglie in base alle esigenze, spazi, aspettative, budget, possibilità, ecc ecc.....

ecco qui un'esempio di utente: http://www.energeticambiente.it/biomasse/14757067-mia-esperienza-caldaia-solarbayer-hvs-25-lc-con-puffer-1600l-e-friwa40.html

emanuele08
11-06-2015, 23:12
Uno dei preventivi proposto è il seguente:
---
Caldaia SolarBayer a legna a fiamma inversa 25 kW con sonda lambda;
LaddoTRONIC (Classe A) - regolatore temperatura di ritorno caldaia
Valvola di sicurezza di scarico termico Ø3/4" con sonda e portasonda Ø1/2";
Vaso d’espansione riscaldamento 100 Litri;
Vaso d'espansione riscaldamento lt. 50;
Valvola di intercettazione 1“ secondo DIN 4751 per intercettazione vaso d'espansione;
Valvola di intercettazione 3/4“ secondo DIN 4751 per intercettazione vaso d'espansione;
Gruppo di sicurezza caldaia 1"G con isolamento;
Disaeratore riscaldamento 1"
BOLLITORE COMBINATO A STRATIFICAZIONE HSK 500 SLS;
SERBATOIO PUFFER A STRATIFICAZIONE per accumulo tampone lt 500 con isolamento in PU flex sp. 100mm;
Modulo circuito riscaldamento SENZA MISCELATORE, Pompa WILO Yonos Para RS 25/6 RKA M
Vaso d’espansione Sanitario, 8 Litri
----
Come vi sembra?

Dott Nord Est
11-06-2015, 23:14
sbagliato il dimensionamento
semplice....
a meno che tu non abbia 250 mt (per dire un numero) di casa da scaldare e con poco isolamento

inoltre, chiedi il confronto tra due caldaie che prima hai definito "simili"
non ti sei accorto che una ha la sonda lambda e l'altra no ?

emanuele08
11-06-2015, 23:19
Non 250, ma siamo intorno ai 180mq e la casa è classe F.

Riguardo la sonda lambda è vero, ma ho anche un preventivo (cifra più bassa) con lo stesso modello senza sonda... per questo volevo capire meglio le differenze tra le due marche di caldaie a fiamma inversa.

Dott Nord Est
11-06-2015, 23:24
appunto.....
auguri per i futuri problemi.....
(carenza acs, caldaia che non potrà scaricare tutti i kw di magazzino, residui incombusti nel vano carico, sporcizia, ecc ecc)

sai quanti lt del puffe pipe in tank dovrai lasciare "intoccabili dal riscaldamento" per avere precedenza su acs?
e quanti lt ti restano come serbatoio tecnico per il resto? :cry:

emanuele, un'impianto a legna non è un giocattolo... e peggio ancora un venditore che non ti spiega le cose (non sò se perchè incompetente o per malafede)

emanuele08
11-06-2015, 23:29
Ma tutto quel casino perché non metto 1500lt ma "solo" 1000lt o c'è dell'altro che non vedo? Quindi se non metto 1500lt devo dire addio ad un impianto con caldaia a legna?

Dott Nord Est
11-06-2015, 23:33
emanuele...
come devo dirtelo? in arabo?
non si tratta di 1000/1500/3000/100, ma di come è fatto un sistema.
un'HSK da 500 + un SPS 500 non si montano su quel tipo di impianto per la tua casa.
se poi tu ti "accontenti", beh.... allora cosa serve sapere quale ha la resa migliore, le prestazioni migliori, ecc ecc se poi vanifichi il tutto per errori del genere?
tu puoi mettere quello che vuoi, hai chiesto un parere.... e io ti sto rispondendo.
perchè pensi che internet sia pieno di gente che chiede soluzioni per i propri problemi? semplicemente perchè hanno fatto errori in fase di progettazione (loro o chi ha proposto l'impianto)

ora vado... notte :bye1:

emanuele08
11-06-2015, 23:36
E cosa dovrei mettere? Purtroppo non posso andare oltre i 1000lt e volevo un accumulo capace di gestire una eventuale predisposizione per il solare da usare d'estate. Non potendo usare il tank da 1000lt del Kit SolarBayer si è optato per questa soluzione. Al posto dell'HSK cosa useresti?

