adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Contributi per definire i FONDAMENTALI di un Impianto Fotovoltaico

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Contributi per definire i FONDAMENTALI di un Impianto Fotovoltaico


  • #2

    Commenta


    • #3
      <img src="http://bwrulez.dreamhosters.com/forum/images/b9d735c0b76701a6dc5f644b40dd1f7d.gif" alt=":"><br>Li diamo per scontati... forse proprio per questo pochi sanno quali sono.<br><br>Alcuni addirittura immaginano impianti orientati a est, altri si chiedono come fare una pensilina impermeabile, altri se l&#39;impianto va collegato a terra.<br><br>Ecco, questi sono gli argomenti fondamentali gi&agrave; trattati ampiamente in molti POST del forum. Ve lo chiedo per favore; se vogliamo VERAMENTE far fiorire le ALTERNATIVE necessario applicare uno STANDARD minimo di QUALITA.<br><br>Facciamo di questo POST quello da cui far partire una sorta di fiammata capace di togliere dal campo il pressapochismo e l&#39;incompetenza. Chiedo a SNAP e ad altri di fare uno sforzo comune per poter avere finalmente in Italia un minimo di professionalit&agrave; tra tutti quelli che si vorrebbero proporre pi precisi e preparati dal punto di vista della tecnica <img src="http://bwrulez.dreamhosters.com/forum/images/983b385ec2ad950efeac206cb6913d7d.gif" alt=""> di base ai loro clienti.<br><br>Mi spiace ma non basta immaginarsi di esser bravi, bisogna diventarlo...
      Soluzioni, Azioni, Risultati per la vita...

      Commenta


      • #4
        Mai piu sagge furon le tue parole caro Fernando, concordo pienamente in cio che hai scritto, pure nel mio settore che la geotermia spesso e volentieri mi trovo difronte a queste situazioni, capibile 4/5 anni f&agrave; , ma ora tempo per , appunto Fiorire, Ave Cesare

        Commenta


        • #5
          <b>- PROTEZIONE DA CONTATTI INDIRETTI -</b><br>A valle di gruppi di conversione che andranno collegati a un sistema trifase, corretto inserire interruttori automatici magnetotermici con rel differenziale ( Id 0,03 A )?<br>Se si, quale tipologia di differenziale potrebbe adottarsi ?<br><br><b>- QUADRO SOTTOCAMPI - PARALLELO STRINGHE -</b>Se i gruppi di conversione vanno installati lontani dal campo fotovoltaico (ad esempio per consentire l&#39;installazione del gruppo di misura energia prodotta), i quadri in corrente continua vanno posti subito vicino al campo fotovoltaico per proteggere la linea che va dal quadro fino agli inverter?<br><br><b>- MESSA A TERRA -</b><br>Appurato che i moduli fotovoltaici di classe II non vanno collegati a impianto di terra, come bisogna comportarsi con la struttura di sostegno (che nel 99% dei casi in metallo)? Va collegata all&#39;impianto di terra?<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:40</span>

          Commenta


          • #6
            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (palozzo @ 10/9/2007, 14:36)</div><div id="quote" align="left">- PROTEZIONE DA CONTATTI INDIRETTI -<br><br>- QUADRO SOTTOCAMPI - PARALLELO STRINGHE -<br><br>- MESSA A TERRA -</div></div><br>Ti pregherei di inserire delle ipotesi di STANDARD MINIMI e non delle domande in questo post.<br><br>Grazie
            Soluzioni, Azioni, Risultati per la vita...

