adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Presento la mia ricerca

Comprimi
Questa discussione è chiusa.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Presento la mia ricerca

    Buongiorno. La mia intenzione è di realizzare un dispositivo che consiste di CALAMITE e MECCANICA.

    Con la mia ricerca empirica sono a buon punto, non mi faccio illusioni, ma considero SCIENZA ciò che allego.

    Questa macchina sperimentale ieri si è mossa da sola, durante una mia perturbazione, avvicinando uno statore mobile a quello fisso e compiendo prima e dopo altre osservazioni. Ricerco queste cose da due mesi.

    Pubblico qua un resoconto, perché cerco collaborazione, in particolare chi può dirmi come compiere meglio gli esperimenti e potere scrivere qualche riga di espressione matematica, perbacco: non si può stare in empirismo totale!

    Non desidero tanto avere aiuti, ma piuttosto uno scambio di idee tranquillo, senza rivelare segreti o altro, dato che c'è in gioco il moto perpetuo e il moto che rende energia.

    La foto illustra una condizione in errore, mentre il filmato che seguirà poi dimostrerà che esiste qualcosa di sorprendente in Natura: in una situazione standard quello che vedete ferma il moto, mentre se c'è distanza giusta tra gli statori avviene il moto. Questa ricerca prevede anche di rendere stabili tutti gli errori presenti in cultura e informazione, nonché di studiare i problemi che ci sono e ci saranno per queste faccende.

    Sto pubblicando dei brevi filmati su YouTube per comunicare che esistono delle cose da conoscere, le quali potrebbero essere utili qualora si superino tutti i problemi.

    N.B. Io ho iniziato così: Esperimento 01.mov - YouTube
    in cui ho commesso vari errori, proprio anche per conoscere la Natura, la quale è sorprendente e si: IMPEDISCE. Però interessandosi lascia fare, consente di essere capita. Le idee le ho assorbite da un ricercatore italiano... a lui la paternità, però appartengono anche alla Natura delle calamite, che è modellabile a piacimento e impedimenti e problemi SUPERABILI. Con la parte meccanica è poi sia più facile che difficile, ma più semplice: SI VEDE.

    Buona giornata e buone ricerche.
    File allegati

  • #2
    Veramente io vedo, guardando il tuo filmato, che la pala ruotante si ferma dopo un paio di giri su se stessa. Cosa c'è di particolare in questo?

    Commenta


    • #3
      caro mostromagnetico
      Forse non ti rendi conto,ma i due aggeggi che hai inserito su you tube sono di una banalità disarmante.
      Il primo (quello della paletta rotante) è la versione magnetica di un pendolo. Qualche giro/oscillazione poi si ferma. Puoi migliorarlo e far si che i giri siano 10 anzichè 5, ma non avrai risolto niente lo stesso. Si fermerà sempre e comunque e non potrai mai ricavare energia in più.
      L'altro, quello del rotore, è leggermente più sofisticato. In effetti finchè muoverai con le mani le calamite puoi ottenere movimento nel rotore. E' il principio del motore elettrico: c'è un campo magnetico fisso (quello del rotore) e uno variabile (quello del blocco calamite che muovi a mano). Nel motore elettrico più semplice il campo magnetico variabile viene prodotto da una corrente che circola (a tratti) in bobine.
      Ma sono giocattoli che hanno trovato nelle piramidi.

      Ti consiglio di studiare un pochino di teoria; probabilmente hai avuto dei pessimi insegnanti e ti sei fatto una cattiva idea della teoria.
      In realtà è la descrizione di cosa hanno fatto/pensato altri, prima di noi. Magari il linguaggio usato è un pochino ermetico per il profano, ma con un minimo sforzo si possono capire i principi fondamentali ed avere a disposizione l'esperienza di milioni di persone che ci hanno preceduto.
      Poi, se preferisci le banalità di you tube sono affari tuoi, ma non venire a parlare di superiorità dell'empirismo rispetto la scienza.
      La scienza è l'empirismo che funziona.

      Ciao
      Tersite
      Ogni problema complesso ha una soluzione semplice. Ma è sbagliata
      Quando gli dei sono adirati contro un popolo mandano un filosofo a governarlo

      Commenta


      • #4
        Ciao, nel filmato si vedrà che avvicinando la pala si mette in moto e fa uscire dallo statore avvicinato la spinta. Quando la macchina che non viene toccata reagisce, allora si può iniziare un percorso di conoscenza verso pima estendere il moto e poi rafforzarlo. Leggendo nei forum ho preso appunti e lottato con quello che non si è detto, solo ventilato. Dunque sembra che funzioni matematiche ci siano ed agiscano... non vedo l'ora di conoscerle (penso che tutti, chiunque sia, interessi.) A te ad esempio ? Beh, torniamo sul compito: formare una sequenza di statori in cui dopo eseguire il primo esperimento: [estendibilità di un effetto locale di calamite SI o NO ?] esperimento ripetuto significa trovare certezza o problema. Da risoluzione di problema in poi si conosce, allo stessomodo (ma meno preparazione) di Faraday per l'elettrica. Manca ora Maxwell ... conosci qualcuno anche a 10 livelli sotto ? Torniamo sul compito: come si capirà occorre un componente meccanico, prima flessibile (il diametro è una variabile che deve evolversi in VALORE numerico preciso, a cui associare il raggio della macchina ottimizzata a 1° fase). Tale componente è un gruppo di statori discontinuo oppure continuo, come un tubo flessibile (quello che si vede è 7 cm di diametro) che poi si taglia come vedi... insomma una galleria magnetica permanente che fascia col suo campo invisibile il rotore. Quello è ormai FISSO. Deve dimostrare che poi girerà con forza oppure no. Tutto questo non è di mia mentalità... ho studiato sul web, nei forum. Questo poi trasuda di fumo con poco arrosto. Io penso di fare un vulcano a confronto, sono mostromagnetico, OK ? ne nasce uno ogni tanto.

