annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

rapporto PDC con sonda climatica e termostati ambiente

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • rapporto PDC con sonda climatica e termostati ambiente

    Ciao a tutti
    Sto ristrutturando casa di campagna su 2 piani, zona climatica E, al termine dei lavori sarà molto ben coibentata tra tetto, cappotto, infissi performanti, ecc.
    E' prevista una pdc Clivet sphera evo 4.1 con riscaldamento a pavimento, produzione acs, raffrescamento con ventilconvettori ad acqua, impianto di vmc e fv da 5kw.

    La pdc se ho capito bene sarà regolata dalla sonda climatica esterna in rapporto alla temperatura interna, a seconda di come verrà impostata.
    Ci saranno termostati ambiente in ogni locale (marca/modello ancora da decidere) che presumo vadano ad aprire/chiudere dal collettore il circuito del rispettivo ambiente.

    Scusate la domanda ignorante, ma se la temperatura dell'acqua nel pavimento viene impostata dalla programmazione della sonda climatica... la temperatura che imposto da ogni termostato ambiente a cosa serve?
    Altra cosa, se d'estate uso solo i ventilconvettori per raffrescare... i termostati ambiente che fanno? mi servono solo per mostrarmi ad es. la temperatura rilevata?

    Visto che li devo ancora scegliere, quali marche modelli termostati consigliate? magari che oltre alla temperatura rilevata mi diano anche l'umidità?

    grazie in anticipo

  • #2
    Già, infatti non servirebbe a niente, una volta trovata la corretta curva climatica e la corretta regolazione delle portate nei circuiti del radiante davvero non serve a niente avere i termostati (e mi raccomando regola bene tutto in modo tale che i circuiti rimangano sempre aperti), se non a verificare la T delle stanze. Non serve a nulla averli in ogni locale, soldi buttati....

    L'unico minimo vantaggio è una regolazione fine della curva climatica che ormai tutti i generatori hanno. Cioè tu regoli una curva climatica, che viene aggiustata di qualche grado sulla base della T interna.
    PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

    Commenta


    • #3
      e mi raccomando regola bene tutto in modo tale che i circuiti rimangano sempre aperti
      Intendi ad esempio tenere una temperatura a termostato molto alta (tipo 30°) in modo che lui chiami sempre acqua calda?
      Questo può andare a "modificare" la temperatura dell'acqua impostata dalla sonda?
      ad es. se con la curva la temperatura dell'acqua è 32°... termostato a 30° che non raggiungerà mai... può agire aumentando la T dell'acqua per provare di soddisfare il valore del termostato?

      Quindi viceversa se voglio che 2 ambienti su 8 non siano riscaldati imposterò il termostato al minimo?

      Non serve a nulla averli in ogni locale
      allora faccio esempio non metto i termostati nei due bagni, chi è che comanda di fargli arrivare acqua calda?
      oppure in questo caso il circuito dei bagni è sempre aperto quindi arriva acqua sempre alla T di mandata regolata dalla sonda?
      ma nelle mezze stagioni se voglio far andare solo i bagni e gli altri ambienti no... se non ho i termostati in bagno?


      Ultima domanda probabilmente stupida.
      L'acqua nelle serpentine ha ovunque la T di mandata impostata dalla sonda (es. a 32°)...
      oppure viene miscelata con acqua più fredda se ad es. in un ambiente chiama una T più bassa e quindi magari in quell'ambiente arriva a 30° ?

      grazie

      Commenta


      • #4
        Un radiante non è come una stufetta elettrica che quando la accendi si scalda in poco tempo, gli serve inerzia. Quindi non puoi “accenderlo e spegnerlo” o non ti scalderà mai.

        Circuiti il più possibile sempre aperti, serve questo. Quindi non servono termostati che chiudono i circuiti delle stanze, ti risparmi soldi e testine di chiusura piazzate inutilmente.

        La pdc viene pilotata dalla T esterna, eventualmente metti UNO-DUE termostati in un paio di zone della casa lontane da fonti di calore collegati alla pdc per farle sapere la T interna e regolare la curva di fino, come ti ho detto.

        Non serve altro....
        PDC Ibrida (metano) Daikin HPU 8/35 kW con ACS istantanea. Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500. Impianto Solare Termico 9.6 mq Rotex Solaris V26, Tilt 54°, Rotex Sanicube 536/16/0. Auto ibrida Volvo V60 diesel plug-in.

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da fedetarab Visualizza il messaggio
          Ciao a tutti
          Sto ristrutturando casa di campagna su 2 piani, zona climatica E, al termine dei lavori sarà molto ben coibentata tra tetto, cappotto, infissi performanti, ecc.
          E' prevista una pdc Clivet sphera evo 4.1 con riscaldamento a pavimento, produzione acs, raffrescamento con ventilconvettori ad acqua, impianto di vmc e fv da 5kw.

          La pdc se ho capito bene sarà regolata dalla sonda climatica esterna in rapporto alla temperatura interna, a seconda di come verrà impostata.
          Ci saranno termostati ambiente in ogni locale (marca/modello ancora da decidere) che presumo vadano ad aprire/chiudere dal collettore il circuito del rispettivo ambiente.

          Scusate la domanda ignorante, ma se la temperatura dell'acqua nel pavimento viene impostata dalla programmazione della sonda climatica... la temperatura che imposto da ogni termostato ambiente a cosa serve?
          Altra cosa, se d'estate uso solo i ventilconvettori per raffrescare... i termostati ambiente che fanno? mi servono solo per mostrarmi ad es. la temperatura rilevata?

          Visto che li devo ancora scegliere, quali marche modelli termostati consigliate? magari che oltre alla temperatura rilevata mi diano anche l'umidità?

          grazie in anticipo
          Ciao, negli impianti radianti, ci si deve dimenticare dei termostati, anzi non servirebbero nemmeno, se non per "leggere la temp".
          Anzi molto spesso ti mettono soggezione perchè uno si fissa di andare a smanettare.
          Nel mio caso ho una casa grande con 4 circuiti e molte stanze, ho solo messo i rispettivi termostati (quindi 4) giusto per vedere la temperatura (io ho tutto bosch, compresi gli apparecchi a parete, nello specifico un semplice CR10H). Ho solo in ingresso il termoregolatore (HPC400) principale per gestire tutto l'impianto.
          Mentre per la vmc idem, un comando a parete con le 3 velocità + on/off + sensore filtri
          Zona Climaca: E - GG: 2590 - T progetto: -6 +31 Radiante risc. e raffresc. 222 mq VMC zehnder Q450 IR ST + Comfopost CW10 PDC Bosch Compress CS7000i AW9- Acs BWP 400lt + PS 200lt - FV 6KW - Finestre Mixall extreme 7 + AS200 alzante

          Commenta

          Attendi un attimo...
          X
          TOP100-SOLAR