PDA

Visualizza la versione completa : raddoppiata l'autonomia della batteria



Meccatronico1
30-06-2009, 20:11
Ho consegnato a un mio amico ingegnere fisico nucleare un monopattino a motore (250 watt 24 volt 20 amperora) perchè aveva una scarsa autonomia circa 15 kilometri con una ricarica dopo il suo intervento è riuscito a portarlo ad una autonomia di 40 km:beer: questo pomeriggio abbiamo festeggiato.
le batterie erano di pessima qualità e anche un po datate circa un anno che erano ferme. Ora gli ho consigliato di fare la stessa cosa con le biciclette a pedalata assistita e con scooter elettrici.
non chiedetemi come ha fatto perchè non riuscirei a spiegarlo, ha manomesso la centralina e in più ha applicato un altra centralina che ha costruito lui.
Non appena avrò trovato una bici che non supera il valore di 50 euro la porterò da lui per trasformarla in bici a pedalata assistita, lui sceglierà il motore e le batterie adatte poi sperimenterò l'autonomia con un test che farò in montagna.. ho già avvisati i miei amici di tenersi pronti con l'auto se per caso resto a metà salita..:bye1:
moderazione: spostato dalll'elenco database veicoli elettrici in commercio.
Parla di una esperienza e/o modifica.. e non è un messaggio di dati/caratteristiche di un veicolo in commercio... Sarebbe stato eventualmente più corretto postarlo nell'elenco esperienze personali
(al momento lo lascio nella sez. principale)

luigi capogrosso
01-07-2009, 22:36
mi piacerebbe conoscere il telefono di questo ingegnere per discutere con lui di un mio progetto per un nuovo motore elettrico .Credo che potrà essermi di grande aiuto.

Meccatronico1
02-07-2009, 06:33
temo che sarà dura avere una conversazione telefonica in Italiano, lui parla Romeno e inglese si farebbe prima disegnare uno schema e farlo correggere da lui.
Mentre se sei di Verona lo potresti contattare di persona e sottoporgli le tue idee con disegni e schizzi vari.
Sapendo questa lacuna io gli ho portato il monopattino e lui ha fatto tutte le modifiche che reputava necessarie, trovando la soluzione.
Il problema semmai che ora sorgerà è che è stato contattato da una multinazionale italo-americana che si occupa di ricerche e sviluppo di energie alternative.
Speriamo che trovi ancora il tempo per dedicarsi alla realizzazione delle mie idee.. che sono tante.

Per gattmes.. non sapevo dove postare questa esperienza se devi spostarla come dicevi in esperienze personali fai come ritieni più opportuno

gattmes
02-07-2009, 08:57
...per discutere con lui di un mio progetto..
"butta giù" quello che vorresti chiedere (se divulgabile).... poi vedrai che qualcuno sul forum prova a tradurlo...
...anche in romeno...

(Ps x lo spostamento ho dubbi.. è una exp personale.. ma potrebbe avere carattere generale... aspettiamo x ora e lasciamola qua)

Meccatronico1
03-07-2009, 09:37
Dimenticavo! questo ingegnere conosce bene l'inglese, avendo lavorato per parecchio tempo in Inghilterra, però non ha l'e-mail se ti fidi puoi mandarmi un disegno con i termini tecnici in inglese poi lo giro lui..

gattmes
03-07-2009, 14:57
Chiar nu-are nici o adresa de email???? :oops:

Ora non so dove abita... ma se abita dove si parla la sua lingua madre (tra l'altro... Unione Europea) sicuramente non ci sono problemi a trovare un internet-point neanche nei paesi un po' piccoli... quindi può benissimo iscriversi al forum (e poi via MP si riesce a comunicare)..
e circa una email... non vedo grandi difficoltà a "registrarla"...

gioscarab
04-07-2009, 22:28
Sono curioso di conoscere il metodo del tuo amico.

gioscarab
05-07-2009, 20:56
mmm..
non ho trovato nulla.
Come fa un "meccanismo" a aumentare l'energia contenuta in una batteria?

gioscarab
06-07-2009, 03:10
non trovo troppa attinenza nel tuo link verso la modifica di una centralina, e una centralina aggiuntiva per aumentare l'autonomia di un dato mezzo non modificando altri componenti.
Mi interesso del motore di flyn e vi sto leggendo, ma non capisco come possa aver applicato a un monopattino elettrico, con una centralina anche solo parte di cio' di cui parlate nel thread.
E poi tu come fai a sapere che non ha semplicemente messo in parallelo le batterie invece che in serie? Su che basi formuli la tua ipotesi?

