Perdita temperatura in casa - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Perdita temperatura in casa

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Perdita temperatura in casa

    Ciao a tutti.
    Da giorni ho comprato un termostato netatmo che mi serve per monitorare la situazione in casa mia.

    Casa su 3 piani, 50mq a piano a Milano. Caldaia Beretta con sonda esterna. Ho provato a settare la temperatura di mandata, ma ogni volta che si avvia il riscaldamento si setta come le pare (adesso mi pare vada sui 69)...
    La casa è del 2010 ed è classificata in classe B.
    Il termostato in questione è posto al piano terra e al secondo ve ne è un altro.

    E' normale una caduta cosi drastica della temperatura? Abito in provincia di Milano e il riscaldamento va solo al piano terra (dato che al primo piano, zona notte, ci andiamo solo per dormire e ci sono 18.5°).
    Durante la notte il riscaldamento va a 19.5° e la mattina dalle 5.45 alle 08:00 a 20°, per poi staccarsi dalle 8 alle 21.30 (a 16.5°) in quanto la sera utilizzo il camino a pellet...poi alle 21.30 riparte a 19.5° fino alle 5.45.
    La lieve risalita che notate alla fine del grafico è dovuta al termostato del primo piano, che sotto i 16.5° fa parirea il riscaldamento...quel termostato, quando parte, comanda tutta la casa e quindi anche il primo piano.




    Giusto per completezza:
    Termostato piano terra che comanda piano terra e mansarda (installate la valvole in mansarda, settate alla prima tacca perchè in inverno non andiamo mai su); primo piano con termostato che quando si avvia fa andare tutti gli elementi della casa, perchè c'è un difetto meccanico sulle valvole di apertura (ma non importa, parche in rare occasioni).
    Quando al piano terra ci sono 20°, al primo piano ci sono 18.1° e in mansarda 16°: in soldoni ad ogni piano si perdono 2° (come dicevo prima in mansarda e al primo piano il riscaldamento resta spento).
    Attualmente con questo iter di funzionamento, consumo a settimana circa 40 mc di gas, che credo per la mia metratura siano davvero pochi...giusto?

    non sono un grande esperto, quindi accetto pareri e consigli sul come migliorare la situazione, se ce ne fosse necessità.
    Ultima modifica di spa856; 07-01-2016, 16:09.

  • #2
    Non mi era mai capitato di vedere uno che accende il riscaldamento di notte e lo spegne di giorno
    A parte gli scherzi : se hai una sonda esterna e' ovvio che la mandata vada in base alla esterna , quindi ti devi riferire a quella....
    Per il fatto che in 8 ore perdi 2° non so aiutarti ,sei in condominio o isolato ?
    AUTO BANNATO

    Commenta


    • #3
      Lo so, anche a me pare assurdo fare cosi ma la mattina se riparto da 18° non riuscirei mai a portarla a temperatura (20°) in tempo.
      Durante il giorno essendo fuori e usando il camino non ravvedo utilità nel farlo andare.
      Sbaglio?

      Quindi per la sonda, non serve a nulla smanettare sulla temperatura di mandata perchè fa come gli pare.

      Commenta


      • #4
        Il tuo problema , sembra a me , e' la notevole disprsione della casa , se devi far andare 2h15' per far salire di 0,5° da 19,5 a 20° e dover tenere acceso la notte perche' non scenda sotto 19,5 , qualche problema c'e'..... non ti converrebbe lasciare scendere di piu' a 19-18,5 e risccenderal 1-1,5h prima.....
        Per la mandata nel manuale ci dovrebbero essere i grafici delle curve climatiche sona esterna , devi vedere come hai settato la tua .....
        AUTO BANNATO

        Commenta


        • #5
          Non ho nulla della caldaia, ne manuali ne altro.
          Ho comprato casa a luglio e i vecchi proprietari erano degli impediti, non ci hanno lasciato nulla.
          La caldaia è una Beretta Mynute Green da 25kw, non ci ho mai messo mani se non per la temperatura dell'acqua (impostata a 40°) e per cercare di sistemare la temperatura di mandata (ma inutilmente per via della sonda).

          La dispersione della casa è pazzesca, considera che ieri il camino ha portato la sala a 21° alle 20.30 (partendo da 18.1° in 2h) e in 40 min era già arrivata 20.1 e alle 22.30 a 19.5°
          PS: non mi è chiara questa frase: ti converrebbe lasciare scendere di piu' a 19-18,5 e risccenderal 1-1,5h prima.....

