PDA

Visualizza la versione completa : celle Cdt prodotte in Italia finalmente!!!



econtek
18-01-2007, 08:55
<br>vi rimando al link di questa azienda tutta Italiana dalla ricerca alla realizazzione delle celle e prossimamente dei pannelli si dice intorno a 0.8€ x Watt &#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7955daa2f3f5e027879d3f6474496b77.gif" alt=":woot:"><br><br><br><a href="http://www.solar-sse.com/index-it.htm" target="_blank">http://www.solar-sse.com/index-it.htm</a><br><br><a href="http://www.econtek.it" target="_blank">www.econtek.it</a><br>www.legge192-05.it

Giuseppe123
18-01-2007, 09:10
mi sembra che ancora non siano in produzione, è solo una ricerca universitaria, sono curioso di sapere quando potranno essere in commercio tali pannelli.<br>

crazy_horse
18-01-2007, 11:28
<a href="http://www.ansa.it/ecoenergia/notizie/fdg/200604071300237502/200604071300237502.html" target="_blank">http://www.ansa.it/ecoenergia/notizie/fdg/...1300237502.html</a><br><br><a href="http://www.marcegaglia.com/news/01_02_06_energia.html" target="_blank">http://www.marcegaglia.com/news/01_02_06_energia.html</a><br><br>SARANNO MADE IN ITALY PANNELLI FOTOVOLTAICI BASSO COSTO<br>(ANSA) - ROMA - L&#39;Italia gioca in casa la prima scommessa sul futuro del fotovoltaico. Saranno infatti tutti made in Italy i pannelli a basso costo per catturare il sole e verranno prodotti in Lombardia. L&#39;obiettivo e&#39; di abbassare i costi dei moduli che, con la produzione a pieno regime, potranno arrivare fino a 0,5 euro per watt contro i 5 euro per watt attuali. Il progetto per la costruzione della prima fabbrica europea per la produzione su larga scala di moduli fotovoltaici innovativi, a basso costo ed alta efficienza, <span style="color:blue">cofinanziato, attraverso una gara pubblica, e&#39; stato promosso da un&#39;iniziativa del ministero dell&#39;Ambiente dalla Regione Lombardia. Il progetto, del valore di 24 milioni di euro circa, cofinanziato con nove milioni, prevede la realizzazione di un impianto pilota di produzione automatizzata in linea di moduli fotovoltaici a film sottile di telloruro di cadmio</span>. <span style="color:blue">In pista una ditta italiana che fa capo al Gruppo Marcegaglia Energy, partecipata anche da una banca e da societa&#39; che operano nel settore dell&#39;ingegneria e dell&#39;innovazione tecnologica</span>. &#39;&#39;Una vera e propria scommessa - ha riferito il direttore generale del ministero dell&#39;Ambiente, Corrado Clini - perche&#39; l&#39; Italia mentre apre al fotovoltaico con le norme sugli incentivi, nello stesso tempo non ha capacita&#39; produttiva per quanto riguarda l&#39;industria dei moduli e dell&#39;impiantistica. Di questo passo diventeremo terreno di conquista. Ecco perche&#39; questa iniziativa promossa dal ministero dell&#39;Ambiente assume importanza nel quadro del rilancio del fotovoltaico&#39;&#39;.<br><br>La capacita&#39; produttiva massima annuale dell&#39;impianto sara&#39; di circa 18 MW, per un numero di moduli poco inferiore a 250.000, corrispondenti ad una superficie quadrata di circa 180.000 metri quadrati. L&#39;efficienza di conversione fotovoltaica dei moduli sara&#39; al di sopra dell&#39;11&#37;. Si prevede che il costo industriale del modulo, al di sopra di una produzione annua di 10 MW, non superera&#39; 0,5 euro per Watt, avvicinandosi al costo dell&#39;energia elettrica prodotta da fonti tradizionali. Se verranno rispettati gli obiettivi del progetto, l&#39;industria italiana, riferisce ancora Clini, &#39;&#39; sara&#39; all&#39;avanguardia nello sfruttamento efficiente ed economico dell&#39;energia solare, con prevedibili risultati positivi sia sul mercato interno che su quello internazionale dell&#39;energia&#39;&#39;. Finora i dispositivi fotovoltaici si basavano quasi esclusivamente sul silicio, materiale utilizzato prevalentemente nell&#39;industria dell&#39;elettronica e che e&#39; disponibile sui mercati a costi molto elevati. Gli sviluppi piu&#39; recenti della ricerca scientifica, in Italia e a livello internazionale, hanno reso possibile l&#39;impiego in laboratorio di materiali alternativi, con caratteristiche migliori nella conversione fotovoltaica e producibili in film sottile con processi veloci ed economici. (ANSA).<br><br>© Copyright ANSA Tutti i diritti riservati <span style="color:red">07/04/2006 13:00 </span><br><br><br>... penso che questo articolo sia stato postato almeno un adecina di volte...<br><br>C.H.

