Welcome!

Benvenuto nel Forum EnergeticAmbiente! Siamo un insieme di persone che hanno a cuore il Pianeta Terra e che si prendono in qualche modo la responsabilitā di proteggerlo dalla stupiditā umana. Per poter scrivere o scaricare foto e documenti devi prima registrarti. Vedrai anche meno pubblicitā. Basta 1 minuto, un nome inventato e una mail dove ricevere le notifiche delle risposte.

La registrazione č gratuita e puoi farla -QUI-

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Prese/Spine per ricarica

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Prese/Spine per ricarica

    Che prese/spine ci sono sulle colonnine di ricarica?

    In un negozio ho trovato questa spina e la relativa presa, entrambe "volanti":


    Uploaded with ImageShack.us

    Questa sta sulle colonnine o sugli scooter?

    Ma soprattutto, come sono cablate? Perche' 4 contatti invece di 3? Se collego solo massa, neutro e fase, le colonnine funzionano ugualmente?
    Ultima modifica di jumpjack; 20-06-2011, 13:14.
    Batterie, DoD e profonditā di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metā prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerā 60.000 km, 60 km per volta ne durerā 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerā 120.000 km, 60 km per volta durerā 60.000 km.
    -- Jumpjack --

  • #2
    Ho fatto una domanda cosė complicata?!?
    Batterie, DoD e profonditā di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metā prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerā 60.000 km, 60 km per volta ne durerā 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerā 120.000 km, 60 km per volta durerā 60.000 km.
    -- Jumpjack --

    Commenta


    • #3
      Quella in foto e' una spina trifase senza neutro

      c'e' una foto identica su WIKI nella pagina che parla delle spine elettriche

      http://it.wikipedia.org/wiki/Presa_e...ca_industriale


      Per l'uso sui veicoli elettrici e' praticamente inutile perche' quasi tutti i caricabatterie sono monofase , e quei pochi caricabatterie trifase usano di norma la 5 poli (3 fasi + neutro + terra )


      Il fatti che sia rossa indica che il voltaggio e' 380-400V , le spine che usano al 220-230 sono di colore blu

      Commenta


      • #4
        Sulle colonnine di ricarica di solito si trovano:

        BLU da 16 Ampere Monofase , e' la classica presa industriale , con un adattatore da pochi euro si puo' convertire in shuko o bipasso.
        Puo' erogare massimo 3Kw.

        ROSSA da 16 Ampere Trifase con Neutro , e' usata per carichi piu' grossi e per caricare le poche automobili elettriche dotate di caricabatterie trifase.
        Puo' erogare massimo 9 Kw
        Puo' essere usata per dare corrente ad un quadro elettrico dove le 3 fasi vengono separate e suddivise in 3 prese monofase , quindi se c'e' una spina ROSSA e ci si porta dietro un quadretto elettrico e' possibile caricare 3 scooter in contemporanea


        Sia la ROSSA che la BLU esistono in versione da 32 Ampere , sono piu' grosse fisicamente ed hanno una portata doppia rispetto alle 16 Ampere.


        Esiste poi la cosiddetta "quarto polo" che e' una presa analoga alla BLU ma con un polo in piu' che la rende incompatibile con la BLU standard. Il quarto polo nasce per fare in modo che i veicoli elettrici si possano caricare solo da queste prese che saranno alimentati con contatori separati e dotati di una tassazione PIU' ALTA rispetto all' elettricita' per uso domestico. La presa con "Quarto polo" serve a rentere possibile la migrazione delle tasse aggiuntive dalla benzina all' elettricita'.


        Alcuni sostengono che il quarto polo controllando la chiusura del circuito di terra aumenti la sicurezza , in realta' questo vorrebbe dire che tutte le attuali prese industriali sono insicure .

        E comunque il controllo della chiusura del circuito di terra si puo' fare in 1000 altri modi (controllo impedenza,gost circuit,correnti differenziali,onde convogliate etc etc) senza bisogno di inventarsi da zero un nuovo connettore.

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da athlon Visualizza il messaggio
          Sulle colonnine di ricarica di solito si trovano:

          BLU da 16 Ampere Monofase , e' la classica presa industriale , con un adattatore da pochi euro si puo' convertire in shuko o bipasso.
          Puo' erogare massimo 3Kw.