            Commenta


            • #7
              Credo che sia un obiettivo molto importante da raggiungere sia per affermare uno standard che dia risultati certi e lanci finalmente il Fotovoltaico in Italia. Gli impianti stano concludendo il primo anno di produzione e, vedo dall&#39;importantissimo 3D di Mansoldo, che le produzioni sono superiori alle attese in moltissime realizzazioni. Questo consolante perch significa che gli impianti sono stati realizzati correttamente.<br>Per quanto riguarda l&#39;impiantistica si stanno definendo i <b>criteri realizzativi </b> anche se c&#39; spesso molta confusione sui prodotti da usare.<br>Faccio un esempio. <b>Cosa serve il magnetotermico dal lato continua?</b><br><br><b>Quando mai potr&agrave; avvenire che il campo fotovoltaico faccia scattare un magnetotermico?</b><br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:42</span>

              Commenta


              • #8
                Sul lato continua le protezioni sono minime (sovraccarico e cortocircuito abbondantemente sopportabili dai cavi sovradimensionati per caduta tensione) :<br>Quadro parallelo sottocampi stringhe installato vicino al campo fotovoltaico (su struttura di sostegno)<br>Componenti :<br><b>SEZIONATORI CON FUSIBILI</b><br><b>SCARICATORE SOVRATENSIONI</b><br><b>DIODI DI BLOCCO</b><br><br>Quadro generale campo fotovoltaico installato vicino a inverter (quindi lontano dal campo)<br>Componenti<br><b>INTERRUTTORI SEZIONATORI </b> (protetti a monte da fusibili del rispettivo quadro sottocampo) DI TUTTI I SOTTOCAMPI PER INTERRUZIONE CARICO SUL CAMPO<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:42</span>

                Commenta


                • #9
                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (snapdozier @ 14/9/2007, 08:42)</div><div id="quote" align="left">....<br>Per quanto riguarda l&#39;impiantistica si stanno definendo i criteri realizzativi anche se c&#39; spesso molta confusione sui prodotti da usare.<br>....</div></div><br>Per fare una lista di cose da mettere sotto controllo nel caso di realizzazione di un impianto fotovoltaico vi segnalo un documento semplice (in inglese <img src="http://bwrulez.dreamhosters.com/forum/images/b59a7c89ace01c622b221ec827d80350.gif" alt="&lt;_&lt;"> ) che riporta in generale alcune cose importanti che credo ESSENZIALI alla riuscita di un buon campo fotovoltaico.<br><br><a href="http://www.greenhouse.gov.au/yourhome/technical/pdf/fs47.pdf" target="_blank">Sistemi Fotovoltaici</a><br><br>Il sito da cui tratto il documento fa un ampio escursus sulle rinnovabili e la Home Page raggiungibile da questo <a href="http://www.greenhouse.gov.au/yourhome/technical/fs00.htm" target="_blank">LINK</a><br><br>Un documento invece pi corposo questo della solita NREL che tratta il solare (anche termico e passivo) dal punto di vista della progettazione (anche l&#39;orientamento); del montaggio dei pannelli; dei sistemi e della sicurezza sui cantieri; alla fine del documento ci sono anche degli esempi applicati delle diverse soluzioni. Direi molto interessante (2007)<a href="http://www.nrel.gov/docs/fy07osti/41085.pdf" target="_blank">LINK PDF 9Mb</a><br><br>Ecco poi la solita <a href="http://www.irecusa.org/fileadmin/user_upload/NationalOutreachPubs/InspectorGuidelines-Version2.1.pdf" target="_blank">IspectorGuidelines</a><br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 14/9/2007, 16:02</span>
                  Soluzioni, Azioni, Risultati per la vita...

                  Commenta


                  • #10
                    Io comincerei dall&#39;<b>orientamento</b>. Sembra una banalit&agrave;, ma ne ho visti pi d&#39;uno a nordest o a nord ovest. Il limite massimo perch l&#39;impianto sia economicamente compatibile al nord sta circa a +- 45 di Azimuth e 12-15 di tilt. Al di la di questi valori, al nord, l&#39;impianto non compatibile con il CE dal punto di vista economico e va quindi va valutata attentamente la fattibilit&agrave;.<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:43</span>