crazy_horse
18-01-2007, 11:51
<span style="color:red">23.11.2006</span><br>Q-Cells AG to invest in CIGS Thin-Film Technology developed by Solibro AB<br>Q-Cells AG is investing in a new photovoltaic technology to complement its current technology portfolio. Q-Cells, the world&#39;s second-largest manufacturer of solar cells, is joining forces with Solibro AB from Uppsala, Sweden, to set up a joint venture under the name of Solibro GmbH, in which Q-Cells will hold a share of 67.5&#37;.<br><span style="color:blue">Solibro GmbH will commercialise the copper indium gallium di-selenide (CIGS) thin-film technology developed in Sweden by Solibro AB</span>. For this purpose there are plans to build an initial factory in Thalheim, which will have an annual production capacity of 25 to 30 MWp.<br><br>----------------------------<br><br><span style="color:red">Date: 11/9/2006</span><br><br> XsunX Opens Doors Pre-qualified manufacturers slated for technical sales meetings at Golden, Colorado facilities ALISO VIEJO, Calif., Nov. 9, 2006 ——XsunX, Inc. (XSNX), <span style="color:blue">a provider of next generation advanced solar cell structures intent on providing diversity in solar cell applications and reductions to their cost and complexity</span>, offered insight today into the effectiveness of its expanding marketing efforts. According to Kurt Richard Laetz, the company’s VP of Global Sales &amp; Marketing, the first in a series of on-site sales meetings is scheduled to occur later this month at the company’s technical and marketing facilities in Golden, CO. “We have been looking forward to the start of on-site sales meetings in our new Golden facility. This enables us to provide potential licensees with hands-on validation of our technologies and discover their benefits,” Laetz said. “We are quite eager to demonstrate to our potential licensees how our thin film technologies can add value to their product lines.” “XsunX is actively working with many potential licensees, including those we introduced to the company at recent industry trade shows and events in San Jose, Beijing, Hong Kong, and San Francisco,” Laetz continued. “We are wholly committed to our transition from pure research and development into revenue generation and recognition.” ### About <span style="color:blue">XsunX Based in Aliso Viejo, Calif., XsunX is developing and commercializing innovative new thin film photovoltaic (TFPV) solar cell technologies and manufacturing processes to service expanding global energy demands. The Company has focused its efforts on lowering the cost per watt of solar power and making solar cell technology easier to use in a wide variety of applications</span>. XsunX provides new manufacturing techniques that can significantly lower production costs and allow for easier additions to production capacities and technology upgrades to manufacturers without their having to re-build and re-tool. Together, XsunX design and production innovations offer manufacturers of solar products exciting new application opportunities and reductions to the cost per watt of solar power. More information can be found at the Company&#39;s multi-lingual website portal at <a href="http://www.XsunX.com" target="_blank">www.XsunX.com</a>. Safe Harbor Statement: Matters discussed in this press release contain forward-looking statements within the meaning of the Private Securities Litigation Reform Act of 1995. When used in this press release, the words &quot;anticipate,&quot; &quot;believe,&quot; &quot;estimate,&quot; &quot;may,&quot; &quot;intend,&quot; &quot;expect&quot; and similar expressions identify such forward-looking statements. Actual results, performance or achievements could differ materially from those contemplated, expressed or implied by the forward-looking statements contained herein. These forward-looking statements are based largely on the expectations of the Company and are subject to a number of risks and uncertainties. These include, but are not limited to, risks and uncertainties associated with: the impact of economic, competitive and other factors affecting the Company and its operations, markets, product, and distributor performance, the impact on the national and local economies resulting from terrorist actions, and U.S. actions subsequently; and other factors detailed in reports filed by the Company. Media Contact: Holly Jocoy, MarComm Manager (949) 330-8065 Investor Relations:(888) 797-4527<br><br>----------------------------------<br><span style="color:blue">18 December 2006</span><br>ErSol installs first machines and boosts capacity in thin film sector<br><br><br><span style="color:blue">ErSol sets the first machines in place in new thin film production<br>Nominal capacity of 40 MWp planned as early as end of 2007</span><br><br>The first production machines were today brought into place at ErSol Thin Film GmbH, a subsidiary of the ErSol Group, at its new factory for amorphous thin film modules in Erfurt. This marks the start of the tool-move-in phase for production facilities following a five-month construction period. “The first machine to be installed will be the ‘Kai 1200’ type PECVD coating plant built by Swiss Oerlikon Solar, a global leader in thin film and vacuum technology. In future this will enable us to deposit the amorphous silicon layer on the glass substrate,” Dr. Lutz Mittelstädt, Managing Director of ErSol Thin Film GmbH, enthusiastically describes this first stage in the construction of the new facility at the Erfurt Freight Traffic Centre. Machines and systems are due to be set in place in a further five phases in the coming months. These include the so-called TCO (transparent conductive oxide) systems, laser cutting systems and related systems for the production of thin film solar modules.<br><br>ErSol is now planning to achieve a nominal capacity of 40 MWp in the thin film division by the end of 2007. “Originally, we had not proposed to reach this level until a year later. Our thin film production capacity can now grow faster than originally expected. This expedited expansion is possible thanks to the good cooperation with plant supplier Oerlikon Solar,” Karsten Weltzien, Managing Director of ErSol Thin Film, comments on the expansion of thin film capacity. The ErSol Group is investing over € 80 million in the Erfurt production plant for thin film modules. Currently the ErSol Group has more than 30 employees at ErSol Thin Film. The thin film subsidiary’s workforce is scheduled to increase to about 160 in the next two years.<br><br><br>.. tanto per citarne qualcuna...<br><br>C.H.<br>