Dott Nord Est
11-06-2015, 23:39
cosa farei io?
studierei bene il mio cliente in primis, spazi, esigenze, ecc ecc..... semplicemente questo.
e in base a queste cose, proporrei la soluzione migliore.
io non conosco ne te ne i tuoi spazi ne le tue esigenze, quindi sarebbe poco serio dirti cosa fare.
qui posso dare solo info generali, è il mio lavoro. Se poi questa risposta non ti rende felice, non posso farci nulla.....ma è la nuda e pura verità.
quindi se mi chiedi la differenza tra un HSK OKO e un HSK SLS ad esempio, ben felice di dare e postare schede se serve, ma dimensionare un'impianto su un lavoro che vende un'altro, mi spiace.... ma non sono Padre Pio... :innamorato:

ora vado a letto !!!!!!!!!!! ciaoooooooooo

emanuele08
12-06-2015, 11:11
Ti ringrazio per la risposta, comprendo il tuo limite, spero che questo forum sia frequentato anche da utenti che non avendo alcun conflitto di interessi avranno voglia di condividere la loro competenza con chi si ritrova a dover avventurarsi da zero in un nuovo campo.

Se questo forum è destinato solo all'acquisizione di clienti, allora forse ho travisato io il suo fine e me ne scuso.

Io ho bisogno di capire perché un HSK (bollitore) non vada associato ad un SPS (puffer) ma è preferibile mettere due SPS con serpentina. Tecnicamente il bollitore è così differente da un puffer? Quali sono le loro destinazioni d'uso?

FaGa86
12-06-2015, 11:57
Il bollitore ti serve per la sola produzione di ACS da: caldaia a legna oppure da integrazione solare. Il puffer se di tipo vuoto serve solo ed esclusivamente alla produzione di acqua per riscaldamento. Se il puffer per solo riscaldamento lo abbini ad una piastra di scambio esterna puoi produrre ACS. Posso chiederti come mai ti hanno proposto un puffer da 500 e un boiler da 500? Hai problemi di spazio per inserire un puffer più grosso? Ti hanno proposto una gestione in climatica dell'impianto?

Dott Nord Est
12-06-2015, 12:43
Io ho bisogno di capire perché un HSK (bollitore) non vada associato ad un SPS (puffer) ma è preferibile mettere due SPS con serpentina. Tecnicamente il bollitore è così differente da un puffer? Quali sono le loro destinazioni d'uso?

non è la tipologia del prodotto sbagliata, ma il suo dimensionamento (con i pochi dati che hai indicato).
sono due cose completamente diverse.
in pvt ti ho scritto di chiamarmi così ti spiego del perchè, ma se spendere 30 centesimi di una telefonata ti costa troppo, non sò che farci....
posso essere libero a non indicare tutto per filo e per segno in pbl? spero di si.... nessuno mi obbliga a fare il buon samaritano... (anche perchè mai capiresti gli errori scrivendoli qui, in quanto per capire ci vuole un confronto diretto domanda/risposta a voce)

P.S.: infatti vedi quanti utenti ti hanno risposto per spiegarti l'errore.... Se uno non è esperto, ti dirà solo delle ciofeche.

Ti hanno spiegato delle stratificazione e che l'HSK, avendo la serpentina acs che si sviluppa in verticale ha bisogno del volume tecnico tutto caldo, essendo solo un 500 lt ?
Ti hanno spiegato dove scaricherà il surplus la caldaia nelle mezze stagioni in cui la potenza richiesta dalla casa sarà inferiore?
ecc ecc...
Emanuele, un'impianto non è un gioco da negozio di pop corn.... e se il venditore non ti ha spiegato queste cose e molte altre, beh.... auguri....