        Commenta


        • #5
          Tersite, quello è stato l'approccio, come ho detto pieno di errori (calamite a rotore banali e insufficienti) e come ho commentato: ho dato io la spinta per comunicare l'effetto banale (il ricercatore improvvisato passa sempre da qui) cioè la smorzatura, che ferma. Questo è un problema e l'empirismo lo risolve quando si capisce che è da rifare a rotore e di trovare distanza giusta TRA statori. Notate che la scienza non nega... attende che si usi ciò che è scritto, ma che si cerchi dove c'è il confine. E qui c'è. Vedete, la ricerca empirica è proprio il trovare una specie di armonia della fisica del materiale calamita. Questo lo potrete vedere, farò video durante questo avanzare nella problematica. Per quanto riguarda la fisica di contorno, ho libri, posso consultare l'inerzia, la massa, l'attrito, la velocità, il relativismo, senza assolutamente andare nel campo quantistico.

          Veniamo alla prima frase che non si instrada in quello che vedrete, ma con volontà faremo passare:

          L'equazione della forza che agisce fra i poli magnetici
          somiglia all'equazione della forza tra cariche elettriche
          ed anche a quella che agisce tra masse gravitazionali.

          Questo si trova su libri, documentari, informazioni didattiche per le scuole iniziali.

          Poi l'equazione descrittiva è la seguente: F_m = (K_m (p_1 * p_2 / r^2) * r)

          ultima r è barrata sopra... poi farò la scansione... ma voi mi sa che le conoscete bene... sono il trampolino per l'elettrotecnica.

          Ovviamente tutto quello che si può trovare di insegnamento scolastico è il filo di corrente fatto passare in mezzo a due calamite potenti,
          dopo si da corrente controllata da un apparecchio, poi si inverte la corrente... Hey, queste cose ESULANO dal [motore primo a calamite].

          Beh, forse perché non esiste. Ma è vero che non si può costruire ? Lo sapremo.

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
            Questa macchina sperimentale ieri si è mossa da sola, durante una mia perturbazione, avvicinando uno statore mobile a quello fisso
            Pecchi di logica: la tua macchina NON si è mossa da sola, perché TU hai imposto la perturbazione. E per imporre la perturbazione hai, per forza, fornito dell'energia.

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da BesselKn Visualizza il messaggio
              E per imporre la perturbazione hai, per forza, fornito dell'energia.
              BesselKn dal punto di vista teorico comprendo che è impossibile crederci, ma a me sembra che ci siano situazioni dove l'energia fornita è inferiore all'energia rilasciata dal movimento.
              la femi è una situazione di questo tipo.
              mi piacerebbe fare un motore del genere, ma non posseggo macchine a controllo elettronico per sagomare gli statori.
              Poi bisogna vedere da dove "questa eventuale energia in surplus" viene presa.
              Nella peggiore delle ipotesi scarica i magneti, ma questo sarebbe già un passo avanti.

              Commenta


              • #8
                Ci sto provando

                Buonasera, scusatemi ... pensavo che mi aveste cancellato per diffidenza... ci capisco poco dell'interfaccia del forum... Ora se va bene (ho letto le regole) vi spiego la mia ricerca. 1. prendo informazioni 2. ci provo a rivedere 3. aggiungo mie capacità (osservo le calamite e il loro campi componibili). Ho ricavato le nozioni di "stack" e "armonia" e ho riscontrato esistenza di modellazione (intervento sulle calamite) e poi appunto quello che sto cercando di ottenere, solo grazie ad una persona di 50 anni che ha dato suo nome e cognome a quello che io da letture chiamo mondo delle dffidenze e peggio... cerco di stare in civile con tutti... non ho colpe, sto a CONOSCERE una realtà Naturale. Ho letto del dubbio, del concetto asini che volano , del fake and real... Che dire... sarà perché siamo umani. Torno all'esperimento e spiego: l'atto di perturbare è l'occorrenza per trovare una misura metrica (più fine, è meglio) ma posso dimostrarvi che si può procedere come in un contesto di analfabeti. Trovata la distanza tra centro1 di calamita1 e centro2 di calamita2 poi la si ripete mediante un terzo, quarto, quinto ... ennesimo statore. Stiamo come immergersi in una Natura. E' bello, e pensate che altre tecniche fanno fallire ciò. Pensateci molto bene: se io dessi a voi le misure della mia scoperta o replica giusta, con probablità non funziona, perché non c'è misura scientifica di campi magnetici locali all'utente. Riassunto: avvicino perturbando appunto, però poi fisso statore dopo statore. Ricontrollo e ottengo un corridoio magnetico (nel forum dove collaboro, inventiamo nomi... siamo empirici ed è bellissimo...) Qui forse siete ritenuti... evitate se possibile pensieri rivoluzionari e controrivoluzionari. Qui si tratta di esperimenti empirici in attesa di comunicazioni a chi sa valutare.
                Qualora posso costruire una macchina dimostrativa, la posso rifare e spedire. Io ho scoperto per caso il canestro magnetico con quello che poi vi darò da vedere se volete. Ho scoperto su geometia 10 cm e calamite piatte dentro 1 cm quadrato e cubiche fuori 1 cm cubico. al Neodimio. Poi per un mese volendo ridurre a ciò che potete osservare (7 cm di diametro) trovavo impossibile ripetere l'esperimento: A. INGRESSO; B.TRANSITO C. USCITA con F L U I D I T A'. Però la LEGGE dice: 1. ingresso smorzato, transito e uscita buoni, oppure 2. ingresso buono, transito impedito molto! e uscita buona. La legge riflette l'uso delle polarità delle calamite. La legge è empirica. Non pubblicata (a chi volete interessi?). All'interno di questa problematica: ORA IN QUESTI GIORNI io intendo applicare ma misura armonica, poi fissare il magnete a rotore mediante filo in tensione (ecco la parola tensione... scusate la fretta: l'ho descritta ora.) Tagliando il filo dimostrerò l'esistenza del campo magnetico permanente armonico che forma il moto circolare su disco. L'idea è nata qui: l'utente konqueros l'ha scritta. L'utente gabriele ha scritto su perendev, l'utente davyp ha scritto idem, e tutti dicono la loro... occorre però convergere. Io esperimento su idea di konqueros e sviluppo di idea di wormhole magnetico di falsettigiorgio, il 50 enne che adora le calamite e ha le sue margherite intoppate, ma lo salverò. Però occorre autosalvarsi. Io ho tempo per ora solo su ciò che pubblico. e che konqueros evita di pubblicare! dice che ha completato, che è a studiare lo sblocco dell'ultimo problema grave: Io cerco grazie a falsettigiorgio di usare tecnica più completa. Infatti o i canestri formano rientro Naturale e quindi moto perpetuo limtato dal magnetismo, OPPURE ci sarà un solo punto di blocco sul quale intervenire con TUTTO il possibile. Qui dite bene apparati meccanici... come si vede c'è poco sul copiare idee, eppure ce ne sono almeno tre. Le sorprese della natura che vanno contro la ragione umana sono manifestate empiricamente durante studio inteso su fake o real (si dice così dove lasciano ricercare in forum). La legge del tirare e spingere che ha modello umano come si sa con le calamite è inversa: per tirare offro campo di spinta e poi di attirare... ciò non ha per ora applicazione, però c'è un gruppo di effetti di calamite senza alcune teoria di gruppo nel magnetismo !!! Oppure io non ho la fonte dei dati. Ne sapete qualcosa ? Nel forum dove sto per scopi elettrotecnici si sono passati il gaussometro con sonda hall. Qui come siete messi ? Accettate invio di pacchi postali qualora siano notevoli ? Buonasera e a Lunedì.