pinetree
19-01-2007, 10:20
Che stanno tentando di abbattere i costi e senzaltro un ottima notizia, come al solito si investi cifre incredibile in una guerra sui tempi e prezzi, e qualcuno ci lascia per strada stabilimenti che non entra in produzione e decine di migliaia di persone senza lavoro.<br><br>Mi sembra di ricordare i Miliardi spesi per realizzare una fabbrica per produrre la RAM dei PC in Germania, e un improviso abbassamento dei prezzi della RAM causo il fallimento.<br><br>Sono pienamente convinto che i prezzi possono scendere subito, non c&#39;è alcuna convenienza scendere se il governo non smetta di aiutare la gente ad acquistare a questi prezzi ed si mette invece d&#39;accordo con i fabbricanti per abbassare i prezzi.<br><br>Mi ricordo ancora il mio primo LCD 15 pollici che ho pagato l&#39;equivalente di € 1.159,00 e dopo poco più di un anno e scesa quasi dieci volte il prezzo.<br><br>Il Decoder TV digitale, a prezzi allucinante, decoder da € 150,00 e trovavi a fianco videoregistratori da € 60,00 (costo di produzione molto più elevata), e magari in offerta una bicicletta mountain bike con cambio scimano a € 50,00.<br>Il Decoder non richiedeva tecnologia particolare per abbattere i costi era solamente una manovra commerciale, gi&agrave; due anni fa poteva essere prodotto a meno di €30,00 l&#39;uno, il finanziamento statale ha aiutato i prezzo a rimanere alti.<br><br>

