PDA

Visualizza la versione completa : Diy powerwall



emuland2
23-09-2018, 07:55
Buongiorno a tutti.
Vi seguo da un po' come lettore passivo..

Siccome mi pare di non trovare discussioni simili allora provo ad aprire una discussione io..

sto trovando un sacco di iniziative per la autocostruzione di powerwall.

personalmente ho già selezionato e testato migliaia di Celle li-ion provenienti da diversi pacchi batterie.

ora ho trovato anche Delle lifepo4 in formato 18650.

qualcuno ha tentato/sta tentando?

io per il momento ho celle per raggiungere teoricamente 3 kWh già pronte e altre 1000 circa da provare per poi aggiungerle alle altre.

emuland2
26-09-2018, 05:57
67420
67421
67422

67423

per rendere chiaro il discorso, le prime tre sono foto internazionali, l ultima sono le batterie che sto accumulando e smistando
quella é solo una piccola parte del numero di Celle che ho ha disposizione (alcune le sto anche scambiando con utenti internazionali)

emuland2
29-09-2018, 14:28
6748467485674866748767488
queste le sto processando... altre sono già pronte

masterpc2
01-10-2018, 10:04
Io ho iniziato a metterne via, ne ho poche per adesso.
Ma ho acquistato tempo fa in cina un set di batterie per un totale di 48V nominali x 120Amp, totale 624 batterie (2,5 Amp cada una).

Posso dirti che nel mio piccolo ho avuto un pò di esperienza.
L'uso di due pacchi da 60Ampere in parallelo fanno si che se c'è un problema i bms si distruggono o si danneggiano, non ne sono certo ma ho avuto dei problemi e il venditore che mi ha venduto il tutto per fare questa cosa ha ammesso di avermi dato il tutto sbagliando ed è tornato indietro sostituendomi i bms per poterne installare 1 solo da 80Ampere e mettere in parallelo le celle e fornendomi anche un caricabatterie specifico, il tutto spedito a sue spese dalla cina.

Infatti ho trovato 2 celle per ogni pacco a ZERO volts... tanto che pensavo di dover rimuovere fisicamente le celle a zero (tipicamente sarebbero andate).
Però tentando, come indicato dal produttore, la ricarica con un caricabatterie a tensione e corrente regolabile, sono riuscito a farle ripartire e sono tornate inizialmente a 3 volts con una corrente di 5Ampere massima (su 60Amp di ogni singolo blocco di celle) per poi farla salire a 4,2,
C'è voluto parecchio tempo e attenzione (al calore soprattutto), ma ho recuperato tutto ed entrambi i pacchi batterie adesso lavorano eggregiamente (ho avuto fortuna).
Ogni cella deve essere allo stesso potenziale delle altre (comunque con differenze limitate) per evitare il livellamento brusco tra celle della tensione: io ho portato tutto a 4,1 volts e ci è voluto un pò di tempo.

Non ti dico il lavoro, ho dovuto smontare tutto, fare collegamenti multipli e riassemblare i due pacchi, un lavoraccio non indifferente.
Comunque tutto funziona molto bene, ho 13 celle al litio per 48 batterie per cella.

Ho letto che per mettere i bms in parallelo occorrerebbe utilizzare dei diodi scottly adeguati che permettono di avere una corrente retroattiva lieve (ottima per il bilanciamento tra pacchi) e che evita di danneggiare i bms.
Però il fattore ricarica va gestito: ogni pacco va ricaricato separatamente se ci sono bms differenti.
Nel mio sistema disconnetto completamente il tutto tramite relè da 500Amp le batterie e ricarico con un caricabatterie separato.

Adesso ho tutto smontato per problemi di certificazioni del sistema di accumulo, però sto studiando come impiegarlo in un sistema ad isola.
Se riesco ad avere batterie sufficienti cercherò di portarlo comunque a 15 celle.

Saluti.

emuland2
01-10-2018, 11:25
pensavo di essere l'unico.

