PDA

Visualizza la versione completa : Citroën SAXO: informazioni, prove, problemi, modifiche (batterie alternative, ecc.)



freddy73
05-05-2008, 18:06
Salve a tutti sono un nuovo utente appena registrato, faccio i complimenti per i post super interessanti che mi hanno preso per ore e ore nella lettura. Preso dall'entusiasmo per i mezzi alternativi e per una piccola indipendenza dal petrolio mi sono comprato una autovettura elettrica,una mosca bianca!!! una saxo electrique del 97 con pochi km, e parecchi anni di fermo, le batterie sono parecchio malandate, monta delle Saft stm100-5 mre raffreddate a liquido, ben 20 elementi da 6 volts ognuna , dopo giorni di ricerche e centinaia di telefonate sono giunto alla conclusione che vanno cambiate tutte e il miglior prezzo trovato è di 380 euro ad elemento + varie spese per un totale di circa 8000 euro,fino ad arrivare ai 19000 euro chiesti dalla citroen per i 3 box completi di tutto e batterie nuove. io ora posso capire che la tecnologia ni-cd sia piu' costosa delle batterie piombo, ma io dietro tutto cio' ci vedo la volonta' di mettere i bastoni tra le ruote a chi vuole anche se in minima parte staccarsi dal puzzolente petrolio , mi chiedo se qualcuno che legge il forum abbia qualche "aggancio" o idea per avere ste maledette batterie che mi stanno facendo perdere il sonno, le conversioni al litio sono gia' state prese in considerazione, e pur essendo una soluzione fantastica hanno a tutt'oggi un costo davvero alto, il piombo non lo prendo molto in considerazione dato il ciclo di vita breve e il peso degli elementi, gia' le ni-cd pesano circa 260 kg non voglio immaginare il piombo. se qualcuno ha qualche idea o suggerimento la esprima pure grazie cosi' posso trasformare la saxo' da attuale fermacarte gigante a reale autoveicolo!!:):)

udos3
06-05-2008, 09:26
ciao
abito in ticino svizzera e qui le noleggiano a circa 150 euro al mese per tutto il pacco

anche qui il prezzo w' simile
ho öo scooter pegeout che ne monta 3 uguali e ho fatto solo 6ooo Km
ne ho segata una guasta per cercare di capire , e cfedo se fia un vuoto spinto, riesci a recuperarle ,in quanto ho visto che si forma dek gas a pressione molto alta che gonfia quella carta assrbente tra le placche e spinge cosi tanto da rompere l involucro contenitore
altro difetto tipico , il corto di singole piastre nelle versioni prima dal 2000

grillino75
06-05-2008, 11:37
non so se ti dico una cosa che gia' sai ..
su youtube c'e' un video di Riccardo Falci che credo abbia una azienda che si occupi di mezzi elettrici in questo video ha rigenerato una vecchia ax elettrica mettendo delle batterie a litio se riesci a trovare un indirizzo dove trovarlo potresti contattarlo..

YouTube - Ax - auto elettrica con batterie al litio polimeri (http://it.youtube.com/watch?v=wZClhyUVQWw)
ha trasformato anche una seicento...
YouTube - Auto elettriche: Seicento ELETTRA (http://it.youtube.com/watch?v=Odq7kMeP0s4)
c'e' lui dietro la famosa 500 elettrica
YouTube - Electric Motor News n° 20 - Verdi Roma e Taxi New York (http://it.youtube.com/watch?v=2WW13XZJfCM)
..sopratutto era suo il 1° kart elettrico che ha battutto in una gara contro dei kart 125
partendo da ultimo!!
ciao !!!

tonini_mingoni
06-05-2008, 12:54
Ciao , se mandata una mail al link nel sito del cinquino retrofittato Falci vi risponderà senza problemi!!!

Ciao

Fox

freddy73
06-05-2008, 13:33
Grazie a tutti per le risposte, come ho scritto all'inizio ho gia' valutato la conversione al litio ,ed ho gia' parlato con il cordiale e disponibile signor falci,che sicuramente farebbe un gran lavoro sulla mia saxo' purtroppo per me ora è fuori portata una conversione dati i costi davvero alti per via del prezzo proibitivo delle batterie l'unica possibilita' è trovare qualche altra vettura per fare un mix di batterie o trovare qualche batteria stessa in buone condizioni

grillino75
09-05-2008, 23:02
scusa ,ma per curiosita ,di quanto sarebbe la spesa per le batterie al litio?
ciao

caponord23
21-07-2008, 17:52
Scusami freddy,ma prima di acquistare l'auto,non potevi chiedere il costo delle batterie?
anche solo a titolo informativo,visto che acquistando un auto elettrica è la prima cosa da vedere.

leonx
18-08-2008, 15:31
Scusa, ma l'auto a che voltaggio lavora? mettere una serie di batterie "classiche" da auto cosa comporterebbe? in alternativa prova a vedere se puoi adattare le batterie che vengono usate per i muletti elettrici nelle ditte

tonini_mingoni
19-08-2008, 06:49
Scusa, ma l'auto a che voltaggio lavora? mettere una serie di batterie "classiche" da auto cosa comporterebbe? in alternativa prova a vedere se puoi adattare le batterie che vengono usate per i muletti elettrici nelle ditte

20 pacchi per 6Vd = 120Vdc , se il caricabatterie non ha problemi si possono tranquillamente sostituire con elementi al pb...etc...occorrerà sicuramente fare alcune modifichine....


Fox

leonx
19-08-2008, 08:09
20 pacchi per 6Vd = 120Vdc , se il caricabatterie non ha problemi si possono tranquillamente sostituire con elementi al pb...etc...occorrerà sicuramente fare alcune modifichine....
Fox


Ora dovresti dirmi questo:

- Quanto tempo dichiara la citroen per effettuare la ricarica completa delle batterie?

- Da quanti ampere sono i singoli pacchi da 6vdc?

- Quanto pesa ogni singolo pacco?

- Quanto pesa mediamente una batteria da 12vdc da auto?

Una volta che hai queste informazioni vediamo de puoi sostituire le batterie originali con delle classiche batterie da auto

tonini_mingoni
19-08-2008, 11:10
Auto ad emissioni 0! (http://vaconline.altervista.org/car/)

leonx
19-08-2008, 11:30
Auto ad emissioni 0! (http://vaconline.altervista.org/car/)


Ottimo link, grazie...anche se non è specificato il peso delle batterie.

In ogni caso la macchina ha bisogno di 120v e 100A, quindi basterebbe mettere in serie 10 batterie da auto.

Prendendo in considerazione ad esempio le batterie bosch modello S5, codice Ean 4 047 024 016 989 si può vedere che:

- Ogni batteria sviluppa 110Ah (10 in più delle batterie della saxo)
- Il peso di ogi batteria è di 25,84 kg

Quindi prendendo 10 batterie arriveresti ad un peso di 258,84 kg. Non so quanto pesano le batterie originali della saxo, ma se il peso è simile puoi sostituirle tranquillamente con queste.

P.S. le bosch hanno uno spunto di ben 920A, quindi in partenza bruci l'asfalto :rolleyes:

leonx
19-08-2008, 11:43
Ho appena visto il peso delle batterie della saxo, quelle da 100ah (ci sono anche da 180ah) pesano circa 13kg l'una, quindi moltiplicando per 20 arriviamo a 260kg.

Quindi direi che le batterie possono essere tranquillamente sostituite con delle normali batterie da auto, con un notevole risparmio di denaro visto che le bosh si possono trovare a 80€ l'una che moltiplicate per 10 corrispondono a 800€ totali e l'auto con 1 ottima autonomia :bye1:

gattmes
19-08-2008, 12:42
.. la macchina ha bisogno di 120v e 100A..



.. Ogni batteria sviluppa 110Ah....

(x l'ennesima volta...) Non confondiamo la corrente elettrica, misurata in Ampere [A], con la capacità, in questo caso misurata in Ampere-ora [Ah]!!
"Sviluppare" è un verbo più consono alla prima grandezza... mentre userei "contenere" per la seconda..
Documentarsi nelle sezioni manualistica/elettronica


110Ah (10 in più delle batterie della saxo)
io non ne sarei così sicuro, quantomento nelle stesse condizioni di misura (sarei invece più propenso nel pensare l'opposto..ovvero che i 100Ah "originali" della S. sono "di più" di 110Ah nominali di una comune bat al Pb...)
Documentarsi nelle FAQ della sez. pile & batterie


.. le batterie possono essere tranquillamente sostituite con delle normali batterie da auto...
su questo sono sostanzialmente in accordo.

con un notevole risparmio di denaro
.tuttavia a scapito delle prestazioni.. ed inoltre nei medio termine il risparmio in realtà poi non c'è del tutto!
....
..

PS

P.S. le bosch hanno uno spunto di ben 920A, quindi in partenza bruci l'asfalto
Questa è la ...scarica violenta a freddo.. ecc... ecc.., che dice "qualcosa" circa la resistenza interna.. ma niente ha a che fare con la corrente di spunto al motore, determinata/limitata generalmente dal controllore.

---------------

Ricapitolando questa può essere pure una scelta/strada percorribile.. tuttavia, scopo di queste mie brevi osservazioni/puntualizzazioni, da intraprendere con giusta valutazione/cognizione di causa.

tonini_mingoni
19-08-2008, 12:45
Ottimo link, grazie...anche se non è specificato il peso delle batterie.

In ogni caso la macchina ha bisogno di 120v e 100A, quindi basterebbe mettere in serie 10 batterie da auto.

Prendendo in considerazione ad esempio le batterie bosch modello S5, codice Ean 4 047 024 016 989 si può vedere che:

- Ogni batteria sviluppa 110Ah (10 in più delle batterie della saxo)
- Il peso di ogi batteria è di 25,84 kg

Quindi prendendo 10 batterie arriveresti ad un peso di 258,84 kg. Non so quanto pesano le batterie originali della saxo, ma se il peso è simile puoi sostituirle tranquillamente con queste.

P.S. le bosch hanno uno spunto di ben 920A, quindi in partenza bruci l'asfalto :rolleyes:

....ma scusa , perchè vengono costruite le batterie per i veicoli elettrici???