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                  Torno all'esperimento e spiego: l'atto di perturbare è l'occorrenza per trovare una misura metrica (più fine, è meglio) ma posso dimostrarvi che si può procedere come in un contesto di analfabeti. Trovata la distanza tra centro1 di calamita1 e centro2 di calamita2 poi la si ripete mediante un terzo, quarto, quinto ... ennesimo statore.
                  chiamasi una sorta di calcolo infinitesimale...e così non funziona...e poi i magneti non sono tutti uguali...anche se lo sembrano.

                  devi invece trovare il modo di fare oscillare il campo magnetico come fanno i motori elettrici, ma ovviamente senza l'aiuto dell'elettricità.

                  Commenta


                  • #10
                    Dopo qualche giorno di svago, riparto... tempi lunghi per estendere la parte statore... se mi riesce 1statore posizionato ok al giorno sarà pure una buona media. Invece con le staffe ad L si potrebbe fare uno studio al giorno di magnetismo d'interazione facile, veloce e potente. Ancora non ci sono col convincere chi ha la macchina dimostrativa di inviarmi il video! Intanto osservate questo dove li ho commentato (c'è voluto da questa mattina sino a poco fa): www.youtube.com/watch?v=P3PfOPndTxI

                    Calcolo infinitesimale? non so... a me sembra che le calamite vogliono il calcolo integrale.

                    Le calamite sono tutte uguali (dipoli) però per fare muovere il rotore si possono modellare le forme dei loro campi.

                    In particolare, proprio per DIMOSTRARE osservate la composizione del rotore. Ho modellato come un triangolo acuto che ha i due lati maggiori curvi in dentro. Il campo modellato è come prendere questo triangolo e farlo ruotare sulla mediana. Lo devo rivedere in modo particolareggiato per le "margherite di Giorgio" (si può dare link di altro forum?) in cui dopo lo stack si cerca il treno fisso per fare in modo di gestire gli intoppi al meglio (meno ci sono meglio è). Questo rotore in pratica ha il magnetismo affilato per entrare e poi lo stack con i cubi aumenta sino all'apice dove finisce la calamita composta, quella dalla parte dei cubi. E' fisica da capire. Così aumenta la forza sua mentre entra anche con difficoltà tra statore e statore. Se poi non va bene si varia su misura al problema, studiandolo per empirismo.

                    Oscillare come in [passatempo.avi] che sta nella mia raccolta di esperimenti su youtube? Se si allora occorre progettare macchine sperimentali apposite e fare esperimenti sull'auto-sostentamento... cioè, che tanta dinamica in più potrebbe usare una sua parte di energia per muovere un oscillatore meccanico a basso consumo. Poi si vedrà.

                    Altrimenti penso, da letteratura e da osservazioni, che occorre rendere questo armonico mediante la misura precisa di regolo, dopo che si intravede come in questo esperire che ho filmato, e dunque si formi un campo ondulato privo di stallo, con pochissimo attrito, chè è una proprietà del magnetismo. Esistono i cuscinetti magnetici... che devono essere per forza come dei canestri ma molto forti, in pratica chiudono troppo... apposta per tenere stretta e al centro la barra o il fulcro di rotazione. Il canestro magnetico ideale per il motore primo a calamite fa entrare tranquillo, meglio se tirato dentro, poi fa transitare bene e uscire di forza, spingendo fuori la calamita del rotore. Il canestro magnetico reale forse rimane debole di forza, forse è capace invece di accelerare per qualcosa da capire... E' l'unica ragione per cui continuo su questi esperimenti. Buona Domenca, qui sta piovendo.

                    Ok, mi sembra che c'è tutto; prossimo esperimento sarà il tunnel magnetico o "corridoio" con le caratteristiche che vi ho comunicato.

                    Commenta


                    • #11
                      Non ho capito cosa sia un triangolo acuto, ce lo puoi spiegare? Io conoscevo quello isoscele (con i casi particolari di quello equilatero e di quello rettangolo con due angoli a 45°), quello rettangolo e quello scaleno, ma di quello acuto non c'è traccia nella mia memoria. Se ti riferisci all'angolo acuto lo conosco, ma non è "tri"
                      Alla fine la somma dei tre angoli di un triangolo è sempre la stessa: 180°.

                      Ho visto il filmato, devo ammettere un po' di delusione. Dalla tua presentazione iniziale sembrava che tu avessi delle soluzioni, invece ora mi rendo conto che sono soltanto dei problemi da risolvere e delle aspettative, le tue, che non tengono conto delle esperienze già fatte da altri e presentate qui sul forum.

