Regolazione curva climatica: chiarimenti - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Regolazione curva climatica: chiarimenti

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Regolazione curva climatica: chiarimenti

    Ciao a tutti,
    vorrei integrare nella mia caldaia baxi tuo tec compact da 28kw una sonda esterna utilizzando i vantaggi della regolazione climatica.
    La sonda che intendo acquistare (consigliata anche da Baxi) è una Siemens. Ecco il dettaglio della curva climatica:
    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   Taglia.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 108.0 KB 
ID: 1984249
    Alcune domande:

    1)Nell'asse delle x ho la temperatura esterna attuale... oppure ho la temperatura esterna della mia zona riferita alla media degli ultimi 10 anni? Su alcuni forum ho trovato la prima definizione (mi trovo a Palermo e la media attuale nel periodo più freddo è di 7 gradi) mentre se do retta alla seconda definizione e guardo le tabelle di riferimento mi viene detto che per Palermo si parla di 5 gradi. Quale dei due valori devo considerare?
    2)Nell'asse delle ordinate la stragrande maggioranza dei siti dice che è riportata la temperatura di mandata del riscaldamento. In realtà cercando meglio è una definizione errata perché si tratterebbe della cosiddetta "Temperatura di progetto" ovvero (correggetemi se sbaglio vi prego) il massimo range di temperatura a cui la caldaia può operare per quanto concerne il riscaldamento (nel caso della Baxi Duo Tec Compact leggo 80°C/60°C). E' corretta questa definizione?

    Andiamo al dunque: ipotizzando di indicare una temperatura media di 5 gradi esterna, cosa dovrei indicare come temperatura di progetto? 80°C? 60°C? Dovrei forse sparare la mandata ad 80°C e vedere dopo qualche ora qual è la temperatura media di ritorno (immaginiamo 60°C) e fare una media? (Quindi 70°C....). Qualora dovessi scegliere 70°C la curva climatica da utilizzare sarebbe la 40? Corretto?

    La casa è una palazzina a due piani indipendente con muri in conci di tufo, serramenti termici di nuova concezione e tetto traspirante ventilato.


    Grazie in anticipo per il vostro aiuto....ops..ancora una cosa: qual è la distanza massima a cui posso piazzare la sonda rispetto alla caldaia? In alcuni siti leggo 30metri ed in altri 50.... Se devo portare la sonda nella parete nord della casa si tratta di poco più di 50 metri (forse 60).

    Saluti!

  • #2
    Asse X indica la T esterna..e sulle Y leggi la T di Mandata che hai se usi "quella" specifica curva.

    esempio..se setti la curva 20..a 5 gradi esterni la caldaia manderebbe acqua a 45 gradi.

    QUALE curva usare lo devi capire provando...e dipende da quante ore accenti il riscaldamento ... da quanto è isolata la casa...da che apporti solari hai...

    Io setterei una curva fra 25 e 30..per partire..e poi vedi...se hai freddo allunghi tempi di funzionamento..e hai caldo abbassi curva sotto 25
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Ciao Marcober,
      accendo di solito la caldaia 2 ore alla mattina (dalle 7.00 alle 9.00 circa) e poi alla sera dalle 19.00 alle 21.30 circa.
      La casa è in zona B, si tratta di una palazzina ristrutturata dei primi del 900 su tre livelli:
      Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   plani.jpg 
Visite: 2 
Dimensione: 181.2 KB 
ID: 1954637
      I muri sono in conci di tufo da circa 50 cm di spessore e un angolo della palazzina da esattamente verso nord.
      I riscaldamenti sono affidati ad una caldaia a condensazione con termosifoni in alluminio dotati di valvole termostatiche.
      Gli infissi sono nuovi in PVC e con doppio vetro camera basso emissivo.
      Il tetto è un tetto traspirante (perlinato-telo traspirante-10cm fibra di legno-telo impermeabile-coppi siciliani ventilati con sistema aercoppo).

      Per quanto concerne il confort nei vari ambienti: il corridoio a cui si accede dal vano scale del piano terra (che è aperto) è sempre molto più freddo. Benché ci siano due termosifoni da 1.80 di interasse non si riesce mai a scaldare (per questo motivo tengo le valvole termostatiche a 3,5 su 5 perché mantenere quei corpi radianti a 20 gradi come gli altri vorrebbe dire utilizzare una quantità di gas non indifferente. Chiudo quindi le valvole termostatiche per fare si che richiedano meno caloria per scaldarsi). Stesso discorso per il vano scala che porta dal primo al secondo piano (che però è meno freddo perché collega sue zone "calde" di casa). Per abitudine quando accendo la caldaia tengo tutte le porte di casa chiuse in modo che in ogni singola stanza si crei prima un certo tepore riducendo al minimo correnti che potrebbero raffreddare i copri radianti... non so se è corretto.
      Ultima modifica di saveconi; 01-02-2016, 17:34.

      Commenta


      • #4
        in teoria una sonda si mette per cercare di tenere acqua di mandata BASSA e scaldare per piu ore.

        Pero coi termi , sotto una certa T non conviene scendere..non andrei sotto 40 gradi

        Onestamente io in una zona calda come la tua e coi toui muri spessi, non avrei nemmeno messo la sonda..avrei messo mandata a 40 gradi e lasciato che fosse il termostato a fermare caldaia quando arrivavo a 20 gradi.
        Tanto sotto 20 non serve andare..e sopra forse è comunque uno spreco a PAlermo

        comunque..ormai l'hai presa..montala..metti curva 30 e vedi se dopo 2 ore arrivi a 20 gradi..se si, sappi che man mano che arrivera caldo, la andata scende da sola e avrai sempre 20 gradi in 2 ore...se vedi che arriva a 20 trppo in fretta, cala la curva..se non ci arriva in 2 ore, aumentala.
        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

        Commenta


        • #5
          Ciao Marcober,
          un piccolo aggiornamento: non ho più preso la sonda esterna e sto andando a tentativi con la temperatura di mandata.
          Ho piazzato vari termometri interni per valutare la temperatura dei vari ambienti e questo è il risultato dopo un mese di prove:
          Temperatura esterna media di 10 gradi alla sera e 15 gradi alla mattina.
          Funzionamento caldaia: sessioni di due/tre ore consecutive (2 ore mattina e 3 ore sera).
          Temperatura interna media vano cucina a termosifoni spenti= 18 gradi.
          Temperatura interna media corridoio a termosifoni spenti= 17 gradi.
          Temperatura interna media vano salone a termosifoni spenti= 16 gradi.
          Temperatura interna media stanza da letto bimbi a termosifoni spenti= 16 gradi.
          Temperatura interna media stanza da letto patronale a termosifoni spenti= 16 gradi.
          Dopo due ore di funzionamento dei termosifoni con temperatura di mandata a 45 gradi e temp esterna a 10 gradi:
          Temperatura interna media vano cucina a termosifoni accesi= 20.5 gradi.
          Temperatura interna media corridoio a termosifoni accesi= 19 gradi.
          Temperatura interna media vano salone a termosifoni accesi= 18 gradi.
          Temperatura interna media stanza da letto bimbi a termosifoni accesi= 22 gradi (sauna! questo perché la stanzetta è una 4x3 metri con tetto basso a spiovente e molto isolata. Dato che comunque ci
          dormono bimbi piccoli la cosa non è negativa. Al max abbasserò la testata termostatica di un punto).
          Temperatura interna media stanza da letto patronale a termosifoni accesi= 18.5 gradi (probabilmente farla alzare fino a superare i 19 sarebbe meglio ma si dorme comunque bene).

          Da questa misurazione ho evinto che stranamente la temperatura del corridoio e sempre più alta della temperatura del salone.
          Dai discorsi fatti precedentemente (vedi presenza vano scale aperto e corrente proveniente dal portoncino) mi sarei aspettato di trovare in quella zona la temperatura più fredda della casa ed invece così non è!
          La temperatura più bassa me la ritrovo nel salone anche perché i muri del salone sono perimetrali e danno a nord-nord ovest!

          Il mio problema a questo punto è quello di scaldare adeguatamente il salone perché effettivamente, anche con 18 gradi abbondanti, si percepisce freddo in quella stanza.
          Ieri sera con mandata a 45 gradi ho provato a fare andare l'impianto per 4 ore ma non arrivo assolutamente a superare i 18,5 gradi in salone (nel corridoio dopo 4 ore sfioro i 20 gradi).
          A questo punto, dal tuo consiglio precedente, mi pare di capire debba alzare leggermente la temperatura di mandata che adesso ho portato da 45 a 48 gradi.
          Provo se in due ore riesco quantomeno a superare i 19,5 in salone... qualora non riuscissi ritocco la mandata a 50 gradi.
          Se in tutto questo aggiustamento dovessi percepire che nella cucina c'è troppo caldo (leggi: 22 e passa gradi) provvederò a chiudere di un paio di punti la valvola termostatica del termo della cucina.
          Il mio discorso è corretto? Devo ritoccare qualcosa nel mio ragionamento?

          Grazie mille!!!!
          Ultima modifica di saveconi; 21-02-2016, 09:37.

          Commenta


          • #6
            AGGIORNAMENTO:
            Temperatura di mandata a 48°C.
            Temperatura esterna 18 gradi.

            Temperatura di partenza in casa (ore 09:00) per ambiente:
            Temperatura interna vano cucina a termosifoni spenti= 18 gradi.
            Temperatura interna corridoio a termosifoni spenti= 17 gradi.
            Temperatura interna vano salone a termosifoni spenti= 16 gradi.
            Temperatura interna stanza da letto bimbi a termosifoni spenti= 16 gradi.
            Temperatura interna stanza da letto patronale a termosifoni spenti= 16 gradi.

            Dopo 4 ore di funzionamento dei termosifoni con temperatura di mandata a 48 gradi:

            Temperatura interna vano cucina a termosifoni accesi= 21 gradi.
            Temperatura interna corridoio a termosifoni accesi= 20 gradi.
            Temperatura interna vano salone a termosifoni accesi= 19.0 gradi.
            Temperatura interna stanza da letto bimbi a termosifoni accesi= 22 gradi
            Temperatura interna stanza da letto patronale a termosifoni accesi= 19.8 gradi

            Commenta


            • #7
              Verifica che il detentore del termo del salone sia aperto del tutto..se non lo fosse apri quello e chiudi un po cucina e corridoio..in modo da bilanciate un po impianto.
              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

              Commenta

              Attendi un attimo...
              X