Io ho processato oltre 3000 celle.
Adesso sto cercando di prenderne il più possibile e aiutare altri "powerwaller" europei(prendendole usate risulta molto economico rispetto a comprarle nuove)

Al momento ho 700 lifepo4 da provare (100 processate) ma posso arrivare ad averne 15 mila (un po problematica la questione del peso, essendo solo da 1Ah l'una). La mia intenzione è non andare in isola completa, ma avere parte dell'impianto sconnesso dalla rete (servizi primari / riscaldamento) e parte connesso (lavatrice/lavastoviglie/forno)

Alcune le ho cedute/le sto cedendo perchè ne ho trovate al LiFepo4, piu sicure, piu durature e con meno problemi di "calore"

se hai bisogno di celle, mandami un PM


PS:
non trovo il modo di editare il messaggio con lo screen della chat (da eliminare) qualche admin può farlo?

emuland2
09-10-2018, 14:43
pensavo di essere l'unico.

Io ho processato oltre 3000 celle.
Adesso sto cercando di prenderne il più possibile e aiutare altri "powerwaller" europei(prendendole usate risulta molto economico rispetto a comprarle nuove)

Al momento ho 700 lifepo4 da provare (100 processate) ma posso arrivare ad averne 15 mila (un po problematica la questione del peso, essendo solo da 1Ah l'una). La mia intenzione è non andare in isola completa, ma avere parte dell'impianto sconnesso dalla rete (servizi primari / riscaldamento) e parte connesso (lavatrice/lavastoviglie/forno)

Alcune le ho cedute/le sto cedendo perchè ne ho trovate al LiFepo4, piu sicure, piu durature e con meno problemi di "calore"

se hai bisogno di celle, mandami un PM


PS:
non trovo il modo di editare il messaggio con lo screen della chat (da eliminare) qualche admin può farlo?

un idea dello spazio occupato da circa 15k celle

67614

Argouno
15-10-2018, 12:53
Interessante il tuo esperimento , io ho fatto esperienza con delle celle recuperate dai pacchi batteria dei portatili , per ora parliamo di un pacco batteria 12V 20A nominali , mi è capitato di ritrovarmi con alcune celle che improvvisamente vanno a 0 , abbattendomi tutte le celle di quell'elemento , mi piaverebbe approfondire il vostro criterio per verificare che le celle siano ancora usabili o no .
Io provvedo a portarle a piena carica e poi misuro la caduta di tensione a distanza di 3-7 gg .
Voi come fate ?

enrico

emuland2
15-10-2018, 15:41
non fai prove di scarica per capire quanti mah danno?

io mi sto autocostruendo una scheda per migliorare il processo di selezione.

le hai saldate in parallello poi in serie?

i paralleli come li hai protetti? (per appunto evitare che una cella trascini alla morte tutte le altre)

di solito si usano dei fusibili per ogni lato della cella (o filo fusibile) per far si che appena una assorbe più di un tot A il fusibile salti e salvi le altre

suppongo tu abbia fatto un 3S10P (o anche 15P a seconda della qualità delle celle)

masterpc2
15-10-2018, 16:17
3S10P sono per te 3 stringhe e 10 paralleli? quindi un 12,6 Volts con 20Ampere teorici?
Sulla questione ci sto facendo un pò di studio, o per lo meno un pò di idee... non sono ancora molto con le idee chiare.
Ho visto saldare fili in rame per il collegamento delle celle ma un cavo sottile fa caduta di tensione, inoltre la saldatura scalda il litio e non è che sia il top...
Sto provando un kit come questo:
67677
VRUZEND DIY Battery Kit (https://vruzend.com/)

Ma costano un pò effettivamente... si parla di 32/36 euro x 50 celle...
Le sto testando e mi trovo bene, ma non ho ancora verificato bene... il costo per cella è comunque alto. In questo caso non ci sono problemi di surriscaldamento.
Il top è crearsi con un trasformatore e condensatori un kit per fissare sulle celle il nastrino in acciaio saldandolo.
Da verifiche che ho visto in video qualche tempo fa lo stress per le celle è nettamente inferiore rispetto alla saldatura vera e propria.
Non so dirvi di più al momento.

emuland2
15-10-2018, 16:42
wruzend va bene al massimo per le bici..io saldero il filo fusibile a spot, oppure se avrò tutte le celle che penso, li saldero a spot a 4/5 e poi filo fusibile sugli holders

67678

Argouno
16-10-2018, 11:31
non fai prove di scarica per capire quanti mah danno?

io mi sto autocostruendo una scheda per migliorare il processo di selezione.