                      Vediamo come prosegue questa tua ricerca. Mi spiace che non dedichi anche un po' di tempo alla comprensione dei fenomeni e scambi per spinta la reazione del magnete alla tua azione che ha portato il rotore nelle sue vicinanze: l'energia che credi di poter ricavare non è altro che quella che ci hai messo tu a mano, decurtata del rendimento del meccanismo.
                      Ultima modifica di nll; 04-09-2011, 15:15.

                      ••••••••••••

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                        Ok, mi sembra che c'è tutto; prossimo esperimento sarà il tunnel magnetico o "corridoio" con le caratteristiche che vi ho comunicato.
                        ok, resto in attesa.
                        nel filmato hai posizionato 2 statori e funziona, però quando li hai posizionati tutti e chiudi il cerchio...non funziona più.

                        Commenta


                        • #13
                          Ho detto che ci sto provando e dunque il video corrente ha descritto il contesto da superare, così come era stato comunicato. Oggi sto tagliando gli anelli di cartone, domani taglio le parti da asportare e poi occorre segnare la circonferenza da centro rotore di macchina sperimentale, porre più statori, dotarli di calamite (metto tutte sfere, per ragioni che verrano se poi non fosse come segue). La calibratura porta a ottimizzare, cioè provare se non avvengono smorzature a sorpresa e variare le distanze ancora (la natura dei c.m.p. è subdola e beffarda... tanta lotta e sono esperto: mostromagnetico appunto.) Si, il triangolo è isoscele... ma se con un software 3D curvi i lati e poi applichi la funzione che usa ciò come generatrice di solido osserverai, potendo girare tale fantasma. In realtà è un poco diverso e per descriverlo al matematico dovrei avere un magnetino più sottile oppure usare le calamite più grandi. La mia scoperta (per caso e questo è anche vero: è andata così) è su diametro 10 cm e posizionamento calamite di 1 cm di lato. Se si volesse replicare STATE SU QUESTE MISURE. Io cerco la LEGGE fisica classica di calamite che si adotta al piccolo e al grande. Noto che non è così, ci vorrebbero calcoli matematici e quindi scusate la resa: sto 3 cm sotto! Per il motore primo a calamite occorre procedere così e notare che se avessi progetto voi dovresre costruire ricercando. Per queste ragioni c'è stato il 100% di fallimenti pubblici e mistero in quelli privati. Nell'altro forum abbiamo perso due mesi correndo dietro ai illusoni! anche a fake! Ma devo assicurare che con un fake ho scoperto una regola che poi applicherò su questi canestri per esperimentare. Tutto è utile per ricercare. La difficoltà esiste come esiste la realtà di moto e forza motrice per mezzo delle calamite. I canestri che sto costruendo potrebbero avere il re-ingresso facile e poi l'effetto di accelerazione AUTOSOSTENUTO, se e solo se il moto è continuo e avviene il re-ingresso ciclico. A me sembra che il c.m.p. armonico dei canestri sia importante per la ricerca. Il magnetismo utile è da ricercare in tutte le sue modalità. Ad esempio dal lato invece delle composizioni appunto laterali vanno ricercate soluzioni CURVE ede ESTESE. Per cose tipo il perendev invece vanno ricercati tutti gli sfasamenti possibili. Il mio filmatino da ridere passatempo.avi contiene una forma OK ma incompleta e una forma da abbandonare anche se funziona (quella a rotore). Io sto compiendo queste ricerche per la collettività. Sono i fondamenti per poi sapere inventare. Io vorrei sapere sviluppare il moto curvilineo in salita rispetto alla gravità. K. mi ha detto che non riesce e che cerca la pila tipo LUTEC (multilivello con estrema semplicità). Io vorrei potere costruire una ruota metà a calamite e metà a gravi (le stesse calamite in caduta di gravità) e quindi il mio vero progetto personale sarà il lanciatore (come un razzo) per avere velocità di caduta di un grave, rientro e ciclo che accelera in modo ZPE (esagerato) per cui c'è bisogno di un freno... e dunque c'è il generatore. Buona settimana.
                          Ultima modifica di mostromagnetico; 04-09-2011, 17:43.

                          Commenta


                          • #14
                            Sorvolante, ma non avevi detto che te ne andavi dal forum?
                            Comunque non importa. Quello che importa però è che ritorni con lo stesso refrain: meccanismi che non funzionano e che non possono funzionare come vuoi.

                            Aspettiamo il prossimo nick.

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                              abbiamo perso due mesi correndo dietro ai illusoni! anche a fake!
                              E ne perderai ancora tanti altri di mesi, visto che un motore puramente magnetico NON può funzionare. Certo, se gli dài tu la spinta (la famosa "perturbazione"), per un po' va.

                              Commenta


                              • #16
                                Io sono l'utente mostromagnetico. Io collaboro attivo in un'altro forum. Cercatemi sul web. Se mi tollerate sappiate che il web è abbastanza riempito di persone che dedicano studi con le calamite e io posso essere tutti loro, alcuni di loro, nessuno di loro. Ma io sono come coloro. E come occorre nella scienza (dentro e fuori di essa) c'è la parte teorica e quella pratica anche a fare esperimenti casuali. Io invece SEGUO un percorso. Lo seguo perché lo conosco non solo dal leggere bene le cose altrui, ma anche dal costruire e la mia macchina di ricerca empirica è ad esempio meritoria di plauso. E' questa macchina che mi dice o suggerisce la verità da quando ho capito che le mani si usano sino ad un certo punto di ricerca (sono ottime per sentire i campi e ora mi correggo: il magnetino lo uso per attrazione e il triangolo è isoscele davvero, aumenta in coda e mentre in repulsione NON SI NOTA AFFATTO, in attrazione si nota di più la forma e la FUNZIONE di cambiamento graduale tra attrazione e repulsione. E' talmente bello osservare ciò che la soddisfazione mi dispiace tenerla per me. Vorrei condividerla. L'empirismo può ancora fare storia.) Per calare l'astio oppure la presunzione critica (io l'avrei sui libri a partire dal Mencuncini Silvestrini, totalmente dedicato all'elettricità...) Dovete sapere che la macchina dimostrativa pronta, però incompleta esiste. Io seguo le direttive di un utente che per ora davvero non produce più per nessuno, nemmeno per sé. Guardacaso ha iniziato dove io collaboro con Giorgio ed è passato di qua, deludendosi ulteriormente. Lui si fa chiamare konqueros. e non posso citare quello che mi ha scritto. Mi ha mandato il video. Mi proibisce di pubblicarlo. Non vuole pubblicare. ORA: QUANTE PERSONE NEL MONDO AGISCONO COSI' TANTO MA TANTO AL CONFINE ? Quante ci sono che evitano la zuffa ma anche le possibili collaborazioni e poi nel bene e male vivono lo stesso col loro mondo in questo mondo che vorrebbe miglioramenti ma non insiste per ottenerli ?

