Conto energia termico su pompe di calore:Veramente tanti soldi per tutti. - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Conto energia termico su pompe di calore:Veramente tanti soldi per tutti.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Conto energia termico su pompe di calore:Veramente tanti soldi per tutti.

    Sto leggendo il nuovo conto termico, qui tratterò solo la parte riguardante la pdc tralasciando il solare biomassa ecc...
    Dovrebbe essere stato già approvato , non fucilatemi anzi fatemi notare le imprecisioni se dovessero esserci, ecco punti salienti semplificati:
    1) sostituzioni di impianti esistenti, quindi non nuova abitazione / nuova installazione.
    2) dentro tutti, aziende privati e pubblico.
    3)Procedure semplificata sotto i 35kW ma serve asseverazione di un tecnico.
    4)soldi tanti, pure troppi: Abbiamo eseguito dei semplici calcoli di prova per la kita M plus da 20kw porta a casa 2.900 e rotti € all'anno per due anni.
    la L66 sfiora i 6.000€ anno per due anni. Ovviamente viene messo un tetto massimo pari al 65% di contribuzione (esempio spendo 10.000€ di macchina, installazione, tecnico, al massimo restituiscono 6.500€) (sembrano talmente tanti che siamo in attesa di chiarimenti da parte GSE)
    5) tempistiche: se contributo sotto i 5.000€ unica rata, se superiore prima dopo 90gg seconda l'anno dopo.
    6) requisiti minimi: inverter cop 3,9 massima potenza 7/35 mentre le on/off 4.1 7/35 (EN 14511)
    7) valido anche per le ibride
    8) dati e rendimenti basta la dichiarazione del costruttore.

    Commenti del tutto personali:
    Si da così il via al magna magna in grande stile, all'italiana.
    ricordo a tutti che l'Italia non ha aderito al protocollo europeo e che quindi gli istituti certificatori italiani non sono (purtroppo ) accreditati EHPA.
    Gli stati europei, sotto il controllo EHPA erogano dei soldi a fronte di un certificato di un ente terzo e riconosciuto appunto da EHPA che deve vigilare e evitare la furbate/truffate.
    Con questo vi sto dicendo che ogni macchina commercializzata in Italia come per magia sarà in grado di soddisfare i requisiti minimi, con una precisazione: la 14511 è del 2004, quindi anche i limiti imposti creavano problemi oltre 10 anni fa, ora come ora dovrebbero fare sorridere i costruttori... invece...
    è come dire che una casa automobilistica nel 2016 dovrebbe riuscire rientrare nella EURO3 con la nuova autovettura...
    Nonostante ciò vi assicuro che ci sono schifezze in giro ben sotto i 4.1...
    Ci hanno tenuto tanto i nostri rappresentanti e le nostre associazioni di produttori di pompe di calore togliere l'obbligo di certificazione che prima invece c'era, per riuscire a inchiappetarvi per bene, perchè non esiste nessuno che deve vigilare ne multare...
    e come dico sempre, se stampare soldi falsi si va in galera, stampare carte false visto che è permesso, porta soldi veri.
    Consiglio di rimanere svegli e chiedere macchine che abbiano un pezzo di certificato, meglio se riconosciuto EHPA, poichè le cause e denunce che farete dopo vi porta un ulteriore dispendio economico e non vi porta a niente in quanto non potete dimostrare che la macchina o l'impianto va male. (nemmeno se spendete di più di quanto spendavate prima con il metano per scaldarvi)

    scusate l'acidità ma lavorare in Italia è sempre peggio.

  • #2
    Originariamente inviato da massimo72 Visualizza il messaggio
    7) valido anche per le ibride.
    si..ma " di fabbrica" e con rapporto potenza 0,5 fra pdc e gas...cioè la 5/33 della rotex è tagliata fuori.
    Se metti una ibrida è perche vuoi fare acs in istantanea..quindi diciamo 25 kw..significa che devi abbinare una pdc da 12,5 kw almeno...
    Mi pare un rapporto "balengo"..se hai una 12,5 kw..che te ne fai del gas?
    e se metti una pdc da 5 (rotex) che te ne fai di una caldaia da 10?
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Ecco adesso i prezzi delle PDC raddoppieranno
      AUTO BANNATO

      Commenta


      • #4
        Originariamente inviato da massimo72 Visualizza il messaggio
        4)soldi tanti, pure troppi: Abbiamo eseguito dei semplici calcoli di prova per la kita M plus da 20kw porta a casa 2.900 e rotti € all'anno per due anni.
        spetta...non mi trovo...

        20 KW*1700 (ZONA E) * (1-0,2)*0,06= 1630 EURO ANNO

        SBAGLIO?
        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

        Commenta


        • #5
          Si sbagli, non per 0,06 ma 0,11 ora!!!!!

          Commenta


          • #6
            già..che avevo preso la riga sbagliata.
            Confermo 2900 per 2 anni
            per stare al 65% si può spendere 9000 euro.
            Mi pare che sanno fare bene i conti....
            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

            Commenta


            • #7
              Sigh, in pratica incentivano a sovradimensionare la pdc, portando a peggiori consumi...
              L'incentivo dovrebbe essere in base al carico termico dove avviene l'installazione (e ovviamente al COP), avrebbe piu' senso da un punto di vista del risparmio energetico di fonti primarie.
              Padova (zona E, 2383 gg), casa di 100mq, due piani accostata, classe C, 2 persone, pdc ecodan 4 kW + hybridcube 300l, radiante a secco a soffitto/parete, 4.5 kWp FV su falda ESE, induzione, VMC VL-100, prelievo annuale 1500 kWh

              Commenta


              • #8
                Dove e' un link con le formule che sul GSE mi sembra che sia ancora al decreto del 2012 ? grazie
                AUTO BANNATO

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da illupus Visualizza il messaggio
                  Sigh, in pratica incentivano a sovradimensionare la pdc, portando a peggiori consumi....
                  scusa maaa..se ti rendono 65% di quello che spendi..perche dovresti essere incentivato a spendere di più?
                  se spendi 1 euro di piu..comunque 0,45 reestano a tuo carico...chi butterebbe i soldi cosi?

                  L'incentivo dovrebbe essere in base al carico termico dove avviene l'installazione (e ovviamente al COP), avrebbe piu' senso da un punto di vista del risparmio energetico di fonti primarie
                  infatti è crescente per zone climatiche...e crescente col COP...
                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio
                    scusa maaa..se ti rendono 65% di quello che spendi..perche dovresti essere incentivato a spendere di più?
                    se spendi 1 euro di piu..comunque 0,45 reestano a tuo carico...chi butterebbe i soldi cosi?
                    [...]
                    infatti è crescente per zone climatiche...e crescente col COP...
                    Ti faccio un esempio. Il rimborso e' proporzionale alla potenza della pdc, diciamo che con 4 kW ti danno 2000 euro, con 8 kW 4000, la differenza tra il costo delle due macchine e' ragionevolmente 1000 euro, quindi se compri quella da 8 risparmi 1000. Poi hai una casa classe A, B o C per cui la 4 kW andava gia' benissimo.
                    Risultato e' che comprano la 8 kW, risparmiano sull'unghia 1000 euro (da ignoranti non sanno che per il COP peggiore perderanno 30-40 euro/anno) e tutti perdiamo per minore efficinza energetica e maggiori tasse.
                    Se incentivo e' basato solo su carico termico, sono incentivati a prendere la macchina piu' piccola che soddisfa le esigenze (in quasi tutte le condizioni COP migliore e spesa minore per la collettivita').
                    Padova (zona E, 2383 gg), casa di 100mq, due piani accostata, classe C, 2 persone, pdc ecodan 4 kW + hybridcube 300l, radiante a secco a soffitto/parete, 4.5 kWp FV su falda ESE, induzione, VMC VL-100, prelievo annuale 1500 kWh

                    Commenta


                    • #11
                      ci puo stare che il costo non sia proporzionale alla potenza...anche s epoi macchine grandi richiedono anche piu potenza di fisso...etc..
                      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                      Commenta


                      • #12
                        Salve a tutti.

                        In effetti le macchine piccole sono un pò sfavorite nel rapporto prezzo/potenza, in ogni caso gli incentivi sono notevolmente più interessanti.
                        Con la mia KITA M ho fatto il conto termico vecchio e mi hanno dato circa 1800 €, con il conto attuale sarebbe quasi il doppio e me li darebbero subito invece che in due rate !!!!!!!

                        Le domande si possono presentare dal 1 giugno giacchè il testo è stato pubblicato in Gazzetta il 2/3/2016 (GU serie generale nr. 51) http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie....30giorni=true

                        Commenta


                        • #13
                          mi risulta con la M un contributo da 2400€ anno che per 2 anni 4800€. Essendo sotto i 5000€ te li danno in un'unica soluzione entro 3 mesi dalla domanda.
                          Posso chiedere cosa c'è di sfavorito nelle piccole? io personalmente starei nei 5000 per averli subito.
                          Ma i lavori si possono eseguire anche prima e presentare la documentazione dal 1 Giugno? Grazie se mi sai aiutare

                          Commenta


                          • #14
                            Intendo macchine ancora più piccole.
                            Non possono costare tanto meno di quelle un pò più grandi ma, fornendo una potenza inferiore, possono godere di un contributo proporzionale meno evidente.
                            E comunque sempre interessante, che può valere anche il 50% del costo della macchina stessa !!!

                            Le domande vanno presentate entro 60 gg dalla data di conclusione dei lavori dell'intervento (art.6 comma 3).
                            Va redatto un documento di fine lavori che non può avere data eccedente 90 gg dalla data di effettuazione dell'ultimo pagamento.

                            Ovvero entro 60 gg successivi alla data in cui è resa disponibile sul portale del GSE la scheda-domanda per richiedere l'incentivo. A tutt'oggi non è ancora disponibile e non sappiamo quando sarà disponibile.

                            Quindi anche se un utente acquista (e la paga !!!) oggi una macchina e finisce i lavori, diciamo forse prossima settimana intorno al 15-16 marzo, può fare la fine lavori (modello presente nel portale GSE) entro 90 gg dalla data del pagamento, diciamo l'11 aprile ? Ci stiamo dentro comunque !!!

                            Commenta


                            • #15
                              ottimo e tutto chiaro
                              Alla fine me par proprio ben

                              Commenta


                              • #16
                                Scusate ma per interventi di demolizione e ricostruzione, ove è prevista l'installazione di una PDC, è possibile accedere agli incentivi del nuovo conto termico 2016?

                                Commenta


                                • #17
                                  E' possibile se l'edificio da demolire e ricostruire è già dotato di impianto di riscaldamento con un generatore esistente.
                                  Ricordiamoci che gli interventi sono possibili solo se si incrementa l'efficienza energetica sostituendo quindi qualcosa di già funzionante.
                                  Solo nel caso di collettori solari termici è possibile l'installazione exnovo e comunque su edifici esistenti, non su quelli di nuova costruzione che sono obbligati.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Nel fabbricato che ho demolito e sto ultimando l'unica cosa assomiglante ad un impianto di riscaldamento era una stufa a gas!!! Dici che posso provarci?

                                    Inviato dal mio SM-T705 utilizzando Tapatalk

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Non credo sia possibile perchè nella documentazione da allegare alla domanda di incentivo bisogna allegare le fotografie ante e post operam con le targhe delle matricole dei generatori sostituiti.
                                      Puoi sempre richiedere la detrazione fiscale ovviamente.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Sono messo come te solo che ho una stufa a carbone ,la caldaia...chi sa dove e andata a finire, e il bello é che non passa manco il metano...Ciao Luca

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Originariamente inviato da ciop1 Visualizza il messaggio
                                          Sono messo come te solo che ho una stufa a carbone ,la caldaia...chi sa dove e andata a finire, e il bello é che non passa manco il metano...Ciao Luca
                                          Esatto anche da me non passa il metano... Le opere le sto facendo proprio per rendere abitabile la casa... Incredibile la nostra esclusione in questo caso!

                                          Spero che le case produttrici (che hanno interesse in tal senso) sappiano richiedere una specifica per questi casi... D'altronde sarebbe per loro una fetta di mercato in meno da poter ''sostenere''...

                                          Restiamo in attesa...

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Per il solare termico c'è una analoga crescita degli incèntivi?
                                            FV: 3.5kWp - 14xWaris 250 Poli + Aurora Power One 3.0 Installato 7/10/14 - Allaccio 25/11/14
                                            2 pannelli solari termici piani con boiler a "svuotamento" 300L Ariston e caldaia instantanea a condensazione Class Premium Evo 30 kW Installato 4/11/13
                                            Prov. Mantova - SUD+15° - Tilt 21°
                                            Altre stufe a pellet e a legna di poca importanza

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Ciao,
                                              io sono in zona D e sto scegliendo tra Kita M ed M+; sapreste dirmi il valore dell'incentivo e in quanti anni li prendo?

                                              Visto che sono indeciso tra M ed M+ conviene andare sulla M+ visto anche il maggior incentivo?

                                              Quest'incentivo copre solo il valore che pago per la macchina o deve coprire anche l'installazione? Chiaramente tutto il resto degli accessori (valvole 3 vie, separatori, distribuzione etc) mi vanno al 65%, giusto?

                                              Ciao e grazie,
                                              Tommaso
                                              PDC Templari Kita M, Boiler TML Wp1V da 500lt, puffer separatore idraulico in mandata da 300lt, impianto doppia temperatura (radiante RDZ 165 mq + 11 fancoil idronici Innova usati sporadicamente) con 2 circolatori Magna3 2560 - VMC Paul Novus 450 con ricircolo e batteria di Post. Sistema di termoregolazione fatto da me, interfacce IO e sonde su bus rs485. Zona Climatica D gradi giorno 1.694

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Qual'è il dubbio tra M ed M+ ?
                                                Spero non sia dovuto al fattore incentivi. La selezione delle macchine va fatta esclusivamente in funzione delle reali necessità, indipendentemente da altri fattori.
                                                Successivamente si valuta la possibilità di accedere ad eventuali contributi.
                                                Non vorrei che tutta questa storia del nuovo Conto Termico si trasformasse in un nuovo "CONTO ENERGIA" come per il FV. Sappiamo tutti come è andata a finire !!!!!

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Comunque L'incentivo copre la spesa (che comprende oltre al costo della macchina anche gli altri costi) fino ad un massimo del 65%.
                                                  Arrivare o meno al 65% di copertura dipende dalle caratteristiche della macchina. Più è buona la PdC maggiori sono gli incentivi e con Kita vai sul sicuro !!!

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    il dubbio tra M ed M+ è espresso qui https://www.energeticambiente.it/pom...onare-pdc.html

                                                    Quando mi dici che "comprende oltre al costo della macchina anche gli altri costi" cosa intendi per altri costi? sai devo rifare tutto l'impianto da zero e ho un mare di "altri costi" penso si debbano considerare solo quelli della macchina, della sua installazione, trasporto e avviamento; no?

                                                    Grazie
                                                    PDC Templari Kita M, Boiler TML Wp1V da 500lt, puffer separatore idraulico in mandata da 300lt, impianto doppia temperatura (radiante RDZ 165 mq + 11 fancoil idronici Innova usati sporadicamente) con 2 circolatori Magna3 2560 - VMC Paul Novus 450 con ricircolo e batteria di Post. Sistema di termoregolazione fatto da me, interfacce IO e sonde su bus rs485. Zona Climatica D gradi giorno 1.694

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Scusami se te lo chiedo ma, calcolando una dimora con isolamento medio dovresti avere un'abitazione di circa 250-300 mq per quella potenza. E' corretto ?
                                                      L'acqua calda sanitaria intendi farla con la PdC per la climatizzazione ? In questo momento come la produci ?

                                                      I costi incentivati dal Conto Termico 2.0 sono ovviamente tutti quelli relativi alla "sostituzione" dei vecchi generatori, quindi smontaggio e smaltimento del vecchio, acquisto ed installazione del nuovo eventuali costi tecnici come progetti, collaudi ecc. la durata per gli interventi fino a 35 kW di potenza è 2 anni (> 35 = 5 anni) ma se l'incentivo è fino a 5000 € viene erogato in un'unica soluzione entro 90 gg dalla data dichiarata di fine lavori.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        inoltre ...... a che temperatura la PdC deve produrre il fluido ?

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          si l'abitazione è grandina e su 3 piani (Pisa, zona climatica D). Il fabbisogno è calcolato mantenendo un piano di 160mq netti a 20°, uno di 50 a 18° e un'altro di circa 100 a 18°. Classe energetica C/D.
                                                          La produzione è a 35° sul piano rialzato; negli altri due ho dei fancoil, a 35° magari faranno un pò fatica e richiederanno più tempo, nel caso cmq sto predisponendo per farli andare a 45° (miscelando in bassa). l'acs la produrrà la pdc. Ora non la produco perchè è una cosa appena acquistata dove devo rifare tutto.

                                                          Grazie anche per i chiarimenti del Conto Termico. Sai dirmi qual'è l'incentivo per la zona D con Kita M ed M+?
                                                          Ultima modifica di tommytek; 16-03-2016, 10:14. Motivo: rettifica domanda
                                                          PDC Templari Kita M, Boiler TML Wp1V da 500lt, puffer separatore idraulico in mandata da 300lt, impianto doppia temperatura (radiante RDZ 165 mq + 11 fancoil idronici Innova usati sporadicamente) con 2 circolatori Magna3 2560 - VMC Paul Novus 450 con ricircolo e batteria di Post. Sistema di termoregolazione fatto da me, interfacce IO e sonde su bus rs485. Zona Climatica D gradi giorno 1.694

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            OK.
                                                            Se devi fare funzionare tutto contemporaneamente la Kita M è sottodimensionata, meglio la M+, però valuta bene la contemporaneità di produzione, inoltre lo stesso discorso vale per ACS (quante pax usano ACS e quanti contemporaneamente), dovrai usare un serbatoio bello "robusto" che, se posizionato al PT richiederà ricircolo, hai pensato ad altre soluzioni più "congrue" ?

                                                            Comunque nel tuo caso Kita M = circa 2000€/anno - Kita M+ = circa 2500€/anno

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X