DImensionamento FV + Pompa calore + accumulo - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

DImensionamento FV + Pompa calore + accumulo

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • DImensionamento FV + Pompa calore + accumulo

    Ciao ragazzi, ho letto moltissimi post, mi sono anche un pò perso. Molti post sono di 10 anni fà e gli scenari sono cambiati moltissimo. Sto valutando, se nella nuova casa che acquisterò tra un paio di mesi, metterò o meno FV con opzione Pompa di calore e/o accumulo.

    La nuova abitazione sarà un villetta schiera libera su 2 lati. Ho già previsto un cappotto x aumentare l' isolamento. La casetta è su 4 livelli, 3 fuoriterra e uno interrato x un totale di 260mq. Oltre alla cucina ci sarà una cucinetta in taverna. Entrambe avranno piani ad induzione. La signora usa tantissimo lavatrice e asciugatrice.

    La casetta ha un tetto a 2 falde est-ovet di circa 30mq ciascuno. Mia moglie è libera professionista e ha lo studio a casa x cui è libera di usare gli elettrodomestici di giorno (tutti nuovissimi classe A+++)

    Non idea del fabbisogno della casa, vi potete stimarlo?

    A spanne ma giusto x capire vorrei capire l'impegno elettrico di una pompa di calore in sostituzione della caldaia a metano. Alcuni mi dicono che consuma al max 1kw, altre 3kw, altri 5kw, altri 10kw?????? E' importante per capire il dimensionamento del FV.

    Ho letto un post su questo forum (che purtroppo nn trovo più) di ragazzo estremamente insoddisfatto poichè ha un FV da 6kw più pompa di calore ma l'intero sistema è sfruttato solo al 40%. Secondo il suo studio in inverno la produzione è in difetto x cui compra corrente e in estate pure. Di notte la produzione è zero e x far funzionare il clima deve comprare corrente.

    In questo scenario si potrebbe pensare che se avesse un FV da 3kw l' autoconsumo sarebbe 80%?

    Qui si apre il tema accumulo. Mi sono informato tantissimo riassumiamo i vari sistemi proposti

    - Sistemi con batterie al piombo gel (obsoleto e costoso) 2kw/h costo circa 10k, costo al KW 5000 euri
    - Sistema Tesla, interessante 8kw/H ma costosissimo (non funziona da UPS) LITIO costo 8000 euri costo al KW 1000 euri
    - Sistema Samsung, interessante 3.6kw/H + inverter, cmq costoso (funziona da UPS) LITIO costo 6000 euri costo al kw 2000 euri, però risparmi sull'inverte
    - Sistema Polytech, 2,5kw/H basso costo (modulare e UPS) Litio-Fosfato di Ferro costo 1000 euro al pack, costo al KW 500 euri

    Quest' ultimo lo danno combinato ad un iventer molto all' avanguardia, con sistemi intelligenti, gestione UPS e tutti i dati sempre disponibili in cloud via app. Con questa soluzione posso aggiungere in un secondo momento, se lo riterrò utile, ulteriori pack.

    il sistema è descritto nel dettaglio qui.
    Access Google Drive with a Google account (for personal use) or Google Workspace account (for business use).


    Per avere la batteria carica bisogna avere un minimo di eccedenza, altrimenti nn si carica mai o solo in parte. Ho un conoscente che ha la samsung e si lamenta che non supera il 20% di carica. Te credo ha un FV da 2.8kw, è troppo piccolo.

    Detto questo voi che impianto FV consigliereste? Io sono in dubbio tra 4,5kw. oppure 6kw. Attendo vs consigli
    Grazie

  • #2
    Salve
    Allora per 260 mq cerca di arrivare in classe B oppure A con l'isolamento e gli infissi.
    Fatto ciò il tuo fabbisogno sarà tra i 30 e i 40 kwh.
    Che terminali hai per il riscaldamento (radiante a pavimento oppure termosifoni)?
    Che zona climatica sei?

