PDA

Visualizza la versione completa : Pace Preventiva!



25-04-2006, 22:06
Vorrei pubblicizzare questa cosa che secondo me, merita. Se volete dare un aiuto, diffondete quanto ho nella firma. Ringrazio chi decider&agrave; di darmi (e darsi) una mano&#33; Rispondiamo alla guerra preventiva con la Pace Preventiva&#33;<br><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/628026f8b3b8b675593c0a455c2b1f7c.gif" alt="image"><br>

Docrates
25-04-2006, 22:27
Ho messo Bush nella mia firma.<br>Temo che ci vorr&agrave; un miracolo per evitare l'ennesima guerra del petrolio. La cosa divertente (si fa per dire) è che c'è gente che è convinta sia uno scontro tra civilt&agrave;-

26-04-2006, 13:49
forte quella immagine, eh... ma io pensavo a quell'altra che pubblicizza signoraggio.com e guerrapreventiva.blogspot.com con scritto pace preventiva. Sono stato vittima della censura&#33; capisco l'immagine di bush ma la frase di orwell non capisco cosa abbia di male... vabbè, spero che l'immagine che ho messo sopra sia conforme alle regole: è una iniziativa completamente apolitica di matrice pacifista...<br><br><span class="edit">Edited by jewelz - 26/4/2006, 15:00</span>

26-04-2006, 14:10
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">spero che l'immagine che ho messo sopra sia conforme alle regole...</div></div><br>..quali regole ? quelle che seguono loro ? alle guerre petrolifere si dovrebbe rispondere con la stessa violenza.. non c'è da pensare molto alle regole...<br>

BrightingEyes
26-04-2006, 18:50
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (spaico @ 26/4/2006, 15:10)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">spero che l'immagine che ho messo sopra sia conforme alle regole...</div></div><br>..quali regole ? quelle che seguono loro ? alle guerre petrolifere si dovrebbe rispondere con la stessa violenza.. non c'è da pensare molto alle regole...</div></div><br>In pratica... facciamo una guerra preventiva a quelli che vogliono fare la guerra preventiva contro quelli che vogliono la pace preventiva per impedire le guerre preventive. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8217eee3d04aa66a8ded85a9b451f345.gif" alt=":P"><br>Un pò come gli antifascisti di Milano che picchiano e cacciano chi si dichiara antifascista perchè han capito che sono in realt&agrave; fascisti e se non li si picchiasse e cacciasse dai cortei magari poi si comporterebbero da fascisti e picchierebbero e caccerebbero i veri antifascisti dai cortei...<br><br>Mi sta venendo mal di testa. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9ae93b8595ae76ce4abf221b85f3547a.gif" alt=":D">

27-04-2006, 08:09
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Mi sta venendo mal di testa.</div></div><br>...ok, metti ordine nella tua testa e spiega la tua teoria ai genitori di quei militari italiani morti questa mattina...quando tutti capiremo che chi dichiara le guerre è il primo criminale da prendere e mandare in esilio su qualche isola deserta da coltivare forse le cose cambieranno.... che razza stupida gli umani....<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Un pò come gli antifascisti di Milano che picchiano e cacciano chi si dichiara antifascista perchè han capito che sono in realt&agrave; fascisti e se non li si picchiasse e cacciasse dai cortei magari poi si comporterebbero da fascisti e picchierebbero e caccerebbero i veri antifascisti dai cortei...</div></div><br>...cosa centra questo ? PER DOVERE DI CRONACA "FISCHIATO NON VUOL DIRE PICCHIATO"<br>...è la gente come te che alimenta inutilmente i contrasti...<br><br><span class="edit">Edited by spaico - 27/4/2006, 09:31</span>

BrightingEyes
27-04-2006, 12:30
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (spaico @ 27/4/2006, 09:09)</div><div id="quote" align="left">...cosa centra questo ? PER DOVERE DI CRONACA "FISCHIATO NON VUOL DIRE PICCHIATO"<br>...è la gente come te che alimenta inutilmente i contrasti...</div></div><br>Sui militari uccisi non penso sia il caso di ribattere, non mi va di strumentalizzare una tragedia. Se mi chiedi se per me le truppe internazionali (anche ONU, ma armate e con regole elastiche) devono restare rispondo di si, non per fare la guerra, ma per aiutare una nazione a risollevarsi, in pace. Se mi dici che pensi che la causa delle bombe sia la presenza italiana e quindi vuoi ritirarli, okkei, facciamolo... si risparmia pure l'ho gi&agrave; detto. Su come proteggere quelle popolazioni immagino avrete idee concrete e fattibili, che non si riducano a bruciare un paio di bandiere "sioniste"... fate vobis, basta che non veniate a chiedere palanche dopo con le foto dei bambini uccisi in mano.<br><br>I sofisticati "distinguo" tra fischi e pugni te li puoi risparmiare. Chi fischia le persone che partecipano alla festa della Liberazione lo fa con uno scopo ben preciso: si cerca di fare passare sopratutto all'estero il messaggio che solo loro sono i rappresentanti delle forze antifasciste, gli altri magari lo possono sembrare, ma non lo sono e quindi li cacciamo. Certo l'essere accettati nel corteo o meno dipende da molti fattori, cinque anni fa i radicali NON erano accettabili, oggi si, (almeno finchè non cominceranno le votazioni alla camera su TAV, legge Biagi, ecc. mi s&agrave;).<br>La resistenza è stato un forte atto di riscatto, forse l'unico, del popolo italiano dopo lo sciagurato ventennio. Se molte persone hanno partecipato a quella lotta è stato per fare nascere uno stato civile e democratico, il fatto che nella resistenza ci fosse una forte componente comunista NON significa affatto che la resistenza possa essere automaticamente considerata "cosa di sinistra".<br>Io sull'isola ci manderei i coristi prokamikaze, quelli che bruciavano le bandiere, quelli che insultavano ecc. I fischi in un paese democratico ci possono stare, ma NON per impedire la partecipazione a questi eventi. Sono pienamente d'acordo con l'ambasciatore israeliano.. è solo fascismo di sinistra ed essendo violento chiama in risposta violenza. Non lamentatevi poi.

28-04-2006, 09:08
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Sui militari uccisi non penso sia il caso di ribattere, non mi va di strumentalizzare una tragedia</div></div><br>..certo, va molto di moda questa frase, intanto le cose così non si affrontano...oggi non è il caso di parlarne perchè si strumentalizzerebbe, domani si parler&agrave; del grande fratello, dopodomani della fattoria....<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Se mi chiedi se per me le truppe internazionali (anche ONU, ma armate e con regole elastiche) devono restare rispondo di si, non per fare la guerra, ma per aiutare una nazione a risollevarsi, in pace</div></div><br>...anche questa è una storia vecchia...<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Se mi dici che pensi che la causa delle bombe sia la presenza italiana</div></div><br>..questo non lo dico io, io credo che chiunque si ritrovi sotto casa le truppe militari accampate con l'intento di sottrarre con la forza le risorse e che nel frattempo magari per combattere la noia, torturano qualche prigioniero e magari stuprano qualche ragazza....dicevo, chiunque cercherebbe di ribellarsi con tutto ciò che ha, e, siccome tutti conoscono il modo di "lavorare" di chi questa guerra l'ha fortemente e prepotentemente voluta...., non mi va che i nostri italiani si ritrovino a pagare per gli errori di altri....e badate bene, la mia non è un'accusa rivolta ai nostri militari.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">immagino avrete idee concrete e fattibili, che non si riducano a bruciare un paio di bandiere "sioniste"...</div></div><br>avrete chi scusa ? cosè, hai gi&agrave; deciso che in quella manifestazione a milano c'ero anch'io a bruciar bandiere ? ho cose + importanti da fare...anche se sinceramente non mi sento di accusare chi lo ha fatto, il discorso è che ormai la politica interna ed estera viaggia da sola, la gente comune non ha voce in capitolo e spesso si ritrova a pagare per gli stupidi errori di chi si trova aimè a rappresentarci, vedi primo tra tutti il grande ministro delle riforme calderoli che una mattina si sveglia e per protagonismo indossa strane magliette con tutto ciò che di conseguenza succede....poi il giorno dopo si (aimè) risveglia e vuole le bandiere a mezz'asta il 25 aprile...mmmmu&agrave;, ma come si fa a dare tutto questo potere mediatico a tali personaggi ? ....gli farei una gran bella faccia di schiaffi, altrochè..<br>in passato, moolto passato, se un cittadino voleva contestare si alzava e parlava, oggi il popolo ha perso di fatto questo diritto e può solo scegliere di impecorirsi ancora di più o alzare la voce e cercare di acquistare + visibilit&agrave; di chi si sveglia e dice c@....te a non finire....tipo questa :<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">I sofisticati "distinguo" tra fischi e pugni te li puoi risparmiare</div></div><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">è solo fascismo di sinistra ed essendo violento chiama in risposta violenza.</div></div><br>..appunto, la violenza chiama violenza, ma non dimenticare chi l'ha voluta per primo,,,,<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Non lamentatevi poi.</div></div><br>

BrightingEyes
28-04-2006, 11:31
Io invece mi sento di condannare eccome Calderoli e le sue "furbate" antiislam e anti25aprile e le condanno, ma certo non lo piglio a schiaffi, pugni o insulti. Semmai auspico che questo governo, prima di pensare a accontentare le legioni di aspiranti alpostofisso pensi a mettere su una legge elettorale seria e funzionale che permetta di governare senza dover sempre sottostare ai ricatti degli estremismi di ogni colore.<br><br>E pur avendo anch'io altre cose da fare, mi sento d'altro canto di condannare, eccome, chi brucia le bandiere di uno stato che, pur con grande danno al fegato di alcuni, è e resta nostro amico. E non solo condannare ma chiedere e pretendere che lo stato civile impedisca questi errori, visto che la figura di pezza ce la facciamo tutti. In un mondo normale fare una vignetta satirica ha un peso del tutto diverso che bruciare una bandiera. Se siamo portati a metterle sullo stesso piano è solo per il timore che abbiamo di "offendere" sensibilit&agrave; diverse dalla nostra di cui abbiamo un immotivato timore, ma dovrebbe essere nostro privilegio e responsabilit&agrave; affermare con calma, pacificamente e senza paura che nella nostra visione, che a torto o ragione riteniamo preferibile, utilizzare una vignetta è cosa normale e tocca agli altri adattarsi o ignorare la cosa.<br><br>Bruciare la bandiera invece è un puro e gratuito insulto verso un popolo, che tra l'altro configura una specie di "collateralismo" con quelli che le bruciano in altre parti del mondo, cosa che mi compiaccio di dire agli illusi NON E' nè MAI SARA' per la maggioranza degli italiani, per quanti rumorosi cortei possiamo tollerare (sempre più a stento). Costoro restano liberissimi di andare a bruciare le bandiere che vogliono in quelle parti del mondo, qui da noi NON è possibile, NON è accettabile, chi lo fa dovrebbe essere fermato con l'uso adeguato della forza pubblica, così come sta scritto nella Costituzione. Penso di essere stato chiaro. Se non lo si fa non è perchè rientra nelle libert&agrave; civili per cui molti sono morti prima e dopo la Liberazione, ma perchè si preferisce abbozzare per non "farli arrabbiare". Tutto qui. Ma non è detto che sar&agrave; sempre così... in caso ci trovassimo costretti a schierarci (ipotesi non del tutto irrealistica) è con le bandiere bruciate che l'Italia si schierer&agrave;, con tutte le conseguenze del caso.<br>Meglio non arrivare a quel punto, ma per evitarlo occorre continuare a lottare contro tutti i fascismi, di ogni colore.<br><br>Porre anche come illazione che i carabinieri siano morti perchè hanno torturato e stuprato a me pare non sia commentabile, perlomeno rimanendo nell'ambito delle espressioni permesse dal Codice Civile. Ah no, vedo che non ti riferivi ai militari italiani, vabbè speriamo.<br>Le truppe italiane verranno ritirate, è previsto e accettato da tutti. Farlo ora, alla zapaterista, come fuga per paura dei cattivi vanificherebbe quel che di buono si è fatto. La fuga fa solo il gioco dei terroristi e il danno (grave) delle popolazioni locali. Comunque se vi sembra furbo fatelo, ripeto. A me tutto sommato che non ci siano più morti italiani e spese va più che bene, le conseguenze non potranno certo essere imputate all'intervento (anche se scommetto che molti ci proveranno..).<br><br>Il "non lamentatevi poi" non riguarda noi. A volte lanciare gli estintori sulla testa della gente espone al rischio che la gente si difenda. Del risultato finale vi siete lamentati solo voi, tranquillo.<br><br><span class="edit">Edited by BrightingEyes - 28/4/2006, 12:43</span>