emanuele08
12-06-2015, 14:50
Il bollitore ti serve per la sola produzione di ACS da: caldaia a legna oppure da integrazione solare. Il puffer se di tipo vuoto serve solo ed esclusivamente alla produzione di acqua per riscaldamento. Se il puffer per solo riscaldamento lo abbini ad una piastra di scambio esterna puoi produrre ACS. Posso chiederti come mai ti hanno proposto un puffer da 500 e un boiler da 500? Hai problemi di spazio per inserire un puffer più grosso? Ti hanno proposto una gestione in climatica dell'impianto?
Ciao FaGa, ecco, non avevo colto che il bollitore andrà a gestire esclusivamente l'ACS ma la sua acqua non avrà nulla a che fare col riscaldamento. Ma dunque il bollitore, come un tank in tank, avrà un accumulo (in questo caso di 500lt) che solitamente ristagnerà? Capisco che in caso di basso utilizzo dell'ACS, il "tampone" per ammortizzare i kw della caldaia ricadrebbe solamente nei 500l del puffer verso il riscaldamento e - in tal caso - sarebbe troppo alto il rapporto kw/litri.
Ho spazio per due puffer nel locale caldaia ma non riesco a portare dentro un puffer da 1000lt per via della dimensione dell'accesso.
In effetti credo che potrebbe essere più utile a questo punto avere 2 puffer, di cui uno "accessoriato" con doppia serpentina (una ACS e una per il solare). In tal modo il "tampone" sarebbe composto da 1000lt.
Cosa intendi per gestione in climatica? Mi avevano indicato che 25kw avrebbero bisogno di 1500lt per un funzionamento ottimale e l'alternativa è effettuare dei carichi leggermente più piccoli. In ogni caso so che c'è anche chi usa queste caldaie senza puffer, i miei 1000lt non saranno la condizione da manuale ma converrai con me che non si può sostenere che sarà come se non ci fossero.


non è la tipologia del prodotto sbagliata, ma il suo dimensionamento (con i pochi dati che hai indicato).
sono due cose completamente diverse.
in pvt ti ho scritto di chiamarmi così ti spiego del perchè, ma se spendere 30 centesimi di una telefonata ti costa troppo, non sò che farci....
posso essere libero a non indicare tutto per filo e per segno in pbl? spero di si.... nessuno mi obbliga a fare il buon samaritano... (anche perchè mai capiresti gli errori scrivendoli qui, in quanto per capire ci vuole un confronto diretto domanda/risposta a voce)
P.S.: infatti vedi quanti utenti ti hanno risposto per spiegarti l'errore.... Se uno non è esperto, ti dirà solo delle ciofeche.
Ti hanno spiegato delle stratificazione e che l'HSK, avendo la serpentina acs che si sviluppa in verticale ha bisogno del volume tecnico tutto caldo, essendo solo un 500 lt ? Ti hanno spiegato dove scaricherà il surplus la caldaia nelle mezze stagioni in cui la potenza richiesta dalla casa sarà inferiore?
ecc ecc...
Emanuele, un'impianto non è un gioco da negozio di pop corn.... e se il venditore non ti ha spiegato queste cose e molte altre, beh.... auguri....
Dott Nord Est, di quali dati hai bisogno? Comunque non sentirti obbligato, non lo sei assolutamente, anzi ti ringrazio per quanto detto fin ora e capirò se non vorrai seguire ulteriormente questo thread.

Stefano2010
13-06-2015, 19:58
Se non hai l'altezza per un puffer da 1000lt. puoi optare per 2 puffer da 500lt ( meglio se 2 da 750) collegati in Tichelmann . Con il collegamento che ti ho suggerito è come se fosse un puffer unico. Per l'acqua calda sanitaria puoi usare un modulo esterno con scambiatore a piastre. Spero sia un suggerimento utile su cui gli esperti possono dire la loro.

emanuele08
23-06-2015, 15:10
Stefano, grazie per le informazioni. Eventualmente posso valutare un puffer con serpentina in alto? O non è sufficiente ugualmente? Qual è l'efficienza di uno scambiatore a piastre? Dato 1kw in ingresso, quanto rende all'acqua in uscita?

emanuele08
23-06-2015, 15:20
Altra domanda: ma se ho due puffer comunicanti (a varie altezze) in modo da renderli un unico serbatoio, posso valutare l'idea di chiudere la "comunicazione" tra i due nell'uscita più alta in modo da "accumulare" prima acqua calda fino ad una certa altezza nel primo puffer? In questo modo dovrei mantenere più facilmente (metà dei litri) una buona porzione della serpentina ACS immersa in acqua calda. Potrei tenere invece il collegamento aperto quando d'inverno si lavora a regime e si fanno i carichi con regolarità. Cosa ne pensate?

Dott Nord Est
23-06-2015, 15:55
non si collegano assieme a varie altezze, ma così: https://www.youtube.com/watch?v=tkprOBSpNpc

emanuele08
23-06-2015, 16:00
Grazie. In questo modo dunque per avere ACS, se avessi una serpentina nel primo accumulatore dovrei aspettare che il 50-75% del primo puffer sia caldo per poterne usufruire. In che modo lo scambiatore a piastre sarà più efficiente?

