Gruppo di continuita per circolatore termocucina - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Gruppo di continuita per circolatore termocucina

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Gruppo di continuita per circolatore termocucina

    Salve.
    Oggi e' successo che mentre la termocucina era accesa, l'Enel ha tolto la luce.
    Per fortuna ero affianco alla cucina, e vedendo la temp salire velocemente, mi sono accorto che la pompa era ferma, abbiamo svuotato la legna e tutto Ok.
    Mi sono chiesto cosa sarebbe successo se non fossi stato presente. Probabilmente niente di grave, visto che l'impianto e' a vaso aperto, ma nondimeno vorrei porre rimedio.
    Mi chiedo se sarebbe possibile collegare il circolatore a quegli UPS che vendono nei negozi di computer. Ne avevo uno una volta, e in caso di black out alimentava il PC per qualche minuto, emettendo un bip ogni tanto, poi i bip diventavano sempre piu' frequenti fino allo spegnimento.
    Ora mi chiedo se un attrezzo del genere potrebbe essere adatto, e per quanto tempo potrebbe alimentare in mancanza di corrente, visto che il circolatore e' qualcosa tipo Samuleson con un consumo dichiarato dai 7 ai 25 watt.

    Grazie per eventuali delucidazioni

    Giancarlo

  • #2
    certo che funzionano.. io ce l'ho e ho collegato la centralina climatica che gestisce tutti i suoi accessori e la centralina del tc che gestisce il circolatore temperature etc..
    l'importande è che sia con onda "sinusoidale pura". costa qualcosa in più di quelli normali, ma non danno problemi con le centraline elettroniche, che diversamente potrebbero danneggiarsi. se poi il circolatore è di quelli che si autoregolano c'è la possibilità che neanche partano, avendo anche loro una parte elettronica.
    nel tuo caso avendo solo la centralina e il circolatore ti basterebbe uno piccolo. penso un 750 kW potrebbe andar bene.
    più che altro devi guardare la quantità delle batterie, che alla fine sono loro che ti garantiscono la durata. prenderne uno con nr.2 batterie, significa
    avere quasi il doppio del tempo senza corrente in casa.
    se poi vuoi qualcosa di buono orientati sugli "APC", sono i migliori in assoluto.

    ciao
    Caldaia red compact 24 easy clean - Termocamino 30 kW - puffer 1300 Lt., scambiatore 40 + 12 piastre acs - centralina climatica HCC5 Sorel - zona climatica "C" - 1384 gradi giorno - casa 360 MC - temperatura interna 22° h 18/24..

    Commenta


    • #3
      Devi prenderne uno a onda sinusoidale doppia conversione
      Altrimenti rischi di bruciare il circolatore
      Per la capacita e durata dipende dalla potenza e batteria
      Come potenza ti bastano 200/250 W la durate è proporzionale al consumo circolatore
      Se consuma effettivamente 25 w con 250 watt effettivi ci fai circa 10 ore, tolte le perdite diciamo 7/8
      Attenzione che 250 watt sono una batteria da auto da 36 AH piena carica, solo per darti un'idea della batteria che dovresti avere
      Sono di piu ma per durare non puoi scaricarlo oltre 70%, poi ci sono le perdite dei circuiti

      Commenta


      • #4
        azz.. Moreno.. in contemporanea.. ma il discorso è più breve e più concitato.. si vede che ne capisci più di me..
        eeeehh quanti "più"..
        Caldaia red compact 24 easy clean - Termocamino 30 kW - puffer 1300 Lt., scambiatore 40 + 12 piastre acs - centralina climatica HCC5 Sorel - zona climatica "C" - 1384 gradi giorno - casa 360 MC - temperatura interna 22° h 18/24..

        Commenta


        • #5
          Azz... Aldo mi ricordo ............... della mole di circuiti stampati autoprodotti con trasferibili e pennarello ed infine acido
          Ormai "solo" ricordi, troppo tempo.................
          chiuso OT

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da morenorisorti Visualizza il messaggio
            ....
            Attenzione che 250 watt sono una batteria da auto da 36 AH piena carica, solo per darti un'idea della batteria che dovresti avere
            Scusa ma 36A a 12Volts non fanno 432 Watt ?

            Io consiglierei di verificare quali batterie ha L'UPS .
            Se un Ups è dichiarato 800W non significa che ha 800 Watt di batterie , significa che può sostenere un carico di 800Watt , spesso solo per una manciata di minuti.

            Questo ad esempio , ha 216 watt di pacchi batteria pur avendo una capacità dichiarata di 800W.
            Caldaia Lazar Smartfire 22kw , sonda lambda,240 lt serbatoio pellet, modulo Econet300 , Puffer Galmet multiinox 600 lt, Collettori solari Ksg21.

            Commenta


            • #7
              Si sono oltre 400 ma non puoi scaricare a fondo la batteria altrimenti muore, il mio UPS consuma in doppia conversione 57 W ora, è da 1800w, pero consuma
              fatti i calcoli 30 watt per 6 ore fanno 180 w
              Anche l'elettronica consuma
              SE quello da 800 w dura 5 minuti a cosa serve in centrale termica, se hai caricato la caldaia minimo sono 3/4 ore
              216 watt meno i consumi interni, nessuno li calcola, dove vai se usi solo 70% di batteria?????
              Ultima modifica di Ospite; 18-11-2015, 17:55.

              Commenta


              • #8
                [QUOTE=Lucamax;119656804
                ha 216 watt di pacchi batteria pur avendo una capacità dichiarata di 800W.[/QUOTE]

                In quello metti un pacco di batterie extra e sei a posto, calcoli quanto ne servono

                Commenta


                • #9
                  Stando a quello che dichiara il produttore di quell'Ups , a metà carico l'autonomia è di 12, 5 minuti considerando dunque anche i suoi consumi interni.

                  Quindi 400watt = 12,5 minuti
                  Se il circolatore consuma 25 watt allora :
                  400/25= 16
                  16 x 12,5 = 200
                  200 minuti = 3h 20'

                  Se poi il circolatore consuma meno , l'autonomia cresce proporzionalmente.

                  Si trova a 234 Euro , potrebbe essere una soluzione adeguata al problema di giancapino.
                  Caldaia Lazar Smartfire 22kw , sonda lambda,240 lt serbatoio pellet, modulo Econet300 , Puffer Galmet multiinox 600 lt, Collettori solari Ksg21.

                  Commenta


                  • #10
                    Il rendimento un po bassino, circa 85 watt resi al circolatore con 216 di batteria
                    Visto quanto consuma in proprio?

                    Commenta


                    • #11
                      Ma l'UPS ha gia' un suo controllo interno... quando la tensione della batteria scende sotto una certa soglia stacca la produzione di alternata e si spegne da solo.
                      Forse, mi pare, esiste un settaggio per farlo funzionare in modalita 'emergenza', cioe' "succhia-tutta-la batteria" senza badare a preservarla...

                      Comunque grazie a tutti.

                      Commenta


                      • #12
                        Gruppo di continuità Specifiche – Manovrabile high-tech – Generatori – Industrial – Honda
                        Generatore professionale di corrente Honda

                        Commenta


                        • #13
                          Questo ha un costo nettamente diverso da un ups.....L'ups nasce per non perdere dati in informatica in caso di black-out improvviso, ha un' autonomia di qualche minuto e ti da il tempo di salvare tutti i dati, anche in automatico. Dopo interviene il gruppo elettrogeno. Io ho installato un ups per la caldaia a pellet e 2 pompe proprio per i piccoli black-out e soprattutto per proteggere dagli sbalzi di tensione. Bisonga però che sia di qualità del tipo online o line-interactive.
                          Caldaia KWB Classicfire 18, puffer 2000, puffer 500 acs con 3 pannelli solari sonnenkraft, acs piastre ext.

                          Commenta


                          • #14
                            Non sara la miglior soluzione ma con 2 ups AROS SENTINEL DOPPIA CONVERSIONE sempre in linea e 5 batterie 50 Ah per uso solare alimento tutta la casa escluso i carichi pesanti, forno , lavatrice ecc.ecc
                            Con il fotovoltaico carico le batterie e poi le uso alla bisogna, anche di notte
                            Niente interruzioni e disturbi di rete

                            Tanto meno immetti in rete piu guadagni
                            Ultima modifica di Ospite; 19-11-2015, 15:08.

                            Commenta


                            • #15
                              Collegamento ups

                              Salve ragazzi volevo inserire un gruppo ups anche io ma trovo difficolta a come collegarlo, vediamo se qualcuno mi può aiutare! Io ho una caldaia pellet con due pompe, una per l impianto radiante e l altra per il sanitario verso un boiler ( boiler con doppio serpentina ... solare e sanitario) premesso che d inverno essendo solo in casa non lo uso quindi c è sempre una temperatura bassa. Volevo sfruttarlo per 2 azioni: 1 in caso di mancanza di corrente elettrica, 2 nel caso di rottura della pompa per imp radiante smaltisce il calore rimanente nel bracere azionando la pompa sanitaria trovando il boiler freddo.

                              Commenta


                              • #16
                                ciao , anchio ho lo stesso problema e visto che devo acquistarlo per il pc , vorrei capire se è fattibile per la termocucina , magari espandendolo aggiungendo anche un'altra batteria . un'amico me l'ha sconsigliato , proponendomi un generatore a motore , ma quello lo prenderei più in considerazione per un emergenza prolungata , visto che a buon prezzo si trovano anche da 3 kw , cosi alimento tutta casa caldaia compresa.. ma in pratica , un ups calcolando i volt ampere in maniera che ci stia bene sopra i wattaggi totali sia del pc che della centralina della termocucina , è fattibile ? devo vedere ancora i watt dei circolatori , se metto la batteria alla centralina automaticamente dovrebbe alimentare i circolatori? devo vedere con l'elettricista .. grazie

                                Commenta


                                • #17
                                  ... molte idee parecchio confuse!

                                  Non è così semplice come sembra: inverter deve essere un doppia conversione ad onda sinusoidale, e le batterie con certe caratteristiche per mantenere attivo il tutto per un tempo congruo al tuo fabbisogno.

                                  In casa da almeno 10 anni ho un sistema simile a quello che pensi di fare, ma limitato a due sezioni dell' impianto di casa, appositamente modificato:

                                  1- luci, quasi totalmente a led, e quindi basso consumo
                                  2- elettronici (prese del sistema di videosorveglianza, tv, computer e server, centralino telefonico, allarmi e caldaia)

                                  Grossomodo, poi il discorso delle componenti da utilizzare è parecchio lungo, magari trovi molte info in questa sezione:



                                  Cerca tutte le discussioni iniziate da Elisabetta Meli, è lei una delle pioniere di questi sistemi!

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Salve a tutti, colgo l'occasione di questa discussione per porre una domanda in quanto mi stavo domandando come aggirare il problema della richiesta di alimentazione elettrica delle moderne termocucine. Sarebbe possibile e vi chiedo se abbiate esperienze in tal senso di prodotti presenti sul mercato, di far funzionare le termocucine senza corrente, sfruttando l'effetto termosifone (acqua calda che sale) ponendo un accumulo sopra la termocucina (sopra intendo con tubi di andata e ritorno ad altezza superiore di quelli della termocucina)? grazie in anticipo per le risposte

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Si un tempo gli impianti termici erano costruiti in quel modo:

                                      1- l' acqua calda meno densa viene spinta in alto da quella fredda piu' densa
                                      2- non devi avere sifoni climatici (pendenze tubi molto ben fatte e in modo che non si formino bolle d' aria nei punti appena piu' alti ..)
                                      3- caldaia predisposta (entrata fredda in basso e serpentini o vasche che permettono la risalita dell' acqua calda)
                                      4- vaso aperto, in caso bolle e basta
                                      5- puffer in alto e pure i termosifoni (caldaia in cantina e termosifoni ai piani superiori)

                                      Altri tempi!

                                      Meglio un gruppetto di continuità ed un circolatore elettronico a bassissimo consumo (10-20 watt massimo per un impianto casalingo) e qualche altro watt per la centralina di controllo.

                                      Su ebay con 150 euro trovi il tutto usato, al limite sostituisci le batterie al pb-gel se esauste.

                                      Commenta

                                      Attendi un attimo...
                                      X