                                Dunque io - mostromagnetico - studio per comunicare con qualcuno che sappia di matematica (i Fisici lo sanno per forza di studio, ma i matematici - solo loro - hanno sufficientemente la mentalità aperta). Io spero solo di conoscere uno o più matematici, ed è per questo che sono QUI. Solo per questo. Io costruisco e modello i campi delle calamite a favore mio, aiuto anche altri ricercatori... e dimostrerò personalmente il moto, poi la forza motrice e poi la tanto decantata macchina di ricerca specifica multilivello, che ha sollevato un certo polverone breve per niente, perché è facile, bella ed interessante come quello che sto facendo ora: la macchina di ricerca del tunnel magnetico mediante canestri magnetici semplificati (coronare il canestro fa impiegare troppe calamite. Io ne ho qualche decina soltanto, l'effetto resta possibile semplificarlo o addirittura esagerarlo su diametro 10 cm in su. Ma non si proceda prima che io dimostro). Ora ho la decina di anelli tagliati e lisciati. Domani inizio il montaggio mettendo in morsa un anello, riportando col calibro la fessura da tagliare ed asportare dunque un tassello di anello. Uno o due a sera e per il prossimo week end l'esperimento dove l'attore sarà anche l'inerzia: l'uscita di un braccio meccanico che transita in almeno 8 statori farà osservare se avviene accelerazione e se l'altro braccio rientra e se appunto il sistema fisico è smorzato ed è sotto il livello di over unity, oppure il contrario. Questo sempre per procedere passo a passo e col metodo scientifico empirico. In altri modi si fallisce, e poi magari si rende il fake. Allora adesso per stare ancora a discutere vi dico questo. Per i motori elettrici è mai stato fatto la prova di un quarto o più o meno di avvolgimento e poi il vuoto per l'inerzia, eccetera ? NO. E dunque si parli su NO oppure SI solo quando questo esperimento ha tutte le sue parti meccaniche e tutte le calamite che occorrono. Io devo proseguire passo a passo. Concettualmente mi è chiaro tutto e occorre solo dimostrare con empirismo. Le regole dl forum le ho lette, mi sembra di essere chiaro e coinciso, di avere un progetto e di seguire direttive. Buona settimana per tutti.

                                Commenta


                                • #17
                                  Konqueros/Sorvolante/Mostromagnetico: il bello dei forum è anche questo. Alla fine sono solo parole. Vedremo dove ti porteranno.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                                    fare esperimenti casuali.
                                    Alla faccia del DoE = Design of Experiments!!
                                    Mencuncini Silvestrini, totalmente dedicato all'elettricità
                                    "Totalmente"? Sicuro? Io mi ricordo che il volume 1 è dedicato alla meccanica e alla termodinamica, come - d'altra parte - ogni corso di Fisica Generale I.
                                    Dovete sapere che la macchina dimostrativa pronta, però incompleta esiste.
                                    Traduzione: la macchina non funziona.

                                    in questo mondo che vorrebbe miglioramenti ma non insiste per ottenerli ?
                                    Il mondo non insiste per ottenerli perché NON sono possibili. E, per capirlo, basterebbe conoscere un po' la fisica delle scuole superiori.

                                    modello i campi delle calamite
                                    Ma tu, un corso di Campi Elettromagnetici lo sai cos'è? Visto che fai modelli di campi...
                                    e dimostrerò personalmente il moto, poi la forza motrice
                                    Questo l'hanno già fatto secoli prima di te...
                                    Ma non si proceda prima che io dimostro
                                    Su questo, puoi stare tranquillo.


                                    se appunto il sistema fisico è smorzato ed è sotto il livello di over unity, oppure il contrario. Questo sempre per procedere passo a passo e col metodo scientifico empirico. In altri modi si fallisce, e poi magari si rende il fake. Allora adesso per stare ancora a discutere vi dico questo. Per i motori elettrici è mai stato fatto la prova di un quarto o più o meno di avvolgimento e poi il vuoto per l'inerzia, eccetera ? NO. E dunque si parli su NO oppure SI solo quando questo esperimento ha tutte le sue parti meccaniche e tutte le calamite che occorrono.
                                    « Senti, Necchi, tu non ti devi permettere di intervenire quando io faccio la supercàzzola! »

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originariamente inviato da BesselKn Visualizza il messaggio
                                      visto che un motore puramente magnetico NON può funzionare.
                                      okkio perchè la storia è piena di cose che non potevano funzionare.

                                      se mostromagnetico quel percorso lo rende rettilineo e lungo 2 km il magnete rotore (anche se chiamarlo rotore su un percorso rettilineo è improprio) parte senza spinta e si ferma tra 2 km e 40 metri.

                                      deve solo trovare il modo di ciclare un segmento di retta e ti ha fatto il motore.
                                      BesselKn quante volte da ragazzino hai giocato con la pista delle macchinine ed il giro della morte?
                                      Loop, Loop

                                      mostromagnetico ti ho dato un aiuto che non trovi da nessuna parte.
                                      Ultima modifica di riccardindalciuffo; 06-09-2011, 18:48. Motivo: colorazione

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Lavorazione degli statori

                                        Scusate, capisco poco delle ultime risposte, e ho il dubbio che tentate di confondermi. Sto ricercando sapendo dove voglio arrivare. La lavorazione empirica prevede di arrangiarsi per dare almeno una meccanica bella e funzionale. Per diventare funzionante occorre procedere anche a lisciare dove occorre. I canestri fanno soffrire perché la metrica armonica del tunnel è favorita, a scapito della centratura del percorso del rotore, che non è tanto precisa ed accurata, anzi, io la vedo approssimata. Ma l'empirismo prende ciò come un vantaggio. Se io trovo qualcosa, un qualsiasi laboratorio di precisione mi farà guadagnare in RESA. Il rendimento di macchina è la mia ricerca, è difficile che mi sbagli. Sto OPERANDO una costruzione e vi faccio partecipi che sto ingegnerizzando un apparato meccanico, come è paventato nella sezione di forum attinente ai motori magnetici (perendev e altri) dove però c'è nulla di pubblicato come macchina sperimentale! A presto.
                                        File allegati

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                                          Scusate, capisco poco delle ultime risposte, e ho il dubbio che tentate di confondermi.
                                          per quanto mi riguarda non cerco di farti confondere.



                                          Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                                          I canestri fanno soffrire perché la metrica armonica del tunnel è favorita, a scapito della centratura del percorso del rotore, che non è tanto precisa ed accurata, anzi, io la vedo approssimata. Ma l'empirismo prende ciò come un vantaggio.

                                          purtroppo questa conformazione del tunnel è estremamente rigida e non ti consente di fare il loop, quindi questa conformazione è destinata a fallire.
                                          Con questa conformazione troverai l'accelerazione e la partenza senza spinta, ma non potrai trovare il moto continuo.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Ora ho finito gli anelli lavorati a C (per caso: C come interazioni a canestri e poi L come interazioni laterali). mi sembra che ho 4 colonne, dunque potrei fare per stasera o domani lo specie di tunnel (le chiamo SEQUENZE, di statore dopo statore). Mi interessa il tuo concetto di LOOP; magari è un modello. il libro che ho a disposizione è per Fisica2. Io desidero capire leggendo le informazioni e facendo esperienze col vero. Nell'ultimo mio filmato, la cosa interessante è quando avvicino e ciò che stava immobile si muove. Lo fa la macchina e notare che sparisce la smorzatura in ingresso del rotore che ha trovato il suo magnetismo armonico. Poi metto tutto come in statore fisso: 2 o 3 sfere. Appunto, non solo parole: il video prossimo parlerà di più. Moto e forza motrice con le calamite. Ripeto: solo se si va in passo a passo a costruire il campo armonico trovando distanza metrica. I canestri sono in fase di studio, potrebbero essere risolutori. Io sono anche qui per via di una scoperta mia CASUALE . Nel video, quando porto con mano a sinistra il braccio meccanico del rotore, è simbolico: pavento la costruzione del tunnel, la quale verrà registrata nel prossimo video. Non è detto che [la conformazione del tunnel è estremamente rigida] e penso che il prossimo video sarà meglio percepibile l'azione a di stanza armonica e se i canestri rispondono come sebra: accelerando il rotore. Per il modo di ciclare un segmento di retta intendi come nei V-Trak ? Oppure intendi come un oscillatore lineare tipo treno magnetico ? Hai esperienze su macchina di ricerca e modelli presonali ? N.B. i canestri con composizioni più raffinate NON FUNZIONANO AFFATTO ! Invece ripeto: effetto come da 1° video: risucchio transito e poi lancio con velocità (canestro perfetto, ideale) è una scoperta. Prima di andare a comperare un tubo e poi affettarlo e calamite giuste (ancora a statore c'è la ricerca sul cosa incollarci sopra) uso quello che ho e cerco da ora effetto di macchina. Ancora non capisco; dici che: con questa conformazione troverai l'accelerazione e la partenza senza spinta, ma non potrai trovare il moto continuo. il campo armonico invece trova il moto possibile, e la composizione giusta, su misura, ingegnerizzata, trova lo start (o si da una spinta) Qui non c'è problema. I canestri possono trovare il F L U I R E se davvero in campo armonico fanno sparire la smorzatura. E' IL PROSSIMO ESPERIMENTO. La calamita sul rotore se ingegnerizzata (ora è un conoide, magari è meglio una navetta... forse occorre studiare altro...) può essere determinante, perché la sua composizione su misura può appunto accelerare, avvicinare il sistema all'auto-sostentamento. E' stato detto "disequilibrio totale" ma qui c'è invece ricerca armonica. Vuoi vedere che poi è la stessa fisica di calamite, quella funzionale, lo scopo di queste ricerche ? Scusate, con i presupposti che vi ho detto, e l'osservazione basata sull'ultimo video, se io posso poi costruire tutto intorno come lo statore mobile che ho posizionato in metrica armonica, allora chiudo il cerchio, faccio sparire tutte le smorzature e il rotore non esce più dalla sollecitazione al moto, appunto per via che non c'è un digradare di forze, ma un trovare forza aggiunta ad ogni statore, in cui il rotore fluisce bene e la sua forma di campo aiuta all'autosostentamento. Dove trovate punto debole in questo modello congetturale ? Domani formo le colonne (scrivere fa pensare e mi viene sonno!) e poi inizio il tunnel. Ho 11 statori compreso i 2 del video. per fare tutto il giro forse ce ne vogliono 40 o poco meno... forse le sfere allargano l'intervallo e allora meno statori, da venti a trenta. Però a porre su 7 cm di diametro calamite non giuste si può chiudere il canestro! (e ritornano smorzature!) Va lasciaro in apertura armonica di transito, e con matematica si troverebbe l'ottimizzazione... però si fa prima a tentativi, vero ? A domani.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                                              Per il modo di ciclare un segmento di retta intendi come nei V-Trak ? Oppure intendi come un oscillatore lineare tipo treno magnetico ?
                                              entrambi NON ciclano un segmento di retta, il V-Track è errato concettualmente e non potrebbe mai farlo, il treno magnetico potrebbe ciclare.

                                              Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                                              Scusate, con i presupposti che vi ho detto, e l'osservazione basata sull'ultimo video, se io posso poi costruire tutto intorno come lo statore mobile che ho posizionato in metrica armonica, allora chiudo il cerchio, faccio sparire tutte le smorzature e il rotore non esce più dalla sollecitazione al moto, appunto per via che non c'è un digradare di forze, ma un trovare forza aggiunta ad ogni statore, in cui il rotore fluisce bene e la sua forma di campo aiuta all'autosostentamento. Dove trovate punto debole in questo modello congetturale ?
                                              il punto debole sta nell'ultimo statore, ovvero al grado 359 del cerchio.
                                              provare per credere.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Buongiorno. Ho dovuto riposare molto. Così sembra che nel modello teorico in attesa di esperimenti (grazie per avelo citato) il problema possibile penso sia invece nelle calamite del rotore. Come dall'ultimo video e poi da quelli che verranno, io dimostro il F LU I R E (l'ho chamato così anche preché un giorno ci allegheremo l'espressione matematica o la legge sua di scienza classica, magari in appendice.)

                                                Questo fluire è lineare, curvo e ciclico a piacere, dato che elimina il problema precedente. La procedura passo a passo a volte trascina oppure esclude i problemi precedenti, i quali di solito sono risolti o portati avanti come poi nuovi problemi da superare. Ci può essere appunto ciò che mi dici e che sapevo. A volte saprai accade anche a metà, risulta da ricerche in geometria euclidea, anche attente, che però non procedono come osserverai.

                                                In laterale, se troviamo il c.m.p. armonico occorre poi accelerare... e al 359° e pure prima (dipende dalla forza iniziale di ciclo) c'è il rimbalzo o "magnetic wall" e la lotta per poi averlo, ma con giusta forza di sfasamento: sfondarlo. Finito questo io passo proprio a dare addosso al [single magnetic wall]. Ci vuole una piccola macchina di studio empirico e poi composizioni giuste. Volendo questo effetto estendibile potrebbe essere fissato su geometrie come l'ottovolante... ma che senso ha ?

                                                Tornando al possibile vero problema peso proprio che il dipolo anche studiato bene che ho fissato sugli estremi del braccio meccanico, può risentire delle sorgenti che devo dare al sistema, che sono a perturbare verso il centro del canestro e inclinarle serve a niente! Un campo magnetico permanente che perturba diretto con la polarità Nord e una interfaccia che transita ortogonale col polarità Nord davanti e polarità Sud dietro mi preoccupa molto perché la Natura è così... è capace di usare errori nostri per nasconere disturbi e farli emergere sul più bello!

                                                Il Wizard potrebbe essere la forza da osservare si o no mediante esperimento (sto costruendo) che auto-accelera in ogni transito di statore. Ne ho 11 - che bel segmento che poi ho da fare - Oggi penso di tagliare le colonne che fanno da supporto e poi procedere davvero rapido. E poi l'inerzia .

                                                Immagina che il segmento si chiuda (30 statori? in seguito prendo un tubo di 10 cm lo affetto e poi chiudo) e appunto pensa: io così a procedere trovo sicuro il diametro di macchina da rifare (ecco che in viceversa si fallisce!) Questi APPARATI MECCANICI sperimentali devono essere progettati FLESSIBILI per la ricerca e poi con i materiali giurti per i prototipi.

                                                Con quello che ho, non vedo l'ora di fare un assetto in modo da studiare il modo di fare rientrare poi in ciclo. Per me è notevole anche produrre un ciclo che poi si smorza dopo qualche giro, però produrre più di un ciclo, superare questi campi che disturbano perché è un insieme forte di magnetismo che si va a comporre (in questa parte di ricerca più ci sono calamite sono e peggio è).

                                                Ma tu hai compiuto come me appunto ricerche in geometria euclidea, anche studiata come 5 statori e 3 calamite su rotore e poi variazioni quasi armoniche con problematica risolvibile, ma poi il blocco a 359° oppure è per via di avere visionato filmati che appunto tutti quelli veri fanno vedere problemi e niente moto continuo ?

                                                Il treno magnetico però accende e spegne gli elettromagneti in sincronia col treno di trasporto passeggeri, e per quanto riguarda il vettore magnetico di lancio aereospaziale che studia la NASA siamo sempre a drogare le calamite.

                                                L'accelertore lineare potente di Howard Jones è lineare, mentre lo scopo delle mie ricerche è il motore primo a calamite, meglio se generatore primo a calamite... di cui questi momenti sono la base, l'inizio, il fondamento didattico.

                                                A stasera.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                                                  Buongiorno. .
                                                  Ma è mai possibile che tu scrivi tanto per non scrivere niente?


                                                  Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                                                  Ma tu hai compiuto come me appunto ricerche in geometria euclidea, anche studiata come 5 statori e 3 calamite su rotore .
                                                  Beh io la geometria euclidea l'ho studiata in seconda elementare, ma in effetti credo di non averla studiata tutta perchè quella dei 5 statori e 3 calamite su rotore non me la ricordo.

                                                  Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                                                  e poi variazioni quasi armoniche con problematica risolvibile, ma poi il blocco a 359° oppure è per via di avere visionato filmati che appunto tutti quelli veri fanno vedere problemi e niente moto continuo ?
                                                  Io guardo i filmati di Piero Angela e lì ho capito che tu guardi quello che c'è DOPO lo statore e lo risolvi abilmente.
                                                  Ma dimentichi di guardare quello che c'è prima dello statore ed in particolar modo PRIMA del PRIMO statore.
                                                  Quando arriverai all'ultimo statore, questo, dovrà confrontarsi con quello che c'è PRIMA del PRIMO statore e si blocca.
                                                  Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                                                  Il treno magnetico però accende e spegne gli elettromagneti in sincronia col treno di trasporto passeggeri, ...
                                                  esatto ed è quello che devi fare tu senza l'uso dell'elettricità...e lo puoi fare.
                                                  Ultima modifica di riccardindalciuffo; 06-09-2011, 14:27.

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Cerco di divulgare e farvi rispondere. Ora ho capito lo status di questo forum e ho descritto tutto. Intendevo geometria euclidea di avere compiuto esperienza sul progettare una personale tua macchina sperimentale, oppure deduci dall'avere visionato, oppure hai visione progettuale che ti fa congetturare su tutte le parti personali che sono coinvolte su queste ricerche. Forse non si è capito che ho risolto l'ingresso. Il re-ingresso a fine ciclo in questo caso se dovrà rimanere così non è che qualsiasi intervallo tra due statori. Lo statore che ho aggiunto e quelli che verranno AVREBBERO TUTTI UN INGRESSO (FASE UNA DI TRE) e il video le fa vedere. L'ingresso viene tolto via pure se si chiude il cerchio. E il re-ingresso appartiene all'insieme di ingresso tolto via. I campi magnetici permanenti dei canestri potrebbero fare fluire per un po' anche auto-accelerando, potendo osservare finalmente gli altri problemi, oppure ciò che congetturo. Anche io rivedo volentieri i filmati di Piero Angela. Escludono però queste ricerche. Non è possibile (se non con altri tipi di macchina sperimentale) staccare e riporre polarità a neccessità. Occorre posizionarle e poi ricercare con "tutti dipoli" (per modello io uso come nei documentari citati, sfere metà bianche e metà rosse... tanto va bene per il pubblico, e pure qui.) Questi campi sferici (ellissoidi) possono essere modellati, ma le calamite rimangono dipoli e qualcosa a distubare il moto c'è sempre. Tuttavia dal prossimo video osserverete passo a passo la possibile evoluzione massima di questa macchina sperimentale. Sono uscito, e ora riprendo e finisco i componenti. Potrei fare video notevole anche per mezzanotte... oppure domani. Intanto osservate ancora cosa accade quando avvicino, nell'intervallo interno tra i due statori, ma non fuori, quel ritorno è solo perché su due soli statori non c'è l'effetto TUNNEL (tunnel è qualcosa di esteso almeno a 5 statori). Intendo ribadire che conosco i problemi - tutti - e che so cosa sto facendo. Le colonne devono essere alcune con misura standard e altre con di più da lisciare a livello DURANTE la costruzione. La centrature del braccio del rotore è di MASSIMA IMPORTANZA. Poi il magnetismo degli statori può essere MODELLATO A PIACIMENTO per RENDERE ciò che ho dovuto scrivere e ri-scrivere. A domani oppure appena è pronta la nuova situazione per foto e video. Buone ricerche a tutti.
                                                    File allegati

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Mostromagnetico, ma tu lo vuoi fare il motore magnetico o no?

                                                      risposta sintetica please!

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Certo. scusa: i tempi di costruzione dei supporti ? Se si presenta una ricerca la si deve descrivere (problemi e finalità). Ci sono tutti. Si è discusso, ora pace e preparazione dell'esperimento:11 statori, 20 calamite. [canestro più fitto ma non troppo = potenza](regolabile a piacimento). [Probabilità di riuscire = dipende dal costruire e comporre]. Io sono uno qualsiasi, compongo come e perché: descritto. Porterò la costruzione sino alla fine del cerchio. Sono ansioso di osservare proprio l'evoluzione, passo a passo, da tunnel fluido in poi. Garantisco per domani almeno 6 statori, e poi - dato che ho lenta la connessione in upload - per caricare occorre minimo 2 ore. A domani. P.S. Non ho più nulla da aggiungere, auguri non servono: io ho programma di esperimenti e lo seguo.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originariamente inviato da mostromagnetico Visualizza il messaggio
                                                          Certo.
                                                          Non ne sono molto certo invece.
                                                          Qui sei l'unico che NON HA capito che sto cercando di dirti come farne uno che funziona.
                                                          Anzi se leggi bene i miei post precedenti in pochissime parole ti ho già spiegato tutto...e probabilmente qualcuno più pronto di te è già all'opera.
                                                          Tu continui a dirmi che stai lisciando, cartavetrando, centrando il canestro, dai la cera, togli la cera...
                                                          Adesso coloro di verde le parole dei miei post precedenti che devi leggere attentamente, se non le comprendi ancora lo faccio realizzare a qualche altro che le comprende.

                                                          Originariamente inviato da riccardindalciuffo Visualizza il messaggio
                                                          BesselKn dal punto di vista teorico comprendo che è impossibile crederci, ma a me sembra che ci siano situazioni dove l'energia fornita è inferiore all'energia rilasciata dal movimento.
                                                          la femi è una situazione di questo tipo.
                                                          mi piacerebbe fare un motore del genere, ma non posseggo macchine a controllo elettronico per sagomare gli statori.
                                                          Poi bisogna vedere da dove "questa eventuale energia in surplus" viene presa.
                                                          Nella peggiore delle ipotesi scarica i magneti, ma questo sarebbe già un passo avanti
                                                          .
                                                          questo l'ho ripostato perchè non lo posso modificare.
                                                          Ultima modifica di nll; 07-09-2011, 01:06. Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Originariamente inviato da riccardindalciuffo Visualizza il messaggio
                                                            bisogna vedere da dove "questa eventuale energia in surplus" viene presa.
                                                            Nella peggiore delle ipotesi scarica i magneti
                                                            Non pensare che un magnete immagazzini poi così tanta energia... Una stima molto rozza si può fare usando la formula
                                                            UM = B² * V / (2*?0*?r)
                                                            con
                                                            B = max induzione magnetica residua, facciamo 2 T (abbondiamo);
                                                            V = volume del magnete = 1 m³;
                                                            ?0 = permeabilità magnetica del vuoto;
                                                            ?r = permeabilità magnetica relativa ? 1000.
                                                            Si ottiene
                                                            UM ~ 1,6 kJ, diciamo 2 kJ, giusto per avere un ordine di grandezza.

                                                            Con quest'energia non è che ci fai così tanto: prova a calcolare di quanto innalzeresti la temperatura di 1 kg di acqua da 20 °C.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR