Singola pompa di calore grande o doppia pompa pi piccola - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Singola pompa di calore grande o doppia pompa pi piccola

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Singola pompa di calore grande o doppia pompa pi piccola

    Un saluto a tutti,
    devo servire con una pompa di calore un'abitazione singola di 250 mq suddivisi equamente tra due piani (125+125).
    L'immobile ben isolato termicamente con un indice di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale (EPH,nd) di 75 kWh/mq (2371 gradi giorno, Tmin -5 C).
    Il termotecnico suggerisce - a mio avviso correttamente - una pompa di calore con potenza termica di 10-12 kW con accumulo ACS di 200 litri.

    Il problema sta nel fatto che il piano terra dell'abitazione verr utilizzato molto poco nell'arco dell'anno e non vorrei che la pompa di calore da 10-12 kW fosse sovradimensionata causando i problemi che spesso qui vengono manifestati (in primis gli eccessivi ON/OFF e la mancanza di modulazione).

    Secondo voi avrebbe senso installare 2 pompe di calore da 5 kW con collegamento "a cascata" o parallelo?
    In tal caso come funzionano? (parte prima una e, se serve parte anche l'altra o partono entrambe?)

    Per completezza i prodotti che ponevo a confronto sono la Mitsubishi 11,2 kw (PUZ-WM112VAA) e 2 Mitsubishi 5 kW (PUZ-WM50VHA), sempre con collegamento all'unit interna ERPT20X-VM2D.

    Grazie per i vostri suggerimenti,
    P.

  • #2
    N cascata parte prima una poi l'altra se serve ancora termico...
    Vista la mia esperienza pdc 12kw centralizzata che serve 2 appartamenti da 100mq l'uno fa un casino di on - off, e la mia temp di progetto - 9 gradi centigradi fascia climatica F.
    Se tornassi indietro monterei una pdc dedicata per ogni appartamento.

    Commenta


    • #3
      viste le premesse, e vista anche l' esperienza riportata da peppe8888, direi anche io due pdc pi piccole.

      Commenta


      • #4
        Vi ringrazio per le risposte.
        Qualcuno di voi potrebbe indicarmi un esempio di schema d'impianto con due pompe collegate a cascata?
        P.

        Commenta


        • #5
          Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Schermata del 2024-01-11 08-15-08.png 
Visite: 158 
Dimensione: 112.6 KB 
ID: 2264083

          tieni presente che alcune marche gia sono configurate/predidposte per il collegamento, altre necessitano di controoler aggiuntivi e relativo costo/lavoro
          Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
          Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
          Utente EA dal 2009

          Commenta


          • #6
            2 in cascata, che vanno su un separatore idraulico, e separatore idraulico al collettorino con due Pompe di rilancio vai agli appartamenti.

            Oppure(miglior soluzione) 2 pdc separate una dedicata ad ogni singolo appartamento, andando in diretta in mandata senza passare per inefficienti separatori idraulici e senza usare Pompe di rilancio, ci usando il circolatore stesso della pdc,risparmi componenti e il sistema pi efficente

            Commenta


            • #7
              meglio in assoluto 2 in cascata e dirette all'impianto, solo una fa Acs, cosi ottiene una modulazione mostruosa da 2/3 Kwh al massimo installato
              Si dimenntica i dimensionamenti e consuma certamente di meno

              In teoria potrebbe anche sovradimensionare del 30% per avere "sicurezza" tanto poi la modulazione di entrambe risolve un mare di problemi................... e in caso di guasto puo "sopravvivere" anche solo con una in funzione

              P.s. Domenticavo niente pompe di rilancio eh!!!!, ci sono impianti in funzione con 5/10 Pdc montati cosi

              Ultima modifica di rrrmori53; 11-01-2024, 09:10.
              Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
              Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
              Utente EA dal 2009

              Commenta


              • #8
                Originariamente inviato da rrrmori53 Visualizza il messaggio
                meglio in assoluto 2 in cascata e dirette all'impianto, solo una fa Acs, cosi ottiene una modulazione mostruosa da 2/3 Kwh al massimo installato
                Si dimentica i dimensionamenti e consuma certamente di meno

                In teoria potrebbe anche sovradimensionare del 30% per avere "sicurezza" tanto poi la modulazione di entrambe risolve un mare di problemi................... e in caso di guasto puo "sopravvivere" anche solo con una in funzione

                P.s. Domenticavo niente pompe di rilancio eh!!!!, ci sono impianti in funzione con 5/10 Pdc montati cosi
                Dunque nel mio caso con 125+125 mq, che potenza termica dovranno avere le singole pompe di calore?
                Quando si parla di connessione diretta all'impianto si intende senza l'utilizzo di alcun accumulo inerziale? (allego esempio di fantasia che ho creato al volo - manca collettore impianto radiante del secondo piano).
                Grazie,
                P.
                Schema pompa calore collegamento a cascata.jpg

                Commenta


                • #9
                  Anche 7+7kw
                  Esattamente diretto significa sfruttare circolatore pdc e senza separatore, l'inerziale lo puoi mettere al ritorno, anche piccolino 80 lt visto il radiante di 125mq x 2 ccirca

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da paolocesari Visualizza il messaggio

                    Dunque nel mio caso con 125+125 mq, che potenza termica dovranno avere le singole pompe di calore?
                    Quando si parla di connessione diretta all'impianto si intende senza l'utilizzo di alcun accumulo inerziale? (allego esempio di fantasia che ho creato al volo - manca collettore impianto radiante del secondo piano).
                    Grazie,
                    La potenza singola in questi casi molto variabile............................ metti che ti servono 16 Kwh, puoi fare 10+10 stando attenti che la potenza minima di una delle 2 non superi il fabbisogno minimo, anzi inferiore del 30%, stessa cosa il max di una non deve superare il 70% del totale

                    Un esr
                    empio in numeri
                    ti servono 16.. minimo di dispersione di 2 app. 7Kwh.. installi una Pdc 8 Kwh che al minimo ne fa 3max4.. e una da 10/12 che lavora da 4/5 fino a 12
                    Alla fine hai minimo da 3 Kwh............................. max da 20 Kwh che visto cosi viene benissimo con 2 da 10 per avere almeno un +20% di scorta.. con una modulazione impensabile con una sola macchina, in piu se una si guasta puoi rischiare di andare con solo una magari con qualche grado meno, il che non poco
                    Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                    Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                    Utente EA dal 2009

                    Commenta


                    • #11
                      Sono appena stato contattato da Mitsubishi.
                      Nel caso che ho proposto (due piani abitazione singola di cui uno poco sfruttato/riscaldato) suggeriscono come molti di voi l'installazione di 2 pompe di calore pi piccole rispetto ad un'unica unit da 12 kW.
                      Propongono quindi due alternative:
                      1. pompe esterne indipendenti tra loro, una connessa direttamente all'impianto di riscaldamento di un piano e l'altra connessa sia all'impianto che al suo serbatoio ACS Hydrotank.
                      2. pompe esterne collegate a cascata e gestite dalla centralina FTC6 (non vi dico quanto costa!), il tutto collegato ad un unico serbatoio ACS Hydrotank.
                      Resta sempre da scommettere su quale potenza orientarsi (il post di rrrmori53 mi ha messo un po' di preoccupazione!).
                      Per un sistema con connessioni ad acqua tra unit esterna/interna - che preferirei - Mitsubishi ha tagli da 5 / 8,5 / 11,2 kW, mentre con connessioni a gas R32 i tagli sono da 5 / 6 / 7,5 kW.
                      Cos, senza saper n leggere n scrivere, ne sceglierei due da 6 kW, ma con connessioni ad acqua non esistono (eventualmente qualcuno ha ricordo di qualche altro produttore?).
                      In ogni caso un consulto con il termotecnico sicuramente d'obbligo.

                      Ringrazio ancora tutti per i vostri preziosi contributi.
                      P.

                      Commenta


                      • #12
                        Non farti fregare..................... ti servono12 Kwh ?? installane almeno 14 o 16, la differenza minima
                        Una da 8 modula fino a 3 Kwh che per 2 appartamenti e niente................................ se viene freddo tosto ne hai 16 da usare
                        Non fare le cose precise come fosse una sola............................... tanto vale allora andare per 2 singole, pero perdi la modulazione 3/16 Kwh che da sola vale il costo

                        P.s. ci sono anche macchine che non usano componenti esterni e relativi costi
                        Lo schema che ti o postato funge senza schede strane da 2000 euro
                        Ultima modifica di rrrmori53; 11-01-2024, 16:23.
                        Un pianeta migliore un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                        Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                        Utente EA dal 2009

                        Commenta


                        • #13
                          La FTC6 costa sui 1000 euro ma quasi obbligatoria con le monoblocco e comunque obbligatoria per gestire la cascata.. altrimenti chi la gestisce ?

                          Due PDC da "5" comunque ti costano di pi. La recuperi la differenza ?

                          P.s.
                          L'immobile ben isolato termicamente con un indice di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale (EPH,nd) di 75 kWh/mq (2371 gradi giorno, Tmin -5 C).
                          Per lo standard di 40 anni fa, forse era "ben isolato". Per lo standard moderno quel valore corrisponde a "poco isolato".
                          Ben isolato ormai da 40Kwh/mq in gi.
                          Ultima modifica di nanotek; 12-01-2024, 10:55.

                          Commenta

                          Attendi un attimo...
                          X