Caldaia singola o 2 in parallelo - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Caldaia singola o 2 in parallelo

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Caldaia singola o 2 in parallelo

    Buongiorno,
    oggi mi hanno dato il quarto preventivo per il cambio di caldaia a casa mia.
    Oggi mi hanno proposto una cosa strana (almeno x me). 2 caldaie rotex a doppia condensazione da 42kw ognuna, invece di 1 grossa (casa fine anni 70 con circa 400mq da scaldare).
    Loro sostengono che 2 caldaie piccole siano meglio di 1 per questi motivi :
    - doppia condensazione rende di più di una a condensazione normale
    - nel caso in cui 1 va in blocco c'e' sempre l'altra e anche se non riesce a fare tutto qualche cosa fà
    - costano circa uguale
    - nel caso in un periodo mite serve solo 1 caldaia, l'altra ha solo la fiammella quindi i consumi sono inferiori
    - nel caso in cui la prima gira al massimo la seconda potrebbe dare solo il necessario, modulando la potenza, invece delle caldaie tradizionali on-off che sono sempre accese o spente e consumano di più non potendo modulare la fiamma

    Cosa c'e' di vero ? Secondo voi ?
    Grazie !!!

  • #2
    Ah....e ti monterebbero una caldaia con la fiamma pilota? Ma dai!!!!!!!!

    E poi...oggi tutte le caldaia sono modulanti e a condensazione.
    La doppia condensazione esiste solo nella testa di chi cerca argomenti per prenderti in giro.
    Spesso in caso di fabbisogno con ELevatissima differenza fra pieno inverno e stagione mite si montavano 2 caldaia...ma questo succedeva PRIMA che esistessero caldaie che modulano 1:10.
    Ma la cosa più strana è che ti serva una o due caldaie che potrebbero in un giorno bruciare 200 mcubi di metano..quasi 200 euro...se così fosse meglio pensare ad isolare che a cambiare caldaia...ma siccome così non sarà, penso che una normalissima 35 kW basti e avanzi.
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

    Commenta


    • #3
      Ciao alfredolo,

      ma ben 2 caldaie da 42 kw l'una per scaldare 400 mq di casa?

      O casa tua è un albergo e devi soddisfare acs per 15/20 clienti contemporaneamente altrimenti sei sul monte Rosa e non hai le finestre per servirti tutta quella potenza.

      Ma chi ha stabilito che ti serve tutta quella potenza? Un termotecnico, un idraulico o un venditore?

      Commenta


      • #4
        Già chiesto come mai era prevista una 42kw qui https://www.energeticambiente.it/ris...e-per-acs.html adesso diventano 2 da 42 ?!?!?!?
        AUTO BANNATO

        Commenta


        • #5
          Alfredolo, gia che con 2 piccole intendano due caldaia da 42kw.....

          secondo me (e secondo tutti penso) ti vogliono fregare

          Commenta


          • #6
            Grazie per le risposte.
            Ora sono confuso, non ci capisco più nulla..
            Per ora ho una caldaia a gasolio da 75kw da sostituire e mi hanno fatto i seguenti preventivi :
            - caldaia da 35kw con 400 litri di puffer e 3 solari termici
            - caldaia da 45kw con 500 litri di puffer e 3 solari termici
            - caldaia da 75kw (ma il tecnico deve fare i calcoli quindi dopo si vedrà esattamente cosa mettere, per ora avevano messo uguale a quella installata per fare un preventivo) con PDC da 400 litri ( https://www.energeticambiente.it/ris...e-per-acs.html )
            - 2 caldaie da 42kw ciascuna

            A parte questo ieri mi hanno detto (io sapevo che non era cosi ma ho dubbi) :
            - con 4 pannelli solari termici risparmi almeno 1000 euro di metano all'anno e quando il puffer da 500 litri è bello caldo l'acqua in eccesso passa alla caldaia cosi risparmi sul riscaldamento
            - con il FV (preventivo di installazione loro da 6kw) se di giorno dai all'enel e di notte prelevi la stessa quantità non paghi nulla neanche il traffico di rete o accise (quindi a che serve un sistema ad isola ?)
            - io ho un contatore elettrico trifase da 10kw, in quanto c'e' una pompa che toglie l'acqua a 380v (la casa è più bassa della fognatura). Loro dicono di mettere un condensatore sulla pompa e passare alla 220 in quanto con la trifase spendo almeno 500 euro all'anno di potenza reattiva inutilizzata
            - i muri sono : muro - aria - muro (in realtà c'era un isolamento ma credo sia caduto). Loro dicono di lasciare cosi perchè se metto un isolante al posto dell'aria mettendo a contatto i 2 muri trasferisco il freddo da una parete all'altra molto più di ora (ma che è alluminio ?)

