adkaora article top

Comprimi

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Ricarica Veicoli elettrici

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Ricarica Veicoli elettrici

    Ciao a tutti, mi sto interessando all'argomento dei veicoli elettrici per cercare di capire se questa potrà essere una buona soluzione per abbattere l'inquinamento e cominciare a sfruttare al meglio l'energia elettrica.

    Guardando su qualche sito mi sono trovato di fronte a diverse "interpretazioni".

    Mi spiego: Per la ricarica delle batterie qualche produttore propone colonnine ad alta efficienza in corrente alternata, mentre altri le propongono in corrente continua... Ora vorrei capire se il caricabatterie (raddrizzatore, inverter o quello che è) è già a bordo dei veicoli perchè non credo che le batterie possano essere ricaricate direttamente in AC...

    Una colonnina in DC che quindi ha a monte un inverter o raddrizzatore è molto piu costosa da realizzare anche in termini di protezioni...Perchè quindi questa doppia offerta?

    A mio parere ha molto più senso fornire energia in corrente alternata, molto piu controllabile (in termini di protezione elettrica) rispetto che fornire un sistema DC...

    Grazie per i vostri pareri!

  • #2
    È chiaro che tra le batterie e la .... "fonte energetica" c'è di mezzo un "aggeggio" d'interfaccia solitamente noto come caricabatterie!

    Che poi questo sia a bordo o meno poco importa.
    Di norma è a bordo.
    Ad esempio, la versione a carica rapida prevista all'epoca per la Seicento Elettra non era a bordo, mentre era presente il canonico 3 kW. Di conseguenza la presa prevedeva connessioni in 230 Vac (per il CB di bordo) e in DC, via CB esterno.

    Per quanto riguarda le colonnine di solito sono in AC... sinceramente non mi vengono in mente in DC (parlo di applicazioni pubbliche/standard): vero è che si potrebbe dare una certa tensione DC e poi riconvertirla/trattarla con opportuno "caricabatterie" DC. Di solito però si fa riferimento alla canonica fornitura AC... quindi monofase o trifase alle solite canoniche tensioni.
    Fare si puo'!... Volerlo dipende da te.

    Consultate e rispettate il REGOLAMENTO

    Rispetto il gas, un piano cottura a induzione consuma il 65...70% in meno d'energia: se l'elettrica costasse il doppio, rimarebbe un risparmio del 30...40%! Gas 100% fossile, elettrica 30...100% rinnovabile (secondo fornitore). Con contratti 3 kW, contrariamente a quanto si dice, si possono usare pure piani sprovvisti di autolimitazione.

    Commenta


    • #3
      http://www04.abb.com/global/seitp/se...ion+100211.pdf

      Questa è da ABB e mi pare ne avessi trovata un'altra di SIEMENS....Non capisco il perchè realizzare una torretta tanto costosa...

      Commenta

      Attendi un attimo...
      X
      TOP100-SOLAR