PDA

Visualizza la versione completa : Impianti fotovoltaici - domande frequenti



Pagine : [1] 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

13-04-2006, 17:25
<b>Ciao vorrei porre alla Vostra attenzione una serie di domande frequenti sui pannelli fotovoltaici:</b><br><br> 1. Che cosa è un impianto fotovoltaico?<br> 2. Quali sono i vantaggi della tecnologia fotovoltaica?<br> 3. Che differenza c’è tra un impianto fotovoltaico ed un impianto solare termico?<br> 4. Dove può essere installato un impianto fotovoltaico?<br> 5. Quanto spazio occupa un impianto fotovoltaico?<br> 6. Quanta elettricit&agrave; produce un impianto fotovoltaico?<br> 7. Chi può beneficiare dell’incentivazione?<br> 8. Può un condominio installare un impianto fotovoltaico?<br> 9. Può un proprietario di un appartamento in condominio installare un impianto fotovoltaico sulle parti comuni?<br> 10. Dopo l’approvazione della domanda (o anche dopo la realizzazione dell’impianto) è possibile realizzare (o trasferire) l’impianto in un altro sito?<br> 11. Per quali impianti si può accedere all’incentivazione?<br> 12. Esiste un tetto massimo alla potenza totale (di tutti gli impianti) che può essere incentivata?<br> 13. E’ possibile richiedere l’incentivazione per un impianto fotovoltaico di potenza non superiore a 20 kW da installare su di un fabbricato in corso di realizzazione e che al momento non dispone ancora della fornitura di energia elettrica?<br> 14. E’ possibile realizzare impianti lontani dal luogo di utilizzo dell’energia elettrica?<br> 15. Che cosa s’intende per meccanismo d’incentivazione “in conto energia”?<br> 16. Su quale energia viene riconosciuto l’incentivo?<br> 17. E’ possibile realizzare un impianto di potenza che produca in eccesso rispetto ai propri consumi?<br> 18. E’ possibile accumulare l’energia fotovoltaica?<br> 19. Un impianto fotovoltaico con potenza superiore a 20 kW può utilizzare in loco parte dell’energia che produce?<br> 20. L’energia fotovoltaica prodotta dall’impianto del “proprietario di casa” può essere rivenduta ai condomini?<br> 21. A quanto ammontano le nuove tariffe incentivanti per il fotovoltaico?<br> 22. Per quanti anni sono erogate le nuove tariffe incentivanti e cosa succede al termine del periodo di incentivazione?<br> 23. Dove sar&agrave; possibile consultare le tariffe incentivanti?<br> 24. Chi erogher&agrave; il corrispettivo dovuto in base alle tariffe incentivanti e quando?<br> 25. In aggiunta alla nuova tariffa incentivante, riconosciuta sull’energia prodotta, vi sono altri meccanismi che remunerano l’elettricit&agrave; prodotta?<br> 26. Se una persona fisica è proprietaria di più immobili in luoghi separati, può presentare una domanda per ciascuno degli immobili?<br> 27. Il proprietario di un immobile dato in affitto a terzi può installare dei pannelli sul tetto dell’immobile e richiedere un contatore per immettere energia in rete, pur non avendo né installato, né intestato a proprio nome alcun contatore per la fornitura di energia in quel sito?<br> 28. L’amministrazione di un Ente pubblico locale (Regione, Provincia, Comunit&agrave; montana, Comune) che intende realizzare a proprie spese impianti FTV di potenza non superiore a 20 kW su immobili di propriet&agrave; di altri soggetti partecipati interamente o parzialmente (Enti Parco, Associazioni sportive, Associazioni culturali, ecc.) può accedere alle tariffe incentivanti e usufruire dello scambio sul posto con il gestore locale della rete per i consumi nel sito?<br> 29. Un proprietario di una bifamiliare è collegato indipendentemente alla rete elettrica con ciascuno dei due immobili: può installare un unico impianto fotovoltaico ed effettuare uno scambio sul posto dell’energia con quella consumata da entrambi gli immobili?<br> 30. Se l’inquilino che ha installato l’impianto sul tetto della casa, con il consenso del proprietario, lascia la casa e l’impianto è ancora funzionante, l’agevolazione termina, rimane in capo all’inquilino o al proprietario per gli anni rimanenti? Inoltre, se viene alienata la struttura dove è installato l’impianto fotovoltaico, il vecchio proprietario continua a fruire dell’agevolazione oppure l’agevolazione trasla al nuovo proprietario?<br> 31. La trasmissione del diritto all’incentivo segue le regole generali della successione “mortis causa”?<br> 32. E’ possibile ampliare un impianto aggiungendo qualche pannello e mantenendo lo stesso inverter?<br> 33. E’ possibile realizzare un impianto di potenza superiore a 1.000 kW e chiedere la tariffa incentivante solo sull’energia elettrica prodotta da 1.000 kW?<br> 34. Possono accedere all’incentivo impianti non collegati alla rete elettrica?<br> 35. L’incentivo in conto energia è cumulabile con altri incentivi?<br> 36. Per impianti fotovoltaici di potenza fino a 20 kW che beneficiassero di contributi in conto capitale superiori al 20% del costo totale è ancora possibile praticare lo scambio di energia sul posto?<br> 37. Il proprietario di un impianto di potenza superiore a 20 kW può decidere in un secondo momento di non immettere più in rete l’energia e di consumarla per usi propri?<br> 38. Il gestore di rete locale può pretendere che l’impianto resti in servizio per 20 anni? E se l’impianto dovesse essere fermato per manutenzione straordinaria del tetto o per demolizione dell’edificio?<br> 39. Le tariffe incentivanti valgono per tutti i Comuni italiani?<br> 40. Chi far&agrave; le letture dell’energia prodotta?<br> 41. E’ possibile che un soggetto presenti due domande per uno stesso sito in due trimestri successivi?<br> 42. Viene stilata una graduatoria per stabilire una priorit&agrave; di accesso alle tariffe incentivanti?<br><br>1. Che cosa è un impianto fotovoltaico?<br><br>Un impianto fotovoltaico trasforma direttamente l’energia solare in energia elettrica.<br>Esso è composto essenzialmente da:<br><br> * moduli o pannelli fotovoltaici;<br> * inverter, che trasforma la corrente continua generata dai moduli in corrente alternata;<br> * quadri elettrici e cavi di collegamento.<br><br>moduli sono costituiti da celle in materiale semiconduttore, il più utilizzato dei quali è il silicio cristallino. Essi rappresentano la parte attiva del sistema perché convertono la radiazione solare in energia elettrica.<br><br><br>2. Quali sono i vantaggi della tecnologia fotovoltaica?<br><br>I vantaggi possono riassumersi in:<br><br> * assenza di qualsiasi tipo di emissione inquinante;<br> * risparmio di combustibili fossili;<br> * affidabilit&agrave; degli impianti poiché non esistono parti in movimento;<br> * costi di esercizio e manutenzione ridotti al minimo;<br> * modularit&agrave; del sistema (per aumentare la potenza dell’impianto è sufficiente aumentare il numero dei moduli).<br><br>Peraltro è da tener presente che l’impianto fotovoltaico è caratterizzato da un elevato costo iniziale (dovuto essenzialmente all’elevato costo dei moduli) e da una produzione discontinua a causa della variabilit&agrave; della fonte energetica (il sole).<br><br><br>3. Che differenza c’è tra un impianto fotovoltaico ed un impianto solare termico?<br><br>Entrambe le tipologie d’impianto utilizzano il sole come fonte energetica, catturandone la radiazione attraverso superfici captanti: mentre i moduli fotovoltaici trasformano direttamente la radiazione solare in energia elettrica, i pannelli solari termici utilizzano l’energia termica del sole per riscaldare l’acqua da utilizzare per uso igienico sanitario o per il riscaldamento degli ambienti.<br><br><br>4. Dove può essere installato un impianto fotovoltaico?<br><br>I moduli fotovoltaici possono essere collocati su qualsiasi pertinenza di un immobile (tetto, facciata, terrazzo) o sul terreno. La decisione deve essere presa in base all’esistenza sul sito d’installazione dei seguenti requisiti:<br><br> * disponibilit&agrave; di spazio necessario per installare i moduli;<br> * corretta esposizione ed inclinazione della superficie dei moduli.<br><br>Le condizioni ottimali in l’Italia sono:<br><br> * esposizione SUD (accettabile anche SUD-EST, SUD-OVEST, con ridotta perdita di produzione);<br> * inclinazione dei moduli compresa fra 25°(latitudini più meridionali) e 35°(latitudini più settentrionali);<br> * assenza di ostacoli in grado di creare ombreggiamento.<br><br><br>5. Quanto spazio occupa un impianto fotovoltaico?<br><br>Facendo riferimento soprattutto alle piccole applicazioni (tetti fotovoltaici) e a moduli di silicio cristallino, un valore indicativo di occupazione di superficie è di circa 8 -10 mq per kW di potenza nominale installata.<br><br><br>6. Quanta elettricit&agrave; produce un impianto fotovoltaico?<br><br>La produzione elettrica annua di un impianto fotovoltaico dipende da diversi fattori:<br><br> * radiazione solare incidente sul sito d’installazione;<br> * orientamento ed inclinazione della superficie dei moduli;<br> * assenza/presenza di ombreggiamenti;<br> * prestazioni tecniche dei componenti dell’impianto (moduli, inverter ed altre apparecchiature).<br><br>Prendendo come riferimento un impianto da 1 kW di potenza nominale, con orientamento ed inclinazione ottimali ed assenza di ombreggiamento, non dotato di dispositivo di “inseguimento” del sole, in Italia è possibile stimare le seguenti producibilit&agrave; annue massime:<br><br> * regioni settentrionali 1.100 kWh/anno<br> * regioni centrali 1.400 kWh/anno<br> * regioni meridionali 1.600 kWh/anno<br><br>E’ opportuno sottolineare che il consumo annuo elettrico medio di una famiglia italiana è pari a circa 3.000 kWh.<br><br><br>7. Chi può beneficiare dell’incentivazione?<br><br>Possono beneficiare dell’incentivazione (art. 3 del DM 28 luglio 2005) le persone fisiche e giuridiche, ivi inclusi i soggetti pubblici e i condomìni di edifici, che:<br><br> * siano proprietari degli immobili destinati alla installazione dell’impianto fotovoltaico o in possesso dell’autorizzazione scritta del proprietario ad installare l’impianto (art. 3 comma 1 della Delibera AEEG n° 188/05);<br> * siano responsabili dei medesimi impianti, progettati, realizzati ed eserciti in conformit&agrave; alle disposizioni del DM 28 luglio 2005.<br><br><br>8. Può un condominio installare un impianto fotovoltaico?<br><br>Sì, previa autorizzazione dell’assemblea condominiale.<br><br><br>9. Può un proprietario di un appartamento in condominio installare un impianto fotovoltaico sulle parti comuni?<br><br>Sì, ma è necessaria l’autorizzazione dell’assemblea condominiale.<br><br><br>10. Dopo l’approvazione della domanda (o anche dopo la realizzazione dell’impianto) è possibile realizzare (o trasferire) l’impianto in un altro sito?<br><br>No, perché l’impianto fotovoltaico deve essere realizzato nel medesimo sito indicato all’atto della presentazione della domanda. In caso contrario viene meno il diritto alle tariffe incentivanti (Delibera AEEG n. 40/06).<br><br><br>11. Per quali impianti si può accedere all’incentivazione?<br><br>Possono accedere alle tariffe incentivanti, riconosciute all’energia prodotta, esclusivamente gli impianti fotovoltaici di potenza nominale compresa tra 1 e 1.000 kW, collegati alla rete elettrica, che entrino o siano entrati in esercizio in data successiva al 30.9.2005:<br><br> * a seguito di nuova costruzione (art. 4, comma 1 del DM 28 luglio 2005);<br> * a seguito di rifacimento totale (intervento impiantistico-tecnologico eseguito su un impianto entrato in esercizio da almeno venti anni che comporti la sostituzione con componenti nuovi almeno di tutti i moduli fotovoltaici e del gruppo di conversione della corrente continua in corrente alternata) (art. 4, comma 1 del DM 28 luglio 2005);<br> * a seguito di potenziamento (intervento tecnologico eseguito su un impianto entrato in esercizio da almeno due anni, mediante aggiunta di moduli di potenza complessiva non inferiore a 1 kW), limitatamente alla produzione aggiuntiva ottenuta a seguito dell'intervento di potenziamento (art. 4, comma 2 del DM 28 luglio 2005).<br><br><br>12. Esiste un tetto massimo alla potenza totale (di tutti gli impianti) che può essere incentivata?<br><br>La potenza nominale cumulativa incentivabile è di 500 MW, di cui 360 per impianti di potenza non superiore a 50 kW e 140 per impianti di potenza superiore a 50 kW.<br>Esistono inoltre dei limiti di potenza annuale incentivabile, per ciascuno degli anni dal 2006 al 2012, pari a 60 MW per gli impianti di potenza non superiore a 50 kW e 25 MW per gli impianti di potenza superiore a 50 kW. Tali limiti non si applicano alle domande inoltrate al GRTN prima della entrata in vigore (16 febbraio 2006) del nuovo DM 6 febbraio 2006.<br><br><br>13. E’ possibile richiedere l’incentivazione per un impianto fotovoltaico di potenza non superiore a 20 kW da installare su di un fabbricato in corso di realizzazione e che al momento non dispone ancora della fornitura di energia elettrica?<br><br>Sì, purché il fabbricato disponga della fornitura prima che l’impianto fotovoltaico entri in esercizio.<br><br><br>14. E’ possibile realizzare impianti lontani dal luogo di utilizzo dell’energia elettrica?<br><br>È possibile solo per gli impianti di potenza superiore a 20 kW e per quelli di potenza fino a 20 kW che non accedono alla disciplina di cui all’art. 6 del DLgs. 387/03 (servizio di scambio sul posto).<br><br><br>15. Che cosa s’intende per meccanismo d’incentivazione “in conto energia”?<br><br>Mentre con l’espressione “incentivazione in conto capitale” si intende la corresponsione di un contributo per l’investimento necessario per la realizzazione di un impianto, con l’espressione “conto energia” viene indicato un meccanismo di incentivazione (quello previsto dal DM 28 luglio 2005) che remunera l’energia elettrica prodotta da un impianto.<br><br><br>16. Su quale energia viene riconosciuto l’incentivo?<br><br>L’elettricit&agrave; che viene remunerata con le nuove tariffe incentivanti è quella prodotta dall’impianto, misurata da un apposito contatore posto all’uscita del gruppo di conversione della corrente continua in corrente alternata.<br>Per gli impianti di potenza fino a 20 kW che accedono alla disciplina di cui all’art. 6 del D.Lgs. 387/03 (servizio di scambio sul posto) l’incentivo è limitato all’energia prodotta e consumata dalle utenze del soggetto responsabile.<br><br><br>17. E’ possibile realizzare un impianto di potenza che produca in eccesso rispetto ai propri consumi?<br><br>E’ possibile, ma è bene distinguere due casi:<br><br> * per impianti di potenza non superiore a 20 kW che accedono alla disciplina di cui all’art. 6 del D.Lgs. 387/03 (servizio di scambio sul posto), la Delibera AEEG 28/06 che disciplina il servizio di scambio sul posto prevede che il saldo positivo – su base annuale - tra l’energia prodotta e l’energia consumata venga riportato a credito per la compensazione nei tre anni successivi e non dia luogo a remunerazione;<br> * per impianti di potenza superiore a 20 kW e per quelli di potenza fino a 20 kW che non accedono alla disciplina di cui all’art. 6 del D.Lgs. 387/03 (servizio di scambio sul posto), è possibile cedere in rete, vendendola, l’energia non consumata in loco.<br><br><br>18. E’ possibile accumulare l’energia fotovoltaica?<br><br>E’ possibile ed è particolarmente utile per gli impianti fotovoltaici non collegati alla rete elettrica (rifugi di montagna, ecc.), la cui produzione, si ricorda, non è incentivata.<br>Per gli impianti collegati alla rete, incentivati se di potenza fra 1 e 1.000 kW, l’energia in eccesso rispetto ai consumi viene ceduta alla rete per:<br><br> * essere successivamente consumata nei periodi in cui la produzione è inferiore al consumo (impianti non superiori a 20 kW che scelgono il servizio di scambio sul posto);<br> * essere venduta (altri impianti).<br><br><br>19. Un impianto fotovoltaico con potenza superiore a 20 kW può utilizzare in loco parte dell’energia che produce?<br><br>Sì. L’art. 6 (commi 2 e 3) del DM 28 luglio 2005 prevede che l’energia prodotta, incentivata, possa essere immessa nella rete elettrica in tutto o anche solo in parte.<br><br><br>20. L’energia fotovoltaica prodotta dall’impianto del “proprietario di casa” può essere rivenduta ai condomini?<br><br>No. Se l’impianto è inferiore ai 20 kW il beneficiario può scegliere di accedere alla disciplina di cui all’art. 6 del D.Lgs. 387/03 (servizio di scambio sul posto) oppure di cedere alla rete (distributore locale) o rivendere in borsa l’energia che produce in eccesso rispetto ai propri consumi. Se l’impianto è superiore a 20 kW l’energia prodotta in eccesso rispetto ai propri consumi può essere ceduta alla rete (distributore locale) o rivenduta in borsa.<br><br><br>21. A quanto ammontano le nuove tariffe incentivanti per il fotovoltaico?<br><br>Il valore delle tariffe incentivanti, che rimane costante per la durata del periodo di incentivazione, è differenziato in base alla taglia di potenza nominale degli impianti.<br>Taglia di potenza dell’impianto Tariffa incentivante riconosciuta all’energia prodotta<br>1 kW P 20 kW 0,445 €/kWh (servizio di scambio sul posto)<br>20 kW &lt; P 50 kW 0,460 €/kWh<br>50 kW &lt; P 1.000 kW Al massimo 0,490 €/kWh (meccanismo di gara)<br>La tariffa di 0,460 €/kWh si applica anche agli impianti di potenza compresa tra 1 e 20 kW che non accedono alla disciplina di cui all’art. 6 del DLgs 387/03 (servizio di scambio sul posto).<br>Per tutte le taglie di impianti, i valori delle tariffe sopramenzionati sono riferiti a domande inoltrate negli anni 2005 e 2006.<br>Per le domande inoltrate per ciascuno degli anni successivi a partire dal 2007, le tariffe saranno decurtate del 5% ed aggiornate sulla base del tasso di variazione dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati rilevati dall’ISTAT.<br>Inoltre le tariffe incentivanti riconosciute sono incrementate del 10% - e restano costanti fino all’anno 2012 incluso - qualora i moduli fotovoltaici siano integrati in edifici di nuova costruzione ovvero in edifici esistenti oggetto di ristrutturazione, secondo quanto definito dall’art. 3, comma 2 del D.Lgs. 192/2005, ivi incluse le categorie di edifici di cui all’art. 3 comma 2 dello stesso decreto.<br><br><br>22. Per quanti anni sono erogate le nuove tariffe incentivanti e cosa succede al termine del periodo di incentivazione?<br><br>L’incentivazione è erogata per venti anni. Al termine del periodo ventennale non si interrompono i benefici derivanti da:<br><br> * scambio sul posto dell’elettricit&agrave; per gli impianti di potenza non superiore a 20 kW che abbiano fatto tale scelta;<br> * remunerazione dell’elettricit&agrave; consegnata alla rete per tutti gli impianti di potenza ad eccezione di quelli di potenza fino a 20 kW che abbiano scelto di accedere alla disciplina di cui all’art. 6 del D.Lgs. 387/03 (servizio di scambio sul posto).<br><br><br>23. Dove sar&agrave; possibile consultare le tariffe incentivanti?<br><br>I valori delle tariffe incentivanti sono pubblicati sul sito <a href="http://www.grtn.it" target="_blank">www.grtn.it</a>.<br><br><br>24. Chi erogher&agrave; il corrispettivo dovuto in base alle tariffe incentivanti e quando?<br><br>L’incentivo viene erogato dal Gestore del Sistema Elettrico – GRTN S.p.A..<br>L’ammontare dovuto al soggetto responsabile è pari al prodotto tra l’energia generata dall’impianto, misurata da un contatore posto all’uscita del gruppo di conversione della corrente continua in corrente alternata, e la tariffa incentivante riconosciuta al soggetto responsabile.<br>Solo per gli impianti di potenza non superiore a 20 kW che scelgono di accedere alla disciplina di cui all’art. 6 del D.Lgs. 387/03 (servizio di scambio sul posto) l’energia incentivata è quella prodotta e consumata dalle utenze del soggetto responsabile. Il pagamento avviene:<br><br> * bimestralmente in acconto, salvo conguaglio a fine anno, nel mese successivo a quello in cui l’ammontare bimestrale cumulato supera il valore di 250 euro, nel caso di impianto di potenza fra 1 e 20 kW che si avvale del servizio di scambio sul posto;<br> * mensilmente, nel mese successivo a quello in cui l’ammontare cumulato del corrispettivo supera i 250 euro, nel caso di impianti di potenza non superiore ai 20 kW che non usufruiscono del servizio di scambio sul posto;<br> * mensilmente, nel mese successivo a quello in cui l’ammontare cumulato del suddetto corrispettivo supera i 500 euro, nel caso di impianti di potenza superiore ai 20 kW.<br><br><br>25. In aggiunta alla nuova tariffa incentivante, riconosciuta sull’energia prodotta, vi sono altri meccanismi che remunerano l’elettricit&agrave; prodotta?<br><br>Sì, in aggiunta alle tariffe incentivanti, che remunerano l’elettricit&agrave; prodotta dagli impianti fotovoltaici, per gli impianti fino a 20 kW è possibile scegliere una delle seguenti due opzioni:<br><br> * accedere al servizio di scambio sul posto, che consiste nel consegnare alla rete l’energia prodotta in eccesso rispetto ai propri consumi oppure al contrario nel prelevare dalla rete l’energia necessaria ai propri consumi in eccesso rispetto alla propria produzione, effettuando i relativi conguagli con il distributore a fine anno. Dal punto di vista della regolazione delle partite economiche ciò significa che a fine anno si porter&agrave; a credito, per utilizzarla nei tre anni successivi, l’energia prodotta in eccesso rispetto ai consumi o si pagher&agrave; l’energia consumata in eccesso rispetto alla produzione annua;<br> * utilizzare una quota di energia prodotta sul posto e cedere in rete la quota rimanente ai prezzi fissati dall’AEEG.<br><br>Per gli impianti di potenza superiore a 20 kW, invece, non è consentito scegliere tra le due alternative ma è possibile solo la seconda opzione.<br><br><br>26. Se una persona fisica è proprietaria di più immobili in luoghi separati, può presentare una domanda per ciascuno degli immobili?<br><br>Sì. La Delibera dell’Autorit&agrave; per l’Energia Elettrica e il Gas n° 188/05, infatti, prevede che il soggetto responsabile dell’impianto non possa presentare più di una domanda entro la stessa scadenza per il medesimo sito (art. 3.1).<br><br><br>27. Il proprietario di un immobile dato in affitto a terzi può installare dei pannelli sul tetto dell’immobile e richiedere un contatore per immettere energia in rete, pur non avendo né installato, né intestato a proprio nome alcun contatore per la fornitura di energia in quel sito?<br><br>Può farlo se la potenza dell’impianto fotovoltaico è superiore a 20 kW oppure, nel caso di impianto di potenza non superiore a 20 kW, qualora non si sia optato per il servizio di scambio sul posto. Restano fermi, comunque, i diversi ed ulteriori rapporti tra proprietario e conduttore, disciplinati dal contratto di locazione che per il GRTN non rilevano.<br><br><br>28. L’amministrazione di un Ente pubblico locale (Regione, Provincia, Comunit&agrave; montana, Comune) che intende realizzare a proprie spese impianti FTV di potenza non superiore a 20 kW su immobili di propriet&agrave; di altri soggetti partecipati interamente o parzialmente (Enti Parco, Associazioni sportive, Associazioni culturali, ecc.) può accedere alle tariffe incentivanti e usufruire dello scambio sul posto con il gestore locale della rete per i consumi nel sito?<br><br>Possono beneficiare dell’incentivazione anche i soggetti pubblici (art. 3 del DM 28 luglio 2005) che:<br><br> * siano in possesso dell’autorizzazione scritta del proprietario dell’immobile destinato alla installazione dell’impianto (art. 3, comma 1, lett. d) della Delibera AEEG n° 188/05);<br> * siano responsabili dei medesimi impianti, progettati, realizzati ed eserciti in conformit&agrave; alle disposizioni del DM 28 luglio 2005;<br> * abbiano ottenuto dal gestore locale della rete il riconoscimento dei requisiti per la titolarit&agrave; di un contratto di scambio sul posto dell’elettricit&agrave;.<br><br><br>29. Un proprietario di una bifamiliare è collegato indipendentemente alla rete elettrica con ciascuno dei due immobili: può installare un unico impianto fotovoltaico ed effettuare uno scambio sul posto dell’energia con quella consumata da entrambi gli immobili?<br><br>Non è possibile in quanto, se opta per il servizio di scambio sul posto, deve scegliere a quale utenza elettrica (una soltanto) collegare il suo impianto e solo con quella effettuare lo scambio.<br><br><br>30. Se l’inquilino che ha installato l’impianto sul tetto della casa, con il consenso del proprietario, lascia la casa e l’impianto è ancora funzionante, l’agevolazione termina, rimane in capo all’inquilino o al proprietario per gli anni rimanenti? Inoltre, se viene alienata la struttura dove è installato l’impianto fotovoltaico, il vecchio proprietario continua a fruire dell’agevolazione oppure l’agevolazione trasla al nuovo proprietario?<br><br>Dipende dai rapporti negoziali nella disponibilit&agrave; delle parti.<br><br><br>31. La trasmissione del diritto all’incentivo segue le regole generali della successione “mortis causa”?<br><br>Sì.<br><br><br>32. E’ possibile ampliare un impianto aggiungendo qualche pannello e mantenendo lo stesso inverter?<br><br>L’intervento di potenziamento, che comporti una produzione aggiuntiva, è possibile su di un impianto in esercizio da almeno due anni.<br>La potenza aggiuntiva deve essere di almeno 1 kW e non superiore a 1.000 kW.<br>La produzione aggiuntiva incentivata è quella che eccede la media aritmetica delle produzioni annue degli ultimi due anni.<br>Per gli interventi di potenziamento su impianti di potenza non superiore a 20 kW che operano in regime di scambio secondo la Delibera AEEG 28/06, non muniti del gruppo di misura dell’energia prodotta, la produzione aggiuntiva è pari all’energia totale prodotta a seguito dell’intervento di potenziamento, moltiplicata per il rapporto tra l’incremento di potenza e la potenza totale dopo il potenziamento.<br><br><br>33. E’ possibile realizzare un impianto di potenza superiore a 1.000 kW e chiedere la tariffa incentivante solo sull’energia elettrica prodotta da 1.000 kW?<br><br>No. Possono accedere all’incentivazione solo gli impianti fotovoltaici di potenza non inferiore a 1 kW e non superiore a 1.000 kW (art. 4.1 del DM 28 luglio 2005).<br><br><br>34. Possono accedere all’incentivo impianti non collegati alla rete elettrica?<br><br>No, il meccanismo del “conto energia” premia unicamente gli impianti collegati alla rete elettrica, ivi incluse le piccole reti isolate di cui all’art. 2, comma 17 del D.Lgs. 79/1999 (art. 4, comma 1 del DM 28 luglio 2005).<br><br><br>35. L’incentivo in conto energia è cumulabile con altri incentivi?<br><br>Le tariffe incentivanti, ai sensi dell’art. 10 del DM 28 luglio 2005, non sono cumulabili con:<br><br> * incentivi pubblici in conto capitale eccedenti il 20 % del costo di investimento;<br> * incentivi pubblici derivanti dal programma “tetti fotovoltaici” del Ministero dell’Ambiente, erogati dal Ministero, dalle Regioni o dalle Province autonome;<br> * certificati verdi;<br> * titoli di efficienza energetica.<br><br>Le tariffe incentivanti sono ridotte del 30% qualora il soggetto che realizza l’impianto benefici della riduzione dell’imposta sul reddito delle persone fisiche prevista dall’art. 2, comma 5 della legge n. 289/2002.<br>Resta fermo il diritto al beneficio della riduzione dell’IVA per gli impianti facenti uso di energia solare per la produzione di calore o energia elettrica, di cui al DPR 633/1972 e al DM 29 dicembre 1999.<br><br>36. Per impianti fotovoltaici di potenza fino a 20 kW che beneficiassero di contributi in conto capitale superiori al 20% del costo totale è ancora possibile praticare lo scambio di energia sul posto?<br><br>Premesso che un impianto siffatto non può ricevere le tariffe incentivanti di cui al DM 28 luglio 2005 a causa dell’incompatibilit&agrave; con gli incentivi in conto capitale superiori al 20%, per gli impianti da fonti rinnovabili con potenza fino a 20 kW sono possibili tre modalit&agrave; di cessione dell’energia elettrica prodotta tra loro alternative:<br><br> * scambio sul posto;<br> * vendita al mercato libero;<br> * cessione al gestore di rete cui l’impianto è collegato, ai sensi dell’art. 13, commi 3 e 4 del D.Lgs. n. 387/03.<br><br>Si veda in proposito la nuova Delibera AEEG 28/06 sul servizio di scambio sul posto (<a href="http://www.autorita.energia.it/docs/06/028-06.htm" target="_blank">http://www.autorita.energia.it/docs/06/028-06.htm</a>).<br><br><br>37. Il proprietario di un impianto di potenza superiore a 20 kW può decidere in un secondo momento di non immettere più in rete l’energia e di consumarla per usi propri?<br><br>Sì.<br><br><br>38. Il gestore di rete locale può pretendere che l’impianto resti in servizio per 20 anni? E se l’impianto dovesse essere fermato per manutenzione straordinaria del tetto o per demolizione dell’edificio?<br><br>Il gestore non può pretendere che l’impianto resti in servizio per 20 anni. Poiché l’incentivazione è in conto energia, se l’impianto produce energia riceve per 20 anni la tariffa incentivante per l’energia prodotta, se non produce non la riceve.<br><br><br>39. Le tariffe incentivanti valgono per tutti i Comuni italiani?<br><br>Sì.<br><br><br>40. Chi far&agrave; le letture dell’energia prodotta?<br><br>Il soggetto che effettua le letture è diverso a seconda della potenza dell’impianto e del tipo di servizio. In dettaglio, nel caso di impianti con potenza nominale compresa fra:<br><br> * 1 e 20 kW, che si avvalgano o meno del servizio di scambio sul posto, è il gestore locale di rete che effettua la rilevazione dell’energia elettrica prodotta, oltre all’installazione ed alla manutenzione delle apparecchiature di misura;<br> * 20 e 1.000 kW, che immettono in rete tutta l’energia elettrica prodotta, è il gestore locale di rete cui l’impianto è connesso che effettua la rilevazione. Inoltre, i soggetti responsabili debbono inviare, su base annuale e riferita all’anno solare precedente, copia della dichiarazione di produzione di energia elettrica presentata all’Ufficio Tecnico di Finanza;<br> * 20 e 1.000 KW, che non immettono in rete tutta l’energia elettrica prodotta, il soggetto responsabile può scegliere se avvalersi o meno del gestore di rete cui l’impianto è collegato per la rilevazione dell’energia prodotta. Anche in questo caso il soggetto responsabile deve trasmettere al soggetto attuatore, su base annuale e riferita all’anno solare precedente, copia della dichiarazione presentata all’Ufficio Tecnico di Finanza.<br><br><br>41. E’ possibile che un soggetto presenti due domande per uno stesso sito in due trimestri successivi?<br><br>Sì, anche se per impianti di potenza fino a 20 kW che scelgono di usufruire del servizio di scambio sul posto dell’energia elettrica non è possibile realizzare più di un impianto per ogni fornitura di energia elettrica (contatore).<br><br><br>42. Viene stilata una graduatoria per stabilire una priorit&agrave; di accesso alle tariffe incentivanti?<br><br>Per ciascuno dei trimestri solari di competenza vengono stilate due graduatorie (art. 7, commi 4 e 5 del DM 28 luglio 2005), una riguardante gli impianti di potenza non superiore a 50 kW e l’altra riguardante gli impianti di potenza superiore a 50 kW:<br><br> * per gli impianti di potenza non superiore a 50 kW, la graduatoria è effettuata in base alla data di arrivo (data protocollo GRTN) della domanda di ammissione alle tariffe incentivanti fino al limite massimo di potenza nominale annuale e fermo restando il limite massimo di potenza nominale cumulata;<br> * per gli impianti di potenza superiore ai 50 kW, la graduatoria è effettuata ordinando le richieste sulla base del valore della tariffa incentivante richiesta. Sar&agrave; data priorit&agrave; alle domande con più basso valore della tariffa richiesta (a parit&agrave; di valore la priorit&agrave; è attribuita sulla base della data di arrivo della domanda al GRTN).