Fox

http://www.energeticambiente.it/veicoli-elettrici-e-ibridi/9874993-fiat-seicento-elettra-informazioni-prove-modifiche-6.html

udos3
19-08-2008, 13:24
Nuova pagina 1 (http://www.ecovelclub.ch/106.htm)
ciao
sotto la rubrica batterie , ci sono tante informazioni

leonx
19-08-2008, 14:11
(x l'ennesima volta...) Non confondiamo la corrente elettrica, misurata in Ampere [A], con la capacità, in questo caso misurata in Ampere-ora [Ah]!!
"Sviluppare" è un verbo più consono alla prima grandezza... mentre userei "contenere" per la seconda..
Documentarsi nelle sezioni manualistica/elettronica


io non ne sarei così sicuro, quantomento nelle stesse condizioni di misura (sarei invece più propenso nel pensare l'opposto..ovvero che i 100Ah "originali" della S. sono "di più" di 110Ah nominali di una comune bat al Pb...)
Documentarsi nelle FAQ della sez. pile & batterie


su questo sono sostanzialmente in accordo.

.tuttavia a scapito delle prestazioni.. ed inoltre nei medio termine il risparmio in realtà poi non c'è del tutto!
....
..

PS

Questa è la ...scarica violenta a freddo.. ecc... ecc.., che dice "qualcosa" circa la resistenza interna.. ma niente ha a che fare con la corrente di spunto al motore, determinata/limitata generalmente dal controllore.

---------------

Ricapitolando questa può essere pure una scelta/strada percorribile.. tuttavia, scopo di queste mie brevi osservazioni/puntualizzazioni, da intraprendere con giusta valutazione/cognizione di causa.


Scusa, ho fatto 1 po di confusione ma andavo 1 po di fretta, allora:

- Le batterie della saxo hanno una corrente di 100A (e quindi una capacità inferiore), mentre le bosch hanno una corrente di 920A e capacità di 110ah, insomma dovrebbero durare mooolto di più.

- Riguardo alla corrente di spunto del motore è dichiarata di 200A (massimo), quindi le batterie originali della saxo non potrebbero mai arrivarci, al contrario delle bosch

gattmes
20-08-2008, 09:51
Leonx, vada per la fretta...ma ti consiglio, quando hai due minuti, di fare un giro nelle sezioni da me indicate e approfondire alcuni concetti..
...in quanto la confusione vedo che persevera!

Infatti:
..intanto ringrazio udos3 per l'ottimo contributo apportato con il collegamento che ha fornito...
..se andiamo a visitarlo troviamo i "pdf" delle batterie Saft in questione... che per praticità fornisco direttamente: http://www.ecovelclub.ch/data_STM_en.pdf
Come si vede dalle specifiche la bat in questione è data come 100Ah.. e lo risottolineo (per l'ennesima volta + 1....:crybaby: ) , cercando di palesarlo ulteriormente, che Ah è l'abbreviazione di Ampere-ora.. che è una misura di capacità, vuoi contenuto in energia.... e non di corrente elettrica che si misura in Ampere, abbreviato A ...ovvero senza ora... abbreviato h..dall'inglese hour.
È chiaro?.. Tutto questo è già scritto... e l'ho dovuto (come al solito) riscrivere...:arrabbiato:...

andiamo avanti... allora .. la bat ... possiamo direi "metterla" nella categoria dei generatori...Vero è che è più un gen. di tensione.. tuttavia, collegata ad un "carico".. esprime una corrente. Dal momento che non è assimilabile a un generatore di corrente (..e. per favore, fatevela una lettura nella sez. manualistica!) quest'ultima è principalmente dipendente dal carico.. eccetto i limiti della bat (che in un buon progetto dovrebbero essere.. al di la del carico minimo [ndr-come resistenza!]), principalmente dati da resistenza interna, temperature, caratt. costruttive, ecc. ecc.

Ma allora fino a che corrente si può ciucciare da queste batterie?
Intanto vediamo che i 200A del motore citati non ci dicono niente.. di mezzo di norma c'è il controllore e bisogna vedere "lui" quanto limita... Di certo in quella applicazione più di 200A non ci saranno se i dati citati circa il mot. sono i massimi ..es. in stallo...

..poi...
.... nel pdf non c'è un dato circa gli A max....vero? Ni...nel senso che qualcosa possiamo capirlo dal grafico della pag 2.. quello intitolato "STM module - Typical discharge at + 20gC (+68gF)"..
..infatti notiamo che c'è una curva definita 1,5C... ed anche una definita 2C
Quindi per quanto sappiamo (avendo letto nelle sezioni che ho indicato.. stavolta NON lo riscrivo).. e in mancanza di ulteriori note nel/in prossimità del grafico ..potremo estrapolare che 150-200A si possono tranquillamente "tirare" da queste batterie....

..poi, ad un occhio più esperto/più attento, non dovrebbe essere sfuggito un altro piccolo particolare: il grafico riporta un C5 come riferimento (non un C3).. che ci da altre preziose notizie "nominali"...

Per concludere e per la ri-ri-riennesima volta i 920A delle bat al "Pb classiche" citati non c'entrano niente con la capacità delle batterie e, stavolta per certo, vi dico che nell'uso tipico stimo circa DOPPIA la capacità delle bat Saft.. e quindi dei km percorribili.
Questo va considerato anche (dovrebbe essere ovvio/superfluo scriverlo...) nel calcolo globale di spesa... in quanto "cicla" le bat la metà rispetto le Pb... e visto che c'è un numero limitato di cicli va considerato.
A tal fine il pdf ci fornisce i cicli come quasi 3000 (nelle condizioni li indicate!)...attendo di vedere una dato (leonx?) circa le citate

bosch modello S5, codice Ean 4 047 024 016 989
...
Ciao ciao

leonx
20-08-2008, 10:59
Leonx, vada per la fretta...ma ti consiglio, quando hai due minuti, di fare un giro nelle sezioni da me indicate e approfondire alcuni concetti..

[cut/taglio]
moderazione:
non "incollare" tutto il contenuto di un msg precedente!
La regola n. 3 cita:
Se si risponde ad un messaggio, evidenziare i passaggi rilevanti del messaggio originario, allo scopo di facilitare la comprensione da parte di coloro che non lo hanno letto, ma non riportare mai sistematicamente l'intero messaggio originale.




Riguardo alle batterie della saxo avevo visto solo questo link: Caratteristiche Saxo elettrica (http://vaconline.altervista.org/car/Caratteristiche.html)
e vengono indicati 100A e non 100Ah, da li ho basato il discorso

Per quanto riguarda la capacità effettiva non so se dici che le bosch durerebbero di meno per supposizione o altro? dovrebbe essere 1 unità di misura standard o mi sbaglio?

Per le bosch al momento ho trovato solo questo pdf:
http://aa.bosch.de/aa-batterien/it/it/pkw/media/Product_program_S3-S4-S5.pdf

e cmq le s6 dovrebbero avere una nuova tecnologia ch ele rende più performanti e con 1 numero maggiore di cicli.
Io ho preso in considerazione le bosch solo per fare un esempio, ma di marche valide ce ne sono tante (fiamm, uranio ecc....)

In ogni caso anche se le bosch dovessero durare meno, ti ricordo che in citroen gli hanno chiesto ben 19.000€ per sostituirle!!!!!!

gattmes
20-08-2008, 11:27
Riguardo alle batterie della saxo avevo visto solo questo link.....
...vengono indicati 100A e non 100Ah...

Il dato citato nel sito è sicuramente sbagliato, riferito alla capacità



Per quanto riguarda la capacità effettiva non so se dici che le bosch durerebbero di meno per supposizione o altro? dovrebbe essere 1 unità di misura standard o mi sbaglio?

Lo ririririririscrivo: leggi nei posti indicati. Li è spiegato tutto. NON LO riscrivo qua.


Per le bosch al momento ho trovato solo questo pdf:...
..che non riporta il dato dei cicli in funzione del DOD.. probabilmente servono dei dati/pdf più generali e meno applicativi.. vediamo se si recuperano (tra tutti)...cmque, a spanne, sono batterie uso auto.... probabilmente potrebbero avere pochi cicli se usate per profonde scariche..probabilmente un numero intorno a "100"! (cento e non mille- ndr) potrebbe essere già alto

Vediamo il prezzo riassettando le tue cifre:
Se prendiamo per buona questa mia ultima supposizione (questa si che lo è...ma la realtà non penso sia molto diversa..) allora possiamo stimare un rapporto sui 3000 a 60, considerando la capacità effettiva...quindi un rapporto sui 50...allora possiamo dire che i 19000 Euro citati delle NiCd diventano /50=380Euro equivalenti "Pb"...oppure gli 800 E citati delle Pb diventano x50=40000 equivalenti "NiCd"...
Quindi le Pb vengono a costare (guardando più in la del proprio naso) più del doppio rispetto alle Nichel... e non ho preso in considerazione il costo manodopera nel sostituire oltre una cinquantina di volte le bat nel ciclo eqivalente delle nichel...che possiamo considerare "pari" con eventuali interessi dovuti sui 19000Euro, se ottenuti via finanziamento.. e/o interessi di rendita varia non percepiti negli altri casi (sono stato di manica larga...molto larga..... fosse un paio d'ore fanno un centianio d'ore totali di manodopera.. a, diciamo, 25Euro l'ora...fa una cifra!)
...

PS dimenticavo!!! Poi c'è da vedere il costo "elettrico"...considerando il rendimento energetico delle batterie... ed anche qua la storia punta a sfavore per le Pb...

leonx
20-08-2008, 13:28
Il dato citato nel sito è sicuramente sbagliato, riferito alla capacità


Lo ririririririscrivo: leggi nei posti indicati. Li è spiegato tutto. NON LO riscrivo qua.


..che non riporta il dato dei cicli in funzione del DOD.. probabilmente servono dei dati/pdf più generali e meno applicativi.. vediamo se si recuperano (tra tutti)...cmque, a spanne, sono batterie uso auto.... probabilmente potrebbero avere pochi cicli se usate per profonde scariche..probabilmente un numero intorno a "100"! (cento e non mille- ndr) potrebbe essere già alto

Vediamo il prezzo riassettando le tue cifre:
Se prendiamo per buona questa mia ultima supposizione (questa si che lo è...ma la realtà non penso sia molto diversa..) allora possiamo stimare un rapporto sui 3000 a 60, considerando la capacità effettiva...quindi un rapporto sui 50...allora possiamo dire che i 19000 Euro citati delle NiCd diventano /50=380Euro equivalenti "Pb"...oppure gli 800 E citati delle Pb diventano x50=40000 equivalenti "NiCd"...
Quindi le Pb vengono a costare (guardando più in la del proprio naso) più del doppio rispetto alle Nichel... e non ho preso in considerazione il costo manodopera nel sostituire oltre una cinquantina di volte le bat nel ciclo eqivalente delle nichel...che possiamo considerare "pari" con eventuali interessi dovuti sui 19000Euro, se ottenuti via finanziamento.. e/o interessi di rendita varia non percepiti negli altri casi (sono stato di manica larga...molto larga..... fosse un paio d'ore fanno un centianio d'ore totali di manodopera.. a, diciamo, 25Euro l'ora...fa una cifra!)
...