Tianos
28-04-2006, 11:43
leggete questo articolo ,si riallaccia alla pace preventiva ...per quanto sia bizzarro e sembri una fiaba fa venire imn mente il detto "in ogni fiaba c'e' un fondo di verita" chissa se e cosi...vedremo alle elezioni francesi.<br><br>Chiunque abbia finora pensato che i fatti della vita politica e sociale accadano per caso o è troppo distratto, o troppo “ingenuo”.<br><br>I recenti fatti: elezioni politiche americane, elezioni politiche tedesche, elezioni politiche italiane dovrebbero far comprendere meglio come il caso non esista. Per quanto concerne le elezioni politiche americane ci siamo trovati di fronte al primo “nuovo” caso di elezioni vinte per una manciata di voti, così come sono state presentate al popolo americano ed ai media internazionali.<br>Inutile dire che ben altri più approfonditi commenti sono stati fatti da numerosi autori sulla liceit&agrave; di tali e forse chiss&agrave; quante altre elezioni. Noi diamo per scontato il risultato. Tale risultato ha consentito al Presidente Bush e al 100% dei Rappresentanti dei Repubblicani e dei Democratici (che hanno votato all’unanimit&agrave;) di ratificare definitivamente pochi mesi or sono il famoso “Patriot Act”, testo di circa 350 pagine gi&agrave; “misteriosamente e sorprendentemente” pronto e votato all’unanimit&agrave; solo 24 ore dopo la caduta delle Torri gemelle (o era gi&agrave; pronto da lungo tempo e attendeva soltanto che l’occasione per essere votato si realizzasse?&#33;) Sostanzialmente in tale Atto vengono sospesi, adducendo motivi di sicurezza nazionale, tutte le libert&agrave; democratiche che da secoli contraddistinguevano gli Stati Uniti “come Faro della Democrazia Mondiale”.<br>Situazione del tutto nuova, per la prima volta nell’Europa democratica, quella della Repubblica Tedesca che si è trovata nella altrettanto improbabile, se non statisticamente impossibile, situazione di avere i due blocchi contrapposti rappresentati da Schroeder e Merkel, con una differenza di un pugno di voti (circa 50.000). Tale situazione ha condotto i due schieramenti a doversi forzatamente alleare e così governare di comune accordo la Germania di oggi.<br>Meraviglia delle meraviglie infine, il “Superenalotto” delle elezioni italiane ha riprodotto “incredibile ma vero ?&#33;” identica situazione delle elezioni tedesche, questa volta con un margine ancora più ristretto (circa 25.000). Mi aspetto alle prossime elezioni francesi, un “casuale” margine di 10.000 voti, ma forse sto vaneggiando.<br>Variante della “Commedia Teatrale Italiana”, meglio conosciuta come “sceneggiata napoletana”, è il fatto che non si poteva pedissequamente ripetere l’esperienza tedesca: dobbiamo riconoscere a questi nostri “padroni” una fantasia fervida, piena di nuove geniali soluzioni che rende merito alla definizione di “Illuminati”.<br>Infatti, pur avendo il perdente Berlusconi immediatamente e del tutto inaspettatamente proposto un’alleanza tra i due blocchi contrapposti e cioè con quel blocco che fino al giorno prima era per lui formato da “********, comunisti” e come tale indegno di qualsiasi considerazione e possibile rapporto umano, figuriamoci un rapporto di collaborazione politica, improvvisamente “mutatis mutandis” propone con un voltafaccia di 180 gradi, anche lui, una grossa coalizione alla tedesca.<br>Ma, variante italiana alla commedia, a differenza dei nostri più freddi e razionali concittadini europei tedeschi, il Prodi in coro con tutti i suoi alleati nega tale possibilit&agrave;, anche se i numeri dei rappresentanti del Senato di fatto pongono il nuovo governo nell’impossibilit&agrave; pratica di poter legiferare.<br>A questo punto vi domanderete: “ma allora come e perché assimilarci all’esperienza tedesca ed a quella americana?” Come ho gi&agrave; precedentemente detto, la variante di “maggior fantasia italiana” comporta un periodo transitorio di “tentativo di governo delle Sinistre” che però si scontrer&agrave; con la realt&agrave; pratica della impossibilit&agrave; di governare, cioè di portare delle nuove leggi a compimento, e quindi nella necessit&agrave;, pur dovendosi “tappare il naso”, di dover alla fine riconoscere che l’unica strada percorribile è quella di governare con il mortale nemico Silvio Berlusconi e la sua squadra.<br>Ciò d’altronde è stato gi&agrave; chiaramente espresso dall’uscente Presidente Ciampi che rinnover&agrave; con maggior vigore tale ipotesi, fino a farla diventare una tesi, con la sua prossima futura ri-elezione. E quindi tra qualche mese vedremo l’inesorabile formarsi di una “Grossa Coalizione all’Italiana” e fin qui nulla di male: il vecchio adagio che dice che non c’è 2 senza 3 trover&agrave; nuovamente la sua conferma.<br>Ma a questo punto bisogna porsi una domanda: “perché questa sceneggiata non solo tedesca, ma presto italiana e poi probabilmente francese e di chiss&agrave; quanti altri Paesi dell’Europa comunitaria?”.<br>È bene capire che per quanto riguarda il popolo tedesco e per quanto riguarder&agrave; il popolo italiano, una volta che i governi così formati esprimeranno il 100% della rappresentativit&agrave; degli elettori, nessuno e dico “nessuno” avr&agrave; più il diritto di opporsi a leggi e decisioni della coalizione in quanto piena e democratica espressione della totalit&agrave; della volont&agrave; popolare. Siamo di fronte cioè a quella che possiamo definire “la Nuova Dittatura Democratica” ed è questa infatti “l’idea nuova”, la “nuova trovata”, la “nuova invenzione degli Illuminati”.<br>Accadr&agrave; poi, e ciò mi duole profondamente doverlo dire, che attentati, kamikaze (di cui non si trovano quasi mai i resti), bombe e quant’altro macchieranno di sangue il nostro Paese, la Germania e altri Stati Europei, così come gi&agrave; accaduto in Spagna ed a Londra, dimostrando che la teoria del terrorismo globale, ovviamente di “matrice islamica”, di Bush, Blair, Sharon & company è talmente vera e presente anche nelle nostre citt&agrave; che la paura e la protesta popolare “costringer&agrave;” le grosse coalizioni a sospendere, così come in America è gi&agrave; avvenuto ed in Inghilterra* sta avvenendo in questi mesi, tutti i diritti democratici nell’interesse della “Salvezza Nazionale” e tutti saranno pronti a “delegare” a tali governi la tutela della nostra “libert&agrave;”.<br>È esattamente questo lo scopo che gli “Illuminati” si prefiggono, cioè arrivare a quel controllo “Dittatoriale Totale” al cui paragone il Nazismo, lo Stalinismo incluso “Pol Pot” assumeranno l’aspetto di una “Crociata di Crocerossine”.<br>Restiamo nell’attesa di verificare che tali eventi inesorabilmente si compiano e speriamo che qualcuno dei lettori riesca a svegliarsi insieme alla propria coscienza.<br><br>* Blair ha gi&agrave; più volte richiesto alla Camera dei Lords l’approvazione di una legge che autorizzi “Tribunali speciali segreti” ovviamente comprensivi di torture ed assenza di avvocati degli accusati.<br><br>

28-04-2006, 15:42
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">In un mondo normale fare una vignetta satirica ha un peso del tutto diverso che bruciare una bandiera. Se siamo portati a metterle sullo stesso piano è solo per il timore che abbiamo di "offendere" sensibilit&agrave; diverse dalla nostra di cui abbiamo un immotivato timore, ma dovrebbe essere nostro privilegio e responsabilit&agrave; affermare con calma, pacificamente e senza paura che nella nostra visione, che a torto o ragione riteniamo preferibile, utilizzare una vignetta è cosa normale e tocca agli altri adattarsi o ignorare la cosa.</div></div><br>..bla..bla..bla..bla....manco fossimo in un mondo perfettamente allineato culturalmente... non siamo tutti allo stesso punto ed una cosa che per te può esser normale per altri non lo è, questo è alla base del sapersi guardare intorno...del rispettare le minoranze...ma che parlo a fare con te di questo ? lascia perdere, beati quelli come te capaci di vedere solo bianco o nero.....<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">così come sta scritto nella Costituzione</div></div><br>..questa si che è davvero bizzarra, non chiamare in causa la costituzione solo a piacer tuo, dice anche tante altre cose indegnamente snobbate da tutti quelli che ostinatamente difendi...<br>...e poi, i grandi della politica italiana ci insegnano che se qualcosa non ci piace della costituzione non ci vuole tanto a cambiarla....complimenti.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Porre anche come illazione che i carabinieri siano morti perchè hanno torturato e stuprato a me pare non sia commentabile, perlomeno rimanendo nell'ambito delle espressioni permesse dal Codice Civile. Ah no, vedo che non ti riferivi ai militari italiani, vabbè speriamo.</div></div><br>...vabbè che cosa ? questi sono i classici, vecchi, stupidi, inutili, ottusi giochetti di chi non sa come difendere un'ideologia costruita esclusivamente sul "riuscire a confondere il + possibile le idee della massa"...mi sembra di esser stato chiarissimo nel dire che NON MI RIFERIVO AI MILITARI ITALIANI.. anzi, aspetta...con i furbetti come te non si sa mai....<br> <span style="font-size:21pt;line-height:100%">NON MI RIFERIVO AI MILITARI ITALIANI</span><br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Il "non lamentatevi poi" non riguarda noi. A volte lanciare gli estintori sulla testa della gente espone al rischio che la gente si difenda. Del risultato finale vi siete lamentati solo voi, tranquillo.</div></div><br>...vabbè, non riuscirò mai a farti capire una cosa fondamentale..<br>io, per tuo dispiacere forse, visto che iniziavi a prenderci gusto.., non faccio parte nè di loro (?) ne di voi (?), per mia fortuna guardo le cose con la mia mente...<br><br>se ora mi cacci anche il discorso di carlo...be, innanzitutto non mi risulta che ogniuno dei migliaia di ragazzi abbia lanciato un estintore addosso a qualcuno...ma questo per te non conta visto che come dicevo punti sulla frase da applauso... simili manifestazioni non portano mai a nulla di buono come del resto non portano mai a nulla di buono le riunioni dei "Grandi"...ci sono però milioni di esseri umani che non accettano di vedersi calpestare i propri diritti da una manciata di cravattini che mandano in guerra i ragazzi senza sapere minimamente cosa voglia dire combattere e calpestare cadaveri...decidono arbitrariamente chi è in e chi è out...<br>purtroppo, ti dicevo prima, ormai i piccoli uomini non hanno + i mezzi per difendersi e farsi sentire...neanche a me piacciono quelle manifestazioni ma del resto devono anche loro aver voce in capitolo spaccare tutto è tutto ciò che gli rimane da fare...e questo lo hanno voluto i Grandi.....(molti hanno condannato il giovane carabiniere..per come la vedo io andrebbe punito chi ha mandato un ragazzo giovane ed inesperto a gestire una situazione del genere...)<br><br>svegliatevi...<br><br>

Tianos
28-04-2006, 18:20
straquoto spaico....<br>p.s. tanto per farsi un idea in spagna i "no -global " hanno protestato in piazza fino a che la legge sul lavoro giovanile(simile alla legge biagi) non e stata abrogata e per poco non chiedono la testa in piazza del parlamentare , sono stati considerati eroi ...mentre in italia .<br><br>del resto basta leggere la mia firma

BrightingEyes
28-04-2006, 18:50
Ma io la Costituzione la chiamo in causa eccome. E' la Costituzione la base di convivenza fra i cittadini, e d&agrave; regole e diritti precisi a tutti. Impedire, con qualunque mezzo, a liberi citttadini di manifestare pacificamente la propria adesione ai valori del 25 aprile è incostituzionale. E' la Costituzione che spiega a me perchè devo privarmi di una parte consistente delle mie entrate per offrire servizi gratuiti e di buon livello a quelli come Carlo. Questa parte sono convinto che l'avete capita perfettamente... o sbaglio? Guarda che non è scritto sulle tavole dei comandamenti che io devo preoccuparmi di offrire cure gratuite ai punkabbestia mentre il mio collega francese, molto più ricco può tranquillamente fregarsene.. è un patto sancito dalla Costituzione.<br>Chissa come e perchè invece toppate su tutto il resto. E' la Costituzione, ad esempio, che individua espressamente nella "forza pubblica" lo strumento per garantire a me e a ogni altro cittadino che se mi arriva addosso uno con un estintore deciso a sbattermelo sulla testa per sanare le ingiustizie del mondo possa essere difeso. E' la Costituzione che cita l'autodifesa dai violenti come diritto. Se poi per caso mi ritrovo in mano una pistola sar&agrave; magari un "eccesso di legittima difesa", ma sempre legittima difesa è. E' il pilota dell'estintore che è stato mandato giovane e inesperto a gestire una situazione di "provocazione al sistema" più grande del suo cervello, quindi non certo enorme, non un paio di giovani carabinieri che facevano niente di più del loro lavoro, che consisteva appunto nel lasciare liberissimi tutti di esprimere qualunque idiozia saltasse loro in mente purchè lo facessero al di fuori di un perimetro ben preciso.<br><br>La Costituzione è il fondamento della comunit&agrave; dei cittadini. Può essere cambiata, con le regole che essa stessa cita, certo... e non c'è nulla di scandaloso in questo. Che poi le modifiche siano giuste o meno si può discutere e molto. Concordo che le ultime proposte non mi sembrano mirabolanti opere d'ingegno, ma nemmeno la "difesa" furbetta di chi teme l'inaridirsi dei pascoli mi entusiasma.<br><br>Sui soldati, risparmiati il grassetto, io ho semplicemente messo in chiaro che le bombe CONTRO GLI ITALIANI non provengono dalla gente pacifica, che non è una rivolta popolare contro l'invasore, che la resistenza era ed è altra cosa. Tu mi citi le torture ai prigionieri e gli stupri... prendo atto che non erano citazioni rivolte ai nostri soldati, ma non sopporto le illazioni poco chiare e il tuo ammettere che le truppe italiane non devono essere accomunate a quelli che hanno commesso questi reati mi conforta, pensa che ci sono persone che invece fanno insinuazioni di sto tipo.<br><br>Vabbè ritirate sti soldati e finiamola con ste manfrine. Se non ci sar&agrave; petrolio useremo nucleare e carbone.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Tianos @ 28/4/2006, 19:20)</div><div id="quote" align="left">straquoto spaico....<br>p.s. tanto per farsi un idea in spagna i "no -global " hanno protestato in piazza fino a che la legge sul lavoro giovanile(simile alla legge biagi) non e stata abrogata e per poco non chiedono la testa in piazza del parlamentare , sono stati considerati eroi ...mentre in italia .<br><br>del resto basta leggere la mia firma</div></div><br>Bene, chiedete il posto ai no-global allora. Io di posti fissi non ne ho e mi sa che molti siano su queste posizioni.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Tianos @ 28/4/2006, 12:43)</div><div id="quote" align="left">* Blair ha gi&agrave; più volte richiesto alla Camera dei Lords l’approvazione di una legge che autorizzi “Tribunali speciali segreti” ovviamente comprensivi di torture ed assenza di avvocati degli accusati.</div></div><br>Ma scrivere corbellerie di questo livello non comporta effetti collaterali tipo tremito alle mani o nistagmo oculare bilaterale? Ci mancava una denuncia sulle scie chimiche seminate dagli aerei per il controllo mentale e facevamo l'emplain.<br>