supercazzola
03-05-2006, 09:36
Ho letto tutto,<br>ma volevo sapere se un condomininio puo affittare a terzi il tetto dello stabile per farci installare un impianto di potenza compresa tra 20 e 50 KW e farsi retribuire tramite affitto o percentuale su l'energia rivenduta al distributore locale.<br><br>Penso sia un caso che si propone sempre più spesso. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5fa3029ebfb306e6e94b971f316e3c4d.gif" alt=";)"><br><br>tanks&#33;

Lambash
03-05-2006, 09:51
Decisamente si, è una decisione che spetta però a tutti gli inquilini, la maggioranza è necessaria.<br>E che dire invece di utilizzare direttamente l'energia prodotta (a gratis magari) da sistema FV sul tetto del condominio? Sempre oltre al canone di locazione <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8d357286c73f03976d5e2eac9f5c49ca.gif" alt=":D"><br><br>Ciao<br><br>Paolo

supercazzola
03-05-2006, 09:57
ho creato appunto un sondaggio espressamente sul soggetto&#33;<br><br>se vuoi dare il tuo voto??

FernandoFast
03-05-2006, 12:13
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (EuroSun @ 13/4/2006, 18:25)</div><div id="quote" align="left"><b>Ciao vorrei porre alla Vostra attenzione una serie di domande frequenti sui pannelli fotovoltaici:</b></div></div><br>Grazie da parte di tutti per il tuo importante contributo.<br>Fernando

MARCONRG
07-03-2012, 18:08
Salve a tutti! Sono abbastanza nuovo da queste parti così chiedo venia se la questione che vi pongo fosse già stata discussa e risolta.

In particolare sul punto n° 30! Non mi è ben chiaro un concetto, ma cito di seguito un possibile esempio:

Il soggetto A installa un impianto fotovoltaico privato sull'immobile di sua proprietà ottenendo contributo conto energia e attivando lo scambio sul posto...ma dopo 5 anni decide di vendere l'immobile al soggetto B a cui non interessa di sborsare aluna cifra aggiuntiva per l'impianto che avrà sulla testa da lì in avanti, ma dovendo volturare il contatore avrà di conseguenza il beneficio dello scambio sul posto.
Il soggetto A dovendo ancora ammortizzare il costo dell'impianto e volendo beneficiare del conto energia per i rimamenti 15 anni cosa dovrà fare a questo punto?
O meglio..cosa prevede in questo caso il GSE?
E' ipotizzabile che B diventando proprietario di tutto conceda accordandosi con A di indicare le coordinate bancarie di A per l'accredito del contributo GSE, mentre B avrà riconosciuto il contributo ssp per effetto della volturazione.
Così facendo A riuscirebbe a riprendersi il costo originario impianto e nell'ipotesi di ammortamento prima dei 20 anni anche la conseguente rendita per il contributo GSE.
Suppongo che questa ipotesi avrebbe ancora più ragion di esistere se A si fosse avvalso di finanziamento bancario con cessione del credito.
Sapete forse se GSE sarebbe d'accordo su tutto questo o se avesse già dettato qualche ipotesi in tal senso?
Grazie!
Marco

mpsautomation
08-03-2012, 17:24
Buona sera , vorrei chiedere oltre i 6 kw bisogna relizzare l'impianto in monofase o in trifase .

menekken
10-03-2012, 10:20
vorrai dire in trifase giusto?

MELAMPO
02-04-2012, 22:15
Ciao a tutti sono nuovo e volevo un parere il mio impianto è partito il 20 marzo di quest'anno è un 2,90 kw orientato a sud.est più sud che est:),e ad oggi ha prodotto 190kwh (dati contatore enel)con una media nei giorni più soleggiati di 16 kwh giornalieri di produzione
Quindi??Mi devo ritenere soddisfatto si poteva fare di meglio o non ci siamo proprio?
naturalmente siamo in marzo però se qualcuno sà le proprie produzioni mi può confortare!!

grodiu
03-04-2012, 07:46
Ciao a tutti sono nuovo e volevo un parere il mio impianto ad oggi ha prodotto 190kwh (
Penso che se non dici in che zona sei non abbia senso fare dei confronti. Abiti a Bolzano o a Pantelleria?

MELAMPO
03-04-2012, 08:58
hai ragione anche te,emilia-romagna ravenna

Quindi???????

sempre in attesa

Clyde
10-04-2012, 18:18
se vai su PV potential estimation utility (http://re.jrc.ec.europa.eu/pvgis/apps4/pvest.php#) e metti tutti i dati, sia zonali, sia riguardo l'impianto montato, ti restituisce delle previsioni abbastanza attendibili sulle produzioni... :)

etabeta52
15-04-2012, 08:49
***

A mio parere puoi ritenerti soddisfatto, ma non puoi avere un calcolo affidabile su un periodo così breve (12-13 giorni).
Considera che da una decina di gg il tempo è pessimo e quindi io aspetterei almeno due o tre mesi per avere un minimo di attendibilità dei dati del tuo impianto.
Io penso che la tua produzione annua dovrebbe collocarsi fra i 3.200 ed i 3.400 kwh.
L'icentivo del GSE dovrebbe essere attorno ai 1.000 euro annui.
Poi c'è lo scambio sul posto ed il risparmio in bolletta.
Il beneficio annuo potrebbe collocarsi sui 1.500 euro.
Ti consiglio di mettere "in firma" i dati del tuo impianto, in modo da dare a tutti maggiori informazioni.

nzino78
19-04-2012, 17:06
Buonasera, vorrei farvi una domanda.

Possiedo in provincia di Lecce una cava, dove non si svolge più attività di estrazione, di circa un ettaro, alta 14 metri circa nella parte più bassa.
Sotto alla cava ci sono delle vasche in cemento che servivano a recuperare materiale da demolizione, anche queste ormai in disuso.

Stavo pensando di installare, dove possibile e costruendo delle tettoie sopra alle vasche, dei moduli fotovoltaici il problema è che al comune mi dicono che il terreno interessato è accatastato come agricolo e non come cava.

Secondo voi il GSE mi concederà ugualmente gli incentivi?


Grazie

Mattia87
20-04-2012, 21:24
Buon giorno a tutti, ho provato ad aprire una nuova discussione per porvi un domanda ma non riesco, allora la scrivo qui.Sto valutando molte possibilità per sfruttare dei terreni di mia proprietà per produrre energia rinnovabile, quella che per il momento mi sta piacendo di più è quella del fotovoltaico, vi spigo la mia situazione.Ho un terreno di circa 28'000 mq, bello piano con una leggere esposizione a sud, stavo pensando di "riempirlo" di pannelli, circa 25'000 mq.Secondo voi potrebbe funzionare? Costo? Quanto riuscirei a produrre circa? E con che tipo di pannelli? Conoscete ditte che si occupano di costruzione cosi vaste? Ogni idea e consiglio è ben accetto!Grazie mille, Mattia..

solarondine
20-04-2012, 21:39
Io avevo sentito che non si poteva più utilizzare i terreni agricoli per impianti fotovoltaici... ma non so i dettagli,ti consiglio di verificare prima questo punto prima di chiedere altre info...

bye

Mattia87
21-04-2012, 09:17
Non sarebbe in Italia, quindi suppongo che sia diverso. Però non ne sono sicuro! Mi sto già informando, ma chiedo a voi che tipo di impianto fareste? Che produzione si potrebbe avere in un anno? E che potenza circa?

Un altra cosa, meglio monocristalli o l'altro?

Mattia87
25-04-2012, 11:35
***Ho chiesto per il fatto dei terreni agricoli e mi hanno risposto che non ci sono problemi...Ora chiedo a voi che siete più esperte cosa fareste? Che tipo di impianto ecc...?

floop
25-04-2012, 15:53
Quali sono e che costi hanno gli impianti a concentrazione?
e quelli cosi detti Innovativi?
voglio dire che requisiti hanno per essere tali definiti dal gse?

L'incentivo per il secondo semestre 2012 vale anche se faccio un impianto su un terreno?

Criogen
08-05-2012, 23:38
Ciao a tutti. Devo installare 3/4 lampada 12V basso neon in una finquita (piccola capanna) alimentate da una batteria caricata da pannelli solari+regolatore di carica. Mi interessa capire se sono sulla giusta strada come dimensionamento.

Meta: tenere accesa almeno una lampada (15-20W) tutta la notte, le altre 2 o 3 a intermittenza per almeno 3-4 ore. Di giorno un carica batterie di cellulare (pochi W).

Problema 1: Per arrivare alla casetta ci vogliono 3 ore di sabana, che mi lasciano alquanto sfinito di per sè. Non mi posso portare dietro cose troppo pesanti e ingombranti, la batteria auto/camion la dò allo 'sherpa' locale (che non ha i miei limiti fisici) il resto lo divido per due o tre. Pensavo a 3 pannelli solari da 20 o 30W che fanno 40x50 cm (50x50) da collegare in parallelo. Un regolatore di carica che li sostenga (120W?) le 3/4 lampade neon o led (forse meglio neon come resa luminosa, anche se le led consumano meno). In più la cavetteria per collegare alla bell'è meglio il tutto.
Domande: I cavi che sezione devono avere? Di quanti ampere parliamo? La batteria auto o camion da quanto deve essere?

Problema 2: il tutto viaggia in aereo col sottoscritto. Per le lampade, l'elettronica e i cavi non ci sono problemi. Il problema è mettere in stiva i pannelli senza ritrovarli a pezzettini al mio arrivo. Su quest'ultimo aspetto prendetemi alla lettera, dopo 13 anni di cose che arrivano a pezzettini so che non posso piazzarli in stiva. L'idea è di portare i pannelli in cabina. Ovviamente non mi ricevono con un pannello da 80-90-120W sulle spalle, mentre è' più facile che mi ricevano con uno zainetto contenente 3 pannelli da 20 o 30W ciascuno (ingombro cm 55x55x15). Per questo motivo fraziono i pannelli.
Domande: è corretto ipotizzare la ricarica con 3 pannelli solari di una batteria da (enne) ampere per ottenere l'accensione di una lampada da 15W tutta la notte e 2 o 3 da 20W per un massimo di 3-4 ore con possibili interruzioni o necessito di un pannello più grande? Circa il fabbisogno di luce solare ho a disposizione 12 ore/giorno di un sole cocente, spietato.