PS dimenticavo!!! Poi c'è da vedere il costo "elettrico"...considerando il rendimento energetico delle batterie... ed anche qua la storia punta a sfavore per le Pb...


Certo che ti piace bocciare qualsiasi idea, perchè non proponi qualcosa di alternativo invece di dare la soluzione classica che qualsiasi comune mortale con un po' di soldi da buttare può intraprendere?!?!?!? Ti piace trovare il pelo nell'uovo per bocciare le idee altrui, ma di fatto non proponi niente di nuovo.

Cmq l'alternativa sarebbe usare le batterie impiegate anche nei muletti elettrici, non so i prezzi, ma credo che siano più competitivi visto che non sono "proprietarie citroen" e vengono utilizzate su molti modelli di carrelli elevatori. Adesso non mi dire che queste batterie sono meno performanti di quelle citroen perchè altrimenti l'unica spiegazione è che lavori in un concessionario e ti hanno fatto il lavaggio del cervello!
Queste batterie sono state create per lo stesso scopo, quindi se costano meno di 19.000€ credo proprio che sarebbero l'ideale!

tonini_mingoni
20-08-2008, 16:36
Certo che ti piace bocciare qualsiasi idea, perchè non proponi qualcosa di alternativo invece di dare la soluzione classica che qualsiasi comune mortale con un po' di soldi da buttare può intraprendere?!?!?!? Ti piace trovare il pelo nell'uovo per bocciare le idee altrui, ma di fatto non proponi niente di nuovo.

Cmq l'alternativa sarebbe usare le batterie impiegate anche nei muletti elettrici, non so i prezzi, ma credo che siano più competitivi visto che non sono "proprietarie citroen" e vengono utilizzate su molti modelli di carrelli elevatori. Adesso non mi dire che queste batterie sono meno performanti di quelle citroen perchè altrimenti l'unica spiegazione è che lavori in un concessionario e ti hanno fatto il lavaggio del cervello!
Queste batterie sono state create per lo stesso scopo, quindi se costano meno di 19.000€ credo proprio che sarebbero l'ideale!

...calma non voglio difendere nessuno , ma gattmes è uno dei più "vecchi" del forum e certi concetti per lui sono stra-ripetuti , però non vuole dire che siano inutili , ma certi discorsi tecnici/economici/prestazionali sono già stati chiariti...

Cioè nel senso che una batteria da avviamento può sostituire una batteria trazione ma mettendole entrambe sulla bilancia la batteria trazione costa meno, dura meno come cicli di carica scarica , e l'autonomia del veicolo è minore anche se a parità di peso...

Certo che le batterie del muletto potrebbero andare bene ma occorre valutare prezzo/peso/prestazioni/modifche alla vettura etc...


Ciao

Fox

freddy73
20-08-2008, 23:05
Salve a tutti era un po che non entravo nel forum causa ferie e non avevo notato la prosecuzione del tread iniziato da me, volevo ringraziare chi mi ha contattato in privato con vari suggerimenti, rassicurandolo sul buon funzionamento della saxo' ne ho comprata addirittura un altra da quanto sono esaltato dalle auto elettriche, il piacere di guida è spettacolare, le batterie saft sono incredibili, è vero che la saxo' che ho preso ora ha 7000 km praticamente è nuova, ma le batterie hanno 11 anni di vita e sono come uscite di fabbrica, ancora con il loro potenziale intatto, considerando i cicli di cariche possibili direi che sono quasi eterne, la saxo' è un auto davvero solida e ben costruita, leggevo i vari problemi che hanno le fiat su batterie al piombo e caricabatterie inaffidabili, la saxo' è un altro pianeta e mi ritengo uno dei pochi fortunati possessori di un auto 100% elettrica anche lei ha qualche difetto pero' , tipo i carboncini del motore che vanno tenuti sotto controllo, con il rischio di bruciare motore e collettore, la pompa dell'acqua per il raffreddamento delle batterie ha una vita breve, circa 20 mila km, la pompa dei freni elettrica soffre di problemi di tenuta del vuoto, con il risultato di far girare continuamente il motorino elettrico, ma sono cose che una volta conosciute si riparano e tengono sotto controllo davvero facilmente, io mi faccio la manutenzione da me, sono riuscito a trovare una diagnosi psa e faccio da me la messa in acqua delle batterie e le varie manutenzioni.
Mi viene l'amarezza pensando al fatto che questa è tecnologia di inizio anni 90, chissa' se le lobby del petrolio non avessero controllato tutto, che meraviglie elettriche potevano essere create, ma è un pericolo per le loro tasche darci in mano la mobilita' a costi popolari,non affumicando le citta' e con manutenzione vicina allo zero
dico costi popolari perche' il costo esorbitante delle auto elettriche è sempre stato condizionato dal basso numero di elementi prodotti, pensate quante centinaia di migliaia di saxo' con motori termici sono state costruite, bene di saxo' elettriche davvero pochissime, auguro a tutti i fortunati possessori di auto e moto elettriche tanti km felici e spensierati .

tonini_mingoni
21-08-2008, 10:39
Salve a tutti era un po che non entravo nel forum causa ferie e non avevo notato la prosecuzione del tread iniziato da me, volevo ringraziare chi mi ha contattato in privato con vari suggerimenti, rassicurandolo sul buon funzionamento della saxo' ne ho comprata addirittura un altra da quanto sono esaltato dalle auto elettriche, il piacere di guida è spettacolare, le batterie saft sono incredibili, è vero che la saxo' che ho preso ora ha 7000 km praticamente è nuova, ma le batterie hanno 11 anni di vita e sono come uscite di fabbrica, ancora con il loro potenziale intatto, considerando i cicli di cariche possibili direi che sono quasi eterne, la saxo' è un auto davvero solida e ben costruita, leggevo i vari problemi che hanno le fiat su batterie al piombo e caricabatterie inaffidabili, la saxo' è un altro pianeta e mi ritengo uno dei pochi fortunati possessori di un auto 100% elettrica anche lei ha qualche difetto pero' , tipo i carboncini del motore che vanno tenuti sotto controllo, con il rischio di bruciare motore e collettore, la pompa dell'acqua per il raffreddamento delle batterie ha una vita breve, circa 20 mila km, la pompa dei freni elettrica soffre di problemi di tenuta del vuoto, con il risultato di far girare continuamente il motorino elettrico, ma sono cose che una volta conosciute si riparano e tengono sotto controllo davvero facilmente, io mi faccio la manutenzione da me, sono riuscito a trovare una diagnosi psa e faccio da me la messa in acqua delle batterie e le varie manutenzioni.
Mi viene l'amarezza pensando al fatto che questa è tecnologia di inizio anni 90, chissa' se le lobby del petrolio non avessero controllato tutto, che meraviglie elettriche potevano essere create, ma è un pericolo per le loro tasche darci in mano la mobilita' a costi popolari,non affumicando le citta' e con manutenzione vicina allo zero
dico costi popolari perche' il costo esorbitante delle auto elettriche è sempre stato condizionato dal basso numero di elementi prodotti, pensate quante centinaia di migliaia di saxo' con motori termici sono state costruite, bene di saxo' elettriche davvero pochissime, auguro a tutti i fortunati possessori di auto e moto elettriche tanti km felici e spensierati .


...parliamo anche di ricarica batteria???

La mia 600 ho notato che inserendo la carica assorbe dal contatore 2600W di picco , e per caricare le batterie completamente ci vogliono 8 ore e circa 14kwh.

La Saxo invece cosa fa?

Ciao

Fox

gattmes
21-08-2008, 11:32
Leonx non voglio bocciare nessuna idea.. ben vengano su questo forum...
Desidero però che ci sia "informazione" e questo è dimostrato da molti mie messaggi, alcuni con carattere prettamente manualistico.. e probabilmente qualcuno spiccatamente controcorrente.
Tutto ciò senza ritorni economici, spendendo invece mio prezioso tempo... che è tiranno! Proprio per tal motivo, lo ho già scritto parecchie volte, evito discorsi "barocchi" e vado al sodo. A me interessa far passare l'informazione tecnica... la rudimentalità di linguaggio può essere pur scambiata per osticità personale (e non è) .. o come essenzialità, a favore di spazio/tempo per i contenuti tecnici.
È valutazione personale cosa far prevalere.

Personalmente quando incontro informazione preferisco di norma utilizzarla per saltare "tappe" che altri hanno già percorso, "salvare" prezioso tempo e colmare rapidamente la mia profonda ignoranza in merito.... altri preferisco rimanere in questo stato e ripercorre il percorso ..un po sbattere la testa per veder se è duro.. De gustibus non est disputandum!

Mio malgrado devo constatare che molte volte a nulla serve insistere nel tentativo di far aprire gli occhi... o risparmiare denaro ..o altro. Pur fornendo informazioni o dove reperirle (faq, link a siti, ecc.) ...o aiutando a interpretare dettagli tecnici, cifre, parametri, grafici.. come risultato spesso ottengo solo di alimentare ostilità nei miei confronti, quando non peggio!....

Chi ha imparato a conoscermi sa cosa intendo... e mi sopporta... viceversa io non aumenterò certo la mia prolissità (è già fin troppa quella dedicata a palesare concetti tecnici non molto tali, sui quali invece ho dimestichezza... per studio, passione, lavoro o... esperienza!) per risultare più diplomatico...ma anche più vuoto nei contenuti. Se non piacciono questi "miei".. il mio consiglio è "Non ti curar di loro ma guarda e passa"...

..tornando al tecnico:


l'alternativa sarebbe usare le batterie impiegate anche nei muletti elettrici
...direi che sarebbe più preferibile, con le considerazioni fatte da tonini_mingoni..
..cmque purtroppo si! "Ti devo dire" che sono sempre meno performanti di quelle NiCd


perchè non proponi qualcosa di alternativo ..basta leggere in giro per il forum ..e si intuisce quale sarebbe la mia proposta, tuttavia dal punto di vista meramente economico nell'immediato, che vedo preme, non sarebbe tale!

