Valutazioni per una casa indipendente nel nord Italia - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Valutazioni per una casa indipendente nel nord Italia

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Valutazioni per una casa indipendente nel nord Italia

    Fa parte di una schiera di villette, in provincia di Torino, costruita nel '93. A quello stesso anno risalgono anche il rivestimento isolante (che ora a detta di mia moglie architetto si sta staccando e crede che ci siano dei ponti termici) e una grossa caldaia a gas.

    Piano interrato (da riscaldare occasionalmente) da 80, piano terra dove si vive da 100 e primo piano sotto tetto da 60mq (anche questo da riscaldare occasionalmente).

    Al momento i consumi si attestano in media su 35€ bimestre di corrente e fino a 4k € di gas in casi di inverni rigidi. Sistema di riscaldamento attuale a termosifoni in alluminio.

    Tetto a falde rivolto con il lato della cucina e soggiorno quasi perfettamente rivolto a sud.

    A Caselle, circa 35km di distanza, la temperature assoluta minima è stata di -21.8°. Temperatura media in inverno -1.6, primavera 6.3, estate 15.8 ed autunno 7.3.

    Date queste temperature, cosa converebbe installare per riscaldamento e ACS? Split, PdC aria-acqua e scaldacqua?

    Ho letto che le pompe di calore Rotex arrivano fino a -20, anche se ovviamente mi aspetto dei rendimenti molto bassi verso la fine del range operativo. Cosa succede oltre? Hanno delle resistenze interne che possono sopperire all'incapacità di estrarre calore anche alle temperature più basse?

    Ipotizzando quindi ad un consumo luce di 1071 kWh annui e 4k di gas, fanno all'incirca 11071 kWh all'anno, col 20% di sicurezza fa 13285.2 kWh. Impianti Sunpower a 5km di distanza han fatto una media di 1400 kWh annui prodotti per kWp (sentito lo stesso proprietario!), quindi con un impianto da 9.49 kWp dovrei essere a posto..?
    Ultima modifica di elect; 04-12-2015, 08:45.

  • #2
    è una buona idea mettere il fotovoltaico ma senza sovra dimensionare,basta migliorare l'isolamento
    bisogna fare delle valutazioni,se è il caso di rifare il cappotto se il sotto tetto è abbastanza isolato,
    io scaldo casa di 180 mq su 3 livelli con un clima 12000 nella sala,con consumi dai 3 ai 7 kwh
    se la casa è isolata il calore ha il tempo di spandersi all'interno,al primo piano sto senza riscaldamento
    e ci sono 19-20 gradi

    Commenta


    • #3
      Ok, cmq cosa intendi con "clima 12000"?

      Commenta


      • #4
        intendo un clima mono con uno split un samsung

        Commenta


        • #5
          Con temperature del genere i sistemi PDC aria non rendono, è troppo bassa la temperatura. Valutare una PDC acqua? il costo del carotaggio però è intorno ai 40€ al m e se consideri che forse tene servono oltre 100m è un costo abbastanza elevato.
          Valuta la possibilità di installare una caldaia a biomassa.

          Commenta


          • #6
            Queste sono alcune delle valutazioni di un installatore in zona:

            "La pompa di calore ROTEX con un range di funzionamento da 40° a 65° in mandata e funzionamento climatico ha un COP medio stagionale tra 2,8 e 3. Assumendo un COP medio di 2,9 il fabbisogno elettrico è pari a: 11.079 kwhel/a."

            Quindi viaggerei tra un 2,8 e 3 medio.. non è basso, no?

            Commenta


            • #7
              Piuttosto che ragionare in EURO di gas, parti dai Metri cubi, elimini una prima fonte di errore.
              Poi..la caldaia di oggi è a condensazione o una cosa di 20 anni fa ? se vecchia, calcola efficienza 80%...vuol dire valorizzare circa 7,5 kwh per metr cubo.
              Poi dividi per il COP...fare 2,9 a Torino su termi con mandate fra 40 e 65..mi sembre un pò dura..ma di che modello rotex parliamo? della BISTADIO? se si, allora ok..ma è pure un pò cara.

