integrare caldaia legna/pellet con pdc - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

integrare caldaia legna/pellet con pdc

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • integrare caldaia legna/pellet con pdc

    Questo è lo schema del mio impianto
    Uso 75 quintali di pellet + 15 quintali di legna.
    Si può inserire una pdc per produrre acs, usando i 2 termoaccumuli esistenti e per integrare il riscaldamento?
    La pdc, lavorando a bassa temperatura, trova collocazione nell'impianto?
    Oppure serve una pdc bistadio?
    Oppure niente da fare?

  • #2
    riscaldamento a che temperatura di mandata ?
    hai FV e quanti kw?
    quanti mt di casa?
    riscaldamento a biomassa e PDC
    Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

    Commenta


    • #3
      La temperatura di mandata la regolo sul puffer secondo il periodo più o meno freddo tra i 45 e i 62 gradi.
      Ho il FV che ovviamente dovrei ampliare in ottica pdc. Ma questo l'ho già messo in conto.
      L'abitazione non è coibentata, a parte il sottotetto, e sono 250 mq.
      Nel periodo freddo il generatore funziona circa 18 ore al giorno con T interne dai 20 ai 23 gradi (mai sotto i 20 neanche di notte).

      Commenta


      • #4
        se non hai coibentazione, e lavori a quelle T°, lascia perdere la PDC per riscaldamento.
        casomai puoi prenderla in considerazione per l'acs
        riscaldamento a biomassa e PDC
        Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

        Commenta


        • #5
          Ma se la pdc entrasse in gioco come "preriscaldamento" del puffer?
          Oppure ci sono pdc bistadio che arrivano a T di mandata di 80 gradi...

          La mia idea è di "traslare" parte dei KWh termici che servono alla mia abitazione dal pellet all'elettrico

          Commenta


          • #6
            Ciao stufodellenel,

            ma la regolazione della mandata tra 45 e 62° la fai tramite gestione climatica con circolatore che gira sempre?

            Non me ne intendo troppo di pdc, ma penso che potresti mettere una pdc normale, lascerei perdere le bistadio, visto che hai già la caldaia a pellet, e far gestire alla pdc il riscaldamento, in climatica e tutto il resto, facendola andare al massimo a 45° di mandata, comprendendo anche il puffer, quando poi c'è richiesta di T più elevate allora integrare con il pellet, cercando di fare un impianto ibrido pdc - pellet.
            Bisognerebbe vedere se ci sono pdc che possono gestire una seconda fonte di calore (come fanno diverse caldaie a legna o a pellet) che quando c'è richiesta di una T maggiore ti fa partire la caldaia a pellet.

            Commenta


            • #7
              Ciao Stufo,

              come "preriscaldo" del puffer direi di no...diventerebbe complicato e poco sfruttabile.
              Dovresti mettere la pdc in serie sul punto piu "freddo" dell'impianto..cioè sul ritorno dei termi, prima di entrare nel puffer..settata in modo che ad esempio mandi a 45 gradi, e quindi parte ogni volta che sente arrivare un ritorno sotto 42.

              Dipende un pò dagli obiettivi..se uno mira a sostituire in toto la biomassa , ed è pronto a dun investimento in FV importante..di certo la soluzione per te è la Rotex bistadio.
              Nessun problema a salire a 60 gradi con cop di rispetto.
              Pero ti serviranno almeno 9000 kwh elettrici, almeno un 7 kw di FV (14 mila euro..detrazione 50%) + 10 mila di pdc (65%)

              Se invece si vuole dare un aiuto ma non si punta alla integrale sostituzione..allora direi di puntare all'investimento minimo..Spider mi pare ha pubblicato annuncio di una Carrier da 2000 euro...
              La metterei in parallelo alla caldaia, a scaldare il tuo puffer.
              La farei partire in base alla T esterna che determina lo scambio integrale dei kwh disponibili..piu FV metti, più potrai abbassare la T d intervento della pdc..meno pellet userai.
              Ad esempio..potrebbe essere che la pdc si accenda sopra 9 gradi...con una climatica che va da 45 (9°) a 38 (18°).
              Ipotizzando che la casa sia già calda...una pdc piccola potrebbe riuscire a tenertela in T durante le ore meno fredde...diurne...ottimizzando autocosnumo FV (anche se il grosso lo farai in scambio).
              Dopo il tramonto, al tuo rientro, carichi la legna e fai la nottata a biomassa, cercando di restituire alla struttura un pò di energia che magari ha perso di giorno..e poi veros le 9 del giorno dopo, riprende la pdc.
              farle andare insieme non ha enso..hanno T di mandata /ritorno incompatibili..non ci sono vantaggi a farlo..meglio alternarle.

              Con il secondo approccio..anche una on off andrebbe bene, visto che hai un puffer grande..magari costano pure meno...e a potenza massima rendono meglio (tanto se la prendi piccola, di fatto andrà sempre al massimo..integrerà per quel che può, poi di notte tira il fiato).

              Facilmente con 3 kw di fv potresti arrivare a dimezzare uso della biomassa.
              Io infatti tendo a pensare che l'efficienza della biomassa (specie legna) sia bassa...quindi ci sono buone sorprese nel passare al vettore elettrico

              Potresti comunque farla passare prima nei boiler dell acs, usando impianto esistente..cosi nelle ore diurne hai comunque acs a 38-45..e poi di sera/mattina comunque acs sale a T della biomassa

              Esiste poi sempre l'ottima soluzione di mettere degli split in casa...cop molto piu elevato di una aria acqua sui termi...possibilita di fare fresco in estate..ottima soluzione per ritardare 3 settimane partenza del sistema a biomassa, e anticiparne di 3 settimane la fermata, in periodi in cui la biomassa rende anche poco (T esterne piu elevate e quindi potenza erogata bassa).
              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da Lore_ Visualizza il messaggio
                Ciao stufodellenel,

                ma la regolazione della mandata tra 45 e 62° la fai tramite gestione climatica con circolatore che gira sempre?
                Non ho la climatica e regolo la T al puffer in manuale con interventi grosso modo mensili in funzione del freddo esterno.
                Ci sono poi i termostati interni alle zone da scaldare che accendono e spengono i circolatori

                Commenta


                • #9
                  @marcober: buoni spunti sui quali riflettere.
                  Il mio obiettivo è sostituire parzialmente la biomassa, specialmente il pellet perchè la legna è gratis

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da stufodellenel Visualizza il messaggio
                    regolo la T al puffer in manuale
                    questo ti "mangia" scorta nel puffer, limitando probabilmente la % di legna rispetto al pellet che potresti avere.
                    Il puffer (che è grandino ma non grandissimo) dovrebbe poter salire ad alta T..direi sino ad 80, almeno quando vai a legna..ideale sarebbe piuttosto tenerlo a 50 quando vai a pellet (ma non credo puoi differenziare i 2 set nel controllo caldaia).
                    Dopo di che, dovresti mettere 2 miscelatrici climatiche sui 2 circuiti..penso che oggi costino 150 euro cad..sopportabile..e penso che con maggior % di legna, si ripaghino pian piano.
                    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                    Commenta


                    • #11
                      alla climatica avevo già pensato e prima o poi sarà un intervento che farò indipendentemente dalla pdc

                      Commenta


                      • #12
                        diciamo che usare la pdc rende un po meno "necessaria" la climatica..perche la pdc ha la sua ...resta il duiscorso che alzando T accumulo, aumenti molto la "scorta energetica " dela legna..almeno penso io..
                        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                        Commenta


                        • #13
                          stufo,
                          dimensiona bene impianto a legna se ce l'hai gratis, e il FV con boiler in PDC.
                          Spendi poco e ottimizzi quello che hai.
                          riscaldamento a biomassa e PDC
                          Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                          Commenta


                          • #14
                            il discorso legna è particolare...
                            La mia caldaia è una solo pellet (LP30 extraflame) nella quale attraverso una modifica brucio anche la legna.
                            Purtroppo per le esigue dimensioni della camera di combustione ho soltanto la possibilità di effettuare frequenti piccole cariche ad integrazione del pellet.
                            Ma non potrei andare soltanto a legna

                            Commenta


                            • #15
                              Ah..chiaro ora perche hai puffer piccolo.
                              Piuttosto che mettere una caldaia legna vera (fiamma inversa)+grosso puffer...anche io metterei una pdc ad integrazione del pellet.
                              La schiena ringrazia..
                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                              Commenta


                              • #16
                                certo, ma considerando l'esigua potenza del FV, la metratura e la T° alta di esercizio riscaldamento, si ritroverebbe la PDC che pesca spesso in rete, con un'aumento stratosferico dei costi dell'energia elettrica....
                                riscaldamento a biomassa e PDC
                                Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                                Commenta


                                • #17
                                  Stratosferico? Ellapeppa....una PDC che a 9 di esterna produce 45 non è che sia poi un disastro....se poi sale a 12 di esterna e scende a 42 di mandata...va a nozze...dipende da quanto fv mette, lo scambio fa il resto.
                                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                  Commenta


                                  • #18
                                    guarda la zona e i consumi attuali.....
                                    9 e 12 gradi sono a novembre, non certo a dicembre/gennaio/febbraio....
                                    o fa una cosa che conviene realmente, altrimenti sono soldi buttati.
                                    a meno che non voglia integrare solo con la produzione in eccesso del FV durante il giorno, ma in questo caso allora servono i dati reali di produzione e surplus.
                                    A livello economico hai indicato le spese? magari stufodelpellet se le vede prende paura.....

