Tensione di rete: 220 o 230? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Tensione di rete: 220 o 230?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Tensione di rete: 220 o 230?

    Visto che in rete ho trovato riferimenti discordanti, e dato che sono piuttosto certo di ricordare che il periodo transitorio per Enel per passare le vecchie forniture domestiche monofase da 220 v a 230 v sia scaduto da tempo, qualcuno mi può indicare la normativa/circolare di riferimento?
    Oppure me la son sognata sta cosa del cambio da 220 a 230v?

    Perchè nel mio nuovo contratto di fornitura elettrica continuo a leggere:
    Potenza contrattuale 4.5 KW
    Tensione 220 V
    e visto che devo scrivere PEC ad Enel per altre questioni, ci aggiungerei anche questa postilla. Immagino inutilmente, ma dato che non mi costa gran fatica...
    FV 4,59 Kwp - 17 QCell G4 270w - Inverter ABB 4.2 - VSN300 Wifi Logger Card - 2 Contatori SDM120C - Tanta buona volontà - Poca pazienza - PVOutput - Aurora Power Plant Viewer - SestoSG

  • #2
    nel 92 a un corso il relatore disse che il passaggio doveva essere,da 220 a 230 per poi andare a 240,e nel
    frattempo i produttori si dovevano adeguare alle nuove tensioni,poi dei 240 non ne ho più sentito parlare
    come della presa europea unificata

    Commenta


    • #3
      Senza scomodare la 240 che in Italia penso non la vedrò mai, forse i miei figli, ho trovato questi riferimenti. Sono ancora attuali o c'è qualcosa di nuovo in merito. Non mi serve chissà quale trattato tecnico-legale, ma giusto due numeretti da citare nella pec in cui chiedo di adeguare la linea alla normativa vigente.
      FV 4,59 Kwp - 17 QCell G4 270w - Inverter ABB 4.2 - VSN300 Wifi Logger Card - 2 Contatori SDM120C - Tanta buona volontà - Poca pazienza - PVOutput - Aurora Power Plant Viewer - SestoSG

      Commenta


      • #4
        ho trovato 230 +- 10%...
        I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

        Commenta


        • #5
          Nel 1983, la International Electrotechnical Commission (IEC) ha emesso la norma IEC 38, in cui si proponveva una tensione uniforme di 400 V in tutto il mondo a 50 Hz (quindi escluso gli USA). Il passaggio sarebbe dovuto avvenire in un periodo di 20 anni (quindi a scadenza 2003). Si e' iniziato disponendo dove una volta c'era il 380V una tolleranza della rete a 400 V di +6% e -10%. La tolleranza del +6% limita la tensione superiore a 424V, valore vicino al limite superiore della rete a 380 V di 418V. Per le vecchie reti a 415V invece e'l'inverso: la tolleranza per il periodo interinale e' di 400V +10% -6%.
          Il periodo intermedio e' stato prolungato nel 2002, con la norma IEC 60038 (dal titolo: IEC standard voltages) di altri 5 anni. Percio' la scadenza prevista e' stata spostata avanti di 4 anni, dal 2003 al 2007, e poi di altri 5 anni per arrivare nel 2012.
          In Italia abbiamo recepito la normativa con la CEI 8-6 (dal titolo: Tensione nominale per i sistemi di distribuzione pubblica dell'energia elettrica a bassa tensione ed.04/1998), che aderisce anche alla norma del CENELEC (European Committee for Electrotechnical Standardization) HD472 S1. La CEI 8-6 ha avuto una variante nel febbraio 2002 ed la tensione nominale doveva essere portata entro il 2008 a 230V. Non è stato così, perche' la tensione nominale era ancora determinata dalla Legge n.105 del 8 Marzo 1949: Elektro.it - Legge 105/49 di cui si riporta l'abrogazione nel link del post precedente.

          E' ipotizzabile che nel futuro, terminato il periodo di transizione, si torni a riportare le tolleranze al 5%, cioe' 400V +5%/-5%.
          La migrazione verso i 240V non avverrà, perchè gli inglesi hanno recepito la stessa normativa, ABBASSANDO il loro valore di tensione (240V) ai 230V europei.