Dott Nord Est
23-06-2015, 16:01
uno scambiatore a piastre preleva sempre dal punto alto, quindi sfrutta il puffer caldo fino all'ultimo lt

emanuele08
24-06-2015, 13:10
Come faccio a fare convivere l'ACS (serpentina o scambiatore a piastre) e la serpentina del solare termico d'inverno con il collegamento indicato nel video?
Se metto la serpentina del solare nel secondo puffer (in modo da lasciargli riscaldare, d'inverno, l'acqua tendenzialmente più fredda dell'intero accumulo) non riuscirò ad usufruire del calore generato d'estate perché lo scambiatore (o la serpentina dell'ACS) si troverà nel primo puffer che d'inverno è ovviamente quello che riscalderà prima.
Se metto la serpentina del solare nel primo puffer, d'inverno riuscirà a darmi un apporto spesso nullo perché il primo puffer sarà solitamente più caldo del secondo.
Come si organizzano le cose insomma per avere la possibilità di sfruttare il solare termico estate ed inverno (con ovvie differenze di apporto energetico) e la necessità di avere ACS d'estate senza accensioni della caldaia?

emanuele08
24-06-2015, 13:13
Da quel che vedo nel video dovrei avere una pompa sopra il primo puffer con solo serpentina solare che quando vede una T maggiore di quella del puffer dell'ACS inizia a spostare l'acqua da quel lato. Dovrei progettare l'impianto in questo modo?

Dott Nord Est
24-06-2015, 13:53
assolutamente no, nessuna pompa.
lavora tutto per principi di fisica.

emanuele08
24-06-2015, 14:28
Uhm e perché l'acqua calda dovrebbe decidere di accumularsi prima nel secondo puffer e poi nel primo? Al massimo, se seguirà la fisica, i due puffer verranno caricati in parallelo, con una stratificazione molto simile, no?

Dott Nord Est
24-06-2015, 14:32
no, guarda bene come sono collegati nel video.
per quel che riguarda il solare, decidi tu quale dei due caricare prima.

emanuele08
24-06-2015, 14:42
Ah, in pratica il prelievo della caldaia è dal secondo puffer, così il secondo "aspirerà" acqua dal primo che riceve acqua calda dalla caldaia. Ma in questo modo, riscaldando prima il secondo puffer (quello di prelievo della caldaia) come si comporterà la caldaia quando inizierà a ricevere in ingresso acqua calda? Continuerà a ricircolare nonostante l'alta temperatura? (mi sfugge come si comportano le caldaie in caso di ritorno con acqua calda).
Altra domanda: la serpentina del solare, se messa nel secondo puffer, nuovamente si troverà più facilmente immersa in un liquido caldo. Se messa nel primo puffer invece tenderà a scaldare prima il puffer che non serve ACS. In tal caso però non ci sarà un trasferimento di energia perché - d'estate - l'acqua dei termosifoni/caldaia non circolerà.
Come si fa in tal caso?

Immagino che la soluzione migliore sarebbe, come nel video, avere entrambi i puffer con serpentina per il solare e solo uno per ACS + solare. [io ragiono su una configurazione a due puffer, non a tre].

Dott Nord Est
24-06-2015, 14:46
il prelievo è dal primo, tramite sistema SLS.

per scaricare il solare come integrazione sul riscaldamento, serve un collegamento leggermente diverso.

emanuele08
24-06-2015, 15:49
Come andrebbero collegati?
Parli di SLS, quindi prevedi scambiatore a piastre immagino, sbaglio? Come si dovrebbe configurare in caso di serpentina ACS?

Dott Nord Est
24-06-2015, 17:46
dipende se vuoi integrare o meno sul riscaldamento
nel caso, la serpentina solare deve lavorare e scambiare in ambiente freddo.

se fai serpentina acs, il solare su un puffer solo (dove fai acs)

emanuele08
25-06-2015, 11:29
se fai serpentina acs, il solare su un puffer solo (dove fai acs)
Ma in questo modo, come dicevo prima, d'inverno non riuscirò a sfruttare l'apporto del solare perché quel puffer tendenzialmente sarà più caldo fino in basso... no?