                                    marcober, quando si valuta qualcosa, si deve valutare tutto... non SOLO certi aspetti......
                                    Ultima modifica di Dott Nord Est; 24-05-2016, 12:34.
                                    riscaldamento a biomassa e PDC
                                    Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                                    Commenta


                                    • #19
                                      ciao stufodellenel...
                                      io ho termocamino a biomassa... quest'anno è andato a pellet e legna... spesi sotto i 500€... inverno molto ma molto clemente...
                                      io ho messo uno scaldacqua a PDC per acs collegato prima ad un solare termico. Il TC la fa l'acqua calda e anche tanta, ma fa scendere molto la sua T quando la uso, anche se ha un tasto chiamato "tasto doccia" che quando lo uso praticamente ferma la pompa dei termosifoni momentaneamente e quindi la T della caldaia del TC resta molto costante. Allora mi chiederai... perchè lo hai messo?
                                      primo sfrutto meglio il FV,
                                      secondo sfruttato sgravio 65%,
                                      terzo incrementa acs del solare termico,
                                      quarto perchè non sono costretto ad avere sempre acceso il TC anche nei periodi tipo fine inverno/primavera/estate/inizi autunno.

                                      L'acqua calda del TC c'è sempre a disposizione in caso di emergenze o se finisce quella dello scaldacqua a PDC. Per ora non è mai successo.

                                      Tra un po' farò disdetta del gas.


                                      Questa è la mia esperienza

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Ciao Dott Nord Est,

                                        Originariamente inviato da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
                                        guarda la zona e i consumi attuali.....
                                        9 e 12 gradi sono a novembre, non certo a dicembre/gennaio/febbraio....
                                        hai ragione però penso che la maggior inefficienza non l'hai a dicembre/gennaio/febbraio quando fa più freddo è la caldaia a pellet ha la migliore resa, ce l'hai in tutti gli altri periodi quando le T esterne permettono un buon rendimento della PDC, se poi vuole implementare una gestione climatica, migliora ancora di più. Se poi si parla di circa 2000 per una PDC, non è poi tanto distante da un boiler PDC per la sola acs

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Originariamente inviato da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
                                          certo, ma considerando l'esigua potenza del FV, la metratura e la T° alta di esercizio riscaldamento, si ritroverebbe la PDC che pesca spesso in rete, con un'aumento stratosferico dei costi dell'energia elettrica....
                                          Tutti numeri da mettere sul piatto.
                                          Attualmente ho già il FV che mi copre i consumi di casa. andrebbe ampliato l'impianto per l'uso della pdc.
                                          Che la pdc possa usare la rete è il minore dei mali se l'impianto ANNUALMENTE mi copre il fabbisogno.
                                          Con lo scambio sul posto la convenienza a traslare i consumi dal pellet all'elettrico c'è sempre alla grande

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Originariamente inviato da Lore_ Visualizza il messaggio

                                            1 -hai ragione però penso che la maggior inefficienza non l'hai a dicembre/gennaio/febbraio quando fa più freddo è la caldaia a pellet ha la migliore resa, ce l'hai in tutti gli altri periodi quando le T esterne permettono un buon rendimento della PDC,


                                            2- Se poi si parla di circa 2000 per una PDC, non è poi tanto distante da un boiler PDC per la sola acs
                                            1- peccato però che i consumi maggiori si abbiano nei periodi più freddi, quindi il risparmio sul totale annuale quanto sarebbe?

                                            2- 2.000 euro per PDC ? fammi esempio....
                                            riscaldamento a biomassa e PDC
                                            Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Originariamente inviato da stufodellenel Visualizza il messaggio
                                              Tutti numeri da mettere sul piatto.
                                              ecco le parole più giuste di tutti i discorsi.....
                                              alla fine contano i numeri e i conteggi, tutto il resto è puro esercizio mentale.
                                              riscaldamento a biomassa e PDC
                                              Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Ciao Dott Nord Est,

                                                Originariamente inviato da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
                                                2- 2.000 euro per PDC ? fammi esempio....
                                                mi riferivo a questo

                                                Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                                                Spider mi pare ha pubblicato annuncio di una Carrier da 2000 euro...

