Impianto fotovoltaico <1KW - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Impianto fotovoltaico <1KW

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Impianto fotovoltaico <1KW

    Ciao a tutti. Negli ultimi tempi ho appreso che gli impianti sotto 1kw godono di pratiche per la messa in opera ridotte, e quindi visto che necessitano solo di richiesta contatore bidirezionale (enel) e ssp (gse) ho deciso che nei successivi mesi andrò a costruirmene uno.
    Comincio dicendo il budget: 1500€
    Poi, i pannelli, di economici ci sono:
    • 4x BENQ Green Triplex 250P
    • 4x Solarworld SW250P
    • 4x Q-Cells Q-PRO G4 255P
    • 3x Kyocera Y-320P
    Tra questi qual'è il migliore?
    -Dubbio: sui primi 3 pannelli, non so se potrei montarli siccome hanno in totale una potenza >=1kw e quindi potrebbero uscire fuori e aver bisogno della trafila burocratica per impianti normali

    Poi si passa all'inverter:
    • OMNIK 1000TL2
    • Renesola RePlus-1000TL
    • Samil Power Solar River 1100TL
    Quale tra questi è certificato per la connessione alla rete elettrica italiana? E qual'è il migliore?

    Per l'inverter, poi ho altri due dubbi:
    • con solo 3 o 4 pannelli la tensione si mantiene sul minimo indispensabile per l'avviamento e quindi penso che oltre ad avere bassa efficienza possa anche dare altri problemi, quindi penso che dovrei prendere pannelli meno potenti ma in maggior quantità per raggiungere una tensione adeguata (in questo caso pensavo ai cis powermax della avancis/saint gobain)
    • per prevenire il PID dicono di mettere il polo negativo a terra vari produttori di inverter o pannelli, ma qui ci sarebbe un problema: gli inverter economici sono solo trasformerless e quindi a meno di non spendere 1500 per il solo inverter non ho idea di come fare. I moduli BENQ però li danno come resistenti al PID quindi in quel caso non si dovrebbe mettere il negativo a terra?
    Aspetto vostre risposte. Ciao a tutti

  • #2
    C'erano gia' le discussioni sugli impianti <1000w e sul PID ,
    visto il costo di 4 pannelli lascia perdere il PID , gli inverter da 1000w hanno come tensione attivazione e funzionamento valori consoni ai 4 pannelli , cioe' attorno ai 100V , non crearti problemi , i Renesola e Samil credo che siano omologati , ma devi vedere nelle norme enel....

    casomai riporta quello che sai ,sulle pratiche per i <1kw meglio se qui https://www.energeticambiente.it/leg...mative-14.html
    AUTO BANNATO

    Commenta


    • #3
      Ho dato un'occhiata alla discussione sugli impianti da <1kw ma c'è molta confusione, anche se credo che più o meno sia come dico io: comune, bidirezionale e ssp e finisce lì.
      Per gli inverter conformi alla cei 0-21 andando sul sito di anie energie non vedo nè samil power, nè renesola, nè omnik quindi? Ho guardato nel posto sbagliato?
      Magari vedo di fare uno sforzo e prendere uno SMA Sunny Boy 1500TL (SUNNY BOY 1.5/2.5) così sto anche più sereno visto che di solito sma è tra i top come qualità e cerco di risparmiare qualcosa sui pannelli.
      La tensione dell'inverter è tra 80 e poco più di 400. I pannelli fanno massima 120. Potrebbe succedere che se nuvoloso dia problemi per il voltaggio? In caso posso aggiungere qualche pannello di diversa potenza in serie per aumentare il voltaggio o si creano problemi?
      Poi, in che senso "visto il costo di 4 pannelli lascia perdere il PID"?
      Sono comunque quasi 1000 euro. Mi basta solo sapere se posso (o devo) o non posso (o non devo) mettere il negativo a terra e che cosa comporta.
      Delle discussione sul pid ci ho capito tra il poco e lo zero assoluto

      P.S. i pannelli Yingli Solar come sono? Hanno prezzi eccessivamente economici. C'è qualcosa sotto?

      Commenta


      • #4
        Update: col sunny boy sforo il budget anche con pannelli da 4 soldi, quindi vado su Mastervolt col Soladin WEB 1000. A quanto ho letto la mastervolt è abbastanza discreta come inverter.
        Come pannelli invece per stare sicuro come marca e come potenza vado su 4 q-cells q-pro g3 240w (totale 960w)

        In questo modo rientro nel budget dei 1500€.
        Poi, devo mettere sezionatori, fusibili, diodi, ecc...?
        Penso che basta un sezionatore + fusibile su dc e magnetotermico-differenziale su ac.