              Se davvero hai bisogno di mandate sopra 45 gradi, io non andrei su una pdc...ma non è detto che tu lo deba fare...se per esempio questo inverno provi nella ettimana piu fredda a mandare a 45 ma H24..se tieni 20 gradi, allora sei ok.

              2 conti..mettima che usi 4500 mcubi..su caladaia vecchia sono 33.750 kwh...cop 3 sono 11.250 (qiello che ti si dice)+ 1000 =12.000
              Se metti 10 kw di FV farai 13.000 kwh...autoconusmerai 2500 e preleverai 9500..con la NUOVA Tariffa a regime dal 2018, spenderai circa 900 euro (netto rimborso SSP), senza contare i Fissi.

              In teoria, se sei in zona Enel, con un fisso da 1,5 i prelievo e 10 kw in immissione, comunque puoi prelevare 11 kw sempre..per cui il costo del fisso della bolletta elettrica sarebbe irrisorio..e potendo levare fisso del gas(120 euro anno) e costo controllo caldaia (100 euro anno), anche su fissi vai a risaprmiare 200 euro anno su oggi

              Se oggi spendi 4300 fra gas e luce..domani spenderai 1000 euro in tutto...sembra esserci spazio per ripagare anche una bistadio rotex..se invece stai sotto 45 di mandata , non serve nemeno una bistadio, e hai molte piu marche fra cui selezionate (Templari, Mitshubishi...)
              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

              Commenta


              • #8
                Caldaia vecchia del '93... Cmq anche secondo lui siamo sugli stessi kwht annuali circa.. "4000 mc /a corrispondono a circa: 4000*9,45*0,85= 32.130 kwht/a "

                Modello "
                Pompa di calore ROTEX HT 11 kw con accumulo sanitario da 300 lt: 13.350 € + iva 10%"

                Con nuova tariffa 2018 intendi la D1 o un'altra ancora?

                Commenta


                • #9
                  Ht mi pare sia la bistadio. Da capire se serve....
                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da elect Visualizza il messaggio

                    Modello "
                    Pompa di calore ROTEX HT 11 kw con accumulo sanitario da 300 lt: 13.350 € + iva 10%"
                    ROTEX Pompa calore aria-acqua HPSU hitemp 11H (11kW termici + unità esterna/interna)

                    Commenta


                    • #11
                      Ok è la bistadio. Siccome è cara, nel limite del possibile, previa verifica reale, vedi se possibile lavorare sotto 45 gradi anche col clima più freddo..se si, nin serve...basta una gas injection.
                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                      Commenta


                      • #12
                        In teoria 45° mi basterebbero sicuramente se cambiassi i termosifoni attuali con dei termoconvettori (o fan coil) che richiedono una temperatura minore, no?

                        Mi chiedo solo se abbia senso, visto che nessuno l'ha menzionata

                        Commenta


                        • #13
                          se metti i FC stai in una botte di ferro...e in piu potrai anche deumidificare e/o raffreddare , al bisogno.
                          Se provi a 45 gradi coi tuoi termi e risci a scaldare, potretsi anche evitare la spesa dei FC..da valutare..specie se hai o meno bisogno di raffrescare.
                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                            se metti i FC stai in una botte di ferro...e in piu potrai anche deumidificare e/o raffreddare , al bisogno.
                            Se provi a 45 gradi coi tuoi termi e risci a scaldare, potretsi anche evitare la spesa dei FC..da valutare..specie se hai o meno bisogno di raffrescare.
                            Domanda, ma essendo i 45° al limite superiore del range per PdC a bassa temperatura, dovrei aspettarmo delle prestazioni relativamente scarse o in questo caso non si applica?

                            Perchè se dovesse andare a bene, d'inverno girerebbe quasi sempre a 45°..

                            Ps: su che costo viaggia un buon FC ad acqua?

                            Commenta


                            • #15
                              45 non è certo il limite di T di una pdc tradizionale..la mia ariva a 62 gradi anche se fuori ci sono -10
                              però attento a non confondere temperatura ed energia.

