Promesse non mantenute - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Promesse non mantenute

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Promesse non mantenute

    Salve a tutti,
    circa un anno fa ho rilevato un impianto mini eolico di 60 kw in Basilicata. Premetto che non avevo alcuna esperienza a riguardo, occupandomi nella vita di tutt'altro. Entrato in contatto con lo sviluppatore, tra l' altro attraverso il vostro forum, quest' ultimo mi illustrava le caratteristiche della macchina e del sito, garantendomi, mezzo un esplicita stima di producibilità (allegata al contratto di acquisto), una produzione annua di circa kw 100 mila anno. Trascorsi oramai 12 mesi, le caratteristiche del sito e della macchina si sono rilevate ben diverse e la produzione ammonta a poco meno di kw 25 mila (circa il 75% in meno!!!). Purtroppo non credo di essere l' unico ad essere incappato in questa situazione ovvero nelle false promesse di costoro che oggi, dopo aver incassato "fior di quattrini", ritengo di essere indenni da qualsiasi responsabilità contrattuale.
    Adesso chiedo a Voi esperti come è possibile tutelarsi in tal senso. Personalmente intendo andare fino in fondo ........
    Grazie a tutti per eventuali suggerimenti/spunti di riflessione.
    Buon vento!!!

  • #2
    La situazione , aldila della macchina e del sito, è ormai prettamente contrattuale..cioè un buon avvocato deve leggersiil contratto e vedere che tipo di garanzie erano previste..con che modalità vanno contestate..e a cosa danno diritto se difformi.

    temo (ma non voglio spaventarti) che chi sa si truffare, studia il contratto in modo che, dopo, è blindato.

    Ad esepio..se compri qualsiasiauto sulla loro pubblicità e sul libretto di immatricolazione c'è scritto il consumo..che MAI riuscirai ad avere su strada..ebbene, di fatto non riusciresti mai a citare il costruttore per mancata corrispondenza fra realtà e "promesse".

    Mettiti in mano ad una bravo..perchè davanti avrai gente che ha riflettuto mesi e mesi su come fregarti e come ribattere punto su punto in tribunale in base a quello che è "scritto".

    Anche nel FV tutti i preventivi erano accompagnati da "stime e business plan relativi"..ma NESSUNO ha mai pensato che fossero parti integranti del contratto di vendita...

    Nel FV esistono garanzie sul funzionamento "minimo" del pannello (alcuni produttori...), ma per dimostrarlo devi smontarlo e mandarlo in lboratorio.
    Nel tuo caso..QUALORA tu abbia una pala con garanzia di specifiche (ma gia dubito), dovresti in pratica far fare campagne di misura sul sito e misure di resa in parallelo, per dimostrare che la macchina non fa quel che hanno garantito (ma deve esserci scritto che era garantito..non basta una produttivita media del sito..ma ci vuole una produttivita specifica della pala..tot kwh a tot di vento).

    Sul "sito" , non penso che esistano garanzie..sarebbe come dire che uno garantisce che un impianto installato a Mlano produce almeno tot...non esiste..e poi comunque al produzione degrada nel tempo..penso anche per eolico..
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Grazie,

      secondo il mio modesto avviso la vicenda è leggermente diversa: non si tratta di un "semplice" contratto di acquisto di una turbina e quindi di contestazione sulla curva di potenza. Siamo di fronte ad uno sviluppatore che, presentandosi come esperto e qualificato , ha garantito delle performance di un progetto complesso, allegando al contratto (quale parte integrale e sostanziale) anche la stima di producibilità. Aldilà de singolo episodio e del tecnicismo credo che la questione sia di fondamentale importanza affinché il mercato del minieolico possa finalmente fare un salto di qualità, diventando più trasparente ed affidabile.
      Buon vento!!!

      Commenta


      • #4
        il mercato del minieolico penso sia una invenzione italiana che , inventandosi una taglia con procedura semplificata e un incentivo drogato, ha illuso brave persone come te ..alla mercè di truffatori di ogni sorta.
        Non hanno fatto un buon servizio ne la Paese ne ala tecnologia ne alle aziende serie che ci operano...

        Il vento va sfruttato con impianti di grande taglia, con incentivi bassi e costi al kwh prodotto competitivi..e non con superincentivi abbinati a giocattolini "inventati" per il "bisogno" o riverniciando vecchie pale smontate altrove (che se le smontano, uno dovrebbe chiedersi percè...)

        In certe zone non si vogliono mettere? ottimo... ma allora giusto non mettere manco pale da 60..che sono piu brutte 3 pale da 60 che una da 2 mega.

        Per il tuo caso specifico...come detto..deve vedere un avvocato bene cosa hai firmato...però in generale esiste una garanzia di capacità tecnica 8a tot vento la macchina fara tot kwh) e una di "risultato" (questa macchina in questa zona farà tot). Sarei sorpreso che uno sviluppatore garantisce nero su bianco che una certa macchina installata in una certa particella, produce tot all'anno..anche perche nessuno controlla il vento..per cui potrebbe sempre dire che c'è poco vento, no?

        Ma è ancora "in piedi"? perche di solito..dopo 2-3 colpetti in rapida successione...la società va in liquidazione o fallimento..con tutte le buone garanzie appresso...
        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

        Commenta


        • #5
          Ancora grazie,

          come accennavo io sono intenzionato ad andare fino in fondo. Secondo me la garanzia sulla produzione è abbastanza chiara: diversamente scoprirò di aver giocato un biglietto della lotteria (piuttosto caro). Mi stupisce che non vi siano altre persone che partecipano al forum e che si siano trovate nelle mie stesse condizioni...... forse sono l' unico "pollo".
          La società è patrimonializzata.....
          Vi terrò aggiornati sui prossimi sviluppi....
          Buon vento!!!

          Commenta


          • #6
            ma.sai..qualcuno magari si vergogna..e poi altri magari sono a caccia di polli...visto che anche tu sei entrato in contatto attraverso questo forum...

            Se è una Soc Solida..resta tutto complicato,...ma almeno uno lo fa nella speranza di cavarne qualche cosa...e no per la gloria (rimettendocene altri oltre a quelli spesi)
            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

            Commenta


            • #7
              Certo che 25000 kw all anno...E che cavoloMa pure tu non credo sia esente da colpe!

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da RE1 Visualizza il messaggio
                Salve a tutti,
                circa un anno fa ho rilevato un impianto mini eolico di 60 kw in Basilicata. Premetto che non avevo alcuna esperienza a riguardo, occupandomi nella vita di tutt'altro. Entrato in contatto con lo sviluppatore, tra l' altro attraverso il vostro forum, quest' ultimo mi illustrava le caratteristiche della macchina e del sito, garantendomi, mezzo un esplicita stima di producibilità (allegata al contratto di acquisto), una produzione annua di circa kw 100 mila anno. Trascorsi oramai 12 mesi, le caratteristiche del sito e della macchina si sono rilevate ben diverse e la produzione ammonta a poco meno di kw 25 mila (circa il 75% in meno!!!). Purtroppo non credo di essere l' unico ad essere incappato in questa situazione ovvero nelle false promesse di costoro che oggi, dopo aver incassato "fior di quattrini", ritengo di essere indenni da qualsiasi responsabilità contrattuale.
                Adesso chiedo a Voi esperti come è possibile tutelarsi in tal senso. Personalmente intendo andare fino in fondo ........
                Grazie a tutti per eventuali suggerimenti/spunti di riflessione.
                Buon vento!!!
                ciao, posso chiederti di che turbina si tratta e in quale zona è installata?

                Commenta


                • #9
                  Possibile che in basilicata non ci sia vento? io sn in puglia, provincia di taranto, la mia turbina da 60 kwh, avviata a fine ottobre 2015, nonostante alcuni fermi e poco vento nei mesi di novembre e dicembre, mi ha prodotto 22 mwh
                  Ultima modifica di windpower; 08-03-2016, 14:39.

                  Commenta


                  • #10
                    ....... la mia colpa?

                    Commenta


                    • #11
                      windpower...i conti quindi a te tornano bene?
                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                      Commenta


                      • #12
                        ........ la mia nei mesi di gennaio e febbraio circa Kw 8 mila...... ventosità media 3,0 ms.

                        Commenta


                        • #13
                          RE1 , non mi dici nulla di nuovo. Il mini eolico va fatto con molta oculatezza. Solo un addetto ai lavori, con 3-5 anni di esperienza può valutare un progetto. Il problema è che molti commerciali/sviluppatori non sono del mestiere (di buono hanno solo le amicizie in Comune per far passare velocemente le pratiche......) e se poi non lo sono neanche i clienti allora la frittata è fatta.

                          RE1, come dice minieolo, tu non sei esente da colpe perché se non sei un addetto ai lavori (tu dici che ti occupi di tutt'altro) dovevi quanto meno affidarti ad un consulente esterno , esperto e pagato da te, che curando i tuoi interessi verificasse la veridicità di quello che ti proponeva il fantomatico sviluppatore in Basilicata.
                          La Basilicata è un supermarket. Sfornano PAS a produzione in posti senza vento spacchettando TICA fotovoltaiche da 500 kW.
                          Ma veramente credete ancora nel 2016 alla gallina dalle uova d'oro?

                          P.S. se lo sviluppatore ti prometteva 100 MWh/anno ....pochini.........allora di per se ti stava proponedo pale poco produttive tipo Lagherway 18m di rotore o Nordtank 17 m di rotore torre 24m. Ciò non toglie che 25mWh/anno siano pochissimi. Sei sicuro che la turbina funzioni bene ????
                          Non potrete mai avere un impianto che sia allo stesso tempo bello, performante, affidabile e che costi poco

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                            windpower...i conti quindi a te tornano bene?

                            Ancora non mi esprimo. Valuto la situazione. nella prima settimana di marzo mi ha fatto 3200. a febbraio 16 gg effetivi 7500

                            Commenta


                            • #15
                              RE1, purtroppo di persone come te, nei prossimi mesi ed anni ce ne saranno molti, poi altre tante persone saranno quelle che avranno fatto un investimento, non fallimentare, ma che si ripaga in oltre 10 Anni, quindi comunque una perdita di tempo e scocciature.
                              Mi permetto di dire e pensare che il progetto che hai seguito è sicuramente un progetto "economico" dove hai cercato di limare i costi e utilizzare il "fai da te" , purtroppo è stato un grave errore, in quanto un impianto eolico ha necessariamente bisogno di professionisti e società con esperienza nel campo.

                              La produzione che citi è veramente irrisoria, pensa che una macchina BUONA da 60kW quella produzione la fa in 1 MESE!!! o anche meno!

                              Il mini eolico da 60kW è un ottimo investimento, seguo realtà veramente promettenti, ma non è per tutti! e per tutte le tasche.

                              Buona Fortuna.
                              Mario

                              Commenta


                              • #16
                                Cmq nella vita sbaglia chi fa...Mentre chi segue le cose degli altriparla solo a vuoto o addirittura si erge a Maestro di vita!!Io sono convinto che il problema nn sia la pala ma il sito..E questo quello che ti rimprovero perché una macchina scarsa in un sito buono e un peccato ma il contrario e un problema!

                                Commenta


                                • #17
                                  Originariamente inviato da minieolo Visualizza il messaggio
                                  Cmq nella vita sbaglia chi fa...Mentre chi segue le cose degli altriparla solo a vuoto o addirittura si erge a Maestro di vita!!Io sono convinto che il problema nn sia la pala ma il sito..E questo quello che ti rimprovero perché una macchina scarsa in un sito buono e un peccato ma il contrario e un problema!
                                  condivido. in questo forum ce ne sono tanti maestri

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Rispondo a menekken,
                                    mi sembra che tu stesso dica che 100 mvh era una produzione stimata bassa e sinceramente mi sarei accontentato anche di meno non credendo alla gallina dalle uova d'oro. Personalmente ritengo che il vero problema del minieolico sia l' impossibilità di effettuare una indagine anemologica seria ed affidabile in considerazione dei costi, ma soprattutto dei tempi (il contatore è oramai agli sgoccioli da un anno). Chi mi ha trasferito il progetto vanta comunque una esperienza pluriennale e credo che anche Lui sia incappato di un errore che ha sottovalutato. L' impianto completamente rigenerato (torre nuova, lame nuove, rotore da 21 mt, generatore nuovo, quadro elettrico e plc nuovo) al momento, quando c'è vento, si è sempre comportato bene. Anche gli impianti nuovi non mi sembrano esenti da problemi tecnici con costi secondo il mio modesto avviso inammissibili.
                                    Buon vento!!