            La prossima volta che li vedo li butto giù dalle scale (si fa per dire) o qualche cose è vero ?
            C'e' qualcuno di voi che saprebbe dimensionarmi una caldaia se gli passo tutte le info necessarie ?

            Grazie, siete gli unici di cui mi posso fidare !

            Commenta


            • #7
              Se capisco oggi hai una 75 a gasolio e puoi passare a metano. Secondo me solo questo ti porterà ottimi risparmi, perché immagino che la vecchia a gasolio non sia né a condensazione e nemmeno molto efficiente.

              Relativamente al solare termico...avendo tu termosifoni e quindi necessità di avere T di mandate medio alte, non avrai molte occasioni di avere un eccesso di energia solare da destinare al riscaldamento, perché ogni volta che non hai una T superiore alla T che la climatica chiede in quel momento, anche se avessi 5000 lt di accumulo, non te ne faresti nulla.

              Quindi come risparmio annuo del termico, calcola di azzerare 6 mesi di consumo di acs, i 6 mesi estivi...ma non al costo di oggi (gasolio più boiler) ma al costo del metano con una 35 kW che fa acs istantanea...diciamo 30 euro mese a star larghi...quindi fai bene i conti.

              FV ... Hi ti ha detto quella cosa è fermo al 2012...quindi non si è mai aggiornato...io non mi farei certo fare un impinato da uno che è fermo a 4 anni fa. Oggi immetti in rete e energia ti viene pagata circa 65% del costo che sostieni quando la compri...intendiamoci...è sempre ottimo investimento...e a nulla servono le batterie di accumulo che esistono oggi....ma non è certo più vero quello che ti dicevano.

              Io nel tuo caso valuterei una caldaia a pellet...penso che potresti diminuire molto la spesa annua. Ma quando lt di gasolio usi e quanto spendi?
              In alternativa, se hai metano, io inizierei a metere una 35 kW con acs istantanea...lasciando per il primo inverno quella a gasolio per emergenza...e dopo primo inverno valuto se davvero serve una seconda a metano per le punte estreme....ma secondo me non serve.

              Un modo per dimensionare le tue necessità sarebbe quello di sapere i lt di gasolio che usi nei giorni più freddi..o nella settimana più fredda...però capisco che senza un conta litri è difficile disporre con precisione del dato.

              ISolamento...se hai intercapedine vuota, ti darebbe un buon aiuto farla rompere di schiuma poliuretanica...chi ti ha detto che mettendo in contatto due pareti con un ìsolante ti fa peggiorare, è un asino..non farlo più entrare in casa.il sottotetto è coibentato?

              Se metti pellet, ottima idea è quella di metere un boiler a PDC per uso estivo, che con 6 kW di fv è perfetto..farai acs gratis come se fosse un termico.
              Ultima modifica di marcober; 18-08-2016, 10:55.
              CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

              Commenta


              • #8
                Avendola acquistata all'asta non ho idea del reale consumo. A me è stato detto dal proprietario 13.000 euro annui di riscaldamento divisi in 11.000 gasolio e 2.000 legna. Con la legna scalda la tavernetta (quando la usa) e un locale open space di 50-55 mq. Per cui mi sembrano cifre buttate li, giusto per dire che la casa è un pozzo senza fondo ed è contento di andare via, come ha detto più volte.
                La caldaia attuale e' del 1977, 75kw a gasolio. Se riesco allego la foto cosi vi diventano i capelli bianchi
                Il pellet mi da idea di troppo lavoro. Un preventivo che mi hanno dato era circa 30.000 euro per caldaia con puffer, contenitore da 500kg e poi la caldaia si succhia il pellet che le serve, 3 solari termici e altro puffer per acs.
                Ero orientato su una a condensazione, magari aggiungere una PDC per ACS, tanto entro 1-2 anni metto 5-6 kw di fotovoltaico.
                Il sottotetto è coibentato male, lana di roccia oramai tutta schiacciata. Lo rifaccio. Cosa posso mettere ? Preferisco esagerare che mettere poco.