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Lore, riesci a recuperare l'annuncio con i dati certi del prodotto?
                                                  riscaldamento a biomassa e PDC
                                                  Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Originariamente inviato da Dott Nord Est Visualizza il messaggio
                                                    9 e 12 gradi sono a novembre, non certo a dicembre/gennaio/febbraio.....
                                                    sei certo..perche abitiamo in tanti in Pianura Padana....
                                                    E alcuni di noi magari hanno una centralina meteo professionale.
                                                    Sai quanti sono stati i giorni con T Max superiore a 9 quest'inveno?
                                                    Dicembre 17
                                                    Gennaio 13
                                                    Febbraio 21
                                                    In tutti gli latri mesi, quasi tutti i giorni

                                                    E quindi?

                                                    Che l'integrazione diende da quanto FV metti, l'ho già scritto io..quando dico che la T di "soglia" dipende da quanto FV metti.

                                                    Pensare che la pdc debba funzionare
                                                    solo con la produzione in eccesso del FV durante il giorno
                                                    è un errore che molti fanno..ma io di certo non sono arivato a spendere il 17% della mia spesa di gas metano puntando all'autocosumo istantaneo..che per me vale un misero 20%..ma ci si basa sullo scambio.

                                                    Sui costi..boh,..secondo me fra pdc+fv e una buna caldaia legna fiamma inversa+pufer adeguato..spende uguale...dimmi tu la spesa e poi si puo calcolare quanto FV riesci a mettere.
                                                    Dovendo integrare sopra 9-12 gradi..io punterei ad uan pdc economica..si trovano a 2000 euro su internet..metti 1000 euro per istallarla..secondo me esce comunque un bel po di FV prima di pareggiare il costo ..ovvi, partendo dal fatto che lui ha gia una stufa attuale che integra di notte e nei 40 gg dove il termometro non vede quota 9
                                                    Tuttavia secondo me un bel 50% di energia la sposta da biomassa ad EE..che secondo me ..aldila del puro risparmio..è quello che gli interessa...perche il fuochista è bello farlo i primi anni..poi man mano diventa un peso...
                                                    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Originariamente inviato da Lore_ Visualizza il messaggio
                                                      Se poi si parla di circa 2000 per una PDC, non è poi tanto distante da un boiler PDC per la sola acs
                                                      BAXI POMPA DI CALORE ARIA-ACQUA RO 6/1.BT Cod: (LSP61112500) | eBay

                                                      7 kw..penso Carrier rimarchiata..monoblocco...cop onorevole..onorevole se fuori hai 10 gradi..non ti serve molto piu di 6-7 kw per tenre calda una casa di giorno (non dico di far aumentare la T, solo compensare perdite) 1900 euro..italia su italia...essendo monoblocco un idraulico non frigorista la mette giu con 500 euro..metti pure 800...
                                                      Ci metti sopra 4 kw di FV..5000 kwh..fai 15.000 kwh termici..dimezzi uso biomassa...a spanne eh...altrimenti il Dott s'inalbera...
                                                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Non dovrebbe essere la carrier rimarchiata , altrimenti si va sulla Carrier aquasnap o Riello , la Riello 4kw la danno a 2350 compreso il controllo evoluto , penso di essre sul pounto di acquistarla... ho già il progetto in testa

                                                        Però pensare a 500€ per installarla , quando uno l'ha già in casa ?!?!? sono 2 tubi da allacciare e possono essere anche di polietilene nero visto che si parla di massimo 40° .....
                                                        AUTO BANNATO

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Ma la T massima di mandata una pdc a quanto arriva? Esiste un grafico dei cop al variare della T di mandata e T esterne?

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Spider dai..fai questo acquisto..cosi poi parliamo di dati reali..sacrificati per la scienza!
                                                            Scherzo...ormai sono in tanti ad usare le ibride rotex..e i dati son positivi..altro che dimezzare il consumo di gas..quasi si annulla..con incrementi di consumo elettrici modesti.
                                                            Sul Portalsole poi ci sono esempi sia con rotex che di pdc su termosifoni abbinate o anche "in solitaria"...tutte da vedere...

                                                            40° magari per fare acs no..ma tu faresti solo riscaldamento...
                                                            Stufo..certo che ci sono le curve..ogni casa la ha e se la chiedi la danno..alcuni danno una tabella che di fattto apporssima ogni punto della curva..vai sul sito della templari e le vedi..
                                                            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X