annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

consiglio cinfigurazione cerapur smart zwb 24

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • consiglio cinfigurazione cerapur smart zwb 24

    Ciao a tutti e auguri, abito in zona in zona climatica sono circa 3 anni che ho ristrutturato casa facendo il cappotto esterno di 8cm e infissi in pvc in casa era già montato il riscaldamento tradizionale
    1 ventilconvettore zona giorno (45m2)
    1 ventilconvettore zona notte (45m2)
    1 termoarredo (bagno)
    1 termoarredo (bagno grande)
    1 termosifone 4 elementi alluminio (lavanderia)
    1 termosifone 7 elementi (stanza bambina)
    1 termosifone 9 elementi (stanza da letto)
    1 termosifone 7 elementi ( studio)
    tutte con valvole termostatiche

    la caldaia montata è il modello junkers cerapur smart zwb 24
    termostato bosh ct 100 gestibile da remoto

    ho cercato di regolarla cosi:
    risveglio caldaia ore 9.00
    partenza caldaia ore 9:10
    spegnimento caldaia ore 22
    mandata 48gradi
    temp esterna 5gradi
    temp interna 21gradi
    dalle 22 che si spegne la caldaia la mattina alle 8 trovo la temperatura interna a 18.8
    consumo 3.5mc al giorno cosa ne pensate? si può migliorare qlcsa in consumi?
    grazie

  • #2
    Ciao, non trovo la possibilità di scegliere la curva climatica ne i morsetti per collegare la sonda sulla caldaia per rilevare la T esterna.

    Immagino si possa settare solo una T di lavoro fissa per il riscaldamento.

    Se così, cerca quella piu' bassa possibile, ma che ti garantisca la t voluta in casa, ovvero caldaia accesa per piu' ore possibili alla t piu' bassa possibile. In questo modo ottimizzi la condensazione, cioè la resa della caldaia tende ad aumentare con il diminuire della T di lavoro.

    Per l' accensione, da quanto ne so, viene consigliato di rialzare la T nelle camere 30 min prima del risveglio, e direi che quando ci si alza in bagno ed in cucina si devono trovare le condizioni ideali di t. Considera che se riduci la T di lavoro a 40-45 gradi i tempi di rialzo della t in casa potrebbero essere piu' lunghi, anche se nessuno impedisce alla caldaia di funzionare anche la notte, quando i cronotermostati di zona chiedono calore.

    La differenza di t fra giorno e notte, o casa abitata e non (ore in cui siete fuori) meglio non siano oltre i 2 gradi !!

    Commenta


    • #3
      *** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3/d del regolamento del forum. Scresan. ***

      Grazie per la risposta una domanda
      ho notato che mettendo la mandata a 45 gradi condensa fino a 30 gradi ma i ventilconvettori si fermano, ho modificato l’intervallo tra accensione e spegnimento facendo cosi arriva a 45 gradi condensa fino a 36 gradi e riparte la fiamma al minimo fino a riportarla alla t di mandata cioè 45 cosi conviene? La sonda esterna non ce sulla caldaia ma sul termostato ce la funzione della localizzazione che rileva la temperatura esterna
      Ultima modifica di scresan; 30-12-2017, 01:08.

      Commenta


      • #4
        ... se il termostato ha la sonda, dovrebbe modificare al bisogno la T di lavoro della caldaia, massimizzando la condensazione (anche se vedo hai già ingresso acqua molto basso!)

        Forse i ventilconvettori hanno un termostato di minima..... magari è modificabile la soglia di inibizione della ventola!

        Commenta


        • #5
          *** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3/d del regolamento del forum. Scresan. ***


          ho modificato la ventola del ventilconvettore ora si accende anche sotto i 40° ;-)
          ho 2 domande forse stupide...
          1) cè sul mercato un liquido di riempimento dell'impianto di riscaldamento con una resa superiore dell'acqua? nel senso che si raffredda di meno non so se mi sono spiegato
          2) quando apro il rubinetto dell'acqua calda posso modificare la potenza della caldaia visto che parte a razzo?
          grazie
          Ultima modifica di scresan; 30-12-2017, 01:08.

          Commenta


          • #6
            1- No! L' acqua è la migliore!

            2- Non saprei. In molte caldaie il piccolo scambiatore acs viene mantenuto caldo da una resistenza, in questo modo l' acs arriva al rubinetto in pochissimo tempo, nel frattempo si accende la caldaia per riscaldare altra acs se si continua a lasciare aperto il rubinetto.

            Anche per fare acs, l' ottimale sarebbe un accumulo, disponibile come optional in molti modelli e di solito predisposti anche per il solare termico.

            Commenta

            Attendi un attimo...
            X
            TOP100-SOLAR