annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

serpentine elettriche

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • serpentine elettriche

    Ciao a tutti

    volevo chiedervi che ne pensate dell'impianto di riscaldamento con serpentine elettriche.
    Sembra che per tenerle accese 8 ore al giorno per 4 mesi costi in tutto 75 euro di elettricità.
    A me sembra una bufala...ma io non sono un tecnico ovviamente.
    Mi date qualche consiglio?
    grazie

  • #2
    Se acquisti energia a 0,18€/kWh con 75€ acquisti circa 420 kWh di energia elettrica.
    Una casa clima oro da 10 kWh/mq anno di 100 mq consuma 1000 kWh e già in questo caso il discorso non regge.

    Ciao
    Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

    Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
    http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

    Commenta


    • #3
      Ma per quanti mq è quel conto di 75€? magari per mq
      Quindi se hai una casa di 100mq costerebbe 7500€ per 4 mesi.. forse è corretto.
      Pannelli 56 tubi U-pipe Apertura 8,84 m2 Orient./Inclin.:SUD-SUD/EST /60°
      Caldaia Condensazione 24 kW Termostufa Legna: 13,8 kW (3 kW ambiente 10,8 kW Acqua)
      Puffer 750 L 3 serpentine
      Riscaldamento: pannelli radianti 130 m2 + Scalda-salviette
      Località: Cannobio - Prov. VB - Gradi Giorno 2.583 - Zona Climatica E

      Commenta


      • #4
        A parte i numeri da interpretare così avresti rendimento 1 e costo energia circa 0,18 €/kWh.

        Il gas costa circa 0,07€/kWh e con caldaie a condensazione il rendimento può essere di poco >1.

        Le PDC hanno rendimenti >1...

        Anche se non è una bufala sicuramente non fanno risparmiare!

        Commenta


        • #5
          scusate ho omesso qualche dettaglio fondamentale. la mia casa ha i pannelli fotovoltaici, quindi i 75 euro in tutto rappresenterebbe la mia bolletta elettrica per riscaldare 100mq di casa tenendo accese le serpentine 8 ore al giorno per 4 mesi considerando che gran parte dell'energia la autoproduco. Questo calcolo l'ha fatto l'ingegnere ed io ignoro totalmente come sia stato fatto, ad ogni modo convenienza o meno, cosa ne pensate della tecnologia? A me non fa impazzire l'idea di avere sotto il pavimento una serpentina elettrica.

          Commenta


          • #6
            Che tu abbia i pannelli fotovoltaici o meno poco cambia.
            Difficilmente potrai produrre corrente quando casa tua avrà bisogno di essere scaldata..
            75€ poi è tutto da vedere.. fatti mettere su carta che la differenza dai 75€ li mette lui (a vita) e vediamo se è ancora così sicuro

            Tornando ai conti.. quanto consuma casa tua al momento?
            Da li si può capire quanto è sballato quel calcolo. (hai metano? quanti mc in un anno?)

            Quei sistemi potrebbero andare bene per scongelare le salite, se hai bisogno di una cosa istantanea e che non congeli quando spenta.

            La tecnologia, come ti è stato detto... non è nulla di nuovo, anzi.. è una semplice resistenza, consuma 1 rende 1, quindi poco efficiente.
            Pannelli 56 tubi U-pipe Apertura 8,84 m2 Orient./Inclin.:SUD-SUD/EST /60°
            Caldaia Condensazione 24 kW Termostufa Legna: 13,8 kW (3 kW ambiente 10,8 kW Acqua)
            Puffer 750 L 3 serpentine
            Riscaldamento: pannelli radianti 130 m2 + Scalda-salviette
            Località: Cannobio - Prov. VB - Gradi Giorno 2.583 - Zona Climatica E

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da marty1234
              Questo calcolo l'ha fatto l'ingegnere
              Fagli vedere questo:
              Energia elettrica sett.48.pdf

              Sono i rilievi elettrici della mia abitazione, con impianto FV da 5,64 kWp e riscaldata con PDC. Come puoi notare l' autoconsumo è basso! La richiesta di riscaldamento cè proprio quando l' impianto FV non funziona.
              Inoltre il regolamento del calcolo del contributo SSP è cambiato e puoi stare certo che con il sistema di riscaldamento proposto altro che 75€!!!

              Quello è un sistema di riscaldamento nato in Francia dove l' energia elettrica viene praticamente regalata.

              Alle giuste condizioni può essere conveniente l' installazione di una PDC aria/acqua:
              http://www.energeticambiente.it/geotermico/14739387-rendimento-pdc-solare-termico-fv.html

              Magari ti può interessare:
              Bollette.pdf

              Qui trovi il valore di bollette che ho pagato e che pagherò. Inoltre trovi il valore del contributo SSP che mi dovrebbe spettare.
              Passa all' ingegnere anche questo....

              Ciao J.
              Ultima modifica di Jekterm; 06-12-2011, 23:20.
              Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

              Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
              http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

              Commenta


              • #8
                Fringui purtroppo non ho quei dati perchè la casa deve essere finita, c'è solo il grezzo e al momento non è possibile allacciare il metano.

                Jeckterm grazie, adesso me lo studio prima io, e poi lo passo all'ingegnere, non si capisce perchè quando vado lì mi impapocchia un sacco di roba e pare sempre che abbia ragione, poi esco, ci penso e non mi torna niente!
                Ho un dubbio però anche con la pompa di calore, anche questa consuma corrente, e presumibilmente lo fa sempre quando l'apporto del fotovoltaico è basso. Cosa cambia? Scusa l'ignoranza, è che davvero non ci capisco un'acca.

                Dal tuo ultimo schema mi sembra di capire che l'ammontare dell'energia prelevata dal gestore è quasi uguale a quella immessa nella rete, solo che viene pagata a prezzi diversi. Il contributo SSP invece si riferisce al totale prodotto giusto? Quanto è grande casa tua?

                Commenta


                • #9
                  Visto che la casa è in costruzione fatti dare i dati della legge 10.. con quello dovresti avere una stima ottimistica di quanto cosumerà casa, da li.. puoi decidere tutto.
                  Servirebbe capire anche dov'è questa casa, per capire i dati climatici.
                  Se non hai il metano, o PDC (comoda e automatica) o sistemi a biomassa (economicamente validi ma richiedono lavoro).
                  Ovviamente se non c'è metano, piastre ad induzione e risparmi pure il buco in cucina che tira dentro freddo.
                  Pannelli 56 tubi U-pipe Apertura 8,84 m2 Orient./Inclin.:SUD-SUD/EST /60°
                  Caldaia Condensazione 24 kW Termostufa Legna: 13,8 kW (3 kW ambiente 10,8 kW Acqua)
                  Puffer 750 L 3 serpentine
                  Riscaldamento: pannelli radianti 130 m2 + Scalda-salviette
                  Località: Cannobio - Prov. VB - Gradi Giorno 2.583 - Zona Climatica E

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da marty1234


                    Ho un dubbio però anche con la pompa di calore, anche questa consuma corrente, e presumibilmente lo fa sempre quando l'apporto del fotovoltaico è basso. Cosa cambia? Scusa l'ignoranza, è che davvero non ci capisco un'acca.
                    Dal tuo ultimo schema mi sembra di capire che l'ammontare dell'energia prelevata dal gestore è quasi uguale a quella immessa nella rete, solo che viene pagata a prezzi diversi. Il contributo SSP invece si riferisce al totale prodotto giusto? Quanto è grande casa tua?
                    Si è corretto la PDC funziona principalmente in prelievo. La differenza sta nel fatto che una PDC ha un rendimento ben diverso rispetto a una resistenza. Si chiama COP, è il rapporto fra energia termica prodotta ed energia elettrica consumata.
                    Facilmente riconoscibile dal grafico.
                    Il conteggio SSP è una cosa abbastanza complicata. Cerca nel forum e trovi tutte le notizie che hai bisogno.
                    Altra cosa difficile da valutare è il conteggio delle bollette.... In Italia, esclusa tariffa BTA, più energia prelevi e più cresce il prezzo.
                    La mia abitazione ha 160 mq riscaldati ma purtroppo la classe energetica è a cavallo fra B e C.

                    Ciao
                    Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

                    Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
                    http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

                    Commenta


                    • #11
                      La PDC sarebbe comunque in combinazione con un boiler elettrico con resistenza perchè per il momento ho messo da parte l'ipotesi dei pannelli termici, il tecnico però mi dice che la PDC ha una durata più o meno di 10 anni confermate? Il preventivo è di 6000 ero per la PDC che se dura 10 anni non mi sembra così conveniente...bah!

                      Volevo anche chiedervi in attesa dei dati della legge 10, se secondo voi la combinazione PDC boiler con resistenza elettrica possa essere una soluzione anche con l'uso dei radiatori. Purtroppo non ho molta quota per mettere le serpentine a terra e dalle mie parti nessuno consiglia il sistema che ho letto qui e lì che consiste nel mettere le serpentine fino a 20 cm dal muro dove invece passerebbero i cavi elettrici!