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Originariamente inviato da RE1 Visualizza il messaggio
                                      Rispondo a menekken,
                                      mi sembra che tu stesso dica che 100 mvh era una produzione stimata bassa e sinceramente mi sarei accontentato anche di meno non credendo alla gallina dalle uova d'oro. Personalmente ritengo che il vero problema del minieolico sia l' impossibilità di effettuare una indagine anemologica seria ed affidabile in considerazione dei costi, ma soprattutto dei tempi (il contatore è oramai agli sgoccioli da un anno). Chi mi ha trasferito il progetto vanta comunque una esperienza pluriennale e credo che anche Lui sia incappato di un errore che ha sottovalutato. L' impianto completamente rigenerato (torre nuova, lame nuove, rotore da 21 mt, generatore nuovo, quadro elettrico e plc nuovo) al momento, quando c'è vento, si è sempre comportato bene. Anche gli impianti nuovi non mi sembrano esenti da problemi tecnici con costi secondo il mio modesto avviso inammissibili.
                                      Buon vento!!
                                      Posso chiederti sulla base di quale fonte il tuo EPC ti ha asseverato la produzione di 100 mwh, e in che modo ha stimato la ventosità media?
                                      Se non sono indiscreto, mi piacerebbe anche sapere in che zona della Basilicata hai installato.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        La produzione è stata asseverata mediante dati aws e anemometro in prossimità.
                                        L' impianto è in provincia di Matera (dati più specifici preferirei comunicarli eventualmente in privato).

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Originariamente inviato da RE1 Visualizza il messaggio
                                          La produzione è stata asseverata mediante dati aws e anemometro in prossimità.
                                          L' impianto è in provincia di Matera (dati più specifici preferirei comunicarli eventualmente in privato).
                                          AWS va preso come indicazione (molto) di massima, non è assolutamente idoneo a fondare un investimento, comunque nel tuo caso credo che il problema sia proprio la macchina.
                                          Per intenderci, al lordo dei fermi, una diametro 21 decente per fare solo 25 mwh in un anno dovrebbe avere a disposizione una media inferiore a 2,5 m/s, roba che neanche in Pianura Padana...

                                          Commenta


                                          • #22
                                            La macchina ha avuto una disponibilità di circa 72% (alcuni piccoli problemi iniziali, poi risolti). Ventosità media 2,8 ms.... probabilmente sono in pianura Padana....... per decenza non ti comunico le ventosità di novembre e dicembre scorsi. Nel mese di febbraio con una ventosità di poco superiore ai 3 ms ed una disponibilità del 100% ho prodotto poco più di kw 4.400.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              E dire che febbraio è stato uno dei più ventosi... non c'è che dire, il tuo EPC si è impegnato per trovare un sito del genere, a meno che l'anemometro non sia stato calibrato, oppure non sia fortissimamente perturbato dal rotore in movimento - può succedere - e in questo caso il dato che fornisci non è attendibile.
                                              Però 2,8 m/s è un dato all'altezza di Cuneo, mi pare veramente strano...in che razza di fosso sta infilata 'sta turbina?
                                              Aws quanto portava?

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Originariamente inviato da RE1 Visualizza il messaggio
                                                La produzione è stata asseverata mediante dati aws e anemometro in prossimità.
                                                L' impianto è in provincia di Matera (dati più specifici preferirei comunicarli eventualmente in privato).
                                                AWS quanto dava come vento? e quanto hai riscontrato realmente? Di solito per la mia esperienza AWS è molto affidabile, poi ovviamente se ci sono ostacoli quali( case, alberi o altro) il dato è compromesso!
                                                Quindi RE1 a quanto dici la pala va bene? è solo una questione di ventosità??

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  AWS, 3tier, etc sono affidabili (+ o - 1 m/s........) nel tavoliere delle Puglie, in Pianura Padana, etc. Ovvero dove non ci sono ostacoli molto elevati e livello uniforme di terreno.

                                                  Appena si va in zone collinari, montuose, con valli, ostacoli etc, AWS, 3tier, e compagnia cantante sparano numeri a lotto. In questi casi ci vogliono studi anemologici "certificati" con anemometri certificati x una durata non inferiore a 1 anno.

                                                  E poi............qualcuno ha mai pensato al fatto che AWS, 3tier e studi anemologici al più danno una rappresentazione del "vento passato" e non del "vento futuro" ?

                                                  E poi..... lo sapete che ci sono Parchi Eolici da 40 MW che da un anno all'altro perdono il 40 % della produzione a causa del vento "pazzerello"..... nonostante decine di migliaia di euro spesi in anemometri, studi, reanalisi e due diligence ?

                                                  Si chiama rischio d'impresa.

                                                  p.s. Chi fa eolico compra dei gratta e vinci, non i Bund Tedeschi........
                                                  Non potrete mai avere un impianto che sia allo stesso tempo bello, performante, affidabile e che costi poco

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Concordo con te. ... Solo chi vive sulla propriapelle questa vicenda sa quanto incerto sia il suo futuro. ..altro che anemometro o studi scientifici il vento non ha figli e figliastri ....nn guarda in faccianessuno!

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Personalmente ritengo che il rischio di impresa sia ben altra cosa che un gratta e vinci e soprattutto bisogna analizzare le garanzie che l EPC ha dichiarato in contratto. Oscillazioni di produzione del - 40% probabilmente sono anche accettabili e calcolate da un imprenditore prudente, ma nel caso specifico stiamo parlando di un - 80% della produzione stimata e dichiarata. Sinceramente, verificati i dati aws, incrociando gli stessi con con un anemometro in prossimità ed affidandomi ad un tecnico che dichiarava una pluriennale esperienza..... ancora devo comprendere la mia imperizia. Altri mi pare che abbiano avuto un approccio molto più garibaldino del mio. Tra l' altro gli altri colleghi del forum mi sembrano tutti molto meravigliati dei risultati da me dichiarati, viceversa tu sei l' unico che non sembri sorpreso.
                                                      Il mio appello al forum voleva semplicemente essere un modo per cercare di rendere un pò più trasparente un mercato con molte ombre.....
                                                      ........nonostante tutto.....BUON VENTO!!!!

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        la trasparenza non è nel mercato..ma nel contratto.
                                                        Tu sottolinei nel post 1 la parola "garantendomi"..il discorso è tutto li....
                                                        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          No Re1, non sono affatto sorpreso dei tuoi dati.
                                                          Ci sono decine di persone in Basilicata con produzioni di 20, 30, 40 MWh , a fronte di business plan da 100MWh a - 130MWh. Sopratutto in prov. di Potenza.

                                                          Da tempo affermavo che in Basilicata, regione ampiamente "sovrastimata" circa la sua effettiva ventosità...............si è operato tipo supermarket, con decine di spacchettamenti di TICA di impianti fotovoltaici che nascevano in vallate (ovviamente) invece che in collina. Li funzionavano bene i business plan del fotovoltaico .... non di eolico.....

                                                          In Basilicata , l'eolico si è fatto essenzialmente dove c'era la connessione. la TICA. Il vento era ed è un accessorio.


                                                          Forse solo chi fa sviluppo di siti eolici può comprendere il mio ragionamento, ma la realtà è questa.

                                                          Buon vento a tutti!
                                                          Non potrete mai avere un impianto che sia allo stesso tempo bello, performante, affidabile e che costi poco

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            In effetti in Basilicata non c'è molto vento, a parte la zona di Forenza; ma qui parliamo di 2,8 m/s, a 30-35 metri da terra: non è poco vento, è vento inesistente... ragazzi, abbiamo a che fare con un dato paragonabile a quello di Milano Brera, in piena area urbana, nel cuore della Pianura Padana, l'area geografica meno ventosa d'Europa, rendiamoci conto...

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X