Riallacciandomi invece all'ultimo msg di tonini_mingoni.. confermo gli assorbimenti x la Seicento... tuttavia impiegando x questa bat "normali"... il consumo si attesta sui 3kWh dopo solo qualche centinaio di km dalla sostituzione... da cui si può dedurne l'autonomia relativa!

freddy73
21-08-2008, 11:33
Ciao, la saxo' fa diversi tipi di ricarica che variano dalle 5 alle 10 ore circa, la ricarica normale ci mette 5/6 ore e l'assorbimento totale mi pare sia sui 19 kw ma non sono sicuro, la fase finale assorbe molto meno, poi ogni 10 cariche ne fa una di equalizzazione che dura 1 ora in + e poi c'è la carica di manutenzione che serve a fare la messa in acqua alle batterie e non ho ancora capito quanto dura come manutenzione è leggermente piu' laboriosa della 600 ma se seguita con cura fa fare almeno 1500 cicli di ricarica alle batterie contro i 300 400 delle batterie al piombo che calcolati in km sono circa 150000

gattmes
21-08-2008, 11:54
c'è la carica di manutenzione che serve a fare la messa in acqua alle batterie
..ecco...questa cosa è da approfondire bene....

freddy73
21-08-2008, 12:25
..ecco...questa cosa è da approfondire bene....


le batterie nicd contengono potassio liquido hanno una serie di sifoni studiati in modo da non farlo mai uscire, pur aggiungendo acqua distillata ogni tanto, poiche' durante le fasi di carica e di scarica l'acqua evapora e il potassio aumenta di concentrazione, se non viene fatta la giusta manutenzione cio' provoca surriscaldamenti con relativi cortocircuiti e fusioni di elementi , la saxo' ha una spia che si accende circa ogni 10 mila km e li serve la diagnostica per azzerare la spia e far partire una carica di manutenzione, finita la quale è possibile aggiungere entro la mezz'ora successiva, l'acqua distillata, un errore progettuale è stato il calcolo da parte della centralina su base delle cariche effettive completate dell'accensione della spia, non viene presa in considerazione nessuna carica parziale, anche se completa al 95% cio' ha causato in molte saxo' di comuni ed enti pubblici un rapido degrado con relativo fermo per fusione di qualche batteria causa mancanza di acqua, su un forum francese consigliano caldamente di fare una messa in acqua ogni max 4000 km , altro grosso consiglio importantissimo è di non lasciare mai un auto carica al 100% ferma, va usata subito e scaricata un po, percio' molti possessori di saxo' (sempre in francia) usano un timer calcolando le 8 ore per far finire la carica la mattina e usare cosi' subito l'auto, se lasciata ferma carica al 100% il cadmio migra attraverso gli isolanti interni , causando anche li cortocircuiti e morti precoci di elementi , è stato testato che un auto ciclata bene e usata sempre subito alla fine della carica passa agevolmente i 150 mila km, contro i 20 mila km di batterie maltrattate , nelle batterie nicd è presente un autoscarica, ma chiaramente non abbastanza rapida per eliminare il fenomeno , nei moduli saft dopo il 2001 sono stati aumentati gli isolatori interni in modo da attenuare questo pericoloso difetto, è chiaramente molto diversa la tecnologia nicd da quella piombo e richiede forse + attenzione, ma trovatemi una batteria al piombo di 11 anni di vita che funzioni ancora al 100% !

gattmes
21-08-2008, 12:38
Onore!

PS ci sono casi di bat quasi maggiorenni al Pb.. ma parliamo di elementi mastodontici (sia come dimensioni... oltre il metro..sia come costi) di 2V e x applicazioni particolari.

Peccato non avere dati "di mano" sul litio (io mi fermo a 2 anni 5000km.. nel senso che non sono ancora esauste dopo ciò)...

grazie per l'ottima spiegazione/approfondimento circa le NiCd Saft..

casax
02-11-2008, 01:14
le batterie nicd contengono potassio liquido hanno una serie di sifoni studiati in modo da non farlo mai uscire, pur aggiungendo acqua distillata ogni tanto, poiche' durante le fasi di carica e di scarica l'acqua evapora e il potassio aumenta di concentrazione, se non viene fatta la giusta manutenzione cio' provoca surriscaldamenti con relativi cortocircuiti e fusioni di elementi , la saxo' ha una spia che si accende circa ogni 10 mila km e li serve la diagnostica per azzerare la spia e far partire una carica di manutenzione, finita la quale è possibile aggiungere entro la mezz'ora successiva, l'acqua distillata, un errore progettuale è stato il calcolo da parte della centralina su base delle cariche effettive completate dell'accensione della spia, non viene presa in considerazione nessuna carica parziale, anche se completa al 95% cio' ha causato in molte saxo' di comuni ed enti pubblici un rapido degrado con relativo fermo per fusione di qualche batteria causa mancanza di acqua, su un forum francese consigliano caldamente di fare una messa in acqua ogni max 4000 km , altro grosso consiglio importantissimo è di non lasciare mai un auto carica al 100% ferma, va usata subito e scaricata un po, percio' molti possessori di saxo' (sempre in francia) usano un timer calcolando le 8 ore per far finire la carica la mattina e usare cosi' subito l'auto, se lasciata ferma carica al 100% il cadmio migra attraverso gli isolanti interni , causando anche li cortocircuiti e morti precoci di elementi , è stato testato che un auto ciclata bene e usata sempre subito alla fine della carica passa agevolmente i 150 mila km, contro i 20 mila km di batterie maltrattate , nelle batterie nicd è presente un autoscarica, ma chiaramente non abbastanza rapida per eliminare il fenomeno , nei moduli saft dopo il 2001 sono stati aumentati gli isolatori interni in modo da attenuare questo pericoloso difetto, è chiaramente molto diversa la tecnologia nicd da quella piombo e richiede forse + attenzione, ma trovatemi una batteria al piombo di 11 anni di vita che funzioni ancora al 100% !

Salve, sono un nuovo utente. Volevo chiedere a freddy73 come aveva risolto con le batterie delle sue due saxo electrique. Ero intenzionato ad acquistarne una del '97 con 20'000 km e batterie KO. Volevo sapere se avevi rimesso in funzione entrambe le vetture e con quali spese. Grazie comunque per qualsisasi aiuto riuscirete a darmi.

janluc66
21-09-2009, 21:18
Salve a tutti,
ho letto con interesse i vari post relativi alla Saxo electrique e alle batterie ni-cd,siccome anche io ho in garage una Marbella inutilizzata dal '96 a cui avevo sostituito le 14 piombo dei muletti (6 V 180 AH in 10 ore e 240 Ah in 20 ore) con 14 Ni-CD saft usate modello STM5-140 (140 Ah in 5 ore),siccome ho questa macchina dicevo posso dirvi qualcosa in merito e chiedere eventualmente conferma di alcune altre cose che ho sentito dire in giro.
Se il problema è un corto dell'elemento penso non si possa fare niente, se invece la perdita di prestazioni della batteria fosse un avvelenamento della potassa con l'anidride carbonica contenuta nell'aria (infatti i filtri degli astronauti usavano proprio idrossido di potassio per purificare l'aria dalla CO2 ) allora si potrebbe sostituire l'elettrolito con altro nuovo e curare che non venga esposto all'aria mettendo uno strato d'olio sopra all'elettrolito per evitarne il contatto con l'aria.(Questo l'ho saputo da un batterista che assembla batterie NI-CD per uso nella trazione elettrica ,tipo metrò o altro).
Il rigonfiamento delle batterie l'ho notato anche io ,infatti erano tenute reggiate con delle piastre ai lati per limitare questa deformazione,ma comunque non si sono gonfiate molto.
Comunque ricordo che fu un bel salto di qualità nel '95 quando misi le 14 batterie al nichel cadmio al posto delle piombo, :spettacolo: da 420 kg passai a 245 kg ,molto più maneggevole e le frenate erano diventate più tranquille...prima c'era sempre da calcolare un margine doppio.
L'ho tenuta ferma fino adesso sperando che le Litio sarebbero diventate la norma a breve e invece solo adesso sull'onda della crisi del mercato dell'auto si sta muovendo qualcosa...che tristezza.:cry:
Per la cronaca ho smesso di usarla perchè cambiando lavoro mi diedero l'auto aziendale.
Comunque la caricavo ogni 2 giorni la notte, non avendo un contratto di fornitura elettrica industriale ma solo quella casalinga da 3 Kw mi arrivavano delle bollette stratosferiche e il vantaggio economico praticamente si annullava....:(
Fate bene i calcoli prima di acquistarne una, se non avete le colonnine di ricarica sotto l'ufficio,i pannelli solari o un contratto biorario meglio lasciar perdere.

mauropal
06-02-2010, 17:02
Ciao Janluc66, Freddy73 e Gattmes, ho trovato una saxo El del 97 in vendita, ferma da almeno ottobre scorso e da allora mai più caricata. Oggi sono andato a vederla, credo che le batterie siano malmesse, non ho ancora avuto modo di entrare nel vano e la persona che se ne occupa rientra la prox. settimana. Ho provato ad avviarla, ma il contaenergia segna 0, si sente un rumore che non cessa (ho pensato alla pompa del servofreno), e il connettore di ricarica lato auto è danneggiato. Ha circa 45mila km e ho il sospetto che di manutenzione ne abbia ricevuta pochina (ho letto nei post della sostituzione delle spazzole frequente).

Quale può essere il valore da attribuirgli, così com'è? Quanto devo mettere in conto da spendere per riportarla ad un uso accettabile (almeno 100km di range)?
Il mio proposito era di acquistare una elettrica perchè già omologata, e col tempo modificarla (upgrade batterie, motore e controller).

Secondo la Vs. esperienza, è realistico pensare di fare tutto con una cifra inferiore ai 10.000 euri?