          Commenta


          • #6
            Allora : la tua e' a condensazione e i tuoi vicini avevano fatto bene a mandare a 40° 24h , se la mandi a 70° vanifichi quasi tutto il vantaggio della condensazione;
            devi capire come agisce la sonda climatica , altrimenti e' inutile....
            la frase che non hai capito e' : setta per la notte una T inferiore e setti i 20° alle 4 invece che alle 5:45.... pero' devi tenere la la mandata piu' bassa ....

            a pag 24 c'e' come si setta e il manuale lo scarichi qui : https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&ved=0ahUKEwiay-eszJrKAhUDFg8KHd2ZAI4QFggcMAA&url=http%3A%2F%2Fwww.berettaclima.it%2Fprodotti%2F residenziale%2Fmurali-condensing%3Faction%3Ddownload%26key%3DGeneric%2BD ocument|Doc-0069124|1%26name%3DDOCUMENTS%2F0f%2F7f%2F0f7fzieyt kbkqjrim4p9-6qychzh-vbt5jpvv72lf_y.mjw&usg=AFQjCNHrj5Wk3S6t-4EeGx7V6BYaS93oUg&bvm=bv.110151844,d.ZWU&cad=rja
            AUTO BANNATO

            Commenta


            • #7
              No fermo, che vicini.
              La mandata dell'acqua dei rubinetti l'ho impostata io a 40°, dei termosifoni non è settabile.
              Ho letto anche io nei giorni scorsi quel pdf, ma non capisco come dovrei fare e che settaggio è il migliore per me...consigli?

              Commenta


              • #8
                Ciao a Tutti....
                Originariamente inviato da spa856 Visualizza il messaggio
                ...... e usando il camino.....
                Di che camino si tratta, aperto tradizionale, ad aria, ad acqua..???

                Saluti
                Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

                Commenta


                • #9
                  Camino a pellet, modello piazzetta vienna MP973.
                  Piazzetta: MP 973 - Monoblocchi a Pellet - Prodotti

                  Commenta


                  • #10
                    Io proverei ad aumentare la velocità del circolatore. Poi se anche così...la temperatura sale lentamente..... allora aumenterei l'inclinazione della curva.
                    Appartamentino: 70 mq in stabile anni '40, mattoni pieni, Zona clim. E. Esposizione Nord-Sud. Riscaldamento: Caldaia a cond. Ferroli BlueHelix Tech 25C con radiatori in ghisa, alluminio e termoarredi. Serramenti: Nord: Internorm KF310 Vetro triplo 48mm. Sud : legno taglio freddo vetri 4-9-4 Low E. PDC: Panasonic Pe9rke A+/A, De25tke A+/A+. Pavimento freddo, tappeti (polvere ed acari) ovunque.


                    Commenta


                    • #11
                      E come si fa?
                      Mi aiutate a fare questa modifica?

                      Commenta


                      • #12
                        solo un dubbio: considerato il camino 40mc/settimana col caldo che fa mi sembrano tanti.

                        Indagherei sulla mansarda, a volte le zone non abitabili da progetto (mansarde e taverne) vengono isolate alla .. non mi fate dire parolacce. E quindi la classe B sarebbe molto ottimistica.

                        40mc però immagino comprendano anche l'acqua calda.
                        I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
                        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                        Commenta


                        • #13
                          Si certo, acqua calda compresa (doccia in due ogni giorno calda) e morosa che usa l'acqua calda per pulire a terra, piatti ecc...soffre il freddo in modo pazzesco.
                          I consumi da me rilevati, dal 1 ottobre 2015 sono:

                          01/10 - 5518 mc
                          07/11 - 5609 mc
                          14/11 - 5628 mc
                          21/11 - 5657 mc
                          27/11 - 5696 mc
                          05/12 - 5750 mc
                          11/12 - 5786 mc
                          19/12 - 5826 mc
                          26/12 - 5857 mc
                          02/01 - 5909 mc
                          09/01 - 5958 mc

                          diciamo che variamo dai 40 ai 50
                          Considera che il camino mi porta la casa a 21.5/22° (al piano terra) ma tempo poco e scala di nuovo, ti faccio vedere il grafico di oggi.
                          Il primo piano arriva a 19° e la mansarda resta sui 16° (tengo pure la porta chiusa, da direttamente sulla scala)



                          In soldoni dalle 00 alle 5.15 il riscaldamento è impostato sui 19.5°, dalle 5.15 alle 7.45 a 20°, poi fino alle 20.30 a 18.5°. Poi riparte dalle 20.30 alle 5.15 a 18.5° e cosi via...avevo provato a far andare anche a 19° di notte, ma la caldaia stava al 100% del lavoro dalle 5 alle 8 per riportare a 20 e non ci arrivava nemmeno...non sono disperato, ma vorrei capire cosa fare per migliorare la situazione.
                          Ho già fatto un cappotto al muro del box che in soldoni è il muro della sala, pannelli di polistirolo da 5cm...in casa non posso fare nulal e nemmeno fuori...

                          La porta della mansarda faccio bene a tenerla chiusa?

                          Commenta


                          • #14
                            Nessun aiuto?

                            Commenta


                            • #15
                              non ho capito bene che aiuto cerchi, però.
                              Da come crolla la T..si capisce che la classe B è solo sulla carta..d'altra parte se il muro che avevi fra sala e box non era isolato, direi che la casa era lontana da una qualsiasi situazione B...e anche aver messo 5 cm di eps, secondo me sarebbe lontana da poter classificare B quella stanza.
                              D'altra parte il crollo della T interna è li a dimostrarlo.

                              Il crollo repentino sarà anche da addebiare al fatto che, avendo una struttura che non tiene il caldo..cerchi di scaldare solo nelle ore in cui serve..in pratica avrai una struttura sostanzialmente fredda , dentro cui scaldi di fatto l'aria...ma appena spegni, l'aria cede il suo calore alla struttura (e la struttura il suo freddo all'aria) e velocemente stai di nuovo al freddo.

                              Di per se infatti, con una struttura che di B probabilmente non ha nulla, 50 mcubi di gas a settimana per 100-150 mq (di fatto il calore sale anche nei piani alti), non sono tanti..di certo non sono sufficienti per tenere in T la struttura edilizia.
                              poi bisogna vedere quanto pellet usi...ma se fisse una casa "standard" da 150 mq, 7 mcubi compreso acs non sono eccessivi.
                              D'altra parte anche tu dici che sono pochi...e quindi non capisco che consigli stai cercando.

                              Probabilmente il confort non è il massimo..forse questo è il tuo cruccio?
                              se cosi..non hai alternative a migliorare isolamento..magari hai infissi con forti spifferi? vetri non adeguati?
                              In ogni caso, per il confort non hai alternative ad isolare..anche se non è detto che il costo valga la candela, visto che i toi consumi sono medio bassi...
                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                              Commenta


                              • #16
                                Si esatto, la mia è una questione di confort.
                                Ho provato a lasciare 20° fissi in casa, ma i consumi salgono in modo vertiginoso e la caldaia ogni 20/30 min si accende...

                                Commenta


                                • #17
                                  e beh...se i consumi salgono ..significa che la B è una letterra dell'alfabeto e non la tua classe energetica..magari era una D e una mosca ha fatto i bisognini al centro ed è diventata B sul tavolo del venditore o del costruttore...prova a grattare la B..magari riappare la D.
                                  Battute a parte..una B consuma 60 kwh anno mq.. se scaldassi 100 mq a 20 gradi H24..dovresti consumare 600 mcubi di metano anno..tu oggi probabilmente ne consumi il doppio scaldando (male) 50 metri e stemperando atri 50 metri..e lasciando al gelo altri 50 metri...
                                  inizia a pensare come isolare la casa..se è impossibile tecnicamente...incrementa uso pellet a taglia metano.
                                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Tutto dipende molto dalla dispersione dell'edificio e dalla temperatura esterna.
                                    A casa mia ho una stanza termoregolata a +18,5°C, si tratta del locale tradizionalmente più freddo. Il termostato spegne il riscaldamento a +19 °C e lo riattacca a +18 °C (quindi l'isteresi è di +/- 0,5 °C).
                                    Nel mese di novrembre dove la temperatura media era più alta che ora, al raggiungimento dei +19 °C il riscaldamento si spegneva e servivano circa 5 ore di tempo per andare a +18 °C e farlo riaccendere.
                                    Ora che le temperature sono più basse (stamattina avevamo -7°C di minima esterna), il fenomeno di trattenimento del calore dura solo 2-3 ore non di più.
                                    Ho una casa coibentata di recente solo nella soletta della soffitta (per il resto non ho neppure i doppi vetri, per intenderci), sono al primo piano e sotto praticamente non è riscaldato nulla, abitazione indipendente (quindi non ho alcun vicino che scalda sui quattro lati).
                                    Impianto di riscaldamento a termosifoni, con mandata a +45°C fissi a novembre, adesso la tengo a +50°C, senza sonda esterna.
                                    In questi giorni di particolare freddo lascio sempre acceso il riscaldamento (con il termostato però), normalmente però di notte lo spengo (da mezzanotte alle quattro del mattino, poi si accende dalle quattro alle sette, si spegne dalle sette alle sedici nel pomeriggio, dove si riaccende come detto fino a mezzanotte, sempre con termostato settato come ho detto).
                                    Impianto FV integrato da 5,0 kWp, 14 pannelli SunPower X22-360 (360W), Azimut (FV) = -43°, Tilt = 20°, Inverter Solaredge SE5000H, Ottimizzatori di potenza Solaredge. Connesso dal 23/07/2018 con SSP.
                                    Solaredge Monitoring: https://monitoringpublic.solaredge.c...1-591c9a0b855b

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Io da stamattina sto provando a vivere solo di pellet e durante il giorno, la parte in cui siamo a lavoro, tengo impostati 19°.
                                      Cosi tipo ieri notte ho consumato solo 1mc di gas...rispetto ai 5 classici.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        In questi giorni sto facendo andare il camino a pellet sia mattina che sera.

                                        La mattina, raggiungo tranquillamente i 21.5° al piano terra, 18.5° al primo piano e 15° in mansarda.
                                        Considerate che stamattina alle 7.39 avevamo 21.5°...



                                        La sera raggiungiamo i 22° al piano terra, 18.9° al primo piano e 14/15° in mansarda.
                                        Ieri alle 20.12 avevamo 22°....



                                        Qui vi allego lo schema del riscaldamento da me impostato, sono propenso a suggerimenti.


                                        Può essere che la discesa sia dovuto al fatto che i piani sopra hanno meno gradi e quindi essendo caldo, tiepido e freddo (in ordine dei piani) il calore viene mandato a quel paese?
                                        Cioè..se per assurdo avessi 22, 20 e 20 si ridurebbe lo spreco?
                                        Ultima modifica di spa856; 22-01-2016, 10:06.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          ma la stufa a pelelt non è automatica? se si..perche la usi per fare la gran fiammata di poche ore, alzano molto la T dell'aria...e poi lasci freddare di nuovo tutto?

                                          non ti conviene usarla modulando, cercando di tenere 20 gradi qando ei in casa e 19 quando sei fuori (e di notte)?..azzerando proprio del tutto il gas?

                                          Forse è ua stufa ad aria e ci sono zone dove comunque devi integrare e gas e quindi è bene che il centralizzato vada comuqnue qualche ora?
                                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Si la stufa ha la programmazione, che setto io.
                                            Partenza alle 5.30 del mattino e spegnimento alle 7.30 e la sera dalle 17.00 alle 20.30
                                            La stufa è ad aria, ha due bocchette al piano terra e due al primo piano (nulla in mansarda)....i geni dei vecchi proprietari una bocchetta del primo piano l'hanno fatta mettere di fianco al letto, quindi molto del calore finisce contro il letto.
                                            Il riscaldamento non è centralizzato, ma autonomo.

                                            Con questo metodo i miei consumi giornalieri di gas ora sono di 4/5mc (doccia e fuochi cucina compresi) e fuori ci sono -3°.
                                            Mi urta davvero solo lo scempio della discesa assurda del clima interno...troppi 2/3° in 2h....e ho una temperatura minima di 18.5...che per molti è la temperatura quasi di comfort.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              a casa mia 18.5 è una T da divorzio , non di confort.

                                              Ma la domanda è..se è programmabile..visto che hai una casa energivora..perchè non sostituisci anche gli ultimi 5 mc di metano col pellet? un pochino in meno dovrebbe costare no?

                                              Secondo me la discesa rapida dipende dal fatto che comunque non scaldi i muri..anche una casa col cappotto a classe A ma coi muri a 10 gradi..se la porti a 20 gradi in 1 h e poi spegni, crolla a 15 gradi in 1 h...giusto per farti capire.
                                              Potresti provare a scaldare 1 settimana fisso a 20 gradi e poi spegnere..secondo me avresti un calo "standard" e non drastico.
                                              Ovvio..se la casa è colabrodo , i costi salgono..ma il confort anche.

                                              Mi descrivi come sei isolato ..in parete, sul teto, serramenti?
                                              sembra quasi che hai isolamento nel lato interno..perche la T interna sale comunque velocemente e pii crolla...che è la cosa che succede quando si climatizza l'aria ma nn la T della struttura (esempio AC in estate..il termostato la spegne appena sente la t aria corretta..ma il muro è caldo e 1 minuto dopo gia senti che ti manca..perche senti effetto caldo di irraggiamento del muro che scalda te e l'aria velocemente..qui è lo stesso all'inverso..il muro freddo sottrae velocemente energia all'aria, che di per se ne contiene poca, pesando 1 ,2 kg al mcubo..contro 2000 di una struttura edilizia)
                                              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Anche da me è da divorzio, ma ho letto molte discussioni qui dentro dove c'è gente che imposta pure 17°.
                                                Posso anche sostituire il gas completamente con il pellet, impostando quindi 20° tutto il giorno...giusto?
                                                Considera che i 20° del camino sono in realtà i 22° e passa di casa, almeno stando al termostato presente sul telecomando che segna sempre 4° in meno rispetto al piano terra.

                                                Cosa vuoi sapere dell'isolamento? Sono ignorante in materia.
                                                So che un muratore che era venuto da me a fare dei lavori mi aveva detto che i muri che danno sull'esterno di casa mia erano in svizzero e che bussando sul muro lo sentiva come senza isolamento o poco isolamento.
                                                Dimmi tecnicamente cosa vuoi sapere e te la dirò...cercando a casa i documenti se ce ne sono.

                                                Quindi secondo in soldoni ho "solamente" i muri freddi della casa e quindi quando stacco la caldaia mando tutto in vacca perchè c'è troppo delta tra interno ed esterno?

                                                Da questo punto in poi ti ho perso
                                                (esempio AC in estate..il termostato la spegne appena sente la t aria corretta..ma il muro è caldo e 1 minuto dopo gia senti che ti manca..perche senti effetto caldo di irraggiamento del muro che scalda te e l'aria velocemente..qui è lo stesso all'inverso..il muro freddo sottrae velocemente energia all'aria, che di per se ne contiene poca, pesando 1 ,2 kg al mcubo..contro 2000 di una struttura edilizia)

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Possono esserti utili delle foto della casa?
                                                  Forse sono più utili...

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Volevo capire come fai a dire che hai una classe B..se di fatto non sai nemmeno se hai alcun isolamento nei muri (e un muratore , solo dal suono, comunque dice che non ne hai).

                                                    Se non hai isolamento alcuno..allora la casa è G e non B..il che giustifica il crollo repentino..in tal caso la strategia di scaldare violentemente solo quando serve e poi far freddare, è tutto sommato corretta (poco confortevole ma economicamente migliore)

                                                    Insomma..se hai una APE recente e vera (non da 100 euro su internet solo per vendere la casa) ..u documenti di rogetto (con descrizione stratigrafia ìmuri) ..si puo parlare di quache cosa..altrimenti è da presumere che la casa sia colabrodo.
                                                    Che serramenti hai? con che vetri?
                                                    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      La classe è B e il certificato è del 2010 (data di costrzione della casa) ed è allegato nell'atto notarile.
                                                      I vetri son doppi, ma non mi sembrano di alta qualità...passando la mano sotto le finestre noto sempre che il pavimento è freddo e che sento dell'aria passare...a nulla è servito porre dei rimedi come guaine laterali...aria ne sento passare, non tantissima ma qualcosa passa...io non ci capisco nulla, se trovo dei documenti te li posso anche allegare...ma senza non sono in condizione di dirti nulla perchè i vecchi proprietari ci hanno dato solo il minimo indispensabile (libretto caldaia e camino, ACE della casa e stop), non mi pare di avere il capitolato della casa...si lo so, forse per te è stupido ma in quel momento non ho pensato al problema riscaldamento.

                                                      Foto ti possono servire?

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        come ti avevo già scritto tempo fa... potrebbe anche essere in classe B, ma magari la mansarda non abitabile è fuori dalla certificazione.

                                                        Ma a questo punto o decidi di isolare o è solo una curiosità. Per capirne di più dovresti postare, più che le foto, l'ACE completo E la legge 10 da procurarsi presso costruttore o comune.

                                                        Che poi si possa capire quanto è isolato un muro battendoci sopra...direi che è fantasia

                                                        Esistono talmente tante soluzioni e materiali...
                                                        I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
                                                        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Foto del camino, all'ingresso della casa.


                                                          Il muro del camino è stato fatto in cartongesso e la rampa delle scale che doveva essere aperta invece è ora in quel modo...
                                                          Stase verifico la classe energetica e l'allego.

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            inquietante quel camino..sembra che ti guarda da cattivo...

                                                            Ricardo..se la mansarda staa 15 gradi..ovvio..qualche cosa assorbe..ma dal'latro lato fa da isolante rispetto al piano sotto.

                                                            Certo che pensare che una casa 2010 non sia islata è da pazzi..ma che questa non sia B è certo..insomma..è una "sola"..mi spiace..
                                                            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X