          ROSSA da 16 Ampere Trifase con Neutro , e' usata per carichi piu' grossi e per caricare le poche automobili elettriche dotate di caricabatterie trifase.
          Puo' erogare massimo 9 Kw
          Puo' essere usata per dare corrente ad un quadro elettrico dove le 3 fasi vengono separate e suddivise in 3 prese monofase , quindi se c'e' una spina ROSSA e ci si porta dietro un quadretto elettrico e' possibile caricare 3 scooter in contemporanea


          Sia la ROSSA che la BLU esistono in versione da 32 Ampere , sono piu' grosse fisicamente ed hanno una portata doppia rispetto alle 16 Ampere.


          Esiste poi la cosiddetta "quarto polo" che e' una presa analoga alla BLU ma con un polo in piu' che la rende incompatibile con la BLU standard. Il quarto polo nasce per fare in modo che i veicoli elettrici si possano caricare solo da queste prese che saranno alimentati con contatori separati e dotati di una tassazione PIU' ALTA rispetto all' elettricita' per uso domestico. La presa con "Quarto polo" serve a rentere possibile la migrazione delle tasse aggiuntive dalla benzina all' elettricita'.


          Alcuni sostengono che il quarto polo controllando la chiusura del circuito di terra aumenti la sicurezza , in realta' questo vorrebbe dire che tutte le attuali prese industriali sono insicure .

          E comunque il controllo della chiusura del circuito di terra si puo' fare in 1000 altri modi (controllo impedenza,gost circuit,correnti differenziali,onde convogliate etc etc) senza bisogno di inventarsi da zero un nuovo connettore.
          Sono riuscito a fotografare la spina di uno scooter elettrico (quella a destra):


          Oltre ai contatti, anche la forma č strana, nč tonda nč ellittica.
          Dove la compro, e come collego i contatti?
          Batterie, DoD e profonditā di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metā prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerā 60.000 km, 60 km per volta ne durerā 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerā 120.000 km, 60 km per volta durerā 60.000 km.
          -- Jumpjack --

          Commenta


          • #6
            Originariamente inviato da jumpjack Visualizza il messaggio
            Sono riuscito a fotografare la spina di uno scooter elettrico (quella a destra):


            Oltre ai contatti, anche la forma č strana, nč tonda nč ellittica.
            Dove la compro, e come collego i contatti?



            Quella a destra e' la famigeratissima Quarto polo ... Tecnicamente detta SCAME CEI 69/6

            la puoi comperare solo da Scame ... ed essendo solo loro che la producono ti lascio immaginare il prezzo.

            Poi devi fare un circuito particolare tra il quarto polo (quello piu' piccolo) e la terra inserendo una resistenza elettrica per fare in modo che la colonnina riceva il consenso ad erogare corrente.

            Come portata la Quarto polo e' esattamente identica alla industriale standard CEI , solo che la quarto polo e' prodotta solo da Scame

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da athlon Visualizza il messaggio


              Quella a destra e' la famigeratissima Quarto polo ... Tecnicamente detta SCAME CEI 69/6

              la puoi comperare solo da Scame ... ed essendo solo loro che la producono ti lascio immaginare il prezzo.
              Boh, hai un link per... spaventarmi?


              Poi devi fare un circuito particolare tra il quarto polo (quello piu' piccolo) e la terra inserendo una resistenza elettrica per fare in modo che la colonnina riceva il consenso ad erogare corrente.
              L'ho trovato!


              http://www.scame.com/doc/info_ser/LIB-I-10.pdf

              Qualcuno sa tradurlo?...

              Come portata la Quarto polo e' esattamente identica alla industriale standard CEI , solo che la quarto polo e' prodotta solo da Scame
              Cioe'?
              Batterie, DoD e profonditā di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metā prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerā 60.000 km, 60 km per volta ne durerā 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerā 120.000 km, 60 km per volta durerā 60.000 km.
              -- Jumpjack --

              Commenta


              • #8
                Anzi, facciamo cosė:



                1) Sarebbe un doppio interruttore controllato da 2? Cioe' 1+2 sarebbe un relč a due vie?

                3) Basta un circuito che attiva il relč se "vede" la resistenza? Ma... come fa a vederla, se č collegata a massa?!? O forse nel disegno non si vede il collegamento alla fase?

                4) E' una normale resistenza? Perche' ha questo simbolo bislacco? E da quanti watt sara?!? 2000?!?

                5-6) Cos'e' 'sta roba? Non saranno mica... le ruote?
                Batterie, DoD e profonditā di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metā prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerā 60.000 km, 60 km per volta ne durerā 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerā 120.000 km, 60 km per volta durerā 60.000 km.
                -- Jumpjack --

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da jumpjack Visualizza il messaggio
                  Anzi, facciamo cosė:



                  1) Sarebbe un doppio interruttore controllato da 2? Cioe' 1+2 sarebbe un relč a due vie?

                  3) Basta un circuito che attiva il relč se "vede" la resistenza? Ma... come fa a vederla, se č collegata a massa?!? O forse nel disegno non si vede il collegamento alla fase?

                  4) E' una normale resistenza? Perche' ha questo simbolo bislacco? E da quanti watt sara?!? 2000?!?

                  5-6) Cos'e' 'sta roba? Non saranno mica... le ruote?
                  1+2) corretto e' un rele (o meglio oggi si usano interrutori allo stato solido)

                  3) il circuito di controllo e' alimentato , invia una piccola corrente verso il quarto polo , questa corrente attraversa il diodo , poi la resistenza , si colleca alla terra e torna dentro alla colonnina , se il giro riesce bene l' elettronica attiva il rele' e la colonnina comincia ad erogare corrente.

                  4) se non ricordo male sono resistenze da 1/4 di W

                  5-6 ) si sono le ruote del veicolo

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da athlon Visualizza il messaggio
                    1+2) corretto e' un rele (o meglio oggi si usano interrutori allo stato solido)
                    Athlon, ora che ci penso... il tuo e-max NON si ricarica dalle colonnine, ha una spina shucko, no? Quindi, come hai fatto?
                    Batterie, DoD e profonditā di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metā prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerā 60.000 km, 60 km per volta ne durerā 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerā 120.000 km, 60 km per volta durerā 60.000 km.
                    -- Jumpjack --

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da jumpjack Visualizza il messaggio
                      Athlon, ora che ci penso... il tuo e-max NON si ricarica dalle colonnine, ha una spina shucko, no? Quindi, come hai fatto?
                      In quasi 5000 Km , avendo fatto piu' di 60 ricariche in tantissimi posti (anche da colonnine pubbliche) diversi fortunatamente non ho mai incontrato la "Quarto polo" , statisticamente le ricariche sono state fatte al 50% da Industriale 16A ed il 50% da Bipasso.

                      La nostra attrezzatura su due scooter era cosi' composta:

                      2x adattatori da Industriale 16A a Bipasso
                      2x adattatori da Tipo L 16A a Shuko
                      1 prolunga 10m (Tipo L 16A - Bipasso)
                      1 prolunga 2m (Tipo L 16A - Bipasso
                      1 Ciabatta 3m (Tipo L 16A - 4x Shuko)

                      Tutti i cavi erano 3x2,5 , tutti gli adattatori erano da 3500w


                      Considera che in molti posti le colonnine elettriche comunali risalgono alla fine degli anni '80 , la quarto polo e' roba di adesso quindi per fortuna e' normale non trovarla in giro.

                      Ad Imola ad esempio le colonnine elettriche comunali ( gratuite per tutti i cittadini hanno 2 prese Trifase + Neutro , 4 prese Monofase , e 2 Bipasso.)


                      Il posto in assoluto piu' attrezzato dal punto di vista elettrico e' senza dubbio il porto marittimo , a Pollica ad esempio ho contato oltre 30 colonnine con 4 prese ciascuna ragguppate nel raggio di meno di 50 metri

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da athlon Visualizza il messaggio
                        In quasi 5000 Km , avendo fatto piu' di 60 ricariche in tantissimi posti (anche da colonnine pubbliche) diversi fortunatamente non ho mai incontrato la "Quarto polo" , statisticamente le ricariche sono state fatte al 50% da Industriale 16A ed il 50% da Bipasso.
                        E a Roma cosa hai trovato?
                        Batterie, DoD e profonditā di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metā prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerā 60.000 km, 60 km per volta ne durerā 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerā 120.000 km, 60 km per volta durerā 60.000 km.
                        -- Jumpjack --

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da jumpjack Visualizza il messaggio
                          E a Roma?
                          Purtroppo su Roma ho poca esperienza , alla partenza del Giro siamo arrivati con gli scooter sul furgone gia' carichi da Milano, e la prima ricarica e' avvenuta ad Oriolo Romano mentre la fine del giro e' avvenuta a Frascati al centro ENEA.

                          Commenta


                          • #14
                            Ciai a tutti!
                            Fortunatamente a Roma qualche colonnina funzionante si trova!
                            Sicuramente no quella di Ostia!

                            Commenta


                            • #15
                              porca paletta, proprio quella che mi serviva di pių!!!
                              Batterie, DoD e profonditā di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metā prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerā 60.000 km, 60 km per volta ne durerā 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerā 120.000 km, 60 km per volta durerā 60.000 km.
                              -- Jumpjack --

                              Commenta

                              Sto operando...
                              X