Grazie, Mauro

janluc66
06-02-2010, 21:03
Bella domanda, se vuoi montare delle Litio ti consiglio le nuove litio-ferro-fosfato che non hanno problemi di espolsione ma aspetterei comunque ancora qualche anno per far abbassare i prezzi (ma sono comunque paragonabili alle litio polimeri come listino).
Certo ci vorrebbero almeno 10KWh di batterie se non 20 ,ma questo verrebbe a costare più dell'auto coi prezzi attuali.
Io la mia Marbella immatricolata nel '91 la pagai 15 milioni di lire nel '95 comprese le batterie Nichel cadmio usate, che però dovetti montarmi da solo perchè quel furbone che mi vendette il tutto non si volle sbattere troppo,rifilandomi le ormai esauste batterie al piombo dei muletti che facevano a malapena 45 km con una carica.
Occhio a calcolare bene i costi dell'energia e adottare un contratto di fornitura adatto.Io un tentativo di ricarica e rigenerazione delle batterie montate sulla Saxò comunque lo farei.
Comunque sono dell'avviso che ormai i tempi sono maturi e acquistare un ibrido sia la soluzione migliore, tipo la nuova Prius plug-in, dopo averla fatta verificare per i richiami della casa che Toyota sta facendo ultimamente è ovvio.:closedeyes:

gattmes
06-02-2010, 22:21
x la Prius plug-in è ancora un po' presto.. per i richiami (acceleratore), non riguardano la Prius, ma altri modelli Toyota (e Peugeot)

Comunque l'ibrido non è pensato come un'auto elettrica ed ha usi diversi da questa.
Da svariati anni io ho una Prius (e recentemente anche mio padre) per "tutti i casi" e tutti gli usi.. insomma come una macchina normale (anche se è molto, molto di più).. e poi scooters elettrici, la Seicento (Elettra).. ma questi per uso prettamente cittadino/locale (oltre che per.. R&D!!!) (NB Non capite male.. sono una persona normale: sono mezzi che si sono.. per così dire.. autofinanziati l'un l'altro)

tonini_mingoni
09-02-2010, 16:33
Ciao Janluc66, Freddy73 e Gattmes, ho trovato una saxo El del 97 in vendita, ferma da almeno ottobre scorso e da allora mai più caricata. Oggi sono andato a vederla, credo che le batterie siano malmesse, non ho ancora avuto modo di entrare nel vano e la persona che se ne occupa rientra la prox. settimana. Ho provato ad avviarla, ma il contaenergia segna 0, si sente un rumore che non cessa (ho pensato alla pompa del servofreno), e il connettore di ricarica lato auto è danneggiato. Ha circa 45mila km e ho il sospetto che di manutenzione ne abbia ricevuta pochina (ho letto nei post della sostituzione delle spazzole frequente).

Quale può essere il valore da attribuirgli, così com'è? Quanto devo mettere in conto da spendere per riportarla ad un uso accettabile (almeno 100km di range)?
Il mio proposito era di acquistare una elettrica perchè già omologata, e col tempo modificarla (upgrade batterie, motore e controller).

Secondo la Vs. esperienza, è realistico pensare di fare tutto con una cifra inferiore ai 10.000 euri?

Grazie, Mauro


Ciao Mauropal , scusate se sconfine nella discussione saxo... io ho ripristinato una 600 elettra con circa 9000€...


Ciao

Fox

mauropal
09-02-2010, 23:45
Grazie Fox,
ma come le hai spesi questi 9.000 euri? Compresa la 600? Su evalbum, alla tua pagina la somma da 6.800, gli altri 2.200 per cosa sono? I lavori li hai fatti da solo, o ti sei servito di qualche specialista?

In sostanza, hai fatto quello che ho pensato io: circa 2.000 per la scocca + meccanica (e il tuo gruppo siemens lo invidio un pò), più un gruppo batterie nuovo, ecc.

Dacci qualche dettaglio in più, per favore.
Mauro

tonini_mingoni
11-02-2010, 15:31
Grazie Fox,
ma come le hai spesi questi 9.000 euri? Compresa la 600? Su evalbum, alla tua pagina la somma da 6.800, gli altri 2.200 per cosa sono? I lavori li hai fatti da solo, o ti sei servito di qualche specialista?

In sostanza, hai fatto quello che ho pensato io: circa 2.000 per la scocca + meccanica (e il tuo gruppo siemens lo invidio un pò), più un gruppo batterie nuovo, ecc.

Dacci qualche dettaglio in più, per favore.
Mauro

2600€ fiat 600
2400€ batterie
1200€ moduli ccm
400€ lucidatura e sostituzione parafango dx ; verniciatura cestello batterie anteriore
400€ carro attrezzi LI -> MO
250€ MO -> PA (andata e ritorno :):):):)
1200€ officina fiat per verifica generale sostituzione batterie e revisione ; sostituzione tamponi posteriori freni bloccati , rettifica dischi anteriori.

n.b. nei 1200 dell'officina i cestelli batterie li abbiamo smontati un paio di volte per inerire i moduli ccm per evitare la disequalizzazione delle batterie...


Ciao


Fox


(evvvaiiii sono arrivato 1000 inutili messagggi!!!!)


<input id="gwProxy" type="hidden"><!--Session data--><input onclick="jsCall();" id="jsProxy" type="hidden"><input id="gwProxy" type="hidden"><!--Session data--><input onclick="jsCall();" id="jsProxy" type="hidden">

gianni.b
17-03-2013, 11:28
Cari amici,

sono un novellino del forum e avrei subito qualche domanda da farvi.

Ho notato su di un famoso sito di compra-vendita europeo di auto che ci sono alcune Citroen Saxo elettriche in vendita.

E' secondo voi raccomandabile spendere 6-7000 euro per uno di questi veicoli o conviene attendere un ulteriore
miglioramento delle batterie al litio affinchè i prezzi delle auto elettriche si abbassino?

Ho letto che alcuni utenti del forum possiedono tale auto e l'hanno trasformata e-o migliorata nel corso del tempo grazie alle loro abilità artigianali non so con quanto successo e convenienza a parte la soddisfazione personale.

Io vorrei usarla come seconda macchina e mi accontenterei di un centinaio di km di autonomia con una velocità anche di soli 80 km/h ,però l'unica cosa che pretenderei sarebbe la durata di molti anni delle batterie in modo da ammortizzare almeno in parte l'acquisto.

Se compro in Francia una tale auto è omologata per circolare in Italia?

Possiedo un impianto fotovoltaco da 2.5 kw installato sul tetto di casa.

So che le mie sono domande difficili e controverse.

Un grazie e un saluto a tutti.

richiurci
29-03-2013, 17:18
Ciao Gianni,

ho unito la tua domanda a questo 3d specifico, in questa sezione c'è anche un altro 3d che parla del cambio batterie se un domani dovesse servirti...

Proprio oggi mi hanno fermato i vigili del mio paese a bordo della mia Seicento elettrica recentemente rimessa in strada.

Ovviamente mi sono vantato del gioiellino, e dal vigile ho saputo che

il comune di Pessano con Bornago (MI) sembra stia per rottamare una Saxo elettrica!

Se qualcuno di voi è interessato vi invito a provarci, scrivendo o telefonando al comune (in particolare all'ufficio tecnico)

Per quanto ne so l'auto funzionava fino a qualche tempo fa; prima di trovare la mia Seicento presso altro comune avevo provato a contattare il comune di Pessano senza ricevere risposta...

Come ho già scritto nel mio 3d una vendita da parte di ente pubblico è abbastanza complessa, richiede un minimo di sbattimento da parte degli impiegati, ma con la mancanza di fondi attuale buttar via un'auto e qualche centinaio di euro per la rottamazione, invece che ricavarne magari un migliaio dalla vendita non è proprio segno di responsabilità.

fatevi sotto, aspiranti guidatori elettrici!

Fabrizio BPSL
02-04-2013, 09:31
> Gianni.b:

Come (sfortunatissimo) utilizzatore di Saxo, ti posso dare qualche consiglio.

Una Saxo elettrica e' molto divertente, specie nel traffico cittadino. Un progetto che ho a lunga scadenza, e' di andare al mare (da qui, sono poco meno di 100 Km).
Le batterie nicd soffrivano, purtroppo, di problemi di separazione elettrolita, specie quando le caricavi e non le usavi subito. Questo l'ho imparato troppo tardi. Ho fatto sostituire le batterie nicd con piombo (la prima volta, in modo sciagurato, la seconda con 10 decenti batterie da 75Ah nominali, AGM), ricaricandole con un caricabatteria esterno a tre stadi (carica a corrente costante, assorbimento a 147V, mantenimeno a 138) da 5Ah. Meglio aspettare un po' di piu', piuttosto che stressarle.
Veniamo al prezzo: SEIMILA EURO, secondo me, e' un prezzo eccessivo per un'auto con batterie KO. Meno della meta', se marciante ed in buone condizioni, visto che devi spendere, ad occhio, una cifra equivalente per le batterie e lavoro. E poi c'e' sicuramente la pompetta benzina per il webasto (riscaldamento) da cambiare.
Il lavoro per cambiare batterie: le batterie nicd sono raffreddate ad acqua. Va quindi interrotto il circuito di raffreddamento li' e ripristinato correttamente (raffreddamento elettronica). Richiede un meccanico intelligente, ma niente di impossibile. I manuali si trovano, basta chiedere.
Io sono sfortunato perche' la Saxo, dopo 400 Km dal secondo cambio batterie, mi ha lasciato a piedi. Probabilmente il motore ha un corto verso massa. Spero in questa settimana di sapere "come" e "perche'".
Batterie: questione spinosa. Io ho messo "piombo" perche' le ho studiate bene, tengo il piedino leggero, ho messo un bel voltmetro digitale nell'abitacolo ed ho percorsi ragionevoli. Ho fatto, con le 75Ah nominali, piu' di 60 Km (e, voltmetro alla mano, avevo ancora un po' di strada da fare). Il ragionamento e' che, cosi', ho 10 o 20 mila Km, dopodiche' conto sul calo di prezzo delle litio.
Messe 4 batterie nel cestello anteriore e 6 in quello posteriore. Mi sono calcolato bene le misure, "terzo cestello nel cofano" vuoto, ci ho messo il caricabatteria.
Non so nulla sull'importazione Saxo dalla Francia, suppongo che vadano reimmatricolate in Italia. In questo caso, il prezzo di vendita DEVE scendere ancora (quanto costa reimmatricolare un'auto?).

Sarei curioso di sapere il "noto sito di compravendita", che non ho capito. Ebay?.
Spero tu possa scriverlo qui, ma nel caso... se me lo potessi scrivere in privato, mi faresti un favore. Magari hanno auto rottamate per ricambi a modico prezzo.

gianni.b
02-04-2013, 20:18
Cari amici Riccardo e Fabrizio,
intanto grazie delle Vostre risposte.
Devo dire che grazie a voi,pur non possedendo un auto elettrica, mi sono fatto un'idea delle molte problematiche a cui si va incontro.
Problematiche che sarebbero di molto ridotte se le case automobilistiche avessero preso seriamente in considerazione l'auto elettrica.
Tra parentesi una delle mie due auto è una Saxo con impianto a gpl che mi ha dato molte soddisfazioni ma ormai ha 11 anni , molte botte
da parcheggio e da grandine e 150000km.

Vorrei contattare privatamente sia Riccardo che Fabrizio ma non so come si fa qui sul forum.

Il sito misterioso non è ebay , non so se posso scriverlo qui ma è universalmente conosciuto fra gli utenti di internet ,vi si acquistano e vendono auto e moto usate di mezza Europa..Ogni tanto ,vi appare qualche auto elettrica soprattutto in Francia Germania e Austria.