                              Sui termi serve stare sopra 40 gradi perchè altrimenti essi erogano poca energia per unita di tempo..se metti fancoil potresti stare fra 35 e 40..serve meno T ..ma a fine giornata serve l stessa energia a parita di t esterna e interna della casa.

                              Però quello che cambia è la resa della pdc..che a 45 è ancora cettabile..a 40 è buona..a 35 è ottima.
                              Se devi stare sopra 45 allora serve un HT bistadio, che a 45 è ottima e a 50 ancora è buona..e la bisogno sale anche oltre 60 (ma non penso che esista una cosa che deve avere termi a 60 gradi H24 per stare a 20 gradi).

                              In ogni caso non pensare che stara SEMPRE a 45, perche se scaldi con 45 se fuori hai -5...quandoi fuori a 5 potrai scaldare con 40..e quando hai 10 magari con 38 (parlo sempre di scaldare H24)

                              Insomma..l'apporccio giutso è:

                              1) posso scaldare casa oggi con termi usando 45 come MASSIMO nei giorni peggiori? se è SI, allora metto una pdc stabdard (ch epero sia di POTENZA adeguata al fabbisogno di energia dela mia casa..e la T non è pu u parametro da valutare)
                              2) se non riesco a 45..posso aumentare del 20-30% il numero di elementi dei termi? se si, torna al punto 1
                              3) se non riesco...posso mettere FC? i tubi dell'iminato sono adatti alla portat dei FC che è elevata? i tubi sono ben coibentati in modo che posso usarli anche per raffrescare? mi interessa raffrecsare?

                              Un FC idronico penso ci sia per ogni tasca..immagino da 300 a 900 euro in base a marca e dimensione..se ha motore inverter..se ha filtri di un certo tipo..etc
                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                              Commenta


                              • #16
                                Ok il discorso tecnico-economico ma nella scelta occorre considerare anche il comfort dei FC rispetto ai termo per residenziale.
                                .
                                http://www.casasostenibile.org/casa.html

                                Commenta


                                • #17
                                  se ti serve raffreddare, i FC sono molto piu "comfortevoli" dei termi
                                  i FC di oggi sono silenziosi e se usati H24 il fluso di aria è minimo..
                                  Pero se non ti serve raffreddare e ti bastano itermi, come dicevo, è l'opzione prima..
                                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da mangusta Visualizza il messaggio
                                    Ok il discorso tecnico-economico ma nella scelta occorre considerare anche il comfort dei FC rispetto ai termo per residenziale.
                                    Tu li trovi meno confortevoli rispetto ai termosifoni?

                                    Commenta


                                    • #19
                                      In genere l'aria forzata è meno confortevole dei sistemi che sfruttano radiazione o convezione naturale.
                                      Riguardo comfort FC sarebbe meglio sentire esperienza di chi effettivamente li ha in casa.
                                      ...mi riferisco al riscaldamento, non certo ai termosifoni per raffrescare...
                                      .
                                      http://www.casasostenibile.org/casa.html

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Con la pdc daikin con scaldacqua inclusa, la detrazione è al 50 o al 65%?

                                        Commenta


                                        • #21
                                          non dipende dalla marca, ma dal tipo di impianto. La pdc dovrebbe essere unica fonte di calore per accedere al 65%.
                                          Chiaro che puoi mantenere gas per cucinare. Io ho eliminato tutto e vado a induzione.
                                          A parte che in zona climatica E come la tua e' assolutament sufficiente una zubadan, (mitsu) o una t-cap (Panasonic).Entrambe infatti mantengono inalterata la resa a -20.
                                          Io volevo mettere una Tcap e Panasonic stessa mi ha detto che non era necessaria per la mia zona climatica(E)
                                          Quindi valuta bene queste cose. A me han detto, "non abiti a Tarvisio, sarebbe sprecata, poi se vuoi mettiti pure una centrale nucleare, ma non ti serve".
                                          Ultima modifica di fedonis; 27-12-2015, 20:51.
                                          [SIZE=3][FONT=book antiqua]Non e' la specie piu' forte o la piu' intelligente a sopravvivere, ma quella che si adatta meglio al cambiamento.[/FONT][/SIZE]

                                          Commenta

                                          Attendi un attimo...
                                          X