BrightingEyes
01-05-2006, 01:49
Doh&#33;<br>Questo è un "cravattino" o una persona seria che dice quello che devono dire le persone serie pur nelle differenze dei ruoli ?<br><br><a href="http://www.repubblica.it/2006/04/sezioni/politica/intervista-cofferati/intervista-cofferati/intervista-cofferati.html" target="_blank">http://www.repubblica.it/2006/04/sezioni/p...-cofferati.html</a>

02-05-2006, 10:26
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">perchè devo privarmi di una parte consistente delle mie entrate per offrire servizi gratuiti e di buon livello a quelli come Carlo. Questa parte sono convinto che l'avete capita perfettamente...</div></div><br>...io non ho mai difeso a spada tratta Carlo, era forse (non l'ho conosciuto personalmente quindi il forse è fondamentale ) un normalissimo ragazzo che si è spinto troppo in l&agrave; (per sua disgrazia)..e non conosco il carabiniere che è intervenuto che forse non ha avuto il sangue freddo che avrebbe avuto un carabiniere esperto e vissuto...ma vedo che ciò che ti preoccupa sono le tue mancate entrate...<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Guarda che non è scritto sulle tavole dei comandamenti che io devo preoccuparmi di offrire cure gratuite ai punkabbestia</div></div><br>...appunto, che proponi ? sterminiamoli tutti ? magari anche i malati che non possono permettersi le cure mediche ? forse non ti è chiaro che se oggi ti trovi a rinunciare alle tue indispensabili entrate è colpa di chi non è capace di offrire una vita normale a tutti...<br>io non verso un centesimo al servizio sanitario nazionale o ad altri fondi perchè qualcuno ha deciso che non me lo posso permettere (e non per questo mi sento simile a "quelli come Carlo"...), pur lavorando 8 ore al giorno tutti i giorni...per questo non mi sento nè superiore nè tanto meno inferiore a chi paga anche per gli altri..ci mancherebbe che chi si arricchisce sulle spalle dei vecchi e nuovi poveri non pagasse per loro servizi che tu definisci di "buon livello"....purtroppo non ti trovi a vivere in un epoca in cui la razza ariana non funge...<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Doh&#33;<br>Questo è un "cravattino" o una persona seria che dice quello che devono dire le persone serie pur nelle differenze dei ruoli ?<br><br><a href="http://www.repubblica.it/2006/04/sezioni/p...-cofferati.html" target="_blank">http://www.repubblica.it/2006/04/sezioni/p...-cofferati.html</a></div></div><br>cosa significa ? credi davvero di mettermi in difficolt&agrave; citandomi un cinese di sinistra che attacca un politico del suo stesso schieramento ??? credi ancora che io sia di sinistra e che non mi vada giù che escano queste contraddizioni ?? tutti sanno che un uomo al potere è + pericoloso di una dinamite in mano ad un bambino...se guardassi la dea tv con occhio e orecchio leggermente + critico ti accorgeresti che il sistema politico è diventato ormai un triste e patetico teatrino delle marionette dove chiunque abbia un minimo di visibilit&agrave; si preoccupa esclusivamente di screditare chi gli sta accanto (cosa che magicamente non accade in periodi elettorali...)...comunque, se questo tuo (direi io limitatissimo) modo di vedere lle cose ti fa stare meglio o ti da un protettivo senso di appartenenza...meglio per te, giudicare tutto normale è sempre la via + comoda e spensierata per giustificare il proprio "vivere, lavorare, produrre, consumare e crepare"...auguri.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">E' il pilota dell'estintore che è stato mandato giovane e inesperto a gestire una situazione di "provocazione al sistema" più grande del suo cervello, quindi non certo enorme</div></div><br>...vabbè che non voglio difenderlo con la vita, ma questo è meglio che lo ignoro.....non credere di avere un cervello molto + grande della media....<br><br>

MetS
02-05-2006, 11:14
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (spaico @ 27/4/2006, 09:09)</div><div id="quote" align="left">.... che razza stupida gli umani....</div></div><br>di cui anche tu ne fai degnamente parte&#33;

BrightingEyes
02-05-2006, 12:15
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (spaico @ 26/4/2006, 15:10)</div><div id="quote" align="left">..quali regole ? quelle che seguono loro ? alle guerre petrolifere si dovrebbe rispondere con la stessa violenza.. non c'è da pensare molto alle regole...</div></div><br>Guarda, l'argomento di questo post era la "pace preventiva", cioè un modo di intendere la politica estera opposto a quello della "guerra preventiva".<br>Si può essere d'accordo o meno, io personalmente sarei d'accordo in via generale a condizione che situazioni come quella della Bosnia di dieci anni fa non vengano ignorate ed in nome della pace preventiva non si lasci mano libera ai veri assassini, torturatori e stupratori. La forze pubblica mondiale è certo un'illusione ora e lo rester&agrave; ancora per molto, ma certo molte posizioni pacifiste spesso sono troppo chiaramente improntate al "machiccelofaf&agrave;" per essere apprezzabili.<br>La stupida guerra preventiva di Bush è tutto un altro paio di maniche, concordo perfettamente. Non dovrebbe servire avere un cervello superiore alla media per capire la profonda differenza fra le due (e invece mi risulta che molti non facciano affatto differenza.. se Jovanotti non ha capito "chi ha parlato di una guerra giusta" è un problema suo, io l'ho capito eccome).<br><br>Comunque, si può essere d'accordo con la pace preventiva o meno, ma certo il tuo intervento era un evidente approvazione alla violenza, espressamente invocata al di fuori delle regole di "loro", chiunque essi siano. Questi atteggiamenti io li ritengo del tutto inaccettabili, e dato che come giustamente hai intuito sono le persone come me che garantiscono servizi a tutti, non accetto che quelli come il Carlo cerchino di bruciare tutto. Non serve affatto sterminare i deboli e i malati, anzi il più grande timore di molti è proprio che quelli come Carlo distruggano il sistema che garantisce i deboli e i malati.<br><br>E... in cauda venenum... delle mie entrate non mi preoccupo affatto <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6c7d72fb7e564757dda82ef3babfc00f.gif" alt=":D">

MetS
02-05-2006, 12:23
L'Italia e' in Kosovo da oltre 10 anni con le proprie forze di pace, nella ex Yugoslavia da 12, in Congo da 22 anzi da prima se si considera l'episodio e l'eccidio di Kindu nel 67, abbiamo oltre 35000 soldati in mezzo mondo di cui nessuno si e' mai preoccupato ed adesso venite tutti fuori a richiedere il ritiro italiano dall'Iraq anche se sotto l'egida dell'ONU?<br>Mi sembra che in tutta questa storia ci sia solo demagogia, sarebbe ora di finirla.<br>O tutti o nessuno&#33;<br>MetS

BrightingEyes
02-05-2006, 12:57
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">cosa significa ? credi davvero di mettermi in difficolt&agrave; citandomi un cinese di sinistra che attacca un politico del suo stesso schieramento ??? credi ancora che io sia di sinistra e che non mi vada giù che escano queste contraddizioni ?? tutti sanno che un uomo al potere è + pericoloso di una dinamite in mano ad un bambino...se guardassi la dea tv con occhio e orecchio leggermente + critico ti accorgeresti che il sistema politico è diventato ormai un triste e patetico teatrino delle marionette dove chiunque abbia un minimo di visibilit&agrave; si preoccupa esclusivamente di screditare chi gli sta accanto (cosa che magicamente non accade in periodi elettorali...)...comunque, se questo tuo (direi io limitatissimo) modo di vedere lle cose ti fa stare meglio o ti da un protettivo senso di appartenenza...meglio per te, giudicare tutto normale è sempre la via + comoda e spensierata per giustificare il proprio "vivere, lavorare, produrre, consumare e crepare"...auguri.</div></div><br>Effettivamente non ho capito... visto che ti proclami indipendente, con chi stai? col cinese o con i furbastri del "non approviamo esplicitamente ma non sia mai detto che non comprendiamo"?

03-05-2006, 10:05
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">CITAZIONE (spaico @ 27/4/2006, 09:09).... che razza stupida gli umani....<br><br>di cui anche tu ne fai degnamente parte&#33;</div></div><br>...il grande capo degli esseri umani sentenziò...grazie per avermi accolto nella tua grande comunit&agrave;....<br>con uno come te non perdo neanche il tempo....<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ed in nome della pace preventiva non si lasci mano libera ai veri assassini, torturatori e stupratori. La forze pubblica mondiale è certo un'illusione ora e lo rester&agrave; ancora per molto, ma certo molte posizioni pacifiste spesso sono troppo chiaramente improntate al "machiccelofaf&agrave;" per essere apprezzabili.</div></div><br>..il punto è proprio in queste due righe, non ci prendiamo in giro e guardiamo le cose come realmente sono e come molti (ma aimè ancora troppo pochi..) cercano di far capire servendosi a volte ( e ripeto a volte...non sempre) di modi che difficilmente la massa accetta..<br>in passato sono state fatte tantissime guerre, molte di queste hanno contribuito a delineare l'attuale assetto mondiale e via dicendo..oggi, che senso ha fare la guerra ? siamo sull'orlo del precipizio e nessuno si preoccupa di porre rimedio, anzi.. è risaputo che coloro che dirigono il mondo lavorano intensamente ed esclusivamente per accaparrare potere e conservare lo stato attuale delle cose a discapito di nazioni povere, arretrate e con un livello di cultura/civilt&agrave; bassissimo ma ricche di risorse...questi popoli, secondo voi, come possono difendersi ? è ovvio che, non avendo arsenali, non avendo potere di parola e non avendo un supporto logistico che possa minimamente competere con quello delle nostre "nazioni civili"..si trovano costretti a reagire con i mezzi che hanno.. a questo punto però entra in gioco quello che è, a mio avviso, il potere + grande che i signori che dirigono il gioco detengono..il potere mediatico. grazie a questo si può giocare alla grande sul concetto del bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno perchè ogni cosa magicamente assume due verit&agrave;..è come lanciare una moneta in aria e questa, caduta a terra continua a girare finchè arriva chi la guerra la dichiara e decide la faccia da mostrare alla massa per giustificare la stessa guerra...ma questo molti lo hanno capito...<br>è fin troppo semplice, per chi ha il potere mediatico, accogliere consensi e apparire come paladino della giustizia..."noi ci accolliamo questo fardello per voi...noi andiamo lì a fare la guerra per fare la pace...noi andiamo lì a donare la civilt&agrave;...noi regaleremo un futuro roseo a quei popoli..." e via dicendo..questi messaggi detti così sinceramente fanno ridere..purtroppo però la massa, martellata e rimartellata, li accetta come verit&agrave;, si sa che funziona così...la politica si basa su questo...e se si riesce a convincere la massa il gioco è fatto, la guerra è giustificata e tutto è a posto...in realt&agrave; molti sanno che in fondo in fondo la guerra la si fa solo per appropriarsi delle varie risorse sparse per il pianeta...è sempre stato così e sempre lo sar&agrave;..altri non lo sanno perchè subiscono l'ipnosi, altri ancora rappresentano coloro che dicono "machiccelofaf&agrave;"...(attenzione, non sono tutti così...)<br>dopo aver convinto la massa è ancora + facile mantenere alto il consenso a maggior ragione se chi la guerra la subisce decide di reagire con i mezzi che ha...terrorismo, violenza..e via dicendo. queste cose sono risapute da molti e ormai chi cerca di portarle all'attenzione di chi non le accetta è etichettato come il sovversivo, il paranoico, il no-global....io nel mio piccolo non mi stancherò mai di dirlo.. le guerre sono ingiuste, rappresentano solo un atto unilaterale di prepotenza, arroganza e criminalit&agrave;. se i soldi spesi in tutte queste guerre fossero stati spesi semplicemente in ricerca e strutture dedicate alle energie rinnovabili, oggi non ci sarebbe terrorismo, militari morti, innocenti sterminati, persone torturate... è questo il punto, quanti milioni di euro sono stati spesi solo negli ultimi 50 anni ? quante persone sono morte per una risorsa che tra 20 anni non ci sar&agrave; + ? e quanti ne dovranno ancora morire in nome del dio petrolio ?<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ma certo il tuo intervento era un evidente approvazione alla violenza, espressamente invocata al di fuori delle regole di "loro", chiunque essi siano. Questi atteggiamenti io li ritengo del tutto inaccettabili, e dato che come giustamente hai intuito sono le persone come me che garantiscono servizi a tutti, non accetto che quelli come il Carlo cerchino di bruciare tutto. Non serve affatto sterminare i deboli e i malati, anzi il più grande timore di molti è proprio che quelli come Carlo distruggano il sistema che garantisce i deboli e i malati.</div></div><br>..come da me previsto, mi hai gia classificato come il violento...quando i veri violenti, come ho gi&agrave; detto, sono coloro che ti ostini a difendere...ascoltami, anzi leggimi con attenzione, ti faccio un esempio pratico e se vogliamo molto riduttivo : io ho una casa in campagnia con un orto (magari..) il quale rappresenta la mia unica fonte di sopravvivenza ed in casa non ho telefono, sono muto e non ho armi per difendermi se non la zappa con cui lavoro l'orto. una mattina mi sveglio e vedo un fuoristrada di lusso che butta giù il mio umile cancelletto, invade la mia propriet&agrave; e il cravattino che scende mi dice : quest'orto da oggi diventa mio, la casa te la butto giù e tu essendo muto continuerai e star zitto perchè alla mia gente piace la tua verdura. ora, io (non l'ipotetico contadino) che fondamentalmente ho ricevuto un'educazione rigida e non mi reputo per niente predisposto alla violenza, se mi trovassi al posto del contadino sinceramente non mi andrebbe giù la sua posizione e, tenendo presente che non posso chiedere aiuto a nessuno, non sono in grado di urlare e non ho armi in casa posso fare solo due cose o sto zitto o prendo la zappa e pesto il cravattino...io mi espongo e ti dico che impugnio la zappa. ora dimmi tu sinceramente e a quelle condizioni cosa faresti ?<br>questo per dimostrarti la mia "evidente approvazione alla violenza" come tu la definisci.<br>è la stessa cosa della legittima difesa, se un ladro entra in casa tua hai il permesso di reagire, fino ad ammazzarlo...perchè questa logica dovrebbe funzionare solo per noi ?<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Effettivamente non ho capito... visto che ti proclami indipendente, con chi stai? col cinese o con i furbastri del "non approviamo esplicitamente ma non sia mai detto che non comprendiamo"?</div></div><br>ma lo capisci che finchè la gente segue gli schieramenti questi si faranno sempre la guerra ? ma vi volete svegliare e iniziare a dar meno credito alle c@....ate che ci propongono in tv? il senso di appartenenza che deriva dallo schierarsi non serve a nulla &#33;&#33;<br><br><span class="edit">Edited by spaico - 3/5/2006, 11:44</span>