Aspetto istruzioni intanto ciao.

richiurci
03-04-2013, 00:30
gianni, speriamo di salvare un'altra auto elettrica, comunque benvenuto sul forum, spero di vederti presto scrivere a riguardo!

Fabrizio BPSL
03-04-2013, 08:55
Cari amici Riccardo e Fabrizio,

Devo dire che grazie a voi,pur non possedendo un auto elettrica, mi sono fatto un'idea delle molte problematiche a cui si va incontro.
Problematiche che sarebbero di molto ridotte se le case automobilistiche avessero preso seriamente in considerazione l'auto elettrica.


E' un po' un cane che si morde la coda: l'auto elettrica COSTA perche' principalmente... le batterie COSTANO. Cosi' nessuno fa granche' per cambiare questo circolo vizioso. Il "progetto PSA" (Saxo, AX ed un'altra che non ricordo) era ottimo, tanto e' vero che ancora oggi le macchine circolano (risolti i problemi dell'eta'), ma e' stato seppellito dall'essere fuori mercato... e dalla cialtroneria di chi avrebbe dovuto fare assistenza.
Sento dire che adesso le litioferro stanno scendendo di prezzo, tanto da diventare "appetibili". Al momento ho notizia di elementi singoli litioferro 100Ah ad un'ottantina di dollari (trasporto, iva, sdoganamento, BMS ecc ecc esclusi), prezzo mai visto finora. I prezzi stanno scendendo, si spera.
Col prezzo di cui sopra, si puo' parlare del costo "puro" delle batterie per una Saxo di qualcosa piu' di un tremila euro, PIU', ad occhio, almeno altrettanto per il lavoro. Non poco, ma cosi' facendo si ottiene un'auto agile e scattante e con un'autonomia di circa un centinaio di Km (o poco piu') ed una... "speranza di vita" di mille o duemila ricariche. Non poco e che permetterebbe di ammortizzare il COSTO. Sf...ortune escluse.

Che si fa? Io aspetto. Oggi pomeriggio mi fanno la diagnosi del motore della mia Saxo (corto verso massa. Bella sf...ortuna). E spero.

celioregoli
03-04-2013, 13:36
Sono nuovo e ciao a tutti.
La prendo io la Saxò , mi lancio nell'avventura .
Vediamo di salvare un altra auto elettrica , ne ho vista un altra in francia sul sito che dicevate e gli ho scritto ma non mi rispondono,avrei anche la possibilità di andarla a prendere col camioncino.
Grazie per la segnalazione perchè di saxò ne volevo una per mia mamma e una per un mio amico e le metteremo entrambe litio.
Ciao

richiurci
03-04-2013, 23:26
bene, speriamo che il comune si convinca a indire una vendita pubblica invece di rottamarla!

A Gianni e Celio, visto che sono nuovi del forum, raccomando solo di documentarsi molto, leggere questo 3d e il forum...cercare manuali d'officina ecc ecc

La Seicento Elettra è molto più conosciuta qui, ma della Saxo si parla anche su altri siti.

CHIEDETE CHIEDETE CHIEDETE

Sistemare un'auto elettrica 'vecchia' non è banale, e non è affatto economico se lo fate fare a meccanici (o meglio elettronici...)

Ci sono anche aspetti di sicurezza, sia elettrica che stradale!

Io prima di prenderla ho passato mesi a leggere tutto il leggibile...mi raccomando, non vorrei sentirmi responsabile di un incauto acquisto!

celioregoli
04-04-2013, 17:51
Capisco fabrizio ,che tra l'altro ci conosciamo di persona,che con tutti i problemi che ha avuto non può promuovere più di tanto l'auto elettrica.
Io invece sono contentissimo e lo esterno con tutti perchè solo il fatto che non fa rumore è un lusso esagerato.
In più siccome non voglio alimentare il mercato del petrolio, per principio, allora sono disposto a spendere come a girare a benzina
ma giro elettrico e i soldi li do non a loro ma a venditori di pannelli batterie ecc ecc.
Quindi compro la saxò ci metto 200A di lifepo4 che sono 5000 6000 euro più i 2000 euro per la saxò,passaggi spese di trasporto ecc ecc...alla fine con 8000 euro ho un auto che fa 200 Km e per me così è fantastica, la collego ai pannelli fotovoltaici e il carburante è gratis.
Per contro vorrei che non si espandesse troppo il mercato delle elettriche perchè per ora ai distributori lasciano la corrente attaccata e io in varie situazioni di emergenza mi sono sempre tolto dai pasticci e sono sempre arrivato a casa....magari in futuro le trovo a pagamento e allora andrà benissimo lostesso.

Fabrizio BPSL
05-04-2013, 10:01
A Celio (ciao, eh!) dico sempre che bisogna sempre fare un calcolo da... ragioniere: costo totale (acquisto, meccanico, batterie e cosi' via), DIVISO Km percorsi. I "numerini", come diceva Cuccia. Freddi calcoli, che dicono chiaramente quanto spendi.
A quel punto, puoi mettere in fondo al calcolo i vantaggi dell'elettrica. Ad esempio, a Bologna vai in giro per le ZTL e parcheggi gratis sulle strisce azzurre. Il costo a Km che, sempre salvo sfighe (ed io ne ho un concentrato!), e' oscenamente basso, specie se puoi fare ricariche gratis (pensiamo ad una piccola azienda: vuoi che ti impediscano di ricaricarti l'auto?).
Fatto il bilancio, possiamo metterci i sentimenti: l'amore che ci porta a restaurare un'auto. C'e' chi recupera un veicolo storico, vivaddio e spende cifre importanti, almeno NOI ci possiamo girare tutti i giorni.
Ma, almeno, abbiamo fatto un ragionamento lucido.

Comprendo fino ad un certo punto Riccardo Urcioli: sistemare un'auto elettrica certo non costa due spiccioli: sono alcune migliaia di euro solo di mano d'opera, ma... o siamo meccanici "noi", oppure dobbiamo mettere in preventivo che gli artigiani vorranno essere pagati. Al momento il motore della mia Saxo e' stato smontato e ripulito, visto che ha (mi auguro: "AVEVA") problemi di corto verso massa, dovuto ad un accumulo di polvere di carbone (...le spazzole). Costera' caro, ma spero di ritrovare la mia macchinina... che, sempre per la cronaca, ha una centralina che fa... meno la schizzinosa, rispetto alla 500. Per capirci, posso ricaricare le batterie esternamente, lasciando bellamente a zero la lancetta dell'indicatore di carica, regolandomi con i Km parziali, la conoscenza delle batterie ed un'occhiata al voltmetro. Oggi col piombo, domani con le litio (hanno una scarica abbastanza lineare). Si capisce in fretta il loro stato di salute, se abbiamo fatto le cose per bene.

celioregoli
05-04-2013, 10:57
A me invece la lancetta Energie piace molto e funziona molto bene.
Io al posto tuo , in futuro , metterei 100A come da originale litio o quello che vuoi e quando carichi colleghi il lexia così si accende l'ECU energie sale e il caricabatterie lo colleghi nel suo morsetto che sappiamo.
Te lo sai già ma lo dico perchè lo sappiano tutti , aggiungendo un altro pacco di battterie Amperaggio X controllate a parte, e collegandolo ai morsetti giusti,il misuratore ECU se ne accorge e ne tiene conto e segna l'autonomia perfettamente.
Io lo faccio già con un generatore acceso mentre vado da 6Kw e funziona.
Devo dire che mi faccio tutto io e quindi non devo pagare il meccanico...e così i conti tornano.

gianni.b
08-05-2013, 20:37
Ciao a tutti,
circa 3 settimane fa ho telefonato in Comune a Pessano per sapere cosa hanno intenzione di fare con la saxo elettrica.
Mi hanno chiesto di avere pazienza e che comunque sarebbe stata fatta un' asta,
devo però confessarvi che leggendo gli
interventi e le esperienze fatte dai forumisti mi sono scoraggiato.
Sono un operaio che bada al sodo e,al presente, non vedo convenienza alcuna nel comprare un'auto vecchia di più di 10 anni(a 1000 euro se va bene)
con batterie al nichel cadmio completamente esauste da smaltire a mie spese per poi fare installare nuove batterie (al piombo?) ed avere:scarsa autonomia , scarsissima affidabilità e scarsissima assistenza.
C'è anche da fare un'altra riflessione:
l'auto elettrica pur consumando poco, qualcosa comunque consuma e costa , cioè circa 2 euro ogni 100 km(correggetemi se sbaglio) che sono comunque vicini ai circa 3 euro per 100 km dichiarati (bisogna vedere se è vero) da Fiat e Volkswagen per le loro nuove auto a metano,con ben altre prestazioni.
Lascio a malincuore a celioregoli e/o ad altri (con competenze elettromeccaniche migliori delle mie) l'onere /piacere di recuperare la Saxo con la sola preghiera di tenerci informati sui loro progressi nel "restauro".
Il sogno dell'auto elettrica per le mie finanze rimane un sogno.
Un caro saluto a tutti.

celioregoli
08-05-2013, 22:41
Meno male che così non facciamo gara tra di noi che sarebbe controproducente,mettiamoci d'accordo prima di scannarci al momento dell'asta.
Io la voglio assolutamente , pianto la tenda davanti al comune se serve.
E' per mia mamma e la mamma non si tocca si sa.
So bene le varie problematiche ma io lo faccio per altri motivi,non voglio alimentare il mercato del petrolio, girare elettrico è un lusso e infatti la nuova pubblicità della nissan rispecchia il mio pensiero,gli altri sembrano delle caffettiere a vapore del pleistocene .
Preferisco dare i soldi a un cinese che mi da delle batterie piuttosto che ai petrolieri .
Dalla mia parte c'è pure che mi faccio tutto io, sul cric ...sdraiato in terra....ma ce la faccio.
Da un anno ho già smontato tutte le 27 batterie ,cambiato 2 volte le spazzole, e ultimamente i bracci delle sospensioni anteriori e le testine snodabili dello sterzo...sempre sul cric, e per sicurezza una colonnina sotto.
Siccome è il mio unico mezzo di trasporto ed è un anno che ci giro ed ho fatto l'abitudine,guardo gli altri andare a scatti dimenarsi e mi fa strano vedere che per spostarsi fanno esplodere ripetutamente del carburante......puzza fumo rumore....

vac
19-06-2013, 21:18
Quoto! "gli altri sembrano delle caffettiere a vapore del pleistocene ."