                    Commenta


                    • #11
                      Altra cosa che mi permetto di porre all&#39;attenzione di tutti... e quindi da cosiderare con la massima attenzione l&#39;<b>ombreggiamento</b>. Credo sia pi professionale per un tecnico dire che l&#39;impianto meglio non farlo piuttosto che dare delle false speranze ad installazioni che avranno con buona probabilit&agrave; una perdita di rendimento superiore al 20%.<br>Per questo consiglio a tutti di utilizzare <b>clinometro</b> e curva di irraggiamento disponibile oltre che nei software originali anche in diversi software free.<br>E occhio a fare il sopralluogo in estate e a dare per scontato che il fabbricato davanti o l&#39;albero a 5 metri non coprir&agrave; l&#39;impianto. Ricordate sempre che in inverno il sole &quot;gira&quot;molto molto basso....<br>Ciao Fabio<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:44</span>

                      Commenta


                      • #12
                        Il <b>mismatch</b> di corrente tra moduli molto importante: bisogna suddividere anche nei piccoli impianti i moduli in almeno 2 stringhe utilizzando la Impp come discriminante. Tutti i migliori su una, tutti i peggiori sull&#39;altra. E i peggiori metterli pi in alto dove il maggior calore pu aiutarli leggermente.<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:46</span>

                        Commenta


                        • #13
                          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (nic&#95;&#95;&#95; @ 19/9/2007, 14:13)</div><div id="quote" align="left">Il mismatch di corrente tra moduli molto importante: bisogna suddividere anche nei piccoli impianti i moduli in almeno 2 stringhe utilizzando la Impp come discriminante. Tutti i migliori su una, tutti i peggiori sull&#39;altra. E i peggiori metterli pi in alto dove il maggior calore pu aiutarli leggermente.</div></div><br>Sul MisMatch, vista l&#39;importanza, qualche volontario pu fare un approfondimento, GRAZIE.
                          Soluzioni, Azioni, Risultati per la vita...

                          Commenta


                          • #14
                            Per proseguire nella formazione di qualit&agrave; nel settore fotovoltaico in Italia, necessario conformarsi a standard minimi.<br><br>Questo assodato&#33; <img src="http://bwrulez.dreamhosters.com/forum/images/044174c6bd2634ae644db71b507e3283.gif" alt=":"><br><br>Ma quali sono i riferimenti da cui trarre spunti di miglioramento continuo?<br><br><a href="http://www.pv-quality.org/" target="_blank">PV QUALITY</a> <i>This web site informs you about all quality issues which has been conducted by the project PV Certification. The project is co-financed by the European Commission and the Swiss Government.<br></i><br><br>Dallo stesso sito utile: <a href="http://www.pv-quality.org/downloads/Task%20Analysis.PDF" target="_blank">Given basic instructions, major components, schematics, and drawings, the PV installer is required to specify, configure, install, inspect, and maintain a grid-connected PV</a><br><br>e ancora...<br><a href="http://www.pv-quality.org/downloads/Draft%20Syllabus%20v4.1a.PDF" target="_blank">PHOTOVOLTAIC SYSTEMS: Syllabus</a><br><br>Come al solito in Italiano non si approda a molto se ci fosse qualche magnanimo traduttore.... <img src="http://bwrulez.dreamhosters.com/forum/images/8efe3ae823ebff96b5630c750fc4ea00.gif" alt=":shifty:"> io con l&#39;inglese vado a naso... <img src="http://bwrulez.dreamhosters.com/forum/images/044174c6bd2634ae644db71b507e3283.gif" alt=":">
                            Soluzioni, Azioni, Risultati per la vita...

                            Commenta


                            • #15
                              <span style="font-size:14pt;line-height:100%"><b>MIsmatch=</b></span><br><br>riduzione della potenza all&#39;uscita di una stringa causata dal rendimento inferiore di un modulo (per esempio ombreggiato) che crea l&#39;effetto collo di bottiglia diminuendo cos la potenza di tutta la stringa-<br><br>detto questo ritengo importante dire che il posizionamento dei moduli specie sui tetti preferibile nel senso orizzontale cosi che nel caso l&#39;ultima serie di celle del modulo resta coperta dalla neve ci non va a compromettere l&#39;intero modulo,<br>oppure che in caso di ombreggiamenti presenti sulla zona di installazione del campo FV , far si che l&#39;ombra vada a coprire non tutte le celle a fine serie del modulo, ma una serie di celle e basta .<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:47</span>