    Per quanto riguarda l'accumulo lascerei perdere almeno per ora, lo scambio sul posto è la miglior soluzione per ora.
    Il fv si stima sui consumi della pdc e della casa e non sulla potenza. Il perché è semplice, quando fa freddo la pdc richiede più potenza mentre il fotovoltaico produce meno ma tutto quello prodotto è autoconsumato.
    Per esempio la tua casa in classe b dovrebbe consumare 8000 kwh termici per il riscaldamento ma solo 2300 kwh elettrici consumi quindi per coprirli basterebbe mettere a spanne 3 kw di fotovoltaico. Lo scambio sul posto ti fa risparmiare 6 cent sul kwh immesso e poi prelevato. La tariffa D1 è da considerare.
    Tra le due falde puoi mettere 8 kw di fotovoltaico ma essendo falde est-ovest il picco massimo sarà sui 5-6 kw e potresti optare un inverter monofase da 6 kw. Ma per questo lo lascio agli esperti della sezione tecnica ed installazione impianti fotovoltaici del forum. Cerca di evitare il trifase perché ti stravolge l'impianto elettrico se vuoi autoconsumare.
    Una pdc da 11 kw assorbe massimo 4.5 kw a cop 2.5 quindi una monofase va bene.

    Ti consiglio di prevedere un impianto domotico semplice fatto con il raspberry pi e alcuni componenti in modo tale da tenere sotto controllo la casa e aumentare l'autoconsumo e tenere sotto controllo pdc e fotovoltaico. Ci stiamo provando nella sezione che ti ho indicato prima.

    Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
    Ultima modifica di tony995; 15-05-2016, 12:45.
    Nuovo sito che incoraggia la produzione e la vendita del biodiesel in italia
    Eccolo qua!
    Perche biodiesel?
    La titolazione

    Commenta


    • #3
      Grazie della pronta risposta. Abito tra Mantova e Verona in piena bassa. Attualmente ci sono termosifoni ma pensavo di cambiarli con dei termoconvettori, a bassa temperature 40/50 gradi, in modo da sfruttarli anche per far freddo. Anche qui parecchi dubbi. Molti mi dicono che la qualità del caldo dei termoconvettori è scadente, fanno subito caldo, ma come li spaghi fa freddo.

      Qualcuno ha la PDC con termoconvettori, come vi trovate?

      Commenta


      • #4
        Io ho i termosifoni collegati ad una pdc con temperature tra 35 e 45 gradi e riscaldo egregiamente.
        Al fianco dei termosifoni ho una UTA che mi aiuta ad aumentare la temperatura ambiente velocemente fino a 23 gradi e a mantenere valori di umidità ambientale eccellenti. Inoltre cambia l'aria con recupero di calore. Inoltre ha una batteria per il raffrescamento con deumidificatore con acqua fredda che parte dalla stessa pdc invertita in estate.
        È ovvio dire che con il fotovoltaico, il raffrescamento è gratis poiché autoconsumi.

        Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
        Nuovo sito che incoraggia la produzione e la vendita del biodiesel in italia
        Eccolo qua!
        Perche biodiesel?
        La titolazione

        Commenta


        • #5
          scusa la mia grezza ignoranza, cos' è un UTA ? Quindi per il circuito a freddo hai una seconda mandata dalla PDC? Che marca/modello hai?

          Commenta


          • #6
            Io ti consiglierei di calcolare nel modo più accurato possibile il consumo di corrente previsto all'anno con i vari utilizzi, da tale calcolo ricavi il dimensionam. del FV per la quantità strettam. necessaria ai propri consumi.Potresti dare una occhiata al post he avevo fatto tempo fa con il foglio di calcolo in excel che avevo usato per il dimensionamento, a mio avviso ne è uscito un ottimo lavoro.Dal mio calcoko per la mia porzione di nuova bifamiliare tutta elettrica, no gas, necessitavo di 6KWp che difatti ho installato.
            Porz.bif. ad est in classe A3 di circa 190mq calpestabili di maggio 2016, no gas metano, VMC puntuale mod.ASSOLO 9.1, imp.FV Solarworld 6KWp+inverter SMA Sunnyboy 6000TL, riscaldam.a pavim. e ACS con PDC Mitsubishi Electric Zubadan 8KW+1 pannello solare termico e serbatoio d'accumulo Pleion da 298l, piano cott. a induzione.

            Commenta


            • #7
              se non puoi/vuoi fare riscaldamento radiante a pavimento metti dei radiatori in alluminio alettati sovrabbondanti per farli andare a bassa T
              per il fresco lascia convettori e metti degli split a espansione diretta
              6kw per fare andare il tutto sono il minimo sindacale
              LASCIA STARE le batterie per ora...

              p.s. mi fanno ridere quelli che dicono: qualità del caldo dei termoconvettori è scadente, fanno subito caldo, ma come li spaghi fa freddo...
              cioè preferiscono un sistema tipo la ghisa che devi accendere ore prima per avere il caldo, far bollire l'acqua a 70-80 gradi per il gusto di spegnarli e averli caldi per un pò, piuttosto che un sistema che fa freddo:li accendo, fa caldo:li spengo, risposta immediata alle esigenze...
              FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
              FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
              FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

              Commenta


              • #8
                Grazie della tua risposta. Volevo sapere se usi la pompa di calore, se si che tipo. Inoltre al fine di statica volevo capire l' autonomia generele del sistema FV + PDC. Tipo quanti mese sei in difetto di produzione, quanti pareggio e quanti in eccesso? Alla fin della fiera tra quello che cedi al GSE e quelli che compri per compensazione, si fà quadrato o no?

                grazie

                Commenta


                • #9
                  Grazie mi stai illuminado! La casa che vado ad acquistare ha già i termosifoni classici. Pensavo anche io di aumentare la superficie radiante aggiungendo altri elementi oppure una parte con riscaldamento a battiscopa per aumentare la diffusione in modo omogeneo.

                  Giusto ieri sono andato ad una fiera e per la prima volta ho sentito parlare di PDC combinate A2A e A2W, sono sicuramente la mia soluzione. Mi hanno fatto vedere la soluzione mitsubishi, ma non so se ne esistano altre. Voi che consigli mi potete dare?

                  Grazie

                  Commenta


                  • #10
                    PdC ne esistono CENTINAIA
                    TUTTO è PdC
                    gli split
                    il frigo
                    il deumidificatore etc

                    A noi però interessano le PdC aria/acqua
                    io finora sono andato di aria/aria a espansione diretta (classici split) solo Mistubishi, lasciando la caldaia per ACS e i termoarredi in bagno...sarà l'inverno mite, ma in un anno ho speso 250€ di metano
                    prossimo passo sarà la PdC aria/acqua, ci avevo rinunciato, ma col nuovo conto termico torna ad aver sernso...
                    FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                    FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                    FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
                      ci avevo rinunciato, ma col nuovo conto termico torna ad aver sernso...
                      Scusa Junp..ma vista la zona climatica in cui probabilmente sei, sei sicuro che il nuovo conto termico sia conveniente?
                      Io in zona clinatica C non vedo come il conto termico possa essere migliore delle detrazioni 50%..Sbaglio qualcosa io?
                      Forse non ho capito bene come funziona il nuovo conto termico
                      Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

                      Commenta


                      • #12
                        Io ho avuto il 65%.
                        La macchina a cui fate riferimento è la mrslim della mitsubishi ma è piccola per la tua soluzione.
                        Meglio UTA e pdc combinata costano uguale, forse qualcosina in più ma il confort è notevole.

                        Inviato dal mio GT-I9300 utilizzando Tapatalk
                        Nuovo sito che incoraggia la produzione e la vendita del biodiesel in italia
                        Eccolo qua!
                        Perche biodiesel?
                        La titolazione

                        Commenta


                        • #13
                          Proprio ieri in fiera mi hanno consigliato il mrslim della Mitsubishi
                          Mi fai un esempio di uta?

                          Inviato dal mio SM-N7505 utilizzando Tapatalk

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da kurdo Visualizza il messaggio
                            Scusa Junp..ma vista la zona climatica in cui probabilmente sei, sei sicuro che il nuovo conto termico sia conveniente?
                            Io in zona clinatica C non vedo come il conto termico possa essere migliore delle detrazioni 50%..Sbaglio qualcosa io?
                            Forse non ho capito bene come funziona il nuovo conto termico
                            I la deduzione d imposta sulla sostituzione caldaia è 65% ne sono certo. Però mi hanno già detto che il fumo burocratico è tanto ..

                            Inviato dal mio SM-N7505 utilizzando Tapatalk

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da HeavyManto Visualizza il messaggio
                              I la deduzione d imposta sulla sostituzione caldaia è 65% ne sono certo. Però mi hanno già detto che il fumo burocratico è tanto ..Inviato dal mio SM-N7505 utilizzando Tapatalk
                              Si si..io mi riferivo al 50% perché è quella che potrò fare io non avendo la caldaia da sostituire..
                              Ma se la detrazione è al 65% il discorso è ancora più logico..come può il nuovo conto termico essere migliore di tale rimborso?

                              Per quanto riguarda la UTA..fuori discussione il confort..ma a me per una VMC base (solo deumidificare e recupero calore) mi hanno chiesto 5000 euro senza IVA e installazione
                              Villetta bifamiliare in classe B - zona climatica E 2560 GG - Nimbus pocket 50M con radiante a pavimento su 100 mq per riscaldamento, raffrescamento e ACS (HYC da 300 litri) - cottura ad induzione

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da kurdo Visualizza il messaggio
                                Scusa Junp..ma vista la zona climatica in cui probabilmente sei, sei sicuro che il nuovo conto termico sia conveniente?
                                Io in zona clinatica C non vedo come il conto termico possa essere migliore delle detrazioni 50%
                                La detrazione è del 65%
                                in effetti una 5kw con COP 5 da 484€/anno per 2 anni
                                da 7kw ne da 670...1340€ subito...in effetti non è tantissimo, ma sono dopo 60 giorni e non in 10 anni!
                                FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                                FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                                FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                                Commenta


                                • #17
                                  Porta pazienza, ma non ho capito molto

                                  Inviato dal mio SM-N7505 utilizzando Tapatalk

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da junp Visualizza il messaggio
                                    PdC ne esistono CENTINAIA
                                    TUTTO è PdC
                                    gli split
                                    il frigo
                                    il deumidificatore etc

                                    A noi però interessano le PdC aria/acqua
                                    io finora sono andato di aria/aria a espansione diretta (classici split) solo Mistubishi, lasciando la caldaia per ACS e i termoarredi in bagno...sarà l'inverno mite, ma in un anno ho speso 250€ di metano
                                    prossimo passo sarà la PdC aria/acqua, ci avevo rinunciato, ma col nuovo conto termico torna ad aver sernso...
                                    Mio padre che ha la mia stessa superficie in mq ha spesso più di 1000 euro in un solo bimestre

                                    Inviato dal mio SM-N7505 utilizzando Tapatalk

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originariamente inviato da kurdo Visualizza il messaggio
                                      Si si..io mi riferivo al 50% perché è quella che potrò fare io non avendo la caldaia da sostituire..
                                      Ma se la detrazione è al 65% il discorso è ancora più logico..come può il nuovo conto termico essere migliore di tale rimborso?

                                      Per quanto riguarda la UTA..fuori discussione il confort..ma a me per una VMC base (solo deumidificare e recupero calore) mi hanno chiesto 5000 euro senza IVA e installazione
                                      Mi torna come discorso. Un mio amico geometra mi ha detto che la fascia di prezzo è molto alta, inoltre per far un lavoro fatto bene ci vogliono imponenti opere murarie. Per ogni macchina ci vuole un collettore con foro in uscirà da 20 cm.

                                      Inviato dal mio SM-N7505 utilizzando Tapatalk

                                      Commenta

                                      Attendi un attimo...
                                      X