Impianto Radiante + TC + Solare + Metano - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Impianto Radiante + TC + Solare + Metano

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Impianto Radiante + TC + Solare + Metano

    Ciao a tutti,
    vi scrivo per qualche consiglio in merito all'impianto che vorrei realizzare in appartamento di 120m2 piano terra, con garage sotto, casa bifamiliare a due livelli, fascia climatica D, classe energetica casa penso non più di C...

    Vorrei predisporre l'impianto termico in questa maniera, impianto radiante a pavimento a basso inerzia, sopra metterei parquet in tutta la casa, a monte di ciò Termocamino e caldaia a metano per il periodo in cui il TC non è in funzione e i pannelli solari.

    Vi posto uno schema che mi è stato passato da una ditta di TC. secondo voi come vi pare? Oppure se avete qualche altra idea per quanto riguarda l'impianto.

    Daniele.
    File allegati

  • #2
    Ciao Dadodany,

    ma quelli nello schema sono i componenti che dovresti mettere o sono solo dimostrativi e serve solo per vedere i vari collegamenti, mentre nella realtà il TC è più piccolo e il puffer è più grande?
    Perchè se così fosse, il tc è troppo potente, c'è abbinato un "super puffer" tedesco molto performante per stratificazione e collegamenti vari, "Super" costoso e "Super" piccolo per il tc

    Commenta


    • #3
      Ecco .... il TC è un CARINCI 200 evolution, il gruppo pompe lo mettero staccato dal TC , all'interno del locale tecnico, il puffer è un 550 litri... non è un granchè come volume io vorrei almeno un 800 litri... però poi non vorrei che quando entra in funzione il metano mi va a scaldare troppa massa di acqua e quindi invece che risparmiare ci vado in rimessa ;-)

      Commenta


      • #4
        È un puffer ad alta stratificazione ma se non vedo male dallo schema i collegamenti sono errati.

        Commenta


        • #5
          Ciao,
          io ho concettualmente l'impianto che vorresti realizzare tu.
          Metti un accumulo di dimensioni adeguate, ne beneficerai in autonomia. Se la caldaia la monti "in scarico" lei parte solo quando l'accumulo scende (nel mio caso) al di sotto dei 30 gradi.
          Ultima modifica di Maverickone; 22-03-2016, 21:29.
          84 tubi sottovuoto - radiante a pavimento - accumulo 750 litri - acs con scambiatore - "pentola" a legna e caldaia in scarico in emergenza.

          Commenta


          • #6
            Posto scheda tecnica del boiler.... e un altro schema...l'errore che dicevi nello schema è sul collegamento in basso a DX del puffer?
            File allegati

            Commenta


            • #7
              Maverickone che autonomia hai tu con una carica di legna...e quanti m2 hai di radiante?

              Commenta


              • #8
                Io ho circa 170 m2 di radiante su tre livelli, con media coibentazione. Casa su altitudine 500 metri slm.
                L'autonomia dipende anche dalla temperatura esterna, dall'uso dell'acs e dalla richiesta della casa e non solo con il volume dell'accumulo. Come leggi in firma, io ho 800 litri fra acqua tecnica e acs. Sene avessi installato 1000 litri, avrei avuto qualche accensione notturna in meno della caldaia.

                L'autonomia con la carica di legna non la puoi quantificare, perché l'accumulo assorbe i picchi e restituisce su richiesta della casa.
                84 tubi sottovuoto - radiante a pavimento - accumulo 750 litri - acs con scambiatore - "pentola" a legna e caldaia in scarico in emergenza.

                Commenta


                • #9
                  Ciao Daniele,

                  per 120 mq di appartamento con radiante in zona D (non freddissima) e parli di classe energetica casa non più di C, quindi C? buona allora, un carinci 200 secondo me è troppo anche abbinato ad un accumulo di 800/1000 litri, considera poi che nel locale dove installi il camino avrai problemi di sovratemperatura, il radiante deve funzionare h24 e non ha bisogno di tanta potenza una volta in temperatura. Se vuoi autonomia devi riuscire a caricare sempre pieno il tc e avere un puffer che riesca a contenere tutta l'eccedenza che hai quando il radiante, essendo in temperatura richiede poca energia, in questo modo non sprechi energia.
                  L'abbinamento poi con caldaia a condensazione che scalda il puffer che fa anche acs non è il massimo, perchè non sfrutti a dovere la condensazione della caldaia.

                  Io fossi in te proverei a mettere solo caldaia a condensazione a metano con sonda esterna e gestione climatica h24 del radiante e al massimo prevedere eventuali tubazioni per tc e puffer, provare a fare un inverno e poi vedere se ti conviene proprio mettere tc + puffer

                  Commenta


                  • #10
                    Aggiungo altre considerazioni:

                    a) il termocamino va coibentato al massimo. Con questa soluzione non hai alte temperature dove lo installi e diminuisci il tempo per andare a regime.

                    B) Per quelle metrature, cerca un termocamino con meno potenza possibile. Le richieste del radiante, sono molto diverse dai temosifoni.

                    Io, su 170 m2 ho un 19 Kw,di cui 16 all'acqua e anche quando fuori siamo a -5 è più che sufficiente.
                    84 tubi sottovuoto - radiante a pavimento - accumulo 750 litri - acs con scambiatore - "pentola" a legna e caldaia in scarico in emergenza.