le hai saldate in parallello poi in serie?

i paralleli come li hai protetti? (per appunto evitare che una cella trascini alla morte tutte le altre)

di solito si usano dei fusibili per ogni lato della cella (o filo fusibile) per far si che appena una assorbe più di un tot A il fusibile salti e salvi le altre

suppongo tu abbia fatto un 3S10P (o anche 15P a seconda della qualità delle celle)

Al momento la mia sperimentazione è veramente acerba , si limita a applicare un carico fittizio alle celle per un tempo definito (5 minuti 500mA), successivamente misuro la tensione e lascio gli elementi per qualche gg fermi , alla successiva misura, la tensione deve essere la stessa misurata precedentemente , se si è abbassata piu di 0.1V scarto le celle......

Se mi date dei metodi meno empirici e sopratutto il modo di poterne testare piu di una per volta....

Per il Power Pack lo considero un 3S10P ...al momento nessuna protezione ;-( sono ancora poco preparato su queste celle, adesso devo capire come calcolare il fusibile ....se avete documentazione da farmi studiare ;-)

p.s. il mio Power Pack al momento fornisce energia a un ricetrasmettitore radioamatoriale che utilizzo nel WE quando sono in giro per le montagne e quindi in assenza di energia , si sta comportando bene , e il bilanciatore funziona correttamente per questo utilizzo.

masterpc2
16-10-2018, 12:06
Io valutando un sistema più grande per un uso abitativo.
Il mio indirizzo come powerpack consiste in una serie di celle per arrivare a oltre 60V a piena carica, quindi devo necessariamente lavorare su un pacco a più celle di 3...
Adesso quello che ho già pronto è da 48 celle per 13 stringhe. ma lo devo portare a 15.

Sono acerbo anche io... devo trovare il tempo da dedicarci.
In ogni caso ho un caricabatterie che scarica, quindi per testarle le carico e poi le scarico totalmente a scarica lenta (es: 0,5 o 1Ampere) con limite 3 volts. e vedo quanto tempo è passato.
Es: se teorici ho 10Ampere e si scaricano in 6 ore a 1Ampere ho una capacità utile di circa 6Ampere, ovvero il 60% dalla capacità massima.

comunque va detto che non si possono caricare al 100% e non si possono scaricare al 100%... da quello che ho capito si arriva a circa il 90-95% della carica e a circa il 20-25% della scarica, quindi un 20-25% di carica residua deve rimanere (a differenza delle litio ferro che vanno al 98% mi sembra).
Quindi un 60% circa equivale a una capacità ridotta rispetto alle batterie nuove di circa il 20%, ma comunque ancora molto ben sfruttabile.
Poi le ricarico.
E' un procedimento lento che faccio però a pacchi di batterie... adesso ho acquistato un caricabatterie che le testa 4 alla volta singolarmente e quindi dovrei riuscire a verificarle meglio cella per cella, anche perchè di 4-6 batterie in parallelo c'è quella che è al 80% e quella al 50% che si fa tirare da quelle migliori e quindi non è reale.

emuland2
16-10-2018, 12:55
Io valutando un sistema più grande per un uso abitativo.
Il mio indirizzo come powerpack consiste in una serie di celle per arrivare a oltre 60V a piena carica, quindi devo necessariamente lavorare su un pacco a più celle di 3...
Adesso quello che ho già pronto è da 48 celle per 13 stringhe. ma lo devo portare a 15.

Sono acerbo anche io... devo trovare il tempo da dedicarci.
In ogni caso ho un caricabatterie che scarica, quindi per testarle le carico e poi le scarico totalmente a scarica lenta (es: 0,5 o 1Ampere) con limite 3 volts. e vedo quanto tempo è passato.
Es: se teorici ho 10Ampere e si scaricano in 6 ore a 1Ampere ho una capacità utile di circa 6Ampere, ovvero il 60% dalla capacità massima.