                Commenta


                • #9
                  Senza dire in che zona climatica abiti e' difficile dire qualche cosa. Se volessimo divertirci e tu abitassi in Lombardia, con infissi così , così e coibentazione che dici, azzarderei 50 kW/h e un costo di 20000 €, con variabili sui gadget. Se sia a metano, legna o pellet, esistono tabelle di confronto per valutare e solo tu sai quanto vuoi lavorare.Personalmente, con 2000 €, ci scaldo, a legna,casa mia che e' più grande dei tuoi spazi.
                  Ultima modifica di mgc; 18-08-2016, 21:59. Motivo: Italiano
                  Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da alfredolo Visualizza il messaggio

                    C'e' qualcuno di voi che saprebbe dimensionarmi una caldaia se gli passo tutte le info necessarie ?

                    Grazie, siete gli unici di cui mi posso fidare !
                    Io sicuramente posso dimensionare la potenza di una caldaia in funzione del consumo attuale di combustibile ( nel tuo caso gasolio ).

                    Posso dire che nel caso si facciano impianti dove servono davvero 70-80 kw di potenza termica io sono per mettere 2 caldaie in parallelo piuttosto che una ( per via dell'ampio range di modulazione e del backup intrinseco di questo sistema ) , tuttavia concordo con tutti gli altri nel dire che è semplicemente FOLLE mettere 2 caldaie da 42 kw per riscaldare 400 mq. di casa..

                    Solo un asino truffatore potrebbe suggerire questo.

                    Anche dire che 4 pannelli fanno risparmiare 1000 Mc. di gas è da truffatori incompetenti...

                    F.
                    Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
                    Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da alfredolo Visualizza il messaggio
                      Avendola acquistata all'asta non ho idea del reale consumo.
                      A me è stato detto dal proprietario 13.000 euro annui di riscaldamento divisi in 11.000 gasolio e 2.000 legna.

                      Leggo solo ora...

                      Ma è un consumo folle.. non mi sembra nemmeno possibile...

                      Comunque casa dei miei anni 70 sono passati da gasolio ( 44 Kw ) a metano con una 25 Kw che pero al massimo ha lavorato a circa 12.5 kw di potenza.
                      e sono 240 Mq. di abitazione. su 2 apaprtamenti.


                      Io metterei una 35 Kw che faccia solo riscaldamento ( ottima l'idea di aggiungere una PDC x la sola ACS )... se non dovesse bastare davvero ( ma sara impossibile ), al limite ne aggiungi un altra in parallelo.

                      Isola prima di tutto.. se no hai una casa del cavolo!!!

                      F.
                      Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
                      Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

                      Commenta


                      • #12
                        Se davvero spendeva 15, mila euro per scaldarla ...capisco peche é andata all'asta.Magari ha la cisterna forata?Comunque a legna , con quei consumi, risparmieresti almeno 10 mila euro e in 2 anni paghi impianto...ok che dovresti lavorare parecchio, ma sarebbe un lavoro ben retribuito...però se puoi, coibenta...rimetti lana riccia nuova nel sottotetto e isola intercapedine oppure fai capotto.Se proprio legna ti spaventa, e hai un fornitore pellet in cisterna a meno di 50 km...metti pellet e alimentazione automatica...comunque rispetto metano stai sotto e lo ripaghi...lavoro non eccessivo se metti buona caldaia.
                        CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                        Commenta


                        • #13
                          Vi do i dati che conosco per vedere secondo voi che caldaia serve (superficie da scaldare 400mq) :
                          - zona climatica E piemonte
                          - muri in mattone - aria - mattone (c'era una coibentazione in mezzo ma credo sia caduta con gli anni) - costruita nel 1978
                          - infissi in noce, doppi vetri a inglesina vera. Ogni finestra ha tanti vetri doppi indipendenti, non è uno singolo con incollato in mezzo un legno. Ci sono spifferi ma li sistemo con silicone per ora, poi li cambierò tutti più avanti
                          - ho aperto i bordi (non sò il nome) di una porta che dà sull'esterno per vedere come è coibentata. C'e' lana di vetro come da foto. La tengo o la sostituisco con qualche cosa di altro ???

                          Vi metto qualche foto cosi da vedere meglio.


