Caldaia a biomassa, dove comincio? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Caldaia a biomassa, dove comincio?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Caldaia a biomassa, dove comincio?

    Salve a tutti.

    Mi presento: Mi chiamo Maurizio e abito in provincia di Lucca.

    Sto iniziando a ristrutturare casa, e pensavo di installare una caldaia a Biomasse. In realtà non ho ancora fatto i conti su quanto risparmierò, però vi espongo brevemente le necessità e le potenzialità in modo da ricevere idee e consigli.

    La casa è del 1900: muri in pietra di 60cm, 3 piani, 60 mq a piano ma il terzo praticamente non sarà per il momento utilizzato in quanto è una mansarda e nonostante voglio predisporci i radiatori non credo che avrò le possibilità economiche per ristrutturarla.

    L'idea delle biomasse (che io fino ad ora ho considerato come nocciolino e sansa) mi è venuta in quanto ho un uliveto ed ogni volta che vado al frantoio vedo tonnellate di scarti che non credo possano far pagare più di tanto.. voi che dite?

    La caldaia non sarebbe messa in casa, ma bensì in una cantina che funge da ripostiglio e rimessa attrezzi. In tale stanza potrei (togliendo un paio di pietre dal muro) arrivare alla canna fumaria del mio caminetto. Mi confermate che lo scarico della caldaia a biomasse può essere innestato in una canna fumaria di un caminetto esistente e utilizzato?

    Per quanto riguarda la produzione di h2o calda, posso utilizzare questa caldaia a biomasse oppure mi consigliate di metterne una a gas giusto per la produzione di h2o calda? Il tempo di avviamento e quindi di produzione di acqua è comodo oppure bisogna aspettare molto tempo prima di avere acqua calda?

    Quanto è il costo approssimativo per una caldaia a biomasse per una casa di circa 120-140 mq?

    Se oltre ai consigli avete dei link interessanti potresti postarmeli in privato? non vorrei farvi infrangere le regole del forum.

  • #2
    no, ogni generatore deve avere un suo condotto fumario.
    riscaldamento a biomassa e PDC
    Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

    Commenta


    • #3
      Per la canna fumaria credo sia consigliato, oltre che a norma, che ne abbia una sua correttamente dimensionata. Meglio doppia parete in inox
      caldaia red compact easy clean 24, stufa in ghisa nestor martin, puffer 500 e solare

      Commenta


      • #4
        Ahh , non avevo visto la tua risposta Dott
        caldaia red compact easy clean 24, stufa in ghisa nestor martin, puffer 500 e solare

        Commenta


        • #5
          La canna fumaria in questione è particolarmente larga, considera che non è neppure rivestita in ferro, è praticamente una scanalatura nell'assemblamento delle pietre con cui è fatta la casa. Sarà larga 70-80 cm per una 30ina di profondità.
          Un idea potrebbe essere quella di far passare dentro la canna fumaria attuale 2 tubi, uno per la caldaia a biomassa e uno per il camino di casa: di che diametro deve essere il tubo per una caldaia da circa 30kw? La casa è di tre piani, la caldaia verrebbe messa al piano terra.
          Questo mi consentirebbe di essere anche un po + sicuro con il camino.

          Commenta


          • #6
            il diametro della canna fumaria è indicato dalla casa produttrice della caldaia stessa
            se ogni generatore scarica sulla sua canna fumaria, allora sei in regola
            cosa vuol dire "più sicuro con il camino" se metti caldaia al piano terra?
            riscaldamento a biomassa e PDC
            Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
              cosa vuol dire "più sicuro con il camino" se metti caldaia al piano terra?
              Non c'entra nulla il piano terra, mi riferivo al tubo del caminetto.
              Ho visto più volte "prendere fuoco" delle canne fumarie nel mio paese. Questo penso che non possa accadere se lo scarico del caminetto passa da un condotto d'acciaio dove è molto più difficile si depositino scorie di combustione, mentre se il fumo passa da mattoni questi sono porosi, ruvidi, raccolgono l'incombusto e se non vengono puliti ogni anno -o con particolare frequenza- i detriti possono prendere fuoco. Fare un lavoro del genere vuol dire oltre che essere "a norma" anche essere più tranquilli nell'accensione del caminetto, in quanto non capiterà mai, o molto difficilmente di dover chiamare i pompieri per farsi spegnere la canna fumaria.
              Per come l'avrei pensata potrei mantenere sul tetto un solo comignolo dove vi arrivano 2 tubi di circa 20 cm di diametro: uno mi va al caminetto (che accenderò 10 volte l'anno) e l'altro mi va alla caldaia.

              Commenta


              • #8
                "molto difficilmente di dover chiamare i pompieri per farsi spegnere la canna fumaria"

                mau80, ma scherzi o cosa? scrivi come nel tuo paese fosse una cosa normale chiamare i pompieri per spegnere le canne fumarie incendiate...
                non pensi che allora voi di quel paese dovreste pensare che qualcosa non va? spazzacamini? installatori? o cosa?

                per il discorso del diametro, non è "come l'hai pensata tu", ma è come serve

                scusa se te lo dico, ma sembra tu stia affrontando il discorso del riscaldamento come fosse il riscaldamento del pollaio:
                - canne fumarie con più generatori comuni
                - canne fumarie che si incendiano
                - vigili del fuoco che scorrazzano spesso per il paese
                - diametro della canna fumaria "a occhio"
                - ecc ecc

                ti consiglio di dare un'occhiata qui, per farti una prima infarinatura almeno sulla canna fumaria: faq canna fumaria | Erregi - Energie alternative rinnovabili
                riscaldamento a biomassa e PDC
                Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                Commenta


                • #9
                  Ciao,
                  la norma per la realizzazione della canna fumaria è la UNI 10683:2012.
                  Qui trovi una presentazione, ti invito a consultarla:

                  Rivolgiti anche ad un termotecnico per la progettazione.
                  R.

                  Commenta


                  • #10
                    Ciao dott.
                    Probabilmente ho dato l'impressione di aver preso sottogamba la cosa più di quanto lo sia.
                    La realtà è che nel mio paese ci sono molte case dei primi del 900 con un livello minimo di ristrutturazione, e la canna fumaria di certo non fa eccezione.
                    La casa che andrò a ristrutturare ha una canna fumaria come questa in foto, che è della cantina adiacente:
                    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   image1 (2).JPG 
Visite: 1 
Dimensione: 129.8 KB 
ID: 1955752
                    (Nella foto la canna fumaria era stata predisposta dal mio bisnonno al momento della costruzione cosicchè mio nonno una volta sposato potesse andarci ad abitare, poi invece tale casa è rimasta una cantina e continuerà ad esserlo)
                    Dentro una canna fumaria del genere voglio passarci dentro sia tubo di 15 (o da specifica del produttore della caldaia a biomassa) sia un tubo idoneo al camino (come da normativa). Entrambi i tubi andranno a finire sul comignolo, e verranno tagliati a filo del comignolo che continuerà a svolgere la sua funzione per i due tubi tagliati.
                    Per adesso ho dato un occhiata veloce al documento che mi avete proposto e mi pare di poter rispettare tutti vincoli, forse ci può essere da interpretare alcuni punti relativi all'ispezionabilità della canna fumaria e capire se possono stare accanto i due tubi, magari con il tubo più piccolo coibentato e quello più grande non coibentato.

                    Oltre al camino vi aggiorno anche sulla prima tappa fatta presso un venditore di prodotti per il risparmio energetico: Ho parlato della mia esigenza e del mio budget e mi ha proposto 2 modelli, uno solo a pellet (montegrappa aktiv 28) e l'altro invece anche per nocciolino legna etc etc.. non mi ricordo la marca, però era parecchio cara e sforava il mio budjet.

                    Inoltre mi ha aperto un pò gli occhi al riscaldamento a pavimento.. mi sa che ci dovrò riflettere.

                    Era un primo round, sinceramente voglio sentire parecchie campane prima di scegliere.
                    Aperto a consigli suggerimenti, critiche ecc... ecc..

                    Commenta

                    Attendi un attimo...
                    X