caldaia a pellet - sempre accesa ? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

caldaia a pellet - sempre accesa ?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • caldaia a pellet - sempre accesa ?

    buon giorno a tutti, Chiedo scusa in anticipo se per caso questo argomento e' già stato trattato....ma e' da stamattina che cerco nel forum e talvolta sono talmente spiegazioni tecniche che non ho trovato o non ho capito bene cosa letto.
    Io ho una caldaia dallessandro 40 senza puffer ( credo sia la riserva di acqua calda?) . Il termostato e' sui 20 gradi dalle 9 alle 21 di sera poi lo tengo a 12 gradi.
    sento sempre consigli disparati sullìaccendere e spegnere la caldaia o tenerla sempre accesa come faccio ora. Potete dirmi se e' davvero conveniente tenerla sempre accesa? la casa e' isolata ed e' di 210 mt quadri. Adesso consumo 4 sacchetti al giorno. no so cosa sia la quantita d'acqua e non so cose' la biomassa
    Grazie a chi potra rispondermi tenendo conto che non mi intendo di termini tecnici.....scusate
    grazie debora
    Ultima modifica di debora60; 29-01-2016, 14:25.

  • #2
    4 sacchetti al giorno per 210 metri di casa isolata non è poco.
    Io con una casa non bene isolata in zona climatica E , consumo per 110 mq, 24 kg al giorno , corrispondono a 1,6 sacchi, con temperatura esterna da 1° a 4° e senza nessun soleggiamento.

    Ad occhio consumi un sacco di troppo almeno...

    Per il tuo quesito , non capisco come può rimanere sempre accesa la caldaia anche quando imposti 12 ° .
    In quel caso la caldaia dovrebbe ridurre molto il consumo, modulando fino a spegnersi nel corso delle 12 ore.

    Potrebbe esserci una impostazione dellla caldaia che quando la sua temperatura scende sotto un certo valore , la caldaia si accende per mantenere una temperatura minima abbastanza elevata., ma dal momento che non hai un accumulo o puffer, cioè un serbatoio che immagazzina l'acqua calda prodotta in eccesso dalla caldaia rispetto a quellla utilizzata dai radiatori cioè i caloriferi, il calore prodotto dove finisce ?
    Sempre che tu abbia i caloriferi e non il riscaldamento a pavimento...
    Potrebbe essere quello il motivo per cui rimane sempre accesa.

    Sulla convenienza nel tenerla accesa , diciamo che l'impostazione 20° e poi 12 ° non è il massimo, sarebbe meglio se tu impostassi una temperatura più alta durante la notte ma dovresti dirci che tipo di sistema di diffusione del calore hai appunto per poterti consigliare.
    Caldaia Lazar Smartfire 22kw , sonda lambda,240 lt serbatoio pellet, modulo Econet300 , Puffer Galmet multiinox 600 lt, Collettori solari Ksg21.

    Commenta


    • #3
      Spenta nel senso che

      Intendo spenta nel senso che non spengo il pulsante. Quando va giu di temperatura lei riparte e porta la temperatura a 75. Poi si rispegne, nel senso che non fa piu rumore.Non so se mi spiego bene. Io metto a 10 12 potrei mettere anche 0, lo faccio perche non scaldi piu i thermoDebora

      Commenta


      • #4
        Ciao Debora, benvenuta sul forum!

        Una signora in piu' fra tanti "maniaci" delle biomasse aiuta solo con la presenza a rendere piu' civile e terra terra le discussioni!!

        Per tornare ai tuoi dubbi:

        1. biomassa. Tutto quello che deriva dai residui vegetali, ovvero produce energia rinnovabile in quanto la CO2 che sprigiona dalla combustione viene subito dopo utilizzata dalla stessa pianta per crescere di nuovo ed attraverso la luce del sole trasforma la CO2 in parti vegetali riutilizzabili come biomasse. Grossomodo qua si parla di legna e suoi derivati (pellet o cippato) o scarti della lavorazione di alcune piante (noccioli di oliva, di uva, etc, fino ad arrivare al pks, che sono triti di gusci di piante come palma....)

        2. contenuto d' acqua di solito si intende quella tecnica che gira dentro la caldaia i tubi ed i termosifoni (100-200 lt ) o nei puffer (bidoni pieni di acqua tecnica che fanno da accumuli che possono essere anche 1000-2000-3000 lt etc).

        per quanto riguarda la gestione del tuo impianto:

        1- la caldaia puo' avere diversi tipi di funzionamento, ovvero avere dei cicli di accensione se munita di accensione automatica, funzionamento normale e spegnimento (cioè al suo interno non c'è piu' fiamma e per ripartire a bruciare combustibile deve fare un ciclo di accensione), oppure

        2- credo il tuo caso la caldaia viene accesa manualmente e durante la notte, senza richiesta di calore, consuma quel poco di pellet necessario a tenere il braciere acceso (ciclo detto di mantenimento braci) e/o la T di setup in caldaia.

        La gestione della T in casa con giorno a 20-22 e termostato spento la notte non è il massimo. Ti consiglio di programmare il cronotermostato con la T notturna inferiore di 2 gradi rispetto a quella di giorno, in modo da evitare al mattino il "colpo di calore" provocato nelle stanza dalla partenza a manetta dell' impianto per riportasre la T in casa al valore del giorno.

        Per ora verifica se la caldaia rimane in mantenimento o se è munita di accensione automatica tale da potersi spegnere, al bisogno, durante la notte.

        Commenta


        • #5
          Ciao a Tutti....

          Ciao Debora60, benvenuta nel Forum....

          Ci dici cortesemente marca e modello della tua caldaia??
          Che tipo di impianto hai: Pavimento radiante, termosifoni, fan coil, ecc...?
          Come viene prodotta l'acqua calda sanitaria (bagni/cucina)??? Con la caldaia a pellet, scaldino a gas, come???

          Saluti
          Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

          Commenta


          • #6
            Caldaia accesa di notte....

            La caldaia e dalessandro 40. Riscaldamento in termisifoni. Casa a due piani dove sotto raggiungo 20 gradi e piano notte 18. Acqua calda e cucinare con gpl bombolone calderina immergas. La caldaia si accende nel senso che io avcendo il pulsante ma poi la fiamma se la accende e spegne da se. La cockea è sul minimo cioe' 12. Quando la sua temp scende sotto 65 lei si riporta s 75. Senza la partenza della pompa. In quanto non ho mai sentito i termos caldi o tiepidi di notte.D'alessandro modello CSI30Debora

            Commenta


            • #7
              secondo me sarebbe meglio impostare sui 18 le altre ore, non 12... per evitare troppi sbalzi di temperatura ogni ripartenza mattutina

              se la caldaia è diretta, un buon sistema anticondensa

              se vuoi migliorare il comfort, testine termostatiche sui termosifoni
              riscaldamento a biomassa e PDC
              Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

              Commenta


              • #8
                Aggiungo che quando di notte lei riporta la temp a 75 , il braciere continua poi a scaldarsi da solo fino a 78 79 gradi. Come ho appena controllato.

                Commenta


                • #9
                  caldaia accesa di notte

                  Quindi se ho capito, in ogni caso non mi consigliate di spegnere la sera e riacendere il pulsante on off al mattino? IL termostato e' suìituato in una stanza non calda quindi se imposto 18 in casa ho venti. quindoi mi consigliate 15 di notte, per esempio? e non consumo piu di adesso secondo voi?

                  Commenta


                  • #10
                    Da quanto racconti, pare che l' impianto funzioni correttamente, ovvero i termostato di zona ferma il circolatore che porta l' acqua dalla caldaia ai termosifoni. La caldaia la notte va in mantenimento, ovvero tiene la caldaia a T di setup.

                    Forse ti manca un collegamento fra caldaia e termostato. Ovvero se il termostato di zona non chiama per tot tempo la caldaia dovrebbe spegnersi, per riaccendersi quando il termostato di zona chiama calore.

                    Se pero' la notte metti il termostato di zona a T appena piu' basse di qualel di giorno, è molto probabile che alle 2-3 di notte la zona richiami colore, forse anche piu' volte nell' arco della notte, quindi il funzionamento ottimale è quello di mantenimento della caldaia, piuttosto che cicli on-off (cioè di spegniomento ed accensione).

                    Commenta


                    • #11
                      allora se seguo il tuo ragionamento. cioe' la caldaia va comunque a 75 gradi notturni, perche' dovrebbe esserci quello sbalzo che dite? praticamente ad una certa ora parte solo la pompa.....ma la caldaia non e' cmq fredda.....non capisco

                      Commenta


                      • #12
                        la caldaia ha una funzione sua di mantenimento T°.
                        se la imposti ad esempio 70°, lei andrà a 72/75° max
                        riscaldamento a biomassa e PDC
                        Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                        Commenta


                        • #13
                          Hai 2 possibilità:

                          1- tenere la caldaia in mantenimento, ovvero accesa ma con piccoli carichi al bisogno per tenerla accesa e calda
                          2- programmare il tutto in modo che la caldaia dopo tot minuti che è in mantenimento si spenga fino a nuova richiesta di caldo da parte del cronotermostato in casa.

                          Se tu avessi un puffer, la seconda opzione sarebbe la migliore.

                          Dato che non c'è l'hai la soluzione piu' adatta è la prima, a scapito di un maggior consumo di pellet della caldaia.

                          Per cercare di "migliorare" la situazione ti è stato spiegato di impostare la T notturna, in casa con 1-2-3 gradi in meno di quella diurna, in modo che la caldaia non rimanga per utta la notte in mantenimento, ma abbia delle ripartenze che:

                          1- ti mantengono piu' pulita la caldaia rispetto a 8-10 ore di mantenimento, compreso un braciere piu' pulito ed efficiente
                          2- ti risparmi in casa la ripartenza mattutina, con un colpo di calore in casa, che provoca secchezza dell' aria ed riduce il confort abitativo

                          Commenta


                          • #14
                            per nord est, meno di cosi non si puo', gia chiesto al tecnico l'anno scorso

                            Commenta


                            • #15
                              provero con alzare un po la temp noturna ....per ora vi ringrazio tantissimo per la pazienza
                              saluti debora

                              Commenta


                              • #16
                                ....molto meglio sopra i 70 gradi, che sotto, credimi!

                                Commenta

                                Attendi un attimo...
                                X