Molti sono disposti a spendere cifre assurde x un ammasso di ferraglia rumorosa puzzolente solo perché parte facendo fischiare le gomme
Alcuni sono disposti a pagare caro un veicolo perché è un po' più silenzioso e magari ha il cambio automatico.

Noi ci vogliamo pretendere che viaggiare in silenzio, confort, e pulito (=elettrico) sia necessariamente anche un vantaggio economico.
Io mi accontenterei di avere costi simili (=a portata dei comuni mortali) ed un affidabilità adeguata. (il caso di Fabbrizio insegna)

Fabrizio BPSL
20-06-2013, 10:27
Aggiornamentino: in questi due mesi, sono riuscito a procurarmi l'intera elettronica di un'AX ormai incidentata. Non avevo altra soluzione.
Ipotizzo che il motore abbia fatto un corto a massa e danneggiato la scheda di potenza (il VMOS, probabilmente) che l'alimenta.
Motore smontato e ripulito, diagnosi: "grumo di carbone tra gli avvolgimenti"). Che io sappia, sono il primo a cui succede. La mia Saxo ha 14000 Km, c'e' gente che manco con una soffiata al motore, supera 100000 Km. Saro' un po' sf...ortunato.

La Saxo funziona. Ho comprato un Lexia, un diagnostico per Citroen, scoprendo poi che la "telecodifica" sulle batterie, non andava fatta: ora la macchina "crede" di avere batterie piu' delicate, non eroga piu' di 100A al motore (prima ne dava, spingendo, fino a 200) e piu' in generale e' un po' "lessa". Sto aspettando di trovare qualcuno con l'ELIT in grado di ripristinarla come prima (chiave: "batterie R, cioe' Rinforzate. Poi ci penso io a tenere il piedino leggero). Ma almeno "va". Per ora. ;-)

Certo, va considerato che una macchina vecchia, richiede qualcuno competente in grado di sistemarla. Celio, si arrangia piuttosto bene. Io, devo ricorrere ad un costoso meccanico. Ma non devo pagare la corrente di ricarica, facendolo in ditta. Per la cronaca, la Saxo, con batterie al piombo, trazione leggera, 75Ah (10 in serie) e' agile come con le batterie originali. Certo, piede leggero come una piuma, occhiata al voltmetro (l'ho messo io) e consapevolezza che l'autonomia e' a dir molto di una sessantina di Km. Secondo me, accettabile, considerato che una macchina, in citta', mediamente ne fa una trentina.

Ma sono considerazioni personali. Col senno di poi (ma chi ha la sfera di cristallo? I miei calcoli erano ragionevoli), avrei potuto prendere un'auto nuova. Magari lo faro', in futuro.
La comodita' d'uso dell'elettrica, e' unica. Non e' solo la silenziosita', e' anche l'assenza di cambio, la fluidita' del motore e cosi' via. E poi, salvo sf...ortune, ci si puo' stendere un decente piano di ammortamento: costo, manutenzione, ricarica ecc ecc. Al momento tende ad essere sfavorevole (specie confrontata al metano. Ma la voglio vedere con la benzina, calcolata su 50 o 100000 Km), ma non e' detto che in futuro le cose non migliorino.

celioregoli
06-12-2013, 17:02
Era dal 3 aprile di quest'anno che ogni tanto mi facevo sentire per la saxò , e nulla, non la vendevano e ne la demolivano, ieri mi sono fatto risentire e .....l'anno demolita tre giorni fa.
Ma se sono 7 mesi che la chiedevo!!!!
Viva l'italia, potevano incassare dei soldi e così hanno speso i soldi di noi contribuenti per smaltirla.....che spreco , che rabbia!!!!
Che stupidi.

richiurci
06-12-2013, 19:49
ma chi,il comune di pessano? Hai qualche riferimento, mail o simili? Scrivo al giornalino locale!

celioregoli
07-12-2013, 18:27
Si ho le email , e non mi ha mai risposto tranne l'ultima volta dicendo che era stata demolita . Avevo comunque telefonato ogni volta che non ricevevo risposta e mi sentivo dire che ci sarebbe stata un asta e di controllare ogni tanto il sito del comune di PESSANO.
Ho chiesto al demolitore a chi era stata venduta e ho scoperto che erano 2 saxò già destinate a.....non me lo hanno voluto dire, ho insistito perchè al limite mi rivolgevo a lui per i ricambi ma nulla da fare non me lo hanno voluto dire dicendo che tanto lui li vene all'estero.
Mi sembra una scusa bella e buona perchè quale sarebbe la differenza tra vendere a me o all'estero?
Anzi facendo tutto in italia si risparmierebbe le spese di trasporto e i miei soldi valgono uguale a quelli esteri.
Allora mi viene da pensare male, bustarella ,così demoliscono , a spese dei contribuenti , e il "bustarellatore" le ritira per una "cicca" , a discapito delle casse comunali PUBBLICHE.
Quindi mi sembra proprio il caso di scriverlo sul giornalino, anzi lo direi alle jene che ne conosco una di persona molto bene perchè abbiamo lavorato per parecchi tempo assieme in giro per il mondo con il teatro,non dico quale ma di Milano.

richiurci
08-12-2013, 20:33
no così è un po' diversa la cosa, intendo che forse l'hanno radiata per esportazione.. comunque per il comune è più comodo (Arcore per vendere la mia aveva dovuto organizzare una vendita pubblica, un bel casino)...

Almeno non vanno in pressa, ma sarebbe interessante scoprire quanto ci hanno preso anzi probabilmente quanto gli è costata la demolizione... magari mandami qualche dato/mail in MP

celioregoli
10-12-2013, 20:08
ma no, la demolizione per esportazione la conosco, ho vinto all'asta 3 auto, saxò,berlingò,106 su agorastore.
Quelli la demoliscono, c'era un altra auto appoggiata sul tettuccio....ORROREEE!!!!!!!
Non mi hanno voluto dire nulla nemmeno il prezzo....per certe cose sono molto efficiente e chiedo e richiedo e sono pedante.
Ho le email ma chiedo solo di acquistare l'auto e non mi rispondono.

Mi sono attivato alla ricerca di un altra auto ad Arcore appunto,in demolizione (fFerrari) mi hanno dato questa informazione.
Ho scritto ad Arcore ma non mi hanno risposto.
Hai un contatto ?
grazie.

richiurci
11-12-2013, 23:17
ma elettrica anche quella di Arcore? Comunque io cercando la mia avevo scritto ai comuni, di solito ufficio tecnico o tesoreria, ma anche URP. Poi avevo dialogato con l'ufficio tecnico finchè hanno fatto l'asta.
I numeri li prendevo dai siti dei comuni

celioregoli
12-12-2013, 10:59
Si elettriche, ho saputo che ad Arcore hanno il sotterraneo pieno di auto elettriche che le usano i dipendenti comunali.
E mi hanno detto di chedere se ne vendono qualcuna perchè ogni tanto rinnovano il parco auto.
Ho scritto ma non mi hanno risposto.
Ritenterò, se no vado li di persona perché se carta canta, uomo parla e si vede bene e te lo ricordi meglio .

Lecologico
07-03-2015, 12:24
Buongiorno ragazzi,
ho da poco acquistato una citroen saxo elettrica in ottime condizioni con all' attivo 59000 km l' auto va bene e ha una buona autonomia che si aggira intorno ai 70 km senza esagerare con il piede. Ho un problema con il riscaldatore che penso vada a benzina, ho notato una perdita di carburante volevo chiedere se qualcuno di voi ha avuto lo stesso problema. Inoltre volevo chiedervi se qualcuno ha il manuale di uso e manutenzione per questa auto. Grazie a tutti per l' eventuali risposte.

vac
07-03-2015, 21:53
Anch'io ho una saxo elettrica, anzi ho la seconda perché con la prima sono arrivato ad 82'000 km poi un famigliare me l'ha distrutta in un incidente.
Io sono tra i pochi fortunati che non ha avuto problemi al Webasto, anzi il webasto della Saxo incidentata l'ho appena svenduto.
Io, Celio Regoli e Fabrizio BPSL abitiamo In romagna e ci siamo conosciuti anche nel modo reale :)
Tu di dove sei?
Sai già tutto sulle batterie Ni-CD della Saxo?
Sai già che staccando il Relé del servosterzo si guadagna il 20% di autonomia?
Sai già dei problemi delle spazzole e della pompa dell'acqua?

Hai già visto il nostro sito con i manuali tecnici? (entri nell'area riservata con "emissionizero")
http://vaconline.altervista.org/car/index.php
Se non trovi il manuale che cerchi puoi contatarmi dall'area contatti di quel sito.

Abbiamo anche un forum:
emissionizero.forumfree.it/?act=Members

Fabrizio BPSL
09-03-2015, 11:14
Buongiorno ragazzi,
ho da poco acquistato una citroen saxo elettrica in ottime condizioni con all' attivo 59000 km l' auto va bene e ha una buona autonomia che si aggira intorno ai 70 km senza esagerare con il piede. Ho un problema con il riscaldatore che penso vada a benzina, ho notato una perdita di carburante volevo chiedere se qualcuno di voi ha avuto lo stesso problema. Inoltre volevo chiedervi se qualcuno ha il manuale di uso e manutenzione per questa auto. Grazie a tutti per l' eventuali risposte.

Ti dico subito: non fare i miei errori (io ho perso le batterie nicd dopo poche migliaia di Km. chissa' com'erano state trattate "prima") e, direi...
Manutenzione (acqua distillata), secondo specifiche e con la preventiva carica "da manutenzione". Cerca i link e non sbagliarti.
Occhio a quello che i francesi chiamano "metallizzazione", ovvero la migrazione irreversibile del cadmio, che avviene nel maggior edei casi, quando carichi "totalmente" le batterie... E NON LE USI. Dicono, addirittura, di girare 500 metri dopo la carica, se la devi lasciare parcheggiata. Qualcuno usa un timer, per avere la macchina caricata "di fresco" la mattina. Il cosiddetto "effetto memoria" (microcristallizzazione dell'elettrolita) ha poco senso, in un'auto ad elettrolita liquido.

Quanto al webasto, visto che le specifiche dicono che "devi" farlo girare una volta al mese (anche solo un minuto) per evitare inchiodamenti della fragile pompetta che gli porta la benzina... beh, evidentemente, e' da cambiare. Prepara un centoventi euro, grosso modo.

