Obbligo scambiatore - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Obbligo scambiatore

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Obbligo scambiatore

    Buongiorno a tutti, questo è il mio primo post quindi mi scuso se dovessi chiedere informazioni già discusse,sono giorni che cerco per il forum ma non trovo risposta al mio quesito.
    Premessa: mia madre ha dato mandato ad un rivenditore di rifare,coadiuvato da un ingegnere termico, l'impianto di riscaldamento a termosifoni di casa.
    trattasi di casa singola con appartamento a piano terra di metri quadri 90, e piano superiore di metri quadri 230 attualmente come unico appartamento ma da suddividersi in due tra qualche anno.
    Per ora il riscaldamento viene gestito da un termocamino (vaso aperto) legna/pellet Carinci da 24 kw che gestisce il piano superiore, e una caldaia gpl che gestisce l'appartamento al piano terra.
    La soluzione proposta consiste in una Carinci modello Prestigè 350 (35 kw) a vaso chiuso con puffer Cordivari Eco-Combi 3 da 1000 litri, che produrrà anche l'acs e 3 pannelli solari da 2,5 mt quadri l'uno per il solare termico ad integrazione.
    Su mia richiesta di mantenere collegato all'impianto anche il camino come "supporto" al puffer (e anche perchè oramai c'è,eliminarlo del tutto mi dispiacerebbe enormemente e poi fa sempre compagnia) mi hanno detto che per normativa devo obbligatoriamente montare uno scambiatore a piastre per il camino.
    Di qui il mio dubbio: il puffer in questione è dotato di 3 serpentine distinte, una per l'acs, una per il solare termico e quella superiore per l'integrazione da un'altra fonte di calore.
    Lo scambiatore a piastre quindi perchè dovrebbe essere obbligatorio, nel momento in cui utilizzerei la serpentina superiore del puffer per collegare l'impianto del camino?
    La normativa parla di separazione degli impianti, e se il camino entra nella serpentina superiore del puffer non va quindi a "mescolarsi" con la caldaia, quindi rimanendo separato dall'impianto di riscaldamento, è giusta come logica?
    Sono quindi costretto a montare questo scambiatore a piastre o posso farne a meno?
    Perchè ho timore che lo scambiatore mi abbassi di troppo la resa del camino,rendendolo quindi inutile allo scopo.
    Grazie a chi potrà diradare i miei dubbi
    Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

  • #2
    Se la superficie della serpentina superiore te lo consente, puoi tranquillamente utilizzarla al posto dello scambiatore a piastre, che comunque è un sistema più flessibile e che ti permette di utilizzare tutto il volume dell'accumulo, peraltro con caricamento stratificato. Personalmente condivido la soluzione che ti ha consigliato il progettista.
    Quot homines tot sententiae

    Commenta


    • #3
      Grazie per la risposta, effettivamente quando me l'ha presentato mi è piaciuto molto il progetto.
      Però il dubbio mi rimane...lui vuole (anzi dice che deve) mettere per forza lo scambiatore a piastre tra il camino e la serpentina superiore, io vorrei evitarla sapendo che comunque mi provocherebbe una piccola perdita di calore, non riesco a trovare informazioni riguardo la normativa ed ho solo trovato che lo scambiatore è necessario per la separazione degli impianti, ma collegandolo alla serpentina superiore del puffer dovrebbe essere già separato...o dico una castroneria?
      Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

      Commenta


      • #4
        dici bene , se usi la serpentina non serve lo scambiatore in quanto gia la serpentina separa gli impianti.
        Per usare lo scambiatore, non usi le serpentine del termocamino ma ti colleghi direttamente a lui (al circuito vaso aperto per capirci).
        Cio di cui devi tenere conto e che riguarda anche il consiglio di Daniel è, il serpentino ha un potere di scambio adeguato ?oppure hai piu resa(quindi piu potere di scambio) a usare direttamente il circuito principale con uno scambiatore, che comunque potrebbe farti anche da anticondensa e gestire un eventuale ACS, gestire meglio la partenza ecc nel momento in cui hai il puffer gia caldo ecc ecc dandoti anche vantaggi in piu a livello pratico nonostante l uso di dui circolatori ...

        Oltretutto io non sono un tecnico o installatore ma cosi ad occhio sopratutto se andrai a usare legna e per i metri di solare in estate, credo che i 1000 litri siano pochi, o meglio se ora andrai a usare solo i 90 metri del piano terra potrebbero essere ok, ma la caldaia è grande e il solare è grande, se invece gia dimensioni per i 300 metri e passa di tutto lo stabile allora non conosco i calcoli ma potrebbero essere decisamente pochi .... un altra cosa su cui starei attento e una gestione climatica, che credo in un impianto nuovo sia una cosa su cui avere un occhio di riguardo.

        Commenta


        • #5
          è sempre da calcolare se la superficie della serpentina permette di scaricare i kw del tc....
          altrimenti si rischiano perenni sovra temperature del generatore
          e dubito che lo sia, sia per la superficie sia per il fatto che è quella superiore, e quindi lavora già in ambiente caldo diminuendo il delta termico, e quindi la possibilità di scaricare i kw
          attenzione.... a fare le cose a caso
          mi sono trovato spesso a mettere mano a impianti fatti dal "facilitone" di turno....
          riscaldamento a biomassa e PDC
          Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

          Commenta


          • #6
            Grazie mille gesus.
            Vi linco il pdf del puffer, ci sono dei grafici ma ne capisco poco di come interpretarli purtroppo, effettivamente il tecnico vorrebbe collegarmi la caldaia in alto e in basso,ed il camino tramite scambiatore in centro.
            La nostra zona climatica è la E, provincia di Frosinone, la caldaia verrebbe usata esclusivamente a pellett/nocciolino, niente legna...abbiamo avuto per anni il camino a legna, sinceramente ci è passata la voglia per la scomodità nonostante il sicuro risparmio, ma per comodità da qualche anno a questa parte prediligiamo i combustibili triti.
            L'impianto di riscaldamento dell'intero stabile è stato pensato per funzionare a temperature non elevate,tramite termosifoni Sira bimetal a basso contenuto di acqua e l'aggiunta di qualche elemento in più per ogni stanza, è una costruzione di metà anni 80 ma per fortuna mio padre non era uno sprovveduto, e si affidò a persone competenti che hanno dotato la casa di cappotto termico e solai isolati, ad oggi viene riscaldato metà piano superiore per circa 120 metri e l'appartamento inferiore da una caldaia Cola a pellet da 29 kw collegata ad un puffer Cordivari da 600 litri che produce anche acqua calda, diciamo che si scalda bene nonostante i soffitti di 3 metri (che verranno ribassati a 2,70 in fase di ristrutturazione) anche se il puffer soffre di un crollo di temperatura all'avvio contemporaneo degli impianti, ma con ripresa della temperatura in circa mezz'ora dall'avvio della caldaia, cosa che ci ha fatto optare per l'appunto per l'adozione di un impianto contenente minore quantità di acqua circolante.
            In effetti ho manifestato anch'io qualche perplessità riguardo la dimensione del nuovo puffer, mi sarei orientato a naso su un 1500 litri ma il tecnico dice che se non ho intenzione di usare la legna nella caldaia non serve sovradimensionare il puffer, e che sono sufficienti i 1000 litri.
            scusate se mi sono dilungato, mi sono molto appassionato all'argomento e quando comincio a parlarne o scriverne mi perdo nelle chiacchiere...
            Questo è il pdf del puffer, grazie ancora della vostra disponibilità

            Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

            Commenta


            • #7
              Grazie Dott, ma in effetti l'intenzione di adottare la serpentina superiore è mia, il tecnico me l'ha sconsigliato dicendomi di prediligere lo scambiatore collegato direttamente al puffer.
              Ora so bene che l'esperto è lui e non io, però mi ero fissato sul modello di puffer con doppia serpentina proprio per eliminare lo scambiatore e la seconda pompa, a questo punto cambio idea puntando al puffer eco combi 2 senza la serpentina superiore e ricollegando il camino con lo scambiatore direttamente al puffer.
              Grazie a tutti ragazzi
              Caldaia Carinci Prestige 350,Termocamino Carinci Evolution 190 + scambiatore 40 piastre - Superboiler Carinci 1000l - pannelli solari circolazione forzata, Gestione impianto e climatica con Centralina Total Control Carinci - zona climatica "E" - gradi giorno 2188 - Casa 330 MQ temperatura interna 21° 18/24

              Commenta


              • #8
                penso sia la decisione migliore e che ti dia più garanzia/sicurezza
                riscaldamento a biomassa e PDC
                Se mi cercate, ho cambiato nic. Ora sono: GiuseppeRG

                Commenta


                • #9
                  Si ora ho riletto, avevo capito che c era una serpentina nel termocamino leggendo male, invece si parlava di quella superiore del puffer e sono totalmente daccordo, credo quella sia utile solo per un generatore a metano o simili da usare come tamponamento ed anche io sarei arrivato alla tua stessa conclusione.

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X