Grazie a chi si voglia cimentare.

lianafranco
04-09-2012, 09:31
Buongiorno, in vista dell'installazione di impianto fotovoltaico Vi chiedo gentilmente un parere:

Sardegna e precisamente Oristano
Impianto da 4.16KW
17 pannelli "ISTARSOLAR" 245Wp (italia) garanzia totale 12 anni
inverter POWERONE PVI 5.0-OUTD-S
fornitura ed installazione compresa con tutti i collegamenti elettrici
€ 10.000,00
che ne pensate? Mi servirebbero consigli e se qualcuno è più esperto di me, sa dirmi se vale ancora la pena installare FV con il V conto energia?
grazie a tutti
saluti

gneauz83
04-09-2012, 10:00
Buongiorno,
avrei un quesito da porre che in giro per il forum ancora non ho trovato.

Secondo quale articolo il Soggetto Responsabile diventa anche il Proprietario effettivo dell'impianto fotovoltaico?

Mi spiego meglio con un esempio, parlando di un impianto in Scambio Sul Posto di 19kWp.
L'immobiliare X è proprietaria dell'immobile in cui la società Y è intestatario del contatore, senza apparentemente avere nessun contratto d'affitto in quanto i legali rappresentanti dell'immobiliare e della società sono moglie e marito.
L'immobiliare X concede alla società Y la realizzazione dell'impianto fotovoltaico, ma ne paga anche tutte le spese di costruzione e la società Y mette solo le firme nei documenti per le pratiche con Enel e con il GSE.

Quale articolo regolamente il fatto che la società Y in quanto Soggetto Responsabile sia anche il Proprietario dell'impianto fotovoltaico e non l'immobiliare X che ha sostenuto le spese e detiene la proprietà dell'immobile?

Il GSE definisce il Soggetto Responsabile come "responsabile dell'esercizio e della manutenzione dell'impianto e che ha diritto a richiedere e ottenere le tariffe incentivanti" ma non parla di proprietà dell'impianto.

Faccio questo quesito perché adesso dobbiamo variare la titolarità dell'impianto, passando dalla società Y all'immobiliare X, ma con la nuova regolamentazione del GSE in fatto di Variazione di Titolarità stiamo cercando di fornire il documento corretto per attestare la proprietà dell'impianto fotovoltaico.

Ringrazio anticipatamente per la collaborazione di tutti.

maxxdg
06-09-2012, 22:45
Che significa garanzia totale 12 anni? Non è 10 al 90% e altri 10 al 80 %?Che poi convenga ancora installare è certo...cmq io sono per gli europei con poco piú di investimento si guadagnano bei soldoni in 20 anni....ciao!

Sergio Milano
07-09-2012, 07:17
Scusa se mi permetto di risponderti, ma nel mese di luglio abbiamo finito una pratica per un investitore finale che ha "comprato" il diritto di superficie di alcuni capannoni.
L'operazione stava in piedi, perché smaltendo l'eternit esistente, il nuovo proprietario riceve un incentivo per la bonifica, mentre il vecchio proprietario si trova con il tetto nuovo e senza il materiale inquinante.
Tutto questo si può fare su grandi superfici, nel caso dei condomini il conto economico non sta in piedi.
Se vuoi conoscere un po di sistemi per alleggerire la tua bolletta energetica, vieni a trovarci sul blog Voglio Risparmiare Energia (http://voglio-risparmiare-energia.blogspot.it/) che sto curando con l'aiuto di alcuni utenti finali, forse potresti prendere spunto per qualche idea, spero di esserti stato utile ciao grazie.

GeoThermo
07-09-2012, 09:51
Che significa garanzia totale 12 anni?

E' la garanzia sul difetto di fabbrica, mascherata dietro una frase un pò più appariscente. Fino a pochi mesi fa si vedevano in giro anche garanzie di 3 o 5 anni sul difetto, da luglio invece è obbligatorio che sia almeno di 10 anni.
Altra cosa è invece la garanzia sulla producibilità minima. Ad esempio, 90% al decimo anno ed 80% al venticinquesimo è quella più diffusa, ma anche in questo caso può variare leggermente.

@lianafranco
Mancano un bel pò di dati per dirti se quell'impianto è ancora conveniente con il V conto energia. Rispetto al IV infatti ora conta molto quanta energia autoconsumerai immediatamente (più autoconsumo=maggiore guadagno).
Poi non vedo inclusi i costi di progettazione e pratiche che nel tuo caso saranno circa altri 1000-1500 euro... quindi le cose cambiano.
Inoltre occorre vedere se la simulazione che ti ha fatto la ditta installatrice è attendibile o ha "gonfiato" la producibilità del sito.

Valuta anche l'opzione della detrazione fiscale al 50% quale alternativa al Conto Energia (c'è una discussione in tal senso qui sul forum).

imboden
11-09-2012, 11:28
con il V CE sono corretti questi dati che mi hanno comunicato?

1. incentivo gse su energia immessa in rete 0,216 kwh
2. premio su autoconsumo 0,134 kwh

i rimborsi come avvengono?

Sergio Milano
11-09-2012, 13:11
Ciao,
la tariffa incentivante dipende molto dalla tipologia di impianto che realizzi.
se fai un impianto innovativo la tariffa e molto più alta, però l'impianto deve essere costruito in modo differente.
Se vuoi inviarmi una foto del tetto, ti posso dire se puoi fare un impianto con queste caratteristiche, ciao

GeoThermo
11-09-2012, 14:09
@imboden

Le tariffe da te indicate sono quelle relative ad un impianto installato
- su edificio
- di potenza compresa fra 3,01 e 20 kW
- composto prevalentemente da materiale europeo

I rimborsi avvengono periodicamente, tramite bonifico su un tuo conto corrente, indicato in fase contrattuale con il Gestore dei Servizi Elettrici (GSE).

imboden
12-09-2012, 11:00
@GeoThermo

si la mia domanda si riferiva ad un impianto da 6Kw su terrazzo piano
grazie era solo per avere conferma

Sergio Milano
12-09-2012, 12:48
Se ti interessa, sto esaminando un sistema per realizzare un impianto su terrazzo piano per un mio cliente.
Nel caso del mio cliente, l'aggravante sta nel fatto che lui ha il tetto in guaina catramata che perde.
Per tale motivo, oltre a non dover forare il tetto per non provocare delle perdite, dobbiamo anche togliergli quelle già esistenti.
Rimango in attesa di capire se ti servono altre informazioni, ciao grazie.

imboden
12-09-2012, 16:34
@sergio Milano
se si tratta di film sottile non mi interessa

@GeoThermo
sono appena uscita da altro consulente, mi ha dato dei dati diversi da quello precedente su quanto riguarda incentivo gse e premio su autoconsumo ... quali sono corretti? impianoto da 6Kw

1. incentivo gse su energia immessa in rete 0,216 kwh
2. premio su autoconsumo 0,134 kwh

o

1. incentivo gse su energia immessa in rete 0,196 kwh
2. premio su autoconsumo 0,114 kwh

GeoThermo
12-09-2012, 18:13
Sono entrambi corretti per la taglia suddetta.
Nel secondo caso non è semplicemente considerato il bonus di 0,020 per il materiale europeo.

Forse il secondo preventivo contempla materiale extra UE, oppure distrazione...

Sergio Milano
13-09-2012, 08:25
Il sistema che abbiamo preso in considerazione, viene fatto con moduli policristallino/monocristallino tradizionale.
La particolarità di questo sistema sta nel sistema di fissaggio, che secondo il mio parere da ex edile, lo trovato molto intelligente.

winks
17-10-2012, 09:15
bentrovati tutti. mi sono appena iscritto e mi scuso anticipatamente se ho scelto la discussione sbagliata e/o sto ponendo questioni già trattate.

il mio primo dubbio riguardo all'installazione di un impianto fotovoltaico è il seguente: perché la potenza (nominale) dell'impianto deve essere inferiore a quella del contatore enel installato?

Clyde
18-10-2012, 15:22
...perché la potenza (nominale) dell'impianto deve essere inferiore a quella del contatore enel installato?

già, perchè?!? Infatti non è così! Tant'è vero che ho un impianto di 5,98Kw/h con contatore "classico" da 3Kw/h... :)

winks
18-10-2012, 17:25
grazie, clyde :)

il problema, però, rimane: perché mi dicono che non posso installare un impianto superiore ai 3kW del contatore ENEL? o intendono che non è consigliabile?

che sia non possibile o non consigliabile, in realtà, poco importa e la mia domanda è ancora: perché? :preoccupato:

danieleP
19-10-2012, 13:59
Clyde tu non hai un ipianto da 5,98 kW/h bensì un impianto da 5,98 kWp e il tuo contatore ti permette di prelevare massimo 3 Kw:bye1:

Wiks, dipende dai tuoi consumi annui (espressi in kWh) dalla superficie del tuo tetto e il tuo contatore (sino ad una certa soglia) non c'entra niente

GeoThermo
20-10-2012, 09:17
Detta in parole semplici.
La taglia del contatore esprime il picco di energia che tu puoi prelevare istantaneamente.
La taglia dell'impianto invece la potenza dell'impianto, che produrrà energia in fuzione dell'irraggiamento.
Avere un contatore di 3 kW significa che se superi questa soglia (salvo un piccolo margine) in prelievo, questo "stacca".
Avere un impianto fotovoltaico di 3 kWp signifca che produrrà circa (dipende da vari fattori) 3x1000 kWh/anno

Ecco perchè dovresti dimensionare l'impianto in base ai tuoi consumi annui.

Se la potenza dell'impianto fotovoltaico che fa al caso tuo dovesse superare quella del contatore non succede nulla, sono due cose distinte, non è vero che non è possibile e non è vero che non è consigliabile.

Certo che se i tuoi consumi sono bassi e quindi è sufficiente un'impianto più piccolo o non c'è abbastanza spazio sul tetto...
Ma questo sarebbe un caso specifico, quindi non vale assolutamente come regola generale.

Clyde
20-10-2012, 10:09
Clyde tu non hai un ipianto da 5,98 kW/h bensì un impianto da 5,98 kWp e il tuo contatore ti permette di prelevare massimo 3 Kw:bye1:
chiedo scusa per l'imprecisione dei "suffissi", ma ciò non cambia il succo della risposta data a Winks: si può tranquillamente fare un impianto con potenza nominale superiore a quella del contatore... :)

winks
24-10-2012, 06:38
innanzitutto, grazie a tutti per i chiarimenti e perdonate il ritardo col quale sto rispondendo :)

da quello che leggo, quindi, io potrei pure farmi installare un impianto da 10kW, pur avendo un contatore da 3kW (cosa, per inciso, del tutto esclusa da chi mi sono rivolto per fare l'impianto).

già che ci sono, ne approfitto.

è vero che per installare l'impianto fotovoltaico è assolutamente necessario che l'impianto elettrico sia dotato di messa a terra? (questo, in realtà, è dubbio non mio).

infine, anche se tra le linee credo mi abbiate già risposto, se ho il contatore che "salta" ogni due per tre, questo continuerà a saltare anche quando ci sarà l'impianto fotovoltaico, giusto? in altre parole, il fatto che "salti la luce" dipende da fattori non modificabili se non cambiando taglia di contatore, è corretto?

GeoThermo
24-10-2012, 08:10
è vero che per installare l'impianto fotovoltaico è assolutamente necessario che l'impianto elettrico sia dotato di messa a terra? (questo, in realtà, è dubbio non mio).

Ni.
Il punto è che ogni impianto elettrico A NORMA dovrebbe essere dotato di messa a terra.
Poichè spesso non è così, si pone rimedio semplicemente mettendo a terra la parte nuova, quella cioè dell'impianto fotovoltaico.


se ho il contatore che "salta" ogni due per tre, questo continuerà a saltare anche quando ci sarà l'impianto fotovoltaico, giusto? in altre parole, il fatto che "salti la luce" dipende da fattori non modificabili se non cambiando taglia di contatore, è corretto?

Non necessariamente.
Se c'è il sole e l'impianto fotovoltaico produce, l'energia a tua disposizione diventa 3 kW + produzione istantanea dell'impianto, quindi il rischio che il contatore "salti" diminuisce tanto più è maggiore la produzione dell'impianto.
Certo dipende da QUANDO ciò avveniva (se di sera, non cambierà nulla dopo l'installazione dell'impianto fv), e di QUANTO superavi la soglia (se la superavi di molto rispetto a quanto produrrà l'impianto, non cambierà di nuovo nulla).

Attenzione però che se il contatore "salta", anche l'impianto fv si stacca! Se quindi hai problemi di questo tipo, fai le dovute considerazioni.

winks
27-10-2012, 07:58
Grazie mille, GeoThermo :)

Sharky
28-10-2012, 08:43
Buongiorno,
conviene al singolo privato acquistare autonomamente i pannelli e l'inverter, richiedere al proprio elettricista di fare l'impianto e al progettista di fare la domanda al GSE per gli incentivi?
Acquistando autonomamente il materiale dovrei saltare un passaggio di iva a parità di importo, giusto?
Posso richiedere lo stesso l'incentivo?

Grazie
Buona Domenica
Francesco

GeoThermo
29-10-2012, 08:44
Certo.
Però non capisco cosa significhi "saltare un passaggio di iva a parità d'importo". L'IVA (che è al 10 %) la paga sempre solo il cliente finale, che (di solito) non se la può scaricare.
Acquistando autonomamente risparmi semmai sul ricarico del materiale, che non è una cifra esagerata, a fronte del fatto che, ammesso tu riesca a scegliere in fretta (anche il tempo è denaro) e da solo, materiale idoneo e conforme, e coordinare il tutto, in caso di qualsivoglia problema dovrai sbrigartela da solo, interagendo singolarmente con fornitori, elettricista, progettista...

Per l'incentivo non cambia nulla.
L'importante è che conservi tutte le fatture, perchè ti verranno richieste.

LightPower
29-10-2012, 08:59
La particolarità di questo sistema sta nel sistema di fissaggio, che secondo il mio parere da ex edile, lo trovato molto intelligente.

Mi interessa molto, perché anche io ho lo stesso problema: guaina catramata da isolare (dal caldo) e sigillare, e metterci sopra un impianto FV. Tu come hai fatto?

hermes80
29-10-2012, 11:39
Buongiorno a tutti, sono nuovo del forum e non so se questa sia la sezione giusta nella quale scrivere.
La mia domanda è questa: sto per avviare un'attività incentrata su tutto ciò che riguarda energie alternative/ambiente/biologico ecc... Per quel che riguarda il fotovoltaico, quali sono i prezzi che si possono proporre in questo momento per un chiavi in mano da 3 Kw in provincia di Torino (sia con moduli EU che extra Eu) ed i prezzi di mercato dei professionisti (progettisti,installatori)? Qualcuno mi sa consigliare dove trovare grossisti per il materiale.
Grazie a tutti,
buona giornata

LightPower
30-10-2012, 08:59
@ hermes: il 3d giusto per la tua domanda potrebbe essere questo: http://www.energeticambiente.it/aspetti-economici-e-bancari/14717731-prezzi-di-mercato-impianto-chiavi-mano-137.html

hermes80
30-10-2012, 09:05
@Light power: ti ringrazio per l'informazione, ho già provveduto a girare la domanda sul 3d che mi hai consigliato.
Buona giornata

ritagru
06-11-2012, 09:07
Ciao, sto per installare un impianto da 6 kw. A parte il fatto che mi dicevano di aumentare la potenza del mio contatore da 3 a 6 kw e così ho fatto, anche se ora so che non occorreva, vorrei sapere perchè nella domanda di connessione all'Enel , tra le dichiarazioni a pag. 4 subito sotto a quella per il conto energia, il perito ha indicato che intendo avvelermi dello scambio sul posto. Ma con il V conto energia questo non dovrebbe più esserci, giusto? Per questo si chiama tariffa omnicomprensiva...ma non è che si è sbagliato?

Mario.Sal
26-11-2012, 16:04
Quinto Conto Energia e frazionamento degli impianti, non ci sono più regole. Si può fare ?Due impianti sullo stesso tetto dello stesso soggetto reponsabile di potenza 50kW con rimozione di eternit ma con due TICA diverse, entrano o non entrano nel registro degli impianti??

sischo
28-11-2012, 22:57
Bella domanda: secondo me il caso da te proposto è soggetto al registro, a meno che le due TICA non siano intestate a due SR diversi.

antonio-1988
08-12-2012, 16:44
ciao a tutti,
sono alle prese con la prima pratica su un piccolo fotovoltaico (2.5 kW).
il regolamento di esercizio chi lo firma ? Il tecnico che segue la pratica od il cliente ?

Anuska
14-12-2012, 16:10
Ciao, sto progettando un impianto fotovoltaico grid connected con 87 pannelli monocristallini, a Gorizia, inclinati verso sud, a 36 gradi d inclinazione.
il Wp di un pannello e 240
di tutti i pannelli il WP e 20 880
producono all anno 25 056 kWh/anno

i miei dubbi riguardano il /gli inverter
non so quanti ne quali devo metterne prendendo in considerazione che ho 11 stringhe
3 stringhe sono da 7 pannelli
2 stinghe sono da 9 pannelli
3 stringhe sono da 10 pannelli
3 stringhe sono da 6 pannelli

Spippolone
17-03-2015, 21:49
Mi accodo a questo post.. per fare una domanda... Stò combattendo per cercare di fare un impianto da un sacco di tempo.. forse sto trovanto il modo di avere la necessaria autorizzazione.. ma, un po per il costo e un po per lo spazio .. vorrei porre un quesito: Visto e considerato che ho un consumo annuo di 7000 Kw ma non posso fare un impianto da 5000, e considerando che il mio consumo è 75% in fascia notturna (dove l'impianto non funziona) e il 25% in fascia diurna, immagino che se l'impianto fosse da 3 Kw.. forse mi aiuterebbe, cercando di spostare lavatrici, lavastoviglie, asciugatrice in fascia diurna, ovviamente scambiandole fra loro non accendendole insieme... o ho detto una castroneria ?

davinci1967
17-03-2015, 22:46
Come mai ha un consumo così alto in fascia notturna?

Comunque non hai detto una castroneria, più riesci a spostare i consumi nelle ore di produzione, naturalmente senza eccedere di troppo l'energia prodotta, è più riuscirai ad abbassare la bolletta.

Spippolone
17-03-2015, 23:25
Sto controllando.. la notte vanno un paio di lavatrici una lavastoviglie a volte una asciugatrice poi ho una 25ina di luci notturne esterne a led da 3.5W che si accendono all'imbrunire e si spegnono all'alba.. la sera sono sempre accesi almeno 2 Tv un LED 46" + un LCD 37" il mio pc + monitor 24" + un PC acceso 24/24h + centralino telefonico + router + 4 telecamere sorveglianza e relativo DVR + access point + allarme + cancello elettrico + decoder sky (che anche se non sembra in stanby o acceso sono sempre 15W) ho una pompa da 40W nel depuratore che va 30 min a intervalli di 30 min + 3 frigo + 1 congelatore. Si fa svelti sembrano tutte cosette ma 10 W quello e 5W quell'altro.. le schede del cancello e l'allarme e il centralino il router e via dicendo, son tutte cose da poco .. ma accese 24/24.

Ho rifatto i calcoli e sono 35% in fascia arancione e 65% in fascia blu

Mi domandavo se facendo un 3Kw .. riuscivo a "azzerare" il consumo diurno.. visto che è li che mi costano di piu i Kw (tariffa arancione) facendo media dai 7000 Kw dovrebbe essere intorno ai 2500 Kw annui se faccio un impianto da 3000 Kw .. mi copre il giorno SBAGLIO ? in questo modo la bolletta cala circa il 35% + quello che avanza lo cedo in cambio di qualche spicciolo magari raggiundo un risparmio del 40% Ho detto una gran cavolata ?

Non solo, dato che sforo nel 4 scaglione dei consumi "oltre 4400 kw" mi incide solo quello un 30% sul totale bolletta... quindi risparmio "in soldi" ancora di piu ! Conti fatti a braccio.. non prendetemi alla lettera... e correggete i miei errori !!! GRAZIE

junp
20-03-2015, 09:22
Allora...
prima cosa butta il CRT da 37 e prendi un LCD
secondo installa l'impianto + grande che puoi senza eccedere coi costi, al massimo vedi i Q.cells da 280w o aleo da 295-300w...se se i poco oltre i 3000w tornaci sotto (diciamo o fai almeno 3500 o sotto i 3000)
terzo, sposta TUTTE le lavatrici e lavastoviglie al giorno, magari impostando le partenze sfalsate (il maggior consumo si ha nei primi minuti in cui si scalda l'acqua, poi sono abbastanza bassi)

in questo modo anche solo il fatto di autoconsumare 2500kwh/anno (facile coi tuoi consumi) sono circa 900 euro di risparmio diretto in bolletta... poi aggiungi SSP e detrazione e rientri in 4-5 anni...

Spippolone
20-03-2015, 22:52
Allora...
prima cosa butta il CRT da 37 e prendi un LCD
secondo installa l'impianto + grande che puoi senza eccedere coi costi, al massimo vedi i Q.cells da 280w o aleo da 295-300w...se se i poco oltre i 3000w tornaci sotto (diciamo o fai almeno 3500 o sotto i 3000)
terzo, sposta TUTTE le lavatrici e lavastoviglie al giorno, magari impostando le partenze sfalsate (il maggior consumo si ha nei primi minuti in cui si scalda l'acqua, poi sono abbastanza bassi)

in questo modo anche solo il fatto di autoconsumare 2500kwh/anno (facile coi tuoi consumi) sono circa 900 euro di risparmio diretto in bolletta... poi aggiungi SSP e detrazione e rientri in 4-5 anni...