BrightingEyes
03-05-2006, 11:32
Spaico... in senso generale hai la mia comprensione. E' vero che si deve far di tutto per evitare le guerre, è vero che chi non ha mezzi per difendersi a volte subisce angherie e ingiustizie.<br>Lo sbaglio per me sta nel addossare preventivamente e ideologicamente sempre e solo ai "cravattini" intenzioni cattive e predatorie.<br>Sono perfettamente d'accordo sulle critiche all'invasione dell'Irak, così come su molti comportamenti degli Americani l&agrave;.<br>Resto convinto che l'intervento NATO in Bosnia e poi Kosovo fosse invece giusto e necessario. Non c'è alcuna risorsa da predare lì, ed infatti molti dicevano che non si sarebbe mai intervenuti perchè non c'era petrolio e quindi l'occidente sarebbe rimasto a guardare indifferente. Altri prevedevano apocalittici scenari da guerra fredda e immani stragi.<br>Invece era giusto (semmai è stato fatto tardi) un intervento serio (quindi armato e aggressivo, i soldati ONU disarmati e legati ai pali della luce servono solo alla propaganda dei dittatori) per proteggere le popolazioni locali. Questo si è fatto, con l'appoggio pur imbarazzato di un governo di sinistra, e giustamente.<br><br>Per citare il tuo esempio, il cravattino col fuoristrada non è che lo devi scacciare a zappate (se tornano in 4 col lanciafiamme poi che fai?) la soluzione giusta è che ci sia qualcuno, una forza pubblica superiore, che protegga te e tutti quelli che pur volendo non possono difendersi da soli.<br><br>Sar&agrave; una visione al momento utopica, ma a quelo dobbiamo tendere, non a un'anarchia mondiale che porterebbe invitabilmente a gravi conflitti.<br><br>

03-05-2006, 13:19
Caro spaico<br>L'esempio del contadino che deve difendersi dal cravattino con SUV quadra fino ad un certo punto.<br>Per continuare l'esempio, il cravattino sono 60 anni che va COMPRARE l'insalata dal contadino, l'ha sempre pagata.<br>Puoi dire che il prezzo era basso, ma quello era il mercato (ora non sono più bassi&#33;&#33;&#33;)<br>Puoi dire che i soldi li prendeva uno che non ne aveva diritto, ma questi non sono problemi dell'acquirente.<br>Cosa ne facesse il contadino dei soldi ricavati non erano problemi del cravattino.<br>I problemi cominciano quando il contadino comincia a spendere i soldi ricavati per armarsi e invadere la cascina vicina (magari abitata dagli amici del cittadino).<br>Altri problemi si possono creare se i contadini cominciano a scannarsi fra di loro e trascurano di coltivare l'insalata. A questo punto è interesse del cravattino che in quella cascina ci sia qualcuno in grado di mantenere l'ordine e far continuare la produzione di insalata.<br>Naturalmente non ha nessun diritto di interferire con le beghe familiari del bifolco, ma se si muove bene fa un favore a tutti.<br><br>Come vedi la verit&agrave; non è mai pura e raramente è semplice.<br><br>Ciao<br>Tersite

03-05-2006, 14:46
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Lo sbaglio per me sta nel addossare preventivamente e ideologicamente sempre e solo ai "cravattini" intenzioni cattive e predatorie.</div></div><br>be, converrai che non si occupa uno stato con qualche bastone e qualche sasso, l'offesa molto spesso (non sempre) parte da chi è ben armato. se i popoli reagiscono è chiaro che si entra in un vizioso circolo di offese e controffese che nuociono esclusivamente ai cittadini di una e dell'altra parte.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Per citare il tuo esempio, il cravattino col fuoristrada non è che lo devi scacciare a zappate (se tornano in 4 col lanciafiamme poi che fai?) la soluzione giusta è che ci sia qualcuno, una forza pubblica superiore, che protegga te e tutti quelli che pur volendo non possono difendersi da soli.</div></div><br>appunto, tu chi inquadri come forza pubblica superiore ? secondo te le guerre attuali sono davvero supervisionate da un organo che sta lì a controllare che tutto si svolga nel pieno rispetto dei basilari diritti umani di chi quella guerra non la vuole (e non solo di loro) ?<br>secondo quello che dici dovrebbe esistere questo organo ma .. come le spieghi le torture ai prigionieri ? i civili uccisi ? i civili pestati ? le violenze gratuitamente distribuite per le strade ? e non parlo solo delle guerre dichiarate ma mi riferisco anche e quelle che si è deciso di chiamare "missioni di pace"non mi dirai che queste cose accadono solo nella mia mente ? evidentemente c'è del marcio. e per chiarire io non voglio l'anarchia, non serve, è inconcepibile ed impossibile.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Caro spaico<br>L'esempio del contadino che deve difendersi dal cravattino con SUV quadra fino ad un certo punto.<br>Per continuare l'esempio, il cravattino sono 60 anni che va COMPRARE l'insalata dal contadino, l'ha sempre pagata.<br>Puoi dire che il prezzo era basso, ma quello era il mercato (ora non sono più bassi&#33;&#33;&#33;)<br>Puoi dire che i soldi li prendeva uno che non ne aveva diritto, ma questi non sono problemi dell'acquirente.<br>Cosa ne facesse il contadino dei soldi ricavati non erano problemi del cravattino.<br>I problemi cominciano quando il contadino comincia a spendere i soldi ricavati per armarsi e invadere la cascina vicina (magari abitata dagli amici del cittadino).<br>Altri problemi si possono creare se i contadini cominciano a scannarsi fra di loro e trascurano di coltivare l'insalata. A questo punto è interesse del cravattino che in quella cascina ci sia qualcuno in grado di mantenere l'ordine e far continuare la produzione di insalata.<br>Naturalmente non ha nessun diritto di interferire con le beghe familiari del bifolco, ma se si muove bene fa un favore a tutti.<br><br>Come vedi la verit&agrave; non è mai pura e raramente è semplice.</div></div><br>..non fa una piega, e non lo dico in senso ironico, ma l'acuta osservazione purtroppo non ricalca l'effettiva realt&agrave; delle cose..perchè di mezzo c'è la presunzione dell'uomo di poter portare con la violenza cose che necessitano di anni e anni e anni di gestazione per poter nascere e consolidarsi...i militari sono semplici uomini armati e a volte cadono nell'errore di pensare "tu mi lanci un sasso? io ti meno e se non rispondi da persona civile sono libero di spararti"..e tutto quello che ne consegue non è altro che la naturale evoluzione che gli uomini sono portati a seguire quando esistono dei conflitti...la guerra è una cosa troppo grande per gli uomini, spece con le attuali tecnologie militari..il passato è un buon esempio.<br>secondo voi siamo davvero in grado di poter gestire tutte queste guerre e missioni di pace varie ? badate bene che chi si trova dall'altra parte ha + volte dimostrato di esser disposto a sacrificare la propria vita per difendere il loro nome...e se un giorno (secondo me neanche tanto lontano) ci scappa un'altra bomba, io e voi che siamo qui a cercare di viverci la nostra vita con chi ce la prendiamo ? con l'onu che non ha lavorato bene ? col cravattino che ha pensato solo ai propri interessi e spinto i nostri giovani a combattere la sua guerra ? con la vostra sinistra ? con la vostra destra ?

BrightingEyes
03-05-2006, 15:10
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (spaico @ 3/5/2006, 15:46)</div><div id="quote" align="left">appunto, tu chi inquadri come forza pubblica superiore ? secondo te le guerre attuali sono davvero supervisionate da un organo che sta lì a controllare che tutto si svolga nel pieno rispetto dei basilari diritti umani di chi quella guerra non la vuole (e non solo di loro) ?<br>secondo quello che dici dovrebbe esistere questo organo ma .. come le spieghi le torture ai prigionieri ? i civili uccisi ? i civili pestati ? le violenze gratuitamente distribuite per le strade ? e non parlo solo delle guerre dichiarate ma mi riferisco anche e quelle che si è deciso di chiamare "missioni di pace"non mi dirai che queste cose accadono solo nella mia mente ? evidentemente c'è del marcio. e per chiarire io non voglio l'anarchia, non serve, è inconcepibile ed impossibile.</div></div><br>E quindi, dato che l'ONU serve a un tubo, che la forza pubblica indipendente non esiste, che non possiamo essere sicuri sicuri che qualche individuo, inviato e pagato a mantenere ordine e pace decida di testa sua di commettere degli atti indegni dobbiamo rassegnarci a osservare impotenti un branco di assassini che uccide e fa di peggio?<br><br>Scusa, ma non sono d'accordo. Sar&agrave; per presunzione occidentale, ma ritengo che le democrazie europee (lascia pure fuori gli USA, ma limitatamente alla sfortunata classe dirigente attuale) abbia dei diveri precisi. Uno è senz'altro quello che tutti credo auspichiamo qui, e cioè la ricerca di una rapida indipendenza energetica, possibilmente da rinnovabili, evitando di predare le risorse di altri popoli, penso che qui saremo in accordo.<br>Un altro però è il dovere di guidare e assistere le popolazioni (non i governi&#33;) in pericolo, laddove questo sia fattibile. Che l'Europa dichiari guerra alla Cina per costringerla a rispettare i diritti umani è ovviamente assurdo, che l'Europa debba intervenire, pur al costo di perdite umane proprie e di innocenti purtroppo, per fermare un'evidente genocidio alle porte di casa lo ritenevo doveroso. Purtroppo lo si è fatto solo dietro al "fratello grande" americano, alimentando le solite polemiche ideologiche, ma perlomeno lo si è fatto ed ha funzionato.<br><br>Io penso che in Irak non sia interesse delle popolazioni (la gente, i bambini, le donne locali) un ritiro precipitoso delle forze "occupanti", al di l&agrave; di ogni giudizio negativo sulla guerra di Bush. Posso sbagliarmi e se l'Irak dimostrer&agrave; di poter procedere con le proprie gambe senza guerra civile tanto meglio.<br>Certo che dal giorno dopo del ritiro le conseguenze saranno responsabilit&agrave; altrui, non mie.<br><br>