BrightingEyes
19-01-2007, 10:31
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (pinetree @ 19/1/2007, 10:20)</div><div id="quote" align="left">Sono pienamente convinto che i prezzi possono scendere subito, non c&#39;è alcuna convenienza scendere se il governo non smetta di aiutare la gente ad acquistare a questi prezzi ed si mette invece d&#39;accordo con i fabbricanti per abbassare i prezzi.</div></div><br>I prezzi dell&#39;elettronica di consumo sono bassissimi perchè l&#39;elettronica di consumo è ormai prodotta al 99&#37; in paesi a basso costo di manodopera. Questo è buono per te che compri, meno per chi nel campo dell&#39;elettronica ci lavora (o lavorava).<br>Senza incentivo i prezzi diminuiranno senz&#39;altro, ma molto più lentamente e sopratutto diminuiranno quando Cina e co. potranno cominciare a produrre in maniera massiccia. Per ora tecnologia e shortage del Si frenano questa possibilit&agrave;, che sarebbe senz&#39;altro vantaggiosa per il consumatore, ma non molto per l&#39;industria europea.<br>L&#39;incentivo serve anche a far si che le produzioni occidentali mantengano il vantaggio tecnologico che ora hanno, anche se certo non è il suo obiettivo primario ufficiale <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/afb2e5b79a7f17d9b1d4d7e5ce5389df.gif" alt=";)">

pinetree
19-01-2007, 14:56
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (BrightingEyes @ 19/1/2007, 10:31)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (pinetree @ 19/1/2007, 10:20)</div><div id="quote" align="left">Sono pienamente convinto che i prezzi possono scendere subito, non c&#39;è alcuna convenienza scendere se il governo non smetta di aiutare la gente ad acquistare a questi prezzi ed si mette invece d&#39;accordo con i fabbricanti per abbassare i prezzi.</div></div><br>I prezzi dell&#39;elettronica di consumo sono bassissimi perchè l&#39;elettronica di consumo è ormai prodotta al 99&#37; in paesi a basso costo di manodopera. Questo è buono per te che compri, meno per chi nel campo dell&#39;elettronica ci lavora (o lavorava).<br>Senza incentivo i prezzi diminuiranno senz&#39;altro, ma molto più lentamente e sopratutto diminuiranno quando Cina e co. potranno cominciare a produrre in maniera massiccia. Per ora tecnologia e shortage del Si frenano questa possibilit&agrave;, che sarebbe senz&#39;altro vantaggiosa per il consumatore, ma non molto per l&#39;industria europea.<br>L&#39;incentivo serve anche a far si che le produzioni occidentali mantengano il vantaggio tecnologico che ora hanno, anche se certo non è il suo obiettivo primario ufficiale <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/324cda89b885b1685ce6f1c765ff7c86.gif" alt=";)"></div></div><br>A me non risulta che l&#39;occidente ha il vantaggio tecnologico, tutto e realizzato a quattro soldi nei soliti paesi dove ci sono i macchinari industriale delle più avanzate all&#39;mondo, e la manodopera a 60Euro all&#39;mese, i prezzi si gonfiano a dismisura dopo.<br><br>I produttori mondiali sono Giappone, Cina e dopo ma solo dopo l&#39;America (con clamorosi fallimenti)

BrightingEyes
19-01-2007, 23:05
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (pinetree @ 19/1/2007, 14:56)</div><div id="quote" align="left">A me non risulta che l&#39;occidente ha il vantaggio tecnologico, tutto e realizzato a quattro soldi nei soliti paesi dove ci sono i macchinari industriale delle più avanzate all&#39;mondo, e la manodopera a 60Euro all&#39;mese, i prezzi si gonfiano a dismisura dopo.<br><br>I produttori mondiali sono Giappone, Cina e dopo ma solo dopo l&#39;America (con clamorosi fallimenti)</div></div><br>Non ho capito bene. Vuoi afffermare che il costo reale di produzione è molto basso e viene tenuto alto artificiosamente? E se pure fosse così (e non lo è&#33;) perchè mai i produttori dovrebbero far scendere i costi eliminando gli incentivi? Come hai correttamente arguito il FV senza incentivo non si ammortizza in 35 anni. Senza incentivo chi lo utilizzerebbe? Senza domanda perchè mai le aziende dovrebbero investire e produrre?<br><br>Mah&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/bd161db5ad1adaa8a3eac556fe8372a6.gif" alt="&lt;_&lt;">