                          Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   20160819_085200_HDR-Grande.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 46.2 KB 
ID: 1957364 Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   20160819_085212-Grande.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 36.8 KB 
ID: 1957365 Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   20160819_133210-Grande.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 21.4 KB 
ID: 1957366 Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   20160315_145142-Grande.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 116.3 KB 
ID: 1957367 Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   20160608_160354-Grande.jpg 
Visite: 1 
Dimensione: 133.9 KB 
ID: 1957368
                          Ultima modifica di alfredolo; 19-08-2016, 20:48.

                          Commenta


                          • #14
                            Forse mi ripeto, io direi 50 kwh a legna o pellet, secondo convenienza , puffer 3500-4000 la, al prezzo di 20000€, più eventuali gadget. Acs, boiler con pdc. Aggiungi altri 1000-2000 a seconda del numero di persone.
                            Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                            Commenta


                            • #15
                              Ma contare il numero di elementi dei termosifoni , per avere un idea di ciò che è installato ?
                              Non è un riferimento importante : se ho 40kw di termo basarsi su quello ?
                              AUTO BANNATO

                              Commenta


                              • #16
                                40 kW di termo a quale temperatura?Siamo certamente tutti d'accordo che la miglior temperatura di scambio sia sui 55 gradi, ma penso che sia un problema di sicurezza, essenzialmente. Che io tenga l'acqua a 40 o 60 , conta molto in termini di confort, ma anche di kW/h.
                                Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                Commenta


                                • #17
                                  Intendo a deltaT 50 , a quel punto è inutile avere caldaie esuberanti... direi che è un punto di partenza ; dopo si accorgerà se gli elementi che ha bastano , come mandare : se più tempo a meno T o poche ore al massimo o 24 al massimo ..... io a casa mia di 80mq ho circa 9kw di radiatori con caldaia da 24kw , che senso ha ?!
                                  AUTO BANNATO

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da alfredolo Visualizza il messaggio

                                    Vi do i dati che conosco per vedere secondo voi che caldaia serve (superficie da scaldare 400mq) :
                                    - zona climatica E piemonte...
                                    Allora ti faccio uno studio veloce per dimostrare che una caldaia a metano da 35 kw risolverebbe i tuoi problemi...

                                    Innanzi tutto partiamo dal dato dei 13.000 euro di gasolio.. che ammesso che siano veritieri ( e di questo ho fortissimi dubbi ) stiamo parlando di circa 11.000 litri/anno.

                                    11.000 litri corrispondono a 110.000kwh di energia termica che sono 275 kwh/mq. all'anno... ( per intenderci una casa in classe G ne consuma 160 ).

                                    é evidente pero' che la tua caldaia ( una camera aperta a gasolio del 1975!! ) se rende tanto rende al massiimo il 70%.. quindi quei tantissimi 110.000 kwh si traducono termicamente in 'solo' 77.000 che sono sempre tantissimi 192 kwh/ Mq. ( diciamo una classe G -- )

                                    Ora se mettessi una caldaia a metano a condensazione da 35 Kwh questa serebbe in grado di fornire ben 840 kwh di energia al giorno e per determinare il consumo dei 77.000 ipotizzati, impiegherebbe solo 91 giorni ( 3 mesi anziche i 6 che probabilmente funziona il tuo impianto di riscaldamento ).

                                    Va da se che una 35 kwh ipotizzando i tuoi consumi è largamente sufficiente se viene fatta lavorare in climatica per almeno 12 . 16 ore al giorno ( meglio 24 )

                                    I costi in metano di 77.000 kwh sarebbero di circa 6500 euro/anno ma io sono CERTO che nella realta spenderai molto meno anche se gia questo ti porterebbe a risparmiare la differenza rispetto ai 13.000 che sono qualcosa come 6500 euro/anno ..

                                    Potrai in pratica ammortizzare l'impianto in 1 anno e andare a vedere poi con quello che risparmi quali opere di isolamento fare.

                                    Lascia perdere le stravaganti idee di mettere termostufe, boiler o caldaie a pellet nelle condizioni nella quali sei tu..
                                    Tu non devi investire troppi soldi ma piuttosto ricercare il massimo risparmio con l'investimento migliore e piu economico cosi da poter poi intervenire in modo intelligente con dati certi e con gia in mano soldi risparmiati.