03-05-2006, 16:25
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">E quindi, dato che l'ONU serve a un tubo, che la forza pubblica indipendente non esiste, che non possiamo essere sicuri sicuri che qualche individuo, inviato e pagato a mantenere ordine e pace decida di testa sua di commettere degli atti indegni dobbiamo rassegnarci a osservare impotenti un branco di assassini che uccide e fa di peggio?</div></div><br>no,<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Scusa, ma non sono d'accordo. Sar&agrave; per presunzione occidentale, ma ritengo che le democrazie europee (lascia pure fuori gli USA, ma limitatamente alla sfortunata classe dirigente attuale) abbia dei diveri precisi. Uno è senz'altro quello che tutti credo auspichiamo qui, e cioè la ricerca di una rapida indipendenza energetica, possibilmente da rinnovabili, evitando di predare le risorse di altri popoli, penso che qui saremo in accordo.<br>Un altro però è il dovere di guidare e assistere le popolazioni (non i governi&#33;) in pericolo, laddove questo sia fattibile.</div></div><br>ma se davvero, e dico davvero, abbiamo questi nobili scopi non andiamo lì a buttar giù tutto, ricostruire e poi dire "se non era per noi qui eravate ancora al medioevo, perciò a noi inginocchiatevi"..se c'è davvero qualcosa da ricostruire è la visione che attualmente hanno del nostro mondo, fisiologicamente gi&agrave; diversa del nostro modo di vedere le cose e ulteriormente distorta da ciò che gli mostriamo cioè il nostro lato peggiore..<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Che l'Europa dichiari guerra alla Cina per costringerla a rispettare i diritti umani è ovviamente assurdo</div></div><br>..gi&agrave;, e secondo te perchè ?<br><br>

03-05-2006, 17:04
sono molto rammaricato che ci sia tanta gente disposta a credere che qualche (tantissime) vittima innocente sia passabile pur di preservare l'attuale stato delle cose...molti commettono un grave errore nel non accettare che non muoiono solo i militari che per loro disgrazia accettano di scendere in campo, un uomo morto è sempre un uomo morto, sia che indossi una divisa o l'altra o che addirittura non indossi nè una nè l'altra, è subdolo e basso appellarsi sempre al patriottismo per convincere e giustificare, i militari (di tutti i paesi in guerra) sono solo pedine che di volta in volta vengono sostituiti, non vi fate fregare &#33; e questo lo dico ai giovani, non fatevi fregare da chi spaccia la criminalit&agrave; per patriottismo, la guerra fatela fare a chi la dichiara.

BrightingEyes
03-05-2006, 17:22
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (spaico @ 3/5/2006, 17:25)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Che l'Europa dichiari guerra alla Cina per costringerla a rispettare i diritti umani è ovviamente assurdo</div></div><br>..gi&agrave;, e secondo te perchè ?</div></div><br>Il fatto che siano oltre 1 miliardo con sottomarini e missili intercontinentali nucleari certo influisce <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/66346b09a111b957dfdcb582961c8082.gif" alt=":P"><br><br>Comunque per paesi come la Cina esistono altri mezzi di pressione, ad esempio gli scambi commerciali, e sarebbe bene che molti paesi non fingessero di non vedere solo per stringere vantaggiosi accordi commerciali, ma vabbè sono utopie.<br><br>Per il resto, non restiamo incancreniti sulla situazione irachena. E' importante certo, ma esistono altri casi in cui c'è stato intervento armato per molti giusto per altri no.<br>Se ritieni che non sia il caso di restare inerti di fronte a ingiustizie e massacri, cosa suggerisci di fare?<br>Le posizioni aprioristiche a me lasciano molti dubbi... da qualunque posizione provengano.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (spaico @ 3/5/2006, 18:04)</div><div id="quote" align="left">sono molto rammaricato che ci sia tanta gente disposta a credere che qualche (tantissime) vittima innocente sia passabile pur di preservare l'attuale stato delle cose...molti commettono un grave errore nel non accettare che non muoiono solo i militari che per loro disgrazia accettano di scendere in campo, un uomo morto è sempre un uomo morto, sia che indossi una divisa o l'altra o che addirittura non indossi nè una nè l'altra, è subdolo e basso appellarsi sempre al patriottismo per convincere e giustificare, i militari (di tutti i paesi in guerra) sono solo pedine che di volta in volta vengono sostituiti, non vi fate fregare &#33; e questo lo dico ai giovani, non fatevi fregare da chi spaccia la criminalit&agrave; per patriottismo, la guerra fatela fare a chi la dichiara.</div></div><br>Ma non credo che siano poi molti quelli sensibili al "patriottismo" sai. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/aa965c14b1c73f85d697b8efe6f1d83e.gif" alt=";)">

03-05-2006, 17:24
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Il fatto che siano oltre 1 miliardo con sottomarini e missili intercontinentali nucleari certo influisce<br><br>Comunque per paesi come la Cina esistono altri mezzi di pressione, ad esempio gli scambi commerciali, e sarebbe bene che molti paesi non fingessero di non vedere solo per stringere vantaggiosi accordi commerciali, ma vabbè sono utopie.</div></div><br>hai finalmente e magicamente espresso il succo della questione.<br><br>io ribadisco il mio concetto all'infinito perchè la massa deve capire ciò che realmente sta accadendo, se non si raggiunge questo rimarrò sempre e solo un piccolo uomo che urla. io ho fiducia che sempre + persone afferrino il concetto e guardino + criticamente le cose che accadono in tv e non pensino solo ed esclusivamente ai propri interessi. non fatevi ingannare da chi vi impone di schierarvi, siate ideologicamente indipendenti e sappiate che la ragione (come si dice) sta sempre nel mezzo e per coglierla bisogna guardare dall'alto.<br><br>ps. io so perfettamente che non tutti i militari si muovono per patriottismo, per questo dico: non fatevi fregare.

BrightingEyes
03-05-2006, 18:31
Comincio a capire Donchisciotte... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a05646559b055f9aa27c594be4ea729a.gif" alt="&lt;_&lt;">

04-05-2006, 08:14
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Comincio a capire Donchisciotte...</div></div><br>...?<br><br>..capisco la tua posizione e non mi meraviglio delle tue conclusioni, per me sei semplicemente allineato al pensiero comune...niente di nuovo ed interessante.<br><br>che la massa sia orientata in questo senso non preclude la possibilit&agrave; che stia commettendo un gravissivo errore... dipende da molti fattori ed il primo in assoluto è che molti di noi subiscono, dal momento in cui nascono, una serie infinita di costrizioni concettuali che porta ogni individuo a creare dentro di se schemi mentali complessi e perfettamente in grado di rifiutare ostinatamente la realt&agrave; delle cose. non è colpa tua se il mondo che ti sei creato non ha nulla in comune con la realt&agrave; delle cose, è molto complesso venirne fuori e non tutti afferrano il concetto... c'è troppa roba inutile nella mente delle persone...il servilismo incondizionato, la scuola(non che sia inutile in assoluto, ma quella che attualmente chiamiamo pubblica non serve a chiss&agrave; cosa...) la religione e così via....<br>molti cercano di aprire gli occhi ma poi si perdono nella quotidianeit&agrave;...che sottrae tempo ed energie e si ritrovano alle poste a pagar bollette o a casa a guardar la tv.<br>la tua battuta mi fa sinceramente sorridere perchè di certo non darò mai la mia vita per far capire a te e a quelli come te che ci sarebbe ben altro da fare che star lì ad aspettare la pensione... io so di esser consapevole, per te possono esser c@...ate perchè (sempre secondo te) nessuno darebbe credito al mio pensiero 'utopistico'...io posso solo assicurarti che di individui che sanno guardarsi intorno ce ne sono eccome, persino in questo forum...il passo difficile è alzare la mano e dire hai ragione, anch'io la penso così....<br><br>io non perderò mai occasione per parlare di questi temi, e chiaramente non solo su questo forum e non solo seduto davanti ad un pc... sono molto attivo in questo senso. mi basta questo, ti saluto.<br><br><span class="edit">Edited by spaico - 4/5/2006, 10:41</span>

BrightingEyes
04-05-2006, 17:35
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (spaico @ 4/5/2006, 09:14)</div><div id="quote" align="left">..capisco la tua posizione e non mi meraviglio delle tue conclusioni...</div></div><br>Bene, sei in vantaggio. Io invece non ho capito un'acca di quello di cui ti impegni a parlare.<br>Purtroppo sono agganciato alla realt&agrave; pratica e magari non riesco a guardare le cose dall'alto e senza condizionamenti.<br>Ma prima hai affermato che NON è giusto far finta di nulla di fronte a un tiranno che provoca un genocidio alle porte della civile Europa. Ottimo, ma al di l&agrave; delle aspirazioni ad un'apertura mentale libera e non condizionata, aspirazione che credo sia nelle intenzioni di tutti e nelle convinzioni, magari incaute, di moltissimi... quale condotta si dovrebbe tenere in questi casi? Ci limitiamo a dire che visto che non attacchiamo la Cina allora non dobbiamo usare la forza contro nessuno?<br>Un abitante di Szebrenica sarebbe stato più al sicuro con una forza militare internazionale (armata) di 500 uomini schierata o con 500.000 rovesciacassonetti a bruciare bandiere del dittatore a 1000 km di distanza?<br>E' su questi quesiti, semplici e pratici, che si decide la sorte degli innocenti.

05-05-2006, 15:46
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Ottimo, ma al di l&agrave; delle aspirazioni ad un'apertura mentale libera e non condizionata, aspirazione che credo sia nelle intenzioni di tutti e nelle convinzioni, magari incaute, di moltissimi...</div></div><br>..non per essere logorroico, ma sinceramente non credo a quest'affermazione, semplicemente perchè per tantissime persone ( e parte di queste occupano posizioni di potere ) il praticare un'apertura mentale e, quindi, l'avere una visione non condizionata contrasta pienamente con gli interessi che per loro natura sono portati a difendere.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">quale condotta si dovrebbe tenere in questi casi? Un abitante di Szebrenica sarebbe stato più al sicuro con una forza militare internazionale (armata) di 500 uomini schierata o con 500.000 rovesciacassonetti a bruciare bandiere del dittatore a 1000 km di distanza?<br>E' su questi quesiti, semplici e pratici, che si decide la sorte degli innocenti.</div></div><br>..be, onestamente, bisognerebbe un attimo riflettere su ciò che sta dietro ad una domanda del genere...<br><br>intanto ti dico tranquillamente che mi aspettavo anche questo...qual'è il miglior modo per screditare o ridicolizzare il singolo che contesta? semplice, basta addossargli tutto ciò che egli contesta e convincere lui e chi gli da credito che in fin dei conti non è in grado di proporre così su due piedi ed in due righe la soluzione finale in grado di rimettere tutto magicamente a posto...è come dire :<br>a te non piace la guerra ? bene, fermala se ci riesci... a questo io potrei dirti ok, dammi i mezzi e io da solo te la fermo...ma questo non è possibile fondamentalmente per due motivi, 1 tu personalmente da dietro il pc non puoi darmi i mezzi, 2 io personalmente e da solo non posso rimettere in piedi l'economia e l'assetto politico mondiale (anche perchè se pretendessi di farlo non rappresenterei altro se non l'ennesimo dittatore).<br>il problema andrebbe affrontato in modo completamente diverso e certo non in 2 giorni ed il primo passo sarebbe sicuramente iniziare e continuare a smuovere quel poco di umano che tutti ( o gran parte di noi ) hanno ed in questo io nel mio piccolo gi&agrave; cerco di fare da anni e, come ti dicevo, non sono il donchisciotte della situazione visto che gi&agrave; in italia (che per motivi lavorativi ho girato in lungo e largo ) ti assicuro che di persone come me ce ne sono.....<br>il secondo passo parrebbe quello + difficile ma se si fa il primo si getterebbero le basi per gli altri...<br>detto ciò, so che questo rappresenta anche il passo che tu non approvi a priori ma comunque continuo ad espormi e affermo che se sempre + gente iniziasse a covare la voglia di ribellarsi attivamente a tutto ciò che oggi passivamente accetta le strade si inizierebbero sempre + a riempirsi e sempre + proteste esploderebbero e non necessariamente con conseguenti cassonnetti bruciati (visto che ti piace accomunarmi a quella gente...)<br>ora sinceramente so di non essere ne nostradamus ne il candidato leader di questo ipotetico risveglio di massa...ma credo che a questo punto si inizierebbe davvero a mettere in discussione coloro che attualmente si propongono (e che vi costringono a votare ) come gli unici detentori del 'saper condurre il paese'.<br><br>questo a grandi linee, ovviamente, dovrebbe accadere a cascata anche all'estero ed oltreoceano...ma questo è altro discorso...troppo grande (come anche ciò che ho appena accennato) da essere affrontato in questa sede e con questi mezzi...per adesso è fondamentale saper parlare alla gente e saper andare contro (moderatamente e costantemente).<br><br>quando affermi:<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Ci limitiamo a dire che visto che non attacchiamo la Cina allora non dobbiamo usare la forza contro nessuno?</div></div><br>non ti accorgi che il problema di fondo sta altrove, e cioè che ormai tutti credono di appartenere ad uno stato "talmente civile, democratico e coerente" da sentirsi in dovere di vestirsi da paladini della giustizia (magari scegliendo di difendere solo i diritti di quei popoli che appartengono ad uno stato liberamente attaccabile ed economicamente appetibile magari discriminando altri popoli appartenenti a stati che, se attaccati, ci farebbero un c..lo così....) e partire all'occupazione di nuovi territori...<br>scusa, ma ti rendi conto che vivi in uno stato che a te vieta di maltrattare il prossimo mentre riempie le carceri di esseri umani e mischia chi uccide con chi ruba? che a te vieta il gioco d'azzardo mentre tappa i buchi col superenalotto? che a te vieta le droghe leggere mentre riempie da anni le sue casse coi proventi del tabacco e dell'alcool? che arresta chi ruba 10 euro di merce al supermarket e non si preoccupa di chi ruba a voi risparmiatori milioni di euro ? e mi fermo qui perchè altrimenti si sfora e si creerebbe troppa confusione......vorrei solo farti capire che non puoi pretendere di insegniare a qualcuno a vivere civilmente quando neanche tu sai ancora lontanamente come si fa.....<br><br><span class="edit">Edited by spaico - 5/5/2006, 17:06</span>

BrightingEyes
05-05-2006, 17:09
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (spaico @ 5/5/2006, 16:46)</div><div id="quote" align="left">... e saper andare contro (moderatamente e costantemente)...</div></div><br>A mio parere il tuo andare contro è sbagliato e pericoloso per me, i miei figli e anche i tuoi. Per questo motivo (moderatamente e costantemente) non lo accetto e mi do da fare perchè non abbia alcun successo, anche attaverso l'uso della forza pubblica che moderatamente (ma fino a un certo punto come saprai...) e costantemente difende questo stato di diritto.<br>Per affermare il tuo punto di vista esiste un solo modo, come dici giustamente diventare il candidato leader di una maggioranza parlamentare. Altre scorciatoie non ne esistono. Quelle che qualcuno accarezza condurranno inevitabilmente a una reazione, nemmeno troppo moderata temo.