        Poi, con l'inverter collegato la tensione quanto sale?
        A casa mia ho spesso tensioni alte che vanno dai >240 a oltre 250 (e ovviamente enel dice "tutto apposto")
        Fino ad adesso non si è bruciato nulla (tranne le lampadine, che credo si bruciano di frequente per la tensione alta ma non ne sono sicuro).
        Potrebbe salire troppo la tensione con l'inverter o rimane sugli stessi livelli di adesso?

        Ciao

        P.S. Sui Q-CELLS lo devo mettere o no il negativo a terra? E la struttura ? ( https://www.q-cells.com/uploads/tx_a...ev06_EN_04.pdf )
        E col mastervolt si può? Dice nella brochure "tipologia inverter: trasformatore ad alta frequenza (HF)".
        Ultima modifica di gio1985; 04-01-2016, 22:56.

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da gio1985 Visualizza il messaggio
          Ho dato un'occhiata alla discussione sugli impianti da <1kw ma c'è molta confusione, anche se credo che più o meno sia come dico io: comune, bidirezionale e ssp e finisce lì.
          perchè, per impianti per es. da 3 o 5 kW cosa cambia rispetto a < 1kw (comune, bidirezionale e ssp)?

          Commenta


          • #6
            Per quelli da +1kw serve progetto e installatore autorizzato mentre a quanto ho capito per <1kw si può installare anche da soli in quanto viene considerato passivo. Ma non ho capito una cosa: se si vuole usare il modello unico per fotovoltaico si deve allegare o no lo schema unifilare dell'impianto?Penso di no essendo <1kw. Aspetto chiarimenti.Ciao.

            Commenta


            • #7
              Per gli impianti sotto il kW occorre fare solo le pratiche "ENEL" perchè comunque il distributore vuole sapere quali impianti sono connessi.
              Per l inverter non occorre che sia conforme alla CEI 0-21 quindi per esempio si possono usare i Mastervolt Soladin che non puoi usare sopra il kW.
              Per il PID concordo con quanto detto.

              Per quanto riguarda l elenco ANIE non è completo perchè la registrazione è a discrezione del costruttore non obbligatoria e in genere viene fatta dai soci ANIE mentre gli altri in genere non conoscono la procedura per accedervi.

              Commenta


              • #8
                Ho dei dubbi sulle vs.ultime affermazioni : intanto se fai un impianto elettrico l'installatore deve rilasciare DiCo in ogni caso e quindi il fai da te non esiste, il fatto che il <1kw sia considerato passivo non esime dall'obbligo di mettere inverter CEI 0-21 con le sue protezioni settate come vuole Enel , la state facendo un po' troppo semplice .....
                quindi schema elettrico fatto da chi puo' farlo , impianto con DiCo , fine lavori enel semplificata , in cui immagino si dovra' dichiarare che inverter e' stato messo....
                AUTO BANNATO

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da gio1985 Visualizza il messaggio
                  mentre a quanto ho capito per <1kw si può installare anche da soli in quanto viene considerato passivo..
                  Anche farsi un quadro elettrico o una nuova linea é passivo...ma mica te la puoi dare da solo. Qualsiasi impianto elettrico o sua integrazione deve essere fatta da professionista e poi il lavoro deve essere dichiarato conforme da chi lo ha eseguito. Farselo da soli e poi l'amico elettricista lo dichiara conforme è comunque un falso. Sicuro che Enel ti allaccia se quel giorno non vede la dichiarazione?
                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                  Commenta


                  • #10
                    Il mastervolt soladin 1000 É conforme alla CEI 0-21 (https://www.google.it/url?sa=t&sourc...fiaPsxnyGL50A) Ma facciamo un esempio: se compri quei pannelli da 250w con inverter enphase integrato penso che arrivi a casa, fai richiesta e poi quando hai il contatore attacchi.Penso che sia possibile farselo da soli l'impianto. Quindi penso che anche in questo caso sia la stessa cosa.
                    E comunque, non intendo fare l'impianto al risparmio, ma mettere tutto quello che si deve da sezionatori a fusibili, ecc...
                    @guapoapelota1 per il PID con chi concordi?Con me o spider61?