          Commenta


          • #6
            Se vogliono la tolleranza di +/-5% ci sara' da ridere : la rete enel non li ha nemmeno dove non ci sono impianti FV ... dove invece di sono buonanotte.....
            AUTO BANNATO

            Commenta


            • #7
              Quindi riassumendo: per le utenze domestiche in BT, con l'abrogazione della L.105/49 avvenuta nel 2012, Enel avrebbe dovuto adeguare la tensione di rete a 230V +/- la tolleranza 10%. Senza scappatoie.
              Dato che ovviamente non lo ha fatto, visto che il mio nuovo contratto riporta in bella vista 220V, scriverò pec all'AEEG per sapere cosa ne pensa.
              FV 4,59 Kwp - 17 QCell G4 270w - Inverter ABB 4.2 - VSN300 Wifi Logger Card - 2 Contatori SDM120C - Tanta buona volontà - Poca pazienza - PVOutput - Aurora Power Plant Viewer - SestoSG

              Commenta


              • #8
                Livingreen..che tu sappia..la distribuzione di trifase 220..avrà un termine oppure è a discrezione del distributore?

                Per tutti...a parte qualche problema con le caldaie (sistema controllo sicurezza), ci possono essere delle problematiche con uso di apparati domestici attuali o futuri con una alimentazione 230 fase-fase?

                Quando ho fatto FV installatore ha posto la domanda ai costruttori di inverter e solo Aros ha risposto che non avrebbe posto problemi di garanzia con un allaccio su fase fase.
                Era una risposta sensata quella egli altri?

                Misthubishi ha scritto una "riserva" sulla garanzia della pdc quando mi ha allacciato..anche se dopo 3 anni non ho mai avuto problemi elettrici.. eccesso di zelo?

                Siccome ho avuto in passato 10 kw di potenza in prelievo, ero in deroga..perche secondo me non potevano darmi la trifase 230 (non penso sia a norma)..se avessi voluto io la trifase (400) per la pdc trifase, dovevano farmi un allaccio specifico da una altra zona (altra strada rispetto a dove oggi ho nicchie contatori) con scavo di 30 metri a mie spese...e ho messo la pdc monofase.

                Domanda da incompetente..siccome ho 2 fasi per fare 230..di fatto sia il consumo che immissione sono sempre "bilanciate" fra queste 2 fasi?

                Altra domanda..siccome ho 2 contatori..potrebbero aver usato le stese 2 fasi per entrambi..ma anche no..vero?
                Io in pratica gli sbilancio 2 fasi su 3?
                CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da amorospo Visualizza il messaggio
                  Enel avrebbe dovuto adeguare la tensione di rete a 230V +/- la tolleranza 10%. Senza scappatoie.
                  Dato che ovviamente non lo ha fatto, visto che il mio nuovo contratto riporta in bella vista 220V, scriverò pec all'AEEG per sapere cosa ne pensa.
                  Ho solo riportato quanto ho letto in altro forum, non fa testo...

                  Dovresti trovare la normativa precisa, e ci sarà indicata la tolleranza. Ma quello che riporta il contratto che c'entra?

                  220V è una "dicitura", non so come definirlo, il nome comune dato alla 230V ac. Tu puoi contestare i valori di tensione reali, non un nome su un contratto...
                  I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
                  https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                  Commenta


                  • #10
                    Non son tanto d'accordo che "220 è una dicitura", perchè se lo scrivi su un contratto NON può più essere una dicitura. Poi che sia 220 o 230 so che non cambia nulla, perchè tanto con le tolleranze la tensione effettivamente presente in casa mia sarebbe la medesima. Ad oggi ho una tensione che oscilla stabilmente tra 220 e 222 v. Valori che rientrerebbero appieno nei 230-5%.
                    La mia non vuole essere una battaglia alla DOn Chisciotte, perchè so già che non porterà a nessun beneficio reale. Solo che siccome sto per scrivere per contestare tutt'altra cosa su cui ho ragione al 100% e su cui mi stan facendo perdere fin troppo tempo, mi piaceva fargli perdere un po' di tempo anche a loro con questa questione.
                    FV 4,59 Kwp - 17 QCell G4 270w - Inverter ABB 4.2 - VSN300 Wifi Logger Card - 2 Contatori SDM120C - Tanta buona volontà - Poca pazienza - PVOutput - Aurora Power Plant Viewer - SestoSG

                    Commenta


                    • #11
                      X Marcober
                      non dovrebbero esserci problemi; ti hanno messo un trasformatore sulla caldaia ?
                      Ultima modifica di alexsky; 21-01-2016, 13:15.

                      Commenta


                      • #12
                        scusate, non ho una bolletta sottomano ma sulle nuove in arrivo è scritto 230V monofase:
                        https://www.enelservizioelettrico.it/it-IT/bolletta/facsimile_della_bolletta_2.0


                        e qui parla di 10% di tolleranza, e 230 -10%= 207V. Se è così sei dentro abbondantemente

                        Scopri quali livelli di tensione della rete elettrica italiana e le variazioni ammissibili. Se hai dubbi puoi inserire gratuitamente un quesito
                        Ultima modifica di richiurci; 21-01-2016, 14:55.
                        I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
                        https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                        Commenta


                        • #13
                          sulla mia bolletta è scritto 220V ma nei pressi del mio centralino misuro sempre 230V, al piano di sopra scendo invece poco sotto i 225V

                          Commenta


                          • #14
                            aLex...per tanti anni non mi creato problemi alla caldaia....poi mi hanno cambiato una scheda o non sò cosa..morale che dava problemi...ho fatto montare trasformatore ma tra tecnico ed elettricista non sono riusciti a far quadrare il tutto e hanno disattivato la sicurezza....poi sono passato a PDC e buonanotte. Chiedevo lumi giusto per capire fra quanto anche la mia zona possa passare alla normalità...cosa mi comporta il cambio....se un domani potessi mai trovarmi con apparati elettrici nuovi che non vanno o si guastano de ho fase fase....
                            Ultima modifica di marcober; 21-01-2016, 19:46.
                            CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

                            Commenta


                            • #15
                              avevo letto che la doppia fase potrebbe generare qualche problema solamente con caldaie, qualche tipo di climatizzatore

                              edit: su internet ho trovato questo

                              "Per risolvere questo problema, l'unica soluzione potrebbe essere quella di realizzare un neutro "fittizio".

                              Con le caldaie, che di solito sono gli unici apparecchi che risentono della "posizione" della fase, si utilizza un trasformatore con rapporto 1/1 (ingresso 230, uscita 230) e si porta un polo dell'uscita a terra. Si è realizzato così l'inganno che permette alla caldaia di funzionare con il riconoscimento di fase e neutro, ma le caldaie hanno assorbimenti molto più bassi, e basta un trasformatore di dimensioni ridotte "

                              Commenta


                              • #16
                                Ahaha, non è che il signor enel ci legge?
                                Monitoro la tensione di rete di casa mia da un anno abbondante e non si è mai discostata da 220 +- 3 V. Scrivo qui lamentandomene e ....
                                ... da stamattina la tensione oscilla tra 226 e 229 V.
                                potere del forum!
                                FV 4,59 Kwp - 17 QCell G4 270w - Inverter ABB 4.2 - VSN300 Wifi Logger Card - 2 Contatori SDM120C - Tanta buona volontà - Poca pazienza - PVOutput - Aurora Power Plant Viewer - SestoSG

                                Commenta


                                • #17
                                  chiariamo una cosa però...mi sembra ovvio ma meglio dirla...

                                  Se c'è un carico collegato... è normale una caduta di tensione di parecchi volt se i cavi sono lunghi, mi riferisco per esempio al "1o piano" di Alex.

                                  E non servono decine di kW, io vedo un calo consistente nel box, dove ricarico l'auto elettrica, pur avendo fatto mettere cavi da 2,5mmq se ricordo bene, e pur assorbendo l'auto solo 1,5kW.
                                  Questo perchè ci sono una 20ina di metri di linea.

                                  Quindi i volt vanno ovviamente misurati appena a valle del contatore.
                                  I miei articoli su risparmio energetico, veicoli elettrici, batterie e altro
                                  https://www.electroyou.it/richiurci/...-miei-articoli

                                  Commenta


                                  • #18
                                    Originariamente inviato da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio

                                    Quindi i volt vanno ovviamente misurati appena a valle del contatore.
                                    Giusto. E infatti li misuro subito dopo il salvavita principale.
                                    FV 4,59 Kwp - 17 QCell G4 270w - Inverter ABB 4.2 - VSN300 Wifi Logger Card - 2 Contatori SDM120C - Tanta buona volontà - Poca pazienza - PVOutput - Aurora Power Plant Viewer - SestoSG

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Esatto la misurazione si dovrebbe addirittura verificare appena a monte del contatore Enel perchè quello è il loro punto di consegna perchè se poi mi fai 30 metri di montante con 2,5 mmq è lampante che a 230v non ci arriverai mai
                                      Con i cavi elettrici meglio abbondare sempre

                                      Commenta

                                      Attendi un attimo...
                                      X