Olio esausto di PALMA - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Olio esausto di PALMA

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Olio esausto di PALMA

    Ciao a tutti ragazzi sono Marco, un nuovo utente del forum, anche se lo spolpavo da un pò di tempo.
    Tra tutte le discussioni, mi affascinava l'idea di utilizzare l'olio esausto tale quale, come carburante. Ovviamente ben filtrato e miscelato in percentuali varie col diesel.
    Ho deciso quindi di farmi dare qualche litro di olio esausto (ho piu amici ristoratori), ma ho riscontrato che tutti dalle mie parti usano olio di palma che, dicono, non scambi gli odori tra i cibi fritti. Così ho cercato un pò in giro sul forum, ma non ho trovato nulla a riguardo.
    Volevo chiedervi: l'olio di palma andrebbe bene quanto l'olio di colza o di semi di girasole?


    P.S. Vorrei provarlo sul mio iveco daily 3000cc del 2005...che ne pensate?

  • #2
    L' idea ha affascinato tante persone, me compreso. Un consiglio spassionato: lascia perdere l'olio tal quale, anche in percentuale col gasolio, vuol dire condannare a morte il tuo 3000 (fra i migliori motori in circolazione), che sicuramente lo usi anche per lavoro.
    Guarda sui forum americani i danni che provoca l' olio tal quale, sui forum italiani ci sono solo tante persone che parlano solo per sentito dire e non hanno mai provato a fare dei test per confermare le loro tesi. Ho provato anche io (olio di palma al 100%) e mi sono ritrovato con un deposito di incrostazioni in camera di combustione e un principio di incollamento delle fasce elastiche solo dopo qualche migliaio di km...
    Poi ognuno e' libero di far quel che vuole.
    Se sei fortunato fai 100.000 km, ma ne vale la pena distruggere un motore dopo 100.000 km quando lo stesso ne puo' fare 1.000.000?
    tutto

    Commenta


    • #3
      240.000km fatti ad olio di semi fritto, sia in % e infine puro con riscaldatore acqua olio autocostruito. Il forum è pieni di gente che usa l'olio usato così com'è.
      Il punto è un altro, con un commonrail i rischi sono maggiori, c'è chi lo fa, ma non so aiutarti di preciso. Per usare % degne di nota sicuramente kit a due serbatoi con riscaldatore
      Ecco le mie aventure!
      Auto a idrogeno HHO fatto in casa
      Seat ad olio di semi
      Biodiesel fatto in casa
      Allevamento alghe per fare biodiesel

