annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Scaldabagno pdc: come ottenere 55% detrazione.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Scaldabagno pdc: come ottenere 55% detrazione.

    Salve, dopo un'estenuante lettura della guida A.d.E chiedo chiarimenti (considerato che tale intervento è stato aggiunto successivamente nella lista dei lavori detraibili, ma dovrebbe valere lo stesso per le caldaie).

    Entro 90gg bisogna inviare in via telematica al sito Enea:
    - scheda informativa (allegato E) firmata da un tecnico abilitato (non c'è lo schema per questo intervento, cosa si deve indicare?)
    - certificazione del produttore. (nient'altro)

    Bisogna pagare la caldaia e l'installatore con appositi bonifici (non ho capito il discorso della ritenuta d'acconto), conservare fatture etc. L'installatore o il tecnico deve certificare la data di fine lavori. Fatto questo, si avrà annualmente lo sconto sull'Irpef ripartito in 10 rate. Lo stesso soggetto non può cumulare ulteriori detrazioni per lo stesso lavoro, ma per altri diversi (ristrutturazioni edilizie ad es.)sì? Se non si effettuano i lavori in un unico "appalto" (cioè si compra il boiler da soli e si fa installare ad un idraulico) l'Iva applicabile è sempre il 21%.
    E' corretto? Grazie.
    Impianto: 18.80kw n.80 Schüco 235w - n.2 SMA Sunny Tripower 8000TL -Azimuth +29°/-151° Tilt 9° in funzione dal 23-08-2012 l mio impianto su rendimento-solare.eu
    In casa: stufa a legna autoprodotta + impianto tradizionale + n.2 pdc aria-aria Airwell 7000BTU classe A - misuratore di potenze istantanee Wattson Solar Plus - ACS: pdc aria-acqua Ariston Nuos Evo 110

  • #2
    Ciao Stratospheric: comincio io. Il mio commercialista per il solare termico mi ha chiesto: comunicazione all'Enea, fatture di tutto, copia del bonifico effettuato in banca su apposito modulo, dichiarazione del tecnico. Riguardo all'iva puoi averla al 10% se fai una dichiarazione al venditore ( esempio reale lo trovi proprio su ebay per il nuos evo ) che lo acquisti per sostituire una boiler elettrico a resistenza, quindi per fare una riqualificazione energetica. Parlando con il mio tecnico della nuos o della cordivari ( lui predilige quest'ultima...) mi ha detto che per la detrazione non c'è nessun problema. L'acquisto e l'installazione possono essere due momenti e due pagamenti distinti, l'importante è che avvengano di persona in banca ( niente nome banking ) su dei moduli specifici che fornisce la banca in cui si dichiara qual è la legge di riferimento per la detrazione e qual è la detrazione che si va a richiedere: 36% o 50% o 55%. Direi in generale che tutto quanto altro hai scritto è corretto. Aggiungerei che ovviamente puoi avvalerti della detrazione per lavori diversi anche se tutti di riqualificazione energetica, ad esempio io ho fatto l'anno scorso il solare termico, quest'anno farò il boiler PDC, potrei anche fare altri interventi tipo sostituire la caldaia a metano con una PDC e sarebbero tutte detraibili. Un consiglio in più che posso darti è questo: se volessi mettere un addolcitore per l'acqua troppo dura, abbinandolo al boiler PDC, potresti avvalerti su tutto della stessa IVA al 10% e detrarre tutto al 50/55% in quanto l'addolcitore risulterebbe al servizio del boiler PDC per risolvere il problema dell'acqua troppo calcarea che te lo rovinerebbe in poco tempo. A saperlo prima... io mi sarei detratto un bel po' di soldini...
    FV 5,76 Kwp.Auto elettrica:Nissan Leaf 24 Kw.Acs:boiler PDC 300L,Cordivari,con solare termico a CF con 5 mq di pannelli piani,tilt:61,8°.Riscaldamento:8 pdc aria/aria di cui 6 inverter con COP fra 3,6 e 5,25, integrati da un termocamino Vulcano.Piano a induzione.1 auto a metano.Asciugatrice a PDC inverter.Vetrocamera Saint Gobain selettivi/basso-emissivi 4/12/4 con Argon

    Commenta

    Attendi un attimo...
    X
    TOP100-SOLAR