05-05-2006, 17:15
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">A mio parere il tuo andare contro è sbagliato e pericoloso per me, i miei figli e anche i tuoi.</div></div><br>...solo perchè continui a criminalizzarmi.<br>i miei figli vorrei farli crescere in un mondo migliore e senza elterazioni genetiche.<br><br>...e se avessi letto con attenzione ciò che ti ho precedentemente scritto capiresti che non esisterebbero leader senza stupidi ed inutili schieramenti...gestione equilibrata ed asettica del paese..questo non uccide nessuno, anzi...<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Per questo motivo (moderatamente e costantemente) non lo accetto e mi do da fare perchè non abbia alcun successo, anche attaverso l'uso della forza pubblica che moderatamente (ma fino a un certo punto come saprai...) e costantemente difende questo stato di diritto.</div></div><br>...classico di chi corre dietro...è questo che fa venir fuori i TUOI istinti violenti...<br><br><br>...rimando l'eventuale risposta a settimana prossima...sempre che ci siano i presupposti. è controproducente criminalizzare chi espone un'idea solo perchè questa porterebbe beneficio a chi oggi sopravvive male e svantaggio di chi oggi stravive alla grande....<br><br><span class="edit">Edited by spaico - 5/5/2006, 18:28</span>

BrightingEyes
05-05-2006, 19:33
Finiamola qui, è meglio.<br><br>Tanto dei Donchisciotte e dei mulini in grado di rendersi conto solo del fatto che gli girano le pale non frega nulla a nessuno sospetto.

20-05-2006, 23:24
rispolvero il topic con nuove notizie: il famoso discorso dove ahmadinejad minacciava israele, sarebbe stato manipolato&#33; qui riporto una raccolta dei migliori articoli, incluso, per chi conosce l&#39;arabo, il discorso in lingua originale:<br><br>articolo: <a href="http://italy.indymedia.org/news/2006/05/1069131.php" target="_blank">http://italy.indymedia.org/news/2006/05/1069131.php</a><br>testo in arabo: <a href="http://www.isna.ir/Main/NewsView.aspx?ID=News-603386" target="_blank">http://www.isna.ir/Main/NewsView.aspx?ID=News-603386</a><br>traduzione indipendente: <a href="http://www.haloscan.com/comments/thecutter/114657364313808773/" target="_blank">http://www.haloscan.com/comments/thecutter...57364313808773/</a><br>traduzione del MEMRI(che è quella da cui noi attingiamo): <a href="http://www.breitbart.com/news/2006/04/14/D8GVSUC0H.html" target="_blank">http://www.breitbart.com/news/2006/04/14/D8GVSUC0H.html</a><br>articolo approfondito in italiano: <a href="http://www.zmag.org/Italy/fikentscher_neumann-mediairan.htm" target="_blank">http://www.zmag.org/Italy/fikentscher_neumann-mediairan.htm</a><br><br>Come vedete, quelli che hanno falsificato la traduzione sarebbero il MEMRI ovvero, strano ma vero, SIONISTI&#33;&#33;&#33;<br>A quando l&#39;eperanto???

BrightingEyes
21-05-2006, 00:12
Se è vero (ma lo è? Si tratta di una traduzione, ok che in Occidente pochi sanno l&#39;arabo, ma non dovrebbe essere così arduo avere un parere neutrale... cosa che esclude il parere dei siti citati) è sicuramente una cosa ottima. Mi auguro davvero sia così, se ci sono state manipolazioni nelle traduzioni e vengono smascherate è sicuramente un esempio di aiuto alla pace preventiva.<br>Attenzione che però se così non fosse e si scoprisse che il presidente iraniano quelle cose le ha dette davvero, e magari domani le ripete pure scandendole in inglese perchè non ci siano dubbi... la cosa potrebbe trasformarsi in un boomerang. Sarebbe la prova di una malafede evidente da parte di chi capisce e cerca di &quot;mettere una pezza&quot; perchè quello che ha difficolt&agrave; a capire capisca ancora meno. Sarebbe un evidente caso di propaganda tendenziosa.<br><br>Ma alla fine, è veramente così difficile mettersi in cuore in pace e accettare la realt&agrave; delle cose? Israele (coi sionisti o meno) esiste e ha pieno diritto di esistere, la Palestina esiste e ha pieno diritto di esistere organizzandosi in stato autonomo. L&#39;occidente ha ampie possibilit&agrave; di fare pressioni su Israele per convincerlo a lasciare piena libert&agrave; al popolo palestinese senza altri soprusi e vittime, le nazioni arabe hanno ampie possibilit&agrave; di convincere i palestinesi ad abbandonare il terrorismo e a riconoscere il diritto di Israele a vivere in pace.<br><br>Questa è la via della pace preventiva, finchè ci sar&agrave; qualcuno che platealmente o di mezza faccia rifiuta di accettare questo stato di cose nessuna campagna per quanto ben orchestrata eviter&agrave; le guerre.

21-05-2006, 09:32
non condivido nemmeno una parola di quello che hai detto. Compreso quando dici che l&#39;arma sarebbe un boomerang: tutti i siti riferiscono come fonte la &quot;little red email&quot;, il che farebbe ricadere eventuali colpe solo su quella rivista. La trascrizione ufficiale del discorso è quella che ho linkato, e se da qualche parte qualcuno riuscisse a trovare qualcuno che sa l&#39;arabo sapremo la verit&agrave;. Certo è che è semplicemente disgustoso che un gruppo dichiaratamente sionista curi le traduzioni per l&#39;intero occidente dei discorsi dei loro nemici.

BrightingEyes
21-05-2006, 15:31
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (jewelz @ 21/5/2006, 10:32)</div><div id="quote" align="left">non condivido nemmeno una parola di quello che hai detto.</div></div><br>Nemmeno una? Ho detto pure che l&#39;unica via per la pace è rispettare i diritti di tutti, palestinesi e israeliani e se è diritto dei palestinesi di avere uno stato in cofnini sicuri, libero e pacifico è diritto degli israeliani vivere nei loro confini in pace... non condividi nemmeno questo?<br><br>Comunque se la traduzione è corretta nella versione meno &quot;aggressiva&quot; tanto meglio e si verr&agrave; senz&#39;altro a sapere. Non credo che esista alcuna ragione al mondo inoltre per cui non possa esserci qualcuno non dichiaratamente sionista a curare le traduzioni. Però se è lecito non fidarsi della propaganda sionista mi pare altrettanto lecito non fidarsi della propaganda antisionista. Non è che ogni persona al mondo deve per forza schierarsi pro o contro questo e quello, esister&agrave; una struttura ragionevolmente neutrale o no ? Dobbiamo per forza berci le &quot;libere&quot; manipolazioni di Indymedia visto che gli altri sono sionisti? Non credo eh&#33;

21-05-2006, 19:42
beh io non penso che a Israele spettasse uno stato, tantomeno in quello specifico posto. Ho letto un po di storia israeliana (Avi Shlaim) e quello che hanno fatto i sionisti (sionisti, non ebrei) mi fa proprio ribrezzo. Poi, quando vedo che sono dappertutto penso che ci sia qualcosa di marcio. Ma forse sono solo un paranoico.

BrightingEyes
21-05-2006, 22:27
Mmmm comincio a vederci più chiaro sulla asserita "pace preventiva".<br><br>Io non so se a Israele spettasse uno stato o meno, so però che sono stati gli stati arabi e i palestinesi a scatenare il primo attacco, che Israele ha inopinatamente e umiliantemente (per gli aggressori) respinto, concquistando kilometri di territori. La cosa si è ripetuta, sempre con gli arabi nei panni degli aggressori e sempre con lo stesso risultato. E' normale prassi che chi scatena un conflitto e lo perde perda anche territorio. E' successo a Germania e Italia dopo la seconda guerra mondiale sarebbe logico succedesse a Siria, Egitto e Palestinesi. Invece Israele è stato costretto a ritirarsi dai territori concquistati dalle pressioni occidentali e ora anche dai territori palestinesi di propria iniziativa.<br>Nel superiore interesse della pace credo che questo sia giustissimo. Uno stato a Israele libero e pacifico, uno stato a Siria, Egitto, Giordania e ovviamente Palestina. Questa è l'unica via per la pace. Preventiva o meno.<br>Non serve appiccicare adesivi per la "pace" se poi tra le righe si approva la politica di chi vuol cancellare Israele (non sar&agrave; forse Ahmacomecavolosichiama, ma qualcuno lo dice eccome).<br>Chi vuole presentarsi come paladino della pace deve sostenere, senza allusioni furbette, l'unica strada che porta alla pace:<br><b>Uno stato libero, pacifico e indipendente agli israeliani, uno stato libero, indipendente e pacifico ai palestinesi. </b><br>Le altre posizioni sono solo propaganda mascherata, e occorre molta professionalit&agrave; per farla franca in questi casi. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7ba7bc6d653acf6e472c02e2e9306873.gif" alt=";)">

Tianos
22-05-2006, 11:55
io comunque sono un po cinico....anzi direi parecchio...la frase che mi e&#39; piaciuta di piu sulla guerra e che non dovrebbe esserci croce rossa, aiuti umanitari ecc.. dato che quetti sono solo una scusa di bonta uman e per poi aver meno rimorsi per far scoppiare una seconda guerra.<br>insomma se la guerra fosse solo la piu creda e bassa violenza senza nulla di buono sarebbe gia finita in tutto il mondo

22-05-2006, 14:08
Il primo attacco lo ha fatto la Palestina?????????????? Documentati, per favore. Per quanto riguada la croce rossa, forse, Tianos, hai ragione, ma ti posso garantire che una organizzazione così bella non si può smantellare. Io ne faccio parte, e ti garantisco che, sebbene affibbiandoci il 118 ci hanno diminuito molto i tempi disponibili per queste attivit&agrave;, a volte si riesce veramente a incentivare la pace e la fratellanza. Smantellare una organizzazione di questo tipo sarebbe un danno enorme per il mondo intero.

22-05-2006, 14:26
ei jewelz, in che zona d&#39;italia vivi ?

BrightingEyes
22-05-2006, 18:03
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (jewelz @ 22/5/2006, 15:08)</div><div id="quote" align="left">Il primo attacco lo ha fatto la Palestina?????????????? Documentati, per favore.</div></div><br>Da Wikipedia (<a href="http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_di_Israele" target="_blank">http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_di_Israele</a> non credo sito sionista, ma volendo ci sono decine di possibilit&agrave; di informarsi.... informati tu <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8864dd36bab1507d06ba819d77e8e5ad.gif" alt=":P"> ) :<br><br>&quot;Il 15 maggio, le truppe britanniche si ritirarono definitivamente dai territori del Mandato, lasciando campo libero alle forze ebraiche ed arabe. Lo stesso giorno gli eserciti di Egitto, Siria, Transgiordania, Libano e Iraq, attaccarono il neonato Stato di Israele. Il segretario generale della Lega Araba &#39;Abd al-Rahmān &#39;Azzām Pasci&agrave; annunciò &#39;una guerra di sterminio e di massacro della quale si parler&agrave; come dei massacri dei Mongoli e delle Crociate&#39;<br>Mi pare non sia andata a finire come preconizzava il Pasci&agrave;, ma vabbè son dettagli.<br><br>Alla fine non capisco tutto sta reticenza fumosa. Se veramente il tuo obiettivo è la pace preventiva l&#39;unica via è quella che ho ricordato. Israele esiste ed esister&agrave;, meglio farsene una ragione per tutti. I palestinesi hanno diritto ad uno stato libero e autonomo. Meglio che i rabbini se ne facciano una ragione al più presto.<br>Chi accarezza come mossa di pace &quot;preventiva&quot; la cancellazione di Israele non agisce per la pace. Nemmeno chi adotta astuti silenzi e mezze frasi agisce per la pace, non importa quanti adesivi si appiccichi in fronte. Israele ha fatto e fa grossolani errori, i paesi occidentali hanno ampie possibilit&agrave; di spingerlo ad azioni corrette.<br>Lo stesso hanno fatto e fanno i palestinesi, chi può agire su loro e non lo fa NON agisce per la pace.<br><br>Sei d&#39;accordo?

