Evlist veicoli elettrici
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 44

Discussione: Parliamo di quadricicli leggeri.

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Parliamo di quadricicli leggeri.



    Ciao a tutti ragazzi.
    In questi anni viaggiando per il mondo mi sono reso conto di quanto nel mondo stiano spopolando i mezzi elettrici. A NYC è pieno di tricicli elettrici con i soliti hubmotor Nine Continent utilizzati come taxi o come mezzo di trasporto personale.
    Mi immaginavo un'Italia tra qualche anno, con un po' piu' di autocoscienza e sale in zucca, capace di eguagliare gli stati più avanzati.
    Immaginatevi i nostri bellissimi Rickshaw motorizzati.
    Io me ne sto procurando uno per costruirne uno elettrico a pannelli solari.
    Chiaramente la legge è la stessa che per le biciclette elettriche:
    250w 36v con pedalata assistita.

    La tecnica costruttiva è ancora piu' intuitiva che per le biciclette, il posto per le batterie e per i pannelli solari c'è, pero' in Italia non ne ho ancora visto uno di questi cosi. Il mio sarà uno dei primi.
    C'è qualche altro interessato a mezzi del genere?
    Gio.

  2. #2
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    non ho capito molto.. però anche la cina è piena di scooter elettrici con wheel motor. Puoi spiegare meglio?

  3. #3
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Certo!
    Beh se analizzate l'utilizzo di mezzi di trasporto elettrici negli altri stati e qui in Italia facciamo ridere.

    Basta andare a vedere www.endless-sphere.com/forums per capire quanto siamo indietro. Tra gli americani sta spopolando il DIY, cioè il do it yourself; c'è gente che fa qualsiasi cosa per conto suo per di risparmiare ed avere un impatto ambientale minore sull'ambiente.
    Un paio di esempi:
    YouTube - DIY starter motor bike 54 km/h electrical bike
    YouTube - The BLADE 04

    Se spostiamo lo sguardo sull'oriente ci sono problemi e bisogni realmente diversi. Prima abbiamo parlato dell'America, che da leader incontrastato si è ritrovata in un momento di crisi. Grazie a questa catena di eventi l'americano medio sta aprendo gli occhi e sta uscendo dalla totale inibizione e passività acquisita nei tanti anni di capitalismo e sistema americano. Grazie al web e alle community qualcosa sta cambiando in america.

    In Cina invece, se andiamo a Shangai vedremo milioni di biciclette elettriche di più o meno bassa qualità. Electric bikes in china
    Come vedete dal video i cinesi non si possono permettere di spostarsi come noi milanesi (non per una questione di danaro ma di sopravvivenza) . Gia a Shangai il tasso di mortalità è elevatissimo per colpa dello smog che si taglia a fette.

    Come al solito ci troviamo davanti a un problema di necessità.
    Io mi sono appassionato alle biciclette elettriche quando da vero motociclista ho capito che smettevo di divertirmi a Milano con il traffico e le varie accise. Muoversi era diventato un peso e non più un divertimento.
    Sapete cosa vuol dire poter attraversare Milano tramite i parchi, la zona chiusa al traffico del Duomo e le varie zone pedonali?
    Vuol dire risparmiare centinaia di ore della propria vita all'anno e godersene altrettante senza smog, nervosismo e senso di impotenza verso 5.000 macchine davanti a te.

    Ho creato questo post per discutere di eventuali progetti di mezzi di questo tipo.
    Dalle biciclette ai quadricicli (sempre a pedali).
    La legge non vieta a un Rickshaw di attraversare parco Sempione per esempio...oppure Via Dante o Via Vittorio Emanuele (Vie che permettono di attraversare il centro della città in pochi istanti chiuse al traffico di veicoli a motore).
    Immaginatevi una tipica giornata di pioggia milanese dove ci sono macchine ovunque; l'intera popolazione si sta spostando con auto di qualsiasi tipo.
    L'eventuale possessore di un Rickshaw elettrico (a pedalata assistita) potrebbe beffarsi dell'intera città, non prendere l'acqua, essere di buon umore e sentirsi parte di qualcosa di utile per la nostra società.
    Ultima modifica di gioscarab; 17-05-2009 a 16:00

  4. #4
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ti quoto in pieno...basterebbe un'ape elettrica...
    ma è più figo portare i bimbi a scuola con il suv.

    in cina la bici o scooter elettrico sono un boom unicamente per motivi eco-nomici, in india (taji mahal) per eco-logici e non rovinare i monumenti bianchi.