comunque va detto che non si possono caricare al 100% e non si possono scaricare al 100%... da quello che ho capito si arriva a circa il 90-95% della carica e a circa il 20-25% della scarica, quindi un 20-25% di carica residua deve rimanere (a differenza delle litio ferro che vanno al 98% mi sembra).
Quindi un 60% circa equivale a una capacità ridotta rispetto alle batterie nuove di circa il 20%, ma comunque ancora molto ben sfruttabile.
Poi le ricarico.
E' un procedimento lento che faccio però a pacchi di batterie... adesso ho acquistato un caricabatterie che le testa 4 alla volta singolarmente e quindi dovrei riuscire a verificarle meglio cella per cella, anche perchè di 4-6 batterie in parallelo c'è quella che è al 80% e quella al 50% che si fa tirare da quelle migliori e quindi non è reale.

rispondo velocemente perchè ho poco tempo :

zanflare c4 amazon


appena pronta la mia scheda, ve la linko che è meglio di qualsiasi cosa.

masterpc2
16-10-2018, 13:02
Ed infatti è quello che mi hai suggerito e che sto aspettando ;)

emuland2
16-10-2018, 14:43
Ed infatti è quello che mi hai suggerito e che sto aspettando ;)


per la scarica, stiamo aspettando il PCB, per la carica ancora non siamo pronti (ma abbiamo già diverse idee buttate sul tavolo).

ma siccome dobbiamo fare le cose per gradi, per il momento vogliamo avere un sistema di scarica (4/8/12/16/20 celle)

Argouno
17-10-2018, 15:14
...seguo con interesse ;-)

emuland2
29-10-2018, 09:15
non sono sparito, il pcb è stato montato, stiamo risolvendo alcune cose sullo stampato che non tornano.

nel frattempo su ebay ho un po di cosette

https://rover.ebay.com/rover/1/724-53478-19255-0/1?toolid=20001&campid=5338200002&customid=link&mpre=https%3A%2F%2Fwww.ebay.it%2Fsch%2Fpaoloemulan d%2Fm.html%3F_trksid%3Dp3692 (https://rover.ebay.com/rover/1/724-53478-19255-0/1?toolid=20001&campid=5338200002&customid=link&mpre=https://www.ebay.it/sch/paoloemuland/m.html?_trksid=p3692)

emuland2
09-11-2018, 07:54
68076

sneak peak

emuland2
20-11-2018, 05:35
sto facendo sconti su ebay per il cells Friday... se a qualcuno servono magari a qualcosa meno che eBay mi scriva qui

emuland2
22-11-2018, 07:55
anteprima (si cercano consigli)

i prezzi sono più bassi di ebay. la spedizione è più bassa di quanto indicato nel sito, per quanto riguarda l'Italia

WeSellCells (http://www.wesellcells.eu/presta/index.php)

emuland2
26-11-2018, 08:11
Propongo un codice promozionale per chi si iscrive da questo link e mi comunica via pm la registrazione (cosi da aggiungervi ad un gruppo sconti particolare)

Se un admin mi contatta posso fare un referral link per "sostenere" il forum

tonini_mingoni
26-11-2018, 12:27
...ho votato, ma quello che interessa di più credo sia l'elettronica che deve gestire le celle.
La chimica deve essere programmabile.

Ciao

Fox

emuland2
29-11-2018, 14:16
l'elettronica c'è già. intendo dire che ci sono diversi sistemi di controllo.

ognuno ha i suoi pro e i suoi contro.

io ritengo personalmente che i costi per un sistema "attivo" per ora non siano sostenuti da un ritorno in tempo utile.
ovvero :
un sistema passivo dissipa energia nelle celle "troppo" cariche attraverso resistenze/transistor, costa poco e una volta dissipato il calore il problema è finito (se correttamente dimensionato)

un sistema attivo trasferisce energia dalla cella/pacco a troppo carica a quelle meno carica. ora si parla di almeno 400/500€, che al tasso di "costo" di circa 0,23 €/kwh si ripaga dopo 1000+ kwh. considerando che si gioca con tensioni su cella di 3.7v nominali sono circa 250mila ampere ora da bilanciare... (forse ho sbagliato qualche conto, sono stanco, in caso qualcuno mi corregga).