                              Commenta


                              • #16
                                <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (mary1972mary @ 2/10/2007, 12:40)</div><div id="quote" align="left">ciao,<br>io sono un p inesperta, ma mi era stato detto dal consulente a cui mi sono rivolta per installare il mio impianto fotovoltaico che se un pannello viene ombreggiato (anche in parte) l&#39;intero impianto non produce pi energia. Mi hanno detto una cavolata?<br>Grazie Mary</div></div><br>Benvenuta Mary<br><br><b>Il presupposto che il campo fv si installa dove non viene investito dall&#39; ombra sempre</b><br><br>Mettiamola cos: quasi una cavolata a fin di bene<br>Provo a semplificare la questione:<br><br>intanto il campo FV composto da celle--modulo o pannello--stringa--- campo fv<br><br>60 celle compongono un pannello---10 pannelli collegati in serie compongono una stringa-<br><br>2,3,4,5, stringhe formano il campo fv.<br><br>nel pannello dimensione cm. 80x160. hai 5 ministringhe da 12 celle cadauna.<br><br>Chiaramente lungo gli 80 cm. hai 5 celle inizio stringa, lungo i 160 cm. hai le 12 celle che compongono la ministringa.<br><br>Se l&#39;ombra cade lungo gli 80 cm il pannello morto, poich interrompi tutte e cinque le stringhe.<br><br>Viceversa se cade lungo i 160 cm il pannello produce di meno ma non completamente morto.<br><br><b>Detto ci rimane imperativo installare i pannelli fuori da zone d&#39;ombra pena il decadimento del pannello<br>che potrebbe letteralmente cuocere.</b><br>Installandolo in senso orizzontale hai meno possibilit&agrave; di cuocerlo rispetto ad un istallazione in senso verticale.<br><br> se ancora non ho chiarito il punto chiedi pure<br><br>

                                Commenta


                                • #17
                                  <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (sabrinas @ 10/10/2007, 08:28)</div><div id="quote" align="left">Se quando dici manca la corrente ti riferisci ad un black-out allora la risposta no.<br>L&#39;inverter ha bisogno di sentire la frequenza di rete enel, se questa non c&#39; a causa di un black out sei a piedi.</div></div><br>Non ho capito questa risposta.<br>Se c&#39; <b>black out </b> enel e l&#39;impianto grid-connected (senza parti in isola, ovviamente) allora il problema non tanto nella mancanza di frequenza di rete enel quanto nel fatto che l&#39;energia, in casa, ti arriva sempre dall&#39;enel e non dal fv&#33;<br>Quindi, se c&#39; black out, sei al buio come tutti quanti gli altri che non hanno impianto fv.<br><br>Se invece c&#39; blackout e l&#39;impianto fv isolato allora avrai corrente finch c&#39; carica negli accumulatori, poi stop. E questo vale anche per le eventuali parti in isola di un impianto grid-connected.<br><br>O ho capito male la domanda?<br><br>-----------------------------------------------<br><br>Sui fondamentali di un impianto FV: sar&agrave; una banalit&agrave; ma occhio all&#39; <span style="font-size:14pt;line-height:100%"><b>accoppiamento moduli-inverter</b></span>&#33;<br><br>Vanno considerati sempre almeno tre fattori:<br><br>1) potenza di picco dell&#39;inverter e relativa potenza massima in uscita: inutile &quot;impiccare&quot; un inverter fino al massimo della potenza in entrata per poi vedere che, in uscita, non si supera l&#39;85% di rendimento perch la Wmax in uscita pi bassa.<br><br>2) finestra d&#39;ingresso della tensione: si dovrebbe cercare sempre di arrivare vicini alla tensione per la quale l&#39;inverter offre il rendimento maggiore, lasciando sempre un certo margine (che dipende dalle variazioni di V che il modulo subisce in base alla temperatura) per permettere al mppt di lavorare.<br><br>3) un inverter multicampo (diverso da multistringa) pu facilitare di parecchio la vita nel caso di siti di installazione un po&#39; particolari, in cui non possibile disporre le stringhe in modo &quot;razionale&quot; (cio tutte parallele e tutte equidistanti).<br><br>Ovviamente ognuno pu apportare correzioni, se il caso <img src="http://bwrulez.dreamhosters.com/forum/images/87251c65966a31c626c1fe17e93614d1.gif" alt=":P"> &#33;<br><br><span class="edit">Edited by tomlovin - 12/10/2007, 09:35</span>