  5. #5
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Beh di certo gli indiani sono piu' avanti dei cinesi, anche se si muovono ancora con le royalenfield e le api 2t

  6. #6
    amir
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da gioscarab Visualizza il messaggio
    ...C'è qualche altro interessato a mezzi del genere?
    Gio.
    Sì, io!
    Ho brevettato (come modello d' uso) questo...coso.
    Qui qualche disegno:
    http://www.energeticambiente.it/aria...ne-e-cose.html.

    Qui altre descrizioni:
    http://www.energeticambiente.it/veic...#post118936416.

    amir

    P.S.: negli altri post non ho fatto notare il particolare più importante: la parte posteriore è inclinabile, cosi che il guidatore sta verticale anche quando la strada è "a schiena d' asino", se hai guidato un risciò a pedali puoi capire la differenza, e in curva il guidatore si inclina come in bici.
    Così come è pesa 45 kg, ma è fatto di ferraccio, è molto migliorabile.
    Immagini Allegate Immagini Allegate
    Ultima modifica di amir; 18-05-2009 a 21:28

  7. #7
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    amir, sei veramente un vulcano a 360°...

  8. #8
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    vi segnalo una realtà molto diffusa ad Amsterdam che opportunamente elettrificata (e non) può essere considerata anche altrove:
    http://www.bakfiets.nl/
    Immagini Allegate Immagini Allegate

  9. #9
    amir
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da biker.twin Visualizza il messaggio
    vi segnalo una realtà molto diffusa ad Amsterdam ...
    L' ho vista in Germania, e provata, contrariamante a quello che mi aspettavo, è molto stabile. Ganzissima.

  10. #10
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Complimenti Amir.
    Davvero una buona idea.
    Sarei curioso di vedere il tuo progetto in movimento.
    Come fa a pesare 45kg? O_O

    C'è un ragazzo a Milano che gira con qualcosa di simile ai mezzi Olandesi postati da biker twin.
    Idee come questa potrebbero rivoluzionare il modo di muoversi di molte persone, purtroppo non c'è ancora una scelta cheap e funzionale.

    Perchè non proviamo ad arrivare alla soluzione migliore?

  11. #11
    amir
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da gioscarab Visualizza il messaggio
    Complimenti Amir.
    Davvero una buona idea.
    Sarei curioso di vedere il tuo progetto in movimento.
    Come fa a pesare 45kg? O_O

    Perchè non proviamo ad arrivare alla soluzione migliore?
    Grazie per l' apprezzamento.
    Peso dovuto a ferraccio "da mobili" e telai di bici per bambini di poco prezzo (le bici, non i bambini ), e sovradimensionamento della parte anteriore, una specie di cellula di sopravvivenza per i passeggeri, trave reticolare rigidissima.
    Mi piacerebbe molto svilupparlo in collaborazione con competenti, primi mese prossimo sarò a Milano, se ti interessa lo carico sulla panda e te lo faccio vedere. Dal vero è parecchio peggio che in foto, ma io ci vedo "in nuce" un bellissimo veicolo cittadino...

    amir

  12. #12
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Oltre ai più famosi mezzi "londinesi" (a Covent Garden è pieno):
    http://www.cyclesmaximus.com/?gclid=...FQkEZgod7Bof2g

    trasformabili all'occorrenza in mezzi di trasporto cose,


    ,segnalo un modello australiano in vendita:
    Transporter Tricycle from The Electric Bicycle Co. - MrMotorised, Newcastle Australia

    Sono dollari australiani, quindi 1800AUD corrispondono a poco meno di 1000euro.

    Pace!
    Gym
    Ultima modifica di gymania; 19-05-2009 a 16:21

  13. #13
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    alla fine si arriva sempre al triciclo con cassone o posti a sedere, insomma all'ape.
    Si curamente questi mezzi possono sopportare le motorwheel senza i problemi di stabilità ed hanno anche ampio spazio per le batterie...
    PS. ci siamo dimenticati dei risciò di Riccione, che già da qualche anno sono elettrici...

  14. #14
    amir
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da biker.twin Visualizza il messaggio
    alla fine si arriva sempre al triciclo ...Si curamente questi mezzi possono sopportare le motorwheel senza i problemi di stabilità ed hanno anche ampio spazio per le batterie...
    Ciao biker.twin,
    sicuramente sono robusti, e reggerebbero bene le sollecitazioni del motore e del carico, ma come stabilità alle spinte laterali non sono il massimo, non so se hai mai provato a guidarne uno.
    Un difetto congenito grave di questi tricicli è che quando la strada è inclinata trasversalmente, e cioè quasi sempre, pedalare diventa scomodo, come è scomodo continuare a pedalare in curva.
    Per questo motivo ci sono un sacco di tipi di tricicli inclinabili, prova a cercare TTW; tilting o leaning o inclinable three wheelers o tricycles;
    vedrai tantissime soluzioni, ognuna con pregi e difetti, il pregio maggiore chiaramente è la grande stabilità in curva, anche perché la maggior parte inclinano su tutte e tre le ruote; questo fatto permette inoltre di usare ruote tipo quelle delle bici, perché sono caricate solo radialmente,;
    tra i difetti c'è spesso complicazione meccanica, peso in più, spazio occupato dai vari pezzi dei vari sistemi, ed il conducente deve fornire la forza per inclinare la macchina verso il centro della curva.
    In alcuni tricicli molto bassi e con meccanica molto raffinata ( e quindi costosa) lo sforzo per inclinarli è molto ridotto:
    TRIPENDO - the three-wheeler that likes bends.

    Se però si vuole spazio a bordo per passeggeri e/o carico, questa soluzione recumbent non va bene.

    Ora mi piacerebbe continuare questa carrellata sui tricicli, ma il titolo della discussione riguarda i quadricicli, quindi non so...
    E poi quadricicli leggeri, inteso in senso tecnico, sarebbero veicoli dalla massa a vuoto massimo di 350 kg, con carico massimo di 200 kg, e veloctà fino a 45 km/h; su macchine così la pedalata, anche assistita da 250 W, avrebbe poco senso.

    Quindi i tricicli di cui dicevo, sarebbero OT anche per il fatto che sono molto al disotto di questi limiti, specialmente per la massa a vuoto e per la velocità.

    Un' altra questione interessante è la differenza fra la configurazione "tadpole", due ruote sterzanti davanti e la motrice dietro, e "delta", unica anteriore sterzante, le motrici dietro.
    Queste differenze riguardano la stabilità in frenata, l' aerodinamica, il comfort dei passeggeri, la necessità o meno del differenziale, ecc.

    Ciao

    amir
    Ultima modifica di amir; 20-05-2009 a 11:28

  15. #15
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    io sarei curioso di continuare il discorso, ma effettivamente gioscarab ha iniziato il 3d con quadricicli

  16. #16
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    anche io sono molto interessato a discutere di entrambe le possibili realtà ingegneristiche, non si puo' cambiare il titolo del td? :P

  17. #17
    amir
    Ospite

    Predefinito stabilità in frenata

    Buonasera.

    In un veicolo che freni in rettilineo su strada trasversalmente orizzontale, teoricamente non si dovrebbero sviluppare forze trasversali; in realtà qualche piccola oscillazione c'è sempre, e questo orienta lateralmente la freccia, che rappresenta la forza peso, e che è applicata al baricentro del veicolo stesso.

    Essendo la base di appoggio di un triciclo definita da un triangolo, nella maggior parte dei casi isoscele, a sua volta definito dai punti di contatto delle ruote con il suolo, nel caso di una forza esattamente trasversale all' asse longitudinale del veicolo stesso, è indifferente che il vertice del triangolo si trovi davanti o dietro al veicolo.

    Durante la frenata però, la freccia viene orientata anche in avanti, quindi nel caso del delta, a parità di frenata la sua proiezione si avvicina molto di più al perimetro della base d' appoggio, che nel caso del tadpole.

    In altre parole, è molto più facile ribaltarsi lateralmente in frenata (a marcia avanti!) con un delta che con un tadpole, ed in questi ultimi il serpeggiamento è molto più controllabile.

    amir
    Immagini Allegate Immagini Allegate
    Ultima modifica di amir; 22-05-2009 a 07:06

  18. #18
    amir
    Ospite

    Predefinito differenziale

    Allora continuo...

    I tricicli tadpole non hanno evidentemente bisogno di differenziale, a meno che siano configurati con trazione sulle ruote anteriori, mentre per i delta c'è il dilemma di scegliere fra asse rigido, differenziale, ed altri sistemi.

    L' asse rigido è semplice e leggero, ed ha poche perdite meccaniche;
    perde energia nelle curve, oltre che aderenza, per via dello slittamento dei pneumatici, e nelle curve strette è veramente una pena.

    Il differenziale è leggermente più pesante ed occupa un po' più spazio, ha un rendimento leggermente minore, ma la la perdita di energia in curva è minima, e così è minima la perdita di aderenza, sia laterale che longitudinale, ---> maggiore tenuta di strada e motricità.

    La trasmissione su una sola ruota risolve il costo del differenziale e lo slittamento in curva dell' asse rigido, ma introduce uno slittamento in rettilineo, dovuto alla deriva , forza laterale dovuta alla spinta fornita dalla ruota motrice, che ha un braccio di leva pari alla metà della carreggiata del veicolo.

    Tra gli altri sistemi, ne cito uno che presenta un assale formato da due semiassi coassiali, resi solidali radialmente da una doppia frizione, questa frizione essendo comandata da leve e rinvii, azionati dalla rotazione dell' asse del manubrio. Ha il vantaggio di mantenere la direzione rettilinea ( su strada trasversalmente orizzontale), di avere buona motricità, e di eliminare lo slittamento in curva, però è ingombrante e pesante, certamente più costoso di un asse rigido, e richiede forza al conducente per azionare le frizioni di sterzo, e quasto rende la sterzata meno precisa
    amir
    Ultima modifica di amir; 21-05-2009 a 12:53

  19. #19
    amir
    Ospite

  20. #20
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao a tutti, questo forum è davvero interessante e mi sono iscritto, ci sono capitato perchè volevo costruire un triciclo elettrico a delta classico ma ora ho cambiato idea e lo farò a delta inverso.
    Ho letto tutti i link che avete postato e mi sono fatto una mezza idea su come realizzarlo.
    voglio fare il telaio di alluminio con dei giunti in acciaio per avere leggerezza e robustezza.
    Ho già cominciato se l'idea va a buon fine metterò delle foto

  21. RAD
Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Parliamo di EPC Contractors
    Da brightside nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 02-04-2014, 08:16
  2. Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 20-06-2008, 16:01
  3. Parliamo di rimborsi
    Da jumpjack nel forum Parliamo di quadricicli leggeri.FOTOVOLTAICO
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 31-03-2008, 08:58
  4. Parliamo di ombre???
    Da frank_77 nel forum Parliamo di quadricicli leggeri.FOTOVOLTAICO
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 07-02-2008, 08:18
  5. Parliamo di trasmutazioni?
    Da nel forum L.E.N.R. (Trasmutazioni Bassa Energia)
    Risposte: 57
    Ultimo messaggio: 25-10-2005, 22:36

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •