Chiedo consiglio a 360° - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Chiedo consiglio a 360°

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Chiedo consiglio a 360°

    Ciao, ogni anno mi convinco ad apportare modifiche all'impianto termico e poi, mille dubbi mi sorgono: ora vorrei passare la palla a chi ne sa molto più di me.
    Abito in zona semicollinare 200 msl., nord Milano, e l'abitazione è una villetta a schiera su livelli (box garage, mai riscaldato; zona giorno/cucina con stufa a legna; zona notte al piano primo, e mansarda con letto matrimoniale) . Attualmente uso la caldaia a metano solo un ora al giorno al mattino e quando non posso alimentare la stufa a legna (6 Kw di potenza con consumo orario di 1,7 Kg ed un consumo annuo di 35/40 q.li).
    Il desiderio sarebbe quello di sostituirla con una termostufa, però ho alcuni dubbi:
    1) la caldaia a gas vorrei mantenerla in parallelo (la uso anche per ACS, senza accumulo)
    2) non vorrei mettere un puffer
    3)la casa è tutta aperta (due scale senza porte) e quindi ho un solo termostato che mi comanda tutto l'impianto, ogni piano è di circa 50mq (e ne riscaldo 2 su 4)
    4) l'impianto attuale è fatto con 85 elementi in alluminio (di cui 11 escludibili perchè non utilizzati) con una potenza che va da 10800 (delta t. 50°) a 13750 (con delta t 60°)
    5) poichè la canna fumaria che ho è di 12 cm di diametro (in acciaio inox) e non vorrei doverla rifare (comunque il tiraggio è ottimo), dovrei puntare su una termostufa con non abbia un'uscita fumi esagerata
    6) il modello visto ha una potenza intorno ai 16/17 kw (lo scarico fumi è da 13cm e pensavo di "strozzarlo" a 12 senza creare gravi conseguenze)
    DUBBI
    1) considerando che il rendimento è di 3 kw all'ambiente e 10 al liquido (mentre quella attuale è di 6 all'ambiente) ed il consumo orario è di circa 4kg di legna (contro l'1,7 attuale) non rischio di rendermi eccessivamente dipendente dalla legna ed essere costretto a raddoppiare il consumo annuale (dai 35 a 70 q.li)?
    2) nel caso di una termostufa ha senso usarla con parsimonia (rinunciando parzialmente al calore ed al consumo di legna) oppure non essendo modulabile rischio continui "accendi/spegni", problemi di condensa e scarsa ottimizzazione del rendimento?
    3) so benissimo che solo la presenza di un puffer farebbe da tampone, ma la mia richiesta è: mi converrà passare dalla stufetta attuale ad una termostufa?
    grazie per le risposte

  • #2
    1 - se consumi + legna consumi meno metano, no ????

    2 - ecco appunto che il puffer diventerebbe di estremo aiuto

    3 - senza ombra di dubbio, con rese e gestione ben diverse.
    riscaldamento a biomassa e PDC
    Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

    Commenta


    • #3
      Ciao, scusa adiemme io non ho capito perché vorresti passare a questa soluzione. Per il risparmio?
      caldaia red compact easy clean 24, stufa in ghisa nestor martin, puffer 500 e solare

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da ivanb Visualizza il messaggio
        Ciao, scusa adiemme io non ho capito perché vorresti passare a questa soluzione. Per il risparmio?
        Si & no, vorrei passare alla soluzione della termostufa per uniformare il calore in tutta la casa. Poichè adesso passiamo la gran parte del tempo nella zona giorno con il riscaldamento della sola stufa tradizionale.
        Il mio dubbio prevalente è: termostufa + casa su più piani + radiatori in allumino (- puffer) cosa significherebbe? Non mi rendo conto di quanto una stufa a legna possa rendere nel riscaldamento di tale situazione. Ovviamente capisco che se aggiungo un puffer, e consumo 70 q.li all'anno aumenterò il confort (a parte quello di sistemare la legna )
        I poche parole, non ho idea e non vorrei imbarcamenarmi in una situazione tale per cui se non carico a sufficienza la resa termica al liquido non sarà mai sufficiente per una casa a livelli mentre perderei la metà della potenza all'aria (dai 6 attuali ai 3 futuri) con assoluta certezza.
        ??

        Per quanto riguarda il metano sono già ai minimi di consumo, quest'anno che non abbiamo avuto un inverno rigido la caldaia a metano è partita solo un'ora al giorno al risveglio del mattino, poi basta, sino ad oggi sono intorno ai 8/10 q.li di legna al mese. Ovviamente sono in una situazione di quasi massimo risparmio non paragonabile: mi piacerebbe capire quanto costerebbe in più il passaggio tecnico ad una termostufa senza esagerare nei costi di impianto
        Ultima modifica di ADIEMME; 09-02-2016, 15:55.