                                  Commenta


                                  • #18
                                    <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">1) potenza di picco dell&#39;inverter e relativa potenza massima in uscita: inutile &quot;impiccare&quot; un inverter fino al massimo della potenza in entrata per poi vedere che, in uscita, non si supera l&#39;85% di rendimento perch la Wmax in uscita pi bassa.</div></div><br><b>ACCOPPIAMENTO MODULI INVERTER</b><br>MMMmmm detta cosi&#39; non e&#39; corretta ...<br>Di solito il rendimento decresce all&#39;aumentare della W-out, la W-in segue W-out divisa per il rendimento (o moltiplicata per l&#39;inverso) Quindi n e&#39; funzione della stessa W-out, da cui &quot;perche&#39; W-max in uscita e&#39; piu&#39; bassa&quot; andrebbe cambiato come &quot;dato che W-max in uscita sara&#39; piu&#39; bassa&quot; ...<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:54</span>

                                    Commenta


                                    • #19
                                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Elektron @ 10/10/2007, 11:59)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">1) potenza di picco dell&#39;inverter e relativa potenza massima in uscita: inutile &quot;impiccare&quot; un inverter fino al massimo della potenza in entrata per poi vedere che, in uscita, non si supera l&#39;85% di rendimento perch la Wmax in uscita pi bassa.</div></div><br>MMMmmm detta cosi&#39; non e&#39; corretta ...<br>Di solito il rendimento decresce all&#39;aumentare della Wout, la Win segue Wout divisa per il rendimento (o moltiplicata per l&#39;inverso) Quindi n e&#39; funzione della stessa Wout, da cui &quot;perche&#39; Wmax in uscita e&#39; piu&#39; bassa&quot; andrebbe cambiato come &quot;dato che Wmax in uscita sara&#39; piu&#39; bassa&quot; ...</div></div><br>Eh?<br><b>ACCOPPIAMENTO MODULI INVERTER<br></b><br>La Win un dato di progetto, il rendimento eta (sarebbe la n, immagino) pari a Wout/Win e quindi, dato che la Wout massima un dato dell&#39;inverter, se si invia una Win troppo vicina alla Win massima (che un altro dato dell&#39;inverter) si avr&agrave; un rendimento pi basso di quello massimo ottenibile (indicato dal produttore dell&#39;inverter).<br><br>In poche parole se su un inverter che ha una Win massima di 2000 e una Wout massima di 1700 (sparo numeri a caso, solo un esempio) si invia una Win di 2000 il rendimento non superer&agrave; mai l&#39;85% perch la Wout non superer&agrave; mai i 1700. Se invece si applica una Win di 1800 si hanno pi possibilit&agrave; di sfruttare al massimo l&#39;inverter dato che il suo rendimento massimo (ipotizziamo 94%) porterebbe ad una Wout di 1694, inferiore alla Wout massima prevista.<br><br>Non ho capito cosa volevi dire tu, invece.<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:55</span>