                    Commenta


                    • #11
                      Il,cavo dal,pannello alla tua rete di casa ...i quadri...il cavo dal pannello all'inverter... Sono una parte dell'impianto elettrico..e non te lo puoi fare da solo.
                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da gio1985 Visualizza il messaggio
                        Per quelli da +1kw serve progetto e installatore autorizzato mentre a quanto ho capito per <1kw si può installare anche da soli in quanto viene considerato passivo.
                        Hai capito male: progetto e installatore autorizzato servono comunque, anche per impianti passivi (e d'altra parte servono anche per impianti passivi "puri" senza fotovoltaico, cioè per es. un nuovo impianto elettrico o un nuovo circuito su un impianto esistente).
                        L'unica differenza è che sotto 1 kW sei considerato impianto passivo e quindi puoi non rispettare alcune prescrizioni su SPI e inverter: tanto per fare un esempio, se metti 4 microniverter con altrettanti pannelli dovresti installare anche una SPI esterna conforme alla CEI 0-21 con tanto di collaudo con cassetta prova relè, sotto 1 kW invece non è necessario.
                        Altre differenze non ne vedo (permessi, progetto, DICO, pratiche Enel/GSE/Terna)

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                          Il,cavo dal,pannello alla tua rete di casa ...i quadri...il cavo dal pannello all'inverter... Sono una parte dell'impianto elettrico..e non te lo puoi fare da solo.
                          Originariamente inviato da fabbietto Visualizza il messaggio
                          Hai capito male: progetto e installatore autorizzato servono comunque, anche per impianti passivi (e d'altra parte servono anche per impianti passivi "puri" senza fotovoltaico, cioè per es. un nuovo impianto elettrico o un nuovo circuito su un impianto esistente).
                          L'unica differenza è che sotto 1 kW sei considerato impianto passivo e quindi puoi non rispettare alcune prescrizioni su SPI e inverter: tanto per fare un esempio, se metti 4 microniverter con altrettanti pannelli dovresti installare anche una SPI esterna conforme alla CEI 0-21 con tanto di collaudo con cassetta prova relè, sotto 1 kW invece non è necessario.
                          Altre differenze non ne vedo (permessi, progetto, DICO, pratiche Enel/GSE/Terna)
                          Ho fatto una ricerca e ho trovato questo (DM 37/08):
                          Art. 5. “Progettazione degli impianti”
                          1. Per l’installazione, la trasformazione e l’ampliamento degli impianti di cui all’articolo 1, e’ redatto un progetto. Fatta salva l’osservanza delle normative più rigorose in materia di progettazione, nei casi indicati al comma 2, il progetto e’ redatto da un professionista iscritto negli albi professionali secondo la specifica competenza tecnica richiesta…
                          2. Il progetto per l’installazione, trasformazione e ampliamento, e’ redatto da un professionista iscritto agli albi professionali secondo le specifiche competenze tecniche richieste, nei seguenti casi:
                          a) impianti elettrici per tutte le utenze condominiali e per utenze domestiche di singole unità abitative aventi potenza impegnata superiore a 6 kW o per utenze domestiche di singole unità abitative di superficie superiore a 400 mq;
                          [...]

                          Da quello che ho capito a meno di non superare i 6kw o i 400mq l'impianto elettrico penso si possa fare autonomamente e quindi di conseguenza anche per il solare. Giusto?

                          Ma un installatore autorizzato quanto si farebbe pagare il lavoro ?

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da gio1985 Visualizza il messaggio
                            Da quello che ho capito a meno di non superare i 6kw o i 400mq l'impianto elettrico penso si possa fare autonomamente e quindi di conseguenza anche per il solare. Giusto?

                            e hai capito male allora.

                            Sopra 6 kw deve essere progettato da un Professionista..sotto non serve il professionista, basta il Responsabile tecnico dell'azienda abilitata.(ex art 3)

                            anche perche art 8

                            1. Il committente è tenuto ad affidare i lavori di installazione, di trasformazione, di ampliamento e di manutenzione straordinaria degli impianti indicati all'articolo 1, comma 2, ad imprese abilitate ai sensi dell'articolo 3.