Proxima
20-01-2007, 01:33
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (econtek @ 18/1/2007, 08:55)</div><div id="quote" align="left"><a href="http://www.solar-sse.com/index-it.htm" target="_blank">http://www.solar-sse.com/index-it.htm</a></div></div><br>Aggiungo questo documento preso dal <a href="http://www.energymeeting.it/documentazione_REM_2006.htm" target="_blank">Rome Energy Meeting 2006</a> - <a href="http://www.radioradicale.it/schede/view/id=211736/rome-energy-meeting-2006-0" target="_blank">AudioVideo della giornata</a><br><a href="http://www.energymeeting.it/Download/Documentazine%202006/23%20nov%202006/Roma_2006Romeo.ppt" target="_blank">Nicola Romeo - Un Progetto Industriale per la Produzione in Linea di Moduli Fotovoltaici a Film Sottili Policristallini</a><br>Audiovideo RealMedia <a href="http://www.radioradicale.it/modules/archivio/playmedia.php?IdIntervento=2028437&amp;m=47" target="_blank">Nicola Romeo</a><br><br><span class="edit">Edited by Proxima - 20/1/2007, 01:53</span>

alby62
22-01-2007, 18:35
quelli di cui si parla sono ben inventati da lui , forza Romeo .

jumpjack
07-06-2013, 22:34
Che fine hanno fatto questi Antichi Pannelli Miracolosi Italiani?

vivasamp
12-06-2013, 21:44
Che fine ...?

Il processo è pronto e perfezionato da tempo. Ci sono i paper nelle conferenze e i sample. Sarebbe possibile costruire in Italia a meno di .50€/W ma Marcegaglia non vuole tirare fuori i soldi per fare lo stabilimento. Forse con un finanziamento del governo del 150% potrebbero pensarci...

Alby62
14-06-2013, 11:12
ma se lo stabilimento è bellochè finito a lonate pozzolo o tutta l'impiantistica che vedo da fuori è un bufala? spero che non sia la solita CATTEDRALE NEL DESERTO del valore di 1 mil €! quando il governo ne stanziò a babbo morto per 20 mil €!!!!!!!
fino a 6 mesi fà tutto quasi era fermo, qualche auto nel piazzale c'era ,per cui qualcuno ci lavorava .

marcober
14-06-2013, 11:31
Marcegaglia non vuol fare e vendere pannelli solari..ma tetti solari.
Ora..se il mercato dei pannelli in Italia si sta per restringersi del 90%..quello dei TETTI industriali penso sia prossimo a zero..

menekken
04-09-2013, 09:44
cpncordo Marco. quella dell'innovativo (film sottile) è stata una buffonata tutta italiana. Il risultato ? miliardi di incentivi dati a pioggia ed una tecnologia che senza incentivo non si autosostiene. C'era chi profetizzava la guaina fotovoltaica come il santo gral del fotovoltaico.
Ora che fotovoltaico "classico" se ne fa pochissimo.......chi farà più le guaine fotovoltaiche ?

scresan
05-09-2013, 20:30
A giugno 2012 avevo trattato direttamente con Marcegaglia per un tetto di un capannone, con 1000 mq di monopanel e 50 kwp circa di lamine a film sottile.

Mi avevano portato anche dei campioni da visionare!

Sono certo che l' impianto di taranto era già operativo e produceva pannelli a film sottile su brevetto uni-solar ( a dire della Marcegaglia acquisito da unisolar per il mercato italiano) in una 20ina di misure, con lamine che partivano da 1,4 mt fino a 9 mt e potenze corrispondenti da 30 a 240 watts, certificati ed incollati sul monopannel (a dire loro!)

Il problema piu' grosso .... era il prezzo!!! Fuori mercato rispetto al cristallino, ma dalla "loro" c'era il discorso dell' integrato innovativo... piu' che un rapporto favorevole prezzo/qualità........ Inoltre erano senza le certificazioni necessarie per il 4° CE, che sono arrivate il 10 di agosto... troppo tardi per ordinare, trasportare e installare l' impianto.....

Fin'ora ho visto 3 solo 3 impianti con questa tecnologia, ma non sono mai riuscito a parlarne con i proprietari, per vedere come vanno!