                    Commenta


                    • #11
                      Confusione confusione confusione

                      ogni giorno che passa invece di chiarirmi le idee, mi si intrecciano sempre di più... chi dice metti solo il metano chi pellet chi legna.... alla fine non so che pesce prendere....(non è rivolto a voi lo sfogo). Ma alla fine faccio così male a mettere un TC? l'idraulico è titubante perché ne ha montati solo tre, amici dicono spendi 6000 euro in più e non lo ammortizzi perché poi non lo useresti...mhaaa diciamo che sul fatto che spendo di più sono d'accordo, però il risparmio si vede nel corso degli anni e non nell'immediatezza... io dove vivo ora piccolo appartamento di 60 metri mi scaldo solo con il camino a legna ventilato e al mattino un paio di ore di metano.... quindi so cosa vuol dire avere un camino in casa e non mi spaventa, la legna me la faccio io... mi spaventa invece il non sapere la bolletta del metano facendo lavorare per una stagione intera una caldaia a gas 24h al giorno per mantenere un pavimento radiante in funzione in una casa che ha muratura esterna fatta con mattoni antisismici da 30, senza cappotto, con i garage al piano di sotto.... e siccome cmq sia un camino in sala lo metterei... perché non mettere un TC? sarei stupido... lo farei anche per avere un'alternativa al gas.... casomai non metto i pannelli solari, passo i tubi e poi li andrò ad inserire nell'impianto tra uno o due anni.... io la vedo così...

                      Commenta


                      • #12
                        Ciao Dadodany,

                        ricordati che non è la stessa cosa scaldare 60 mq con un camino ad aria e qualche ora al mattino di metano e scaldare 120 mq di radiante.

                        Se hai tc sovradimensionato e puffer sottodimensionato, non potrai mai caricare completamente il tc, perchè sprecheresti un sacco di legna inutilmente, non avendo un puffer adeguato per scaricare le eccedenze, dovresti continuamente fare il "fochista" e dosare le cariche, che se sei a casa o c'è qualcuno, va beh, un pò di sano movimento non fa mai male, ma se parti la mattina e torni la sera, non è che a impianto freddo fai partire il tc e si scalda subito casa (come un camino ad aria), il radiante ha bisogno di un bel pò di tempo anche rispetto ai termo prima di cominciare a sentire caldo in casa allora faresti partire la caldaia a metano così quando arrivi c'è già caldo e continueresti con legna, se non fosse che la caldaia a metano entra nel puffer e per mantenerlo ad una certa T sicuramente sopra i 55° per l'acs, non riuscirebbe a sfruttare la condensazione, quindi potresti "bruciarti" altri magari 15% o più di inefficienza della caldaia a condensazione.
                        Col risultato che per il 50/60% delle volte andrai ancora a metano e la rimanente a legna

                        Commenta


                        • #13
                          Ciao Dado, ovvio che a chi chiedi consigli cercherà di trasferirti le proprie esperienze perorando la causa.
                          Termocamino si o termocamino no, questo devi decidere tu.

                          Ti piace il fuoco a vista?
                          Ti fai la legna da solo?
                          Non ti da fastidio accudire ogni tanto il fuoco?
                          Vuoi evitare di vederti arrivare la bollette del gas senza sapere quale sarà la cifra da pagare?
                          Vuoi arrostire un pò di braciole quando ti va ?

                          Se hai risposto si a più di una domanda, segui il tuo istinto!!!
                          84 tubi sottovuoto - radiante a pavimento - accumulo 750 litri - acs con scambiatore - "pentola" a legna e caldaia in scarico in emergenza.

                          Commenta


                          • #14
                            Ciao Dadodany,

                            sono pienamente d'accordo con Maverickone, tranne sul "
                            Vuoi evitare di vederti arrivare la bollette del gas senza sapere quale sarà la cifra da pagare?", questa secondo me in tutti i casi rimane sempre un'incognita.

                            Da quello che ho capito il tc ti piace e lo metterai quasi sicuramente, pensa allora a come hai intenzione di utilizzarlo, se come fonte primaria, allora in linea di massima potresti farti andar bene lo schema cercando di mettere però un puffer più grande, se invece lo utilizzerai come fonte secondaria, ottimizzerei allora l'impianto per la caldaia a metano e lascerei un pò più "inefficente" il tc visto che non sarà la fonte primaria

                            Commenta


                            • #15
                              6.000 euro per un termocamino... mi sembrano tanti... non devi assolutamente installare un termo sovradimensionato. Come ho scritto sopra, su 170 m2 ho un 19 Kw,di cui 16 all'acqua e anche quando fuori siamo a -5 è più che sufficiente.

                              Se il tuo idraulico ha paura a installare un termocamino... magari anche a vaso aperto.... cambia subito idraulico!!!!

                              Nei mesi freddi, i miei consumi di gas si attestano mediamente dai 15 ai 20 metri cubi mensili, cucina compresa.

                              Chiedi comunque, senza esitare. Io sono partito con una caldaia a condensazione da32 Kw (GRRRRR!!!) perché chi installa, "più è grande e meglio è", e più costa aggiungo!!! e da tre anni vado di termocamino alla grande!!!
                              Ultima modifica di Maverickone; 29-03-2016, 17:39.
                              84 tubi sottovuoto - radiante a pavimento - accumulo 750 litri - acs con scambiatore - "pentola" a legna e caldaia in scarico in emergenza.

                              Commenta


                              • #16
                                maver, 6.000 euro per un tc installato sono la normalità.....
                                riscaldamento a biomassa e PDC
                                Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                                Commenta

                                Attendi un attimo...
                                X