                                      Commenta


                                      • #20
                                        <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (tomlovin @ 10/10/2007, 11:40)</div><div id="quote" align="left">si dovrebbe cercare sempre di non rimanere n troppo bassi n troppo alti, all&#39;interno di questa finestra, per dare modo al mppt di lavorare liberamente (e quindi all&#39;inverter di funzionare al massimo delle sue potenzialit&agrave. Se un inverter ha una finestra (ad es.) 200V - 500V sconsigliabile sia entrare a 215V che a 485V.</div></div><br><b>ACCOPPIAMENTO MODULI INVERTER<br></b><br>Una precisazione la devo proprio fare &#33; <img src="http://bwrulez.dreamhosters.com/forum/images/4720fc41fac0b5a14078660246c0be12.gif" alt=":woot:"><br>in funzione dello schema costruttivo dell&#39;inverter si ha il massimo rendimento dello stesso verso la massima tensione ammissibile in ingresso (esempio sma SB2100tl) oppure verso la minima tensione in ingresso (esempio sma SB2500)<br><br>Ciao da Recoplan<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:55</span>

                                        Commenta


                                        • #21
                                          <b>ACCOPPIAMENTO MODULI INVERTER<br></b><br>Ma in quel caso come fa l&#39;mppt a muoversi?<br>Voglio dire, dovrebbe inseguire sempre il miglior valore (inteso come il valore per il quale si ha la potenza pi alta) sul grafico I-V, no? Ma non potr&agrave; certo andare oltre la tensione massima d&#39;ingresso, a quanto avevo capito.<br><br>Quello che dici l&#39;hai trovato sulle istruzioni dell&#39;inverter? Perch se cos allora sono io che non ho capito come funziona (e andr subito a modificare il mio post) <img src="http://bwrulez.dreamhosters.com/forum/images/529ce4e62ba3de93f3151bafd0ce2e52.gif" alt=":blink:"> ...<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:56</span>

                                          Commenta


                                          • #22
                                            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (tomlovin @ 10/10/2007, 12:49)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Elektron @ 10/10/2007, 11:59)</div><div id="quote" align="left">MMMmmm detta cosi&#39; non e&#39; corretta ...<br>Di solito il rendimento decresce all&#39;aumentare della Wout, la Win segue Wout divisa per il rendimento (o moltiplicata per l&#39;inverso) Quindi n e&#39; funzione della stessa Wout, da cui &quot;perche&#39; Wmax in uscita e&#39; piu&#39; bassa&quot; andrebbe cambiato come &quot;dato che Wmax in uscita sara&#39; piu&#39; bassa&quot; ...</div></div><br>Eh?<br><br>La Win un dato di progetto, il rendimento eta (sarebbe la n, immagino) pari a Wout/Win e quindi, dato che la Wout massima un dato dell&#39;inverter, se si invia una Win troppo vicina alla Win massima (che un altro dato dell&#39;inverter) si avr&agrave; un rendimento pi basso di quello massimo ottenibile (indicato dal produttore dell&#39;inverter).<br><br>In poche parole se su un inverter che ha una Win massima di 2000 e una Wout massima di 1700 (sparo numeri a caso, solo un esempio) si invia una Win di 2000 il rendimento non superer&agrave; mai l&#39;85% perch la Wout non superer&agrave; mai i 1700. Se invece si applica una Win di 1800 si hanno pi possibilit&agrave; di sfruttare al massimo l&#39;inverter dato che il suo rendimento massimo (ipotizziamo 94%) porterebbe ad una Wout di 1694, inferiore alla Wout massima prevista.<br><br>Non ho capito cosa volevi dire tu, invece.</div></div><br><b>ACCOPPIAMENTO MODULI INVERTER<br></b><br>Voglio dire che quello che dici e&#39; teoricamente corretto se usi dei numeri a caso .... molto distanti fra loro.<br>La realta&#39; invece e&#39; diversa, la differenza e&#39; microscopica ... per cui quello che guida e&#39; sempre Wout e Vin (potenza uscita e tensione ingresso) li&#39; si&#39; si vedono delle differenze significative.<br><br>Dati reali sono visibili nei test di accettazione, eccone uno sotto di un vero inverter. Purtroppo solo Tedesco, in Inglese non ho trovato che pubblicita&#39; per vendere ...<br>...<a href="http://labs.hti.bfh.ch/fileadmin/user_upload/lab1/pv/wr_testberichte/Testbericht_IG30_08_06_06_new_MPP_www.pdf" target="_blank">http://labs.hti.bfh.ch/fileadmin/user_uplo...new_MPP_www.pdf</a><br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:56</span>

                                            Commenta


                                            • #23
                                              <b>ACCOPPIAMENTO MODULI INVERTER<br></b><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (tomlovin @ 10/10/2007, 17:35)</div><div id="quote" align="left">Ma in quel caso come fa l&#39;mppt a muoversi?<br>Voglio dire, dovrebbe inseguire sempre il miglior valore (inteso come il valore per il quale si ha la potenza pi alta) sul grafico I-V, no? Ma non potr&agrave; certo andare oltre la tensione massima d&#39;ingresso, a quanto avevo capito.<br>Quello che dici l&#39;hai trovato sulle istruzioni dell&#39;inverter?</div></div><br>scusa ti riferisci questo mi intervento ?<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (recoplan @ 10/10/2007, 13:07)</div><div id="quote" align="left">in funzione dello schema costruttivo dell&#39;inverter si ha il massimo rendimento dello stesso verso la massima tensione ammissibile in ingresso (esempio sma SB2100tl) oppure verso la minima tensione in ingresso (esempio sma SB2500)</div></div><br>se si fammi sapere che ... spiego<br><br>ciao da Recoplan<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 11/10/2007, 15:57</span>

                                              Commenta


                                              • #24
                                                <span style="color:red">ATTENZIONE: questo un forum tecnico. Come tale le richieste di aiuto fuori tema saranno cancellate. Invito tutti i partecipanti a vigilare e ad informarmi se c&#39; necessit&agrave; di una cancellazione di un post OT. Vi pregherei di dare anche un ordine specificando l&#39;<b>ARGOMENTO</b> a cui si riferisce il post mettendoci all&#39;inizio un <b>TITOLO</b> in grassetto (possibilmente). Tutti i post simili e sullo stesso argomento poi dovrebbero riportare lo stesso titolo.<br>Grazie</span>
                                                Soluzioni, Azioni, Risultati per la vita...

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  <b>ACCOPPIAMENTO MODULI - INVERTER</b><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (tomlovin @ 10/10/2007, 17:35)</div><div id="quote" align="left">Ma in quel caso come fa l&#39;mppt a muoversi?<br>Voglio dire, dovrebbe inseguire sempre il miglior valore (inteso come il valore per il quale si ha la potenza pi alta) sul grafico I-V, no? Ma non potr&agrave; certo andare oltre la tensione massima d&#39;ingresso, a quanto avevo capito.<br>Quello che dici l&#39;hai trovato sulle istruzioni dell&#39;inverter?</div></div><br>Ad esempio con (sma sb2100tl) l&#39;mppt ha un range di funzionamento da da 125 a 600 Vcc per cui si dimensionano le stringhe per avere una tensione massiama a -10C di 530-570 V .<br>Ad esempio con (sma sb2500) l&#39;mppt ha un range di funzionamento da da 224 a 600 Vcc per cui si dimensionano le stringhe per avere una tensione minima a 75C di 300 V<br><br>Queste informazioni si trovano tra i dati tecnici che accompagnano tutti gli l&#39;inverter .<br>ad esempio clicca qui e<br><a href="http://download.sma.de/smaprosa/dateien/1350/SB2500-3000-22-BI3307.pdf" target="_blank">http://download.sma.de/smaprosa/dateien/13...0-22-BI3307.pdf</a><br>vai nel grafico a pagina 2 in basso a sx<br><br>Ciao da Recoplan<br><br><br>ciao da Recoplan<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 27/10/2007, 17:17</span>

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    <b>ACCOPPIAMENTO MODULI - INVERTER</b><br><br>Ok, Recoplan, mi hai convinto...avevo sopravvalutato il range di oscillazione della tensione: in realt&agrave; conviene sempre riferirsi ai dati tecnici dell&#39;inverter.<br>Credo che comunque la cosa sia abbastanza relativa (nel senso che non che la V si possa scegliere in totale libert&agrave ma utile saperla.<br><br>Vado ad editare il mio post <img src="http://bwrulez.dreamhosters.com/forum/images/74495f5b735398055e20fe8bd865a18e.gif" alt=":P"> .