Grazie del consiglio.. ma il 37 non è CRT è LCD ... e l'altro è LED faccio due conti.. il problema è non voler immobilizzare troppo capitale.. con alcune spese in vista.. ;- )

zac1789
14-06-2015, 10:27
Un saluto a tutti e spero di scrivere nel topic giusto.

Avrei intenzione di installare un impianto FV a servizio della mia abitazione che tenga in considerazione:

1. i miei attuali consumi

48255

2. l'attuale regime di scambio sul posto + eccedenze + detrazioni fiscali

3. la necessaria flessibilità per future variazioni che possano soddisfare:

-> 3.1 incrementi dei consumi per la climatizzazione invernale ( PDC geotermiche ). Al momento, uso biomassa (35kW nominali) con intergrazione solare termica (10mq) e consumo invernale medio di 100kWh/giorno
-> 3.2 cambiamenti dello scambio con la rete


In base agli attuali consumi, un 3kWp è sufficientemente dimensionato ?
L'installazione ad inclinazione monoassiale (stagionale) variabile è una inutile complicazione date le peggiori condizioni meteo nelle stagioni non estive ? Se si, qual è l'inclinazione ottimale con azimut 180° (SUD) sul 41.mo parallelo ?

toninon
15-06-2015, 14:53
Con 3 kWp ci stai ben largo per i consumi attuali. Con questo: PV potential estimation utility (http://re.jrc.ec.europa.eu/pvgis/apps4/pvest.php) vengono fuori 4330 kWh/anno con l'inclinazione ottimale calcolata di 32º.

Quello che proprio non ci stà è l'aggiunta delle PDC geotermiche per riscaldamento. Ma non è un argomento banale se vuoi andare in quella direzione devi fare un pò di verifiche e calcoli.
Per esempio hai un impianto di riscaldamento a bassa o alta temperatura ? Comunque ti conviene battere le opportune sezioni del forum, lì puoi trovare informazioni e interlocutori informati. Di sicuro dovresti aumentare un bel po' la grandezza dell'impianto FV per sfruttare la risorsa solare al meglio. Poi vedo che hai anche un impianto solare termico da 10 mq, forse sarebbe utile per rigenerare le zone di prelievo geotermico, ma sicuro non ti convengano PDC aeroterme ?

Lo scambio con la rete ci vorrebbe un mago per sapere come cambiera, puoi fare previsioni ottimistiche o pessimistiche, con le seconde verrebbe tolta la restituzione degli oneri di sistema e/o di rete, abbassando molto la convenienza dello SSP.

ciao

Alex09
15-06-2015, 16:22
Per zac1789:
posso darti alcune indicazioni.
Se vuoi installare una pompa di calore geotermica devi considerare se hai sufficiente spazio fuori casa: se pensi di sviluppare le sonde in orizzontale te ne servirà parecchio; molto meno per le sonde verticali. Per quest'ultimo tipo, però, dovrai verificare la possibilità di installarle (terreno idoneo, esistenza di vincoli normativi, etc.).
Se installerai una pompa geotermica, verifica molto attentamente la possibilità che la stessa possa usufruire della tariffa D1 (controlla COP e anche EER se pensi di fare raffrescamento).
Con una pompa di calore ti si innalzeranno di molto i consumi elettrici: con 3 kWp ci farai ben poco. Aumenta la taglia dell'impianto (almeno 4.5 - 5 kWp, meglio 6). Il sovradimensionamento ti serve sia per avere una diminuzione dei prelievi sia un aumento delle immissioni in modo da bilanciare, a fine anno, quanto più possibile i due valori e massimizzare lo SSP.
E' probabile che la potenza di picco della pompa di calore sia troppo alta per un contratto di fornitura da 3 kW e, quindi, dovrai aumentare la potenza della tua fornitura: fai contemporanemente sia la richiesta della tariffa D1 sia l'aumento della fornitura, nel caso.
Dalle informazioni che hai fornito non hai detto se hai un impianto radiante o se utilizzi altri sistemi per fornire il calore alla tua casa (termosifoni?, ventilconvettori?): tieni presente che una pompa di calore (geotermica o di altro tipo) rende al massimo con temperature molto più basse rispetto a quelle necessarie per i termosifoni: quindi se hai i termosifoni e non hai intenzione di sostituirli con altro sistema hai due scelte: o una pompa di calore che lavori anche ad alte temperature (di solito ci sono complicazioni impiantistiche, nulla di che però, ma è da valutare lo spazio di cui disponi per poter fare l'installazione del necessario) o rinunci ad installare una pompa di calore.
Dall'impianto che hai descritto non è chiaro se hai un accumulo di acqua di impianto e/o sanitaria: nel caso dovresti mettere mano anche all'impianto. Le pompe di calore geotermiche non so nemmeno se esistono a tecnologia inverter, di solito sono del tipo on-off e necessitano di serbatoi inerziali per l'acqua calda.
Come vedi somo molte (e anche altre) le cose da valutare. Quindi ciò che ti posso consigliare è, innazitutto, documentarti sulle PdC (se già non lo hai fatto, puoi leggere qualcosa sul sito della Caleffi, cerca tra i documenti i numeri della rivista che pubblicano).
Dopo, puoi valutare l'aspetto economico (oosia il costo nudo e crudo) dell'installazione di un impianto a PdC geotermica (se a sonde verticali metti in conto almeno € 10.000 per due pozzi con sonde) oltre il costo della PdC (ordine di grandezza qualche migliaio di Euro: 6-8.000 almeno, in base alla taglia).
Oltre ai costi per l'eventuale lavoro di modifica dell'impianto esistente.
Non disperare, però: tutto (nei limiti della fattibilità tecnica) si può fare se si vuole. Il problema grosso è valutare se ti conviene e questo lo puoi fare solo tu.

zac1789
15-06-2015, 20:25
Grazie ragazzi, soprattutto per non avermi mandato fin da subito a quel paese :biggrinthumb:
Mettiamola così: la mia più che una soluzione "chiavi in mano" voleva essere una domanda per fugare dei dubbi.

Avendo un spazio limitato 35mq + 1/3 (se adeguatamente installati) aggiungendo una fila oltre il colmo ( sostanzialmente 2 o 3 file da 9 moduli)

1. sulla pannata SUD di capannone antistante la casa,
2. dove già solo installati i 10 mq di solare termico
3. ed all'interno del quale è presente la caldaia biomassa più accumulo tecnico da 600lt,

volevo gestirlo al meglio per un futuro, ma non certo, ampliamento.

Ad esempio, e spero di non sbagliare, i moduli SunPower E20 hanno un rapporto potenza/superficie maggiore rispetto ai Conergy PowerPlus o SolarWorld SunModule Plus
Ammettiamo anche che lo scambio in rete diventi meno conveniente: è preferibile fin da subito dotarsi di un inverter che possa gestire anche la carica di un accumulo oppure esistono/esisteranno moduli opzionali ad hoc?

Riguardo l'uso di energia elettrica per il riscaldamento, non ho ancora alcuna preferenza rispetto una PDC geotermica o aerotermica; conosco l'opportunità di sfruttare questa tecnologia ad alto rendimento ma non ho approfondito.
L'impianto è a radiatori quindi non penso di poter fare a meno della biomassa per portare l'acqua ad una temperatura idonea. Così come per il solare termico andrebbe ad integrare la produzione di energia termica.

Giusto per dire tutto: dall'accumlo tecnico parte una linea di teleriscaldamento da 45mt che giunge ad una deviatrice bollitore ACS / riscaldamento.

marcober
15-06-2015, 21:18
se il FV non lo metti sul teto di casa o sua pertinenza, non lo puoi detrarre. Sicuro che il capannone sia una PERTINENZA della casa? perche se ha accatastamento suo, diverso e separato..non puoi detrarlo...e se lo fai sul capannone in realtà sarebbe un'attivita di impresa (P IVA).

Semetti fv OLTRE il colmo, e quindi non aderente al tetto inclinato..occhio che potrebbe essere necesasrio una autorizzaizone..e non è piu edilizia libera. che in generale richiede posa complanare su tetto a falda.

se hai legna..perche pensia sistemi di riscaldamento più cari? stanco di faticare?

comuqnue..linea di 45 metri...termosifoni...no so dove vivi e quanto è grande la casa e come è coibentata..ma la vedo dura...e io sono pro pdc al 100%...

zac1789
15-06-2015, 21:36
Si ... il capannone è un deposito da 110 mq categoria C/2 di pertinenza della casa. Sto già usufruendo del 65% di detrazione fiscale sul solare termico.
Della questione "edilistica" non ne ero a conoscenza. Con falda da 11° il solare termico supera i 55° di inclinazione (voluta per favorire produzione ACS nelle mezze stagioni).


PS del mio caso abbiamo avuto modo di discuterne qui http://www.energeticambiente.it/biomasse/14762278-produzione-energia-termica-da-biomassa.html#post119597702

marcober
15-06-2015, 22:27
110 ma è sostenere che è pertinenza della casa....dai via..spera che non abbiamo mai tempo di fare controlli. La pertinenza non è una situazione assoluta, ma una valutazione soggettiva e oggettiva...e fra i pRametri oggettivi ricade anche la proporzionalità. ...altrimenti uno potrebbe dichiarare che un aeroporto è pertinenza di casa sua perché ha un Cesena da parcheggiare.....

bisbino
16-06-2015, 10:55
buongiorno a tutti,

spero che il mio posto non sia inopportuno. Ho un picccolo impianto di 6,27 Kwp con due inverter Diehl Ako platinum 3100-s. Leggendo sul forum sembra che qualcuno sia riuscito con successo ad effettuare l' adeguamento alla 243 2013 (https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&cad=rja&uact=8&ved=0CCQQFjAAahUKEwjTh5Hw85PGAhXEqXIKHdlHAAw&url=http%3A%2F%2Fwww.energeticambiente.it%2Ftecnic a-componentistica-e-installazione%2F14760031-adeguamento-alla-243-2013-degli-inverter-dieh-ako-platinum-22000tl.html&ei=_ux_VdOQNsTTygPZj4Fg&usg=AFQjCNGcF8xa5CR-RWUBf2e87LmNt__KFw&sig2=rAEG-76VDbPgIb_LvNehYA&bvm=bv.96041959,d.bGQ) degli inverter Diehl. Qualcuno di voi può contattarmi per detto intervento?

grazie mille in anticipo

Luigi

ilblasco
28-06-2015, 11:36
salve
venerdì finalmente dopo mille peripezie mi hanno attivato l'impianto
ho sul tetto 2 impianti da 3 kw uno mio e uno di mio fratello
volevo chiedere se va bene che gli impianti in questi giorni di sole pieno al massimo mi fanno 2400-2500 kwh come punta massima
sono di forlì impianto a su ovest circa 210° e inclinato di 18°
va tutto bene o c'è qualche problema di produzione?

marcober
28-06-2015, 14:05
2500 kWh li farai in 1 anno.Forse volevi scrivere W ?Comunque la potenza conta zero...conta quanti kWh hai fatto in un giorno...fra 15 e 18 é ok

ilblasco
28-06-2015, 22:09
ok grazie marcober
oggi ho fatto 18 kw
quindi è tutto ok

Artù1
01-07-2015, 14:00
Saluti a tutti i forumisti...
sono da poco diventato un produttore di energia elettrica, avendo acquistato e messo in funzione un impianto da 5 KWP installato in due stringhe all'80 su falda del tetto a 30° circa di pendenza, mentre il restante 20% su falda di circa 10°. esposizione sud, senza ostacoli ombreggianti. All'epoca della trattativa, il venditore assicurò un picco di produzione, nelle migliori condizioni stagionali e di irraggiamento (quindi in questo periodo), anche superiore al potenziale dei 5 KWP. Ora, di fatto l'impianto, nelle ore centrali della giornata, quindi con irraggiamento pieno ed ottimale, dai dati e grafico riscontrabili sul display dell'inverter, non oltrepassa mai i 4 KWH. Quindi il 20% in meno del potenziale, direi. Interpellata la ditta, mi è stato risposto che è normale perchè il potenziale previsto degli impianti è solo un dato teorico, quantificato in laboratorio ed in condizioni perfette, non riproducibli nella realtà!....:dry:
Poi, solo successivamente, quando ho avuto la possibilità di monitorare lo storico dell'impianto sulla pagina del sito web dell'azienza, ho riscontrato che l'impianto avrebbe prodotto giornalmente dai 18 ai 28 KWH, con KWP che vanno dai 3 ai 5.62. Sto sbagliando qualcosa nella rilevazione dati?
Ho cmq letto che è da considerarsi normale una tolleranza del +/- 5% di energia max prodotta rispetto al potenziale dell'impianto.
grazie

junp
01-07-2015, 14:33
i 5 kwp li vedrai per pochi istanti grazie al cloud edge
i 4 costanti nelle ore centrali sono nella norma e buoni
in belle giornate avrai da 25 a 35kwh di produzione...

toninon
01-07-2015, 16:33
Ma che vuol dire esattamente in termini di stringhe l'80% su falda a 30º e il 20 % su falda a 10º ?
Se hai moduli da 250 Wp per 5 kWp sarebbero 20 moduli, l'80% sarebbero 16 moduli e il 20 % 4 moduli. Quindi una stringa da 16 e una da 4, però sei sicuro che te li abbia collegati su due MPPT indipendenti ? Anche perchè una stringa da 4 moduli credo sia troppo corta per un inverter normale. Oppure hai gli ottimizzatori o i microinverter ? Che inverter hai, marca e modello ?

ciao

Artù1
01-07-2015, 16:55
Ma che vuol dire esattamente in termini di stringhe l'80% su falda a 30º e il 20 % su falda a 10º ?
Se hai moduli da 250 Wp per 5 kWp sarebbero 20 moduli, l'80% sarebbero 16 moduli e il 20 % 4 moduli. Quindi una stringa da 16 e una da 4, però sei sicuro che te li abbia collegati su due MPPT indipendenti ? Anche perchè una stringa da 4 moduli credo sia troppo corta per un inverter normale. Oppure hai gli ottimizzatori o i microinverter ? Che inverter hai, marca e modello ?

ciao

si, abbiate pazienza ma sò gnorante in materia!:)
precisamente i pannelli su falda a 30° sono 14, mentre su falda a 10° sono 6, mentre l'inverter è marca Samilpower, tipo SolarRiver 6000TL-D, SW DSP Master e Slave, SW HMI MCU V3.10. mi è stato detto che sono indipendenti perchè la stringa da 6 + parte degli altri 14, inizia a produrre prima al mattino in quanto una piccola parte dei restanti sono leggermente in ombra fino circa alle 10 del mattino. ottimizzatori o microinverter?...mmh, non penso proprio. Cmq mi resta il dubbio sul fatto che i 5 KWP o più, sul grafico giornaliero dell'inverter non risultano, a differenza dei dati riportati on line, max 4. possibile?

junp
01-07-2015, 19:10
allora sono 70 e 30...
bel casotto ti hanno fatto, i 6 su falda 10 ora vanno bene, ma d'inverno ti azzopperanno i 3-4 su falda 30 ai quali sono collegati!
Buono l'inverter, ma non capisco perchè il 6000....non era meglio il 5200? ad ogni modo il display segna la media oraria, ecco perchè i 5 non li vedrai mai li!

spider61
01-07-2015, 19:48
Io tutta questa negativita' non la vedo , faccio il calcolo con PVGIS a casa mia :
1kw a SUD inclinato 30° mi produrebbe 1390kwh , lo stesso kw a 10° 1300 ..... un po' piu' differenza di inverno quando produce meno , non e' malvagia come impostazione se sono state fatte due stringhe indipendenti......

junp
01-07-2015, 23:42
Da me 30° fa 83.2kwh/kwp a dicembre, con 10° 61,1... oltre il 25% in meno...se non è "azzoppare" questo...

toninon
02-07-2015, 08:47
Però quel che dice Spider è sensato, la differenza tra le due esposizioni è piccola complessivamente. Se fossero due stringhe da 10, solo 4 moduli sull'esposizione a 30º sarebbero leggermente penalizzati, tutto sommato ci si può stare.
Forse è anche meglio che se fosse una stringa da 14 e una da 6. Mi stò guardando le caratteristiche dell'inverter e mi sembra che quella lunga potrebbe dare problemi di tensione massima (teorici) e quella corta scarso rendimento, l'inverter ha tensione minima MPPT 210 V, 6 moduli al caldo daranno 155 V circa.

Artù (salutami Lancillotto e occhio a Ginevra :)), la potenza nominale non si raggiunge quasi mai, solo per poche decine di secondi in caso di tempo leggeremente nuvoloso (effetto cloud edge), con il sole fuori dalle nuvole e la luce solare che si riflette sulle medesime, aumentando l'irradiazione complessiva.
Il problema è il caldo, la potenza nominale è relativa all'irradiazione massima teorica (salvo l'effetto cloud edge) e temperatura dei moduli di 25º, ma i moduli sono sempre molto più caldi della temperatura ambiente, proprio a causa della forte radiazione solare, d'estate arrivano a 65-70º normalmente. Più sono caldi più la loro efficienza cala. D'inverno sono più freddi ma l'irradiazione è molto al di sotto del massimo.
Tanto per darti un numero il mio impianto in questi giorni dà una potenza massima di circa 2300 W anche se è 2860 Wp, cioè nominali.

Quindi non preoccuparti, verifica magari la resa media giornaliera nei vari mesi dell'anno.
Per le stringhe dovresti indicare la loro tensione e potenza, giusto per stare tranquilli, probabile che ti devi studiare un pò il manuale dell'inverter.

ciao

Artù1
02-07-2015, 21:03
Però quel che dice Spider è sensato, la differenza tra le due esposizioni è piccola complessivamente. Se fossero due stringhe da 10, solo 4 moduli sull'esposizione a 30º sarebbero leggermente penalizzati, tutto sommato ci si può stare.
Forse è anche meglio che se fosse una stringa da 14 e una da 6. Mi stò guardando le caratteristiche dell'inverter e mi sembra che quella lunga potrebbe dare problemi di tensione massima (teorici) e quella corta scarso rendimento, l'inverter ha tensione minima MPPT 210 V, 6 moduli al caldo daranno 155 V circa.

Artù (salutami Lancillotto e occhio a Ginevra :)), la potenza nominale non si raggiunge quasi mai, solo per poche decine di secondi in caso di tempo leggeremente nuvoloso (effetto cloud edge), con il sole fuori dalle nuvole e la luce solare che si riflette sulle medesime, aumentando l'irradiazione complessiva.
Il problema è il caldo, la potenza nominale è relativa all'irradiazione massima teorica (salvo l'effetto cloud edge) e temperatura dei moduli di 25º, ma i moduli sono sempre molto più caldi della temperatura ambiente, proprio a causa della forte radiazione solare, d'estate arrivano a 65-70º normalmente. Più sono caldi più la loro efficienza cala. D'inverno sono più freddi ma l'irradiazione è molto al di sotto del massimo.
Tanto per darti un numero il mio impianto in questi giorni dà una potenza massima di circa 2300 W anche se è 2860 Wp, cioè nominali.

Quindi non preoccuparti, verifica magari la resa media giornaliera nei vari mesi dell'anno.
Per le stringhe dovresti indicare la loro tensione e potenza, giusto per stare tranquilli, probabile che ti devi studiare un pò il manuale dell'inverter.

ciao

ok, grazie! in questi giorni di cielo terso e max irraggiamento, anche se fa caldo...ad es oggi, la produzione giornaliera è stata di 27.99 KWh ed il grafico suddiviso per ore, non supera mai 4 KWh

zac1789
14-07-2015, 15:15
Salve ragazzi, come si suole dire: "ritorno a bomba".

Dopo qualche settimana di sopralluoghi, trattative e via discorrendo ..... non ho trovato nulla (sarà principalmente colpa mia) che mi soddisfi; vuoi per la presenza di un agente puramente commerciale, vuoi per il prezzo altino: non ho cavato il ragno dal buco.

A questo mi sono deciso a far da solo o quanto meno a far fare, ad altri, secondo le mie intenzioni.

Progetto preliminare 48685

Circa la Comunicazione inizio Attività (o Lavori), vado spedito.

La richiesta di connessione posso presentarla con il progetto allegato o serve la "firma" ?

toninon
14-07-2015, 15:57
Occhio, se il disegno 3d è corretto i moduli vanno a sbalzo sul colmo, quindi non so se basta la CIA. Poi dai un'occhiata alla nuova normativa per la domanda semplificata: http://www.energeticambiente.it/legislazione-normative-e-comunicati-ufficiali/14763708-decreto-semplifica-fotovoltaico-e-modello-unico.html. Non so se ne vale la pena e se è ancora possibile procedere con le domande separate.
Ma ti conviene fare solo 3 kWp ?

ciao

spider61
14-07-2015, 16:16
Da me 30° fa 83.2kwh/kwp a dicembre, con 10° 61,1... oltre il 25% in meno...se non è "azzoppare" questo...
Arrivo in ritardo , avevo perso la discussione , il 25% in meno di niente e' niente in ogni caso , la produzione si fa' tra aprile e settembre.....
coi dati che metti a dicembre invece di 83kw ne faresti 70 (ad occhio) non 61 , c'e' un po' di differenza....cioe' nel mese peggiore perdi 10 su 80 , nel mese migliore 20 su 500 ?!

Re artu' hai scritto dove sei ?

menekken
14-07-2015, 16:26
e per quanto riguarda la pratica di connessione enel ? guarda che serve un ing. iscritto all'albo......

per la comunicazione al Comune il progetto deve essere firmato e timbrato da tecnico abilitato.