Altra domanda: quando non si hanno accumuli per dimensionare la caldaia si contano i kw necessari per il riscaldamento e si sommano circa 20kw per l'ACS. In caso di caldaie a legna con accumuli di queste dimensioni, in cui non serve una spinta immediata per l'ACS, come si dimensiona la caldaia? Devo sempre contare 20kw + riscaldamento?

Dott Nord Est
25-06-2015, 13:21
appunto, serve una modifica allo schema per far lavorare la serpentina solare in ambiente freddo
e va ridimensionato il tutto in base a questo

emanuele08
25-06-2015, 13:34
Si, mi è chiaro che serve uno schema diverso. Spero qualcuno sappia dirmi come ha risolto la coesistenza della serpentina per ACS e la serpentina del solare termico dati due accumulatori.

Dott Nord Est
25-06-2015, 13:36
ma è una cosa semplicissima, vedrai che chi ti fornisce la merce e lo schema saprà come fare
io lo faccio in moltissimi impianti dove mi si richiede questa esigenza

emanuele08
25-06-2015, 13:39
Auspico sempre che qualcuno del forum sappia darmi info in merito. Grazie comunque anche a te.

Dott Nord Est
25-06-2015, 13:40
non bastano le info, in primis serve il giusto dimensionamento..... che è fatto in base appunto alle tue esigenze

emanuele08
25-06-2015, 14:46
Capisco tu non abbia voglia di rispondermi e comprendo le tue ragioni, ti chiedo gentilmente di non continuare a girare intorno nelle risposte ma di farlo solo se avrai voglia di rispondere centrando il punto della domande. Fa perdere tempo ad entrambi continuare questo botta-risposta sul forum. Spero che riuscirai ad avere altrettanto comprensione e rispetto della mia richiesta.

Io dalla mia riformulo la domanda:

Dato per certo un corretto dimensionamento, individuato in due accumulatori da 1000lt ciascuno, come va suddiviso l'impianto in modo da permettere l'uso del solare termico durante l'estate come fonte primaria per ACS e, al contempo, evitare che d'inverno non si riesca mai a sfruttarne il suo (seppur misero) apporto? Io inizio ad ipotizzare che siano necessari due accumulatori così composti:
1. Serpentina ACS e serpentina solare termico (in modo da riscaldare direttamente l'acqua per l'ACS d'estate)
1. Serpentina solare termico (destinando a quell'accumulatore il surplus inviato dalla caldaia il più tardi possibile, in modo da poter sfruttare più facilmente il suo apporto durante l'inverno).

Se qualcuno dovesse avere una soluzione tecnica differente e volesse spiegarmi come collegare i due accumulatori per ottenere il risultato è il benvenuto.

Grazie ugualmente al forum.

Dott Nord Est
25-06-2015, 17:16
io ho sempre risposto, in generale certo, e non vedo perchè non posso farlo. Magari ad altri utenti interessa.
cmnq mi limiterò a dare il mio parere sugli errori, così magari si evitano.

FaGa86
26-06-2015, 06:59
Ma Emanuele quanti metri quadri di solare installerai per mettere due puffer con serpentino basso? Sono pannelli piani o sottovuoto?

emanuele08
26-06-2015, 08:12
Ma Emanuele quanti metri quadri di solare installerai per mettere due puffer con serpentino basso? Sono pannelli piani o sottovuoto?
FaGa, in realtà in questo momento installerò solo la caldaia più accumulatori. Sto predisponendo gli accumulatori per il solare perché vorrei fare quel passo tra qualche anno. Non so ancora quanti mq installerò e con che tecnologia. Semplicemente vorrei disegnare l'impianto in modo da non pentirmi in futuro delle scelte prese in questa prima fase.

Grazie,
Emanuele

FaGa86
26-06-2015, 12:25
Se proprio vuoi fare l'investimento dei pannelli solari piuttosto punta a scaricarli nel puffer con produzione di ACS (utilizzabili solo nel periodo estivo).

emanuele08
26-06-2015, 13:35
Si infatti immaginavo che alla fine la soluzione fosse quella, senza pensare all'integrazione sul periodo invernale. Forse potrebbe convenire una soluzione con scambiatore esterno e a quel punto serpentina solare il più in basso possibile...

Dott Nord Est
26-06-2015, 13:39
l'integrazione solare sul riscaldamento ha senso SOLO se si usa la BT e l'abitazione è in classe energetica elevata.
altre cose, a parte l'acs, non sono da considerare.