23-05-2006, 17:23
ormai lo stato c&#39;è, si trovi un accordo di fatto

23-05-2006, 20:53
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (BrightingEyes @ 22/5/2006, 19:03)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (jewelz @ 22/5/2006, 15:08)</div><div id="quote" align="left">Il primo attacco lo ha fatto la Palestina?????????????? Documentati, per favore.</div></div><br>Da Wikipedia (<a href="http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_di_Israele" target="_blank">http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_di_Israele</a> non credo sito sionista, ma volendo ci sono decine di possibilit&agrave; di informarsi.... informati tu <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0e394fe742bfa13f93ff3e556990b6d1.gif" alt=":P"> ) :<br><br>&quot;Il 15 maggio, le truppe britanniche si ritirarono definitivamente dai territori del Mandato, lasciando campo libero alle forze ebraiche ed arabe. Lo stesso giorno gli eserciti di Egitto, Siria, Transgiordania, Libano e Iraq, attaccarono il neonato Stato di Israele. Il segretario generale della Lega Araba &#39;Abd al-Rahmān &#39;Azzām Pasci&agrave; annunciò &#39;una guerra di sterminio e di massacro della quale si parler&agrave; come dei massacri dei Mongoli e delle Crociate&#39;<br>Mi pare non sia andata a finire come preconizzava il Pasci&agrave;, ma vabbè son dettagli.<br><br>Alla fine non capisco tutto sta reticenza fumosa. Se veramente il tuo obiettivo è la pace preventiva l&#39;unica via è quella che ho ricordato. Israele esiste ed esister&agrave;, meglio farsene una ragione per tutti. I palestinesi hanno diritto ad uno stato libero e autonomo. Meglio che i rabbini se ne facciano una ragione al più presto.<br>Chi accarezza come mossa di pace &quot;preventiva&quot; la cancellazione di Israele non agisce per la pace. Nemmeno chi adotta astuti silenzi e mezze frasi agisce per la pace, non importa quanti adesivi si appiccichi in fronte. Israele ha fatto e fa grossolani errori, i paesi occidentali hanno ampie possibilit&agrave; di spingerlo ad azioni corrette.<br>Lo stesso hanno fatto e fanno i palestinesi, chi può agire su loro e non lo fa NON agisce per la pace.<br><br>Sei d&#39;accordo?</div></div><br>Innanzitutto io per Pace Preventiva intendo l&#39;Iran, quello di israele è un discorso OT su cui siamo andati a finire casualmente. Per quanto riguarda la guerra del 15, cito &quot;Il muro di ferro&quot; di A.Shlaim, vera Bibbia della storia ebraica: &quot;l&#39;1 e 2 gennaio 1948 (Ben-Gurion) si incontrò con i suoi principali consiglieri civili e militari; questi incontri servirono a modellare la strategia ebraica nell&#39;evoluzione del conflitto. Gli esperti in questioni arabe dell&#39;Agenzia Ebraica consideravano esiguo il pericolo militare rappresentato dagli Arabi in Palestina ed erano favorevoli ad una politica flessibile nei loro confronti. I comandanti dell&#39;Haganah, al contrario, sostenevano la necessit&agrave; di violente rappresaglie militari. Lo stesso Ben-Gurion condivideva quest&#39;ultima opinione, e cioè che la miglior strategia da seguire, viste le circostanze, non fosse quella di contenere e localizzare i disordini, ma quella di intensificare il confronto militare. Di conseguenza l&#39;Haganah si imbarcò in una politica di difesa attiva (aggressive defence) accompagnata da sabotaggio economico e guerra psicologica [v. David Ben-Gurion, War Diary: The War if Indepence]&quot;

BrightingEyes
23-05-2006, 23:50
Si ok... abbiamo capito perfettamente la situazione, grazie <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/960de384316108a202849500f229190b.gif" alt="-_-">

24-05-2006, 11:35
lo so, l&#39;ho fatta lunga e me ne scuso, ma quando si dicono cose false inizio a sparare documenti e documenti...

BrightingEyes
24-05-2006, 13:03
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (jewelz @ 24/5/2006, 12:35)</div><div id="quote" align="left">lo so, l&#39;ho fatta lunga e me ne scuso, ma quando si dicono cose false inizio a sparare documenti e documenti...</div></div><br>E quali sarebbero di grazia le cose false? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/139962cb9485a55774e18197824dd1ad.gif" alt="&lt;_&lt;"><br>Il tuo documento è interessante, ma non capisco bene cosa dovrebbe dimostrare. Dimostra che molti dei capi israeliani erano e sono tuttora pericolosi guerrafondai e che la comunit&agrave; occidentale dovrebbe fare pressione su questi e aiutare le forze disponibili al dialogo (che esistono in Israele e sono anche numerose). Siamo d&#39;accordo su questo?<br>Non dimostra però che sia falso cosa io ho documentato. Israele (circa 800.000 persone allora) è stato attaccato il giorno dopo il ritiro delle forze britanniche da un&#39;alleanza di 6 o 7 grandi paesi arabi. Nessuno degli stati occidentali è intervenuto, nonostante che la dichiarata volont&agrave; di sterminio da parte araba non fosse certo improntata alla giustizia tra i popoli. A voler essere decisamente cinici si potrebbe pensare che l&#39;occidente abbia volutamente girato gli occhi per lavarsi le mani dalla responsabilit&agrave; e trovarsi col problema sionista &quot;risolto&quot; in modo finale.<br>In modo decisamente sorprendente gli arabi sono incappati in una delle più grandi figure di palta militari della storia dell&#39;umanit&agrave; e Israele si è appropriata di ulteriore terreno.<br>Negli anni successivi la politica ostile dei paesi arabi verso tutto ciò che odorava di &quot;sionista&quot; costringeva milgiaia di ebrei che vivevano da secoli pacificamente nei paesi arabi a emigrare in Israele, che così raddoppiava di popolazione in pochi anni.<br>Chi ha pagato di più questa situazione assurda è il popolo palestinese, prima usato come pretesto per l&#39;attacco e poi abbandonato al suo destino dagli altri stati arabi, quando non attivamente eliminato dagli stessi.<br>Beh... un pò di responsabilit&agrave; la avranno sti poveri arabi incompresi o è tutto un complotto sionista?<br><br><br>Da tenere presente sempre che la suddivisione del territorio effettuata dall&#39;ONU garantiva a entrambe le popolazioni un&#39;autonomia e una possibilit&agrave; di sviluppo, se solo le due popolazioni avessero scelto di convivere in pace. Oggi tale possibilit&agrave; torna ad essere reale, l&#39;importante è agire in tale senso. Certe idiozie sul diritto di Israele di esistere non conducono assolutamente in questa direzione.<br><br>Israele ESISTE, sono qualche milione di persone che vivono, soffrono e gioiscono come noi. Incidentalmente sono pure dotati di armi nucleari (almeno 200 testate secondo stime del Pentagono) e della tecnologia per usarle. Coltivare l&#39;illusione che possa essere cancellato dalla carta geografica (e molti la coltivano, non so se il presidente iraniano, ma molti si di sicuro) non è un buon viatico per la pace.<br>Vuoi davvero la pace preventiva? O perlomeno vuoi fugare i dubbi che le tue dichiarazioni mi sollevano? E&#39; semplicissimo. Non cercare di parlare solo contro uno dei duellanti, ma a favore di entrambi. Sono sicuro che in Iran esistono forti resistenze e molti dubbi sulla politica attuale del presidente. Mettiamole in evidenza, diamo loro voce. In Israele non sono tutti Sharoniani convinti pronti al tiro al palestinese... aiutiamoli.<br>Non mi pare un concetto difficile, anche l&#39;utilizzo del nucleare e addirittura la fabbricazione di armi nucleari sarebbero decisamente più facili se l&#39;Iran riuscisse a convincere il mondo, Israele compreso, che non sta pianificando un attacco. Penso che riflettere su queste cose sia molto ma molto più utile per la pace che non il banner... poi fate voi.<br><br>

24-05-2006, 14:14
Non voglio santificare gli arabi, ma sicuramente il movimento sionista è stato quello che ha incendiato la polveriera islamica. Senza che scendiamo nei fatti particolari come ho, forse erroneamente, fatto, possiamo dire che se domani si presentassero i discendenti dei Sanniti ad occupare le mie terre io mi incavolerei di brutto. Hai ragione, ormai il danno è fatto e c&#39;è uno stato pericolosissimo in quella zona. Cosa fare? E&#39; difficile da dire, la pace mi sembra molto lontana. Quello che dobbiamo cercare di fare è di far restare il conflitto in questa zona e lasciarla una cosa tra ebrei e arabi. Se le alte gerarchie sioniste, come stanno facendo, riescono a influire in maniera decisiva su tutti i governi occidentali, questo potrebbe trasformarsi in un conflitto globale. Io dico no alla guerra in Iran anche per questo motivo.

BrightingEyes
24-05-2006, 18:25
Ma no invece. Ma che razza di pacifismo è scusa dire che &quot;se la vedano loro?&quot; Se gli stati arabi dovessero attaccare Israele è molto probabile che il conflitto si allargher&agrave; eccome. Stessa cosa ovvio se fosse Israele a attaccare. Ma Israele può essere tenuta a bada con pressioni e ricatti politici dagli occidentali, almeno fino a che la sua dirigenza non si convince che esiste un rischio effettivo grave per il paese... ad esempio uno stato dichiaratamente ostile che sforna un&#39;arma nucleare.<br>Per i paesi arabi questa possibilit&agrave; di pressione è minore. Quella che si sta facendo sull&#39;Iran serve proprio a evitare questo scenario drammatico, o credi veramente che gli USA siano &quot;preoccupati&quot; per la propria incolumit&agrave; dalle bombe iraniane?<br>Mantenere la pace è difficile, siamo tutti responsabili della cosa, non scordiamocelo.

27-05-2006, 20:26
gli usa andranno in iran per la questione del petro-euro, come fecero con l&#39;Iraq. Finiamola con il mondo dei sogni... la guerra è stata solo rimandata per un po di casini diplomatici, ma gli americani sono proprio determinati. Vuoi a tutti i costi intervenire in medio oriente? in questo caso smantellare israele o comunque ridimensionarlo sensibilmente è l&#39;unica soluzione se vuoi veramente riappacificare un po la situazione.

BrightingEyes
27-05-2006, 20:46
Ehm... smantellare Israele? Articola un pò il concetto che ci sfugge il siginificato. Cosa dovremmo fare in concreto di preventivamente pacifico per smantellarla o ridimensionarla??<br>Sull&#39;Iran, se il vostro astuto presidente decider&agrave; di costruire anche dodici centrali nucleari SENZA arricchirne l&#39;uranio, ma facendoselo arricchire dai Russi come essi han proposto mancher&agrave; qualsiasi appiglio alla guerra. Questo non vuol dire che gli USA non attaccheranno l&#39;Iran, hanno la potenza e la capacit&agrave; di farlo senza chiedere nulla a nessuno, ma certo non avrebbero l&#39;approvazione di nessuno stato civile. Sarebbe solo un&#39;aggressione. Se invece decide di proseguire nella sfida all&#39;ONU (e non agli USA o a Israele) ne pagher&agrave; le conseguenze con sanzioni, embargo o azioni militari. Questa è vera pace preventiva.<br><br>

27-05-2006, 21:44
mo perchè è diventato il mio presidente??? per quanto riguarda gli espedienti, le risorse della CIA sono infinite e non sarebbe la prima volta che gli USA non tengono conto delle decisioni ONU e non ricevono sanzioni.<br><br>PS: smantellare è una soluzione drastica, mi rendo conto che è impraticabile, ridimensionare vuol dire rimpicciolire, eventualmente una buona soluzione sarebbe quella di creare uno stato autonomo di Gerusalemme.

BrightingEyes
27-05-2006, 23:33
beh si, vostro era per dire, non è che ti immagino nei panni di guardia della rivoluzione. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/99032c7d5a3f522db2c00eff86aa1924.gif" alt=":D"><br>Si si sul fatto che gli USA possano fare cosa vogliono senza rischiare sanzioni concordo, il discorso è limitato a cosa si può fare per evitare di dare un &quot;casus belli&quot; evidente, se poi Bush decide di fare comunque di testa sua...<br>Gerusalemme è citt&agrave; santa per 3 religioni se non ricordo male. Per quanto me ne viene (non mi frega assolutamente nulla di nessuna delle 3 <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8886cc44a86dd3be4de53ca89d8d2961.gif" alt=":P"> ) concordo che vi si potrebbe insediare uno stato indipendente, sul tipo del Vaticano, ma la vedo dura non tanto per l&#39;opposizone di Israele quanto per i prevedibili contrasti che nascerebbero il giorno dopo. Comunque se servisse volentieri, ma questo non credo cambierebbe di granchè la situazione esplosiva che esiste fra Israele e i Palestinesi. Per quello è necessario creare le condizioni per una pace vera, ognuno al suo posto sicuro in confini sicuri.