Normalmente i bms bilanciano 1A/2A. se ragioniamo con 2 ampere sono 100mila ore sono 4000 giorni....

emuland2
14-01-2019, 07:48
rieccomi, non sono scomparso.

il sistema di testing funziona, stiamo finalizzando alcune cosette. per ora lavoriamo a 8 celle, ma se vinco le resistenze del collega vorrei superare le 16.

per il discorso BMS, io ho già una mezza idea, devo solo convincere il collega a iniziarmi un pezzo del progetto (non ho sufficiente competenza elettronica, ma sufficiente informatica...)

dolam
05-02-2019, 18:28
emuland2 ( devi essere lo stesso di Energia Alternativa, anch'io sono lo stesso) come sai sono contrario all'accumulo fotovoltaico ( inutile e costoso) e quindi ometto le note considerazioni,
però visto che sei esperto nelle batterie 18650 volevo chiederti se sai dove è possibile acquistarne di nuove a prezzi congrui, da almeno 3A che reggano fino a 30A di scarica (minimo 20A)
devo cambiare le batterie al mio Segway cinese (40 batterie) e ricostruire la batteria della bicicletta di mia figlia con altre con maggior capacità a parità di spazio.
Diciamo che ne vorrei mettere 60. In totale abbisogno di 100 batterie di ottima qualità, hai qualche link affidabile se ne sei a conoscenza, grazie.

emuland2
08-02-2019, 21:37
nuove nkon.nl

emuland2
02-03-2019, 20:33
vediamo se riesco ad allegare

emuland2
03-03-2019, 18:57
vediamo se riesco ad allegare





ecco un piccolo aggiornamento.

Celle lifepo4 recuperate da bici elettriche o batterie 12v

Provate e testate con OPUS 0.5A
Celle con Ah tra 0,9 e 1,6.
Media decisamente superiore a 1Ah ma verrà considerata tale.
Tensione nominale : 3.2V
Tensione di full carica 3.65V
Tensione di carica effettiva massima impostata 3.5V

Inverter 24V
Regolatore di carica per piombo (curve mooolto simili al Piombo) 24V

Sistema di prova :
Carica bilanciata con caricatore/bms ISDT T8

Scarica con inverter e prelievo di 250w per verificare la resa del sistema in condizioni "medie"

BMS:
Bilanciatore 1S sulla serie singole con scarica di 1.6A max a 3.6V

In test anche bilanciatore 16S (in caso di passaggio a 48V) che verrà usato a 8S solamente.

Test futuro di un BMS reale con correnti più basse di bilanciamento ma parametri completamente "diversi" per l'intervento. Carica e scarica massima 20A.


Configurazione accumulo : 8 Serie 80 Paralleli (8S16P5P)

5P:
I paralleli sono fatti saldando a spot 5 celle con saldatrice economica comprata in germania.


16P:
Ogni pacchetto in parallelo ha un fusibile sul positivo, che in caso di assorbimento/erogazione di più di 3A salta (fastblow)

8S:
La serie è "creata" insieme al parallelo dei 16 blocchi da 5 celle.
Il fusibile va dal positivo dello slot 4 pezzi e va al negativo dello slot successivo. Il parallelo viene garantito da cavo 4mmq.

Previsti 8 pacchi come questo in totale, quando il tempo lo permetterà.

Energia accumulata :
80ah x 25.6V = 2048 Wh
Picco massimo di progetto :
3A * 16 *25.5V = 1,22 Kwp
Picco previsto a regime per singolo pacco :
3000w / 8 = 375w

Materiale per pacco:
Holder 4x 18650 =32 pezzi
Fusibili 3A = 144 pezzi
Cavo 4 Mmq = a piacere
Nickel strip : 30 metri
Ore : svariate

Sistemi di sicurezza:
1 Magnetotermico DC 20A per ogni pacco
1 Fusibile 20A per ogni pacco

1 Differenziale in ingresso inverter
2 differenziali in uscita inverter (servirà due zone distinte)


qualche foto e quando ho tempo spiego per filo e per segno.








https://i.ibb.co/CnmZRhT/IMG-20190302-143803.jpg (https://ibb.co/0fmSHhd)
https://i.ibb.co/qY6qcR6/IMG-20190224-140556.jpg (https://ibb.co/GQmY8Vm)
https://i.ibb.co/1f5QTSj/IMG-20190223-181507.jpg (https://ibb.co/PZnjgS0)
https://i.ibb.co/QFxSkC9/IMG-20190223-170553.jpg (https://ibb.co/Y7VnXy2)
https://i.ibb.co/5M3pm52/IMG-20190223-163622.jpg (https://ibb.co/p0TVc3n)