                                    Non buttarti nell'impresa di investire oggi 20.000 euro per un impianto dal quale il successo dipende troppo da variabili incontrollabili ( per esempio la qualita della progettazione e dell'installazione.. ) e per una casa della quale allo stato attuale, ignori completamente i fabbisogni reali....; metti una caldaia a condensazione regolata in climatica con la sua sonda esterna posta a nord.. un impianto semplice che sanno fare tutti, che costa poco e che ti fa risparmiare al tuo stato attuale qualcosa come 6500 euro/anno.

                                    Dato che con la tua caldaia a gasolio da 75 kw fai anche la ACS è sicuro che hai costi di produzione ACS altissimi.. questo perche quelle caldaie hanno rese nella produzione di ACS largamente inferiori al 50%.

                                    Questo sballa i calcoli per eccesso.. è infatti molto probabile che il risparmio globale sia superiore ai 6500 euro/anno se farai anche la produzione di ACS con la caldaia tramite generatori istantanei ( o anche con una PDC aggiuntiva ma con un investimento superiore ).

                                    Spero di averti aiutato.

                                    F.
                                    Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
                                    Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Ciao a tutti....

                                      Ciao Alfredolo....

                                      Quoto in toto F.Cattaneo e aggiungo che allo stato attuale punterei a limitare al massimo le dispersioni termiche presenti, realizzate anche a step (palanche permettendo),
                                      come ad esempio coibentare inizialmente le pareti a nord e rimuovere gli spifferi delle finestre, montare valvole termostatiche in tutti i termosifoni, ecc. Il confort e il risparmio migliori gli ottieni con t° di mandata caldaia basse e in gestione climatica h24, che puoi raggiungere anche aumentando la superficie dei radiatori (aggiungendo degli elementi). Solo in questo modo la caldaia raggiunge rese elevate che si traducono poi in risparmio economico.
                                      Inoltre, vedendo le foto, ho notato quei grossi comignoli che mi fanno supporre la presenza all'interno di vecchi camini aperti; ebbene se cosi fosse provvederei a chiuderli con qualche portello amovibile in legno in quanto sono fonte di GROSSE dispersioni termiche.
                                      In conclusione il tuo obiettivo DEVE essere la riduzione del fabbisogno termico del fabbricato, perchè è quello che ti darà il VERO risparmio economico nel tempo.

                                      Saluti
                                      Ultima modifica di renatomeloni; 21-08-2016, 19:05. Motivo: Correzione ortografica
                                      Se il destino è contro di noi, peggio per lui.​

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Grazie per le risposte.
                                        Ora sono certo che le persone dell'ultimo preventivo sono pazzi da internare o pensano solo al loro guadagno.
                                        Seguirò o vostri consigli e metterò una caldaia tra i 35 e i 45kw. Vediamo che proposte mi fanno, ma in questo range.
                                        Nel caso in cui la prendessi a legna con ad esempio 4.000 litri di accumulo, che autonomia avrei ? Quante volte al giorno è da accendere quando la T esterna è -10 ? (diciamo il picco di freddo in questa zona)

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Proprio per rispondere alla tua domanda , è bene fare un primo anno di prova.

                                          Anzi, se vuoi sapere la mia, a meno che vedessi già che facendo acs ora la caldaia è un vero disastro, farei il primo anno a gasolio, segnando consumi settimanali e T medie relative...e poi a fine anno saprei meglio cosa fare...nel frattempo vedi qualche preventivo per fare coppotto...anche se credo sia davvero pesante vista estensione e complessità delle facciate .

                                          Se invece caldaia a gasolio è davvero improponibile, monterei un muletto a gas, senza pretese, usato...spesso gli idraulici ne hanno una per questi casi ...o comunque con poco la trovi e la monti
                                          Ultima modifica di marcober; 21-08-2016, 19:15.
                                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Premessa dovuta: prenditi un termotecnico che analizzi il tuo problema, sopratutto indipendente, cioè che sia uno non coinvolto nella vendita/installazione del sistema. Costa, ma sono soldi ben spesi.Per quello che riguarda la tua domanda, posso solo dirti che, in condizioni climatiche e dimensionali molto simili alla tua, io carico due volte al giorno, una al mattino, una alla sera. Dipende dalle tue esigenze termiche, o da quelle di tua moglie, o dei figli.Consumo 240 qli di legna, inclusa ACS per tutto l'anno.
                                            Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Scritto risposta mentre Marcober diceva la sua. Molto ragionevole.
                                              Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio

                                                ...è bene fare un primo anno di prova.

                                                ...farei il primo anno a gasolio, segnando consumi settimanali e T medie relative...

                                                Se invece caldaia a gasolio è davvero improponibile, monterei un muletto a gas, senza pretese, usato...spesso gli idraulici ne hanno una per questi casi ...o comunque con poco la trovi e la monti
                                                Non sono daccordo su perdere un anno a gasolio...

                                                Il consumo anche in una situazione non disastrosa cala del 50% almeno passando da gasolio a Metano.

                                                Il gasolio ha queste criticita che non ha il metano :

                                                1- costo del combustibile al kwh MOLTO piu' alto,
                                                2- resa di combustione rispetto al metano sempre e comunque piu' bassa
                                                3- possibilita tuttaltro che remota che chi vende gasolio faccia la cresta sul litri effettivamente erogati..


                                                Tutte queste cose insieme fanno si che stare a gasolio ancora un anno gli costerebbe una follia.

                                                Io metterei la caldaia a metano ma da 35 kw... poi in futuro si potra sempre implementarla in un impianto piu' complesso, magari in tandem con una PDC.. non sarebbe un investimento perso e comunque si ripaga al primo anno.

                                                Poi isolerei subito, senza aspettare, la soletta, perche mi sa che non è nemmeno isolata quella.

                                                F.
                                                Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
                                                Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  di fatto lui non sa quanto costa..il dato 13 mila euro glielo ha detto un signore che si è visto vendere la villa dove ha abitato 40 anni dal tribunale..e magari voleva spaventare il nuovo acquirente ..lo raccontava a tutti quelli che andavano a vederla prima dell'asta..poi magari spendeva la metà...
                                                  A me non pare verosimile che spendesse davvero 13 mila euro...per cui prima di metere una caldaia definitiva e performante a metano..a condensazione..in climatica..spendendo comunque dei soldi...farei 1 inverno..per capire..e poi deciderei con maggiore consapevolezza fra metano e legna.
                                                  Se i consumi sono comunque elevati..fra metano e legna comunque avrebbe un abisso..e non vi è ragione per rinunciarvi, se uno riesce a capire dopo 1 anno come dimensionare il tutto.
                                                  Però capisco anche il tuo consiglio...deve un po vedere lui..per quello che suggerivo una via di mezzo..muletto a metano senza pretese e poi si vede...di caldaia non acondensazione da 35 che 1 anno lo possono ancora fare se ne smontano ancora tante ..secondo me si trova...
                                                  CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Bene, bene. Ti rimangono alcune alternative.
                                                    Metano, legna, pellet. Penso la scelta debba essere tua.
                                                    Dimensionamento, vale sempre il suggerimento del termotecnico.
                                                    A me pare che 35 kW/h siano pochi. Ma sai com'è, se sono pochi, il primo anno geli, se ne metti di più, sopratutto a legna, con 4000 lt di puffer, ti trovi bene e carichi meno. Costa di più.
                                                    Una caldaia a metano modula bene e quindi, se decidi per taglie superiori, l'investimento, per il maggior costo di taglia, è modesto.
                                                    Calcola, o fatti calcolare, l'ACS, è fondamentale per la soluzione.
                                                    Io uso legna e la caldaia manda acqua calda anche per il boiler; alcune volte, se ho troppa legna, anche d'estate, se no caldaia a gas a condensazione.
                                                    L'uso della legna è decisamente basato sul costo, io pago 7,5 euro al qle e quindi circa 10 tagliata e accatastata, dopo 2 anni di essi*****one.
                                                    Il pellet è più comodo. Se metti un silos, hai un'automatismo spinto e fai poca fatica, che di cenere se ne fa poca e si può raccogliere in automatico. Il sistema è ideale per riscaldamento a pavimento e non richiede grossi puffer, ma anche per termo va bene. Il prezzo del pellet è una cosa difficile da valutare, è ballerino e quello buono è caro. Vale la pena comprare d'estate, per consegne con autobotte. Per contro rende un 30/40 % in più della legna.
                                                    Da due conti a spanne per 500 mq di casa in classe G, consumo 96000 kW e la mia caldaia è da 60 kW/h, in Lombardia, tua stessa classe climatica, aperta su tutti i lati.
                                                    Je suis Charlie e amo mamma e papà.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Originariamente inviato da mgc Visualizza il messaggio