      Commenta


      • #4
        240.000 km ma con quanti motori?
        Mi sembrava di aver letto in qualche post sul web che la tua ibiza l' avevi sostituita con un' audi perche' a 180.000 km aveva problemi di compressione dovuti all' uso dell' olio..
        Allora i siti americani contano balle... C'e' un post di un ragazzo che ha montato un impianto professionale a doppio serbatoio su una golf tdi e nonostante utilizzasse la macchina per il 90% in autostrada ha rotto tutto dopo 150.000 km, o forse qualcosa in piu', ci sono anche un centinaio di foto a dimostrarlo, sue e di altri utenti che hanno avuto tanti problemi.
        Conteranno tutti balle? Non credo.
        Fabio, tu sarai sicuramente l'eccezione ma in italia purtroppo c'e' il brutto vizio di straparlare senza dimostrare i fatti con dati oggettivi, a differenza di altri paesi in cui la possibilita' di usare olio vegetale come carburante non e' reato e quindi si incontrano molti piu' casi di utilizzo e quindi dati veritieri e non inventati.
        L'impianto a doppio serbatoio l'ho usato anche io, pensi che avrei abbandonato tutto se mi fossi reso conto che tutto andava bene? Dopo poche migliaia di km, la macchina stentava a partire, sintomo di perdita di compressione dovuto ad un principio di incollamento delle fasce.
        Mi sono fermato in tempo usando quintali di additivo per la pulizia del motore e ho risolto in questo modo.
        Purtroppo non esistono test scientifici che dicano che l'olio tal quale non ha effetti collaterali, esiste solo un test di jurney to forever effettuato su due generatori identici, uno con gasolio e l'altro con olio di palma (nuovo fra le altre cose) ed e' stato riscontrato un aumento del consumo delle fasce elastiche superiore del 20% nel motore alimentato ad olio. (qua il test http://journeytoforever.org/biodiesel_SVO-palm.html)
        L'unico motore realmente capace di bruciare l'olio vegetale e' il motore 3 cilindri della elsbett, ma questo e' stato appositamente progettato per questo: la sua particolarita' e' quella di lavorare a temperature elevatissime ( l'unico sistema per bruciare l'olio e non lasciare residui e' quello di bruciarlo a temperature elevatissime) sia in iniezione (l'olio viene iniettato a temperature che noi ce le scordiamo purtroppo) che in combustione (infatti e' raffreddato ad olio perche' bolle a temperature decisamente piu' elevate).
        e' costruito tutto in ghisa, compresa la testa, per evitare al minimo le deformazioni termiche dei metalli (tipo l'alluminio delle testate dei motori normali) ha i pistoni anch' essi in ghisa ( tutta la parte a contatto con le combustioni, la parte in cui sono alloggiate le fasce elastiche fino allo spinotto) mentre il mantello e' scomponibile in alluminio.
        Quello che voglio dire io e' che un motore vw 1.9 tdi usato prevalentemente in autostrada e a gasolio non fa meno di 700.000 km,
        fare anche 200.000 km (impossibile se la si usa in citta', in montagna o in collina) vorrebbe dire ridurre di almeno 4 volte la vita media di un normale motore.
        Se la mettiamo in termini di convenienza allora sono d'accordo, con quello che si risparmia usando carburante gratis possiamo permetterci il lusso di cambiare un motore all' anno e risparmiare ancora qualcosa, ma dire che l'olio vegetale e' un ottimo surrogato al gasolio non ne sono proprio convinto.
        Ultima modifica di Klaider; 03-06-2014, 15:22.
        tutto

        Commenta


        • #5
          Ne approfitto solo per chedere a Klaider quale additivo per pulire le fasce e il motore hai usato? da diluire nell'olio motore o nel carburante?
          io provai 1 volta a far partire il mio multijet ad olio 100%: non ne voleva sapere, fu l'unica volta.

          Commenta


          • #6
            Ne ho usati tanti dal sintoflon al bardhal all' stp, adesso uso l'xft ogni volta che faccio rifornimento.
            Non ho fotografato gli iniettori quando li smontai, da mettersi le mani nei capelli.
            tutto

            Commenta


            • #7
              Facevo questa domanda perchè tanti additivi non sono altro che comune cherosene e/o acqua ragia minerale creando più un effetto cetano booster che una pulizia vera e propria...

              Commenta


              • #8
                grazie 1000 per le risposte!!
                quindi in conclusione non mi conviene nemmeno con impianto a doppio serbatoio e olio a 80°? Neanche se alterno un pieno olio-diesel a uno solo diesel?
                Si il daily lo uso per lavorare e percorro all'incirca 900Km a settimana, potete quindi immaginare che anche un 50% mi farebbe comodissimo

                Commenta


                • #9
                  Prima di darti ragione vorrei vedere dei test ufficiali su motori alimentati a olio vegetale, altrimenti sarebbero le solite chiacchiere "per sentito dire".
                  tutto

                  Commenta


                  • #10
                    bitcoinfree, ci avevo pensato che con l'hho magari può bruciare meglio anche l'olio, ma io non ci capisco nulla...chissà magari funziona o magari aggiunge solo altri problemi.
                    Non c'è nessuno che ha provato olio e hho?

                    Commenta


                    • #11
                      scusate , ma per l'HHO ci sono altre sezioni dedicate

                      cordialmente

                      Francy

                      Commenta


                      • #12
                        vero Mr.Hyde, ma dove andrebbe una discussione che riguarda olio e hho insieme?

                        Commenta


                        • #13
                          ciao yeazzo , il sistema HHO è sempre e comunque un ibrido con altri combustibili ...quindi la sezione giusta è sempre quella dedicata ai sistemi HHO ...

                          inoltre l'intervento di bitcoinfree sembra piu' uno spot pubblicitario che altro ..

                          cordialmente

                          Francy
                          Ultima modifica di Ospite; 08-06-2014, 23:00.

                          Commenta


                          • #14
                            Parlando non solo per sentito dire...

                            L'olio di palma è molto denso, se non sbaglio il più denso dei vegetali, il chè è un bene per le "prestazioni" ma un male per la pompa, specie a freddo.

                            Un po' di olio, specie nei motori vecchiotti cui manca la lubricità dello zolfo, è un toccasana. Il motore diviene più pronto e più silenzioso, la pompa è ben lubrificata, e bisogna mettere un grosso prefiltro perchè si sciolgono anche tutte le morchie del serbatoio. Al test dell' opacimetro fatta in officina con la giusta miscela (che non ricordo) un vecchio mercedes dell' 81 era diventato "ecodiesel" con gran stupore del meccanico!

                            Quando però non ci si limita all' uso come addittivo, ma se ne mette troppo, possono subentrare i problemi di cui sopra. D'altronde cambiando completamente carburante, bisogna cambiare il motore!

                            Riguardo ai rumors, una rondine non fa primavera e non è l'esperienza di un singolo che ci deve spronare o dissuadere (se è per questo so di un tale cui la golf nuova si è rotta tre volte nei primi 5000 km...ed era a benzina) E' la cognizione di causa, la cautela ed il buonsenso cui ci si deve affidare.

                            Per essere prudenti "antagonista negativo" dell' olio vegetale ( mi si passi il termine) è il cherosene, in quanto molto secco, fluido, abbassa il punto di congelamento, etc. Brucia notoriamente anche lui nel diesel, ma creando problemi opposti.

                            Dovendo (in linea ipotetica) avviare una sperimentazione, farei innanzitutto una miscela di olio di palma esausto superfiltrato con un 20% di cherosene (1,25€/l) ed 1-2% di acetone (potentissimo fluidificante e detergente-sgrassante) o comunque sino a che la densita della miscela non è perlomeno vicina al diesel.

                            E poi lo immetterei nel serbatoio a poco a poco, sino ad arrivare (su un commonrail) ad un 20% sul pieno, il che è comunque un risparmio, e -verificate quel che dico- sino al 20% CREDO lo puoi spacciare per addittivo e pertanto non DOVRESTI incorrere nelle terrificanti sanzioni per l'evasione delle accise.
                            Inoltre il motore a queste percentuali, con la densità corretta, non dovrebbe risentirne affatto.
                            Teniamo presente che una percentuale di biocarburante c'è già nel diesel alla pompa, ed in virtù del test che feci empiricamente ed analizzando i gas di scarico, ho sempre il dubbio che nei gasoli premium facciano propio ciò che ho descritto sopra.
                            Ultima modifica di marcomato; 09-06-2014, 16:36.

                            Commenta


                            • #15
                              Se si deve usare l'olio in percentuale non serve aggiungere cherosene - acetone - alcool o cose varie.
                              20 litri di olio miscelati a con 80 litri di gasolio hanno una viscosita' che sicuramente non provoca problemi all' iniezione.
                              oltremodo ricordiamoci che il cherosene, l'acetone e l'alcool sono sostanze antidetonanti, proprio l'opposto di cui abbiamo bisogno quindi avremo una combustione peggiore e quindi un' accentuazione dei problemi che si e' discusso fin'ora.
                              E poi smettiamola di dire che l'olio da problemi di rottura a pompe e iniettori: ci sono marche di pompe che non fanno una piega, idem per gli iniettori, il problema piu' grande rimane sempre la difficolta' di nebulizzazione dell' olio con problemi ovvi di combustione incompleta e quindi di formazione di depositi pericolosi. Prima che si rompa una pompa bosch avremo gli iniettori completamente ostruiti da depositi.
                              Anche la prova che fece 4 ruote mostrava che pompa e iniettori non avevano subito alcun danno.

                              E' vero che una rondine non fa primavera ma su questo forum ci sono post e foto che certificano i miei esperimenti di alimentazione con olio vegetale per cui veritieri e non inventati.
                              Poi se volete vi posto un centinaio di discussioni con foto allegate sui disastri che l'olio vegetale ha provocato nei motori degli utenti che ne facevano uso.

                              Oppure sono ansioso di vedere test che possano dire in contrario di cio' che affermo.

                              P.S.: Io sto parlando di percentuali molto alte o vicine al 100%, con "additivazione al 20%" non ho dati sui quali discuterne.
                              Pero' se pensiamo al fatto che gli iniettori si sporcano anche usando solo gasolio al 100%...
                              tutto

                              Commenta


                              • #16
                                beh ma se entrambi siete d'accordo che il 20% di olio non farebbe danni, per me sarebbe già un ottima cosa!!
                                Per il filtraggio consigliate filtri o centrifuga?

                                Commenta


                                • #17
                                  Eviterei come la peste olio di palma su commonrail anche al 20% (10 lt su 50 bastano per rimanere a piedi in un tempo meidio-breve), garanzia a cofano chiuso per tot km non te la dà nessuno....

                                  Originariamente inviato da marcomato Visualizza il messaggio
                                  Dovendo (in linea ipotetica) avviare una sperimentazione, farei innanzitutto una miscela di olio di palma esausto superfiltrato con un 20% di cherosene (1,25€/l) ed 1-2% di acetone (potentissimo fluidificante e detergente-sgrassante) o comunque sino a che la densita della miscela non è perlomeno vicina al diesel.
                                  di questa miscela mi piace solo il prezzo del cherosene, che io non ho mai trovato avendo provato in diverse percentuali.....non per sentito dire quando si arriva a viscosità accettabili ne va di mezzo la combustione, senza parlare della potenza dell'acetone puro che scioglie la gomma NBR come il burro.
                                  Per me l'unico, reale compromesso su un commonrail é e rimane al momento Biodiesel di qualità.
                                  Ultima modifica di lgmm; 10-06-2014, 08:41.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    ciao marcomato

                                    Parlando non solo per sentito dire...

                                    L'olio di palma è molto denso, se non sbaglio il più denso dei vegetali, il chè è un bene per le "prestazioni" ma un male per la pompa, specie a freddo.


                                    scusa ma la densita' è un parametro ben differente dalla viscosita'

                                    l'olio infatti è meno denso dell'acqua , ma piu' viscoso .

                                    ne convieni ?
                                    Ultima modifica di Ospite; 10-06-2014, 08:54.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Ehm... in effetti... potrei aver sbagliato i termini!

                                      Intendevo che l'olio di palma ha catene molecolari più lunghe, che rilasciano più energia nella combustione, ma lo rendono solido come il burro già a temperature ben sopra lo zero. Poi effettivamente del peso specifico a pompa ed iniettori importa poco.

                                      Riguardo al sopracitato cherosene, non è addizzionato a differenza della benzina con antidetonanti, per cui la sua addizzione è meno nefasta in un diesel. Nel sopracitato Mercedes il libretto UeM ne prevedeva UFFICIALMENTE la miscela sino al 40% con il gasolio per l'uso dell' auto a 30 sotto zero.

                                      Il prezzo di 1,25/l per il cherosene bianco si riferiva forse ad un paio d'anni fa quando ci alimentavo la stufa zibro... ora in tanica non so quanto venga, anche se costava sempre un po' meno sia della benzina che del diesel.

                                      Non dico che mantenendosi su un 20% non si possa addizionare olio e basta... ma magari con anche un 4-5% di cherosene i bassi rischi di malfunzionamento divengono quasi nulli. Ed un 0,001% di acetone dovrebbe (notare il condizionale) aiutare ulteriormente. Senza riuscire a danneggiare alcuna guarnizione.

                                      Per i filtri qui sul forum si consigliavano quelli per travasare le vernici dei carrozzieri. E, anche non volendo montare preriscaldatori ed altre amenità tecniche, facendo esperimenti oliosi, non è una cattiva idea il prefiltro trasparente in carta da 2 euro sulla linea combustibile, che ti salva dall' intasamento quello a cartuccia da 20-40 in caso dal serbatoio arrivi dello sporco, aggiungo io, o se il costo del vostro filtro gasolio non giustifica il lavoro, perlomeno è opportuno averne uno di scorta sempre dietro in caso di intasamento.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        [QUOTE=marcomato;119543317. Nel sopracitato Mercedes il libretto UeM ne prevedeva UFFICIALMENTE la miscela sino al 40% con il gasolio per l'uso dell' auto a 30 sotto zero./QUOTE]

                                        yeazzo che ha aperto il post mi pare non abbia il mercedes dell'81 e/o di motori con quella concezione, se ne vedono sempre meno ....
                                        A parte che che quelle % gli additivi sono placebo poi il prefiltro in carta sul circuito bassa pressione si intaserebbe in un nanosesondo mandando in recovery la centralina e sensori vari:i diesel di ultima generazione sono un altro mondo e per quello che costano, anche in ricambi, risparmiare qualche eurocentesimo per possibili danni di migliaia di euro sono consigli che non si possono dare.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          ciao marcomato non vorrei sembrarti antipatico

                                          Intendevo che l'olio di palma ha catene molecolari più lunghe, che rilasciano più energia nella combustione, ma lo rendono solido come il burro già a temperature ben sopra lo zero.
                                          mi sembra di notare un pochino di confusione ,, nel senso che gli oli vegetali sono formati in maggioranza da trigliceridi

                                          i trigliceridi non sono altro che esteri dati dalla reazione tra glicerina e acido grasso , in natura esistono i trigliceridi misti , ossia un trigliceride contiene (di solito) la molecola di glicerina legata a 3 differenti acidi grassi , inoltre i trigliceridi possono essere di natura diversa e contenere acidi grassi diversi .

                                          detto questo ..prendiamo in esame l'olio di palma

                                          la sua composizione chimica è la seguente

                                          acido palmitico 44%(C16)
                                          acido oleico 38%(C18)
                                          acido linoleico 10%(C18)

                                          ed altri in minor quantita'

                                          invece l'olio di semi di girasole (ad esempio) contiene altissime percentuali di acido oleico e linoleico (40-70%)

                                          (in questo caso) le molecole + lunghe quindi sono contenute nell'olio di mais(C18)

                                          (non bisogna guardare solo la lunghezza della catena , ma anche il numero di legami insaturi presenti nella molecola ...+ legami doppi ci sono , e piu' l'olio sara' fluido ...piu' acidi grassi saturi ci sono a parita' di lunghezza di catena e piu' l'olio avra' un punto di fusione alto)

                                          non sono convinto nemmeno che le molecole + lunghe diano un maggior apporto calorico in fase di combustione

                                          per spiegare il mio dubbio , inserisco i poteri calorifici inferiori (p.c.i.)di metano , propano e butano

                                          metano(C1) = 50 MJ/Kg
                                          propano (C3)= 46,35 MJ/Kg
                                          butano(C4) = 45,75 MJ/Kg

                                          comunque di per certo il numero di cetano dell'estere metilico dell'olio di palma (BD da palma) è il piu' alto dei biodiesel ottenuti con altri oli vegetali ( numero di cetano estere metilico dell'olio di palma = 62-64)
                                          (numero di cetano gasolio in commercio = 50 - 54)

                                          cordialmente

                                          Francy
                                          Ultima modifica di Ospite; 11-06-2014, 00:56.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            We scusate il ritardo. Si l'biza la detti via a circo 200.000km perche il motore era sfatto, non credo a causa dell'olio, anche se è bene essere chiari h usato la auto come cavia, quindi negli anni gli ho messo dentro di tutto, acetone, ragia, petrolio, nitro, benzina, ecc...
                                            Ho spesso usato l'olio in % troppo alte senza riscaldatore, non ci facevo mai autostrada ma solo viaggi di 5 10km, impedendo spesso al motore di andare in temperatura e nonavendoi piu il riscaldatore elttrico perche si brciò andavo uguale.
                                            L'ho fusa credo, perche in sostanza ingannai con delle resisteza il sensore temperatura gasolio, il maf, e il debimetro (questo con un circuitino) per aumentarne le prestazioni. Tale metoni molto approssimativo e da me portato all'estremo, pagava in cv e coppia (povera bibina, volava hehehe) ma scazzava anticipi e mandate ecc... quindi tremava e fumava come un landini, miracolosamente mi sarei aspettato che il primo a morire sarebbe stato il turbo viste le pressioni a cui andava quella misera turbinina a geometri fissa, invece perse compressione probabilmente cossi anche un po i pistoni. Insomma diffcile fare un analisi, di sicuro con tutte le cose che gli ho fatto fare (ha toccato i 6500rpm) a quel motore non posso fare che i miei complimenti e scuse (ero giovane).
                                            Inoltre poverina ha fatto anche tanti km con il buiodiesel non lavato, quindi basico a livelli assurdi, solo perche si faceva male la reazione e non ci riusciva lavarlo. Quindi via un miracolo sia arrivata a 200.000km.
                                            Comunque una golf da 140cv la mangiava :P

                                            Dopo proseguii con l'audi A6, tutta originale, con cui facevo viaggi dai 5 ai 30km a volta, non c'ho mai messo il riscaldatore e quindi andavo in % variabili a seconda della temperatura esterna.
                                            COn lei tutto liscio come l'olio data via a 240.000km perche il tiptronic smattava e ci volevano 4000€, partiva bene pur avendo le termocandele bruciate che non ho mai cambiato.


                                            Ora c'ho una Lancia Fulvia del 74 ...
                                            Quindi vado a benzina.

                                            Ma se segui le regole scritte nel libro di Roy con il motore adatto secondo me macini km a vita.

                                            Poi certo non sono ne tecnicio ne autorevole, sono un privato che c'ha provato, avrò avuto culo...
                                            Ecco le mie aventure!
                                            Auto a idrogeno HHO fatto in casa
                                            Seat ad olio di semi
                                            Biodiesel fatto in casa
                                            Allevamento alghe per fare biodiesel

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Nella mia grezza esperienza, senza quindi nessun dato scientificamente dimostrabile, con la soia si andava peggio, con il girasole meglio, con la colza meglio ancora. La palma l'hosempre usata in % con altri oli e mi pareva andasse un po meglio. Ma di solito andando ad olio usato non avevo idea di che oli fossero, ma in generale con l'olio usato si andava meglio.


                                              Su un commonrail il l'olio non l'useri, la mia jaguar con il 2.2 ford da 155cv, inquinava l'olio motore in 3 balletti anche con % infime...
                                              Ecco le mie aventure!
                                              Auto a idrogeno HHO fatto in casa
                                              Seat ad olio di semi
                                              Biodiesel fatto in casa
                                              Allevamento alghe per fare biodiesel

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Fulvia 1.3 o 1.6?
                                                l'ho avuta anch' io, tenuta di strada fiori dal normale!!!
                                                tutto

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Ok...ma come faccio a sapere se il mio 3000 è un common rail?

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    I 3000 iveco sono tutti common rail.
                                                    tutto

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Confermo, tutti i 3000 iveco sono CR.