        Commenta


        • #5
          secondo me:

          1 - valuta bene anche la possibilità di lasciare il tuo impianto come è adesso e aggiungere caldaia a legna e puffer. Chiedi a dott. NE un preventivo per farti un idea delle potenze a te necessarie, e dimensionare bene l'impianto

          2 - discorso termocamino: senza puffer fai il fuochista come adesso con la tua stufa a legna, moduli il calore dei termo mettendo più o meno legna. Poi perchè termocamino che rende 3kw all aria quando adesso ne hai bisogno di 6? il dimensionamento è importante chiedi a professionisti ( non a venditori) se non sai farlo tu ( che almeno un idea sarebbe bene l'avessi, e quindi informati e studia).

          Per il discorso puffer no, qua nella mia zona ( alto friuli) molti hanno termocamino / termocucina senza puffer ( anzi penso tutti ), anni fa qua non si sapeva nemmeno cos'era e sembra si trovino bene. Certo se si vuole un impianto efficiente, moderno e funzionale secondo me è indispensabile.
          caldaia red compact easy clean 24, stufa in ghisa nestor martin, puffer 500 e solare

          Commenta


          • #6
            .... per me hai già il massimo ottenibile per quel tipo di gestione/combustibile. Lascerei perdere avventure idrauliche!!


            Chiaramente potresti sostituire la stufa con una termostufa, ma come ti sei reso conto potresti comunque avere T alte nella stanza dov'è posizionata e altre stanze meno calde, cioè rischieresti di rimanere con gli attuali "difetti" di distribuzione del calore.

            Inoltre solo con l' aggiunta del puffer avresti un impianto ben funzionante......

            Se hai il metano hai una caldaia a condensazione? Se si la termostufa e la caldaia a condensazione non conviverebbero molto bene, dato che la prima ama alte T dell' acqua tecnica, la seconda il piu' basse possibile......

            Commenta


            • #7
              Se bruci 35- 40 qli con una stufa vecchio stile con un aggeggio più moderno (più efficiente) non ne brucerai di più.
              Zona climatica F 3396 gradi/giorno
              Caldaia guntamatic synchro 31, 2 puff da 1500 lt, centralina mhcc sorel, termosifoni,4 collettori solari a circolazione forzata.

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da leaza Visualizza il messaggio
                Se bruci 35- 40 qli con una stufa vecchio stile con un aggeggio più moderno (più efficiente) non ne brucerai di più.
                Beh, l'attuale stufa non è proprio in "ferrovecchio" ha 10 anni è rivestita in maiolica ed ha la regolazione d'aria primaria e secondaria...(non maltrattiamola perchè è tanto utile ).

                to scresan:
                Perchè parli di avventure idrauliche? passando ad una termostufa sicuramente potrò meglio bilanciare il calore in tutta la casa; la caldaia attuale è una normale turboinox istantanea che ha la sua veneranda età di 19 anni (dato che la uso molto poco)

                to Ivanb:
                l'unico dubbio è quanto debbo rinunciare dimezzando il calore all'aria nel locale dove è sita la stufa (dai 6 ai 3 Kw) Perche? Perchè non posso (meglio non voglio) installare stufe che abbiano un canale da fumo superiore agli attuali 12 cm di diametro (e tra termostufe viste sino ad ora, solo una marca ha modelli da 13cm che penso di poter strozzare a 12 senza arrecare gravi danni). Quindi nel locale attuale passerò dai 6 ai 3, mentre negli altri locali porterò comunque un beneficio in termini di calore (che attualmente non riscaldo di giorno). Comunque grazie del conforto: rinuncerò al puffer e lascerò il compito alla mogliettina (cosa che fa già ora)

                Commenta


                • #9
                  ecco la mia situazione e DUE alternative future

                  N.B. gli allegati sono assolutamente anonimi (ho provveduto a cancellare ogni riferimento commerciale).
                  Per meglio chiarire i mei dubbi allego la scheda tecnica della piccola stufa che utilizzo e due alternative per due termostufe ( che esemplifico con le sigle TG= termostufa-grande e TP termostufa-piccola) che, a mio parere, potrei acquistare tenendo presente il diametro dei fumi di scarico.
                  Ciò che chiedo sono chiarimenti su alcune differenze che non conosco:
                  1) la TG con un piccolo consumo del 10% in più, scalda un ambiente più ampio ed ha un contenitore di 50 litri contro i meno di 20 della TP: cosa significa una differenza così elevata nel circolatore? quale s/vantaggio?
                  2) la temperatura dei fumi della TG è inferiore a quella TP ed anche della mia stufa esistente: cosa significa in termini di funzionamento? posso con maggior facilità strozzare il canale dei fumi da 13 per portarlo a 12 (la mia canna) se i fumi sono più caldi o più freddi?
                  3) come posso valutare se il tiraggio richiesto della canna fumaria è sufficiente? Nel mio caso esistente posso solo dire che sia la primaria che la secondaria devono essere chiuse per almeno il 70% delle loro capacità altrimenti la legna finisce in un batter d'occhio e la fiamma è "ossidrica": ciò mi fa sperare che il tiraggio non sarà uno dei miei problemi?

                  Qauli considerazioni pratiche devo considerare nella scelta tra la TG e la TP (e differenze rispetto alla mia piccolina?)
                  File allegati

                  Commenta


                  • #10
                    La TG se guardi ha un rendimento del 10% in più, 88 contro 78 quindi la T fumi è migliore anche per quello.Il contenuto di acqua invece nn ti interessa è legato allo scambiatore di calore, il TG è più potente e quindi gli servira più acqua per scambiare.Il tiraggio richiesto per entrambe i TC è maggiore rispetto alla tua stufa 17-20pa. Se hai una canna fumaria di almeno 5-6 metri non dovrebbero esserci problemi. Andare a strozzare non è il massimo da 12 a 13 cm di area c'è una differenza di più del 15%. Ma se hai una canna abb. Lung a puoi compensare..Per il " consumo della termostufa". Essa non consuma niente è la casa che consuma. Se la casa disperde 5kw in un ora in un determinato ambiente, avrai bisogno di reintegrare 5kw, equivalente a buttare su circa 1,5 kilogrammi di legna...
                    caldaia red compact easy clean 24, stufa in ghisa nestor martin, puffer 500 e solare

                    Commenta


                    • #11
                      Io anche per la resa valuterei il TG , considerando anche che ha una resa all aria simile alla tua stufa di adesso. Devi valutare se i 3kw resi all ambiente dell TP ti bastano. Con tre kW scaldi almeno 30mq ( ad occhio poi dipende da molti fattori e può variare) ma facendo fuoco al massimo. Quanto è grande la stanza dove alloggeresti il termocamino? Ha dei termosifoni? Se si quanto rendono all ambiente?
                      caldaia red compact easy clean 24, stufa in ghisa nestor martin, puffer 500 e solare

                      Commenta


                      • #12
                        Una stufa, perlopiù abbastanza evoluta come la tua, necessita sono di una semplice canna fumaria e di una presa d' aria verso l' esterno per il corretto tiraggio..... e funziona alla grande!!

                        Una termostufa a legna, invece, oltre al miglior tiraggio della stufa, necessita anche di un sistema idraulico collegato e ben dimensionato, nel 90% dei casi anche di un accumulo proporzionato al sistema.

                        intendevo questo.

                        Quindi occhio anche all' impianto idraulico:

                        1- sistema anticondensa?
                        2- puffer ?
                        3- regolazione della T massima verso i termosifoni?

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da ivanb Visualizza il messaggio
                          Io anche per la resa valuterei il TG , considerando anche che ha una resa all aria simile alla tua stufa di adesso. Devi valutare se i 3kw resi all ambiente dell TP ti bastano. Con tre kW scaldi almeno 30mq ( ad occhio poi dipende da molti fattori e può variare) ma facendo fuoco al massimo. Quanto è grande la stanza dove alloggeresti il termocamino? Ha dei termosifoni? Se si quanto rendono all ambiente?
                          Effettivamente non ci avevo pensato, ma nel locale in cui ho (avrò) la stufa ho anche un radiatore in alluminio che svilupperebbe circa 2Kw con un Delta T 50° ( 2,5Kw con Delta T 60°).
                          Ciò significa che potrei anche fermarmi alla TP visto che la potenza totale dell'impianto attuale a metano si aggira dagli 11 ai 14Kw (a seconda del Delta T come sopra)? senza badare ad altre differenze tipo, rendimento globale, quantità di acqua nello scambiatore, temepratura fumi...

                          Per quanto riguarda la canna fumaria mi riterrei fortunato visto che in altezza ne ho circa 6,5 metri

                          to screasan:
                          In merito ai tuoi consigli potrei rispondere così:
                          1) sistema anticondensa OK previsto dal dispositivo
                          2) puffer? no grazie preferisco gestire la stufa e risparmiare nell'impianto iniziale (eventualmente potrei anche aggiungerlo in futuro?)
                          3) regolazione temperatura massima verso i termosifoni? cosa devo prevedere (sono ignorante in materia)
                          Forse il dispositivo di cui ho bisogno è un "regolatore elettronico per il controllo dei circolatori" (che la casa produttrice prevede) , dovrebbe fare quanto richiesto nel punto 1 e 3?
                          Allego lo schema che vorrei realizzare (a circuito chiuso, senza puffer e senza ACS), non è opera mia è solo un copy&paste:
                          File allegati

                          Commenta

                          Attendi un attimo...
                          X