                                                      A me pare che 35 kW/h siano pochi. Ma sai com'è, se sono pochi, il primo anno geli, se ne metti di più, sopratutto a legna, con 4000 lt di puffer, ti trovi bene e carichi meno. Costa di più.
                                                      Su quale base dici che una caldaia da 35 Kw ? ( non kw/h che nella sua udm corretta si scrive kwh ed e' una misura di energia e non di potenza )

                                                      Come ho calcolato una 35 Kw sarebbe in grado di fornire in 3 mesi la stessa energia che oggi viene consumata in 6 mesi ( 13.000 euro equivalenti di Gasolio )... quindi è almeno largamente sufficiente.
                                                      Poi c'e' la questione verita su quel dato assurdo di 13.000 euro di gasolio ( come giustamente ha osservato Marcober.. )

                                                      Metti giu dei numeri... perche le tue conclusioni spiegano molto bene la qualita dei tuoi suggerimenti ( cioe' di passare ad una caldaia a legna da 60 Kw con un accumulo da 4000 Lt... )

                                                      Forse.. e dico forse, se hai la legna da ardere gratis, ti puoi ripagare i costi di manutenzione associati ad un impianto del genere..

                                                      E parlo di corrosioni galvaniche, problemi di sporcamento e bucature varie...

                                                      Se la legna la devi comprare quando fai i conti a bocce ferme dopo 20 anni hai speso molto di piu' di un impianto ideale e ben progettato a metano.. per non parlare di una PDC.

                                                      F.
                                                      Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
                                                      Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        E ti ringrazierà l'ambiente

                                                        mgc mi dici per curiosità , quanta potenza installata di radiatori hai , con deltaT 50° ?
                                                        AUTO BANNATO

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Ragazzi, io sono fan delle PDC..ma davanti a 100.000 kWh anno...ma davvero si può pensare di fare meglio della legna?
                                                          Io non ci credo
                                                          .FCattaneo...attento a fare la media su tre mesi...su case molto,grandi e poco coibentate, la potenza di picco può essere particolarmente elevata..a la media del pollo può essere pericolosa. Devi poter erogare quello che disperde PIÙ quello che serve per inalzare la T..perché se non hai coibentazione non puoi pensare di tenere T elevate di notte...devi accettare che scenda, specie in zona giorno, per poi ricompare a palla di giorno..ma per,poche ore.
                                                          Ovvio, se fa cappotto,tutta cambia...ma su quella villa io dico che costa almeno 50 mila euro...se non deve spostare canali, pluviali, imposte.
                                                          CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Originariamente inviato da marcober Visualizza il messaggio

                                                            Ragazzi, io sono fan delle PDC..ma davanti a 100.000 kWh anno...ma davvero si può pensare di fare meglio della legna?


                                                            .FCattaneo...attento a fare la media su tre mesi...su case molto,grandi e poco coibentate, la potenza di picco può essere particolarmente elevata..
                                                            Guarda che se la casa fosse in classe G consumerebbe 64.000 kwh e non 100.000... come hai detto tu il dato di cunsumo di gasolio è molto probabilmente sovrastimato e inoltre i generatori a camera aperta a gasolio degli anni 70 hanno rese assolutamente basse riepetto alle caldaie odierne... soprattutto se sono chiamate a fare anche ACS.

                                                            Casa dei miei anni 70 220 Mq. , spifferi nei vecchi serramenti in douglas e vetri doppi molto sottili ( 9mm ).

                                                            Hanno sotituito la vecchia caldaia da 44 kw a gasolio installata nel 1986 quindi relativamente giovane rispetto a quella anni 70 che è un paio di generazioni tecniche inferiore.
                                                            Messa una caldaia a metano da 25 kw che pero nel giorno piu' freddo dell'anno è arrivata a circa 12.5 kw.

                                                            Passati da 3600 euro/anno di gasolio a meno di 2000 di metano.... felicissimi.

                                                            Stiamo parlaando di un rapporto di potenza da 44 a 12.5 ... secondo questa rapporto al nostro utente basterebbe una caldaia da 21 Kw.... con 35 avrebbe la giusta tolleranza.



                                                            F.
                                                            Segui on-line il funzionamento dei miei impianti in tempo reale.
                                                            Impianto Fotovoltaico grid: 7 pannelli Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp con 10 kWh di accumulo + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X