                                                      La macchina eccola qui: Lancia Fulvia 1.3s
                                                      Ecco le mie aventure!
                                                      Auto a idrogeno HHO fatto in casa
                                                      Seat ad olio di semi
                                                      Biodiesel fatto in casa
                                                      Allevamento alghe per fare biodiesel

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Io di olio di palma utilizzato puro nei motori diesel ho una bella esperienza..... direi che non è il caso di rovinare una macchina per fare esperimenti già fatti. Come scrive Klaider ci vogliono motori dedicati. Wartzila che ha accumulato una esperienza immensa sui bioliquidi e oramai monta commonrail anche sulle macchine più grandi e lente alimentate con HFO a 180°, per il palma utilizza l'iniezione meccanica.
                                                        Il palma da frittura ha in genere un difetto ulteriore, è più viscoso del vergine e aumenta il numero di Iodio . Visto che negli anni chi adopera il palma sui grossi motori stazionari ha alzato le temperature di iniezione dagli iniziali 60°-65° a più di 90° continuando a dover risolvere problemi sulla alimentazione ( è l'unico olio che nella curva di viscosità presenta un picco a 80° dove aumenta invece di diminuire) , lasciate perdere. Qui hanno dimostrato che si esterifica benissimo e il bio che ne deriva da le prestazioni energetiche migliori, hanno insegnato a fare bio anche alle massaie di Voghera.....

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          scusate il ritardo..
                                                          ok ma col biodiesel starei tranquillo? o dovrei comunque avere degli accorgimenti, o fare delle modifiche?
                                                          P.S. tempo fa lessi che il bio provoca danni se si ha l'antiparticolato, è vero?

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Yeazzo, il signor tranquillo purtroppo e' morto...
                                                            Nessuno puo' dirti se l'uso del BD in purezza sul tuo motore va bene o provoca danni.
                                                            Dovresti essere tu a provarlo e a dedurre la perfetta compatibilita' sul 3000 iveco..

                                                            Ognuno puo' dire la sua in base alla propria esperienza, io su un 1.9 jtd 8v sono a quota 43.000, ho smontato un iniettore per vedere lo stato delle incrostazioni ed era pulitissimo.

                                                            Il discorso sul filtro antiparticolato e' alquanto variegato, c'e' chi dice che non crea problemi e c'e' chi dice che e' dannoso, piu' che al filtro, al motore stesso.

                                                            Che io sappia ci sono 2 meccanismi di funzionamento diversi per quanto riguarda la rigenerazione del filtro antiparticolato:
                                                            1- tramite post-iniezione. In questo modo si da' "carburante" al filtro in maniera da far avvenire la combustione delle particelle di carbonio che stanno intasando il filtro. Questa tecnica e' la piu' economica ma anche la piu dannosa in quanto parte del surplus di gasolio iniettato, non bruciando in camera di combustione, trafila dai cilindri e va a mischiarsi con l' olio lubrificante, diminuendone l'efficacia.
                                                            2- tramite la reazione di particolari sostanze-catalizzatori direttamente nel filtro e quindi senza utilizzare il metodo di qui sopra.
                                                            Detto questo pero' c'e' da tenere in considerazione una cosa: in gasolio ha una caratteristica che purtroppo il BD non ha: evapora alla temperatura di 70-80 gradi a differenza del BD.
                                                            Quindi, qualora il gasolio entra a contatto con l'olio lubrificante (che ha solitamente una temperatura piu' elevata rispetto a quella di evaporazione del gasolio) in buona parte evapora, passando per lo sfiato vapori e viene ributtato nei collettori di aspirazione.
                                                            Il BD purtroppo evapora a temperature molto piu' elevate per cui andra' a diluirne l'olio il modo molto piu' massiccio.
                                                            Teoricamente con il secondo tipo di rigenerazione dovresti essere apposto ma io non ho mai avuto esperienze per poterlo affermare.

                                                            Quindi, in caso di FAP e rigenerazione con post iniezione, la soluzione potrebbe essere quella di monitorare il livello olio e sostituirlo molto piu' frequentemente rispetto all' uso di gasolio puro ma qui bisognerebbe sentire chi ha esperienza diretta in merito.

                                                            Se non fosse vietato, il FAP lo toglierei perche' purtroppo e' stato dimostrato che e' piu' velenoso di un' auto che invece non lo molta, ma questa e' un' altra storia...
                                                            tutto

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X