Signor Ing. se ci sei scrivi qui, potresti salvare il mondo.

amir
06-07-2009, 12:08
non trovo troppa attinenza nel tuo link ....

Fa niente, lo tolgo.

amir

Meccatronico1
06-07-2009, 14:22
quello che ho potuto capire io mi sembra che abbia applicato in parte in pricipio di flinn, facendo lavorare due poli invece di quattro, poi ha fatto un altra centralina per per la batteria.. mi sembra di aver visto dei condensatori gestiti in serie con la batteria, dovete prendere tutto con il beneficio di inventario, io non sono pratico di quelle teorie.
In tutti i casi ora ho recuperato una normalissima bicicletta che farò trasformare a pedalata assistita per poterla testare su strada. (il monopattino non è omologato per circolare) il test che ho fatto lo ho fatto su una strada sterrata di campagna e verificato con il navigatore satellitare i chilometri fatti.
Poi se anche in quel caso riesco a superare l'autonomia della batteria che decideremo di installare sarà un vero successo.
L'ingegnere è disponibile a collaborazioni .. però dovete tenere presente che è disoccupato non può permettersi internet, quindi io cerco di aiutarlo con quel che posso ad ogni realizzazione completata la metto in vendita per realizzare soldi in modo che possa fare la spesa e pagare le bollette e l'affitto della casa dove abita.
Se siete interessati vi metto in contatto con lui tramite il suo cellulare, basta che mi mandate un messaggio privato

Buone notizie questa settimana avremo i primi colloqui con importatori di scooter elettrici per verificare la fattibilita delle trasformazioni su questi scooter, ed avere così una boccata di ossigeno (euro) e poter portare avanti altri esperimenti che abbiamo in programma.

Wattos
07-07-2009, 18:23
ciao, scusa ma come fa 1 sistema a produrre + energia di quanto entra? inoltre i componenti condensatori transistor o relè che siano hanno delle perdite, come le fasi del motore stesso quindi raddoppiare l'autonomia significa raddoppiare il generatore di energia in sostanza per far di nuoov fronte alle perdite per + tempo stavolta, oppure dimezzare la potenza del mezzo, cioè dimezzare l'accelerazione, quindi le strade sono 2
1)o riduce in qualche modo (PWM o altro) la potenza del motore in punti magari dove non serve molto, abbinata a recupero di energia e in qualche modo riesce a far diminuire la potenza del mezzo senza che 1 se ne accorga troppo oltre alla batteria a rendere di + con meno correnti forti, quindi + 1 gioco di prestigio
2) oppure crea altra energia dal nulla

queste 2 strade sono generiche ma reali (la 2 un po meno) e applicate a qualsiasi veicolo dotato di propulsione elettrica che dura di + del normale...

gioscarab
07-07-2009, 19:09
Allora creare energia dal nulla è impossibile.
Sfruttare la forza insita nei magneti è uno dei grandi dibattiti della fisica di oggi.
Calcolando che sfruttando il lavoro dei campi magnetici si smagnetizzano i campi stessi, non si parla di un motore con rendimento superiore a 1, ma di un motore che utilizza due fonti di energia separate e finite. Da qualche parte l'energia la si deve prendere.
Nulla si crea nulla si distrugge me lo insegnavano alle medie.

Non è detto che il lavoro di MC e gli altri GRANDI di questo forum non ci porti a un'evoluzione dell'engineering dei propulsori elettrici anche nel campo dei trasporti.
Non vado assolutamente contro i loro principi e le loro teorie anzi li stimo.

Meccatronico1
08-07-2009, 21:42
Diciamo che non produce più energia, quella disponibile in una carica, la si razionalizza.
I componenti per tale scopo li costruisce lui direttamente.
Mi ha detto che il motore elettrico montato sul monopattino è di pessima categoria si potrebbe ottenere di più con motori con differenti geometrie di matasse.. ora stiamo stilando una graduatoria di motori esistenti in commercio, si è interessato molto di un motore prodotto in Svizzera anni fa. Speriamo di rintracciare il costruttore ed acquistarne uno.

Mi parlava anche di un particolare motore elettrico che veniva montato sui carri armati nella seconda guerra mondiale che sviluppava una forte coppia con un minimo di consumo energetico.. si tratta solo di fare ricerca.. non è facile.
Questo motore movimentava le torrette dei carri armati.

gioscarab
08-07-2009, 21:54
Anche io sto lavorando su modulazioni pwm per usufruire al meglio dell'autonomia.

gattmes
09-07-2009, 10:49
Diciamo che non produce più energia, quella disponibile in una carica, la si razionalizza.
ma il titolo della discussione (aperta/iniziata da Meccatronico1, che lo ha scelto..) cita:
raddoppiata l'autonomia della batteria

Allora se non aumenta l'energia, ma la.... "razionalizza".. e considerando anche quanto detto da Wattos "..i componenti condensatori transistor o relè che siano hanno delle perdite..", conseguentemente:

A) in un sistema di batterie... esempio al litio.. dove il rendimento si attesta oltre il 90% direi che il sistema NON mi serve!

B) se il sistema è per batterie meno efficienti, esempio al piombo (dove si potrebbe avere esempio 50%).. NON mi serve uguale: di certo non riduce la "complicatezza" del sistema (ma l'aumenta), quindi nemmeno l'affidabilità, nemmeno i costi (quantomeno iniziali)... ma soprattutto NON riduce il peso, ne i volumi (visto che "..non produce più energia..) ovvero l'energia specifica stivabile (es a bordo di un veicolo).
inoltre (circa punto B): stiamo facendo, nel caso, un discorso il cui parallelo sarebbe circa "sistema per migliorare la nitidezza di un'immagine in un televisore bianco e enero".. dimenticando che nel frattempo, non solo si è passati al colore.... ma anche al digitale, agli LDC.. ai LED (come backlight).. e oramai sono già in vista gli OLED! Se qualcuno mi parla di un "nuovo" sistema.. che dovrei adottare..... non accetto certo che si discuta su "vecchie" batterie al piombo...

In ultima analisi la domanda (a cui sarebbe gradita articolata e tecnica risposta) è:
per che cosa serve?

amir
09-07-2009, 12:34
ma il titolo della discussione ...cita:
raddoppiata l'autonomia della batteria
... In ultima analisi la domanda ...è:
per che cosa serve?

alla stessa cosa cui serve il cartone nella schermatura dei magneti:
http://www.energeticambiente.it/altre-tipologie-di-apparati/14711471-cercasi-collaboratori-per-costruire-motore-perendev.html#post118869404:
"Per schermare i magneti è sufficente un pezzo di cartone ondulato. così perdono il loro "potere" attrattivo&repulsivo"

oppure funzionerà sicuramente con lo stesso principio di questa invenzione:
http://www.energeticambiente.it/motori-combustione-esterna/12937969-progetto-stirling-sul-forum-3.html#post118876388:
"un moltiplicatore di potenza chiamato meccanismo bieldia "

Neanche Torquemada riuscirebbe a farsi dire di cosa si tratta.

amir

Elektro
09-07-2009, 15:24
[MODERAZIONE: Non è consentita la citazione di un intero messaggio. nll]

@Amir: Quoto in pieno,,aggiungerei alla lista la discussione su questo dispositivo http://www.energeticambiente.it/discussioni-sui-massimi-sistemi-del-mondo-energetico/14718500-petrolio-crescita-post118960082.html#post118960082