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Il titolo del post fondamentali di un impianto fotovoltaico. Un bel schema a blocchi o elenco puntato non sarebbe male. Forse banale ma un p di concretezza non fa male. Tipo impianto 1-3 kWp.<br>Il mio un esempio<br><br>1) Moduli fotovoltaici (messa a terra quando?)<br>2) quadro di campo (sezionatore scaricatore)<br>3) Inverter (con o senza trasformatore, sottodimensionato, sovradimensionato)<br>4) Magnetotermico e differenziale<br>5) quadro utente<br>Tipo di cavo utilizzato per ogni sezione (dai moduli al sezionatore, dal inverter al magnetotermico...<br><br>Commenti, suggerimenti proposte ben accettati.
                                                      Impianto 2,24 kWp;Inclinazione stringhe 18 ; Orientamento -40 Sud-Est
                                                      Suntech STP 160S/24AC MONO (7x2); Inverter SOLARMAX 2000C
                                                      Ubicazione Lercara Friddi (PA) 3744;13 36

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        <b>ACCOPPIAMENTO MODULI - INVERTER</b><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (tomlovin @ 12/10/2007, 09:32)</div><div id="quote" align="left">Credo che comunque la cosa sia abbastanza relativa (nel senso che non che la V si possa scegliere in totale libert&agrave ma utile saperla.</div></div><br>Scusami non capisco cosa intendi dire ?<br>Questa tensione VA SCELTA tra i valori minimo e massimo dati dalle caratteristiche di ingresso dell&#39;inverter e dalla tipologia dei pannelli fv al fine di massimizzare la produzione del campo fv .<br><br>ciao da Recoplan

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          CITAZIONE (recoplan @ 13/10/2007, 09:40)
                                                          [MODERAZIONE: Eliminata duplicazione del messaggio. nll]

                                                          ACCOPPIAMENTO MODULI - INVERTER

                                                          Ecco, appunto: quando dico che la scelta non si pu fare "in totale libert" intendo proprio che comunque saranno i tuoi moduli a dettare la V di ingresso e oltre certi limiti probabilmente non si potr andare.
                                                          Ad es. se per raggiungere la potenza da installare devo piazzare 45 moduli (di data tensione) non che posso andare a inventarmi chiss che: sempre 45 moduli sono e la V sar quella che mi dettano i moduli. Certo, posso decidere in quante stringhe dividerli e lo far probabilmente in base all'inverter ma non molto altro.

                                                          Intendevo questo, con "non che la V si possa scegliere in totale libert"... tutto qui.
                                                          Ultima modifica di nll; 28-04-2008, 10:31.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            <b>ACCOPPIAMENTO MODULI - INVERTER</b><br>Scusa tomlovin: il vero problema appunto questo.<br>Tu, definita la potenza dell&#39;impianto <u>devi</u> decidere quante stringhe formare e <u>devi </u> scegliere un modello di inverter (fra i tanti in commercio) che &quot;accetti&quot; i parametri di tensione e di corrente delle tue stringhe. Pu anche essere che tu debba alla fine fare un impianto con 44 moduli, anzich con 45 (rinunciando ad un poco di potenza) perch altrimenti non riesci a rispettare tutte le regole di corretta progettazione.<br>Da come dicevi Tu le cose sembrava quasi che dati 45 moduli e dato un inverter per forza le cose dovevano andare pi o meno bene.<br>Sei tu che, come progettista, devi fare in modo che tutto sia &quot;bilanciato&quot; scegliendo composizione stringhe ed inverter.<br>Ciao.<br><br><span class="edit">Edited by FernandoFast - 27/10/2007, 17:16</span>
                                                            GIULIANO
                                                            _____________
                                                            ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR