Aumento potenza Enel e sostituzione differenziale magnetotermico - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Aumento potenza Enel e sostituzione differenziale magnetotermico

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Aumento potenza Enel e sostituzione differenziale magnetotermico

    Un saluto a tutti.
    Spero di non essere fuori tema.

    Causa acquisto piano a induzione che prevede un assorbimento di 32 A ed un carico massimo di 6,5 kw ho la necessità di aumentare la potenza del contatore ENEL.

    Attualmente ho un contratto di fornitura ENEL da 3,3 kw ed un impianto fotovoltaico da 3 kw.

    Nella cassetta vicino al contatore ENEL di scambio ho un blocco differenziale-magnetotermico da 40A e 6 kw (0,3) che presumo vada sostituito con uno più grande.

    Volevo sapere quanto deve essere grande il nuovo blocco magnetotermico differenziale? immagino serva un blocco da 48 A e 9kw.
    Presumo che la stessa cosa andrà fatta nel quadro generale di casa prevedendo anche un differenziale da 32 A ed un differenziale dedicato per la linea del piano a induzione.



    Corretto?
    Grazie in anticipo a tutti.
    2,99 kWp, Montefrdane (AV), 40°58′0″N 14°49′0″E, quota sul livello del mare: 612 metri, tilt 18°, azimut + 40°, impianto parzialmente integrato, 13 moduli Solarworld Sunmodule Plus SW poly 230 Wp, inverter Fronius IG Plus 30V-1. Ditta installatrice: LS Elettricaimpianti . In funzione dal 21 ottobre 2011.

  • #2
    Allora, il primo magneto-termico differenziale da 40A (0,3) non è da 6 kW ma con tutta probabilità è da 6 kVA (kilo Volt-Ampere) e si riferisce al potere di interruzione, non alla potenza.
    Se passi a 10 kW con tutta probabilità Enel ti chiederà di passare alla trifase, quindi ci vorrà un nuovo magneto-termico differenziale quadripolare, che dovrà essere da almeno 10kVA (non 10 kW, eh).
    Nel quadro generale non ha senso mettere un differenziale generale e un ulteriore differenziale in cascata al generale, forse parli di magneto-termici...
    Ma la piastra a induzione non è trifase o perlomeno bifase?
    In ogni caso consiglierei di chiamare un elettricista, non me ne volere ma con l'elettricità si scherza poco e da quel poco che ho capito rischi di fare qualche danno per risparmiare pochi euro, un conto è la curiosità e la passione per il fai da te ed un altro la sicurezza

    Commenta

    Attendi un attimo...
    X