Non crediate che sia sempre tutto semplice e banale.....

zac1789
14-07-2015, 19:36
Occhio, se il disegno 3d è corretto i moduli vanno a sbalzo sul colmo, quindi non so se basta la CIA.

No, non basta, il disegno è da abuso edilizio con CIA ma un modo per stare nella legalità ed ottimizzare lo spazio, lo trovo :preoccupato: .... altrimenti ......



Poi dai un'occhiata alla nuova normativa per la domanda semplificata: http://www.energeticambiente.it/legislazione-normative-e-comunicati-ufficiali/14763708-decreto-semplifica-fotovoltaico-e-modello-unico.html.

Si, poi magari posto li qualche dubbio specifico



Ma ti conviene fare solo 3 kWp ?

L'economia di scala direbbe di no!
Ma nel regime di SSP, è così vantaggioso un impianto sovradimensionato ?

RedBull
15-07-2015, 10:23
Ciao a tutti, recentemente ho fatto fare dei preventivi per l'installazione di un impianto da 6kW. La cosa che mi preoccupa un po' è l'installazione perché il tetto è stato rifatto qualche anno fa e non vorrei ritrovarmi con delle infiltrazioni e/o danneggiamenti delle tegole (marsigliesi).
Durate i sopralluoghi mi hanno proposto due tipologie di attacchi: sotto coppo e vitoni.
Secondo voi qual è la tecnica migliore? Vorrei evitare di fare buchi nel tetto ma anche di danneggiare le tegole che nel caso di sotto coppo la staffa potrebbe abbassarsi a causa del peso dei pannelli (es. in caso di neve)

stufodellenel
15-07-2015, 15:14
Se possibile eviterei i vitoni che bucano inesorabilmente il manto e opterei per le staffe fissate sotto la copertura.
Se proprio non si può fare a meno dei vitoni, saranno da posare sulla cresta del coppo/marsigliese e non nel canale dove scorre l'acqua
http://www.teknomega.it/sites/default/files/img_1308334402_1436090061.jpg
Sulle staffe fissate sotto la copertura hai maggiori garanzie sulla tenuta all'acqua ma hai evidenziato un problema che le affligge.
Quello della resistenza alla neve.
Avevo sollevato anch'io il dubbio in questa discussione
http://www.energeticambiente.it/tecnica-componentistica-e-installazione/14760755-calcolo-statico-staffe-supporto-copertura.html
Legggi e preoccupati... ma tanto non c'è soluzione
Comunque non conoscendo la stratigrafia del tuo tetto è difficile dare risposte precise su quale soluzione sia meglio

RedBull
15-07-2015, 16:15
E' un bel problema, entrambe le soluzioni hanno degli svantaggi! Un installatore mi ha fortemente consigliato i vitoni perché mi diceva che le staffe sotto coppo su tetti con poca pendenza potrebbero avere problemi di infiltrazione causati dall'acqua che scorrendo lungo la staffa. E' possibile?

stufodellenel
15-07-2015, 16:41
Penso di no...
Mi sa che te l'ha consigliato in funzione di quello che preferisce posare.
La staffa costa 6-10 euro il vitone 1-2 euro e non tocchi la copertura quindi anche + veloce da posare. 6 KWp 30-40 staffe contro 30-40 vitoni, vedi tu.
Il tuo tetto che pendenza ha?

RedBull
15-07-2015, 17:47
25 gradi
Credo che opterò per staffe...le Fischer come sono? C'è di meglio?

Artù1
17-08-2015, 22:03
Re artu' hai scritto dove sei ?

eccomi, scusate...
si allora, nel frattempo sto monitorando attentamente il funzionamento dell'impianto ma temo, nonostante la ditta dica che è tutto normale, che ci sia qualche problema. Continuo a ritenere non accettabile il fatto che nelle ore centrali delle giornate di quest'estate eccezionalmente soleggiata, l'impianto da 5 Kw non produca mai più di 4-4,3 Kwp. e ribadisco che, sempre nelle ore centrali h. 11-15, l'esposizione è ottimale. tra l'altro, un impianto di 3,5 Kw nominali di un amico qui nella zona, con esposizione simile alla mia, indica nelle ore centrali una produzione fissa di circa 4 Kwp...
poi succede sporadicamente, sempre in giornate di pieno sole, che l'indicatore del display dell'inverter indichi una ridottissima produzione fissa, tipo 1,5 per tutto il giorno! ed il tecnico della ditta mi dice in modo vago che è un'anomalia ma dovrebbe risolversi... inizio a pensare di essermi preso una fregatura e la ditta fa orecchie da mercante...cosa posso fare?
ah, sono del torinese
grazie

fcattaneo
17-08-2015, 22:43
temo, nonostante la ditta dica che è tutto normale, che ci sia qualche problema. Continuo a ritenere non accettabile il fatto che nelle ore centrali delle giornate di quest'estate eccezionalmente soleggiata, l'impianto da 5 Kw non produca mai più di 4-4,3 Kwp.



temi perche non sai nulla di fotovoltaico.

RIleggiti i consigli degli altri e prova a leggerli bene..

Un impianto da 5 Kwp che produce 4 kw al massimo rendimento è perfettamente normale e nella norma..

Poi è assolutamente sbagliato giudicare la produzione di un impianto dalla potenza massima, ma occorre verificarla dalla produzione giornaliera o meglio, dalla rpoduzione annuale.

In questa stagione direi che 28 kwh/gg possono ritenersi normali.




tra l'altro, un impianto di 3,5 Kw nominali di un amico qui nella zona, con esposizione simile alla mia, indica nelle ore centrali una produzione fissa di circa 4 Kwp...



A parte che non si capisce a cosa ti riferisci quando dici :

"nelle ore centrali una produzione fissa di circa 4 Kwp" ..

La produzione si misura in kwh,
la potenza in Kw
mentre i kwp sono una misura della potenza di picco in condizioni standard x un impianto solare...

Comunque se per "4 kwp x un impianto di 3.5 kw nominali" intendi una potenza prodotta di 4 kw per un impianto di 3,5 kwp nominali, allora il tuo amico ti ha detto una balla astronomica.

Saluti,
F.

Artù1
18-08-2015, 08:51
si fcattaneo, di FV ne capisco poco-nulla... ed ho il sospetto che i venditori approfittino dei clienti come me garantendo di tutto e di più per portare a casa un contratto, ingenerando così false aspettative!
e dell'anomalia,come definita genericamente dal tecnico, che sporadicamente si verifica (produzione fissa per tt il giorno molto bassa), da cosa può essere dovuta?
ok allora non devo fissarmi sulle prestazioni a breve termine ma fare un bilancio annuale (anche se però le bollette enel,comunque di tutto rispetto, arrivano ogni due mesi:dry:)...insomma, dal basso della mia ignoranza in materia, ho la sensazione che l'acquisto dell'impianto non sia stato un investimento azzeccatissimo, lo dicono i numeri: la necessità di energia elettrica ce l'ho soprattutto quando non c'è il sole e quindi produzione, l'energia in eccesso immessa in rete mi verrà pagata una miseria, continuo a pagare buona parte dell'energia consumata e non godo dei "fù" incentivi statali!
grazie
Saluti

stufodellenel
18-08-2015, 09:05
L'energia immessa in rete che preleverai successivamente, gode del ghiotto contributo di scambio.

marcober
18-08-2015, 13:57
Artu, se ti lamenti che prelevi quando non c'è molto sole, dove mettere pannelli lunari o nuvolari. Poi, leggi bene Cattaneo. Tu prima parli di potenza istantNea, lui ti dice una produzione giornaliera, tu rispondi allora che farsi bilancio annuale...ma seguire la logica della risposta no? Poi se in pieno solo produci davvero 1,5 kw, fai controllare impianto da un tecnico indipendente.

fcattaneo
18-08-2015, 18:21
cut
...sporadicamente si verifica (produzione fissa per tt il giorno molto bassa), da cosa può essere dovuta?



Non lo so ma mi sembra improbabile una cosa del genere.
E' chiaro che se il tuo impianto produce 1.5 Kw in pieno sole ha un problema.. anche grosso.. ma occorre verificare che sia effettivamente in pieno sole.

Secondo me per stare tranquillo non devi fare supposizioni ma piuttosto cercare di installare un sistema di monitoraggio che puo aiutarti a capire e a tenere sotto controllo l'impianto, anche negli anni a venire.

Se vuoi verificare quanto un impianto FV puo produrre, puoi seguire il link sotto dove sono mostrati i grafici di alcuni impianti con indicata la produzione in Watt riferita al Wp.

Potenze istantanee in tempo reale di 4 diversi impianti fotovoltaici, Sanyo, Sheuten, Kyocera (http://www.portalsole.it/solarefotovoltaico_live/diff_today_fm.php)






...insomma, dal basso della mia ignoranza in materia, ho la sensazione che l'acquisto dell'impianto non sia stato un investimento azzeccatissimo, lo dicono i numeri: la necessità di energia elettrica ce l'ho soprattutto quando non c'è il sole e quindi produzione, l'energia in eccesso immessa in rete mi verrà pagata una miseria, continuo a pagare buona parte dell'energia consumata e non godo dei "fù" incentivi statali!




Oggi con i costi che hanno gli impianti non hanno senso gli incentivi.

Il risparmio che garantisce un impianto fv è sufficientemente alto da garantire un rientro del capitale investito in un tempo accettabile ( e simile a quello che avevano gli acquirenti dei costosi impianti incentivati di qualche anno fa ).

Occorre eventualmente cambiare un pò le abitudini per trasferire quanto possibile i carichi negli orari diurni.

Ciao,
F.

Artù1
19-08-2015, 07:28
macober, anche se non mi esprimo tecnicamente in modo corretto, ho capito i suggerimenti di fcattaneo.
la produzione fissa di 1,5 KW l'ho riscontrata 3/4 volte nel giro di 3 mesi, cmq in giornate totalmente soleggiate...

fcattaneo, certo, ovviamente ho concentrato il più possibile l'utilizzo degli elettrodomestici negli orari di produzione elettrica, solo che il consumo maggiore è dovuto alla pdc per il riscaldamento (o raffrescamento d'estate) ed acs. d'inverno quindi, durante le giornate soleggiate, quasi la pdc non entra in funzione perchè la temperatura in casa rimane alta grazie all'irraggiamento solare sulle ampie vetrate, per cui la pdc si trova a lavorare sopratt quando non c'è il sole.
grazie
ciao

marcober
19-08-2015, 07:59
Artù, e in quelle particolari giornate di potenza istantanea fissa a 1,5 kW in pieno sole...a fine giornata, quanti kWh avevi fatto? Questo é il senso della risposta di Cattaneo...e non hai ancora risposto.....

Artù1
19-08-2015, 08:44
Artù, e in quelle particolari giornate di potenza istantanea fissa a 1,5 kW in pieno sole...a fine giornata, quanti kWh avevi fatto? Questo é il senso della risposta di Cattaneo...e non hai ancora risposto.....

nell'ultimo episodio 7,3 Kwh, in quello precedente 5,9 a fronte di una produzione, nelle medesime condizioni, che oscilla tra i 25 ed i 28 Kwh giornalierie. il tecnico della ditta mi dice, in modo vago, che ci dev'essere stata un'anomalia ma dovrebbe risolversi... effettivamente nei giorni successivi ritorna tutto a posto

marcober
19-08-2015, 09:40
Se ricapita spegni e riaccendi inverter se va a posto hai un problema all'inverter

Artù1
19-08-2015, 11:46
Se ricapita spegni e riaccendi inverter se va a posto hai un problema all'inverter

ok, grazie

foster
11-09-2015, 18:15
buongiorno a tutti,
su un nuovo tetto con le falde est-ovest forse un FV non è così conveniente?
Verso Sud cmq non ho nulla davanti e quindi il tetto sarebbe esposto al Sole diciamo dalle 7h di mattina alle 7h di sera in estate e dalle 8h di mattina alle 14h in inverno, considerando che la casa in questione è in montagna a 1.300 metri.
In alternativa avrei giardino con "falda" (x capirci) esposta a sud, no ombre dovute ad alberi o cose varie.... cosa mi consigliereste per la resa migliore?

Inoltre leggo di molto fermento sui materiali dei pannelli FV, ma qualche vera novità sul mercato c'è o si tratta solo ancora di studi?

Grazie.

marcober
11-09-2015, 19:34
Se pensi che non lo rubino mettilo a terra , altrimenti a sud a tetto

foster
11-09-2015, 19:52
In montagna spero di no.... In ogni caso ho il tetto falda est ovest purtroppo

fcattaneo
12-09-2015, 10:46
su un nuovo tetto con le falde est-ovest forse un FV non è così conveniente?



Si sarebbe conveniente comunque perche la perdita di energia rispetto al SUD pieno è inferiore al 15% ( su base annua ).

é il solare termico a scopo integrazione al riscaldamento che funziona solo a sud... le altre tecnologie e applicazioni fortunatamente vanno sempre abbastanza bene.

F.

foster
12-09-2015, 12:56
Si sarebbe conveniente comunque perche la perdita di energia rispetto al SUD pieno è inferiore al 15% ( su base annua ).

é il solare termico a scopo integrazione al riscaldamento che funziona solo a sud... le altre tecnologie e applicazioni fortunatamente vanno sempre abbastanza bene.

F.

questa è una risposta consolante, perché se possibile preferirei metterlo sul tetto.

Artiglio
23-09-2015, 14:37
Ciao a tutti
Secondo voi ha senso installare solo 2 kw di fotovoltaico su una casa di 120 mq + 50 mq di taverna con questi impianti:


- caldaia a condensazione per riscaldamento
- split Daikin per condizionamento
- cappotto termico da 10 cm di eps
- finestre basso emissive
- pompa di calore con boiler solo per produzione acs

Che ne dite? 1,5/2kw sarebbero sufficienti, no? soprattutto per l'estate e per l'acs con pdc

junp
23-09-2015, 15:09
dove sei?
la differenza di prezzo tra un 2 e un 3 kwp è talmente risicata che non ne vale proprio la pena mettere meno di 3...

Artiglio
23-09-2015, 18:50
Io sono di Rescaldina (Mi)

junp
24-09-2015, 10:12
non so come li installi, ma non farai + di 1100-1200kwh/kwp
con 2400kwh a stento ci tieni i consumi fisiologici di una casa "standard", figuriamoci se vuoi climatizzarla!
metti il piano cottura ad induzione
usa quasi sempre (diciamo con T superiori allo 0) i daikin per climatizzare
come impianto non scendere sotto i 3...un 4.5 sarebbe anche meglio!

Artiglio
07-10-2015, 20:31
Salve a tuttiHo la possibilità di far installare l'impianto fv da persona competente di fiducia.Domande:1) facendo bonifico a un qualsiasi SERIO rivenditore, posso lo stesso usufruire della detrazione al 50%?2) l'installazione da parte di persone di fiducia compromette l'accesso a qualche pratica per usufruire dello scambio sul posto? O posso avviare la pratica io comunque ?

marcober
07-10-2015, 20:46
Ma il competente di fiducia è un elettricista abilitato ? Se si, non problem...se no, non potrai connetterlo.

stufodellenel
08-10-2015, 06:17
In estrema sintesi l'impianto potresti installarlo anche tu ma serve un installatore con durc in regola, che possa rilasciare dichiarazione di conformità, che risulti nelle pratiche come responsabile impianto e che il giorno dell'allaccio da parte di enel sia presente con doc identità valido

junp
08-10-2015, 07:41
No dichiarazione di conformità no party...
Ma anche no cil-scia-dia no party... Finalmente Enel controlla!

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk

marcober
08-10-2015, 09:30
Ma anche no cil-scia-dia no party... Finalmente Enel controlla!


beh..su questa parte...visto che il residenziale di solito è edilizia libera (cil)..il "tecnico" non servirebbe...per tutto il resto, mastercard.

stufodellenel
08-10-2015, 12:13
Ogni comune fa storia a sè.
Si passa da comuni dove non c'è da presentare niente (avete capito bene, non vogliono neanche una dichiarazione in carta semplice) a comuni che richiedono l'invio della documentazione soltanto attraverso la piattaforma telematica regionale, ad altri comuni invece che richiedono la CIL firmata da un tecnico abilitato (geom. o ing.) iscritto all'albo professionale, passando da asseverazione sismica sì, asseverazione sismica no (a seconda che sia impianto residenziale o ad uso attività)
In alcuni casi richiedono addirittura la linea vita certificata.
Insomma, anche in questo caso un bel minestrone all'italiana
Dimenticavo: ricerca nelle mappe di RUE se il fabbricato è soggetto a tutela paesaggistica

Artiglio
09-10-2015, 12:39
Domanda da neofita:
Se oggi installo un 3 kw di FV con suo inverter e fra 8 anni avrò bisogno di più kw (raddoppiarlo), potrò far semplicemente aggiungere altri moduli senza sostituire l'inverter? :preoccupato:

marcober
09-10-2015, 12:55
non va bene inverter.. potrebbe non andare bene cavo a valle se gia non previsto per 6 kw...

Artiglio
09-10-2015, 13:15
potrebbe non andare bene cavo a valle se gia non previsto per 6 kw...

Grazie
E se metto un cavo più grosso (con una portata mettamo di 10 kw) ma nel frattempo metto un 3 kw?
Mi troverei nella condizione che un domani dovrei solo cambiare l'inverter e aggiungere moduli compatibili..
corretto il ragionamento?

marcober
09-10-2015, 13:28
cavo ok.
Inverter..perche cambiarlo? Oggi fai 3 kw..se dmani ne fai altri 3 , metterai un nuovo inverter da 3 kw...saranno 2 sezioni di unico impianto sotto unico contatore...cosi se salta un inverter, spendi la meta per cambiarlo e nel frattempo comunque 50% impianto lavora.

Artiglio
09-10-2015, 15:10
Perfetto non ci avevo pensato !
Il tubo corugato dentro cui vanno i collegamenti, di che diametro lo consigliate?

stufodellenel
09-10-2015, 15:19
Valuta anche un altro aspetto.
Ai valori di oggi spenderesti 13-13.500 euro per installare 2 impianti da 3 KWp.
Se installi subito un 6 ne spendi circa 10.000 o meno
Oggi hai la (quasi) certezza del bonus fiscale 50% da recuperare in 10 anni, fra qualche anno se potenzi impianto non si sa

marcober
09-10-2015, 15:23
il 50% potrebbe gia scendere a Gennaio..si parla sempre di conferme per ecobonus..ma quello "edilizio" non li citano mai...e se non lo citano, a Gennaio scende a 36%..
Canaline..chiedi a chi lo progetta/monta di prevedere gia tutto per 6..no ti so dire dettagli.

Artiglio
09-10-2015, 15:56
Valuta anche un altro aspetto.
Se installi subito un 6 ne spendi circa 10.000 o meno

Si ma io consumerò a malapena 2,5 kw
Che me ne faccio degli altri 3,5?
Non penso lo ssp mi ripaghi l'investimento cedendo kw non consumati al GSE....

stufodellenel
09-10-2015, 16:12
Consumando così il 6 è troppo grande, ma allora perchè pensare ora all'ampliamento?

Artiglio
12-10-2015, 07:20
Consumando così il 6 è troppo grande, ma allora perchè pensare ora all'ampliamento?

In ottica moooolto futura. Ma mi sa che per ora meglio stare su un 3 kw :)

enry65
20-10-2015, 00:04
sono titolare di un impianto fotovoltaico da 4.8 kwh dal 2010 (2° conto energia) spendo circa 1000 euro di corrente annua.
Non capisco perchè mi viene rimborsato solo 150 euro circa di energia annua.energia prodotta nel 2015 è di circa 2800 kw.
Purtroppo sono rimasto deluso da tale "profitto",a questo punto penso che avere un impianto fotovoltaico non è per niente conveniente.:wub2::cry:

davinci1967
20-10-2015, 06:38
Non sò di dove sei ma in ogni caso se il tuo 4,8 kWp nel 2015 ha prodotto solo 2800 kWh ha sicuramente grossi problemi. Comunque se ci sei qualche dato in più (kWh conumati, immessi, prelevati, ecc.) possiamo cercare di capire ed aiutarti meglio.

marcober
20-10-2015, 08:04
energia prodotta nel 2015 è di circa 2800 kw.
Purtroppo sono rimasto deluso da tale "profitto",a questo punto penso che avere un impianto fotovoltaico non è per niente conveniente.:wub2::cry:

avere un impianto Fv che NON FUNZIONA di certo non è conveniente..e tu questo hai.
Sarebbe come dire che uno ha comprato un'auto che non va oltre 50 kwh..e dare la colpa ala società autostrade per il fatto che viaggiare in auto è una mezza fregatura.
Sistema impianto ..produci 5000 kwh anno e vedrai che le cose cambiano.

Inoltre pubblica il tuo Congualglio SSp 2014...che non mi quadra nemmeno il fatto che dici di aver ricevuto solo 150 euro dal GSE...pur producendo cosi poco, secondo me sbaglia anche quello.

alexsky
20-10-2015, 10:31
sono ancora in fase di valutazione e vorrei avere le idee chiare sul cosa fare esattamente prima di chiamare un tecnico per un preventivo

attualmente consumiamo circa 3500KWh (39%F1 - 29% F2 - 32% F3) ma entro la prossima primavera dovrei installare un impianto di climatizzazione per la casa (trialsplit da 4KW + monosplit da 3.5KW + monosplit da 2,5KW) quindi un 5 zone e presumibilmente potrei arrivare a 6/7000KWh

nota dolente le superfici disponibili....un tetto al 2° livello dove potrei installare max10/11 pannelli e uno al primo dove ci starebbero 5 pannelli entrambi esposti a sud (al massimo 5/10°SE), forse avrei anche una falda ad ovest per altri 5 pannelli ma non saprei se sia una buona idea

consigli ?

EDIT: scusate, zona Bergamo

marcober
20-10-2015, 10:52
ideale sarebbe arrivare a produrre 7000 kw..che sono circa 6 kw di impianto..che guarda caso sono la taglia ideale massima prma di passare in trifase e prima di avere obblighi di attrezzature di sicurezza superiori allo standard.
Se ci arrivi usando falde esposte in modo diverso, e su ogni falda non riesci ad avere pannelli in numero tale da fare una stringa completa, devi mettere degli ottimizzatori, che ti "svincolano" dal fatto di avere falde diverse, con esposizioni diverse ed eventualmente anche con ombre che le interessano alcune ore..

alexsky
20-10-2015, 11:04
ok quindi impianto prossimo ai 6KWp
potrei arrivare a 16/17 pannelli esposti praticamente a Sud ; 11/12 al secondo livello e 5 al primo livello però dovrei pensare a pannelli ad alta resa (scelta obbligata) per superare almeno i 5KWp
metterne 5 ad Ovest potrebbe essere l'ultima delle soluzioni visto che sarebbero in ombra nelle prime ore del mattino
come costi avere una distribuzione così disomogenea e con ottimizzatori lieviterebbe molto rispetto ad un sistema semplice ?

marcober
20-10-2015, 11:19
17 sunpower da 345 sono 5865 W
oppure se le varie falde sono egualmnete esposte..ne avanzi.
Se non sono egualmente esposte e devi mettere i tigo...tanto vale mettere i sunpower.
Se hai ombre. i Tigo servono comunque..e allora sfrutta le varie falde.
Se pero vuoi garanzie estese, metti i sunpower.
Sei abbastanza confuso ora?

enry65
20-10-2015, 11:22
Grazie per il consiglio ma il punto è che questo problema di resa con una esposizione dei pannelli (ovest) non potrò mai avere una buona resa,quelli che mi hanno installato il fotovoltaico "avrebbero"dovuto consigliarmi meglio ma si sa che ognuno tira l'acqua al proprio mulino.
Comunque a fronte di tutta questa situazione contorta e complessa di calcoli valori applicati alla resa del mio impianto rimango nella mia convinzione che a me il fotovoltaico non conviene peccato ci ho creduto ma è stato una delusione,se penso a tutti i soldi che ho speso e alle trafile burocratiche che ho dovuto affrontare..potessi tornare indietro non metterei più un impianto fotovoltaico.
Lo metterei se vivessi nei paese del nord europa sicuramente loro l'energia alternativa la sanno gestire molto meglio,a mio avviso.

davinci1967
20-10-2015, 12:06
Anche con esposizione ad Ovest pieno il tuo impianto non può produrre così poco, sicuramente ha qualche problema e stai perendo anche gli incentivi del CE!!!
Se ci dici i componenti e come strutturato l'impianto vedrai che sicuramente si troverà il problema................anche con l'esposizione che hai e per ipotesi vivendo a Milano dovresti fare oltre i 4000 kWh l'anno....................a meno che non lo hai praticamente sempre in ombra.

Se vuoi aiuto dacci qualche informazione, se il tuo è solo uno sfogo, oltre che comprenderti, non possiamo farci nulla, ma dato che i soldi oramai li hai spesi io cercherei di risolvere il problema.

marcober
20-10-2015, 12:38
Enry io vivo in centro città.....al nord italia....ho inclinazione quasi zero e quindi pessima...ho palazzi che mi fanno ombra sempre al pomeriggio...e faccio 1000 kWh per kw installato...per cui davvero hai messo fv sotto una tettoia....oppure ti mancano 2000 kWh che sono certo siano recuperabili risolvendo problemi tecnici impianto....ci sono persone che hanno scoperto dopo anni di avere due stringhe che lavoravano insieme su metà inverter ...invece di due stringhe su due metà di inverter...giusto per gradire....

enry65
20-10-2015, 13:05
Sicuramente ci sono dei problemi che io non sono in grado di risolvere.
Comunque vi allego dei dati relativi al mio impianto ...AIUTO!!!!
Non capisco come sia possibile che nelle produzioni mensili di energia elettrica riportate nella tabella degli incentivi il valore è sempre uguale, la produzione dovrebbe variare da un mese all'altro? il valore riportato è sempre ENERGIA=381.
Guardando l'inverter non sembra che ci sia un malfunzionamento.
Non so che dire..

fabioe
20-10-2015, 13:19
Che inclinazione ha la falda del tetto ?
Ci sono ombre dovute ad alberi, camini, antenne o edifici vicini ?

enry65
20-10-2015, 13:24
no non ci sono alberi e ombre l'esposizione è a ovest

alexsky
20-10-2015, 13:29
17 sunpower da 345 sono 5865 W
oppure se le varie falde sono egualmnete esposte..ne avanzi.
Se non sono egualmente esposte e devi mettere i tigo...tanto vale mettere i sunpower.
Se hai ombre. i Tigo servono comunque..e allora sfrutta le varie falde.
Se pero vuoi garanzie estese, metti i sunpower.
Sei abbastanza confuso ora?

in effetti sono abbastanza confuso o meglio i pannelli ci stanno in quel numero, l'esposizione ad ovest non mi convince molto ma è anche vero che è molto esposta al sole dalle 10:30 fino al tramonto
un sistema Tigo è molto costoso ?

fabioe
20-10-2015, 13:38
enry,
Se è ovest pieno (270° rispetto al nord) e l' inclinazione è elevata sei in condizioni sfavorevoli rispetto ad un' inclinazione bassa ma comunque da PVGIS con impianto integrato dovresti a Savona superare i 4000 Kwh/anno
Ci sono sicuramente altri problemi di impianto ...
Hai controllato i moduli , sono integri, hanno macchie ?
381 sono i Kwh di acconto che ti pagano mensilmente da quest' anno per effetto delle nuove norme, l' anno prossimo faranno conguaglio sulla produzione effettiva.

marcober
20-10-2015, 14:11
un sistema Tigo è molto costoso ?
no, non molto....e non è detto che serva...perche coi sunpower basta la falda principale.
una esposizione ovest piena riduce un 20% la resa rispetto ad un sud pieno...significa rientrare magari in 7 anni invece che 6..ma interesse resta comunque elevato. fallo.

marcober
20-10-2015, 14:19
energia prodotta nel 2015 è di circa 2800 kw.

il 2015 NON è ancora finito, almeno in Lombardia..inutle fare conteggi sul 2015.

il tuo SSP 2015 è stato di 440 euro...immaginando 0,16 euro al kw sono 2750 kwh IMMESSI E SCAMBIATI...
Se aggiungi Autoconsumo probabilmente salta fuori una produzione NORMALE
Di certo non ti danno 150 euro anno su 1000 ma 440...e poi probabilmente PRELEVI piu di quanto immetti..per cui non si puo pretendere che uno mette UN pannello e pi fa andare UNA FABBRICA (per assurdo)..ma produrrà (e avrà SSP) in base a quanto IMMETTE e non a quanto CONSUMA.
Fai una cosa..pubblica per benino il DETTAGLIO EXCELL dl CONGUAGLIO che si vede quanto hai prelevato e immesso...e poi pubblica il dettaglio del CE per veder quanta energia ti hanno incentivato nel 2014 (nel 2015 hanno cambiato sistema di conteggio, lasciamo stare ..se funzionava tutto nel 2014 non vedo perche oggi non debba andare..)

Comunque a 440 si SSP presumo ci sara almeno 300 euro di autocosnumo e siamo a 700 euro.

Mi aspetterei 1500 euro di CE...e siamo a 2200 euro..quanto lo hai pagato?

alexsky
20-10-2015, 15:18
con la falda ad ovest potrei installare 21/22 pannelli
con i sunpower da 0,345KWp arriverei a 7,245KWp/7,59KWp

comunque un sistema di monitoraggio lo vorrei mettere su un sistema da 12/15000€

davinci1967
20-10-2015, 15:19
@enry65

io leggo sul display dell'inverte kWh totali 26084 e se hai allacciato, diciamo a Gennaio 2010 (se hai allacciato dopo ancora meglio), hai prodotto mediamente 4500 kWh/anno (ed alla fine è quello che ti sta pagando il CE) e non mi sembra male..................ma da dove viene fuori la cifra 2800 kWh nel 2015? Dal contatore di produzione? Perchè dall'inverter non sembrerebbe.

junp
21-10-2015, 10:40
ma da dove viene fuori la cifra 2800 kWh nel 2015? Dal contatore di produzione? Perchè dall'inverter non sembrerebbe.

Te lo dico io: Pac (potenza AC)...ha confuso la potenza con la produzione!
Enry ha le idee moooolto confuse sul FV, se non posta quanto ha pagato l'impianto non sapremo mai quanto gli sia convenuto o meno...ma già con 4500 kwh/anno (ma io dico che sono 5000) sono ALMENO 2000€ di CE (a 44,2 cent), con 440 di SSP e altrettanti di autoconsumo viaggiamo a quasi 3000€/anno...questi "conti alla mano", e non a "sensazione"...

@alexsky: se arrivi a 22 pannelli, allora non ti servono i sunpower...metti 22 aleo/lg da 300w e sei a 6,6kwp!
monta inverter con monitoraggio incluso (ad es. Samil o i nuovi fronuis) e sei a posto anche con quello!

alexsky
21-10-2015, 13:41
@alexsky: se arrivi a 22 pannelli, allora non ti servono i sunpower...metti 22 aleo/lg da 300w e sei a 6,6kwp!
monta inverter con monitoraggio incluso (ad es. Samil o i nuovi fronuis) e sei a posto anche con quello!

a 22 ci arriverei con i 5 posizionati ad ovest, diciamo che a 17/18 ci arriverei con pannelli posti a sud/sud-est (-10° est ; inclinazione 25-30°)
6 KWp credo sarebbero sufficienti
certo i pannelli ad alta efficienza costano moltissimo

enry65
21-10-2015, 14:34
Secondo me il mio impianto non è sufficiente per ricoprire il mio fabbisogno energetico.
Gli specialisti mi avevano assicurato che con una potenza di 4.8kw ne avrei avuto a sufficienza, invece non è così .
Comunque ti ringrazio per la tua premurosa e dettagliata risposta.

enry65
21-10-2015, 14:58
Avrei bisogno di sapere se è normale avere questi valori identici per tutti i mesi di produzione

egimark
21-10-2015, 15:01
CE
381 kWh costanti indicati per il 2015 significa che hai avuto in passato una produzione sui (381x12/0,9) 5080 kWh, cioè 1058 kWh/kWp.
In fase di previsione quanto ti avevano detto?

SSP
Energia immessa 3604 (CEI=194 €)
Energia prelevata 3030 (OE=161 €)
CUsf=9,32 c€/kWh cimpatibile per contratto D2 (in realtà dovrebbe essere 8,71)
CS=440 €

Eccedenze
50,73 € da anni precedenti
32,59 € solo 2014

Consumo 5080-3604+3030=4506 kWh

A me l'impianto sembra dimensionato correttamente.

enry65
21-10-2015, 15:03
Avrei bisogno di sapere se è normale avere questi valori identici (381) di energia per tutti i mesi elencati nel dettaglio.
Grazie

egimark
21-10-2015, 15:08
Si, da quest'anno hanno modificato il metodo di pagamento del CE.
C'è questa discussione http://www.energeticambiente.it/aspetti-economici-e-bancari/14762346-pagamenti-misure-conguagli-etc-dal-2015-ce-rid-ssp-20.html in cui se ne è ampliamente parlato.

junp
21-10-2015, 15:42
6 KWp credo sarebbero sufficienti

E allora fai 22 Q.cells da 260-265 e inverter solaredge!

alexsky
22-10-2015, 10:19
ma per un monitoraggio di alto livello cosa consigliate ?
se la spesa è importante vorrei qualcosa di completo con magari il controllo di ogni singolo pannello

marcober
22-10-2015, 12:29
Per andare a livello di singolo pannello ti servono ottimizzatori TIGO o solaredge o microinverter

alexsky
22-10-2015, 17:11
Per andare a livello di singolo pannello ti servono ottimizzatori TIGO o solaredge o microinverter

ok perfetto

freddie980
26-10-2015, 11:23
Ciao a tutti! sono un nuovo utente del forum e sono felice di aver trovato finalmente qualcuno cui porre le mie domande sul fotovoltaico! Io presto andrò a convivere e stavo pensando a come sfruttare il fotovoltaico (vivo in Sicilia) per riuscire a limare le spese. Ad esempio...se riuscissi ad alimentare un fornello elettrico grazie all'energia, riuscirei a risparmiare almeno 20 minuti di gas al giorno (considero circa 4/5 minuti per far bollire il latte la mattina e 15/16 per far bollire l'acqua e cuocere la pasta). Di quale tipo di pannello avrei bisogno per poter fare questa cosa? pensate ne valga la pena? grazie mille!

marcober
26-10-2015, 13:10
se vuoi limitare le spese ..non andare a convivere.

Per l altra domanda, no..non ne vale la pena.
La mattina il sole è scarso e se la pasta la cuoci la sera il sole è tramontato..

E comunque stiamo parlando di 600 Wh di gas al giorno..valore (se vai a gpl in bombole) probabilmente 30 euro anno.

Se la casa è tua e definitiva, valuta un impianto da 3 kw..e poi valuta di scaldarti con pdc, nel caso tu lo debba fare sempre a gpl...se invce vai a legna, meglio.

Artiglio
29-10-2015, 15:37
Una batteria al litio-ferro fosfato 12 V da 100 ah andrebbe bene con un impianto fotovoltaico da 2 kw? E quanto riuscirebbe ad accumulare?

Artiglio
29-10-2015, 18:04
Ho 4 pannelli ir (2 da 600 watt e 1 da 800)5 splitComputer Ecc ecc Mi riscaldo con la caldaia a condensazione (quando la faccio andare perché sono ben coibentato). Ebbene Volevo integrare con 2 Kw di fotovoltaico usando un kit fotovoltaico con batteria al litio perché capita spesso che un buon 60% dei consumi energetici avvenga di sera .Che ne dite ?

marcober
29-10-2015, 20:07
A mio parere i conti con le batterie sono peggio che con lo SSP...quindi io metterei piuttosto con gli stessi soldi 4 kw di,fv e zero batterie.

Artiglio
30-10-2015, 07:28
A mio parere i conti con le batterie sono peggio che con lo SSP...
Sono peggio per chi ha una PDC che lavora giornalmente. Ma migliori per chi ha roba elettrica che fa andare tanto in fascia serale.
Devo solo capire su un impianto di 2kw e batterie da100 ah, quanto accumulo queste possono conservare..

stufodellenel
30-10-2015, 07:51
Ma migliori per chi ha roba elettrica che fa andare tanto in fascia serale.

Aggiungo se non ci fosse lo scambio sul posto.

marcober
30-10-2015, 07:59
Vediamo Tesla 7 kw cosa promette:
10 anni
Resa 92%
Significa che caricando 1 kwh ne rendera 0,92 kwh, per 3650 volte nella sua vita, cioè 3358 Kwh.
Significa che a 0,25 euro al kwh (la D1 pero costa solo 0,2), potresti risparmiare 840 euro per kw di batteria in 10 anni..ma rinunciando a 3650 kwh di immesso scambiato a 0,16 cioè 680 euro..risparmi 160 euro in più per ogni kw di batterie ogni 10 anni.
Costa ivato (ma non istallato) 530 euro al kw.
Secondo me stai sotto di 530-160=370 euro al kw ogni 10 anni..cioè metterlo ti costa 2590 euro in piu di quello che spenderesti con GSE.

Tieni conto poi che:
- in tutti i giorni in cui produci poco (e in inverno sono tanti), non è detto che riesci a caricare tutta la batteria...ma l'hai pagata..quindi la resa reale dela batteria nel bilancio annuale non puo essere quella che ho fatto prima, che prevede che TUTTI i giorni la sfrutti per intero.
- il costo è esclusa installazione.

Quindi la batteria per me rappresenta un aggravio di costo..invece mettere 1 kw di fv in piu, sino a quando il tuo consumo annuo è superiore ala tua produzione annua, rappresenta un vantaggio perche si ripaga e dopo 6 ani ti porta un beneficio.

Artiglio
30-10-2015, 07:59
Aggiungo se non ci fosse lo scambio sul posto.

Ma se uno non ha tariffa D1, farà anche SSP ma paga comunque di più i KW, e quello che immetto il giorno è ben superiore a quello che mi serve la sera. E se la sera prelevo comunque pago a tariffa agevolata, ma pago. Non rientro più nell'investimento.
Con batterie litio ho visto siti molto specializzati su internet che ti curano anche pratica di detrazione-
Durano 12/15 anni. Basta un 2 kw di FV nel mio caso e probabilmente una batteria da 50 ah che dovrebbero riuscire ad accumulare 2.4 kw. Le 100Ah addirittura 4,8 kw mi pare.

stufodellenel
30-10-2015, 08:14
In fatto di costi Marco ti ha illustrato la situazione, sullo scambio sul posto fatti una googlata perchè non hai le idee chiare di come funziona

Artiglio
30-10-2015, 08:16
No io non intendo la Tesla.Troppo costosa
Mi riferisco alle baterie litio ferro fosfato.
E la spesa iniziale pronosticata con moduli Rec e inverter SMA è molto + bassa . Anche perché me lo installa un amico

marcober
30-10-2015, 08:26
Con batterie litio ho visto siti molto specializzati su internet che ti curano anche pratica di detrazione-.

Non c'è nulla da curare..non è una pratica ENEA per EFFICIENZA energetica 65% che deve essere caricata su loor sito e deve rispettare certe caratteristiche (come a PDC).
Si tratta di detrazine 50% per EDILIZIA (risparmio energetico)...per questa basta avere la fattura e il bonifico..no le devi nemmeno inviare a NESSUNO, le tieni tu in casa per eventuale controllo.

Questo per dire che NESSUNO oggi puo dirti CON CERTEZZA se sono detraibili o meno..perche NESSUNO di chi le vende ha fatto Interpello a AdE per chiederlo e NESSUNO di chi le ha comprate ha rivìcevuto un controllo AdE che si è concluso con esito positivo o negativo.

Non serve alcuna soc "specializzata" per curare la pratica..perche NON esiste alcuna pratica..chi lo dice ti prende per il naso..è un modo per spillarti magari 200 euro e per farti sembrare "certa" la detrazione, che di certo non ha nulla.

PERO i dubbi ci sono, infatti:
- Aeeg ha detto che una batteria è n GENERATORE ma non FER. Peccato che AdE dica che si possono detrarre impianti che portano un risparmio mediante uso di FER..e quindi?
- Inoltre la batteria consuma energia per traslarla nel tempo..come puo un apparecchio che consuma energia dare un risparmio energetico? dara un vantaggio economico, ma tale cosa è irrilevante per la detrazione

Quindi..sia perche non ti conviene..sia perche forse non è scontato che siano detraibili..io investirei su piu potenza FV che in batterie...

Inoltre una batterie al massimo trasla energia 12 ore...ma in inverno s e hai pdc, non immetti NULLA e nulla hai da traslare la sera.
Mentre se immetti in estate..solo lo SSP te o rende disponibile in inverno per la pdc..non certo una batteria.

Durano 12 anni? forse si..e infatti ho fatto conti su 10..e sono disastrosi..su 15 cambiano poco..rimangono una rimessa secca...al massimo con le detrazioni vai pari..ma se poi slata fuori un controllo e ti rimettono atassazione la detrazione? e se ti fanno pure la sanzione del 50% dell'evasione? le paghi 2 volte!

marcober
30-10-2015, 08:29
E la spesa iniziale pronosticata con moduli Rec e inverter SMA è molto + bassa .

e poi rendono 92%? e son garantire 10 anni?

comuqnue i conti sono quelli..se ti costano piu di 160 euro al kw di potenza utile, sei sotto...quanto le paghi al kw? io dico non meno di 400 euro..

Artiglio
30-10-2015, 08:56
Guarda con le batterie al Gel Piombo che durano 1200 cicli un 2kw mi costa 3.800 . Vero non ci sono pratiche, e io non intendo scaricare il 65 bensì il 50% e posso tranquillamente.
Addrittura con 1900 euro mi faccio 1 kw con accumulo con 4 batterie da 200 Ah che mi darebbero 4800 w/ora di accumulo.
Scaricata la batteria ne comprerò un altra. E magari intanto uscianno nuove batterie.

Artiglio
30-10-2015, 09:00
Vero, infatti mi hanno appena risposto che basta autocertificazione per detrazione. Nessuna pratica di collegamento GSE. Quindi avevo sbagliato io

davinci1967
30-10-2015, 09:11
Sia che detrai il 65% sia il 50% nessuno sa per certo se sia regolare.
E poi, come ti hanno già spiegato, con 2 kWp di fotovoltaico non caricherai quasi mai le batterie in inverno.

Artiglio
30-10-2015, 09:36
Amen, se non le carico di inverno mi accontento di quel che possono darmi. Addirittura mi farò fare offerta solo per un 1,5 kw. Ho poco di elettrico. Ma capiterà di usarlo spesso d'estate. (split ad alto COP). E d'estate le carico eccome le batterie per far andare split la sera.

Artiglio
30-10-2015, 09:50
Sia che detrai il 65% sia il 50% nessuno sa per certo se sia regolare.