                      A questo punto mi sembra + conveniente una caldaia a condensazione a gpl...o no? Che casino!

                      Commenta


                      • #12
                        Se non sai quanto consuma la casa come fai a dire che la PDC costerà 6000€?
                        Gpl costa un botto, meglio decisamente PDC come costo di esercizio.

                        La resistenza nell'accumulo è solo per emergenze, non è per uso normale.
                        NON PENSARE DI SCALDARE I RADIATORI CON UNA RESISTENZA A CORRENTE, SAREBBE UN MASSACRO.
                        Non vorrai mettere un normale boiler avendo la PDC?!?!?!
                        Ma per serpentine intendi radiante a pavimento?
                        Esistono dei radianti a bassa inerzia con spessori veramente piccoli.

                        Occhio che PDC e sistemi energeticamente convenienti lavorano a basse temperature.

                        Diciamo che senza il consumo dell'involucro c'è poco da fare... quello è la base.
                        Le PDC durano quanto i frigor, grossomodo.. direi molto più di 10 anni.
                        Pannelli 56 tubi U-pipe Apertura 8,84 m2 Orient./Inclin.:SUD-SUD/EST /60°
                        Caldaia Condensazione 24 kW Termostufa Legna: 13,8 kW (3 kW ambiente 10,8 kW Acqua)
                        Puffer 750 L 3 serpentine
                        Riscaldamento: pannelli radianti 130 m2 + Scalda-salviette
                        Località: Cannobio - Prov. VB - Gradi Giorno 2.583 - Zona Climatica E

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da fringui Visualizza il messaggio
                          Se non sai quanto consuma la casa come fai a dire che la PDC costerà 6000€?
                          Gpl costa un botto, meglio decisamente PDC come costo di esercizio.
                          Perchè mi è stata fatta una stima di massima. Nessuno ti fa il progetto vero e proprio se non gli dai la sicurezza che fai con lui l'impianto. Consumerei tanto con il Gpl anche con una caldaia a condensazione?

                          Originariamente inviato da fringui Visualizza il messaggio
                          La resistenza nell'accumulo è solo per emergenze, non è per uso normale.
                          NON PENSARE DI SCALDARE I RADIATORI CON UNA RESISTENZA A CORRENTE, SAREBBE UN MASSACRO.
                          Non vorrai mettere un normale boiler avendo la PDC?!?!?!
                          Il progetto era PDC + questo boiler a resistenza con serpentine, poi però a causa della bassa quota dei piani sto virando sui radiatori con caldaia a cond. ...che di devo dì, il tecnico sembra convintissimo io molto meno!

                          Originariamente inviato da fringui Visualizza il messaggio
                          Ma per serpentine intendi radiante a pavimento?
                          Esistono dei radianti a bassa inerzia con spessori veramente piccoli.
                          sì intendo il radiante a pavimento. Hai dei link su qualche marca? Considera che io grezzo ho 2,80m e tutti mi dicono che è troppo poco per il radiante a pavimento! sigh!

                          Originariamente inviato da fringui Visualizza il messaggio
                          Occhio che PDC e sistemi energeticamente convenienti lavorano a basse temperature.
                          Sì infatti la PDC era prevista in caso di radiante a pavimento, ora che sono forse obbligata a mettere i radiatori pensavo appunto alla caldaia a condensazione purtroppo a gpl

                          Originariamente inviato da fringui Visualizza il messaggio
                          Diciamo che senza il consumo dell'involucro c'è poco da fare... quello è la base.
                          Le PDC durano quanto i frigor, grossomodo.. direi molto più di 10 anni.
                          Non hai idea della difficoltà che sto avendo per avere i benedetti calcoli! Che confusione

                          Commenta


                          • #14
                            Originariamente inviato da marty1234 Visualizza il messaggio
                            Perchè mi è stata fatta una stima di massima. Nessuno ti fa il progetto vero e proprio se non gli dai la sicurezza che fai con lui l'impianto. Consumerei tanto con il Gpl anche con una caldaia a condensazione?
                            ---
                            sì intendo il radiante a pavimento. Hai dei link su qualche marca? Considera che io grezzo ho 2,80m e tutti mi dicono che è troppo poco per il radiante a pavimento! sigh!
                            Il problema non è il consumo ma il costo del "carburante", il gpl ha costi alti.. e ovviamente sempre in crescita.
                            Ho letto di alcuni utenti soddisfatti passati dal GPL a pompe di calore ad alta temperatura con radiatori con secondo contatore, tra i 2 sistemi il secondo gli costa meno...

                            Dalle prime ricerche con google...
                            http://www.floortech.it/core_25.php

                            E altri...

                            Se la casa è ben isolata la pompa di calore può costare poco di più di una buona caldaia, investire nell'involucro ti fa risparmiare 2 volte.. 1 nell'acquisto del generatore e degli impianti, più è isolata meno potenza avrai bisogno.. 2 essendo isolata consumerà meno.

                            PS chi deve fare i calcoli del fabbisogno energetico non deve centrare nulla con quello che vende o segue la costruzione (impresa) altrimenti.. sarà di parte.. e questo non è bene. Vedi agenzia casaclima...se loro ti dicono che casa tua è in classe C loro non perdono, anzi.. se facessero dei favoritisti a favore del costruttore, perderebbero di immagine e tutto il business che hanno costruito attorno alle loro certificazioni.
                            Pannelli 56 tubi U-pipe Apertura 8,84 m2 Orient./Inclin.:SUD-SUD/EST /60°
                            Caldaia Condensazione 24 kW Termostufa Legna: 13,8 kW (3 kW ambiente 10,8 kW Acqua)
                            Puffer 750 L 3 serpentine
                            Riscaldamento: pannelli radianti 130 m2 + Scalda-salviette
                            Località: Cannobio - Prov. VB - Gradi Giorno 2.583 - Zona Climatica E

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da marty1234 Visualizza il messaggio
                              Il progetto era PDC + questo boiler a resistenza con serpentine che di devo dì, il tecnico sembra convintissimo
                              Cambia tecnico... Uno che propone una PDC con bollitore elettrico non sa nemmeno cosa sta vendendo!!!

                              Abitazione ben isolata, impianto di distribuzione in bassa temperatura, PDC di piccola taglia che copre il fabbisogno di energia per riscaldamento e accumulo, non bollitore, per ACS riscaldato dalla PDC. Nessuna resistenza!

                              Originariamente inviato da marty1234 Visualizza il messaggio
                              PDC che se dura 10 anni
                              E' una macchina a ciclo frigorifero ma rispetto a un frigorifero viene sfruttata in modo diverso. Quello che usura la macchina sono i cicli di produzione ACS. Un piccolo e semplice impianto solare termico, spegni la macchina per 6 mesi l' anno e gli allunghi la vita.

                              Ciao
                              Ultima modifica di Jekterm; 14-12-2011, 22:10.
                              Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

                              Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
                              http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

                              Commenta


                              • #16
                                Jeckterm anche grazie alla tuoi consigli avevo scelto di fare esattamente come avevi detto tu sopra.
                                Ma i tecnici mi hanno smontato tutto:

                                1) impianto di distribuzione a bassa temperatura con pannelli radianti non lo posso fare. Ho solo 2,80 di quota a grezzo cioè senza impianti intonaci ecc. Adesso sto guardando la soluzione trovata da Fringui (a proposito grazie!!!!), mi sorgono però altri dubbi perchè so che è meglio mettere un ottimo isolamento anche a terra, e gli isolamenti ultrasottili non mi danno un grande affidamento...forse è solo ignoranza la mia!

                                2) pannelli radianti + PDC + impianto solare mi hanno chiesto 22.000 euro per una casa di appena 100mq! Non so se è in linea ai prezzi del nord ma a me è sembrato tanto.

                                3) La casa sarà isolata con 30cm di mattone poroton + 8cm di polistirene. Le stanze da riscaldare sono solo 3 (soggiorno e 2 camere, la cucina abbiamo deciso che non avrà riscaldamento e per i 2 bagni degli scaldasalviette)

                                Per tutte queste ragioni ho dovuto optare per i radiatori, che tra l'altro non so dove mettere visto che gli spazi sono piccoli e pieni di colonne portanti.

                                Cmq grazie per la dritta del bollitore elettrico, se conoscete dei tecnici bravi nel basso lazio fatemi sapere...vorrei un tecnico della zona a cui posso rivolgermi poi con facilità in caso di problemi.

                                Commenta


                                • #17
                                  Come ti ha consigliato Fringui prova a vedere i pavimenti radianti a secco.

                                  22000€ per l' impianto di distribuzione e produzione sono in linea con il mercato. Non pensare di risparmiare molto montando altri sistemi.

                                  In più, senza montare i soliti split, puoi usare la PDC per il raffrescamento estivo.

                                  Ciao
                                  Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

                                  Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
                                  http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

                                  Commenta

                                  Attendi un attimo...
                                  X
                                  TOP100-SOLAR