Si trovano tutti i manuali, piu' le esperienze di noi pochi utilizzatori. Oltre al forum, ci si sente anche per email.
Io sono all'ennesimo cambio batterie. Mi incaponisco con quelle al piombo, ma con tutto quello che mi e' successo (ho pure fuso il vmos di potenza, per motivi non chiarissimi. Forse il motore di trazione aveva grosse perdite di isolamento, forse era poco protetto lui stesso... beh, ho dovuto rifare entrambi), temo che, dovessi fare questo grosso investimento... mi succederebbe "qualcosa d'altro".

Ma fatti sentire. E' importante, per la salute delle tue batterie.

Lecologico
09-03-2015, 17:18
Grazie ragazzi per le vostre pronte risposte io sono in Ancona nelle Marche l' auto l' ho acquistata da una concessionaria di Perugia, e del 2003, vedendo le vostre informazioni deduco che nel 2003 l' auto e stata migliorata parecchio rispetto alle prime versioni cmq non sono tanto aggiornato sulle problematiche delle batterie so solo che c' è da controllare le spazzole ma non so neanche da dove cominciare, e rabboccare le batterie con acqua distillata e anche li purtroppo non ho nessuna informazione in merito, per quanto riguarda la pompa per riscaldamento ho messo nel serbatoi della benzina ma non ho avuto nessun risultato quindi visto che l' auto è stata ferma 4 anni presuppongo come suggerito da voi che si debba cambiare la pompa di benzina.
Veniamo alle prime impressioni di guida, per me l'auto e straordinaria in tutti i sensi sia come comodità ma anche come stabilità e guidabilità, tengo a sottolineare che ha all' attivo 60.000 km, con carica completa attualmente ho percorso 68 km tra salite e discese e qualche piano tenendo sempre il piede leggero e mancava ancora il 25% di carica.
Sinceramente per il momento mi ritengo più che soddisfatto anche dell' autonomia, adesso anche con il vostro aiuto e la vostra esperienza cercherò di fare la manutenzione e di tenerla il più a lungo possibile.
Vi chiedevo in merito consigli come fare manualmente tale manutenzione e se ci vogliono attrezzi particolari come ponte ecc.. oppure si può fare tranquillamente in garage magari con l'aiuto di qualche amico con un po' di esperienza in materia.
Vi ringrazio ancora e aspetto vostre risposte e pareri merito.

Fabrizio BPSL
10-03-2015, 16:58
Beh, Lecologico, comincia coi link di Vac...
Qui un esempio di club (svizzero, ma non e' che cambi i fatti). Un giorno andro' in Svizzera e stringero' la mano a Tinetti, per la cronaca.
Supporto Veicoli » EcoVelClub (http://ecovelclub.ch/supporto-veicoli/)

Per la manutenzione. Ti tocca attrezzarti, vista la scomparsa degli strumenti diagnostici "antichi".
Io ho "dovuto" cercare un Lexia. Noto oggi che il link addirittura il sito di ecommerce e' scomparso. Evidentemente, non era tanto "sano".
Bene o male, ti serve, minimo minimo un Lexia. La procedura per fare manutenzione (acqua) alle batterie e' lievemente complessa, ma niente che non possa fare chiunque, con un po' di tempo a disposizione (e no, non serve un ponte). Ti suggerisco caldamente di farlo al piu' presto, se ignori l'ultima volta che e' stato fatto. Poi, la frequenza e' "ogni 4000 km circa".
Cerca, eventualmente, un meccanico citroen. Parlagli della saxo elettrica. Serve un Lexia, un EV Lite, . Il connettore e' sul lato guida, sul passaruota. Devi rantolare. E' "30 pin". Una bestiaccia rettangolare. Alla fine, spenderai soldi... per adattare tre fili di una seriale ad una USB. Piu' il software. Che, a seconda di dove si compra, non metto la mano sul fuoco sia originalissimo dovunque. Ma e' uno stato di necessita': i meccanici vengono "costretti" a cambiare il loro vecchissimo Lexia.

Lecologico
03-04-2015, 08:39
Ciao, mi sa che con le batterie ho fatto qualche danno ho rabboccato le batterie con acqua distillata senza nessun software e pc sino a che non e uscita l' acqua da un tubo di scarico sotto l'auto e andata bene per circa 1500 km poi in carica non raggiunge più il 105% come prima ma si ferma al 95%.
Vi e mai successo? Cosa posso fare?
Grazie.

CorradoSte
21-04-2015, 09:32
ciao ragazzi, i post che avete scritto, mi interessano tanto. Io dovrei rifare la macchina ed ero indeciso se comprare una macchina a km0 (http://www.automobile.it/) (o usata che sia) oppure optare per una elettrica. L´idea dell´elettrica non mi dispiace, visto che il carburante sta salendo sempre di più. Inoltre cosí si fa anche una buona azione per l´ambiente. Ora ho letto quello che avete postato sulle macchine elettriche e devo dire che i miei dubbi sono aumentati. Qualcuno mi può consigliare, se vale la pena, oppure le macchine messe per ora in vendita non sono ancora all´altezza e richiedono dei perfezionamenti? Grazie

Fabrizio BPSL
21-04-2015, 11:49
CorradoSte, se devo dirti, un'elettrica ATTUALMENTE, ha un costo che, purtroppo, sfonda ogni piano di ammortamento che tu possa calcolare, rispetto ad un'auto a metano o, credo, pure a GPL. Inoltre, l'autonomia ti costringe ad un'affannosa ricerca di "una presa". L'ansia dell'autonomia e' qualcosa con cui fare i conti. Ti "salvi" solo se l'elettrica e' "seconda" e, quindi, la usi in citta'.
Certo, la fluidita' di un'elettrica e' a dir poco "divina", ma devi sempre tenere presente che, oltre al costo "certo" dell'elettrica (30 mila circa o la meta', PIU' il noleggio batterie, un'ottantina di euro al mese), c'e' quello "incerto". L'energia elettrica... o la "scrocchi" da qualche parte, oppure la paghi, a seconda del contratto. E' un costo che va considerato.
Buona Azione per l'ambiente, sicuramente. Sei disposto ad investirci la differenza del costo dell'auto metano/elettrica? Puo' ammontare intorno ai 15 o 20 mila euro.

Lecologico: io piu' che dirti di leggere i miei messaggi, cercare nei link che ti ho dato e su Google, usando le parole chiave che ti ho suggerito... non so. I sintomi che dici, sono gravi. DEVI FARE DI UN RABBOCCO ACQUA, MA FACENDO UNA RICARICA DI MANUTENZIONE, come spiegato nei link (e con un Lexia od equivalente).
Io mi sono rovinato le batterie, tempo fa. Erano gia' deboli di loro... ed ho trascurato il rabbocco.
PROBABILMENTE hai diluito l'elettrolita in qualche modulo... e non hai rabboccato abbastanza in altri. Ma la sfera di cristallo e' ancora da lucidare e non mi sembra che tu abbia compreso il meccanismo di "metallizzazione" (migrazione irreversibile del cadmio) che e' massimo... con la carica totale (con sovraccarico), se lasci "ferma" la Saxo.

vac
23-04-2015, 10:57
Qualcuno mi può consigliare, se vale la pena, oppure le macchine messe per ora in vendita non sono ancora all´altezza e richiedono dei perfezionamenti? Grazie

Guidare eletttrici è bellissimo (silezioziosità, fluidità, ....) Ma è un lusso.

Se puoi andare a metano spendi circa uguale nel carburante e dimezzi il costo della vettura (e sfrutti tecnologia più diffusa/affidabile.)
E' fondamentale valutare l'uso, la disponibilità di punti di ricarica (sia col gas che con l'elettrico) la compatibilità dei propri spostamenti con l'autonomia, ....

vac
23-04-2015, 10:59
Lecologico (http://www.energeticambiente.it/members/lecologico.html)
Occhio che distruggere 15'000€ di batterie è semplicissimo!
Io abito a Forlì... Non troppo lontano da Ancona.
Potrei venire a farti vedere come si lavora.....
Nel mio sito c'è un modulo per contattarmi in privato http://vaconline.altervista.org/car/index.php

Lecologico
27-04-2015, 17:21
Non credo di aver fatto grossi danni alle batterie facendo quel rabbocco pressoché azzardato, in quanto l' autonomia e restata integra, credo però che debba agire in fretta, cmq nel frattempo l' ev-lite e stato ordinato dal sito consigliato da ecoVelClub soltanto che a quanto ho capito per la consegna c' è da aspettare una buona mesata. Nel frattempo mi sono messo in contatto con un socio del club che gentilmente mi sta prestando il suo per poter effettuare la carica di manutenzione con il rabbocco. Fabrizio la "metallizzazione" lo compresa benissimo in quanto uso un timer che stacca la carica dell' auto per evitare che arrivi al 100% e rimanga poi ferma. Vac ti ringrazio per la tua gentile proposta sicuramente avrò bisogno di una mano soprattutto per sostituire le spazzole del motore mi farò sentire in privato.

braga93
18-03-2018, 18:18
Ciao a tutti. sto valutando di acquistare un'auto nuova e da bravo studente di ingegneria dell'energia sto decidendo se prenderla a metano ( quindi o fiat punto/panda o citroen c3) o elettrica. avrei trovato una saxo in vendita a verona a 2500 euro del 2005 67 mila km con le batteria da cambiare. domanda 1: litio o piombo? perchè litio va sicuramente meglio ma se con una piccola botta o interperia entra ossigeno c'è il rischio che esplodi esattamente come le batt dei cellulari. piombo dura meno ma garantisce sicurezza almeno alla luce di quello che ho studiato. voi avete esperienza più sul campo quindi ne sapete sicuramente di più.
domanda 2: rapporto qualità prezzo tra litio e piombo? e quanto potrei andare a spendere per queste? perchè veramente non ne ho proprio idea.

P.S. era già stato aperto un topic sulla saxo solo che la sua era del 96 e il topic era del 2006. adesso le cose saranno cambiate o no?;)


grazie in anticipo.:)

richiurci
18-03-2018, 19:06
Ciao Braga e benvenuto!

Ehhh...ho unito la tua domanda al 3d specifico, non mi sembra il caso di crearne di nuovi.

C'è anche questo sul cambio batterie:
(Ri)Cambiero' le batterie ad una Saxo elettrica (http://www.energeticambiente.it/categoria-m1-es-auto-elettriche-/14748596-ri-cambiero-le-batterie-ad-una-saxo-elettrica-3.html)

Piombo proprio no, anche perchè l'auto in origine era al NiMH.

Certo che cominciano a essere auto vecchie e potrebbero sorgere problemi su parti elettroniche difficili da reperire... valuta bene, e direi che 2500€ sono un po' troppi, soprattutto se non si accende neanche.