Ma neanche che non lo sia. Siccome in agenzia delle entrate per detrazione 50 per regolarità dice che basta che impianto FV sia destinato a uso abitativo e che non si superino i 20 kw.

marcober
30-10-2015, 10:02
Amen, se non le carico di inverno mi accontento di quel che possono darmi..

stesso discorso che faceva Dolam..che le ha messe ..e dismesse...perche efficienza di carica -scarica con cariche basse è stata del 70%...e non caricarle bene significava rovinarle..ma hai letto sul forum qualche esperienza?

Scusa ma chi ti monta chiavi in mano 1 kw di fv + 4,8 kw batterie a 1900 euro? è un kit su internet?


Ma neanche che non lo sia. Siccome in agenzia delle entrate per detrazione 50 per regolarità dice che basta che impianto FV sia destinato a uso abitativo e che non si superino i 20 kw.

Tutto sta appunto a capire se sono lo stesso impianto o no.
Siccome dici di aver letto quanto scrive AdE..nn ti sarà sfuggito che fa sempre riferimento a circolari ministeriali (tecniche), documenti di Aeeg , documenti di GSE.
Ora..Aeeg dice che un accumulo è un separato impianto rispetto ad un FV o eolico o cogeneratore, tanto è vero che serve TICA autonoma se messo in rete. Non solo, ma dice anche a QUALE categoria appartiene, perche il Tica cambia in base al fatto di essere FER o meno, e ice che non è FER.
Secondo te se AdE fa un controllo...non si chiede se le batterie sono parte dell'impinato FV o un impianto separato e connesso? perche se bastasse fosse connesso, allora io metto 1 pannello e detraggo televisore, lampadine, elettrodomestici, auto elettrica, pdc senza levare caldaia a gas, e ogni cosa che sia connessa al mio impianto domestico.

Io capisco l'esterema "sicurezza" nel promettere tutto (e rischiare nulla) di chi li vende..meno le certezze granitiche di chi le paga e rischia tuto lui sulla detraibilità o meno.

Artiglio
30-10-2015, 10:09
Invece ho sentito testimonianze di gente che avendo poca roba elettrica come me si trova bene con batterie.

1800 € senza installazione per l'appunto, esatto (minimo investimento) ho 1 kw di fotovoltaico e 2 batterie da 150ah 12 V che forniscono ognuna 1800 watt/ora

marcober
30-10-2015, 10:39
Invece ho sentito testimonianze di gente che avendo poca roba elettrica come me si trova bene con batterie.

non capisco come il consumo influiesca sulla convenienza..ANZI il contrario...se consumi tanto avrai d3 e scaglione alto costa 0.33 e quindi abbattere autocosnumo con batteri aal limite rende di più.
se consumi poco in d2, il secondo scaglione costa 0,18..la metà..e quindi risparmi la metà.
Boh..mi sfugge qualche cosa..oppure sfugge a te...

il discorso di lascirle scariche alungo non era solo legato al fatto che assorbi tanto..ma che in inverno (vedi ieri) produci nulla..e a dicembre e gennaio sono anche piu giorni di fila..Dolam in quei casi doveva caricarle da rete..ad esmepio..quindi non penso sia tutto rosa e fiori.

M aintenderesti caricare la batteria con 1 kw di FV e quando è carica usarla di notte? ma non è piu intelligente usare autoconsumo quando produci e stoccare il surplus in batterie?

junp
30-10-2015, 10:50
Sono peggio per chi ha una PDC che lavora giornalmente. Ma migliori per chi ha roba elettrica che fa andare tanto in fascia serale.

se DAVVERO convinto di ciò? snocciola qualche numero...ti dico io cosa considerare:

rendimento batterie
rendimento sistema di conversione
vita delle batterie
costo delle batterie (e ciclo di sostituzione)
costo dell'inverter
rendimento SSP
e a proposito di inverter... è isola pura o ibrido (certificato CEI 0-21)
quanto ti costa in + il CEI 0-21?
e se a isola pura...considera:

d'estate molte sere non riuscirai a scaricare le batterie, il giorno dopo le saturi e PERDI il surplus
d'inverno tanti giorni non riuscirai a caricarle, la notte dovrai acquistarla (e non la scambi)
spara 2 cifre...sei ancora convinto?

Artiglio
30-10-2015, 11:05
Probabile che io estenda a 2kw. Tranquillo, basta un regolatore di carica che loro forniscono nel kit per far in modo che la batteria NON si scarichi mai completamente o che non si carichi mai eccessivamente. Comunque ragiono con la mia testa. Voi volete lo SSP? Bene. Io no. Proverò e vi farò sapere :bye1:

junp
30-10-2015, 11:10
Invece ho sentito testimonianze di gente che avendo poca roba elettrica come me si trova bene con batterie.

1800 € senza installazione per l'appunto, esatto (minimo investimento) ho 1 kw di fotovoltaico e 2 batterie da 150ah 12 V che forniscono ognuna 1800 watt/ora

classica affermazione di chi non ha idea di quello che dice...si trova bene...e perchè? come? quanto spendeva prima? e dopo? e il cambio batterie l'ha considerato?

1800€ SENZA installazione, 2 batterie da 150ah@12v sono 1800Wh al 100% di DOD, e quindi le butti dopo 10 giorni
DOD 50%, sono 0,9kwh l'una, ovvero 1,8kWh in TUTTO
1,8 x 1200 cicli sono 2160kWh
paghi 900€ (facciamo finta che detrai tutto subito e l'installazione è gratuita...), e sono 41,7 cent/kwh...

ovvero nel migliore mondo dei sogni impossibili l'accumulo ti costa il 20% + del kWh più caro...
ma se secondo te ti conviene...fai pure!

marcober
30-10-2015, 11:16
Jump..sai la storia di quello che per far dispetto alla moglie..zac...

Alle volte pur di far dispetto a Enel..zac...

Artiglio
30-10-2015, 11:32
classica affermazione di chi non ha idea di quello che dice...si trova bene...e perchè? come? quanto spendeva prima? e dopo? e il cambio batterie l'ha considerato?

Classica affermazione di chi porta l'acqua al suo mulino dire che le batterie dopo 10 giorni collassano.
Mah. Comunque vi farò sapere. :spettacolo:

marcober
30-10-2015, 11:39
tecbnicamnete facci sapere..ra 3-4 anni però..dal punto di vista dei conti, dacci link del sito dove compri che vediamo il elta con e senza batterie.

sara un impinato sempre OFF? cioè se hai batterie cariche, qualunque sia l'ora del giorno, staccgi Enel e attacchi le tue? su una parte dell'impinato o su tutto? che potenza di scarica ha il pacco da 1800 euro?

Artiglio
30-10-2015, 12:20
Eccolo il link

KIT DA 1KW :

Kit con accumulo e ups : Kit fotovoltaico 1KWp con regolatore MPPT, accumulo e inverter 1000W 24V (NO ENEL) (http://www.iorisparmioenergia.com/fotovoltaico-ad-isola-it/kit-fotovoltaici-ad-isola-it/kit-fotovoltaici-ad-isola-con-accumulo-e-ups-it/kit-fotovoltaico-1kwp-con-regolatore-mppt-accumulo-e-inverter-1000w-24v-no-enel-it.html)

KIT DA 2KW

Kit con accumulo e ups : Kit fotovoltaico 2KWp con regolatore MPPT, accumulo e inverter 4000W 48V (NO ENEL) (http://www.iorisparmioenergia.com/fotovoltaico-ad-isola-it/kit-fotovoltaici-ad-isola-it/kit-fotovoltaici-ad-isola-con-accumulo-e-ups-it/kit-fotovoltaico-2kwp-con-regolatore-mppt-accumulo-e-inverter-3000w-48v-no-enel.html)

marcober
30-10-2015, 13:52
In quel sito vendono il FV a 1270 al kw...in linea con altri siti che hanno kit FV per sso da 1 kw a 1300 euro.
Significa che il tuo accumulo costa 500 euro.

Siccome da loro schema il 100% passa da batteria, se produce 1200 kwh anno e batteria rende 90% avresti 1080 kwh disponibili che a 0,25 valgono 270 euro
Autocosnumo, che con 3 kw è di solito 30%, con 1 kw potrebbe salire facilmente al 50%.
Significa che monetizzeresti 600 kw a 0,25+600 kw a 0,16..cioe 246 euro
Significa che la batteria ti da 24 euro in più all'anno.
Io per 24 euro una batteria in garage non la vorrei..ma soprattutto 500 euro/24 euro= 21 anni per rientrarre..se anche le detrai sono 10 anni per rientrare (interessi finanziari esclusi)

Pero se ti piace fare un dispetto ad Enel..non conta quanto spendi ma la soddisfazione che hai (:cry:)..sperando che non ti pigli fuoco la batteria e la casa(la batteria è la prima causa di incendio delle auto) o che non ti muoia il gatto per le esalazioni

Artiglio
30-10-2015, 14:19
E dimmi: quale senso avrebbe invece un FV da 3 kw da 1270 euro x 3= 3810 euro collegato al GSE con in più 693 euro di pratica per allaccio = totale 4503 € quando il mio consumo di elettricità è solo estivo e a livello invernale relegato a un auto consumo del....10?20% ?
In quanto tempo rientrerei da 4500 euro con lo SSP e tariffa con contatore da 3kw?
Ma poniamo anche di mettere solo 2kw 1270x2= 2540 + 693 euro di pratica GSE=3233€ .
La risposta è : rimani senza fotovoltaico e goditi la tua eccellente coibentazione da casa semi passiva

spider61
30-10-2015, 14:31
Macchee' ? questa voglia di impianto Fv con accumulo , che c'e' qualche pubblicita' subliminale alla tv ?! :D
Se anche non ci fosse SSP per impianti cosi' piccoli da 1kw sempre meglio mandare l'esubero su un boiler di ACS ,almeno sono sicuro che la uso invece che in una batteria..... poi : ma voi in ferie d'estate non andate ? nei WE qualche gita fuori porta niente? perche' se vi fate un mese di ferie e qualche giorno fuori , vi giocate un buon 15% di tutto cio' che pensate di risparmiare :D

poi 693€ precisi? di pratica GSE ? , la pratica SSP si fa' sa soli, casomai bisognerebbe ricordarsi che anche l'impianto a isola va fatto allacciare da chi ne ha le competenze , e non e' gratis....

stufodellenel
30-10-2015, 14:45
693 euro di pratica GSE
Secondo me sono 698
550*1.04*1.22=697.84

Artiglio
30-10-2015, 14:53
Sì vabbè euro più euro meno. Ditemi che senso ha nel mio caso un FV con SSP da 3kw?

stufodellenel
30-10-2015, 14:56
Puoi decidere se mettere il FV in piena autonomia.... Ma se un forum intero di persone ti sconsigliano l'accumulo, qualche domanda me la farei.

junp
30-10-2015, 15:02
Eccolo il link

KIT DA 1KW :

Kit con accumulo e ups : Kit fotovoltaico 1KWp con regolatore MPPT, accumulo e inverter 1000W 24V (NO ENEL) (http://www.iorisparmioenergia.com/fotovoltaico-ad-isola-it/kit-fotovoltaici-ad-isola-it/kit-fotovoltaici-ad-isola-con-accumulo-e-ups-it/kit-fotovoltaico-1kwp-con-regolatore-mppt-accumulo-e-inverter-1000w-24v-no-enel-it.html)



WOW...è bello sapere che con 1800€ posso farmi un impianto con accumulo...e non devo aggiungere niente, nè strutture di supporto dei pannelli, nè armadio per batterie, tantomeno cavo solare, quadro di continua, scaricatori, cavi per le batterie, connettori, quadro di alternata, magnetotermico differenziale...niente, non serve niente...metto tutto li e tutto funziona...

Artiglio
30-10-2015, 15:06
Ma se un forum intero di persone ti sconsigliano l'accumulo, qualche domanda me la farei.
Non è che siete la legge della sapienza universale e chi la pensa diversamente da voi non va bene. Anzi

Artiglio
30-10-2015, 15:08
WOW...è bello sapere che con 1800€ posso farmi un impianto con accumulo......

Woooow è bello dirti che l'80% di quel che elenchi ce l'ho già predisposto!!!! Woooooow

junp
30-10-2015, 15:10
e li hai avuti gratis? o li hai rubati?

Artiglio
30-10-2015, 15:21
e li hai avuti gratis? o li hai rubati?

La tua ignoranza è offensiva anche se me la faccio scivolare addosso.

marcober
30-10-2015, 16:00
Secondo me sono 698
550*1.04*1.22=697.84

sono passati 2 anni dal mio..ma questi 698 euro per accedere allo ssp non me li ricordo..roba recente?

stufodellenel
30-10-2015, 16:08
E' la spesa media per pratiche enel gse se ti affidi ad un professionista esterno

marcober
30-10-2015, 16:10
E dimmi: quale senso avrebbe invece un FV da 3 kw da 1270 euro x 3= 3810 euro collegato al GSE con in più 693 euro di pratica per allaccio = totale 4503 € quando il mio consumo di elettricità è solo estivo e a livello invernale relegato a un auto consumo del....10?20% ?

Secondo me il tuo consumo di EE non è solo estivo..anzi...conusmerai di piu in inverno come tutti,no?
E anche autocosnumo, cioè la % di produzione che usi direttamente, in inverno è altissima, perchè produci poco..
L'altro ieri con QUINDICICHILOWATT ho prodotto QUATTRO kwh..significa che 1 kw ti avrebeb dato 400 wh in 8 ore di luce...non pensi fosse stato meglio mandarle direttamente in impianto? era di certo un giorno in cui la batteria costava ma non produceva alcun utile.

Io poi non scrivevo di mettere 3 kw ma facveo i paragone con UNO..e ti ho fatto i cinti con e senza accumulo..

Comuqnue fra 1800 e accumulo che da 246 euro /anno e 3200 che danno circa 490 euro...lo vede chiunque, rientra prima LA SECONDA..quella che tu pensi convenga meno..rientra prima e DOPO produce piu risparmio/anno..e di certo non comporta ulteriori spese per cambio batterie.

Inoltre, le batterie che propongono, che potenza erogano? non vorrei che poi accendi piu di 400 W e torni su Enel...non è che tutti sti stacca e attacca alla fine fulminano qualche cosa?

Artiglio
30-10-2015, 18:19
Visto il mio caso che ho 5 split (uno per ogni locale abitabile) che userò prevalentemente d'estate (ma anche nei pomeriggi di autunno e inizio inverno e qualche pannello IR, un mio amico mi propone piuttosto di mettere 2 kw di fotovoltaico con ssp e vado a nozze. In modo che d'estate i pomeriggi avrò benefici climatizzando col sole e d'inverno qualche pomeriggio dei week end potrò decidere di attaccare i clima a scapito della caldaia azzerando i termostati che ho su ogni piano

spider61
30-10-2015, 23:13
Ci voleva un tuo amico per fartelo capire :D
ormai mettine 3 di kw

junp
31-10-2015, 08:22
La tua ignoranza è offensiva

Con tutto il rispetto, credo che in ignoranza in materia viaggiamo su 2 piani diversi.
metti le batterie, considera solo quello che ti fa comodo, contento tu contenti tutti.

Artiglio
01-11-2015, 10:59
Con tutto il rispetto, credo che in ignoranza in materia viaggiamo su 2 piani diversi.metti le batterie, considera solo quello che ti fa comodo, contento tu contenti tutti. Non cambiar discorso come fanno i politicanti. Sei ignorante per non dire peggio perché non puoi accusare una persona di 'rubare'. Pensa prima di scrivere.

Artiglio
01-11-2015, 11:05
ormai mettine 3 di kwSarebbero troppi se faccio 285 giorni all'anno consumando a malapena 1kw. Cosa accadrebbe agli altri 2 kw? D'estate avrei quei 70 gg dove autoconsumo me li farebbe fruttare. Meglio stare su 2 kw

junp
01-11-2015, 12:26
Non cambiar discorso come fanno i politicanti. Sei ignorante per non dire peggio perché non puoi accusare una persona di 'rubare'. Pensa prima di scrivere.
Non ti ho mai accusato di aver rubato.
Stai facendo intendere che con 1800€ ti fai un impianto con accumulo, al che ti ho fatto notare che devi aggiungere tante altre voci che ne farebbero lievitare il costo
Dici che all'80% ce li hai già questi componenti, quindi per NON considerarli nel conteggio economico o li hai avuti gratis o li hai rubati... Non conosco altri modi per avere componenti di un certo costo gratuitamente.

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk

Artiglio
01-11-2015, 13:31
quindi per NON considerarli nel conteggio economico o li hai avuti gratis o li hai rubati... Non conosco altri modi per avere componenti di un certo costo gratuitamente. Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando TapatalkMe li fa avere gratis il mio amico elettricista, nel pressi di favore che mi fa per l'installazione. Stop

alexsky
01-11-2015, 13:49
con Inverter Solaredge e ottimizzatori ho la possibilità di monitorare l'impianto FV ma è possibile avere anche il monitoraggio dei consumi dell'abitazione in real time oppure serve inserire qualcosa di aggiuntivo ?

junp
01-11-2015, 20:41
Me li fa avere gratis il mio amico elettricista, nel pressi di favore che mi fa per l'installazione. Stop
Quantifica "prezzo di favore" e cosa ti include...
Fosse anche 1€ gratuito NON è.

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk

Artiglio
03-11-2015, 11:03
120 euro e include tutto quel che mi hai elencato sopra. Ora sono stanco di questa sterile discussione.

junp
03-11-2015, 11:18
quindi 120€ per:

strutture di supporto dei pannelli (100-200€/kwp)
armadio per batterie (100€)
cavo solare (0,6-1€/ml)
quadro di continua con scaricatori e sezionatori (120-200€)
cavi per le batterie, connettori (100-200€)
quadro di alternata con magnetotermico differenziale e scaricatore (120€ almeno)
montaggio e trasporto
devi proprio presentarmelo, gli faccio montare un impianto al giorno a questo prezzo...

Che succede, ti fanno notare che i tuoi conteggi sono un "tantinello" sbagliati e la discussione diventa sterile?

Artiglio
03-11-2015, 12:19
E' mio cognato, invece di farmi il regalo di natale a me e moglie ha fatto questo regalo che non si è concretizzato più per le parti utili alle batterie perché è convenuto sull'indirizzarmi a un 3kw con gse. Ad ogni modo le restanti parti sono prezzate così.
Ma tu poi che ne vuoi sapere dei fatti miei? Se ti do una risposta e non la reputi accettabile quando invece è la pura verità vuol dire che hai solo manie di grandezza ingiustificate.

junp
03-11-2015, 14:41
I "fatti tuoi" li hai messi tu in "piazza" quando sei intervenuto in questa discussione.
il forum è un luogo di condivisione, dove ognuno cerca di dare il proprio apporto per una discussione costruttiva.
Io e altri dibattiamo da anni sull'accumulo, e allo stato attuale non v'è alcuna convenienza
poi arrivi tu, dici che con i tuoi consumi solo serali è meglio l'accumulo che te lo fai con 1800
qualcuno ti legge e magari ci crede
invece abbiamo dimostrato che:
con 1800€ comunque non conviene
che non sono 1800€ ma mooolti di +
e non importa che tuo cognato ti regala tutto, altrimenti a questo punto consiglio a tutti di farsi pagare le bollette dalle nonne così i consumi si azzerano senza nessun investimento.

davinci1967
03-11-2015, 14:42
@ Artiglio

non puoi scrivere che tu paghi tot per un determinato lavoro senza poi giustificare la cosa perchè daresti un'informazione forviante in un forum pubblico. In ogni caso, anche se è il regalo di Natale, che siano soldi, materiale o manodopera sono sempre una cosa che andrai ad investire e incidono sul piano di rientro, se tuo cognato di da, per esempio, 1000 euro contanti e tu li spendi per l'acquisto dell'impianto è la stessa cosa che ti da il materiale.............nulla si crea e nulla si distrugge :bye1:


junp mi ha anticipato.......

Artiglio
03-11-2015, 14:51
I "fatti tuoi" li hai messi tu in "piazza" quando sei intervenuto in questa discussione.
il forum è un luogo di condivisione, dove ognuno cerca di dare il proprio apporto per una discussione costruttiva.

alexsky ha fatto più sopra una domanda. Pensa a rispondere a lui piuttosto di interessarti a cosa mi conviene fare o non fare , che ad ogni modo ho preso la mia decisione.

davinci1967
03-11-2015, 15:00
con Inverter Solaredge e ottimizzatori ho la possibilità di monitorare l'impianto FV ma è possibile avere anche il monitoraggio dei consumi dell'abitazione in real time oppure serve inserire qualcosa di aggiuntivo ?

Per avere anche il monitoraggio dei consumi dell'abitazione devi abbinare un altro sistema, gli ottimizzatori e l'inverter non sanno quello che stai consumando ma solo quello che stai producendo.

alexsky
03-11-2015, 17:13
Per avere anche il monitoraggio dei consumi dell'abitazione devi abbinare un altro sistema, gli ottimizzatori e l'inverter non sanno quello che stai consumando ma solo quello che stai producendo.

sì mi sono informato e serve questo

http://www.solaredge.com/files/pdfs/products/se_electricity_meter.pdf
PV Monitoring Accessories

m (http://www.solaredge.com/groups/monitoring/pv_monitoring_accessories)i interessa un'unica interfaccia e credo che questa soluzione possa fare al caso mio

junp
03-11-2015, 17:27
bello
sinceramente non l'avevo mai visto
peccato costi un botto (sui 250-300€)...

alexsky
03-11-2015, 18:53
bello
sinceramente non l'avevo mai visto
peccato costi un botto (sui 250-300€)...