28-05-2006, 09:43
ok, siamo d&#39;accordo, ma secondo me più dei confini sicuri e stabili (che mi sa un pò da &quot;muro di ferro&quot;) ci vorrebbe una rinuncia all&#39;espansionismo da ambe le parti. Ovviamente la più interessata in questa politica sarebbe Israele, con le sue 200 bombe atomiche e il suo esercito che fa invidia a quello USA, mi sembra che la Palestina abbia gi&agrave; accettato diverse risoluzioni ma Israele le ha sempre considerate &quot;non definitive&quot;. Inoltre dovrebbero smetterla di mettere sotto ai bull-dozer gente che si incatena alle case arabe per non farle distruggere, e di compiere massacri veri e propri nei campi profughi. Vedrai che così il problema dei kamikaze e roba del genere se ne andr&agrave; da sè.

BrightingEyes
29-05-2006, 10:00
Qui concordiamo in toto.<br>Israele da sempre sfrutta le ambiguit&agrave; e sensi di colpa dell&#39;occidente per fregarsene dell&#39;ONU. Una seria minaccia di sanzioni economiche o embargo farebbe MOLTA ma MOLTA più paura a Israele che a Iran e stati simili. Israele ha scambi solo con l&#39;occidente... te la vedi a tirare avanti vendendo fiori agli africani?<br>Ecco che quello che dicevo, la pressione (che non deve essere sempre e solo pensata in termini di quante bombe posso scaricargli addosso...) di USA e Europa sarebbe sufficiente a costringere Israele a agire correttamente.<br>Basterebbe imporre un comportamento serio e non aggressivo a Israele e molti problemi sarebbero risolti. Certo resta il dubbio del comportamento palestinese o almeno di alcuni palestinesi, che non sempre sembra del tutto improntato alla pace. Anzi secondo molti commenti ogni volta che si arrivava vicini a un accordo storico partiva una serie di attentati orrendi che, sicuramente, non erano forieri di pace. Senza polemiche inutili sono convinto che prima tutte e due le parti si rendono conto di cosa c&#39;è da fare (e accettare) prima si risolve il conflitto.<br>

29-05-2006, 16:14
perfetto, concordo con te, ma ripeto che i primi a considerare le risoluzioni &quot;non definitive&quot; sono stati proprio gli israeliani

BrightingEyes
29-05-2006, 18:00
Non proprio.<br>Senza polemica ma la storia è cominciata così :<br><br>Il 29 novembre 1947 l&#39;ONU proclamò la nascita di due stati: un stato per gli arabi su circa il 45% della terra rimasta dopo la creazione del regno di Giordania, e lo stato di Israele per gli ebrei approssimativamente sul 55%. Ma più della met&agrave; della parte ebraica (circa il 60%) era costituito dal deserto del Negev e da terre della Corona largamente disabitate e ritenute prive di valore. Il Piano di Partizione ONU è nella risoluzione ONU n. 181.<br><br>Difatti Israele è l&#39;unico stato al mondo &quot;creato&quot; dall&#39;ONU. Che quella dell&#39;ONU fosse una decisione giusta lo dimostra il fatto che oggi conveniamo tutti sul fatto che per la pace occorre arrivare al punto che la risoluzione indicava:<br><br>due stati separati e indipendenti ognuno col proprio territorio<br><br>Israele lo stato lo ha creato, i palestinesi no, ma sopratutto perchè proprio gli arabi (per la verit&agrave; non i palestinesi, ma gli stati confinanti) furono a primi a non rispettare la risoluzione ONU, e non certo per ritoccare i confini, ma per sterminare semplicemente gli ebrei israeliani.<br><br>Questo è ovvio non giustifica affatto la criminale politica di molti capi israeliani e la irritante abitudine israeliana di ignorare le risoluzioni ONU, spalleggiata dal solito veto USA.<br>In pratica serve prendere le teste dure di ambedue le parti e sbatacchiarle un pò per fargli capire che è ora di crescere. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/14666c475c1aa6ae443157f3b8865e32.gif" alt=";)"> Boh speriamo che qualcuno pensi a farlo.

30-05-2006, 16:44
Ti prego di leggerti il libro che ti ho citato (ripeto: il muro di ferro, di a. shlaim). Non nego che anche gli arabi abbiano i loro torti, ma sicuramente la parte del leone nello spargere sangue in medio-oriente la ha fatta proprio israele. poi rivieni qui e te stesso potrai rettificare quanto scritto sopra.

BrightingEyes
30-05-2006, 21:26
Non ho alcuna intenzione di negare i misfatti israeliani. Anzi, come ho detto ritengo sia dovere degli stati occidentali obbligare Israele a rispettare la volont&agrave; della comunit&agrave; internazionale (cioè l&#39;ONU).<br>Ma la storia, la vera storia, è quella che ho detto, non ho nulla da rettificare, sorry. Se gli arabi per primi avessero rispettato la risoluzione 181 molti problemi non si sarebbero mai creati.

BrightingEyes
08-06-2006, 20:14
<a href="http://www.ansa.it/main/notizie/awnplus/mondo/news/2006-06-08_1081958.html" target="_blank">http://www.ansa.it/main/notizie/awnplus/mo...08_1081958.html</a><br><br>Altra clamorosa traduzione artefatta? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/29f607ce6dabe97367c6dde9681cd5fa.gif" alt=":P">

BrightingEyes
27-06-2006, 13:03
Ma nessuno che si attiva per fare un appello ai resistenti di Hamas?<br>Non sarebbe una bella azione di pace preventiva ottenere la liberazione di un ragazzo innocente ed evitare uno scontro che può avere conseguenze gravissime? (per i palestinesi intendo, mica per gli israeliani&#33;).<br>O sbaglio io e l&#39;attacco e il successivo rapimento sono una normale e legittima azione in una strategia di pace preventiva? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e658c25d4e01e9373d6a51c5e0f59232.gif" alt="&lt;_&lt;"><br>

BrightingEyes
04-07-2006, 13:28
Per anglofili, ma illuminante.<br><br><a href="http://service.spiegel.de/cache/international/0,1518,424152,00.html" target="_blank">http://service.spiegel.de/cache/internatio...,424152,00.html</a>

BrightingEyes
15-07-2006, 11:00
Questa invece è da Repubblica del 15/07<br><br><i>Ma che fine ha fatto il soldato Shalit e cosa si sta facendo per liberarlo? Evidentemente non è a Rafah, dove ieri l'altro sembrava fosse la sua prigione. Sar&agrave; in qualche bunker di Gaza a sperare che qualcuno o qualcosa lo faccia tornare dai suoi cari. L'offensiva militare sulla Striscia non ha dato i suoi frutti. Lo Shin Beth non è riuscito ad individuare dove lo nascondono. E in tutto questo la situazione è precipitata al di l&agrave; dell'immaginabile. E pensare che appena tre giorni fa padre e madre del caporale erano nell'ufficio di Ehud Olmert a Gerusalemme. Con il primo ministro impegnato a rassicurarli: faremo l'impossibile per restituirvelo sano e salvo. Poi qualcuno entra nella stanza, la faccia scura, e un foglietto in mano. Ai confini con il Libano hanno rapito altri due ragazzi israeliani. Olmert è costretto a congedare gli Shalit. Eppure il presidente egiziano Hosni Mubarak si era dato un gran daffare. Aveva parlato al telefono con il siriano Assad, con il re di Giordania Abdallah II e con il primo ministro libanese Siniora.<br><br>"Eravamo giunti a una soluzione onorevole nella crisi del soldato prigioniero - dir&agrave; in un'intervista al quotidiano al Ahram - e avevo ottenuto l'impegno di Israele a liberare un gran numero di detenuti palestinesi in seguito ai nostri contatti con Meshaal (il capo del politburo di Hamas in esilio a Damasco, ndr) e il presidente palestinese Abu Mazen. Ma Hamas ha subito delle pressioni e delle altre parti sono intervenute nei contatti presi dall'Egitto creando degli ostacoli all'accordo". Ma a chi si riferisce Mubarak? Alla Siria, all'Iran? Certo è che l'attacco degli Hezbollah a Israele qualcuno deve averlo caldeggiato per sabotare la trattativa pro Shalit e non solo. Altrimenti non si spiega perché proprio ora. </i><br><br>Con tanti saluti all'ipocrisia della "pace preventiva" &#33;<br><br>

09-08-2006, 02:37
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Mets -<br>ed adesso venite tutti fuori a richiedere il ritiro italiano dall&#39;Iraq anche se sotto l&#39;egida dell&#39;ONU?</div></div><br>l&#39;invasione dell&#39;Iraq da parte degli USA è iniziata illeggittimamente (ripassati la storia <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/648d4429a5ae2a8da660f37a0fae4466.gif" alt=":P"> ) ... l&#39;ONU si è aggiunta in un secondo momento perchè è stata &quot;convinta&quot; da bush sulle &quot;armi di distruzione di massa&quot; e sul &quot;rifugio di Bin Laden&quot; ... e in seguito si è scoperto che erano balle, entrambe le cose&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4452781e65fe65cb3139904f22312535.gif" alt=":sick:"><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Mets -<br>O tutti o nessuno&#33;</div></div><br>... è un po&#39; come chi si meraviglia quando viene a sapere che sono vegetariano a met&agrave; (mangio solo pesce ... per motivi etici personali non vogliio favorire l&#39;uccisione di animali di terra).<br>La mia risposta è:<br><span style="font-size:21pt;line-height:100%">LIMITARE I DANNI E&#39; GIA&#39; QUALCOSA&#33;&#33;&#33; da un punto bisogner&agrave; pur cominciare&#33;&#33;&#33;&#33;</span>

BrightingEyes
09-08-2006, 10:01
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (compositore @ 9/8/2006, 03:37)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Mets -<br>ed adesso venite tutti fuori a richiedere il ritiro italiano dall&#39;Iraq anche se sotto l&#39;egida dell&#39;ONU?</div></div><br>l&#39;invasione dell&#39;Iraq da parte degli USA è iniziata illeggittimamente (ripassati la storia <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0c38bcbcb5747010b04323e7a563cadf.gif" alt=":P"> ) ... l&#39;ONU si è aggiunta in un secondo momento perchè è stata &quot;convinta&quot; da bush sulle &quot;armi di distruzione di massa&quot; e sul &quot;rifugio di Bin Laden&quot; ... e in seguito si è scoperto che erano balle, entrambe le cose&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/434e767d4479397d2cc674ec00a33fbb.gif" alt=":sick:"><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Mets -<br>O tutti o nessuno&#33;</div></div><br>... è un po&#39; come chi si meraviglia quando viene a sapere che sono vegetariano a met&agrave; (mangio solo pesce ... per motivi etici personali non vogliio favorire l&#39;uccisione di animali di terra).<br>La mia risposta è:<br><span style="font-size:21pt;line-height:100%">LIMITARE I DANNI E&#39; GIA&#39; QUALCOSA&#33;&#33;&#33; da un punto bisogner&agrave; pur cominciare&#33;&#33;&#33;&#33;</span></div></div><br>Nessun dubbio che l&#39;invasione USA fosse illegittima (e pure stupida a mio modestissimo parere). Questo non toglie che lo schieramento di truppe armate con lo scopo di aiutare la popolazione civile e sostenere un paese in ricostruzione sia stato un atto positivo deciso dall&#39;ONU. Le balle delle armi di massa son servite a Bush per giustificare l&#39;attacco, non all&#39;Onu che non ne aveva alcun bisogno per decidere un intervento. Oggi si grida all&#39;intervento Onu in Libano e mica ci sono armi di distruzione di massa (in Libano... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0c38bcbcb5747010b04323e7a563cadf.gif" alt=":P"> ).<br><br>Comunque anche l&#39;intervento ONU è ormai in fase di smantellamento e appena le truppe europee se ne saranno andate sciti e sunniti si chiariranno fra loro. Magari fan la pace, chiss&agrave;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1aebe8c7c6103ba2282d8f73a9a35aae.gif" alt=":rolleyes:"><br>Io non la vedo sotto la tranquillizzante forma del &quot;limitare i danni&quot;, non mi interessa più di tanto ormai del destino che quelle sfortunate popolazioni decideranno di scegliersi, e cinicamente ammetto, preferisco pensare a come renderci indipendenti al più presto dalle importazioni petrolifere irachene. Un primo passo sarebbe il ritiro delle truppe italiane che, col nuovo governo ricordo, sono ora ufficialmente &quot;truppe di occupazione&quot; e andrebbero ritirate immediatamente checchè ne dicano alcuni iracheni, visto sopratutto quanto ci costano.<br>Invece noto, con non imprevisto divertimento, che il termine &quot;immediato&quot; anche per altri comprende un limite temporale che supera i 6 -7 mesi. Un pacifismo vegetariano a met&agrave; ? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a03110901646a2a36dc2d0ec0d535c02.gif" alt=":D">