                            Quindi e vuoi dormire tranquillo ...sotto i 6 kw ci vuole elettricista che te lo monta e ti dice che è conforme...il porgetto lo puoi evitare, ovvio, lo schema Enel lo vorrà comunque...
                            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da gio1985 Visualizza il messaggio
                              Ho fatto una ricerca e ho trovato questo (DM 37/08):
                              ...
                              come ha già detto marcober, sotto i 6 kW il progetto serve lo stesso, solo che può farlo direttamente l'installatore.
                              Bisogna rassegnarsi, ci vuole un installatore abilitato

                              Commenta


                              • #16
                                non è un rassegnarsi..è un ringraziare che esiste una legge che ci evita di farci del male o di fare del male a qualcuno...con il fv si puo facilmente uccidere qualcuno o dare fuoco alla casa... non vorrei trovarmi a discutere con un assicuratore che mi chiede dichiarazione conformità dei pannelli che hanno fulminato un addetto Enel o incendiato la casa mia e del vicino...il tutto per risparmiare 500 euro?
                                Ultima modifica di marcober; 07-01-2016, 15:49.
                                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                Commenta


                                • #17
                                  Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                                  non è un rassegnarsi..
                                  pienamente d'accordo con te, la mia voleva essere una risposta ironica a gio1985 che non vuole darsi per vinto

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Credo proprio che lascio stare allora.Vado sull'off grid e rinuncio alla connessione alla rete.Ciao e grazie comunque per l'aiuto.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      convenienza economica a parte (che per l'off grid non esiste, neanche se ti fai installare l'on grid dalla ditta più cara d'Italia), guarda che l'off-grid è lo stesso soggetto a installazione da parte di soggetti abilitati, inoltre devi sempre fare la pratica comunale per i permessi

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Originariamente inviato da fabbietto Visualizza il messaggio
                                        convenienza economica a parte (che per l'off grid non esiste, neanche se ti fai installare l'on grid dalla ditta più cara d'Italia), guarda che l'off-grid è lo stesso soggetto a installazione da parte di soggetti abilitati, inoltre devi sempre fare la pratica comunale per i permessi
                                        appunto...stessa burocrazia per progettazione, installazione, certificazione...e i cambio perdi pure convenienza economica.
                                        Boh..strano modo di ragionare.

                                        Ma non ho capito che problema ti crea fare le cose ben fatte...sapendo che hai fatto le cose con un progetto di uno che lo fa di mestiere..con istallazione professionale..e le carte in regola contro ogni evenienza futura di tipo legale e amministrativa.
                                        Pensi che in rete iol materiale costi meno..benissimo...però non rinunciare ad un professionista per farlo montare..ala fine risparmi comunque , penso, e hai il miglior compromesso...e soprattutto garanzia che la spesa rientra..magari in 12 mesi in più..ma meglio 12 mesi dopo ma con una certezza in tasca...
                                        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Ora va bene specificare le norme ; ma visto che vengono venduti inverter grid da 2-300w, in cina come rena , ma anche qui da noi ; vuol dire che ci sono tanti impianti allacciati faidate le girelle da 300-500w , e anche 1 o 2 pannelli da 100-200w chissa quanti ce ne sono......
                                          AUTO BANNATO

                                          Commenta


                                          • #22
                                            vero..ma dovrebebro vendertele con la prolunga CE ..che poi tu netti nella spina...non che devi cablare tu i componenti fra loor e poi il tutto con la rete di casa.
                                            Secondo me ne venfono pochini pocini..tante pagine internet ma vendite..boh...magari qualche girella..che dura 2 estati epoi si rompe e la levi dalle balle.
                                            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Non credo che per l'off grid ci sia bisogno di un elettricista che te lo monta per forza. Ho letto di moltissime persone che tra off grid piccoli e grandi han fatto tutto da soli e dai risultati sembravano impianti spettacolari e con ottime produzioni.Fare solo la comunicazione al comune non credo comporti chissà che.Almeno la pensi così.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Un conto è saperlo fare..un'altra è poterlo fare. Tu stai sostenendo pubblicamente e in un certo qual modo incoraggiando attività illegali e potenzialmente pericolose. Il DM e hai citato non fa alcuna differenza fra in e off grid.Morale..se hai deciso di fare una cosa illegale, falla...però non è che puoi pubblicamente sostenere che sia legale, perché dai un messaggio contro la legalità e potenzialmente pericoloso....che penso sia un reato e sia comunque contrario allo spirito e la regolamento del forum.Drizza la mira....
                                                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Però sul web ci sono un sacco di forum dove gli utenti hanno scritto di essersi fatti l'impianto off grid da soli e hanno aggiunto anche le foto.Se lo hanno fatto così tante persone penso che almeno l'off grid sia esente da obbligo di installazione da parte di personale specializzato.
                                                  L'unica cosa sarebbe posizionare regolatore, batterie e inverter e collegare all'impianto di casa esistente già fatto dall'elettricista.
                                                  Comunque, possiamo finirla qui.
                                                  Ciao.

                                                  Commenta

                                                  Attendi un attimo...
                                                  X