Purtroppo Sì ma con detrazione mi verrebbe sui 125-150 euro che non sarebbe comunque poco ma potrei monitorare tutto in un unica soluzione senza alcuno sbattimento

Soluzioni wifi poi sono bocciate in partenza

nottolotto
07-11-2015, 22:53
Procedura semplificata enel QUALCUNO SA QUALCOSA ??
... sto avviando le pratiche per un fotovoltaico da 3Kw dovrei aver trovato la soluizione che passa in comune, e alla sovraintendenza, sul garage.. sembra passi, mi parlano di una nuova gestione di pratiche "semplificata" che dovrebbe avviarsi intorno al 20 - 25 novembre, dove non si fanno piu 100 fogli al GSE ma ci si registra sul portale Enel si complila e fanno tutto loro.. chi ne sa qualcosa ? Inoltre chiedo, a parte il permesso del comune e della sovraintendenza per il vincolo paesaggistico, e la dichiarazione di conformità non dovrei aver bisogno di altro... giusto ?? sto aspettando un nuovo un preventivo per 10 pannelli LG da 300 W ..

marcober
08-11-2015, 09:11
diciamo che il Comune non da un permesso preventivo, essendo edilizia libera..anzi, in Lombardia la Comunicazione non la si fa nemmeno in Comune ma su un sito della Regione ..

La procedura semplificata, se ci puoi accedere (ci sono dei limiti) permette intanto di risaprmiare 122 euro..poi di avere alaccio garantito in 10 gg da fine lavori..e poi di far chiedere la Paesaggistica direttamnete da "loro" (anche se è possibile chiederla in proprio ed allegarla)

Poi bisogna capire che vincolo hai..se art 142 o art 136... se instalazione è aderente al tetto, penso che unici vicnoli attivi siano quelli art 136 b) e c) (ville , parchi, immobili di valore estetico)

anche io ho casa di interesse storico..l'ho meso sul garage (non aderente)

Thecooker
08-11-2015, 09:45
Innanzitutto un saluto a tutti. Dopo un po' di preventivi ho finalmente in fase di realizzazione il mio impianto fotovoltaico. La domanda che mi assilla è quanto realmente viene pagata l'energia in SSP? E l'eccedenza invece? Ho un consumo di circa 3300 kw l'anno e l'impianto sarà da 5,52 kwp cioè circa 7000 kw l'anno di produzione, io vivo in provincia di Torino. Un ultima cosa, l'eccedenza per quanto può essere tenuta ferma invece di essere pagata? Chiedo questo perché in futuro vorrei acquistare una auto elettrica e avere dei kw di eccedenza da parte mi sarebbe utile. Grazie per la pazienza...

marcober
08-11-2015, 10:03
Per lo scambio non esiste un prezzo fisso, dipende dallo scaglione in cui avevi prelevato e da che contratto hai (d2 o d3)..più la paghi, piu ti rimborsano...calcola circa 0,15 se sei in d2.
L'Eccedenza la pagano 0,05..la puoi tenere tutti gli anni che vuoi..pero sappi che quando la userai NON te la rimborsano piu a 0,15 ma appunto solo a 0,05.

Quindi la differenza fra farsela dare oggi ed usarla domani sta nel fatto che se la prendi oggi ci paghi le tasse..se la usi domani, no...ma il valore che ti danno non cambia.

Thecooker
08-11-2015, 10:05
Quindi conviene tenersela e utilizzarla in seguito... Ma allora le batterie d'accumulo che prezzo dovranno avere per convenire davvero?

marcober
08-11-2015, 10:25
Una batteria trasforma dello "scambio" in autocosnumo...siccome scambiare costa 0,1 euro al kwh (circa) la batteri adeve avere un costo di gestione (acquisto + perdite di ciclo) inferiore a tale costo..quinid siamo oggi lontani anni luce.
Il fatto che aumenti autoconsumo e cali scambio, non cambia quanto produci di ecedenza..quini una batteria non ha impatto su eccedenza.

Thecooker
08-11-2015, 10:36
Il discorso mi è un po' sfuggito di mano... L'eccedenza accumulata se consumata successivamente come è gestita dal GSE? Non so se riesco a farmi capire.

marcober
08-11-2015, 10:58
Se un certo anno avrai un OE cioe VALORE del Prelievo superiore a CEI cioè VALORE dell'Immesso..allora GSE "pescherà" nella tua Eccedenza e ti eroghera comunque il valore OE (superiore), all'interno dello SSP (quindi no tasse)
Quello che "va perso" è il rimborso degli Oneri rete e Sistema che invece vale solo in "ragione d'anno".

morale...gli Euro che il GSE "ripesca" dala tua Ececdenza..sono "slegati" dai kwh che li hanno generati e che quindi non verrano SCAMBIATI in anni successivi a quelli di immissione..e non essendoci SCAMBIO non ci sarà rimborso degli Oneri pagati in bolletta per quei kwh.

Esistono 4 modi quindi per valorizzare 1 kwh:

- lo autoconsumi (e lo valirizza al mancato costo in boletta)
- lo scambi NELL'ANNO SOLARE (e lo valorizza al Valore energia + Rimborso Oneri pagati in bolletta per 1 kwh)
- Lo immetti ma non lo scambi (eccedenza) e non lo chiedi subito ma lo "compesi" in un anno successivo SE avrao OE maggiore di CEI (lo valorizza al Valore Energia e non paghi tasse9
- lo immeti e lo fa pagare (Valore energia e paghi tasse)

Thecooker
08-11-2015, 11:01
Adesso mi è più chiaro finalmente. Grazie per il tempo che mi hai dedicato!

nottolotto
08-11-2015, 11:27
Grazie Marco, non mi ricordo che art è ma comunque dicono, dopo aver chiesto preventivamente che il garage non essendo edificio storico, come invece la casa, mi consentono l'installazione.. previa autorizzazioen perchè è comunque zona a vincolo paesaggistico.. Ovviamente i pannelli li monterei aderente al tetto.

E non per ultimo.. il geometra mi insiste che le agevolazion fiscali sono il 65 % anche sul fotovoltaioco, lui dice su tutto quello che riguada gli adeguamenti energetici "io ritengo che lo siano sul termico",
mentre sul fotovoltaico 50% GIUSTO ??

marcober
08-11-2015, 12:04
certo...hai ragiome tu..sbaglia il geometra.

si detrae ex art 16 bis comma h TUIR..e non ex art 344 legge xx Efficientamento energetico.

junp
08-11-2015, 18:43
Mi raccomando al bonifico:RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA!! AD un sacco di clienti ho dovuto stornare il bonifico e farlo rifare, nonostante in fattura siano chiaramente indicati gli estremi della legge! Al 90% è il cassiere che dice : pannelli solari (manco sa la differenza coi termici), efficienza energetica [emoji20]

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk

Artiglio
08-11-2015, 18:59
Alla fine ho dovuto mettere il cavo ignifugo con i fili elettrici del fotovoltaico dentro sotto il cappotto di eps. :) e sono contento della scelta. Almeno non ho schifezze in facciata. :):)

bu$ine$$
10-11-2015, 20:28
Buonasera a tutti, avrei bisogno di uno o più pareri sul mio caso perché dei commerciali non mi fido.
Abbiamo due stabilimenti di cui uno di recentissima costruzione, ma per problemi e economici e di tempi ristretti avevamo deciso di non fare il fotovoltaico nonostante consumiamo molta energia.
Ora però sto istallando nel vecchio stabilimento una caldaia a condensazione, e l impiantista continua ainsistere sui pannelli solari , perché dice che con i nostri consumi potremmo ammortizzarlo in 2 3 anni, ma visto che io penso che i soldi non li regali nessuno volevo chiedere un vostro parere, soprattutto se distaccato economicamente.
Nello stabilimento nuovo spendiamo mediamente 28 30 k più Iva al mese, a volte anche di più ,lavoriamo fissi su due turni con aggiunta saltuaria del terzo per 5 gg a settimana, siamo a 35 km da milano e non ci sono capannoni, ombre o altro, abbiamo cabina elettrica e trasformatori di proprietà.
Ora non ricordo le ripartizioni sulle 3 fasce ma se è basilare la recupero, mi sembra che paghiamo 16,xx cent più Iva di media...
Una cosa che non capisco è il fatto che mi ha più volte segnalato dei costi di rete, che ammontano a circa il 40% della bolletta e che a parer suo si azzererebbero facendo l'impianto...
La mia domanda ora è questa, volendo fare un impianto sottodimensionato, senza accumuli o altre balle...e consumando circa il 70% dell'energia prodotta...in quanto tempo ripagherei l'impianto?? E soprattutto....quanto realmente si perde come produzione nel corso degli anni?? I pannelli rendono davvero il 70 75 tra 15 20 anni??
Grazie in anticipo e una cortesia....non mandatemi pm con offerte di preventivi o richieste di dati personali che non ne do...voglio solo capire

alexsky
10-11-2015, 20:37
Sui conti economici non saprei dirti, i dati in ingresso sono scarni per poter dare indicazioni
Sul discorso durata pannelli direi che il 70% lo potresti avere dopo i 35 anni non dopo 15 o 20

bu$ine$$
10-11-2015, 21:02
Grazie mille...domani sono ad un corso d aggiornamento e non starò molto tempo in ufficio, potrei postare la bolletta dopodomani...

marcober
10-11-2015, 21:06
Business , ma a soldi e tetto ,come sei messo?

junp
10-11-2015, 21:21
30k€ al mese sono 180.000kwh... Oltre 2 GWh all'anno... Hai bisogno di quasi 2 MW per I tuoi consumi...
Peccato che l'ottusità italiota limiti i certificati bianchi a 20kwp (e non nell'industria) e lo ssp a 200kwp (ma nel tuo caso cambierebbe ppco), sennò ti potevi fare davvero qualcosa di interessante...
A suo tempo ne parlammo con Marcober in privato, e un intervento ben ponderato sarebbe giustificato...
Dicci tetto (mq e tipologia, se piano o a falda) e budget e potremmo aiutarti...

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk

bu$ine$$
10-11-2015, 21:46
Tetto nuovo e a falde...con pannelli sandwich mi pare...un bel pezzo....direi un 40 per 20 dovrebbe essere libero da tubi o cupolotti ma dovrei salire a controllare...soldi....ultimamente ci stanno deliberando senza tante beghe anche leasing su macchinari strani di cui fino a due anni fa erano no a prescindere...poi sapete come sono le banche...ieri banca x ti finanziava allo 0,8 0,9 di spread con 30% garantito....oggi vogliono il 2 e 50% e magari domani nemmeno ti rispondono al telefono..
Ps..il costo al kWh l'ho fatto prendendo importo al netto Iva e diviso per i kWh consumati nel mese...non so se sia giusto...

junp
10-11-2015, 21:54
Ottimo... È la tipologia di installazione più semplice, economica e veloce... Orientamento come è?
Est - ovest o sud - nord? Nel primo caso hai 800mq sfruttabili, nel secondo la metà...
Su 800mq 100kwp ci stanno tranquilli, e si può puntare anche a 120-130...se il prezzo è giusto rientri in 4-5 anni...

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk

marcober
10-11-2015, 22:29
Tetto piccolo in relazione ai consumi.Consumi elevati e quindi costo acquisto energia basso.Siete fra gli "energivori"? Se si la bolletta comprende oneri che poi vi vengono resi per cui penso che lo SSP non li rende (perché di fatto non pagati).Sabato e domenica che consumo di base hai?In ogni caso se avete accesso a tassi interesse buoni, fallo...dovrebbe ripagarsi in 7-8 anni.Io ne ho messi quesi 700 kw...posso darti qualche dritta.Posso chiederti che lavorazione fate?

Jump...solo per info..SSP fino a 500 kw...anche se dopo 200 non rende oneri sistema ma solo rete.

bu$ine$$
11-11-2015, 17:58
scusate ho finito ora il corso e sono con il cell, l'anno scorso non eravamo "energivori" perche non abbiamo superato i 2,4, probabilmente quest'anno dovremmo superarli perche a sett con lo stabilimento grande eravamo a 1,67 (dice data di attivazione 1/15 quindi presumo sia da gennaio), sempre dalla bolletta di sett abbiamo la corrente a tensione media (15000v) e potenza media di 500 kw, come consumi di fascia siamo 45% f1 23 f2 32 f3
ho detto 800mq perche sono quelli che se non ricordo male non hanno cupolotti, finestroni o tubi che disturbano...il tetto dovrebbe essere sui 4000mq circa
secondo me l'esposizione delle falde è est/ovest...però potrei sbagliarmi di qualche grado...
grazie a tutti cmq....scusate ma un 200 kwp "chiavi in mano" quanto potrebbe venire esagerare con le marche ma con prodotti "giusti"??!

junp
11-11-2015, 18:42
Jump...solo per info..SSP fino a 500 kw...anche se dopo 200 non rende oneri sistema ma solo rete.

già...consideravo solo la fascia "migliore"

vediamo di tirare 2 cifre...
a milano un est-ovest integrato ti va bene se fai 1100-1150kwh/kwp anno, quindi 220-230.000kwh/anno
con i tuoi consumi elevatissimi andrai in quasi totale autoconsumo, anzi, avendo 250kw di assobimento medio anche sabato e domenica, sarà prossimo al 100%!
sono 35-36.000€/anno
credo che su coibentato, con pannelli buoni ma economici (magari presi da qualche stock, ce ne sono tanti) e specie facendo non il chiavi in mano ma acquisti diretti, con 1000€/kwp (ma anche meno) puoi farcela...anche 8-900€/kwp non sono un "miraggio"
equivale ad un rientro in 5-6 anni (poi da aggiungere il finanziamento, ma non ci spostiamo di tanto)

per un impianto ad elevata longevità e manutenzione quasi nulla credo sia un buon affare...

bu$ine$$
12-11-2015, 16:10
5070450705507065070750708

bu$ine$$
12-11-2015, 16:22
buonsera a tutti, ho fatto 5 foto, il capannone è diviso in due, una parte più bassa dove c'è la produzione e una, sulla destra nella seconda foto, più alta perchè ci sono gli uffici su doppio piano.
dal colmo a scendere sono 8 mt circa di pannelli, e si scende di circa 80cm, l'utilizzabile senza finire a infastidire l'impianto di aspirazione è di circa 40/42 mt...
Quanti mq ci vogliono per ogni kw?
secondo me qua si riuscirebbero a tirare fuori comodi circa 16 per 40= 640 mt sopra la produzione e circa 100 120 sopra agli uffici...che è la terza foto...
volendo sopra al tetto della produzione ce ne stanno altri 8 per 40 =320 perchè c'è da fare dentro e fuori tra i cupolotti
il tetto è facilmente raggiungibile e in sicurezza dall'interno dello stabilimento per le pulizie, che a mio parere dovranno essere frequenti in quanto sia noi che i nostri vicini emettiamo in atmosfera...

junp
12-11-2015, 16:38
benissimo
non sei perfettamente est/ovest, ma con una pendenza di 6° è praticamente indifferente...
classico pannello coibentato a 4 doghe, facile ed economico installare sopra, non c'è neanche bisogno di linee vita etc (vedo pure parapetti)
per fare 200 kwp puoi usare:
800 pannelli da 250 = 1336mq
769 pannelli da 260 = 1284mq
666 pannelli da 300 = 1120mq
579 pannelli da 345 = 1020 mq


se quello che hai dichiarato è il NETTO da ombre e ingombri hai 640 + 120 + 320 = 1080 mq...
la soluzione migliore come prezzo/ingombri è da 640 moduli da 260 = 166,4 kwp, non ti conviene mettere moduli + potenti perchè specie su queste cifre alzano parecchio il prezzo!

non hai altre superfici? magari potresti fare delle pensiline per parcheggi...

bu$ine$$
12-11-2015, 18:20
il tetto è a norma e calpestabile in sicurezza, abbiamo una scala interna che porta sul tetto degli uffici (in fondo a dx nella foto 3) dove si esce e ci sono le macchine (condizionatori e caldaie), ah già il capannone è tutto condizionato, praticamente da giugno a metà settembre:cry:, poi si scende con una scala a gabbia e si arriva sul tetto della produzione, che dovrebbe essere in sicurezza...
volendo nella seconda sparata si potrebbero fare 8 mt per 70 o 80 mt...cioè l'intera lunghezza del capannone...però poi si finisce sotto a un camino...
niente tettoie...decisione architettonica:closedeyes: e cmq i parcheggi rimangono dal lato che prende meno sole
io ho calcolato la superficie netta...non ho calcolato lo spazio per eventuali passaggi...altra domanda... guardando su google maps ho visto che un mio più o meno vicino ha l'impianto, e a 300mt pure un altro mio xio rifacendo il tetto di ha fatto un impianto casalingo...però loro sono quasi precisamente a sud e con una gradazione maggiore...posso tranquillamente chiedere quanto gli rendono...ma serve ai miei calcoli o è inutile?
ps...eventualmente con cosa vanno lavati i pannelli? con una macchina a pressione? detersivi o solventi sono utilizzabili?

scusa la mole di domande ma sono neofita e preferisco chiedere tutto...

junp
12-11-2015, 18:31
i passaggi non sono necessari, basta una tavola per ripartire il carico e puoi tranquillamente passeggiare sui pannelli...se ci fossero sarebbe meglio, ma anche senza non si muore!
se vuoi una stima abbastanza precisa per la produzione vai su pvgis (http://re.jrc.ec.europa.eu/pvgis/apps4/pvest.php?lang=it&map=europe), metti le coordinate esatte, installazione integrata e perdite 8%, puoi farlo per ogni falda!
magari fai la simulazione anche per i tuoi vicini e vedi quanto si avvicina come attendibilità!
70x8 sono altri 420mq, quindi stai tranquillo ad arrivare a 200kwp con i pannelli da 260...
poi ora non si usano quasi + inverter centralizzati, potresti fare 6 da 33,3 o 7 trio 27,6...hai 12-14 MTTP, quindi gestione ottimale di ombre e diverse esposizioni!

p.s. per il lavaggio io uso il meteo ;) nel tuo caso se ci sono parecchie esalazioni in atmosfera forse potresti prevedere un lavaggio con acqua non troppo dura...

marcober
12-11-2015, 19:33
Concordo con Jump....unico dubbio..6 gradi...davvero pochi per tenerli puliti, solo col meteo....specie se ci sono emissioni..ma emissioni di che, se lecito? Jump, inclinarsi costa troppo ? Non ne vale la pena? Ala fine è quasi un tetto piatto..potresti metterli a sud pieno.

bu$ine$$
12-11-2015, 20:03
Emissioni ozono, solventi e polveri...ma stiamo canalizzando in un filtro a carboni attivi i primi due...
Qua grandina ogni tanto...e per l inclinazione..non è che poi in caso di forti temporali o mini trombe d aria si porta via tutto?! Magari pure il tetto?!:bored:
A 7 km da noi due anni fa si era portato via un Bell impianto di pannelli a terra...:cry:
Si guadagnerebbe tanto a inclinarli?! E se si di quanto andrebbero inclinati?
La distanza dei pannelli dagli inverter è incisiva?
Perché se ci stanno sarebbe ottimo metterli in centrale...

marcober
12-11-2015, 20:07
Beh , ovvio che va zavorrato bene..io l,ho inclinato e sta a 8 metri..però bisogna vedere costi e benefici....sentiamo Jump

stufodellenel
12-11-2015, 21:16
....credo che su coibentato, con pannelli buoni ma economici (magari presi da qualche stock, ce ne sono tanti) e specie facendo non il chiavi in mano ma acquisti diretti, con 1000€/kwp (ma anche meno) ....
Se può essere un metro di paragone ad un conoscente hanno preventivato un 50 KWp a 53.000 euro con una tal rogna di tetto.
Quindi direi che su pannello grecato un 200 KWp assolutamente sotto i 1000 euro/KWp
http://i63.tinypic.com/1fu6w0.jpg

junp
12-11-2015, 22:13
Oltre una certa potenza i costi fissi sono così diluiti che incidono poco... Poi sui cupolini si installa come su tetto piano, e il prezzo lo fanno i pannelli! Con un buon asiatico magari in stock 8-900€/kwp sono realistici...

Riguardo la tipologia di installazione, su pannello coibentato non si zavorra ma si rivetta, inclinare da 6 gradi verso est o ovest a 15 verso sud porterebbe una maggior produzione di circa il 10% (da 1120 a 1260) ma un maggior esborso di almeno 50-100€/kwp tra montaggio e strutture, oltre al fatto che dovresti rinunciare ad almeno il 20% della potenza installata per evitare auto ombreggiamento (30cm di distanza tra i pannelli) e ti sottoporresti a maggiori rischi del vento... alla fine visto che lo spazio è poco è meglio sfruttarlo tutto...
Discorso distanza pannelli-inverter:il cavo solare costa più del fg7, ma su queste taglie si viaggia con stringhe lunghe da 800-1000v...avrai meno perdita su 4mmq in continua che non sui 6mmq in alternata...
Una cosa è certa però, più sono corti i cavi e meno perdite ci sono!

Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk

bu$ine$$
13-11-2015, 09:22
martedi dovrebbe tornare il nostro resp di produzione e mercoledì vado con lui sul tetto a misurare bene e vedere quanto rubano le ombre...cmq a parer mio meglio piano...impianto al risparmio:rolleyes:
ora provo a chiedere all'ing se mi gira una planimetria aggiornata del tetto...con i nuovi cupolotti
cmq in teoria...si dovrebbe stare al massimo sui 1000 euro/kwp

thecas
13-11-2015, 10:18
Agli esperti del forum:- perché non si usano più inverter centralizzati?- in questo caso il sig. Business potrebbe utilizzare il bonus macchinari della nuova legge di stabilità?